privilegia  ne  irroganto  di  Mauro Novelli

subiti  ictus  sententiarum

 

 

http://www.lastampa.it/common/img/social/twitter.jpg

http://icons.iconarchive.com/icons/custom-icon-design/pretty-social-media/256/disqus-icon.png

cid:image006.jpg@01CE32C3.1938AFC0

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQtMLbUT1oHtcjNiplhtrhN8PObpfJus7gfYzTFJhpiRyXsjgSA

Home

Il PuntO

La PignattA

Il Consiglio

Documentazione

Biblioteca

Democrazia 2.0

 

1551  9-4-2017  Accademia della Crusca H etimologica:     

grafie ànno, à, ò e ài per hanno, ha, ho, hai.

 

Ò deciso: dismetto le acca (ho, ha, hai, hanno) e passo all’accento (ò, à, ài, ànno). Accadde secoli fa per la he, diventata è. In Twitter ci si guadagna.

 

 

 

1550 3-4-2017 Il Sole 24 Ore  INCHIESTA: FIUME DI DENARO / PRIMA PUNTATA Brexit connection, Londra lavatrice mondiale del riciclaggio di R. Galullo e A. Mincuzzi

 

Ohibò! Se ne sono accorti !

 

 

Bandiera UE

 

1549. 25-3-2017 L’Europa ha 60 anni. I padre fondatori avevano un idem sentire circa i principi, i valori e gli alti obbiettivi della storia europea. Anche loro erano consapevoli di “problemi tecnici” nel realizzare il progetto. Erano però altresì consapevoli che quelle tecnicalità non sarebbero state altro che un piccolo impaccio nel procedere della realizzazione di un disegno di importanza mondiale.

Oggi, noi, nipoti dei fondatori, abbiamo quasi perso di vista principi, valori e alti obbiettivi. Siamo miseramente impelagati nelle tecnicalità, alcune considerate insuperabili.

  E L’Europa boccheggia.

Occorrerà una nuova generazione di Europei in grado di riacquisire quell’idem sentire circa le caratteristiche della costruzione, perso da qualche decennio.

 

raggi-1

1548 25-3-2017  Corriere della sera. BEPPE GRILLO E I SUOI. La politica che manca 
tra i Cinque Stelle. I parlamentari grillini si caratterizzano per il modo di esprimersi, non casuale, frutto di una scarsa dimestichezza con la dimensione «discorso». Di Ernesto
Galli della Loggia.

 

Il M5S non ha alcuna intenzione di andare al governo e fare figuracce planetarie (mode: Raggi). Nel caso (probabile) che il M5S risulti il primo partito, Mattarella darà l'incarico a Di Maio, Giggino 'e sangennaro (nel senso di miracolato). Non faranno accordi: presenteranno il loro programma. Non avranno la maggioranza in Parlamento. Torneranno da Mattarella e rinunceranno all'incarico. Si accomoderanno quindi nella comoda poltrona dell'opposizione, senza responsabilità, a guardare gli altri partiti che si azzufferanno per rabberciare una maggioranza ed a giudicare "scandalosa" ogni soluzione. In preparazione alle successive elezioni.

 

Rete

1547 20-3-2017  Iniziano le prese di distanza. Chi ha finora sponsorizzato con troppa superficialità il M5S, sperando in una qualità di fondo dei vari membri della tribù, comincia a presagire la pericolosità di questa loro sponsorizzazione. Molti sponsor hanno iniziato a prendere, quindi, le distanze dalla diarchia dinastica, nella speranza che i cittadini non li accomunino, quali corresponsabili, ai disastri che la tribù sta producendo e, soprattutto, produrrà, soprattutto in economia. Ma per alcuni è già troppo tardi.

E Grillo, prima di altre fughe blasonate, cerca di tirare la rete.

 

MENTANA

http://www.huffingtonpost.it/2017/03/19/enrico-mentana-beppe-grillo-pd_n_15468508.html?utm_hp_ref=italy

 

FLORES D’ARCAIS

http://temi.repubblica.it/micromega-online/il-movimento-5-stelle-non-e-piu-votabile/

 

PELLIZZETTI

http://blog-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/?p=21894

 

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/15/m5s-beppe-grillo-come-rimba-reagan-senza-ghost-writer-il-nulla/3452734/

 

GIANNINI

http://www.uncittadinoqualsiasi.it/2017/03/giannini-il-movimento-5-stelle-non-e-un.html

 

GRILLO

http://www.ilfoglio.it/politica/2017/03/15/news/grillo-sul-suo-blog-svela-una-delle-grandi-truffe-grilline-125413/

 

 

Angela-Conan

1546 18-3-2017  La Repubblica . Usa, incontro Trump-Merkel: lo spettacolo del Cafone in Chief. Di Vittorio Zucconi

Merkel a Trump: "Ci stringiamo la mano?", ma Donald la ignora

 

Siamo alla barbarie e Conan Trump non sa neanche perché! Qualcuno glielo spieghi. Forse 3 o 4 Americani un po’ più educati sono in grado di farlo.

 

Capo 1-horz

 

1545  11-3-2017   Mi chiedo come i 5Stelle possano definirsi movimento (politico) quando sono un agglomerato tribale governato ferreamente da una diarchia con potere trasmesso dinasticamente, con vassalli in grado di decidere chi, oltre loro e i diarchi, nella tribù valga  più di “una testa, un voto”. Sappiamo, infatti, che chi ha in mano il giocattolo web può decidere di votare (e far votare) quante volte “è necessario” perché i risultati corrispondano agli esiti che hanno deciso i diarchi, in termini di decisioni da prendere, di gggente da eleggere, di eretici da bruciare. Tutti gli altri membri della tribù votano una sola volta. Grillo sostiene che le operazioni di voto on line sono certificate da una entità esterna. Vabbè! Furbescamente si contrabbandano le caratteristiche di tribù  confondendole – agli occhi dei gonzi – con quelle, nobili,  di movimento politico.

La capacità della diarchia di produrre, offrire e piazzare qualunquismo e di attrarre menti deboli ha convinto i poteri filoamericani (a cominciare da chi controlla i media) dell’opportunità di puntare – in Italia - sul M5S, passando attraverso l’affossamento di Renzi.

Dopo aver messo al sicuro, oltreconfine, centinaia di miliardi di euro, possono perseguire l’obbiettivo primario da raggiungere: distruggere l’Europa, maggiore forza economica del pianeta e unica in grado di minacciare la posizione degli USA e del dollaro. L’operazione passa attraverso l’affossamento di nazioni importanti ad opera di movimenti populisti ed antieuropei e l’eliminazione dei leaders più europeisti.

Trump ha dato indicazione al suo corpo diplomatico che quando, si deve trattare con la UE, si parli esclusivamente con la Germania.

 

Archiviazioni

 

 

 

 

 

 

1544  7-3-2017  Senza parole! In soli tre anni, Renzi, ha costretto la casta a scacacce continue.  Hanno cercato di reagire – con manovre da poveracci -  alla dissenteria. Ma la loro incapaità si manifesta sempre più chiaramente.

 

 

Mont-horz

1543 6-3-2017 Solo per ricordare a Emiliano che il Potere giudiziario (magistratura) e il Potere esecutivo (governo-ministri) sono indipendenti. Quando se ne esce col fatto che Orlando è in conflitto di interessi perché controlla i magistrati incaricati dell' inchiesta in corso...... Forse non deve presentarsi alle primarie perché in conflitto di interessi in quanto, da ministro della Giustizia, controlla anche il magistrato Emiliano, suo competitor? Questo denota una concezione degradata e degradante dell'amministrare giustizia: non più come potere indipendente dagli altri due (esecutivo e legislativo), ma come misero servizio della pubblica amministrazione..
Povero Montesquieu!

 

 

Pizzino di Romeo

 

1542 4-3-2017 Romeo (già sotto i riflettori della magistratura) ha bisogno di segnare su un pizzino: "30mila al mese a T; 5mila ogni 2 mesi a RC; due incontri tenuti da T, uno con M e uno con L. "
Imparato a memoria – in un paio d’ore e con difficoltà - il complesso contenuto, accartoccia il pizzino e lo butta nel cestino.

 
Furbo il Romeo, sa cancellare bene le tracce del malaffare!

 

 

Risultati immagini per adam smith la ricchezza delle nazioni

 

1541 2-3-2017  Adam Smith “La Ricchezza delle nazioni”:

Il possessore di capitali è propriamente un cittadino del mondo e non è necessariamente legato a nessun paese particolare. Egli sarebbe pronto ad abbandonare il paese in cui è stato esposto a una indagine vessatoria per l’accertamento di un’imposta gravosa e trasferirebbe i suoi fondi in qualche altro paese dove poter svolgere la sua attività o godersi la sua ricchezza a suo agio”.

 

 

Finale

 

 

1540 2-3-2017 I Francesi sono maestri nel promuovere la loro immagine. Nelle foto istituzionali, le drapeau alle spalle di chi parla, ha la banda bianca molto più piccola della blu e della rossa, per permettere a tutti e tre colori di mostrarsi. Da noi, il tricolore è un optional.

 

 

Burosauro

1539 27-2-2017. Openpolis. Dossier sui decreti attuativi.

 

L’arma che permette ai burocrati di tenere in pugno i politici.

 

images (1)

 

1538  25-2-2017   Pd, le primarie saranno il 30 aprile D'Alema: con Orlando si dialoga

 

Eccolo là! Fatto fuori anche Orlando.

 

di-maio-737493

1537   8-2-2017  - Il Fatto Quotidiano.  M5s, Di Maio scrive al presidente dell'Odg: "Ecco i giornalisti che ci diffamano". Pd: "Fa liste di proscrizione"

 

Quando non si hanno argomenti validi, non resta che delegittimare l'avversario. Se poi si è in momenti di difficoltà, occorre anche calcare duramente la mano, per evitare che delle difficoltà si parli e spostare l'attenzione sulla "mano calcata".

Ai poveri di spirito piace così.

 

marchesa-del-grillo1

1536 9-2-2017   Il Fatto. 6-2-2017. Raggi, Grillo cambia strategia: “Ecco i 43 successi della giunta M5S a Roma”

 

Se un politico/amministratore ha bisogno di fare l'elenco delle cose che ha realizzato, vuol dire che sta messo malissimo, soprattutto con l'elettorato. 

Secondo Grillo (6-2-17), la Raggi ha concluso 43 cose. Oggi (9-2-2017), le cose fatte sono passate a 91.

 

1460890318-matteo121

 

1535 5-2-2017. Renzi. Le mosse che gli hanno usurato, in pochi mesi, l'immagine di rottamatore e portatore di cambiamenti:

 

https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=1880271728875038&id=1878842185684659

 

 

 

 

euro-shadow

1534  4-2-2017  ANSA. Merkel sdogana Ue a più velocità. Cancelliera, potrebbe essere scritto in Dichiarazione di Roma

Redazione ANSA ROMA 04 febbraio - La cancelliera tedesca Angela Merkel crede che l'Europa possa avere un futuro a "diverse velocità" e che questo concetto potrebbe essere formalizzato nella Dichiarazione per il 60esimo anniversario dei Trattati di Roma, che verrà adottata nella capitale italiana a marzo. Lo riferisce la Frankfurter Allgemeine. "Abbiamo imparato dalla storia degli ultimi anni che ci potrebbe essere un'Unione Europea con differenti velocità e che non tutti parteciperebbero ogni volta ai tutti i passaggi dell'integrazione", ha detto la cancelliera dopo il Consiglio europeo informale di Malta, aggiungendo: "Penso che questo potrebbe essere inserito nella Dichiarazione di Roma".

 

 

Il PuntO n° 214. 20-7-2011. Eurolandia? Ridotta ad un semplice elenco di nazioni le cui monete sono incatenate da cambi fissi. In assenza della politica, questa è oggi la funzione dell’euro! Una proposta per finanziare il debito pubblico degli stati di Eurolandia: una sorta di “confidi” per gli stati membri.

 

 

A- Raggi A mia insaputa 3-2-2017

 

Sturmtruppen_mondo

1534 29-1-2017  Repubblica.it. L'imbarazzo della Bri: studi economici "pilotati". I nemici di Draghi perdono un alleato. Un report interno all'organizzazione di Basilea svela l'impaccio di economisti e ricercatori: pressione implicita a far emergere dagli studi risultati in linea con le convinzioni di casa. Che spesso sono state l'unica pezza d'appoggio alle critiche tedesche contro Draghi

 

Al solito, i Tedeschi vincono le battaglie e perdono le guerre. Sono i peggiori nemici di loro stessi.

 

Trumpay

 

1533 26-1-2017   May a Trump: “Insieme possiamo guidare il mondo”.

 

E’ ormai provata la posizione ancillare degli Inglesi nei confronti degli altri 50 stati USA.

 

Forse, a crederci saranno solo i Tedeschi.

 

Moody's

 

Siamo alle solite. I potentati finanziari anglosassoni saccheggiano il pianeta e, poi, i governi americani steccano con essi dividendosi il bottino.

 

Poveri Romani!

 

Giachetti

 

 

1530 23-12-2016   Roberto Giachetti sulla modifica costituzionale. Il più chiaro e completo intervento in assoluto

 

Stemma R I

 

1529 29-11-2016   Referendum. 6 approfondimenti. Di Bruno Novelli

 

https://youtu.be/XPgiI46FCDU

 

Juncker 

 

 

 

1528  24-11-2016 La Stampa.  Bruxelles, schiaffo all’Italia: un inglese all’ufficio Migranti

Nuovo scontro con la Commissione. Il viceministro Giro: quel posto era nostro.

 

 

Togliete la bottiglia  a Juncker ! Gioca con le istituzioni dell’Unione.

 

Fratelli De Rege

 

1527  13-11-2016  La Stampa. Trump incontra l’euroscettico Farage. Il leader dell’Ukip è il primo politico straniero a vedere il tycoon dopo la sua elezione

 

 

I fratelli De Rege. Si va formando il nuovo gruppo anglosassone dominante. Obbiettivo distruggere la UE e smantellare l'euro.

I non anglosassoni che parteciperanno (Le Pen, Salvini, Grillo ecc.) avranno il ruolo di foglie di fico e, se sul campo lo meriteranno, di portatori d'acqua.

Trump «Riporterò busto Churchill nello Studio Ovale». Ormai siamo alla circonvenzione di incapace. Obbiettivo: Regno Unito 51° stato degli USA.

 

A- Trump grease

 

 

1526  12-11-2016   Bauman: 'L'imbroglione Trump è un veleno, venduto come antidoto ai mali di oggi'. La riflessione del decano dei sociologi europei sul nuovo Presidente Usa. 

 

 

 

Comincia il risveglio dei votanti di Trump con la seconda media:


- Dal sito di Trump sparisce il bando contro i musulmani.
- Trump starebbe preparando un posto di Segretario del Tesoro per l'ex banchiere di Goldman Sachs, Steve Mnuchin.

- Fans di Trump ancora traditi: forse non sbaraccherà l'ObamaCare.

 

 

img1

1525 28-10-2016 La Repubblica.  Migranti, l'Ungheria contro Renzi: "E' l'Italia a violare le regole".  Il ministro degli Esteri di Budapest, Szijjártó, ribatte alle parole del premier sulla possibilità che l'Italia ponga il veto sul bilancio Ue: "Quei fondi ci spettano". Il titolare della Farnesina Gentiloni: "Eviti di dare lezioni al nostro Paese".   di ANDREA TARQUINI

Migranti, l'Ungheria contro Renzi: "E' l'Italia a violare le regole"Il ministro degli Esteri ungherese, Péter Szijjártó 

 

Le risate! Un po’ di buonumore non fa male! Il ministro ungherese mima il loro stemma araldico: “Mano rampante in campo…. altrui!”

 

Stemma R I

 

1524  17-10-2016 Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016. Per chi vuol decidere consapevolmente, ecco il testo del vecchio e del nuovo articolato:

 

Camera dei Deputati. Testo della Legge costituzionale pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n°88 del 15 aprile 2016

 

 

Olanda

 

1523  15-10-2016  Pompei, due turisti olandesi tentano furto di  pietra affrescata. 14:39  Napoli, 15 ott. (askanews) - Hanno cercato di rubare una pietra affrescata raccolta dal pavimento di una domus all' interno del sito archeologico di Pompei, ma sono stati denunciati. A bloccare i due turisti olandesi di 34 e 46 anni, ritenuti responsabili di tentato furto aggravato in concorso, i carabinieri del posto fisso Scavi. I militari dell' Arma sono intervenuti su segnalazione di una guida turistica e hanno fermato i due dopo che avevano raccolto una pietra affrescata quadrata di 8 centimetri per 8 dal pavimento della "Casa della Venere in bikini" e stavano tentando di portarla via. Il reperto è stato recuperato e restituito alla Soprintendenza.

 

Non sono olandesi. Sono napoletani o calabresi o siciliani travestiti da olandesi, con falsi documenti olandesi contraffatti in Italia.

 

 

raccomandazioni_test_ammissione

 

 

Ma le raccomandazioni non erano appannaggio della corrotta Italia?!

Adesso molti (Italiani e Tedeschi)  capiranno che cosa vuol dire competere con i raccomandati.

 

 

lisola-che-non-cè_full

 

 

1521 8-10-2016  I Britannici sono ormai in preda di un inspiegabile e ingiustificabile cupio dissolvi, attratti dal fascino (mortale) dell'isolamento. Che triste declino: da unica potenza planetaria a isoletta che si sente più sicura se fa l'elenco dei cittadini stranieri o se manda via cervelli che tirano su la media antropologica isolana.

Il Fatto: Brexit, il governo May non vuole più docenti stranieri come consulenti: “Solo cittadini inglesi”. Clegg: “Sconcertante”.

 

Bank of Italy

1520 7-10-2016   MPORTANTE:

 

IlFattoQuotidiano.it. Risparmio tradito, le responsabilità di Bankitalia nell’inganno di Patti Chiari su Lehman Brothers


Dalla consulenza tecnica presentata per una causa di risarcimento danni avviata da un risparmiatore emerge come la Banca centrale abbia collaborato dietro compenso a un’iniziativa privata fornendo dati che hanno contribuito a trarre in inganno chi ha investito sui titoli della banca Usa con perdite rilevantissime

di Paolo Fior | 7 ottobre 2016

La violazione della licenza d’uso del software è uno degli illeciti più comuni in Italia, ma non per questo è meno grave. Sorprende quindi che a commetterlo sia stata un’istituzione quale la Banca d’Italia nello svolgimento di un’attività lucrativa a favore di un privato: il consorzio Patti Chiari. E’ quanto emerge dalla Consulenza tecnica d’ufficio disposta dal Tribunale d’Imperia nell’ambito di un procedimento civile per una richiesta di risarcimento danni promossa da un privato nei confronti del consorzio Patti Chiari e di IntesaSanpaolo. L’investitore lamenta di aver acquistato obbligazioni Lehman Brothers proprio perché figuravano nell’elenco dei titoli a basso rischio/rendimento redatto dal consorzio bancario, il quale – nonostante la promessa al pubblico di monitorare costantemente la rischiosità dei titoli – non ha invece provveduto ad aggiornare la lista cagionando ingenti perdite agli investitori che in buona fede si erano fidati dell’iniziativa. In particolare, le obbligazioni Lehman Brothers hanno continuato a figurare nell’elenco di Patti Chiari con un rating A+ anche dopo il fallimento della banca statunitense, mandando definitivamente in frantumi assieme ai risparmi di migliaia di italiani, anche la credibilità del consorzio.

 

Ma che c’entra la Banca d’Italia in tutto questo e come è arrivata a infrangere la licenza d’uso del software RiskMetrics utilizzato per desumere la rischiosità delle obbligazioni? Per capirlo occorre leggere con attenzione la consulenza tecnica d’ufficio depositata dal consulente incaricato, Omar Monzeglio, e il suo commento finale alle osservazioni dei consulenti di parte. Fin dalle prime righe si capisce che il consorzio Patti Chiari non aveva in realtà controllo alcuno sull’iniziativa con cui dava la “patente” di affidabilità a determinate obbligazioni. Fin da subito il consorzio aveva deciso di affidare in outsourcing calcoli e aggiornamenti creando un gruppo di lavoro ad hoc con l’Ufficio Italiano Cambi e la società Sia-Ssb spa. L’Ufficio Italiano Cambi (in seguito assorbito da Banca d’Italia che subentrerà nel gruppo di lavoro promosso dall’Abi) era licenziatario del software “RiskMetrics” la cui licenza d’uso annuale (75mila euro) – osserva Monzeglio – era pagata dal consorzio Patti Chiari in qualità di “third party payor”, cioè di soggetto terzo pagatore. “Tra le clausole espresse nel contratto di licenza RiskMetrics – si legge nella consulenza tecnica d’ufficio – vi era quella relativa al diniego perentorio e categorico al licenziatario (cioè l’Ufficio Italiano Cambi) alla trasmissione del software, di sue parti, di eventuali sue modifiche […] e/o di qualsiasi risultato e/o prodotto ottenuto, anche parziale, in favore di qualunque soggetto terzo estraneo al Licensee stesso”.

 

In sostanza, l’Ufficio Italiano Cambi non poteva trasmettere al consorzio o alla società Sia-Ssb spa i dati relativi ai VaR delle obbligazioni, cioè gli indicatori che misurano la perdita potenziale degli investimenti in un determinato orizzonte temporale e che servono quindi come misura del rischio. Facendolo, l’Ufficio Italiano Cambi ha violato la licenza d’uso del software. Un illecito che peraltro sarebbe stato commesso scientemente dato che, come rileva il consulente tecnico d’ufficio nella sua memoria conclusiva, “il rapporto tra l’Ufficio Italiano Cambi e il gruppo di lavoro Abi e Sia inficia il contratto di licenza tra l’Uic e Rmg (la società multinazionale proprietaria del software RiskMetrics, ndr) in quanto il primo è antecedente alla sottoscrizione del secondo, quindi nella piena consapevolezza (almeno del consorzio e dell’Uic) che quanto l’Uic e Patti Chiari veniva firmato con Rmg non poteva essere deontologicamente corretto, visto che era già stata precedentemente approvata la trasmissione dei dati a Sia in violazione del License Agreement con Rmg!”. Come se non bastasse, “in ulteriore aggravio, Patti Chiari procedeva al pagamento del rinnovo annuale della licenza anche ex post la dissoluzione nel 2007 del Licensee (l’Ufficio italiano cambi, ndr), in favore di un soggetto terzo (la Banca d’Italia, ndr) arbitrariamente subentrato nella disponibilità del software RiskMetrics, senza darne alcuna notizia a Rmg che, inconsapevolmente, si vedeva rinnovata con regolarità una licenza in favore di un soggetto divenuto inesistente”.

 

Insomma, dalle prove documentali risulta evidente la violazione della licenza d’uso del software. Ma per quale ragione e a che titolo delle istituzioni pubbliche si sono messe al servizio di un privato compiendo tali gravi violazioni? Se lo chiede anche Monzeglio che nella consulenza tecnica d’ufficio scrive: “Tali attività […] rappresenterebbero il compimento di atti estranei all’oggetto sociale, al ruolo istituzionale e allo Statuto dell’Ente. […] Nel caso specifico che ci occupa, lo scrivente non ravvede nessun nesso tra l’attività prestata dall’Uic a carattere privatistico in favore di un consorzio per la derivazione di VaR teorici ottenuti applicando un tool di un software noleggiato in licenza a proprio nome per la gestione di titoli inseriti in un elenco organizzato e pubblicizzato da privati, con gli incarichi istituzionali dell’Uic”, che aveva il compito di “vigilare sulle operazioni di acquisto/vendita di valuta estera, oltre a funzioni di contrasto al riciclaggio, all’usura e a più generiche funzioni di raccolta di informazioni per l’elaborazione delle statistiche sulla bilancia dei pagamenti e alla posizione patrimoniale verso l’estero”. Di più, “allo scrivente Ctu sfugge l’eventuale nesso eziologico tra l’attività di derivazione di VaR teorici per matrici VaR di alcune obbligazioni internazionali con lo svolgimento dei succitati incarichi ministeriali ricevuti per decreto e, pertanto, l’accordo quadro con un gruppo di lavoro Abi e la società Sia-Ssb spa processor e il contratto di licenza RiskMetrics sarebbero inficiati anche sotto quest’ultima considerazione oggettiva”.

 

Ufficio italiano cambi e Banca d’Italia hanno poi messo a disposizione del consorzio privato risorse umane, economiche e strumentali che – come dimostrano le fatture – non si limitavano alla mera derivazione dei Var: nel 2007 l’Uic ha fatturato a Patti Chiari poco più di 147mila euro di cui 93.189 euro a titolo di costo delle risorse impiegate per quest’attività e 54mila per i canoni delle postazioni e i servizi Bloomberg, cui se ne aggiungono altri 37mila fatturati dalla Banca d’Italia per gli ultimi mesi del 2007. Nel 2008 – l’anno del crac Lehman Brothers – la fattura di Bankitalia a Patti Chiari ammonta a quasi 200mila euro, di cui circa 120mila a fronte di risorse impiegate e la parte restante suddivisa tra non meglio precisati “canoni postazioni” e “consumi di servizi in data licence”. Abbiamo provato a contattare la Banca d’Italia per chiedere ragguagli sia sulla violazione della licenza d’uso del software sia sul tipo di attività prestata a servizio dei privati, ma l’istituto di Via Nazionale ha scelto di non rispondere alle nostre domande. Anche il consorzio Patti Chiari, la cui unica attività rimasta è sostanzialmente quella di difendersi e di resistere alle richieste dei danni avanzate dai risparmiatori ingannati, ha scelto di non rispondere, ma le sue gravi responsabilità emergono con chiarezza sia dalla consulenza tecnica d’ufficio, sia dai precedenti giuridici: a gennaio 2015 il Tribunale di Cuneo (sentenza n.44/2015) ha condannato il consorzio e la banca intermediaria al risarcimento del danno in un caso analogo a quello in discussione a Imperia.

 

Oltre alle gravi violazioni di cui si è parlato, infatti, dalla consulenza tecnica d’ufficio svolta da Monzeglio emerge anche tutta l’improvvisazione e l’inconsistenza di un’iniziativa – la pubblicizzazione e l’aggiornamento di un elenco di obbligazioni a “basso rischio” – del tutto velleitaria: “E’ emerso inconfutabilmente – scrive Monzeglio – che il consorzio Patti Chiari non aveva operato alcun calcolo, né aveva possibilità di controllo e/o di monitoraggio sulla lista, men che meno sul singolo titolo […]. Inoltre, le società outsourced (Uic e Bankitalia, ndr) non erano statutariamente previste per le attività loro assegnate in outsourcing dall’outsourcer (il consorzio Patti Chiari, ndr). Ulteriormente, la società (Uic e Bankitalia, ndr) suppostamente incaricata per il calcolo del VaR giornaliero e settimanale non operava alcun calcolo, ma derivava semplicemente dai tools del software RiskMetrics un VaR completamente inefficace […], addirittura neppure per singolo titolo dell’elenco, ma per titoli teorici in “specchio” del reale”. E su questo vale la pena soffermarsi un attimo: è come se “per determinare il valore di un furgone, avendo solo i riferimenti delle auto e dei carri armati, prendo in considerazioni questi ultimi per via del peso più prossimo a quello effettivo dei furgoni, rispetto alle più leggere automobili”, scrive il tecnico.

 

Se così stanno le cose, la posizione di Banca d’Italia diventa ancora più grave perché anziché occuparsi della tutela del pubblico risparmio – che dovrebbe essere il faro della sua azione anche perché è un obbligo costituzionale – ha collaborato dietro compenso a un’iniziativa privata (quella delle banche consorziate in Patti Chiari) fornendo dati inutili e soprattutto fuorvianti.

 

Senza parole!

 

 

Salini

 

 

1519 5-10-2016 Il #M5S denuncia Renzi per aggiotaggio. Le azioni Impregilo sono cresciute il giorno dopo le dichiarazioni?! "Il giorno dopo"!? Ma chi vi suggerisce queste cazzate?! Denunciateli per circonvenzione di incapaci, cacciateli a calci!

Il giorno dopo avrei potuto comprarle anch'io. Dovete guardare le operazioni dei giorni precedenti: quelle, eventualmente, sono sospette!

 Le quotazioni, nell’ultimo mese, sono comunque in calo, avendo raggiunto il picco massimo del periodo il 7 settembre: 2,78 euro.


A fianco l'andamento di quei giorni.


                                                                    

Moneta fiscale

 

1518  2-10-2016   Da MicroMEGA  La Moneta Fiscale per uscire dalla crisi. Appello a Renzi  di Enrico Grazzini
L'emissione gratuita di Moneta Fiscale è l'unica soluzione per riprendere il controllo della politica monetaria e fiscale, dentro le regole dell'euro ma oltre l'euro, e far ripartire rapidamente l'economia italiana, i redditi e l'occupazione con manovre fortemente espansive, senza produrre nuovo debito.

 

 Riflettiamoci un po’. Potrebbe funzionare.

 

Toro

 

1517    1-10-2016   FUORI LA SPAGNA DALLA  UE!  (Sono quasi serio)

Gli riempiono gli occhi di vaselina per renderli quasi ciechi, gli molano la punta delle corna fino a raggiungere i tessuti sensibili per rendere doloroso ogni contatto, li dissanguano con le banderillas che provocano dolore ad ogni movimento. Alla fine l'eroe lo finisce spezzandogli il midollo spinale con la spada infilata tra le vertebre. Ma qualche volta il coglione ci rimette, facendo godere i coglioni spettatori, i quali gaudenti mostrano una falsa costernazione.

Faccio una proposta: voi mettete il torero, noi mettiamo il toro !

 

 

DB

 

1516  30-9-2016.    Il Fatto. Dieci fondi di investimento hanno ridotto la propria esposizione nei confronti della Deutsche Bank dopo le indiscrezioni sulla necessità di aiuti pubblici per far fronte alla multa da 14 miliardi di dollari chiesta dal dipartimento di Giustizia Usa.

 

 

Merkel, Scheuble, non ci provate! Possono ricorrere al bail-in!

 

310x0_1473263569125.combo_raggi_grillo

 

1515 24-9-2016   M5S. Raggi e le Olimpiadi di Roma2024. Da Radio24 “I conti della Belva”, con il commento di Udo Gumpel.  Da piangere.

 

 

Tartare

Allez

1514  4-9-2016     Mi vergogno a mettermi al vostro livello, ma non  addestriamo noi i vostri servizi segreti  da operetta !

 

 

Terr

Allez

1513  3-9-2016     Informate le parti di Charlie Hebdo lasciate intatte dall’Isis, dell’esistenza secolare dei paesi della zona di Amatrice, dei frequenti terremoti  e della loro ricostruzione nel 1600 e nel 1700. Non so se quattro o cinque secoli  fa il clan dei Marsigliesi  fosse già operativo, certamente non c’era la mafia. E spegate loro che cosa sono gli Appennini.

 

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Gaballo-terremoto-Amatrice-a09e251b-f874-49ab-83b5-a9ffad8f9297.html

 

CH Mafia

 

Allez

1512  3-9-2016  Non è colpa nostra se l’Isis ha distrutto il cervello di Charlie Hebdo lasciando intatti  i coglioni !

 

#JenesuisplusCharlieHebdo!

 

LASAGNA

 

Allez

1511  2-9-2016  Charlie Hebdo ha suggerito il nome di "lasagna all'amatriciana" per gli strati alternati di corpi e di calcinacci a causa del terremoto. Per mettermi al loro miserabile livello mi verrebbe di commentare: il terrorismo non vincerà mai, perché lascia sempre il lavoro a metà!

Cin cin al “successo” della vostra vignetta. 

 

 

 

 

 

1510 30-8-2016.   Fondi pro terremotati. Proposta a Zingaretti: la Regione Lazio è la meno virtuosa per quanto riguarda le prescrizioni e l'utilizzo dei farmaci generici alternativi (Bolzano è la prov. più accorta in materia) Perché la giunta non promuove l'indicazione di farmaci generici presso i medici di base? Tutti teniamo famiglia, ma ogni tanto potremmo anche far risparmiare le casse dell'Erario (maiuscolo) per destinare fondi alla ricostruzione delle zone disastrate.

 

Aldo Barbona Occasione unica per tentare finalmente d'invertire il trend che, secondo i dati OSMED, pongono il Lazio fra le regioni a più alto indice prescrittivo di farmaci costosi. Sarebbe un aiuto per l'Erario ma anche per le casse vuote della nostra regione

 

 

 

PER AIUTARE I CITTADINI COLPITI DAL TERREMOTO DEL 24 AGOSTO 2016

 


 

Comune di Amatrice: Banca di Credito Cooperativo di Roma, IBAN:  IT 13 W 08327 73470 000000005050 BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX

 

Scusate la diffidenza, ma sono sabino. Solo una informazione: questo conto è stato aperto ad hoc dal Comune di Amatrice o è uno dei conti del comune già in essere? In tal caso possiamo avere il saldo di questo conto prima dei versamenti pro terremotati? Se il Comune di Amatrice ha altri conti bancari in rosso, ha contrattato con la banca l'eliminazione della possibilità (per la banca) di compensazione tra conti passivi e conti attivi?

 

 


 

Protezione civile: Telefonare o inviare un sms al 45500 permette di donare 2 euro.

 


 

Croce Rossa Italiana:       IT40F0623003204000030631681 utilizzando la causale “Terremoto Centro Italia”. 

 


Raccolta fondi del Partito Democratico.  Sarà possibile attivare donazioni tramite il seguente Iban IT 96 H 01030 0320000000 6365314 Bic: PASCITMMROM Causale PARTITO DEMOCRATICO RACCOLTA FONDI PER TERREMOTO – VIA S.ANDREA DELLE FRATTE 16. 00187 ROMA, oppure recandosi presso gli stand o i banchetti in allestimento presso le Feste dell’Unità su tutto il territorio nazionale dove sottoscrivere il versamento al suddetto Iban. 


 

Paolo Campana, grafico e food blogger legato a quei posti ha lanciato un appello: “Bisogna muoversi veloci. Ci provo. Nei prossimi giorni ci doveva essere una festa e invece… lancio una proposta a tutti gli amici ristoratori.Nei prossimi giorni devolviamo tutti un euro per ogni piatto di amatriciana ordinato e consumato?!”. {Proposta} Bisogna muoversi veloci. Ci provo.


I Comuni italiani, coordinati dall’Anci, portano aiuto e soccorso alle popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia. Sono già decine, rende noto l’Anci, le città pronte a partire con le loro strutture alla volta dei territori colpiti, per portare acqua, cibo, letti, coperte, cucine da campo e know-how per la fase di primo soccorso e per la successiva fase di ricostruzione. Tra queste, le prime municipalità che si sono attivate sono Torino, i Comuni della provincia di Mantova (che hanno gia’ unito le forze), Catania, Napoli, Firenze, Bologna, L’Aquila, oltre ai Comuni capoluogo di Lazio, Umbria e Marche. Tutti i Comuni che volessero unirsi alle iniziative gia’ in corso, possono fare riferimento alla linea dedicata attivata dall’Anci, scrivendo a protezionecivile@anci.it, oppure contattando i numeri 06.68009329 o 3463138116. Nei territori, e per iniziativa dei sindaci e degli amministratori, e’ partita anche la corsa alla raccolta di fondi per la ricostruzione e per questo motivo l’Anci ha aperto un conto corrente denominato Anci – Emergenza Terremoto Centro Italia per coordinare la raccolta delle risorse da destinare alle attivita’ di ricostruzione. Queste le coordinate IBAN: IT27A 06230 03202 000056748129


 

Slow Food: donare 2 euro per ogni piatto di amatriciana consumato.

 


 

 

 

 

TP

 

1509 3-7-2016 Pence rinuncia a fare il secondo di Trump. Due-tre settimane di incontri e pianificazioni, gli sono bastate per capire l'attrezzo. Trump dirà che Pence (plurale di penny) era comunque inadeguato rispetto ai suoi miliardi.

 

Stress

 

1508  29-7-2016  Repubblica. Stress test della Fed, in difficoltà Santander e Deutsche Bank

 

In attesa degli stress test BCE sulle banche (ore 22 di questa sera) , ricordiamo che circa un mese fa, quelli effettuati dalla FED hanno individuato in Deutsche Bank l'istituto che apporta, nel mondo, i maggiori rischi sistemici. Anche Santander non scherza. Gli stress test di BCE di un anno fa la assolsero, mentre colpivano le banche italiane per i NPL.

 

 

turchia-537148.660x368

1507 21-7-2016    La Turchia è (era) orientata ad integrarsi con la UE: è uno dei pochi casi nella storia di una marca che chiede di essere assorbita dall'impero, invece di agitarsi per svincolarsi. Per decenni la UE ha obbligato la Turchia a fare anticamera. Motivo (quasi) falso: mancato rispetto dei diritti umani. Motivo vero: come 2° paese per popolazione (75 mln.) avrebbe avuto il diritto ad occupare una marea di posti di responsabilità a Bruxelles, superata solo dalla Germania (81 mln.).

Ora la Turchia ha deciso di cambiare la sua sfera di influenza, occupandosi del M.O. Dimostra che cosa vuol dire mancato rispetto dei diritti umani, con grande scandalo della UE. Domanda: ma i Turchi non erano irrispettosi dei diritti umani già da 50 anni?
Ora massacrerà i Kurdi (svenduti dagli Anglosassoni per la terza volta dal 1921: altro che genocidio degli Armeni). Scommettiamo che, col 2° esercito della Nato, tranquillizzerà tutta la zona? Fatta la pace con Israele, con eccellenti rapporti con Teheran, ospite di 5 oleo-gasdotti verso l'Europa, affiancato da Putin forse riuscirà a far saltare i falsi equilibri costruiti con la politica delle cannoniere, dalla Libia all'Arabia della famigliola Saud, grande amica degli USA.

" Mo metteteje er sale su la coda!" come si dice a Roma.

 

ERDOGAN-614x274

1506  18-7-2016  Golpetto turco. Visti l'allontanamento di fatto dalla UE, l'inconsistente e ondivaga politica di area degli USA, la fine del suo ruolo come baluardo sud contro le orde rosse, la Turchia intende diventare paese dominante nel M.O. Ha fatto la pace con Israele, scrive lettere di scusa a Putin, comincia a scazzarsi con gli americani, Erdogan sta trapassando da presidente forte a sultano onnipotente.

Ed è in grado di dirigere il traffico della via balcanica dei profughi.

 

Trilion & Pence

1505.   17-7-2016.

 Nomen omen.

Per essere più vicino alla classe media, lo stramiliardario Donald Trump ha scelto Pence come vice.

 

images

1504  13-7-2016  Problemi delle banche UE.

Evoluzione tedesca: partivano da  posizioni di coccio.

Ora:

Merkel, possibilista

Scheuble, accomodante con l'Italia.

Detsche Bank avanza una proposta di Fondo europeo salvabanche. 

I risultati degli stress test di BCE (le pagelle a fine mese) forniranno sorpresine sul sistema bancario tedesco?

 

Vincitori

 

1503  6-7-2016  BUD & #BREXIT.   Askanews Web18:05 Brexit, crisi fondi immobiliari affossa sterlina, Londra -1,25%

Roma, 6 lug. (askanews) - La sterlina resta indebolita, a 1,2908 dollari in serata dopo lo scivolone che nel corso della notte l' ha vita crollare a nuovi minimi da oltre 31 anni a questa parte. [...] Ad innescare quest' ultimo scivolone successivo al voto Brexit sembrano esser stati i segnali allarmanti che giungono da un settore molto delicato della finanza britannica: i fondi immobiliari. Sono già quattro i maggiori player del settore, Aviva, Standard Life, M&G Investment e Henderson Global Investors HANNO BLOCCATO LA POSSIBILITA' DI RITIRARE LE PROPRIE QUOTE AGLI INVESTITORI RETAIL, mentre si teme che sul comparto si scateni una corsa agli sportelli i cui esiti sarebbero imprevedibili.

 

 Intanto mandano avanti le donne. Poi, a mente fresca…..Curiosi i politici Britannici. Si dimettono sempre, non solo se perdono (Cameron) ma anche in caso di vittoria (Farage, Johnson). Ennesima lezione di correttezza politica!

 

disegno-di-bandiera-inghilterra-nazioni-stati-colorato

 

1502  3-7-2016  BUD & BREXIT

 

Austria_Bundesadler.svg

1501. 1-7-2016   Annullate le elezioni austriache per irregolarità sulle 700mila schede inviate per posta .

Tutti pulitini tranne i PIGS, eh?

Però non sono brogli: la sentenza della Consulta austriaca non ha detto che ci siano stati brogli o manipolazioni del voto, ma ha semplicemente evidenziato errori nel procedimento elettorale.

Capito?!

 

Vulpecula cunicula

 

1500  30-6-2016    #Brexit. Prima mutazione di un volpino di sua maestà: è stata individuata una "vulpecula cunicula". Boris Johnson, l'Eurotrump, (primo caso di “volpino coniglio") ha fatto sapere che non  vuole più presentarsi come guida dei conservatori. Vadano avanti altri ché a lui je vie' da ride!

#Brexit. 1-7-2016  Tra i conservatori, tranne le donne, sono tutti diventati vulpeculae cuniculae. Intanto mandano avanti Teresa May. Poi, a mente fresca….

 

pazzo chimico

 

1499  30-6-2016   Merkel: non possiamo cambiare le regole ogni due anni.

Scienziati tedeschi al lavoro per inventare un meccanismo che impedisca alla realtà di subire cambiamenti.

 

 

Idiota

1498   29-6-2016  #Brexit. Facciamo il punto. I promotori del referendum non avevano un piano A (in caso di vittoria) e un piano B (in caso di sconfitta). Semplicemente brexit sarebbe stata respinta. Quindi, in campagna referendaria, i volpini pro out hanno usato tre argomenti (promesse) falsi ( ma che non avrebbero dovuto rispettare perché avrebbe vinto remain) e facilmente veicolabili tra i cittadini ignoranti. I brexit li avrebbero utilizzati, una volta consolidata la permanenza nella UE contro Cameron e i futuri governi: 1) I Turchi entreranno in Europa dopodomani. 2) I migranti sarebbero stati fermati sul “bagnasciuga” di Calais (il duce mi perdonerà la sottolineatura del suo errore). 3) Invece di finanziare Bruxelles ci sarà oltre un miliardo di sterline al mese (350 milioni a settimana) per la sanità britannica.
Perché false? 1) Perché i Turchi forse non entreranno mai nell’Unione e, comunque impiegheranno decenni per essere accettati. 2) Perché la GB non ha sottoscritto gli accordi di Schengen, quindi non avrebbe vantaggi dall’uscita. Anzi perderebbe i vantaggi concessi dalla Francia (già cancellati da Hollande) di mantenere la frontiera britannica a Calais e non a Dover per operare controlli e blocchi prima che i migranti lascino il suolo francese. 3) Uscire dalla UE ma negoziare per restare nel mercato unico (come la Norvegia) è costoso, esattamente quanto è costoso per uno stato membro; oltretutto per entrare nel mercato unico occorre promettere di rispettare alcune regole fondamentali, come quella del permettere la libera circolazione …. ecc. ecc. Tutto ciò senza poter più intervenire nelle istanze decisionali. 

Adesso i frastornati volpini di sua maestà cercano di prendere tempo per cercar di capire che cosa è loro capitato. E cercano raccomandazioni ed escamotages per restare con i PIGS senza i vantaggi della minaccia di lasciare la UE, visto che quell’unica cartuccia in canna è ormai a salve.

Nel frattempo, le società di rating stanno abbassando i loro voti e, in periodi di incertezza, i potentati finanziari cercano lidi meno ballerini. Ricordo che la piazza finanziaria di Londra mette assieme il 15 % del PIL volpino.

 

cambiare-lavoro

1497  29-6-2016   #Brexit Hanno sempre sostenuto che economia e finanza (investimenti, progetti imprenditoriali, decisioni finanziarie) devono poter contare su situazioni di contorno certe, definite e stabili. Ma la regola è imperante solo se gli altri creano incertezze e instabilità. Se lo fanno loro, invece, va bene!

 

http://thumb9.shutterstock.com/thumb_large/525955/525955,1268574982,12/stock-vector-cartoon-vector-illustration-fox-mascot-face-48652705.jpg

1496   29-6-2016  #Brexit I corretti volpini di sua maestà: allungare i tempi e accordi segreti. Insomma, rispetto della volontà popolare e trasparenza sono sempre state caratteristiche apprezzate dai loro estimatori gonzi del pianeta.

Il volpino laburista Corbyn, sfiduciato dal suo partito,  solidale con gli altri volpini, non si dimette.

 

https://external-mxp1-1.xx.fbcdn.net/safe_image.php?d=AQALCYohW3LNdtDO&w=476&h=249&url=http%3A%2F%2Fwww.repstatic.it%2Fvideo%2Fphoto%2F2016%2F06%2F28%2F330026%2F330026-thumb-social-play-smithok_def_1.jpg&cfs=1&upscale=1&sx=0&sy=8&sw=640&sh=335

1495  28-6-2016  #Brexit, europarlamentare Smith: 'Ue non lasci la Scozia sola'

Standing ovation al Parlamento Ue per l'accorato appello di Alyn Smith, eurodeputato dello Scottish National Party, che ha chiesto a Bruxelles di...

VIDEO.REPUBBLICA.IT

Scoti

Faremo di tutto per avervi con noi!

 

Osborne Vulpecula vulpecularum.

1494  27-6-2016  #Brexit.  Il cancelliere Osborne: con la UE partiamo da posizioni di forza. E rassicura i mercati: "Usciremo quando saremo pronti" 

Vulpecula vulpecularum!

 

 

1492  26-6-2016   Il parlamento stuardiano di Edimburgo forse salverà i volpini di sua maestà Windsor.

Volpini, lasciate fare agli Scozzesi: conviene anche a voi! Vi tireranno fuori dalla cacca.

 

Cavatappi

1492  26-6-2016   #Brexit. Ora sembra che il referendum non sia vincolante! Farange ha affermato oggi che i migranti non diminuiranno con Brexit. In questa vicenda, i volpini di sua maestà stanno rivelando l’ intima essenza di una nazione. In poche ore hanno fatto crollare l'immagine (anzi, la facciata) di popolo serio, classe politica corretta, paese non corrotto. Cara Elisabetta, immagino i sussiegosi e ironici commenti suoi e della corte se cose del genere fossero accadute in uno dei paesi PIGS!

 Statevene fuori: concorrereste a far aumentare la media dei valori antropologici della UE!

 

Major

1491  26-6-2016.  #Brexit. L’inizio dei problemi attuali dell’Unione.

Dopo la caduta del muro di Berlino, la CEE affrontò il problema dell’eventuale ampliamento ai paesi dell’Europa dell’est. Agli inizi degli anni ’90, si confrontarono due posizioni: quella di chi voleva creare una doppia Unione, con il nucleo consolidato da una parte e i nuovi aspiranti membri dall’altra; quella opposta, che voleva tutti dentro senza distinzioni di sorta.

Inutile dire che questa seconda posizione era portata avanti dalla Gran Bretagna (primo ministro J. Major) coerente con le manovre di annacquamento di qualsiasi iniziativa/decisione che avesse portato ad un irrobustimento della costruzione europea.  

Inutile dire che vinse la posizione britannica. “Tutti dentro”. Il volpino italico (R. Prodi) si fece artefice dell’ampliamento stile britannico. Se ne vanta ancora.

Anche se non sono molto convinto del q.i. dei popoli del Nord Europa, non ci vuole molto per capire come oggi la UE deve procedere.

 

 

IMG_20160625_200856

1490   25-6-16

1)  SkyTG24 intervista un inglese volpino (little fox, come Cameron) il quale dichiara: "Ho votato per l'uscita, ma perché pensavo che vincesse remain. Ora sono pentito".

2) Il primo ministro scozzese parla alla sua gente tra due bandiere: quella della UE e quella scozzese. Notate l’assenza di qualche bandiera?

 

Pizza.

1489 25-6-2016    Brexit. Secondo me è andata così.

Per poter continuare a forzare la mano a Bruxelles, Cameron indice il referendum nella speranza che “remain” vinca con pochissimi punti di vantaggio. Forte dell’alto numero di sudditi “brexit”, avrebbe quindi potuto portare avanti le pretese di Londra e spuntare nuovi vantaggi. Ma il problema esplosivo dei migranti ha minato le posizioni degli europeisti fino a renderli, alla conta, minoranza.

Ora deve raccomandarsi con la Merkel perché sia trovata una via per rientrare nella UE. Comunque vadano le cose, la posizione della Gran Bretagna risulterà per sempre fortemente indebolita. Nel frattempo, il  Regno Unito rischia la dissoluzione.

Non so se la regina Elisabetta abbia favorito, imposto o accettato la manovra del ‘primo ministro volpino, sembra però che voglia abdicare a favore di Carlo.

 

 

661

1488  24-6-2016   Brexit. Per poter operare nella UE28, i potentati finanziari del pianeta devono avere una sede in uno dei 28 paesi dell’Unione. Negli anni, hannoquindi deciso - quasi sempre - di “sistemarsi” a Londra, nella City.

 Con la UE27, devono rivedere le loro strategie perché occorre cambiare residenza per tornare operativi nell’Unione, altrimenti vedrebbero impedita la loro attività. Dublino? Lussemburgo? Francoforte? Casaprota?

Risiedere a Londra è ormai inutile e, finanziariamente, dannoso. Non a caso, gli operatori della City hanno votato in massa per restare in Europa.

Scozia e Irlanda del Nord sono imbufaliti con Farange che, nei nuovi rapporti con la UE, per risparmiare, offriva ai gonzi la soluzione norvegese o quella svizzera. O è molto ignorante o spera che i lo siano i suoi fans. Infatti, la Norvegia ha accordi “costosi” (sia economicamente che politicamente) per poter approfittare del mercato unico: paga alla UE esattamente quanto versa un paese membro dell’Unione senza avere alcuna voce in capitolo, non esprimendo deputati, commissari né burocrati. La Svizzera ha invece oltre cento accordi sia bilaterali che direttamente con Bruxelles, ma ha impiegato decenni per arrivare a quel risultato.
Il populismo attecchisce non dove cicciano capipopolo furbi, ma dove i cittadini ignoranti sono la maggioranza.

 

 

speculazione-300x205

1487 24-6-2016   Brexit. Mercati nel casino? Andarono per speculare e furono speculati. Tranquilli: gli speculatori hanno acquistato a mani basse negli ultimi 10 giorni (dall’omicidio della Cox) per “fregare”, anticipandolo, il parco buoi che sarebbe intervenuto dopo i dati ufficiali sul referendum. Ora restano col cerino in mano. Fra altri 10 giorni tutto si sarà ricostituito su nuovi equilibri. Ai potentati finanziari sta dicendo proprio male! Sembra oltretutto, che Standard & Poor’s toglierà la tripla A al Regno Unito.

Inoltre, la BCE ha risorse praticamente infinite: può stampare euro senza chiedere autorizzazioni a nessuno (come fa da sempre la FED stampando dollari), non ha bisogno di alcun permesso per utilizzarle, non è soggetta a direttive da parte di alcuna istanza europea.

 

UE27

23-6-2016

Indipendence day

1486    24-6-2016.  Brexit.  I Britannici si sono sacrificati per liberare l’Europa. Pur affrontando il rischio di diventare il 51° paese degli USA, il 2° d’oltremare dopo le Hawaii, i Britannici hanno lottato e vinto per la libertà del continente,

Prossime tappe: 1) La Scozia chieda e vinca un nuovo referendum per staccarsi dal Regno Unito. 2) La Scozia chieda alla UE27 di poter entrare nella UE come 28° paese. 3) Polonia e Ungheria escano dalla UE.

 

 

Barile

1485    23-6-2016.  Brexit. La Gran Bretagna non è in Schengen, non è nell'euro, ha oltre 50 accordi speciali con la UE. 20 febbraio 2016 : Cameron soddisfatto “Ora Londra avrà uno status speciale”.
Sono bravi nel contrabbandare per "sano pragmatismo" il loro essere miserevoli "raschiabarile" (degli altri).
Britannici, liberateci! Non vi succederà proprio nulla!

 

 

Roma imperiale

1484   23-6-2016     La maestosità di Roma imperiale.  

 

 

 Bravissimi1

 

ue-gran-bretagna-brexit--258x258

1483. Il Fatto. 19-6-2016  Brexit, gli economisti tifano ‘Remain’. Tutti gli effetti del ‘Leave’, dal crollo della sterlina alla perdita di posti di lavoro.

Cari Anglosassoni, invece di decidere tutto in funzione della vs. personale convenienza, cercate di inserire elementi, non dico di spiritualità, ma almeno di idealità!

Far leva su paura e convenienza è tipico delle specie al di sotto dei primati!  ! Fatelo presente ai vs. gestori di coscienze.

 

 

brexit_brexit2-800x475

 

1482 16-6-2016   Rimasi molto perplesso quando la Gran Bretagna, nel 1973, fu accolta nella UE. Dopo 16 anni dalla fondazione del MEC, avendo gli Anglosassoni  verificato che il progetto non sarebbe fallito, si accodarono e furono accolti.
Rimarrei molto dispiaciuto se, dopo aver provato a sfasciare la UE con il dollaro e la crisi imperante dal 2007, oggi la Gran Bretagna dovesse decidere di restare nell'Unione. 
Coraggio: brexit!

Inizio modulo

 

 

 

BCED

1481  24-4-2016   huffingtonpost.it/ I cinque indizi che dicono come Berlino può strangolare l'Italia

 

E nel 2019 Draghi verrà sostituito da un tedesco. Prepariamoci!

 

Euro

1480 20-3-2016  Draghi, se la Bce dà soldi alle banche perché non finanzia un piano per l’occupazione?di Paolo Ferrero | 19 marzo 2016

Ai singoli paesi europei, delle tre leve di politica economica (cambio, fisco, debito/deficit) a disposizione di un normale governo affiancato dalla relativa banca centrale, è rimasta solo quella fiscale (e si vede): il cambio è appannaggio delle decisioni di politica monetaria di BCE mentre Il debito/deficit è gestito dalla burocrazia di Bruxelles in base agli accordi sottoscritti. Oltretutto, il cambio tra i paesi di Eurolandia, con l’euro, è stato reso fisso definitivamente, con tutte le nefaste conseguenze al seguito. [Non dimentichiamo che, quando con la tassa sull’Europa Prodi permise all’Italia di entrare nell’euro, i Tedeschi applaudirono]. Gli stessi accordi rendono l’attività della BCE obbligatoriamente absoluta da ogni influenza dei singoli governi. Forse si potrà tornare a vincolarne l’azione quando vedrà la luce – in occasione della prossima glaciazione - un governo UE.

Con la BCE si è realizzato il governo bancario/finanziario europeo, da noi un tempo paventato e oggi condannato [C’hanno menato, ma quante je n’avemo dette!]. Nei singoli paesi, la “politica”, intesa come gestione della cosa pubblica tramite il potere legislativo e quello esecutivo, non esiste più: l’80 % delle nuove leggi sono altrettanti recepimenti di direttive europee ed il governo può agire solo in materia fiscale, e neanche troppo liberamente. Restano i singoli poteri giudiziari che, nei fatti, sopperiscono alla inconsistenza degli altri due. In Italia il fenomeno è particolarmente pervasivo: sempre più spesso, nella gestione della cosa pubblica, i giudici governano con le loro “sentenze”, obbligando gli ectoplasmi di legislatori e governo a vivacchiare nell’ombra.

Perché la BCE dovrebbe tornare in dietro, anzi, far tornare indietro le schiere vincenti dei potentati finanziari internazionali, tornando a politiche “classiche” in grado di scavalcare banche e finanza? Oltretutto, dopo Duisemberg olandese, Trichet francese e Draghi italiano, tra non molto starà a Fritz tedesco: a quel punto la BCE tornerà ad affiancare un governo, non della UE, ma di Berlino.

La proposta di Ferrero, sotto forma di supplica, conferma questa analisi.

 

 

DB

1479 18-3-2016  Corriere.it LO SCANDALO Euribor, da Londra mandato 
di arresto europeo per 5 trader. Nel mirino 4 ex dipendenti di Deutsche Bank e un impiegato di Société Générale sotto accusa per aver manipolato le quotazione del tasso di riferimento interbancario.di Giuliana Ferraino

Ed ecco a voi… Quelli braviiiii!

 

 

Re Giovanni

1478   18-3-3016    Sulla Magna Charta Libertatum: meno cazzate, please. 

C'è chi è riuscito (gli Inglesi) a farla considerare la base dello stato di diritto. La base delle garanzie dei baroni, forse sì!
Basta riflettere sul fatto che, per 500 anni, la Repubblica romana è stata governata da due consoli eletti per un anno, i cui nomi sono ancora conservati in Campidoglio nel Tabularium: ecco come si è costruito uno dei fari di civiltà per tutto il mondo. Altro che Magna charta.


27-3-2011 Il PuntO n° 200. Processo breve e legittimo impedimento dalla Prima delle Dodici Tavole della legge di Roma repubblicana (451 a.C.).

Da ilpost.it/
Cos’è la Magna Carta Libertatum
Il documento considerato fondativo dello stato di diritto (firmato da re Giovanni d'Inghilterra) ha 800 anni. La Magna Carta è un documento scritto in latino in cui furono sanciti otto secoli fa una serie di limiti al potere del sovrano inglese: il 15 giugno del 1215 un gruppo di potenti baroni del Regno d’Inghilterra obbligò re Giovanni a concederla. Tra le altre cose, da quel momento il re non avrebbe più potuto imprigionare gli aristocratici senza prima un processo con una giuria di loro pari. Da allora è cresciuto un vero e proprio “mito” della Magna Carta Libertatum che ne ha fatto, nei secoli, un elemento fondante del moderno stato di diritto e, addirittura, della stessa democrazia. [....]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Diritto

 

1477 8-3-2016  Le decisioni austriache, adottate per filtrare migranti e profughi, prima ancora che normative UE, violano la convenzione di Ginevra.

I Tedeschi divinizzano le regole e sono addestrati fin da piccoli a rispettarle, ma non sono addestrati a distinguere le norme dalla legge, la legge dal diritto, il diritto dalla giustizia. Hanno altre inclinazioni.

 

 

Argentarii

1476 4-3-2016  BASTA! NON E' POSSIBILE!

Mutui: non cadiamo nella trappola delle 7-18 rate non pagate. Non è quello il problema.

Col recepimento di una direttiva europea in materia di morosità di titolari di mutui fondiari, in base alla quale, dopo un certo numero di rate non pagate (prima 7, ora 18, ma la legge già c’era: TUB art. 40), la banca può aggredire direttamente l’immobile dato in ipoteca dal mutuatario, senza adire le vie legali. Requisizione, vendita, soddisfacimento dei suoi crediti senza che alcun giudice intervenga.

Con questa normativa, le banche UE hanno fatto un ulteriore enorme passo avanti nel loro piano mirante a svincolarsi dai lacci e lacciuoli giurisdizionali. Tutti i creditori devono rivolgersi al giudice se non rimborsati dal debitore, tranne le banche e, ovviamente, la criminalità organizzata.

Ora, è vero che le lungaggini della giustizia – da noi in particolare – sono tali per cui una banca impiega 5-8 anni per poter porre all’asta l’immobile del mutuante moroso. Però, invece di stringere il legislatore perché intervenga per riformare il sistema giurisdizionale anche in termini procedurali, oggi le banche hanno il potere di svincolarsi sia dal sistema che dalle procedure. Diciamo che hanno gioco facile in questa loro progressione: sia ai banchieri che ai politici che ai criminali in genere, – quando inquisiti - conviene una giustizia tartaruga (“così arriviamo alla prescrizione ed è fatta!”). Quando non conviene, le banche premono ed ottengono facilmente di poter scavalcare il potere giudiziario, ergendosi loro stessi a giudici.

 

 

home-costituz

1474  20-2-2016  Costituzione della Repubblica Italiana. Art. 75. [....] Non è ammesso il referendum per le leggi [....], di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.

La sinistra di D'Alema e Veltroni fece un disastro modificando il Titolo quinto. Monti ha fatto inserire, nella Carta, il pareggio di bilancio. Con Renzi si sta impostando la riforma del Senato. Voluto dalle segreterie proprietarie dei grandi partiti del dopoguerra ed attuato solo nel 1970, nessuna forza politica ha finora mostrato di avere l'intenzione di togliere di mezzo quella parte dell'art. 75 che impedisce ai cittadini di esprimersi sui trattati internazionali.

La UE pesa sempre di più. L’attività internazionale è sempre più pervasiva. Altri paesi sottopongono a referendum l'approvazione di trattati internazionali. In casa nostra gli attuali proprietari dei partiti si guardano bene dal proporla.

 

eco

 

 

1473  20-2-2016. Salve professore! Sono certo che riuscirà a superare uno dei suoi crucci:  la morte, che  non si può spiegare né imparare.

 

Scheuble

1472  16-2-2016.  La Germania ha dimostrato - negli ultimi 10 anni – di non essere in grado di operare scelte di politica economica da leader della UE. L’ultima la sta combinando Scheuble quando sostiene la necessità di porre un limite ai titoli di stato detenuti dalle banche. Quindi non un limite ai pericolosissimi titoli tossici ed ai derivati, ancor più pericolosi, di cui sono piene le banche tedesche a cominciare dalla Deutsche Bank, ma ai titoli di stato emessi da paesi sovrani, comunque molto più solidi.

Caro Scheuble, fare il capo quando si è forti è facile e lo sai fare anche tu. Ma l’essere forti è caratteristica caduca. E’ invece sempre difficile essere in grado di fare il leader. Possibile che in Germania non ci siano corsetti di leadership da far seguire al ministro tedesco? Anche breve, senza obbligo di frequenza…….

 

ALCIDE cERVI

Papà Cervi

1471  15-2-2016 Crimini nazifascisti, online 13mila pagine declassificate dall''armadio della vergogna'

 

ADN Kronos. 17:35. Sul sito internet dell' Archivio storico della Camera dei deputati, all' indirizzo http://archivio.camera.it/, sarà possibile da domani consultare l' elenco e richiedere copia dei documenti declassificati della ' Commissione parlamentare di inchiesta sulle cause dell' occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti ' che nella XIV legislatura si è occupata della vicenda del cosiddetto 'armadio della vergogna'. "Sono contenta che il percorso di trasparenza di Montecitorio si arricchisca di un nuovo e importante capitolo - ha commentato la presidente della Camera, Laura Boldrini - perché un Paese veramente democratico non può avere paura del proprio passato". Istituita con la legge 15 maggio 2003, n. 107, la Commissione aveva il compito di indagare sulle anomale archiviazioni provvisorie e sull' occultamento dei 695 fascicoli ritrovati nel 1994 a Palazzo Cesi, sede della Procura generale militare, contenenti denunce di crimini nazifascisti, commessi nel corso della Seconda guerra mondiale e riguardanti circa 15mila vittime. A seguito di specifiche sollecitazioni della presidenza della Camera alle varie autorità che le avevano redatte originariamente, sono state declassificate e rese ora consultabili circa 13mila pagine di documenti che la commissione d' inchiesta ha acquisito dagli archivi del ministero degli Affari Esteri, del ministero della Difesa, dell' allora Servizio informazioni e sicurezza militare (Sismi), del Consiglio della Magistratura militare e del Tribunale di Roma. La disponibilità di questi documenti completa ed integra i testi dei resoconti delle sedute della Commissione che erano già stati pubblicati in rete in corso di svolgimento, fra l' 8 ottobre 2003 ed il 16 febbraio 2006, e che sono tuttora consultabili nel testo integrale all' indirizzo  http://legxiv.camera.it/_bicamerali/nochiosco.asp?pagina=/_bicamerali/leg14/crimini/home.htm .

 

 

1

 

1470   In Germania le garanzie pubbliche sono il sestuplo dell' Italia     12:17

Roma, 27 gen. (askanews) - L' intransigente Germania ha accumulato il sestuplo delle garanzie pubbliche concesse dell' Italia, su crediti contratti da banche, imprese e privati, mentre la Danimarca dell' eurocommissaria alla concorrenza Margarethe Vestager ne ha stanziate più del triplo. A mettere in rilievo queste marcate divergenze è un rapporto di Eurostat, che passa in rassegna l' ammontare in rapporto al Pil di passività, garanzie concesse e crediti deteriorati dei diversi Paesi dell' Unione europea. Dopo una lunga e difficile trattativa, l' Italia ha appena raggiunto un accordo con l' Antitrust Ue, guidato dalla Vestager, in merito a come facilitare lo smaltimento dei crediti deteriorati delle banche, facendo leva proprio su garanzie pubbliche. Che perà dovranno essere concesse a prezzi indicati come in linea con quelli di mercato, di fatto senza comportare aiuti di Stato. La Penisola però vanta uno dei valori più bassi di tutta l' Unione sulle garanzie già: appena il 2,7 per cento del Pil, a fronte ad esempio al 16,4 per cento della Germania o al 26,5 per cento dell' Austria. Va precisato che le garanzie pubbliche qui considerate sono tutte, non solo quelle a favore delle banche, ma anche su poste ben diverse come borse di studio e i finanziamenti agli studenti, ma anche i mutui per l' acquisto di casa. Anche se ovviamente le garanzie a favore delle banche possono costituire la parte più consistente di questa voce ove siano state utilizzate per sostenere il settore. Il valore più elevato è il 28 per cento della Grecia. Ma Eurostat segnala anche il massiccio 25,8 per cento di garanzie stanziate dalla Finlandia, patria dell' ex eurocommissario agli Affari economici Olli Rehn. In Spagna ammontano al 12,8 per cento e in Francia al 4,5 per cento del Pil.

 

Essendo Tedeschi, ne hanno il diritto!

 

 

Sirenetta

 

1469   Il Fatto. Migranti, Danimarca approva legge sulla confisca di beni oltre i 1.350 euro ai richiedenti asilo...

 

 

Cari Alani, confermate la incolmabile differenza tra popoli civilizzati (da qualche secolo) e popoli civili (da qualche millennio)!

 

Crepax Copertina di Strage di stato

 

 1468  21-1-2016. Il Sole 24 Ore 20-1-2016 Copertura dei crediti deteriorati: Italia meglio della media europea.  di Antonella Olivieri con un’analisi di Marco Ferrando e un articolo di Rossella Bocciarelli

 

Circa i crediti deteriorati, le nostre banche stanno meglio delle sedicenti "prime della classe" europee. Il crollo in borsa va cercato in azioni speculative da definire: 1) Uso delle quotazioni come dello spread nel 2011 da parte di Bruxelles-Berlino? 2) Forzare la mano alla UE, da parte di entità finanziarie interessate, per ottenere il via libera sulla bad bank (così come è pensata è foriera di eccellenti affari per i partecipanti)? 3) L'indagine parlamentare sul sistema bancario - che Renzi vuole per gli ultimi 20 anni - è vista come una minaccia da parte di potentati oltre che di Bankitalia (Draghi compreso) e Consob? 

 

Putin-Merkel

 1467  13-1-2016  Patto Putinov - Merkeltrop

I Tedeschi sono i più intransigenti nell'applicazione delle sanzioni a Putin per il problema della Crimea/Ucraina.

Ma la Merkel si accorda con Mosca perché sia raddoppiato il gasdotto del nord. Dopo la distruzione della costa sud del Mediterraneo (pianificata da Francia + Anglosassoni) , potrebbe risultare l'unica via di approvvigionamento energetico di tutta l'Europa.

Cerchiamo di recuperare con la Libia e di consolidare i rapporti con l'Algeria.

 

counseling-

1467   4-1-2016  I giornalisti hanno poche idee. Per questo si prestano ad imporre campagne "un po' così". Dall'inquinamento (praticamente nullo rispetto a 35 anni fa. Si veda l'articolo: http://www.comune.torino.it/ambiente/aria/aria_torino/andamento-inquinanti.shtml ), alle morti per parto (muoiono all'anno circa 50 donne per parto: una a settimana); finita la moda delle aggressioni canine (ce ne sono circa 70 all'anno: una ogni 5 giorni). 
L'importante è mantenere alto il livello di ansietà collettiva al fine di garantire il successo delle campagne e la distrazione dei cittadini.

 

Pipeline

1466   4-1-2016.    Per scoraggiare gli investimenti USA nei nuovi sistemi di estrazione del greggio, l’Arabia saudita ha aumentato fortemente l’offerta di petrolio causandone volutamente  un crollo del prezzo. Questa politica ha praticamente fatto saltare gli accordi Opec. Per mantenere il precedente livello di introiti, gli altri paesi produttori hanno dovuto aumentare la loro offerta, generando un ulteriore abbassamento del prezzo.

Sembra che tutto sia sfuggito di mano ai Sauditi: oggi pensano di salvarsi con diversivi, creando tensioni internazionali, col rischio che anche queste sfuggano loro di mano.

Stessi risultati per la loro politica filo Isis.