Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Punto+

                                          

                                                  

 

PRIVILEGIA NE IRROGANTO

 

Documento inserito il: 

 

Home

La PignattA

Il ConsigliO

ictus

Documentazione

Biblioteca

Indice dei DOSSIER

DOCUMENTI CORRELATI

 

 

 


 

 

Il PuntO n° 255

IL DEBITO (PRIVATO) COMPLESSIVO DELLE BANCHE ITALIANE SUPERA

IL DEBITO PUBBLICO DELLA REPUBBLICA DEL 68,5 PERCENTO (3.404 miliardi contro 2.020).

 [Sempre che i dati forniti dalle banche siano veritieri e poste di bilancio non siano state “nascoste” a Bankitalia] 

 

 

I Depositi bancari (Libretti, Conti correnti, Certificati di deposito) e le Obbligazioni emesse dalle banche costituiscono la “raccolta bancaria”. Si tratta del più importante canale di finanziamento, affiancato da quello dei depositi interbancari e dai finanziamenti della Banca Centrale Europea. La raccolta è quindi una posta passiva nell’ambito del bilancio di una banca. In rosso nella tabella.

Nell’ambito delle passività di bilancio abbiamo estrapolato lo specifico debito bancario nei confronti di depositanti e sottoscrittori di obbligazioni.

 

TAB. 1- RACCOLTA, DEPOSITI, PRESTITI DELLE BANCHE RESIDENTI IN ITALIA

FONTE SUPPL. AL BOLLETTINO STATISTICO N° 1 DEL 10-1-2013.

In miliardi di euro (in parentesi la variazione percentuale su periodo precedente)

 

 

NOV-2012

DIC-2011

DIC-2010

 

DEPOSITI

PRESTITI

DEPOSITI

PRESTITI

DEPOSITI

PRESTITI

 

 

 

 

 

 

 

Depositi/Prestiti di residenti in Italia

 

2.090,856

 

2.383,283

1.969,159

 

2.378,639

1.837,870

 

2.313,571

………..di cui “Banche e Banca centrale”

636,952

 

589,981

 

403,137

 

 

 

 

 

 

 

 

Depositi/Prestiti di residenti in altri paesi di area euro

205,664

 

113,908

285,062

 

117,044

271,430

 

112,146

…………..di cui “Banche”

180,934

 

222,867

 

228,791

 

 

 

 

 

 

 

 

Depositi/Prestiti di residenti nel resto del mondo

150,682

 

105,018

150,127

 

94,527

185,282

 

75,019

…………..di cui “Banche”

112,118

 

101,561

 

142,296

 

 

 

 

 

 

 

 

Totale Depositi / Prestiti

 

 

2.447,202

 

(+ 1,8%)

 

2.602,209

2.404,348

 

(+ 4,8%)

 

2.590,210

2.294,582

 

2.500,736

………..di cui “Banche e Banca centrale”

930,004

 

914,409

 

774,224

 

 

 

 

 

 

 

 

Obbligazioni bancarie

957,591

 

(+ 4,7 %)

 

914,229

 

(+ 13,2 %)

 

807,691

 

 

 

 

 

 

 

 

TOTALE RACCOLTA (Depositi + Obbligazioni).

3.404,793

 

(+ 2,6%)

 

 

3.318,577

 

(+ 7,0%)

 

 

3.102,273

 

 

 

TOTALE PRESTITI

 

2.602,209

 

(+0,5%)

 

2.590,210

 

(+3,6%)

 

2.500,736

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MEMO Titoli in portafoglio

 

1.141,650

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MEMO  Passività/Attività complessive

4.246,606

4.246,606

4.041,643

4.041,643

3.758,891

3.758,891

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nei primi 11 mesi del 2012, il debito delle banche nei confronti dei depositanti (depositi, C/C, certificati di deposito) ammontava a 2.447,202 miliardi di euro, con un aumento dell’1,8 % sul 2011.

Nello stesso periodo, la massa di obbligazioni collocate presso gli investitori, cioè il debito delle banche nei confronti degli obbligazionisti, ammontava a 957,591 miliardi di euro, con un aumento del 4,7 % sul  2011.

Nel complesso, quindi, la posizione debitoria dovuta alla raccolta bancaria complessiva (IFM, aziende, privati) ammontava, a novembre 2012, a 3.404,793 miliardi di euro, con un aumento del 2,6 % sul 2011.

Se paragoniamo l’entità della raccolta bancaria ai 2.020 miliardi del debito pubblico dello stato italiano, rileviamo che il debito (privato) delle banche supera il debito (pubblico) della Repubblica del 68,5 per cento.

A  fronte della posizione debitoria nei confronti dei clienti, la banca ha, tra le altre voci, parallele poste attive costituite dai prestiti alla clientela per 2.602,209 miliardi (cresciuti dello 0,5 percento rispetto al 2011). In verde nella tabella. Sempre a novembre 2012, hanno poi in portafoglio titoli vari per 1.141,650 miliardi, di cui 358,320 miliardi di titoli della nostra Amministrazione pubblica.

 

 

DEBITI E CREDITI DELLE BANCHE RISPETTO AI SOLI RESIDENTI IN ITALIA ESCLUSE IFM (ISTITUZIONI FINANZIARIE E MONETARIE). COMPARAZIONE ANNI 2012 e 2006 (INIZIO CRISI)

E’ interessante valutare raccolta e prestiti della banche anche  rispetto alla clientela non IFM residente in  Italia. A tal fine occorre depurare il dato della raccolta e dei prestiti dai depositi interbancari e da quelli delle amministrazioni centrali e locali.

Per valutare l’evoluzione di raccolta, prestiti e titoli in portafoglio, ricaviamo sempre da Bankitalia la situazione di bilancio  a novembre 2012[i] e a settembre 2006, prima cioè dello scoppio della crisi. La tabella che segue riporta lo stato della raccolta, dei prestiti e dei titoli in portafoglio a fine novembre 2012 e a settembre 2006.

Per obbligazioni collocate e titoli in portafoglio, abbiamo riportato i dati complessivi, rispettivamente 957,591 e 1.141,650 miliardi.

A novembre 2012, la posizione debitoria complessiva generata dalla raccolta riferita a residenti in Italia (escluse le IMF) ammontava a 2.150,120 miliardi, con un aumento del 61,2 per cento rispetto ai 1.334,011 miliardi del 2006.  In particolare, i depositi (Libretti, C/C e certificati di deposito) sono cresciuti del 47,2 per cento, mentre le obbligazioni collocate dalle banche sono aumentate dell’82,8 per cento.

I prestiti (attività) sono cresciuti del 44 percento, passando dai 1340,296 miliardi del 2006 ai 1.930,104 del novembre 2012.

 

TAB. 2- DEPOSITI E IMPIEGHI DI CLIENTELA (NON IMF) RESIDENTE IN ITALIA

COMPARAZIONE  ANNO 2012 - 2006

 

NOV-2012

 

SET-2006

Variazione 2012/2006

 

DEPOSITI

PRESTITI

 

DEPOSITI

PRESTITI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TOTALE DEPOSITI (di residenti)

1.192,529

 

 

810,089

 

+ 47,2 %

 

 

 

 

 

 

 

OBBLIGAZIONI BANCARIE EMESSE

957,591

 

 

 

523,922

 

+ 82,8 %

 

 

 

 

 

 

 

 

TOTALE RACCOLTA (da residenti)

 

2.150,120

 

 

 

1.334,011

 

 

+ 61,2 %

 

 

 

 

 

 

 

 

TOTALE PRESTITI  a residenti

 

 

1.930,104

 

 

 

1.340,296

 

+ 44,0 %

 

 

 

 

 

 

 

MEMO Sofferenze

 

92,812

 

 

17,114

+ 442,3 %

 

 

 

 

 

 

 

TOTALE TITOLI in port. 

 

….di cui Titoli Amm.ni pubbliche italiane

 

1.141,650

 

 

358,320

 

 

433,200

 

 

115,176

+ 163,5 %

 

 

+ 211,1 %

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ evidente la variazione nei sei anni de rapporto tra raccolta e prestiti: mentre nel 2006 questi erano superiori alla raccolta (1.340 miliardi contro 1.334), nel 2012 il rapporto si inverte con la raccolta (debito)  che supera abbondantemente  i prestiti (2.150 miliardi contro 1.930). [ii] 

Anche il rapporto tra depositi e obbligazioni è fortemente cambiato: nel 2006 l’ammontare del debito obbligazionario era pari al 64 per cento dei depositi. A novembre 2012 circolavano obbligazioni per un importo pari all’80 per cento delle somme depositate.

Da rimarcare la crescita impetuosa delle sofferenze (+ 442,3 percento) passate da 17,114 miliardi del 2006 a 92,812  miliardi del 2012[1]. A tale impennata hanno contribuito troppo spesso le azioni (definiamole intempestive) di revoca di affidamenti da parte delle banche.

Riguardo all’andamento dei titoli in portafoglio, cresciuti del 163 per cento nei sei anni considerati (da 433 miliardi del 2006 a 1141 del 2012), questo conferma la tendenza a finanziarizzare l’attività bancaria.

 

I titoli di stato italiani tenuti in portafoglio sono aumentati del 211,1 per cento passando dai 115,176 miliardi del 2006, ai 358,320 del 2012. Situazione per altro che va a confermare gli acquisti delle banche per sostenere i corsi dei nostri titoli e diminuirne i rendimenti, in linea con la stessa tendenza alla finanziarizzazione.

 

 

i   nota.

Fonte Banca d’Italia

 

[1] Ad integrazione dei dati si consideri inoltre che:

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 28 gen - I prestiti delle banche italiane a imprese e famiglie a dicembre sono calati dello 0,7%, mentre i depositi sono aumentati del 3,7%. E' quanto emerge dai dati resi noti oggi dalla Bce.

Da istituti italiani vendite nette 13,5 mld titoli Stato (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 28 gen - In base ai dati resi noti dalla Bce, inoltre, le banche italiane hanno venduto un volume netto di 13,5 miliardi di titoli di Stato nazionali a dicembre.

 

 

 

 



[1] E’ da ritenere che il dato 120 miliardi di sofferenze riportato da varie fonti e riferito a informazioni di Banca d’Italia, sia da riferirsi al complesso dei prestiti non circoscritti ai soli prestiti con residenti.