PRIVILEGIA NE IRROGANTO           di Mauro Novelli               BIBLIOTECA

 


 

 

 

“Giggi” Zanazzo

 

 

USI, COSTUMI E PREGIUDIZI

DEL POPOLO DI ROMA

 

______

INDICE

 

§         Medicina popolare. 2

§         Usi, costumi, credenze, leggende e pregiudizi del popolo di Roma. 40

§         Giuochi fanciulleschi, divertimenti, passatempi, esercizi 132

§         Indovinarelli, bisticci, scioglilingua. 181

§         Voci degli antichi e odierni  venditori ambulanti di Roma. 189

§         Saggio Di Vecchie Parole Del Gergo Romanesco Dei Birbi. 209


 

 

 

Parte I.

 

Medicina popolare

 

Avvertenza

_________

 

La presente raccolta di rimedi simpatichi, come suole chiamarli il popolo, ed anche delle altre tradizioni che ho pubblicato o che sono in corso di pubblicazione in questa raccolta di «tradizioni popolari romane», sono il frutto di parecchi anni di assidue ricerche da me fatte vivendo in mezzo al popolo; e questi rimedi particolarmente io devo alle donne: poichè la scienza di curare qualsiasi malanno è generalmente riservata ad esse.

Confesso il vero, mentre una trentina d’anni fa li raccoglievo, non immaginavo che un giorno mi sarebbero serviti a qualche cosa. Nel perdermi per lunghe ore tra quei chiassuoli, tra quelle viuzze anguste e fangose del Trastevere, non avevo allora altro desiderio che di far tesoro dei modi di dire o delle frasi più originali che avessero potuto interessarmi. In tali occasioni non di rado mi accadeva di udire ora il pregiudizio, ora il rimedio simpatico, ora la leggenda... ora una cosa, ora un’altra, di cui subito pigliavo nota; ma, ripeto, facevo ciò per semplice curiosità, e anche per quella vivissima passione che avevo ed ho per le cose che col popolo hanno attinenza. Tanto ero lontano in quel tempo dall’idea che siffatto materiale potesse interessare, all’infuori di me, altra persona: ed anche perchè ignoravo che già dotti ed illustri scienziati, quali il Pitrè, il d’Ancona, Salomone Marino, il Guastella, il De Nino, il Gianandrea, il Morandi, il Sabatini, il Menghini ed altri, attendevano con amorevoli cure a salvare dalle ingiurie del tempo questi documenti intimi della psicologia di un popolo.

* * *

Molti di questi stessi rimedi furono consigliati a me stesso da alcune vecchie commari, alle quali, mi accusavo di aver cento malanni come il Cavallo di Gonnèlla; e ciò facevo per destare in loro maggiore interesse e darmi così agio a bene imprimermeli nella memoria. Fra queste ricorderò sempre con vivo compiacimento le due vecchie proprietarie di un’antichissima friggitoria, le quali, prima che si costruisse la nuova via Cavour, avevano la loro bottega alla Suburra.

Parte di questi rimedi empirici li devo a loro; moltissimi altri alla mia povera mamma; e altri pochi di essi mi sono stati forniti dell’immortale poeta Belli, per mezzo de’ suoi meravigliosi Sonetti romaneschi.

* * *

Se al lettore questi rimedi sembrassero strani o ridicoli, risponderò con un adagio tutto romanesco che dice: peggio nun è morto mai. Poichè per quanto strani e ridicoli essi siano, non raggiungeranno mai l’assurdità di alcuni rimedi di celebrità mediche dei secoli XVI, XVII, e perfino del XVIII secolo. Ad esempio nel secolo XVI Giovan Matteo Fabbri ne assicura che si giudicava il suono delle campane essere ricetta salutare contro il dolor di capo e si scrivevano opere di questa fatta: De dolore capitis sonitu campanarum sanato (!). Ed ancora nel 1759 il famoso Lemery, medico e chimico francese, insegnava che lo stercus humanus è digestivo, risolutivo emolliente, addolcente! E lo si prescriveva contro i mali di gola, contro l’epilessia, contro le febbri intermittenti, ecc. Disseccato, polverizzato e mischiato col miele, veniva applicato sui flemmoni, sugli antraci, sulle ulceri carbonchiose: ed era chiamato empiastro aureo! Ma ciò che sorpassa ogni immaginazione è che i vapori esalati dall’odorifera cottura erano raccolti con cura e servivano a fare un’acqua antioftalmica!...1

Basta: se questa mia breve raccolta troverà favore presso il pubblico (presso i dotti no di certo) lo dovrò forse allo studio che ho posto a purgarla dai pregi propri alle opere dello stesso genere, evitando note, chiose, confronti, citazioni e fin la parvenza della più lontana erudizione, poichè io non ho avuto la pretesa di offrire agli studiosi del Folk-lore un lavoro perfetto, ma soltanto un abbozzo di studio ed una traccia per chi voglia seguire lo svolgersi del popolo nostro.

 

Roma, dicembre 1907.


1. — Come uno s’accorge che stà pper ammalasse.

 

Quanno ve se fanno nere l’ógna de le mano, e cciavete1 l’occhi sbattuti e accallamarati, e la lingua spòrca, allora è ssegno che nun ve sentite troppo pe’ la quale2.

Presempio, a le donne, quanno nu’ stanno bbene, la féde3 jé s’appanna; e, ne lo spostalla un tantinèllo dar déto, ce se troveno sótto un cerchietto nero. Allora, a cchi pprème la salute, la prima cosa che ddeve fa’, appéna nun se sènte sicónno er sòlito suo, è dde pijasse un bon purgante.

De tutte le purghe, la ppiù mmèjo perché llava lo stommico, sbòtta, e pporta via ’gni cosa come la lescìa, è ll’ojo de rìggine.

Quanno, sorèlla, una quarsìasi ammalatia che tte vó vvienì’, trova pulito lo stòmmico, nun te pô ffa’ ttanto danno nun solo, ma tte se leva d’intorno ppiù ppresto.

2. — Pe’ gguarì’ dda quarsìasi male.

In prìmise la cosa che òpra in sur subbito pe’ gguarì’ qualunque ammalatia, è la manna miracolosa de San Nicola de Bbari.

Ma siccomme adesso è indificile a ttrovalla, com’era a li tempi mii, che sse crompava da li ciarlatani, accusì bbisogna fàssela vienì’ appostatamente da llaggiù.

 

Un antro sana-tòto4, è ppuro l’ojo de le làmpene che àrdeno davanti a le sante immaggine de la Madonna de Sant’Agustino, de Santa Maria Maggiore, de San Giuvanni, de San Pietro, de San Pavolo, de Santa Cróce in Gerusalemme, e dde tante antre cchiese de Roma e dde fôra.

Abbasta a intigne una pezzétta o un po’ dde bbambace dentro quell’òjo miracoloso, e strofinàccese bbene bbene la parte ammalorcicata, pe’ gguarì’ pprima de subbito.

 

Un antro arimèdio pe’ gguarì’ qualunque male, è la Triàca5 che in de li tempi mia faceva miracoli, e nun c’era cirùsico bbravo che nun ve l’ordinava.

3. — Pe’ gguarì’ da li dolori pe’ ll’ossa.

Pijate una bbôna fatta6 de foje de sambuco e ccoprìtevece tutta la persona, una foja accanto a ll’antra tanto de sopre che dde sótto. Doppo invortateve bbene bbene co’ ’na cuperta de lana, e tienétecela insinènta a ttanto che quéle foje nun se sùgheno tutto quer sudore che vve s’è arimbevuto.

Fatta ’st’operazzione, v’assicuro che vve sentirete mejo.

 

Pe’ gguarì’ dda li dolori pe’ ll’ossa, dicheno che ffacci puro una mano santa a appricasse su la parte ammalorcicata, la pelle d’er gallo, der conijo o d’un agnèllo.

4. — La cura de ll’occhi.

Ce so’ un sacco d’arimèdî uno mejo de ll’antro.

Presempio pe’ gguarì’ la frussióne, bbisogna mettesse de qua e de llà dde ll’occhi, prima de le tempie, du’ pezzetti de lèvito1 cuperti da du’ pezzette tonne de scarlatto rosso.

Quer lèvito s’attira er sangue e ll’occhio ve se schiarisce.

 

Pe’ la frussióne fa ppuro bbene, quanno se va a ddormì’, d’atturasse prima l’occhi co’ la ricótta2 che vve li rinfresca e li pulisce.

Oppuramente, sempre pe’ la frussióne, pijate una mollica de pane arifatto, méttetece un goccétto d’acqua e ttre ppìzzichi de gomma ’rabbica in porvere, impastate tutto quanto bbene bbene, e quanno l’avete aridotto come un inguento, spianatelo sopra du’ pezzetti tonni de scarlatto rosso e appricateveli su le tempie.

Quanno però sso’ vventiquattr’ora in punto che cce l’avete messe, ni un minuto de ppiù ni un minuto de meno, state bbene attenta a staccàvvele, si nno’ artrimenti, la forza potente che ccià la mollica dar pane ve poterebbe fa’ storce l’occhi.

 

O anche fate bbulle un po’ de crimor de tartero, mettetece poi du’ gócce de sugo de limone romanesco, e ffàtevece li sciacqui.

 Volènno, ve potete mette’ du’ mosche de Milano su’ le bbraccia, una lèva e una mette.

 

Sempre p’er medemo incommido, c’è cchi ppija un ôvo appena levato de sotto a la gallina, lo sbatte bbene, e quanno va a ddormì’ se lo schiaffa su ll’occhi, e cce se lo tiè’ ttutta ’na nottata.

 

Apposta a li tempi de mi’ nonna, bbon’anima, puro a li fiji maschi quanno nascéveno, je se sbucàveno l’orecchie come a le femmine, e je se mettevano l’orecchini d’oro.

L’oro attaccato a l’orecchie, rischiara e rinfresca la vista e ttiè’ llontani da ll’occhi tutti li malanni.

 

Pe’ ppijasse er male a ll’occhi, nun ce vô gnente. Tante vorte (e questo è vangelio!) abbasta a guardà’ ffissa ’na persona che ccià ll’occhi ammalati per attaccasse er male.

Dunque state bbene attenti a nun cascacce.

E aricordateve poi che cciavemo, ner caso, un proverbio che ddice: Gnente è bbono pe’ ll’occhi.3

5. — Pe’ gguari’ dda la fattura che sse chiama
“Occhiaticcio„4.

Pe’ gguarì’ da ’sta fattura che sse chiama occhiaticcio, oppuramente invidia, ecco u’ rimedio sicuro sicuro.

Pijate dodici ranocchie vive, mettetele drento una marmitta de ferro sbattuto, co’ drento ttre sgummarelli d’acqua de pozzo, e ffatele allessà’.

Allessate che sso’, pijate quell’acqua, passatela in der setaccio, e quanno ve s’è arifreddata fatece li bbagnoli a ll’occhi.

Se chiama l’acqua de zzompi de ranocchie.

Bisogna sta’ bbene attenta però che la marmitta sii de ferro sbattuto e cche l’acqua sii de pozzo si nnó e’ rimedio nun fa gnisun affètto1.

6. — Pe’ ffasse passà’ la “fuggitiva„.

 Pe’ ffasse passà’ la fuggitiva o ddimo cacarèlla, o diarèlla come se chiama adesso, nun ce vô gnente.

Pijate una bbella manciata de canipuccia2 e ppistàtela bbene bbene in der mortale. Fatto questo mettétela accusì ppistata in d’una pezza de bbucata. Poi pijate du’ bbicchieri: uno pieno d’acqua, e uno vôto. Intignete la pezza co’ la canipuccia drento ar bicchiere co’ ll’acqua: quanno s’è bbene arimbevuta, cacciatela, e spremétela drento ar bicchiere vôto.

Quéla spremitura bbevétevela e la diarèlla ve sparisce.

 

Fanno puro bbene li fumenti calli, o a ttienesse la panza cuperta bbene co’ la lana.

 

Un antro arimedio è questo.

Mettete un par de déta d’acqua in un bicchiere e sfragnétece drento u’ llimone romanesco sano.

Bevetelo, e mme saperete a ddì’ si la fuggitiva nun ve se passa.

7. — Contro l’“Orzaròli„3.

Quanno, puta caso, accanto a ll’occhi ve viè’ uno de quela specie de pedicèlli che a Roma se chiàmeno orzaròli, l’unico rimedio pe’ ffalli sparì’ subbito, è quello de cucì’ ll’occhio. O ppe’ ccapisse mejo, de fa infinta de cucillo; perchè sse deve pijà’ ll’ago infilato e ffa’ infinta come si uno se cucisse l’occhio pe’ ddavero.

 

Oppuramente, abbasta a ffasse toccà’ l’orzarolo da una donna gravida, pe’ gguarì’ lo stesso.

8. — Pe’ le stincature, rotture e slogature d’ossa.  

Comprate ’na bbôna fatta de códiche, raschiàtele bbene; poi pijate quela raschiatura e strofinàtevece bbene bbene, e pper un ber pezzo infinenta che nun ve dôle ppiù la parte che vve s’è rotta, stincata o slocata.

9. — P’er mal d’urina.

In prìmise, bbeveteve una bbôna bbullitura dé capélli de tútero, e vve sentirete subbito mejo; ma si a le vorte ’st’arimedio nun ve facesse affètto, fate un bell’impiastro de patate crude grattate e appricàtevelo bbello callo sopra ar pedignóne.

 

Oppuramente, invece de le patate, un’impiastro de cipolle cotte su la bbracia e ppoi pistate, che ffa lo stesso affètto.4

10. — Pe’ ffa’ ppassà’ li dolor de panza a le crature.

Dàteje due o ttre ccucchiarini d’acqua fatta bbullì’ co’ ddu’ fronne de lattuga. Si ppoi li dolori je seguitassino, allora fateje un impiastrino de ruta pistata oppuramente de seme de lino e appricàtejelo sur bellicolo1.

11. — Pe’ ffa’ sburà’ un pedicèllo o antro.

Appricate sopre ar pedicèllo2 o ar bóbbóne un impiastrino de marva, ortica, palatana3, e mollica de pane, e quello ve sbura subbito.

Oppuro appricàtece sopre una o ddu’ fronne d’erba grassa da la parte der dedietro.

12. — Pe’ gguarí’ le crature dar male de la “Lupa„.

Quanno una cratura ve magna ve magna, e nun ve s’ingrassa mai, e anzi v’arèsta nèrcia e ssécca com’un ancinèllo, è ssegno che quéla povera anima de Ddio cia’ er male de la Lupa. Allora pe’ ffalla in sur subbito guarì’ se porta dar fornaro e sse fa infornà’.

Ecco come se fa.

Quanno er forno è ppieno de pane (si nno’ nun vale), l’infornatore tira la parata der forno, se pija in braccio la cratura, e la passa pe’ ttre vvorte davanti ar forno, dicènno ogni vorta che cce passa:

Sfàmete, lupa!

13. — Pe’ gguari’ da l’ongina4.

Pijate ’na ranocchia e un po’ de mortella, pistatele tutt’assieme insino a ttanto che vve viè’ ccom’un impiastro o ’na specie de bbattuto.

 St’impiastro poi appricàtevelo bbene intorno ar collo e tienétecelo pe’ vventiquattr’ora.

14. — Contro le ’moroide5.

Comprate un po’ de ggèsso de Genova e ffatelo bbullì’ drento ’na certa quantità d’acqua. Quanno quer gèsso è addiventato come una specie de fanga, appricatevelo sopra la parte e gguarirete.

Oppuramente comprate tre oncia de bbutiro, un puzzonétto6 nôvo o ddimo una piluccia de còccio, poi pijate una ranocchia viva e mettetela in de la pila a ffrigge insieme ar butiro. Fritto che hanno mettetece drento un sordo d’occhio de grancio7.

Quanno s’è ttutto bbene arifreddato, vie’ come ’na mantèca, che cce s’àpprica e sse strufina sopra a le moroide.

Sibbè’ ch’er mejo arimedio ppiù mmijore de tutti pe’ scongiurà’ er malanno de le ’moroide, è dde portasse ’gni sempre in saccoccia una bbôna castagna porcina8.

15. — Contro li ggelóni.

Bagnateveli bbene bbene cor piscio callo, prima de ficcavve in de’ lletto. Fatelo pe’ quattro o ccinque sere de seguito, e vvederete che vve se passeranno.

 

Pe’ gguarì’ li ggelóni fa puro bbene un impiastrino de marva cotta, o dde sarvia, oppuramente d’ajo pisto, o de mele cotte, de fravole mature o de farina de céci.

Puro a ontalli cor ségo ce se prova rifriggerio.

 

Si ppoi ve volete fa’ ppassà’ quer rosore che ddà ttanto torménto speciarmente a le crature, la sera prima d’annà’ a lletto, mettete a scallà’ un po’ d’acqua, e poi mettetece li piedi a mmòllo per una diecina de minuti.

Vederete che mmanosanta!

15. — La cura a li denti.

Pe’ presevvalli da le cariatide1 e dda qualunque antro malanno, sciacquàteveli matina e ssera cor piscio callo. Er piscio serve puro a mmantienelli bbianchi e ppuliti.

Je fa puro bbene la povere der pane abbruscato, quella der carbone pisto, la cénnere der sighero o er bicarbonaro in porvere.

 

Pe’ ffasse passà’ o ccarmà’ lo spasimo che ddanno li denti cariati, fa bbene a mettecce sopre un mozzone de sighero, o a sciacquasse la bbocca co’ ll’acquavita.

 

Un antro rimèdio, che ffa una mano santa, è questo:

Pijate un osso de pèrsica, mettételo su la cennere calla a riscallà’, e ppoi mettétevelo in bocca da la parte der dènte che vve dóle, e vvederete ch’er dolore ve se carma.

Sibbè’ che ll’unico arimedio, quanno queli bboja dènti dòleno, è d’annà’ da padre Arsènigo2 a San Bartolomeo all’Isola, e de fasse mette’ la radica ar sole3. (Vedi: Pe’ guarì’ la tignola à li denti. N. 110).

17. — Pe’ ffasse passà’ er singózzo4.

Bevete sette sórsi d’acqua senza mai aripijà’ ffiato; e a ’gni sórso dite a l’imprescia a l’imprescia:

 

«Singózzo, singózzo

Vattene in der pózzo

In der pózzo e in de la funtana,

Ner core de chi mm’ama.

Si mm’ama se lo tiènga;

Si nun m’ama m’ariviènga».

 

Oppuramente pijate un tòcco de zucchero, mettétece sópre du’ gócce d’acéto, masticàtelo bbene e poi ignottìtelo.

Er singózzo lo fa ppuro passà’ un sarto de pavura a ll’improviso.

18. — Contro la sciàtica.

Pe’ gguarì’ da la sciàtica coprìteve infinenta che nun ve passa, tutta la parte ammalorcicata, co’ lo schertro1 der somaro, o der bôvo.

C’è ppuro invece chi cce s’àpprica sur dolore le tevole der tetto prima infócate e poi invortate in d’una pezza de lana.

E cchi cce mette sopre un impiastro d’una certa erba che mmo’ nun m’ aricordo ppiù ccome se chiama.

19. — Contro le “Porcherie„2.

Se’ chiàmeno porcherìe (resìpole) perchè si uno, sarvognóne, s’azzarda sortanto a smentuvalle, se le pô ffa’ vvienì’; e si uno già cce l’ha avute, je pônno subbito aritornà’.

E èccheve come se cureno.

Se ségneno pe’ ttre ggiorni de séguito co’ la féde bbenedetta (l’anello nuziale), e in der mentre se ségneno sé dice quell’orazzione che incomincia:

 

«In nome de la Santissima Ternità».

 

’Sta funzione sé déve fa’ la mmatina e la sera, a la levata e a la calata der sole.

Sempre pe’ gguarì’ dda le porcherìe medéme, fa una mano santa a affacciasse la mmatina e la séra ar bucio der loco commido: e la mmatina dije: Bôna sera; e la sera dije: Bôn giorno.

O anche sturà’ er loco medémo e stacce cór grugno sopre, infinenta che uno ciarisiste.

Porcherìa scaccia porcherìa.

Pe’ la resìpola fanno puro bbene le bbevanne de cremor de tartero, oppuramente quelle de marvóne e semprevivo mischiati insieme.

A ppreposito de ’ste bbevanne, nun me vojo scordà’ de dì’, che ’ste bbevanne medéme, ortre a gguarì’ la resìpola, guarischeno un antro sacco de malanni.

Farete dunque bbene a ttienè’ a ccasa, sempre pronti, tanto un po’ de’ crimor de tàrtero, quanto un tantino de marvóne e de semprevivo, e a la prima circostanzia, fanne uso.

Un antro arìmedio che ffa ppuro bbene assai contro la risìpola so’ li lavativi d’acqua de capomilla3 e dde fónghi.

A ppreposito de lavativi, tieneteve bbene a la mente che:

«Dieta e sservizziali,

Guarìscheno tutti li mali».

20. — Pe’ nun fa’ spellà’ la schina a cchi sta
in un fónno de letto.

Pe’ nun fa’ spellà’ la schina a quelli poveri ammalati incurabbili condannati a sta’ in d’un fónno de’ letto e ssempre in d’una posizzione, bbisogna metteje sotto a’ llètto u’ recipiènte quarsiasi pieno d’acqua calla bullita cor sale grosso.

Ortre a nun faje spellà’ la schina, quell’acqua cura puro li decûpise4 che vviengheno a queli poveracci che stanno, come dicevo, sempre in d’una medema posizione.

21. — Pe’ li dolori de panza.

Beveteve un par de déta d’ojo d’uliva drento un mezzo bicchiere d’acqua de marva e vvederete che ddoppo un tantinèllo li dolori ve se passeranno.

Fa puro bbene a allongasse su’ lletto a bbocca sótto.

 

Fate bbullì’ assieme un po’ dd’orzo e ssémmola; poi mettetece drento un’oncia d’ojo de riggine1.

Bevétela la mmatina a ddiggiuno e li dolori ve se passeranno.

’Sto medémo rimedio fa ppuro bbene p’er male d’urina; sortanto che vva bbevuto co’ ll’acqua de gramiccia.

 

Però si finènta che ccampate nun volete mai soffrì’ de dolor de panza, èccheve u’ rimedio sicuro e cche nun ve costa gnente.

Quanno sémo a li primi der mese de Marzo, ècco sì che ccosa avete da fa’. Pijate e arotolàteve pe’ quattro o ccinque vorte per tera, anche vestito come ve trovate, e state puro sicuro che infinènta che nun ve n’annate a barachaimme2 nun soffrirete ppiù nemmanco d’un dolor de panza.

22. — Contro li dolor de réni.

Comprate un sordo o dua de lardo de pórco maschio, strufinàtevelo bbene e pper un ber pezzetto su la parte che vve dôle, e vvederete che ddoppo un po’ dde tempo ve sentirete arifiatato.

Va con sé, che avete d’avè’ ccura de coprivve li réni co’ ’na pezza de lana ariscallata.

23. — Pe’ gguarì’ da le Pannarice3.

Precuràteve un tantino de tàrtero de bbótte, poi comprate un bajòcco d’éllera, e ffàteli bbullì’ assieme, drento a una piluccia de còccio.

Bullito che hanno fateli sta’ tutta una nottata de fôra de la finestra, a la seréna4.

La mmatina appresso, a ddiggiuno, sciacquateve la pannarice co’ quela bbullitura; e a ccapo a tre o quattro ggiorni de ’sta cura, guarirete.

24. — P’er male a la Mirza.

Bisogna portà’ la persona che è ammalata de mirza in d’un sito andove lei nun ce sii5 mai passata. Come presempio in quarche parte de la Campagna romana.

Arivati che ssaréte llì, l’ammalato deve fa’ dda sé un bbella bbucia pe’ ttera.

Un passo addietro. Me so’ scordato de divve che l’ammalato se deve portà’ co’ ssé un ber pèzzo de mirza de vaccina.

Fatta dunque che ha la bbucia che vv’ho ddetto, l’ammalato ce deve mette drento da se, quer pezzo de mirza che ss’è pportato; poi deve aricoprì’ la bbucia co’ la stessa tera; e una vorta cuperta ce deve fa’ ssopre una bbôna pisciata.

In pochi ggiorni, doppo fatto ’st’arimedio, state puro certo ch’er dolore a la mirza je passerà der tutto.

25. — P’er catarro intestinale.

Annate dar sempricista e ffateve da’ ddodici bbajocchi de scorza de semirubba.

Comprata che l’avete, fatene quattro parte, perchè ’sta cura se deve fa’ ppe’ quattro ggiorni.

Precuràteve un puzzonetto de coccio nôvo o ppiluccia che ssia, mettetece drénto un mezzo1 d’acqua e una parte de la scorza, e ffateli bbullì’ ar fôco, insinenta che dde quell’acqua ce n’arimànino tre o quattro déta.

Mettétela la notte a la seréna, e bbevétevela la mmattina a ddiggiuno, pe’ quattro, ggiorni; ma un giorno sì e un giorno no.

State bbene attenta però che la pila sii de còccio si nno’ nun vale; e a ccapo a li quattro ggiorni de ’sta cura, chiamàteme bboja si nun ve guarirete.

26. — Contro li Pòrri.

Pe’ llevasse l’incommido de li pòrri nun ce vô gnente.

Annate dar pizzicarôlo, comprate un ber pézzétto de códica, e strufinàtevece bbene bbene tutti li pòrri che cciavéte sii pe’ la vita che pp’er viso.

Fatta ’sta funzione pijate quela medema códica e annatela a bbuttà’ in d’un sito, indove, doppo che cce l’avete bbuttata, nun ciavete da passà’ ppiù in tutto er tempo de la vita vostra; perché si cce passate li porri v’aritorneranno e nun ve passeranno ppiù.

Quanno poi quela códica medema che v’ha sservito se sarà seccata der tutto, allora li porri che ciavete ve se ne cascheranno da sé.

Si nnó strufinàteve sopra a li porri un cécio o un faciolo che ddev’èsse rubbato, si nnó nun vale; eppoi bbuttatelo in der gèsso2.

 

C’è ppuro chi li lega cor un’accia de filo de seta crèmisi (attenta bbene ch’er colore sia cremisi!) infinènta che nu’ jé sé seccheno e ppoi jé càscheno da loro.

 

Un antro arimèdio pe’ fa’ spari’ li porri è quello de daje un’abbagnatina pe’ ddue o ttre vvorte co’ quer sangue de quanno la donna cià le cose sue.

 

Oppuramente comprate un mazzétto de radicétte (ravanèlli) e strufinatevele bbene su li porri diverse vorte e ppe’ ddiversi ggiorni. Quanno ve sete servìto de quer mazzetto, mettetelo a sseccallo ar sóle.

Una vorta seccate le radicétte, puro li porri se séccheno e vve càscheno.

27. — Pe’ gguarì’ ddar pallone3 o guàllera che ssia.

Pe’ ffa’ ppassà’ er pallóne a le craturélle in fasciola, la prima cosa è dde metteje subbito er cintarèllo o un sospensorio.

In der medemo tempo però, bbisogna che la madre che l’allatta, se magni, pe’ ssette o otto ggiorni in fila a la mmatina, a ddiggiuno, un spicchio d’ajo.

E in poco tempo, state puro certi, ch’er pallóne piano piano je s’aritira e je sparisce.

 

A le persone granne je fa bbene a appricàccese sopre, pe’ ’na quinnicina de ggiorni, un impiastrino de péce da carzolaro.

28. — P’er lattime.

Pe’ gguarì’ e’ llattìme a le crature ecco come se fa.

Se compra da ’na cicoriara un sòrdo d’erba minchiona (?), se fa bbullì’, e poi quell’acqua se dà pe’ bbocca a la cratura ammalata.

Sta cura che vv’ha ffatta pe’ quaranta ggiorni de seguito, la guarisce de sicuro.

29 . — Contro l’aridropisia.

Fateve dà’ ddar sempricista quela ràdica (che nun so ccome se chiama) che ccià ll’occhi, er naso, la bbocca, le bbraccia, e le gamme come un cristiano1, fatela bbulle in d’un puzzonetto de còccio, pieno d’acqua, bbevetevela pe’ ’na ventina de ggiorni, la mmatina a ddiggiuno, e gguarirete.

30. — Pe’ le scrófole.

Pijate un po’ de schertro2 de bbove ffrésco, mettetece un po’ dd’acéto, facennóce come un impiastro.

Fatto questo, spannétene un po’ sopra una pèzza, e appricàtevelo su le scrófole.

Doppo diverso tempo che cce lo tenete, cambiànnolo, se capisce, de tanto in tanto, vederete che le scrófole ve guariranno.

A preposito. ’Sto medemo impiastro de schertro de bbove fresco co’ l’aceto è ppuro bbôno per ammorbidì’ gónfiori, bbòzzi, bbobboni, pedicèlli, eccètra, eccètra.

31. — Contro li gonfiori, li bbòzzi3 e le ferite.

Ammalappena una persona riceve una bbastonata, un pugno, o anche una ferita, llì ppe’ llì, je fa subbito bbene a mmettecce una bbrava chiarata d’ovo sbattuto, oppuramente un po’ d’amido fatto a impiastro o un po’ dde strutto sopra un pezzo de cartastraccia.

Jé fa ppuro ’na mano santa a appricacce er cerume de l’orecchia, o anche un impiastrino fatto co’ la porvere da sparo e ll’acquavita.

Anzi giacché v’ho smentuvato la porvere da sparo, bbisogna che vv’avverti che u’ rimedio mejo pe’ guarì’ ortre a li bbòzzi, li gonfiori, ecc., puro li sfoghi de la pelle e tanti antri malanni, nun se trova.

32. — Er Barsimo der Sudario. — Le Bbrugne de Cesanèlli.

’Sto bbarsimo che se chiama der Sudario perché da tanti anni se vénne a Roma in via der Sudario, da un cèrto Pàperi che l’ha inventato, è una mano santa pe’ gguarì’ quarsiasi ferita, bbozzo, pannaricia, bobbone, giradétto, pedicèllo, accojitura, ecc., in quarsiasi parte der corpo.

Bbisogna insomma provallo pe’ ppersuvadesse sì cche mmiracoli è bbono a ffavve vede.

 

Le Bbrugne de Cesanélli ereno certe bbrugne purgative inventate dar sor Cesanèlli, un bravo spezziale che anticamente ciaveva la fermacia a la Ripresa de4 Bbarberi.

A ttempo mio a cchi je stommicava l’ojo de riggine, la sènna-e-mmanna o quarch’antra purga, annava da Cesanèlli, se mannava ggiù una bbrugna de quelle o anche dua, e era bbello che ppurgato.

33. — Pe’ gguarì le gràndole.

Precuràteve quell’erba a mmazzettini che ffa ppe’ li tetti, e cche se chiama, me pare, la Pimpinélla. Poi pijate una fétta de lardo e ppistatela bbene bbene assieme a quell’erba.

Una vorta pistati, fateli suffrigge in d’una padèlla E cco’ quer grasso che càcceno ognétevece bbene le grànnole o dder collo o d’antro, insinenta a ttanto che le grànnole nun ve se guarischeno.

 

Oppuramente pijate un po’ dde merollo de crastato e un tantino d’erba cicuta, fateli scallà’ a ffôco lènto lènto; poi passateli drento una pezza de bbucata, e riponeteli in d’un bicchierino.

La sera, prima d’annà’ a lletto, ognétevece bbene le grànnole, e appricatece sopre un bajocco o du’ bbajocchi de rame per ognuna.

Seguitanno pe’ diverso tempo ’sta cura, nun solo le gràndole ve se n’anneranno via, ma nun ve schiopperanno nemmanco.

34. — Pe’ ffa passà’ l’etirizzia o male de fegheto.

 Pe’ gguarì’ da l’etirizzia, voi nun avete da fa’ antro che dde damme udienza a mme, che cce n’ho guarite tante che mme so’ arimaste disubbrigate de la vita.

È ’na cosa da gnente. Domani a mmatina pijate un ovo fresco vivo, poi agguantate una cìmicia e bbell’e vviva come se trova, schiaffàtela drento a ll’ovo, e bbevétevelo a ddiggiuno.

Nun me chiamate ppiù ccommare, si ddoppo domani, l’etirizzia nun ve s’è ppassata!

 

Oppuramente fate bbollì’ un po’ de gramìccia, de terra fojola de tartero, e de cicoria de rebbarbero. De ’sta bbullitura bbevetevene un cucchiarino ’gni ora pe’ quarche ggiorno, e vvederete ch’er male ve se passerà.

35. — Pe’ l’infiammazzione der corpo.

’Sta cura fa bbene tanto pe’ le crature che ppe’ la ggente granne.

Pijate dunque un ber pezzo de rete de castrato, appricatevela sur corpo, e ccercate de tienéccela pe’ ddue o ttre nnottate che l’infiammazzione ve se passerà.

 

Oppuramente fate bbullì’ assieme un po’ dd’orzo e un po’ dde sémmola. Bullito che hanno sversatelo in un bicchiere indove ce sii un’oncia d’ojo de rìggine, e bbevetelo.

Per un regazzino la metà de ’sta bbevanna abbasta.

36. — Pe’ la sdilombatura.

Bisogna che l’ammalato se metti steso lóngo a ppanza per aria sopra a ’na tavola da letto che starà appoggiata a li du’ capi su ddu’ zoccoli o ddu’ ssediole bbasse.

Intratanto ch’er malato stà accusì steso longo, una femmina che nun sii però ni una su’ parente, ni una donna de casa de lui, se deve arzà’ un tantinello la vesta, e sse deve mette a ccavallo a la tavola indove stà er malato, e ddritta in piede i’ mmodo che ppossi camminà’ in in su e in in giù.

Fatta ’sta funzione, se deve arivortà’ ar pazziente che ccià ssotto ar cavallo, e ssempre camminanno in su e in giù, je deve di’ ’ste parole precise:

DONNA — Omo perchè tte sdilombassi?

OMO — E ttu perché accoppiassi?

DONNA — Perché ppiacque a la Vergine Maria: che che ’sta sdilombatura le se ne vadi via.

‘Sto rimèdio è ttanto mai sicuro che nun passa er giorno che uno l’ha ffatto che ggià nun se senti mejo.

Er giorno appresso poi pô sta’ ppuro certo che si stava a’ lletto s’arza e se ne pô ppuro annà’ p’er vantaggio suo.

37. — Pe’ stagnà’ er sangue ch’esce dar naso.

Ce so’ un sacco d’arimedi uno mejo de ll’antro.

Se fa una croce cór un zéppo e sé mette in testa a la persona che j’èsce er sangue dar naso.

Oppuramente co’ la féde (l’anello nuziale) je se ségna una croce in testa.

 

O anche sé fa mmette la persona che ccià er sangue che je cola dar naso, su le punte de li piedi, e cco’ le du’ mano arzate e arampicate ppiù cche pô ssu p’er muro, insino a ttanto che nu’ je sparisce er sangue.

 

Certe vorte er sangue se stagna arzanno su le du’ bbraccia.

Presempio: si er sangue ve viè’ ggiù dda la fròcia dritta s’arza su er braccio dritto; s’invece ve cóla da la fròcia mancina allora arzate er braccio mancino.

 

Fa ppuro bbene a cchi je cóla er sangue a bbuttaje a ll’improviso un po’ dd’acqua fredda de dietro ar collo.

Quell’impressione je lo stagna in sur subbito..

38. — Gravidanza, Parto, Voje, Pericoli, ecc.

Tanto la gravidanza come er parto vanno co’ la luna, ossia cor calà’ o ccor cresce de la luna.

Quanno a ’na donna jé vièngheno sforzi de’ stommico, la mmatina appena arzata, o ggiramenti de testa o la sputarèlla1, oppuramente antri disturbi, allora s’accorge d’esse arimasta incinta.

Allora bbisogna che stii bbene attenta a ttante cose che ppàreno sciocchezze, e invece so’ ccose serie pe’ ddavero.

 

Presempio, quanno jé viè’ vvoja de magnà’ quarche ccosa, bbisogna che se la manni a crompa e sse la magni subbito; si nnó, pô abbortì’ o ner peggio caso quanno partorisce fa’ la cratura cor segno o su la faccia o sur corpo, de la voja che llei nun s’è llevata.

Anzi er segno de la voja je viè’ ar posto priciso der corpo indove la madre scavusarmente se’ tocca co’ la mano mentre je pija la fantasia e cche nun se la lèva.

 

Stii a la lèrta la mmatina malappena s’arza, pe’ pprima cosa, de nun guardà’ quarche mmostro o quarche ppersona bbrutta, si nnó (in der primo mese de gravidanza speciarmente), quanno la cratura nasce je poterebbe arissomijà’.

Apposta, massimamente in cammera da letto, de le primaròle2 ce sta bbene quarche bbella pupazza o quarche bber quadro, i’ mmodo che la mmatina, appena sveja, je ce vadi l’occhio.

Senza contacce poi che la vista d’un ômo bbrutto e sformato je poterebbe fa’ ttale impressione da falla abbortì’.

 

Un’antra cosa. Siccome quanno la donna è ggravida, deve fa’ quarche ccascata de sicuro in de la gravidanza, sii pe’ le scale o in antri siti, stii bbene a la lerta quanno cammina indove mette li piedi, e vvadi, come se dice, co’ ll’ojo santo in saccoccia.

 

In de la gravidanza cerchi de nu’ sta’ mmai co’ le gamme incrociate, si nnó a la cratura je se pó intorcinà’ er budello intorno ar collo.

 

In der nono mese de gravidanza, affinchè er parto rieschi bbene, speciarmente si è pprimaròla, la donna incinta deve annà’ da li frati de la Ricéli a ffasse bbenedì’ la panza dar Santo Bambino ch’è ttanto miracoloso.

E appena è entrata in der mese se deve caccià’ ssangue.

39. — Si ffarà mmaschio o ffemmina, ecc.

Si la donna quann’è ggravida cià la panza pizzuta allora fa un fijo maschio de sicuro.

Lo dice infinenta er proverbio:

Panza pizzuta, fijo maschio.

 

S’invece cià la panza tónna allora farà una fija femmina.

E una femmina farà ppuro, si in der tempo de la gravidanza je seguiterà a ddôle uno de li fianchi.

Sibbè’ che un proverbio antico nostro dichi:

«Carne inzaccata,

Mar giudicata».

 

Si la donna gravida magna assai minestra, farà un fijo co’ la testa grossa.

 

Le donne che sòffreno de bbrucior de stommico, fanno li fiji cor un sacco de capélli.

 

Si a la cratura ch’è nnata, dedietro a la capoccétta je ce trovate un ciuffétto de capélli fatto a ppizzo, è ssegno che un antro fratelluccio che je vierà’ appresso sarà de certo u’ mmaschio.

 

40. — Er parto.

Le primaròle1 speciarmente, ariveno indificirmente a ffinì’ le nove lune; e, nnove casi su ddieci, tutti li parti se fanno sur fà’, sur calà’ dde la luna, o a lluna piena.

 

Ammalappéna jé pijeno le dòje, bbisogna accènne la làmpena d’avanti l’immaggina de S. Anna che sse deve tienè’ ssur commó in cammera de la partorènte.

 

Mentre stà cco’ le doje, è mmejo ch’er marito stii, si nnó ppropio in cammera, armeno drento casa, accusi llei sta’ ppiù ttranquilla e ppartorisce mèjo.

 

Ammalappéna ha ppartorito, pe’ nun daje dispiacere, è mmejo che cchi l’assiste (e le mammane lo sanno tutte) nu’ je dichi llì ppe’ llì, si ha ffatto maschio o si ha ffatto femmina; perché si er fijo nu’ j’è nnato o ffemmina o mmaschio come la partorènte lo desiderava, je pó ffa’ mmale.

41. — Doppo partorito. — La frebbe der pélo. —
L’uscita in Santise.

Doppo er parto, a la partorènte, je’ viè’ la frèbbe der pélo, ossia la frèbbe de la separazione der latte o der calo der latte.

Sicché lei deve stà uno o ddue giorni senza magnà’; se deve purgà’ có’ ll’ojo de rìggine, e ddeve sta’ cco’ le gamme incrociate pe’ ppavura de li córsi de sangue.

Pô mmagnà’ quarche mminestra de pan grattato e bbeve, quanno ha sséte, antro che acqua panata.

 

C’è cchi ffra lletto e ccammera stà quaranta ggiorni prima d’uscì’ dda casa; ma queste so’ ccaricature de le signore.

Quanno la donna ch’ha ppartorito stà a lletto cinque o ssei ggiorni, j’abbàsteno e j’avànzeno.

A la cosa invece che ddeve sta’ bbene attenta, insino che nun passeno li quaranta ggiorni, so’ le puzze de quarsìasi ggenere che je metteno in pericolo la vita.

Apposta è mmejo che in cammera sua ce sii sempre pronto un ber vasétto de matricala1, e la partorènte ne deve tiené’ ssempre quarche frónna in de le fròce der naso.

 

La prima vorta che la donna esce da casa, doppo partorito, deve annà’ in chiesa a ppurificasse. Er prete la bbenedice co’ ll’acqua santa; e llei ringrazzia la Madonna e Ssant’Anna de la grazzia che j’hanno fatta e j’offre una cannéla.

St’uscita de la provèrpera co’ la visita a la cchiesa, se chiama l’uscita in Sàntise.

42. — Chi nnasce affortunato.

Si la cratura nasce co’ la camicia è sségno ch’è nnata affortunata.

Allora quéla camicia nun bisogna perdéjela; sì nnó jé sé perde la furtuna. Jé sé lèva, sé piega bbène, sé mette in d’una bborsettina, e je s’attacca ar collo cor una féttuccia i’ mmodo che ssé la porti co’ ssé insinènta che ccampa.

 

A le femminucce, pe’ ffa’ i’ mmodo che quanno so’ ggranne siino affortunate pijanno marito, c’è un rimédio spiccio spiccio.

Jé sé dà ’na bbona inzuccherata fra le gammétte (propio, pe’ ccapisse, sotto ar cavallo). Accusì quanno so’ ggranne, l’ommini jé vanno apprèsso come le lape, e ttroveno subbito a mmaritasse.

Tanto vero che a quele regazze che ssé mariteno prèsto e bbene, je se dice pe’ pprovèrbio: Eh cche ciai mésso er zucchero, ciai messo?!.

43. — Er Battesimo.

Bbisogna portalli a bbattezzà’ ppiù ppresto che sii possibbile.

Er primo fijo s’ausa a pportallo a bbattezzà’ a San Pietro.

Mentre se bbattezza er compare o la commare ner di’ er Crédo, bbisogna che stii bbene attenta a nu’ sbajasse; perchè si sse sbaja, quela póra cratura in vita sua sarà ttormentata da le streghe.

44. — Doppo er Battesimo.

Ammalappéna la cratura è stata bbattezzata, abbadate bbène de nun bacialla su la bbocca, perchè si nnó soffrirà ssubbito de vèrmini.

La mammana in de’ riconsegnà’ la cratura a la provèrpera je deve di’:

«Me l’avete dato pagano

E vve l’ariconségno cristiano».

45. — Pe’ ttieneje lontano l’occhiaticcio
o er malocchio che sii.

Je s’attacca subbito ar corpettino de la spalla a dritta una catenella d’argento cór pélo der tasso, er cornetto, er campanèllo, pe’ ttieneje lontane le streghe, ecc., e la ciammèllétta d’avorio, indove la quale la cratura ppiù in i’ llà, ce s’acciaccherà e cce se roderà le gengive ar tempo de la dentizzióne.

A la medema catenèlla ce s’attacca pure un agnns-deo1, che sserve a tteneje lontani tutti li malanni.

46. — Cure che s’hanno d’avè’ a le crature.

Nun bisògna mai bbacialli sur collo si nnó je se fa pèrde er sònno.

 

La prima cosa che je se’ déve dà’ ppe’ ppurga è la savonèa.

 

Insinènta che la cratura nun finisce un anno d’età, nun bisogna spuntaje l’ógna a le detine, si nno quanno so’ granni divènteno lombétti2.

 

Sino che nu’ spunteno er primo dènte, nu’ jè se deve mette, anche pe’ ruzza, un cappèllo da òmo in testa, si nnó li denti je vieranno néri e radi.

 

Er sangozzo jé fa ccresce er core, e er pianto jé fa bbèlli l’occhi.

 

A le crature nun bisogna menàje in testa co’ le canne; nun bisogna faje traversà’ da ’na parte a ll’antra li tavolini; nun bisogna fàsseli passà’ fra le gamme; e nun bisogna pesalli, si nnó artrimenti, cureno e’ rìsico de nun cresce de statura.

 

Quanno sé loda una cratura e che ppresempio je sé dice: Come stà ggrassa e ggrossa; come stà bbene, ecc. ecc., bbisogna puro aggiuntacce: Che Ddio la bbenedichi, si nnó je se pó ffa’ er malocchio.

 

Quanno fanno la cacca per tera, in der fà’ la pulizzia, nun bisogna bbuttacce la cénnere sopra, si nnó, povere crature, jé viè’ la sciòrta.

47. — Pe’ ffa’ ssi cche pparlino bbene e svérti.

Ecco quello che ss’ha dda fà’.

Er primo pidocchio che je s’acchiappa su la testina, si la cratura è ffemmina, je se deve acciaccà’ su la padèlla; si è mmaschio je s’acciacca sopra er callaro. Si pperò uno jé ló sfragne sopra una moneta d’argènto, è mmejo perchè accusì quanno so’ ggranni, ciaveranno la voce forte e bbella.

48. — Allattaménto.

Quanno du’ donne allàtteno, e cche una de loro in der magnà’ e bbeve, l’offre a quell’antra, e quélla accètta; a quella che s’è llevata er magnà’ jé sparisce e’ llatte.

Avviso a le donne che allèveno!

 

Un proverbio nostro dice:

«E’ llatte vié’ ppe’ le minèstre,

E nô ppe’ le finestre».

Vorebbe ciovè intenne che la donna che allatta bbisogna che sse nutrischi bbene.

Si a le vorte la donna che allèva cià ppoco latte, ecco come se lo pó ffa’ ccresce:

Va ar convento de li Cappuccini, arimèdia un po’ dde queli tozzi che j’avanzeno a ttavola a li frati, se li porta a ccasa, l’ammolla bbene in de ll’acqua, e sse li magna.

E ddoppo vederà’ ccome jé cresce e’ llatte!

Quanno la cratura in de lo zzinnà’ mozzica er caporèllo a la madre, è un brutto ségno. Quanno sarà granne sarà’ cattivo e bboja; sicché insinènta che ccresce bbisogna tienello d’occhio.

Nneróne infatti perchè addiventò un Neróne? Perchè quanno zinnava, nun faceva antro che mmózzicà’ er caporèllo a quéla poveraccia de la madre!

49. — Dentizzione, Infantijoli, ecc.

Quanno la cratura principia a spuntà’ li dentini, allora soffre o dde calore o de stitichezza, e ccerte vorte puro de vormijoni o infantijoli1 che siino. Sarà poi strana tanto de ggiorno che dde notte.

Bisogna avecce allora una gran pacenza; e ffaje tutte le cure che sso’ dder caso.

Si presempio le crature spunteno li denti a quattro o ccinque mesi d’età, nun è ttanto bbon ségno; perchè er proverbio dice:

«Chi ppresto addénta

Presto sparènta».

 

Pe’ scongiuraje l’infantijoli je fa una mano santa l’acqua de Piedemarmo, che a ttempo mio se venneva a la fermacia de li Domenicani in via de Piedemarmo2.

Quanno la cratura stà sbattuta assai je se dà ogni tanto un cucchiarino de quell’acqua che jé fa ’na manosanta.

 

Un’antra cosa che ppuro jé fà bbene assai e cche io la proferisco a ttutti l’antri arimèdi è questa.

Ammalappéna la cratura è nnata, dàteje pe’ bbocca una góccia de sangue de tartaruga, e vvederete che cco’ llei l’infantijoli nun ce l’appònno ppiù infinènta che ccampa.

50. — Quanno se déveno slattà’.
Pe’ mannà’ vvia e’ llatte a la madre.

Quanno la cratura ariva a ttoccasse cor piedino la bbocca è sségno che ss’è bbevuta un barile de latte; allora è ttempo de levaje la zzinna.

C’è cchi je dà la zzinna insino a ddu’ anni; ma nun va bbene, perchè a la cratura jé fa ppiù ddanno che antro; senza carcolà’ tutto er male che ne risènte la madre.

Dodici mesi de zzinna so’ ppiù cche ssufficienti.

 

Bbisogna slattalli o ssur principio de la primavera o ssur comincio der freddo.

E ppe’ ffaje scordà’ ssubbito la sisa bbisogna levàjela un giorno de vennardì.

Je se mette sur caporèllo un po’ dde cerumze de l’orecchia ch’è amaro, o sse tigne co’ ll’ónto de la padèlla.

Quanno la cratura se va per attaccà’ che ssènte quell’amaro, o vvede quer néro se spavènta, e je passa la voja de zzinnà’.

Se fa quarche pianto amaro llì ppe’ llì; ma ddoppo un giorno o ddua je passa e nun ce pensa ppiù.

 

S’intènne che la madre, prima de levaje la zzinna j’averà a mmano a mmano imparato a mmagnà’ la pappétta co’ ll’ojo o ccor broduccio èccetra èccetra; in modo che una vorta che j’ha llevato e’ llatte, la cratura se possi sostienè’ co’ ll’antro da magnà’.

 

Pe’ mannà’ vvia è’ llatte a la madre.

Pijate un po’ de capervènere e ffatelo bbulle assieme ar cremor de tartero.

De ’sto decotto la madre ne deve bbeve ppiù che j’è ppossibbile, e ne vederà l’affetto1.

Se capisce che in der frattempo deve magnà’ poco: gnente maccaroni e gnente carne, antro che erba.

 

Pe’ llevasse poi l’infiammazzione a le zzinne, pijate un po’ dde fiori de sambuco, un po’ de riso e llatte. Fate bbulle tutt’assieme, insino che diventa come ’na pulentina. Allora mettetece anche un cinìco de bbutiro e ognétevece le zinne e er caporello, insino a ttanto che nun ce trovate mijoramento.

51. — Ora de daje li piedi.

Quanno la cratura ariva a ttoccasse li piedini co’ le manine, è sségno ch’è vvienuta l’ora de daje li piedi, ossia de levaje l’infascio e dde carzalli e vvestilli.

 

Anche li piedi s’ausa a ddajeli o sur comincio de la primavera o de l’avutunno.

 

Una bbôna occassione pe’ ddàjeli, è er giorno der sabbito santo, propio in der momento che sse sciójeno le campane.

52. — Li santi protettori de le crature.

Quanno so’ grandicelli li regazzini so’ protètti da Santa Pupa; ma quanno so’ cciuchi da latte er protettore de loro è San Todoro, che a Roma veramente lo chiamamo Santo Tòto.

Sicchè ammalappena se sènteno male, povere anime de Ddio, portalle subbito in chiesa a Ssan Todoro, e ffalle bbenedì’ co’ la relliquia der Santo, è dde ppiù che un dovere de la madre.

Tanto ppiù che San Todoro ortre a le crature da latte, protegge puro le donne che allèveno.

53. — P’er calore e la stitichezza de le crature.

Pe’ gguarì’ er calore e la stitichezza a le crature, comprate un sordo de trippétta de quella che sse dà ar gatto; fàtela bullì’ in de ll’acqua per un’oretta e ppoi fàtejece li lavativi.

Quell’acqua je porta via er calore, e je rènne ubbidiente er corpo.

Le femmine speciarmente soffreno ppiù de calore de li maschietti, perchè quanno nascheno, se porteno via tutto er maruvano der calore che ccià in corpo la madre.

 

Pe’ cchi va stitico, sii ômo o donna d’età, je fa una mano santa la triaca.

 

54. — Quanno je dole lo stommicuccio.

Quanno la cratura ha ppochi mesi, è assai facile ch’e’ llatte je s’ammalloppi su’ lo stommicuccio e je l’imbarazzi. In ’sto caso lei piagne e sse stranisce perchè nun pó diliggerì’. Allora mettete a scallà’ un par de déta d’acqua cor un po’ dde zucchero, dàtejene quarche ccucchiarino, e vvederete che vve se quieterà, perchè quell’acqua je farà ppassà’ l'indiggestione.

 

Per infortille, le crature, e anche pe’ ttieneje lontani li vermini e ttanti antri malacci, nun è mmarfatto a ttieneje ar collo una collana de spicchi d’ajo.

L’ajo, diceva la bbon’anima de mi’ nonna, ce sarva da mille malanni.

55. — Pe’ la Rufa che viè’ in testa a le crature.

Quela rufa che je fa in testa, poveri ciuchi, è mmejo a nu’ llevàjela; perchè si nnó je se pô fa’ ddanno ar cervelletto.

Pe’ ffàjela ammollà’, je s’ógne tutte le mmatine cor un po’ dd’ojo de mmànnola dórce.

Poi quanno er cervèllo je se chiude, quela rufa se sécca e jé casca da sé.

 

Oppuramente se pijeno un po’ de foje de persica e se fanno bulle in dell’ojo d’ulivo drento a ’na piluccia.

Quanno quele foje se so’ ingiallite se bbutteno, e cô quell’ojo ce s’ogne la cratura su la testa la sera e la mmatina.

56. — Pe’ ffà riposà’ le crature.

Se pija un spicchio de papàvero — nun più dd’uno — jé sé lèveno li sémi, e sse mette a bbullì’ in d’una piluccia, co’ ddu’ deta d’acqua e un filetto de zùcchero. C’è invece chi in cammio der zùcchero, ce mette l’ojo de mmànnola dorce, che è lo stesso.

Quanno ha bbullito, de quélo sciroppétto che sse forma, se ne dà uno o ddu’ cucchiarini a la cratura, quanno sta a lletto e cche nun pô attaccá’ ssonno.

57. — Ségno che le crature nu’ stanno troppo pe’ la quale.

Quanno a ’na cratura li capellucci de dietro a la capoccétta je sé fanno duri e arsi come la stoppa, e je stanno dritti che nu’ je se ponno guasi pettinà’, è sségno che la cratura nun se sènte troppo bbene.

Allora, bbisogna pijacce subbito ripparo.

58. — Pe’ li vèrmini a le crature.

Pijate u’ llimone romanesco, spremételo drent’un cucchiaro d’ojo bbôno, mischiatece poi un antro cucchiaio pieno de farina de grano. Sbattete tutto quanto assieme e ddàtejene un cucchiarino, a ddiggiuno, pe’ ttre mmatine.

Oppuramente je se dà la sera una cartina de santonina in un deto de vino bbôno, e la mmatina appresso un tantino d’ojo de rìggine e de màndola dórce. La santonina j’ammazza li vermini, e ll’ojo je li caccia fóra.

Je fa anche bbene quarche cucchiaro de corallina bbullita com’er caffè che je fa’ rifà’ li vèrmini a mmallòppi.

 

Sèmpre contro li vermini, je fa ppuro bbene a ffaje magnà’ la pappétta còtta co’ ll’ajo e ll’ojo.

Un’antra cosa che ppuro jé fa una mano santa è d’ontaje li porsétti, la capoccétta, le frocette der naso, er pettarèllo, er collo e er bellicolo, cor un po’ de spirito de vino tienuto in fusione pe’ ’na ggiornata sana cor un po’ d’ajo e un po’ dde cànfora drento a un puzzonetto de còccio.

Sempre contro li vermini, una cosa che mme scordavo e cche ddavero fa mmiracoli è er séme-santo1. Appena la cratura lo pija, è, sse pô dì’, gguarita. Apposta noi romani, a li fiji de li prèti jé dimo «Beati vojantri che arméno nun patite de’ vèrmini: sete de seme-santo!»

59. — Pe’ la tosse a le crature.

Se pija un sordo de ràdica d’artèra, una quarta parte d’un papàvero, un pizzico de gomma in porvere, un friccico de zucchero, e sse fa bbulle tutto assieme in d’una piluccia de còccio.

Quela bbullitura se mette in un bicchiere, ce se mischia un déto de latte, e appena messa a lletto la cratura, je se fa bbeve pe’ ttre ssére.

 

Oppuramente pijate un pezzo de carta straccia, e ccor un fèro de carzetta fateje un sacco de bbucétti; fatti questi, mettetela sur fôco a riscallà’. Quann’è ccalla ontatela bbène bbene o dde sego e dde bbutiro, e accusi panónta, appricàtela sur pettarèllo de la cratura.

A ccapo a le tre sere de ’sto rimedio o la tosse o e’ riffreddore je se passeranno.

60. Pe’ la tosse asinina o convursa de le crature.

Pijate quattro cipólle e quattro bbicchieri de latte. Fateli bbullì’ tutt’assieme i’ mmodo che de li quattro bbicchieri de latte se ne cunsumino tre e cce n’aresti un bicchiere solo.

Allora pijate una cipólla, spaccàtela; mmezza appricàtela ar collo de la cratura, e ll’antra mezza su la bbocca de lo stommico.

Co’ ll’antre tre ccipólle fateje la medesima funzione pe’ ssei ore de fila. Intanto que’ llatte je lo darete a bbeve a ccucchiarini.

Fatto ’sto rimedio me saperete a ddì’, si la cratura nun se sentirà arifiatata.

61. — Pe’ gguarì’ le crature racchitinóse.

Precurateve ’na bbôna fetta de meróllo de porco maschio, un po’ de fonnaccia de vino e mmetteteli a bbullì in d’un puzzonétto de còccio nôvo.

Quanno tutto averà bbullito bbene bbene, addiventerà com’un inguento. Allora ognétece ’gni sera la cratura a tutte le ggiunture der corpo, sino a ttanto che la racchìtine nu’ j’è ppassata der tutto.

62. — Pe’ ttrastullà’ le crature quanno se fanno male.

Avviè’ spesso che le crature, mó ppe’ ’na cosa mó per un’antra, se fanno male. O sbatteno la testina a un tavolino, o una manina, o un piedino, eccetra; o je succede quarch’antra disgrazzia; e sibbè’ cche sii cosa de gnente le sentite strillà’ (speciarmente si sso’ crature smorfiose), come anime addannate.

Allora pe’ ffalle ride e trastullalle je se pija la parte indolenzita, je se strufina sopra co’ la mano, e je se dice:

«Guariscia guariscia1,

Er gatto ce piscia

Er gallo cià ppisciato;

È gguarito l’ammalato!»

63. — Pe’ la frebbe de staggione o dde malaria.

Pijate una pila bbella granne, mettetece drento un par de bbucali d’acqua, e la coccia de’ ’na diecina de limoni romaneschi. Poi fateli bbulle insino a ttanto che dde quell’acqua se ne cunsumi ppiù dde la metà.

Poi imbottijàtela e bbevètevene mezzo bbicchiere la mmatina, mezzo bbicchiere a mmezzoggiorno e mmezzo bbicchiere la sera.

Cercate de sta’ bbene cuperti, de’ sudà’, e gguarirete.

64. — Contro le frebbe terziane.

Mettete in d’una pila un par de bbucali e mmezzo d’acqua, du’ libbre de’ erba sarvia, una libbra de rosmarino. A fforza de falla bbulle fate che in de la pila d’acqua ce ne rimani la metà.

Firtrate quell’acqua, imbottijàtela, bbevételala mmatina a ddiggiuno, e nun avete pavura de gnente.

65. — Contro le frebbe quartane.

Se fa tutto come pe’ le frebbe terziane, sortanto che invece de mettecce l’acqua, in de la pila ce se metteno du’ bbucali o ttre de vino bbôno (maa, de quéllo de la chiavétta!).

E sse ne bbeve mezza fojetta la mmatina, mezza a mmezzoggiorno, e mmezza la sera; insinenta a ttanto che uno nun sii guarito der tutto.

66. — Doppo avuta ’na bbôna pavura.

Si la pavura è stata grossa, allora bbisogna subbito fasse caccià’ ssangue. Si poi l’aresto nun è stato tanto forte allora abbasta a ppijasse una bbôna purga la mmatina appresso.

Llì ppe’ llì pperò, qualunque sii stata l’impressione, bbisogna bbevesse in sur subbito un par de deta d’acqua o mmejo de vino cor carbone smorzato.

 

Oppuramente se fa bbulle una certa quantità de corallina, come se fa er caffè, e se bbeve a ddiggiuno pe’ quarche mmatina, a le vorte però, che uno nun se sentisse mejo.

67. — Cura de li capélli.

Bisogna nun tajàsseli mai a lluna calante, che ppó ddasse er caso che nun creschino ppiù ttanto.

 

Quanno ve trovate quarche capéllo bbianco, nun ve lo strappate; si nnó per ognuno bbianco che vve ne strappate, ve ne viengheno antri sei der colore medemo.

Fa bbene a ontasseli co’ ll’ojo d’uliva o cco’ quello de mmàndola dórce, e anche cor petrojo, che j’infortischeno la radica e vve tiengheno pulita la testa da la rufa, che è la ruvina de li capélli.

 

Li capelli che, ddonnétte care, ve cascheno in der mentre che vve pettinate, è mmejo che, ppettinate che vve séte, li ridunate, li riccojete, e li bbuttate ar gèsso.

Pô ddasse er caso che ssi li trova quarchiduno che vve vô mmale ve ce pô ffa’ quarche ffattura.

Pe’ questo c’è cchi cce sputa sopre tre vvorte; e cchi ddoppo avelli bbuttati ar loco còmmido, ce piscia sopra.

 

Pe’ fa ricresce li capelli cascati pe’ mmalatia fa bbene a strufinasse la testa cor merollo de l’ossa de vitella e er grasso, bullito assieme co’ l’ojo de riggine.

 

Un antro rimedio pe’ ffa’ ccrésce’ li capelli.

Pijate una taràntola de tetto; ammazzàtela; e ffatela sta’ ppe’ ttre ggiorni ar sole. Poi mettetela in una piluccia de còccio piena d’ojo, e ffatela bbullì’.

Co’ quell’ojo ógnétevece la testa pe’ pparecchio tempo, e mme saperete a ddì, si li capelli nun ve cresceranno.

68. — Pe’ le ggengive.

La sera de la viggija de la festa de l’Ascensione, mettete una cunculina piena d’acqua fôra de la finestra, a la seréna1.

Siccome quela notte la Madònna va in giro, in der passà’ ddavanti a ccasa vostra, vve la bbenedirà.

Quell’acqua bbenedetta è bbôna, ortre che pp’er male de le ggengive (abbasta a sciacquàccesele); è bbôna, come ve dico, a gguarivve un antro sacco de malanni.

69. — Pe’ le così dette “Cose sue „.

Quanno a ’na regazza jé sténteno a vvienì’ a capo a ’gni mese le cose sue, oppuramente nu’ je vièngheno troppe regolare, je se dànno a bbeve le bbulliture d’acqua de dìttimo grèco e capomilla.

S’intenne che vvanno bbevute la mmatina prima de magnà’.

70. — Cantro er Mar caduto2.

Quanno ’sto malanno pija, sarvognone a quarchiduno, nun c’è antro che agguantallo e bbuttallo a l’improviso drento a ’na funtana o ddrento a ’na bbagnaròla d’acqua giaccia3.

Quer bagno ggelato preso a l’abborita, je fa un gran aresto de sangue e lo pô ffa’ ssubbito guarì’.

 

O anche, siccome è un malanno che sse pija pe’ vvia de quarche gran spavento, mettennoje una pavura più ggajarda, è ccapace che quer malanno je se passi.

71. — Er vèrmine der finocchio e ll’ova der Barbo.

Un proverbio antico dice:

«Dio te guardi dar malocchio,

E ddar vermine der finocchio».

State dunque bbene attenti quanno magnate li finocchi; perchè nun c’è peggio cosa che ffacci tanto male, quanto quer mazzato vèrmine.

 

Come puro quanno se màgneno li Bbarbi, queli pesci che ffanno in der fiume nostro, bbisògna sta’ bbene attenti a llevaje bbene tutte l’ova che ccianno in corpo; perchè si uno ne magna puro una sola, è indificile assai che la ’ricconti.

Tant’è vvero che un antro proverbio nostro dice:

«Chi dder Barbo magna l’ova,

Si nun môre ce fa la prova».

72. — Contro li mózzichi de le vipere.

Pe’ li mozzichi de le vipere, che ffanno morì’ in sur subbito, fa bbene a ttoccà’ o ssegnà’ la parte mozzicata, co’ la relliquia de San Domenico de Cucullo.

 

Fa ppuro bbene a ddasse subbito fôco a la parte mozzicata cor un fèro infocato; oppuramente a sciacqualla bbene bbene co’ l’immoniica.

73. — Contro li mozzichi de li cani arabbiati.

Bisogna segnasse la parte mozzicata co’ la relliquia de San Domenico de Cucullo, e sse guarisce subbito.

 

Oppuramente, sciacquasse la parte mozzicata subbito co’ l’acéto; poi pijà’ una bbôna fatta de pélo der medemo cane che vv’ha mmozzicato, mettesselo su la ferita e ffacce una fasciatura. Poi ’gni tantino lavassela e ccambiaje er pélo.

Lo dice infinènta er proverbio:

«Non me’ mózzica cane che nun me mèdico cor su’ pélo».

 

74. — Pe’ li taji a le déta.

Pe’ li taji a le deta o in quarche antro sito, nun c’è antro, prima de tutto, che de sprémésse bbene er sangue dar tajo; e ddoppo poi stagnallo co’ l’appricacce sopra una bbella tela de ragno.

 

Chi pperò sse trovasse pe’ ccaso in campagna, pô addoprà’ er sugo che ccaccia er gèrso e infasciasse la ferita co’ la scòrsa de ll’arbero medémo.

75. — Pe’ le scottature
d’acqua, de brodo e dd’ojo bbullenti.

Appena ve sete scottati pijate un pezzo de sapone de cucina e insaponàtevece bbene la scottatura.

Quer sapóne ortre a nun favve arzà’ la vessica o la bbólla, ve carma subbito er dolore.

 

Fa ppuro bbene a ógne la scottatura co’ l’inchiostro, co’ ll’ojo, cor semefreddo, ecc., ecc.

 

Oppuramente pijate un po’ d’ojo d’uliva e un rosso d’ova tosta, impastateli bbene, e quell’inguènto che ve se forma stennételo sopre una pezza de téla, e ppoi appricatevelo su la parte indove ve sete fatta la scottatura, e gguarirete.

76. — Pe’ le scottature fatte cór fôco,
cô la porvere da sparo e ccor fero infôcato.

Pijate quattro o ccinque patate, grattàtele bbene, copritece la scottatura e tienétecele pe’ ’na mezza ggiornata.

Poi pijate un po’ d’ojo, un po’ dde ségo e un po’ dde cera vergine, fatece come una pulentina, sparmàtela sopra una pezza de tela e appricàtevela sopre a la scottatura.

E, ppossi morì’ qua, si er giorno appresso nun ve sentite arifiatato.

77. — Quanno dôle er naso.

Bisogna ontàsselo bbene bbene drento e ffóra, cor butiro de cacàvo.

Si ppoi er cacàvo nun ve facessi affètto, ontatevelo co’ ll’ojo callo de’ llume.

L’ojo callo de lume fa’ bbene pe’ ccento malanni.

«Ojo de lucèrna

’Gni male guverna».

dice er proverbio; e li proverbi so’ ccome er Vangèlio.

78. — Pe’ gguarì le postème.

Quanno vé viè’ quarche ppostèma (che ppe’ lo ppiù vviengheno a l’orecchie), fàtevece scolà’ ddrento un po’ dde latte de la zzinna da ’na donna ch’allatta; poi atturàtevela cor un cinìco de bbambace e la postèma in pochi ggiorni ve sparisce.

 

79. — P’er mal de fégheto.

Propio ar punto andove sentite che vve dôle, attaccàtevece cinque o ssei mignatte. Queste ve s’attireno er sangue infètto e er dolore ve se carmerà.

 

Oppuramente fàtevece un bell’impiastro d’erba palatana1, che vve farà gguarì’ lo stesso; abbasta che cce lo tienete appricato pe’ ddua o ttre ggiorni e si occorre anche de ppiù. [Vedi e’ rimedio 34: Pe’ l’etirizzia o male de fégheto].

80. — Pe’ le còliche d’utero.

Contro le còliche, le tirature, li dolori e er calore all’ùtero fanno bbène le lavanne d’acqua de marva bbollite co’ la capomilla e un tantino de papavero.

 

Un’antra cosa che ffa bbene, è dde pijà’, a ddiggiuno la mmatina appena arzati, un cucchiaro de ojo de mmàndola dórce.

81. — La cura p’er sangue.

Ammalappena entra la primavèra, la mmatina a ddiggiuno, pe’ quaranta ggiorni de seguito, bbevete la bbullitura d’acqua de mazzòcchi o ccrescióni che siino.

Ve li potete precurà’ da qualunque cicoriara, e ccòsteno un bajocco er mazzetto. Per sangue nun c’è ccura che cce l’appò.

C’è cchi invece de falli bbulle, li pista bbene in der mortale; poi passa quer sugo drento una pezza de tela in d’un bicchiere, li fa sta’ ttutta la notte a la seréna1, e la mmatina a ddiggiuno se lo bbeve.

Invece de li crescioni, se po’ ffa’ la cura d’acqua de cicòria.

82. — P’er dolor de testa.

Se metteno li porzi de le mano intinti in d’una cunculina d’acqua giaccia, e cce se fanno sta’ un quarticèllo.

 

Si er dolore nun ve passa, mettete li piedi a mmollo drento un callarèllo d’acqua calla che abbi bbullito assieme a due o ttre ppalettate de cennere.

 

Fa ppuro bbene a bbagnasse le tempie, le froce der naso e la fronte co’ l’acéto de li sette Ladri, o anche co’ l’acéto solito abbasta che sii acéto de vino.

 

P’er dolor de testa fa una mano santa a appricasse due, tre o anche quattro ranocchie sopre la fronte, o anche sopre la testa.

Ma attenta a mettessele a ppanza per aria, perchè si nnó nun fanno affetto.

 

Come fa puro passà’ er dolor de testa l’appricàccese sopre la fronte la pelle d’una serpa.

83. — Pe’ l’ariffreddori.

Ce so’ ddiversi arimèdi uno méjo de ll’antro.

Presempio, a annàssene a lletto co’ la testa invortata in d’uno sciallo de lana e ccercà’ de fasse una bbôna sudata.

 

Bevesse la sera, in de’ lletto, un bicchiere de latte cor mièle, callo bbullènte.

O anche un ber gotto de vino bbôno, callo bbullènte che ce sii stato in fusione o e’ rosmarino o ll’erba genziana.

Coprisse de lana e ccercà’ dde sudà’.

 

Oppuramente pijà’ due o ttre rape cótte su la bbracia, capalle e mmagnàssele a ddiggiuno e ssenza sale.

 

Oppuro arispirà li sorfumiggi de la marva fatta bbullì in d’un callarello.

Ecco come. Mettesse e lletto, schiaffà’ er grugno sur callarèllo e ccoprisse testa e ccallarèllo cor una cuperta de lana.

E’ ccapace, che ccor una vorta che cce se prova, e’ riffreddore passa.

84. — Pe’ ffasse passà’ la tosse.

 Pe’ ttre mmatine a ddiggiuno bevéteve un bicchier d’acqua de seme de lino bbullito che nun c’è antra cosa come arinfresca.

 

Si nnò, pprovate a bbeve e’ llatte de gallina.

Ecco come se prepara. Pijate una piluccia, mettetece drento un po’ d’acqua, un tantino de sémmola, u’ rosso d’ovo sbattuto e un pizzico de zucchero.

Fate bbulle tutto quanto assieme; e bbevétevelo callo, prima d’annà’ a slòffe1, pe’ ttre ssere de séguito.

 

Oppuramente fate un decotto de ràdiche de rebbarbero, radiche de liguorizia e ffoje de sabbina, che a fforza de bbulle vienghi consumato consumato.

Mettétene un mezzo cucchiarino in mezzo bicchiere d’acqua che vve bbeverete pe’ ttre vvorte ar giorno; e vvederete che nun sortanto ve passerà la tosse, ma vve guarirà ppuro er catarro.

85. — Pe’ la ripienézza de stòmmico.

Si la mmatina quanno v’arzate ve sentite come u’ gnòcco in gola che vve dà smagna, e vve lèva e’ respiro, nun c’è antra cosa che dde cure subbito da l’acquavitaro, e dde fasse subbito ’na palletta de purazzo.

Farebbe puro bbene un caffè nnero rumato senza zucchero; ma ccerte vorte nun abbasta.

 

86. — Er male der Lupo Manàro2.

È un malaccio accusì bboja che Ddio ne scampi ognuno.

Pija de notte, quanno speciarmente piove e ffa ffreddo. Er poveretto che lo soffre, diventa tutto in d’un bòtto una bberva. Je s’allóngheno li capélli, e je créscheno l’ógna de le mano e de li piedi come si ffussi una bbèstiaccia. Se bbutta vicino a li pantani d’acqua, s’inzacchera de fanga, se mette a cure pe’ le strade, e urla come ’n addannato. Dio ne guardi incontra quarchiduno! Je s’affiara addosso e sse lo sbrama. E mmanco ggiova a ccure, perchè e’ llupo manaro cià ll’ale a li piedi: vóla come ’na spada!

Pe’ ssarvasse, bbasterebbe de ferillo in fronte e ffaje uscì’ quarche ggóccia de sangue: rimedio che lo fa gguarì’ in sur subbito.

Oppuramente, intanto che lui ve cure appresso, salì’ quattro o ccinque scalini: ché llui bbisogna che vve pianti nun potènno salì ppiù de dua o ttre scalini ar massimo.

Un antro rimedio sicuro de guarillo, è de metteje in mano una chiave femmina.

Er lupo manaro, appena s’incaja che je sta ppe’ ppijà’ er male, scappa da casa sua, e ssi ccià mmoje, je s’ariccommanna che nu’ j’opri casa, si pprima nun se sente chiamà’ a nnome da lui armanco tre vvorte, si nnó sse la sbrama.

S’aricconteno tanti casi de moje sbramate da li lupi manari, perchè ppe’ ccompassione, je so’ ite a upri’ la porta de casa a la prima chiamata!

87. — P’er male de pètto.

Pijate ’na piluccia mettetece drento mezza fojetta d’acqua, e un po’ dde foje de lìchene secco aridotto in porvere. Quanno ’sta robba bbulle mettetece un po’ dde seme-santo e smucinate bbene.

Doppo un quarticello passate quer decotto in d’una pezza, e bbevetela infinènta che nun ve sentite mejo.

Si ppoi er male seguita bbisogna mutà’ aria.

Ar tempo d’una vorta, mutà’ aria, nun voleva mica intenne d’annà’ ffora de Roma. Voleva intenne d’annà’ a sta’ a vvia San Giuseppe a Ccapo-le-case o a la Ternità de Monti, ecc., indove c’è ddavero l’aria fina.

Però er mejo arimèdio contro ’sto malaccio che sse chiama puro etisìa, è quello d’ariccommannasse o d’invotisse a la Madonna de Sant’Agustino.

Se fa una bbôna confessione e ’na bbôna communione in quella cchiesa; e ppoi propio la sera der giorno ch’er sole entra in der canchero se va pe’ ttre ssére de seguito a ppiedi scarzi, dicenno e’ rosario pe’ le strade de Roma.

Se capisce che nun ce deve mica annà’ l’ammalato; a ttempo mio ’gni parocchia ciaveva le su’ bbrave bbizzóche che cco’ ppochi bbajocchi, facéveno questo e antro.

A ccapo a la terza sera de ’sta devozzione si l’ammalato nun guarirà der tutto, mijorerà dde certo.

88. — Pe’ ffa sparì’ li ségni de le voje a le crature.

Quann’a le crature, appena nate, jé védete o ssu la faccia o in quarche antro sito der corpo una voja de vino o dd’antra cosa, ecco come se fa ppe’ ffàjela passà’.

Pijate ’na padèlla vecchia che stii da un ber pèzzo in servizio, e ccon quer tàrtero che ccià dde sotto ontàtece e strufinàtece la parte invojata a la cratura.

’Sta funzione, se capisce, che je v’ha ffatta pe’ ddiverse vorte, ma nno da la madre, si nnó nun vale.

L’óntatura je la deve fa’ ’na regazza zzitèlla, che, a ogni óntatura, dev’èsse ’na regazza nôva.

89. — P’er male a l’orecchie.

Pijate un po’ dde bbambace ognétela d’ojo de mmànnola dorce, mettétevela in de l’orecchia e er dolore ve passerà.

 

Oppuramente pijate un po’ dde frónne de pèrsa de pila, e schiaffàtevele in de l’orecchia.

Pèrsa de pila s’intenne de quéla pèrsa cresciuta in d’una pila de cóccio; perchè si ffusse pèrsa piantata e ccresciuta in d’un vaso qualunque, nun poterebbe favve gnisun affetto1.

Fa ppuro bbene p’er dolor d’orecchia, a mmettecce drento quarche góccia de latte de ’na donna che allèva.

90. — Pe’ gguarì’ la Pormonea — Le sanguigne.

Quann’uno, sarvognóne, cià la pormonèa, l’unica cosa che (ssi sse vô sarvà’) se deve fa’ ssubbito, è una bbôna sanguigna.

Mo’ li mèdechi so’ ccontrari a ccaccià ssangue; e ppe’ ’sta contrarietà cche ccianno, spedischeno ppiù ggente a ll’antri carzoni che nun se sa!

 

A ppreposito de sanguigne, ecco quanno queste so’ nnecessarie.

Quanno uno, come ggià ho ddetto, ha avuto una bbôna pavura; e in caso d’una pormonèa o pormonìta che sii. A cchi è dde comprissione sanguigna, a ccacciasse sangue quanno cambieno le staggione, je fa ’na mano santa; a cchi je pija, sarvognuno, un córpo; e a le donne in der nono mese de gravidanza.

Bbisogna però sta’ bbene attenta ddoppo d’essese cacciati sangue, de nun appennicàsse subbito. Si nnó ce soffre la vista ar punto, che je ponno cascà’ le cateratte de ll’occhi, je ponno!

91. — Contro le convursione ’piléttiche.

Si nun volete mai soffrì’ in tempo de vita vostra de convursione, speciarmente de quelle ’pilèttiche, c’è u’ rimedio sempricissimo e cche nun ve costa un sordo.

Basta a ttienesse in bocca una cìca, o un mozzóne de sighero che sia. Credeteme a mme, è una vera mano santa.

92. — Pe’ ffa sparì’ le petìne.

Quanno sur viso o in d’un’ antra parte der corpo ve ce viengheno le petine, ecco si cche avete da fa’ ppe’ ffalle sparì’.

Intignéte un déto in de l’acéto de l’insalata, e strofinàtevelo su’ le petine la sera e la mmatina, infinènta a ttanto che nun ve sparischeno.

Intanto che vve strufinate, dite accusì:

 

«Petina mia, a ddigiuno stó,

Co’ ddieci frati dormìto ho

Sì tte dico la bbucìa

Petina mia, vàttene via».

93. — Contro la ’moraggìa moroidale.

Bevete le bbulliture de radiche d’èllera.

State però bbene attenta a precuravve quele ràdiche che ffanno drento a le mura; perchè ssi fùssino de quelle che nàscheno in de la tèra, nun ve farebbeno propio gnente affatto.

94. — Contro la pèsta.

Pe’ ppreservasse da la pèsta (che Ddio ce scampi e llibberi) bisogna portasse sempre in saccoccia li ’gnusdei1 (Agnus Dei) de San Giachimo de Compostèlla che a ttempo mio se compràveno da li ciarlatani.

95. — Contro er collera.

Pe’ tienè llontano ’st’antro gastigo de Ddio, bbisogna tienè lo stommico sempre pulito, nun magnà’ frutti verde e mézzi, pummidori, ecc., ecc.

Portà’ ssempre addosso quarche ppo’ dde’ cànfora, bbeve quarche bon gotto de vino, magnà’ ccibbi sani, e riccommannasse a San Ghetano.

96. — P’er torcicòllo.

Pijate una bbôna fatta de stóppa, ontàtela cor un po’ dd’ojo callo de lucèrna, e ppoi cor un fazzolétto infasciàtevela intorno ar collo.

State bbene attènta che la stóppa sii stóppa e nno bbambacé; si nnó nun ve fa gnisun affetto e la cura nun vale.

97. — Pe’ l’infiammazione a la góla.

Pijate un po’ dde riso, un mazzetto de marva e un bicchiere de latte fresco, metteteli in d’una piluccia de coccio, e ffateli bbulle tutt’assieme.

Quanno vv’è vvienuta come ’na pulentina spannètela sopra un fazzoletto e infasciàtevece er collo.

Cambiàtela otto vorte in d’una ggiornata e, vve guarirete de sicuro.

Mentre fate ’sta cura ariccommannateve a San Biacio, bbenedetto protettore de li mali de la góla.

98. — Contro er comincio de sordità.

Pijate ’na bbona fatta de capomilla, mettetela a bbullì’ in d’un callarèllo d’acqua, e ccor fume de quell’acqua fatece li sorfumiggi a l’orecchia.

Co’ ’na quinnicina de ggiorni de ’sta cura, sarete guarito.

99. — Pe’ la ’moraggìa.

Pijate un po’ d’ortica e ppistatela bbene. Quer sugo che cc’esce mettetelo in d’un bicchiere e ffatelo sta’ una nottata a la serena1.

La matina appresso, a ddiggiuno, bbevetevela; e in capo a quarche ggiorno de ’sta cura la moraggìa ve se passerà.

100. — Pe’ le fistole ’moroidale.

Pijate un mazzo d’erba valeriana, fatela bbullì in d’un callarèllo; e cco’ quer fumo fatevece li sorfumiggi a la parte che vve dôle.

Poi sciacquateve la fistola co’ quella medema acqua, mettetevece un bell’impiastro de marva còtta co’ ’na fascia, e in pochi giorni de ’sta cura, me saperete a ddì’ ccome ve sentite.

101. — Pe’ gguarì’ la rógna.

Pijate un po’ dde grasso de porco maschio e un par d’oncia de sórfo, mischiateli assieme, metteteli sur fôco e ffateli bbulle.

Co’ quel’inguento che vve viè’ ognetevece la rógna e in quarche giorno de ’sta cura ce vederete quarche ggiovamento.

102. — P’er vèrmine sanitario2.

Questa ricétta me la diede un mèdico tanto bravo.

Me fece, dice, pijate un po’ dde radiche de cotógna, un po’ de legno de durcamara e un po’ dde ràdiche de melagrana; tutte cose che le venne er sempricista.

Fate bbulle tutt’assieme, la notte metteteli a la seréna3 e la mmatina, a ddiggiuno, bbeveteve quela bbevanna pe’ ttre ggiorni.

103. — Pe’ nun attaccasse er morsarso4.

Nun magnà’ mmai salumi, ni robba salata; nun addropà’ e’ rasore de quarcuno che ccià’ er morsarso, e nemmanco bbeve in der su’ bbicchiere, o addropà’ quarche abbito o vestiario de li sua.

Perchè nun c’è antra cosa facile per attaccasse come er morsarso.

104. — Pe’ qualunque dolore a la spina dorsale.

Crompate dar sempricista radiche d’erba mandlàgora, un po’ d’ortica, un po’ dde cànfora, mettete tutto quanto in d’una pila de còccio, e aggiontatece un ber po’ dde grasso de gallina vecchia.

Fate bbullì tutt’assieme, ppoi ognétece er dolore, e ccopritevelo co’ le pezze de lana.

’Sta ricetta me la diede er celebbre professore Stramónni1 e a cchiunque persona l’ho insegnata m’è arimasta disubbrigata de la vita.

105. — Pe’ gguarì’ la tigna.

Comprate ’na trentina de foje de mandlàgora, quattr’oncia de grasso de porco, una bbona fatta de pece greca e dde sórfo. Mettete a bbulle tutto quanto, smucinàteli bbene, insinenta che nun ve divènteno come ’na pomata. ’Sta pomata se stènne sopra ’na pezza de tela e ppoi s’àpprica su la parte ammalata, insinenta a ttanto che nun sete guarito.

106. — Contro l’èrprete.

Lavàteve, indove ve vie’ quelo sfògo, pe’ ttre o quattro vorte ar giorno, co’ l’acqua de foje de nóce bbullita.

107. — Pe’ le ’moroide asterne.

Fa’ li sorfumiggi de fiori de sambuco, de capomilla romana e de valeriana.

Se metteno sopra a un foconcino a bbrucià, e ppoi uno ce se mette sopre.

Quer profume è ’na manosanta che vve sràdica addrittura le moroide.

108. — Contro l’allèntaménto de l’urina.

Chi nun pô ritené’ er piscio o l’urina che ssia, è ssegno che ssoffre d’allèntaménto. Pe’ llevasse subbito ’st’incommido èccheve u’ rimedio ch’è ’na mano santa.

Pijate un sorcio, ammazzàtelo, pulitelo bbene, côcételo, o arosto o in un antro modo, poi magnàtevelo, e l’incommido de l’allèntaménto ve se passerà.

109. — Una cura pe’ smagrisse.

S’incomincia cor beve la mmatina, a ddiggiuno, un deto d’acéto, ma da quello bbôno; poi a mmano a mmano, invece d’un déto, du’ déta, poi mèzzo bbicchiere, e si uno l’arègge, anche un bicchiere sano. Ma bbisogna annacce piano; perchè si cchi fa ’sta cura nun è ppiú cche sincero, po’ insecchìsse ar punto da stennécce bbello che le gamme.

110. — Contro la tignóla a li denti2.

Se compra una piluccia nôva de quelle da un baiocco, ce se mette drento un tantino de radica de sarvia, un po’ dde radica d’ortica e mezza fojetta d’aceto bbôno.

Se mette ar fôco e sse fa bbullé insino a ttanto che quel’aceto a fforza de bbulle se riduchi a un mezzo bbicchiere.

Co’ ’sta robba fatevece li sciacqui a li denti e la tignóla ve sparirà. Vedi: La cura a li denti. N. 16.

111. — In che pposizzione se deve dormì’.

Quanno a Ddio piacènno, ve cercate in de’ lletto, la mejo posizzione, p’ariposà’ ppropio paciosamente, è quella de mettesse da la parte de man dritta.

C’è cchi sse mette a ppanza per aria; ma a ppanza per aria nun se dorme accusì ariposati come se dorme da la parte de man dritta.

State poi bbene attenta mentre dormite a nun posavve le bbraccia o le mane su la testa o ssur core; si nnó l’insogni bbrutti che nun ve fate, se sprègheno.

E si vvolete arisvejavve de sicuro la mmatina appresso, nun v’addormite mai, per carità, da la parte der core; si nnó un stravaso, sarvognóne, de sangue, o un antro diànciche1 qualunque, ve pô ffa’ arimane freddo sur fatto.

112. — Li santi che cce protèggheno da li malanni.

Er Santo che cce protègge contro li dolori de la vessica de l’urina è Ssan Libborio.

Contro la tigna e la rógna San Galicano.

Contro li dolori rumatichi San Mavuro abbate.

Contro la podagra San Tomasso.

San Biacio ce protègge da li mali de la góla.

Sant’Erasmo da li dolori spasmôdichi.

Sant’Antonio de Padova protègge tutte le bbestie da qualunque siesi malanno; e ll’ómmini da le cascate.

Santa ’Pollonia ce guarda dar male de li denti.

Sant’Irena e Ssanta ’Lisabbetta contro li furmini e ll’antre porcherie.

Santa Bónósa contro er vajòlo.

Santa Lucia contro tutti li malanni all’occhi.

Sant’Anna protègge le donne partorènte.

San Ghetano li collerosi.

San Rocco l’appestati.

Santa Marta ce sarva da le mmalatie ’pidèmiche.

Sant’Agusto ce sarva dar dolor de testa.

Sant’Andrea Avellino ce sarva (sarvognuno!) da l’accidenti.

San Nicola e Sant’Emidio ce protèggheno da li taramoti.

San Maturino e Sant’Aventino ce sarveno da la pazzìa.

San Zaccaria fa pparlà’ li muti.

Sant’Utropio guarisce li stroppi.

Santo Toto (Teodoro) protègge li malanni de le crature e dde le bbalie o dde le donne che allèveno... E accusì via discurènno.

Proverbi igienici.

1. Amore, rógna e ttósse nun s’anniscónneno.

2. Grassezza fa bbellezza.

3. Li nèi so’ bbellezze.

4. L’acqua fa bbelli l’occhi.

5. Moje, pippa e ccane, nun s’imprèsta manco ar compare.

6. Beata quela verga che nun porta fiji.

7. Donna de bbôna razza fa prima la femmina e ddoppo er maschio.

8. Chi ccià ffiji cià mmalanni.

9. Li peccati de li padri li sconteno li fiji.

10. Er sangue nun è acqua.

11. È mmejo che ppiagni er fijo che la madre.

12. Le crature stanno sempre a bbecco a mmòllo come l’ucèlli.

13. Panza pizzuta; fijo maschio.

14. Majali e ffiji come l’allèvi li piji.

15. Chi ppresto addenta, presto sparènta.

16. Li dolori der parto se scordeno prèsto.

17. Donna pelosa, o mmatta o virtuosa.

18. Chi allèva un fijo l’allèva matto; chi allèva un porco l’allèva grasso.

19. Madre bbrutta fa li fiji bbèlli.

20. Fiji e affanni, scurteno l’anni.

21. Mòreno ppiù agnèlli che ppècore.

22. Créscheno l’anni e ccréscheno li malanni.

23. Gallina vecchia fa bbon bròdo.

24. Gioventù ddisordinata fa vvecchiaja tribbolata.

25. La vecchiaja nun vô ggiôco: ma vô vvino, callo e ffôco.

26. La gioventù vô er su’ sfògo.

27. La Francia s’arivede in vecchiaja.

28. Er giovine ha dda morì’ er vecchio deve.

29. Li compagni der vecchio bbabbione, sò’ la scatola, l’occhiali e’ ’r pallone.

30. Vecchia zzitella fa ggiovine madre.

31. Aprile, dorce dormire.

32. De Marzo cresci panni; d’Aprile nun t’alleggerì’; de Maggio vacce adacio; de Giugno bbutta er cuticugno.

33. Pregamo er Patreterno ch’estate sii d’estate e inverno sii d’inverno.

34. Chi nnasce de marzo, è mmatto.

35. Cattivo inverno fa cattivo istate.

36. Primo d’agosto, capo d’inverno.

37. La quaja d’agosto cià la frebbe ggialla su la códa.

38. Chi nnasce môre.

39. Se cammini cor culo, ma sse campi.

40. La morte e la vita stanno i ’mmano de Dio.

41. Oggi in figura, domani in sepportura.

42. Tigna e rógna, antro male nun ciabbisògna.

43. A la salute nun c’è pprèzzo.

44. Se dice a l’ammalati: poco e spesso.

45. N’ammazza ppiù la góla che la spada.

46. Piedi calli e ttesta fredda.

47. Casa senza sole: mèdico a ttutte l’ore.

48. Indove nun c’entra er sole, c’entra er medico.

49. Frebbe quartana: ammazza li vecchi e li ggiovini sana.

50. Braccio ar collo e ggamme a lletto.

51. Dieta e sservizziali, guarischeno tutti li mali.

52. Chi nun crede ar dolore, guardi er colore.

53. Er male deve fa’ ’r su’ corso.

54. La rosalìa tre ggiorni cresce e ttre ggiorni cala.

55. Lascia er fôco ardente e corri a ddonna partorènte.

56. Chi mmagna campa, e cchi ddiggiuna crèpa.

57. Gnènte è bbôno pe’ ll’occhi.

58. Er medico pietoso fa la piaga puzzolènte.

59. Mejo ar fornaro che a lo spezziale.

60. È mmejo a ppuzzà’ dde vino che d’acquasanta.

61. E mmejo a ssudà’ cha stranutà’.

62. Chi ppiscia chiaro fa la fica ar medico.

63. A mmale fresco c’è rimedio.

64. Finchè c’è ojo a la làmpena l’ammalato campa.

65. L’appetito è bbon ségno.

66. Er cuntinuvo ammazza l’omo.

67. Le malatie longhe consumeno le case.

68. Er male ariva come ’na cannonata, e vva via a oncia a oncia.

69. Er mèdico è ccome er boja: se paga per èsse’ ammazzati.

70. Guai, quanno l’ammalato chiede er vino!

71. È mmèjo ’na bbôna ca... che ’na bbôna magnata.

72. L’osso stii bbene; ché la carne va e vviéne.

73. E’ llatte viè’ ppe’ le minestre e nno ppe’ le finestre.

74. Sempre bbène nun se pô sta’; ssempre male nemmeno.

75. Er sangue stagna; ma llassa la magagna.

76. ’St’anno pédicellósa, ’st’antr’anno spósa.

77. Quanno s’ariccónta nun è gnente.

78. Mejo logrà’ le scarpe che le ssedie.

79. Acqua e vvino, ingrassa er bambino.

80. Beato quer parto che in ventiquattr’ora è ffatto.

81. Lo spècchio de lo stòmmico è la lingua.

82. Ojo de lume, ’gni male consuma.

83. Ojo de lucerna ’gni male guverna.

84. Bocca amara, tièttela cara.

85. Carne fa ccarne; vino fa ssangue; erba fa mm...

86. Se magna pe’ ccampà’, no ppe’ ccrepà’.

87. Latte e vvino, véléno fino.

88. Magna poco e spésso.

89. Quer che appetisce, nutrisce.

90. Sacco vóto nun s’arègge dritto.

91. L’acqua ruvina li ponti e er vino la testa.

92. Er vino è la zzinna de li vècchi.

93. Bon vino fa bbon sangue.

94. Moje ggiovine e vvino vècchio.

95. La sera orsi; la mmatina arsi.

96. Bacco, tabbacco e Vvènere, riducheno l’omo in cennere.

97. È mmejo tajà’ er deto che la mano.

98. Un diavolo scaccia l’antro.

99. E’ riso fa bbon sangue.

100. A Roma pe’ ttesta; a Nnapoli pe’ ggamme.

101. Er male nun viè’ ssempre pe’ ffa’ mmale.

102. Chi mmagna prima e mmagna dòppo, mmer... de galoppo.

103. A ll’arberi le foje, a le donne le dòje.

104. Chi ttócca lèva.

105. Ar mèdico la visita; a lo speziale la ricètta.

106. Cascata de foje, catalètto ammannito.

107. Chi mmagna troppo, stima casa1.

108. Callo che ddóle, pioggia vicina.

109. Er sale fa ll’ossa; e ll’ossa lo schertro.

110. Ne sballa ppiù la jottonizia ch’er cortèllo.

111. La pelle è una; chi sse la sa guardà’ è ’na gran furtuna.

112. Cascata de ggioventù, ossa ammaccata; cascata da vecchio, morte avantaggiata.

113. Dimme che vvita fai, e tte dirò la morte che ffarai.

114. Er male de ll’occhi se guarisce cor gommito.

115. Magna bbene, ca... forte, e nun avè’ ppavura de la morte.

116. Carne insaccata, mar giudicata.

117. A mmagnà’ e a ggrattà’, tutto stà a incomincià’.

118. Sette ore le dorme un còrpo, otto ore un pòrco.

119. Aria dé fessura té manna in sepportura.

 

 


 Parte II.

 

Usi, costumi, credenze, leggende e pregiudizi del popolo di Roma.

 

Avvertenza

__________

 

Il raccoglitore delle presenti tradizioni patrie, dettate nel dialetto più prossimo al latino di quanti se ne parlano in Italia, avendo vissuto quegli anni durante i quali si ricevono le più forti impressioni, sotto il regime dei Papi, rammenta, come se vi assistesse ancora, le pompose feste, forse le più strepitose, che da oltre un secolo la Roma papale ricordasse. Egli ha infatti assistito all’apertura dell’ultimo Concilio ecumenico vaticano, alle feste per il XVIII° centenario del martirio dei Ss. Pietro e Paolo, con l’intervento dei Vescovi di tutto il mondo; alla messa novella di Pio IX, alla santificazione dei martiri del Giappone, a centinaia di processioni, compresa quella del Corpus Domini, uno spettacolo di tal grandiosità teatrale, raro ad imaginarsi non che a descriversi. Ricorda le benedizioni papali sulle loggie valicane e lateranensi, l’illuminazione della cupola di San Pietro, le magnifiche feste del 12 aprile, anniversario del ritorno di Pio IX da Gaeta, il caffè del Veneziano in piazza Sciarra al Corso, le visite alle sette Basiliche, gli ebrei perseguitati, i ladri alla berlina, il barbero vincitore portalo in trionfo, il Senatore romano in abito di gala, il Carnevale, il saltarello, le serenate, le ottobrate, le bbisboccie a Testaccio, le sfide fra poeti estemporanei, gli scatti terribili d’odio degeneranti in vere, tremende battaglie, le rappresentazioni sacre; nell’ottavario de’ morti, i riffaroli, i mannatari, le prefiche, le monacazioni, i forzati in catene girare per la città, i missionari predicanti sulle piazze; e poi il lago a piazza Navona, i roghi, che non potendo più bruciare gli eretici, bruciavano libri ed altri oggetti proibiti; le streghe, i gatti mammóni, l’imperatore della dottrina cristiana, le Madonne che aprivano gli occhi, i maghi, le monache e i frati viventi e già in odore di santità, i quali predicevano l’avvenire; i pifferari, i frati cercatori che medicavano tutti i mali e davano i numeri per il lotto; le donne che spiegavano i sogni, gli spiriti, i tesori nascosti e la Befana, ed i racconti più strani e terribili che turbavano gli allora innocenti sonni dello scrivente. Al quale sembra ancora vedere la biancheria sciorinata al sole ingombrare finestre e strade, l’immondezza accumulata arrivare fin sotto le finestre, le vie male illuminate e... cento altre cose.

Poi... poi ricorda i Francesi dell’ultima occupazione con le loro prepotenze, i loro disordini e la loro iattanza straniera; la battaglia di Mentana, l’eccidio della casa Ajani, il crollo della caserma Serristori e le conseguenti decapitazioni di Monti e Tognetti, con tutto lo spaventoso apparato de’ fratelloni, delle tavolozze appese sui canti delle strade e del lugubre suono di tutte le campane di Roma... Ed ancora le inverosimili leggende che udiva bisbigliare sul conto di Garibaldi. L’Eroe di quando in quando compariva (ora vestito da mendicante, ora da frate o in altra foggia, un giorno sulle barricate di porta Pia, talvolta alla basilica di San Paolo, vi diceva la messa e partendo rivelava il suo nome!... Ricorda poi l’aurora boreale del 1870 sulla quale si ricamarono dal popolo le più strane predizioni; la guerra franco prussiazza, gli ultimi giorni del dominio Papale con i relativi caccialepri (guardia urbana) e gli zampitti...

Egli vide Pio IX il 19 settembre benedire le barricate... e vide anche la breccia di porla Pia, il sincero entusiasmo dei romani, l’ingresso delle truppe italiane, lo sfogo contro i soldati del Papa; la Guardia nazionale, l’alluvione del Tevere, l’ingresso di Vittorio Emanuele II. Conseguentemente le inevitabili disillusioni e la estrenza miseria per l’inevitabile rivolgimento nelle condizioni in ogni ceto della popolazione, dovute in tutto modificarsi. Modificazioni sopportate senza mormorare, anzi con una docilità e una pazienza che non ha esempio.

Ecco quanto il raccoglitore ha visto ed ha in parte modestamente descritto con la convinzione di essersi riservata qualche piccolissima scoperta, di questa grande Roma, mille e mille volte ricorsa e frugata per ciò che ha riguardo all’arte, all’antichità ed alla storia, per le quali il Mondo a Lei si prostra.

I° marzo 1907.


I. — Contro er malocchio.

Contro er malocchio o occhiaticcio che sii, bbisogna portà’ addosso la mollica der pane, er sale, er pelo der tasso, l’acqua de le sette Bbasiliche e’ llumencristi, o li cornétti de corallo, speciarmente de quelli trovati pe’ strada o cche vve so’ stati arigalati.

E quanno quarchiduno ve fa er malocchio bbisogna dije: «Malocchio nun ce possi, e ttaràntola t’entri in cu...», — e in der medemo tempo faje tanto de corna.

 

Bbisogna puro fa’ li consuveti scongiuri quanno quarcuno ve dice: «Come ve séte rimésso bbene! Come state bbianco e rosso che Ddio ve bbenedichi! Come state in salute e eccetra eccetra», perchè ppó èsse’ che vve lo dichi per invidia.

2. — Furtuna, sfurtuna o jettatura.

Ammalappena uscite da casa la mmatina, che vvedete, pe’ pprima cosa, un prete, e un cavallo bbianco è ssegno de bbôn’ugurio, e ttutti l’affari de la giornata v’anneranno a ffaciòlo.

Si ppoi incontrate un gobbo, speciarmente a ddu’ bbotte1, allora state alegri; ché la giornata incomincia bbene; ma s’incontrate ’na gobba è ssegno de sfurtuna o dde jettatura che ssia.

Ar gobbo cercate de strufinàvvece addosso; a la gobba sputàtejece appresso.

Sibbè’ cche dda noi pe’ scongiurà’ la jettatura ciavemo u’ rimedio che ffa mmejo de le corna: un’attastatina ar... vivo!

 

P’avé’ ffurtuna bbisogna portasse sempre in saccoccia, o una nocchia, o una noce, o ’na castagna a ttre ccantoni.

P’avecce la furtuna a ccasa, nun c’è antra cosa che mantienécce viva una lucertola a ttre ccode (che sso’ ttante indificile a ttrovasse), oppuramente una lucertolina de quelle solite, ammalappena nata. E ddedietro a la porta de casa tienecce attaccati o inchiodati li ferri vecchi da cavallo che uno ha la fortuna de trovà’ ppe’ strada.

 

Doppo sônata l’Avemmaria, state bbene attenta a nu’ scopà’ ccasa, perchè si unò scacciate via la furtuna.

3. — A ttavola.

Mentre se stà a ttavola, nun se deveno fa’ le croce co’ li cortelli o cco’ le posate, si nnó uno se fa ccattivo ugurio; nun se deve sverzà’ er sale, perchè er sale sversato porta disgrazia; e quanno uno môre è ccondannato pe’ ssette anni in purgatorio, a riccoje quer sale sversato co’ le pennazze de ll’occhi, granèllo pe’ ggranèllo.

A ttavola nun bisogna mai metteccese a mmagnà’ in 13 persone, artrimenti drento l’anno, er più ppiccolo o un antro de li 13 che ccià2 mmagnato, môre.

Quanno poi uno è invitato, nun deve a ppranzo finito, piegà’ la sarvietta, si nnó in quela casa nun ciaritorna ppiù.

E ttienete bbene a la mente che, quanno su la tavola c’è la tovaja, nun ce se pô ggiocà’ a gnisun gioco; perchè su la tavola apparecchiata, li sordati ce se ggiôcorno a ddadi la vesta de Ggesù-Cristo.

4. — La Madonna de Sant’Agustino.

Chi sse lo sarebbe mai creso che la Madonna de Sant’Agustino, detta der Parto, tanta miracolosa e ttanta mai bbella, fussi anticamente stata una statuva che gnentedemeno, arippresentava la madre de Nerone cor fijo in braccio?!

Eppuro è ppropio accusì.

Chi je l’avessi detto, a una madre de un Nerone, a ddiventà’ Madonna, a èsse odorata da tutti li cristiani, e a ffa’ ttanti miracoli!

Cose der monno.

5. — Quann’è nnotte.

Doppo sônata l’Avemmaria, nun se pô ppiù scopà’ ppe’ ccasa, si nno’ mmôre er capo de la famija nun solo, ma, ccome v’ho ddetto, se scaccia da casa puro la furtuna.

 

Nun se deve mai passà’ pper una porta co’ ddu’ lumi accesi; perchè si nno’ da quela stessa porta ce sorte er morto.

 

Un proverbio de nojantri dice:

«Quanno sôna l’Avemmaria,

Chi sta a ccasa de ll’antri se ne vadi via».

Su ’sto proverbio c’è un fattarello che si lo volete sapè’, lleggete le Novelle, favole e leggende romanesche, a paggine 311, Novella XLII.

6. — E’ llètto.

E’ lletto, in cammera, nun se deve mai mette’ in d’una posizzione che li piedi de chi sta a lletto guardino la porta; si nnó pô èsse’ che in quela medema posizzione (che, ssarvognone, vorebbe intenne morto) uno presto presto se ne pô annà’.

Su’ lletto de le regazze zzitelle nu’ sta bbene che cce se sdraji o cce se metti a ddormì’ un ômo.

Quanno se rifà’ e’ lletto in tre ppersone, er più ppiccolo de li tre mmôre.

7. — Cajòstro.

Era u’ stregone che ss’era vennuta l’anima ar diavolo (Gesummaria!).

Lui, dice, che qualunque cosa voleva l’ottieneva. Si, ppresempio, voleva che un baiocco je fussi addiventato un marengo, er baiocco je ce diventava.

Ve sapeva a ddi’ er tempo che ffaceva domani, quanto regnava er papa, e ssi vvoleva, v’azzeccava infinenta una cinquina a’ llotto.

Insomma era tarmente zózzóne, che ppuro adesso er nome de Cajòstro è arimasto pe’ ddì un bojaccia, un imbrojone, un assassino, un fattucchiere, un Nerone.

8. — Le visite.

Vedesse ggirà’ intorno u’ mmoscone o anche una farfalla, è ssegno de quarche nnôva o dde quarche visita.

Si, mmettiamo caso, ve viè’ a ttrova a ccasa una persona, e nun se vô mmette a ssede, è ssegno che quela persona l’ha cco’ vvoi.

Quanno se va a ffa’ vvisita a quarchiduno, nun bisogna mai rimette la ssedia ar posto indove stava; si nnó pô èsse’ che in quela casa nun ce s’aritorni ppiù.

E a ppreposito de visite, aricordateve der proverbio: «Chi va in casa d’antri senz’èsse invitato, o è mmatto o spiritato».

9. — Er canto der gallo e er tempo.

Si er gallo quanno canta, canta dìspero, er tempo mette a ppioggia: s’invece canta paro, er tempo sarà bbôno.

Sì pperò er tempo è ggià ccattivo e er gallo aricanta dìspero, allora er giorno appresso piove de peggio. Co’ gran dispiacere de li Tresteverini e dde li Monticiani che la maggior parte de ll’anno se la passeno pé’ strada o fôra de ll’osterie a bbeve o su la porta de casa a chiacchierà’.

10. — S. P. Q. R.

Su ’ste quattro lettere che ppe’ Roma se leggheno insinenta su li lampioni, ciavemo ogni sempre scherzato.

Chi j’ha vvorsuto dà’ un significato e cchi un antro.

Chi ddice che vvonno intenne: Sempre Papi qui regneranno — o anche: Sempre preti... — Oppuramente: Sono preti questi romani. — Oppuro: Sorcio perchè cqui rosichi? Rosico questi pochi stracci. — E ttante antre bbuscarate che è mmejo a ffacce passo e a llassalle in de la penna.

11. — Le serenate.

Ah le serenate a li tempi mii che ccose bbelle!

Si cchiudo l’occhi, me pare incora adesso de vedelle e dde sentille.

Le strade staveno guasi a lo scuro: perchè allora li lampioni ereno rari come le mosche bbianche, speciarmente pe’ la Regola, pe’ li Monti e ppe’ Ttrestevere.

A quanto se sentiva in de la silenziosità de la notte una bbella voce che ccantava una tarantella accompagnata dar calascione o ddar mandolino.

Si la serenata era fatta da quarche ggiovinotto che stava in collera co’ la su’ regazza, e questa, a ssentillo a ccantà’, s’inteneriva e upriva la finestra pe’ ssalutallo, la pace era fatta co’ li lanternoni!1

12. — Cose che pporteno disgrazia:
Specchi, ojo, scarpe, ssedie, sale, stelle cométe, ecc.

Si vve se roppe uno specchio, è ssegno che una gran disgrazia v’ha dda succede de certo de certo.

Accusì ppuro si vve se sverza per tera l’ojo: lo dice infinenta er proverbio:

«Ojo: si nun so’ ddisgrazie, so’ ccordojo».

Posà’ le scarpe sur commò o ssur tavolino porta disgrazia.

Fa ggirà’ una ssedia, sopra una gamma sola, porta disgrazia.

Si ppe’ ccombinazzione, ve casca da le mano un oggetto quarsiasi e vve se roppe, a ’sto danno che avete fatto, in de la ggiornata, vve n’hanno da succede pe’ fforza un antri dua.

 

Come v’ho ddetto, parlanno de quanno se sta a ttavola, porta disgrazia anche si vve se sverza er sale; manco male però cche ppe’ scongiuranne la disdétta c’è u’ rimedio.

Se pija subbito un pizzico de quello stesso sale che ss’è sversato e uno se lo bbutta de dietro a le spalle.

 

Quanno disgrazziatamente comparisce in cielo quarche stella cométa, state puro certi che in de l’annata quarche catacrisma ha dda succede.

O guerra o ccarestia o ttaramoto o illuvione o colèra o ppesta o quarche antro diavolo che sse li porti tutti quanti a lo sprefonno!

13. — L’architetti Bbernini e Bboromini.

A ppiazza Navona, su la funtana de mezzo, quella che ccià la guja armata, si cce fate caso, da la parte che stà dde faccia a la cchiesa de Sant’Agnesa, c’è una de quelle statuve1 che stà tutta spaventata e cco’ le mane per aria come si ss’aripparasse er grugno da la facciata de la cchiesa che je stasse un pélo pe’ ccascaje addosso.

Mbè’ ssapete che vvór dì’ tutto quello spavento?

È uno scherzo de Bbernini, l’architetto de la fontana, contro Bboromini, l’architetto ch’ha fatto la facciata de la cchiesa de Sant’Agnesa.

 

Boromini però pp’aripagasse, che ffece? Je fece un antro scherzo. Infatti, fatece caso, su in cima de la cchiesa da la parte indove guarda quella statuvona spaventata, cià ppiantato una bbella Madonna tutta de pietra.

Accusì ppare che la statuva de Bernini se spaventi a vvede la Madonna.

Nun se poteveno vede fra architetti pe’ ggelosia de mestiere2.

14. — La Santa Casa de Loreto.

Quanno la Santa Casa de la Madonna fu pportata da ll’angeli da Nazzarette a Lloreto, l’angeli je fecero fa’ quela strada de stelle fitte fitte (la via lattea) che quanno è ssereno, la notte, se vede in cielo in arto in arto.

Dice che la Santa Casa s’arègge per aria da sé. Ma gnisuno se pô annà’ assicurà’ si è vvero; perchè una vorta che una gran signora ce vorse provà’ arimase cèca der tutto.

15. — La sagra scudella.

In de la Santa Casa medema, c’è ppuro la sagra scodella, indove ce magnava er pancotto Gesù Cristo da regazzino, che si uno drento ce strufina bbene bbene una corona, quela corona arimane tarmente bbenedetta, che cchi sse la porta addosso non ha ppiù ppavura de gnente.

Defatti lei ve scongiura da ’gni sorta de pericoli, da cascate, da temporali, da mmalatie, eccetra. Insomma fa mmiracoli, sopra mmiracoli.

16. — Er portone der palazzo Sciarra ar Corso.

Una de le maravije de Roma, non ce se crederebbe si non fossi vera, è er portone der palazzo de Sciarra, a ppiazza Sciarra ar Corso.

Gnentedemeno, che quer portone è ttutto d’un pezzo de marmo, senza nemmanco una ggiónta.

Figuramese dunque quanta doveva èsse grossa quela pietra p’aricavacce fóra er portone tutto sano, co’ li contorni, le colonne, li zoccoli de le colonne, li capitelli e la cimasa der portone!

17. — La Sabbatina.

Era un’usanza che mmó nun c’è ppiù, e cche cconsisteva, la sera der sabbito, a aspettà’ cche ssonassi mezzanotte, per annà’ a mmagnà’ a’ ll’osteria la trippa e ll’antro da magnà’ dde grasso.

L’artisti, la sera der sabbito, doppo pijata la paga, s’aridunaveno in diversi, e annaveno a ffa’ le serenate, o la partita; e quanno poi era sônata mezzanotte, magnàveno, bbeveveno, s’imbriacàveno, e ttante vorte se sciupàveno tutto er guadambio de la sittimana, e ppoi arestaveno loro e la famija, a ccrocétta antri sette ggiorni, ossia insinenta ar sabbito appresso, sarvo che nun aricominciassino da capo.

18. — Pe’ rifà’ ppace co’ regazzo.

Quanno, regazze mie, state in collera cor fritto1, ecco com’avete da fa’ ppe’ rifacce pace.

Ammalappena se fa nnotte, metteteve in finestra; e a la prima stella che vvedete apparì’ in cielo, diteje accusì:

 

«Stella der mare turchin celeste,

Fa cch’er core de chi mm’ama stii in tempeste:

Stii in tempeste tale che nun possi ariposà’,

Ni bbeve, ni mmagnà’,

E ssempre a mme ppossi pensà’».

 

Dette ’ste parole, occhio a la penna!

Si abbaja un cane, è ssegno ch’er vostro regazzo v’è ffedele.

Si ssentite un ômo che ffischia, ve tradisce; si ssentite sonà’ una campana è ssegno che ppensa a vvoi.

Intesa che avete una de ’ste tre ccose, fateve u’ nnodo a’ llaccio der zinale e ddite tre ppaternnostri.

19. — Un antro modo pe’ rifa’ ppace co’ regazzo.

Annate a ttrova una bbrava fattucchiera, speciarmente de quelle che stanno in Ghetto, e dditeje de che sse tratta.

Quella allora, vederete, che ppijerà ddu’ fettucce bbelle lónghe, una bbianca e una rossa, l’annoderà assieme e cce farà una tréccia.

Fatta ’sta tréccia, ve la consegnerà, e vve dirà:

«Ogni otto ggiorni, sciojete u’ nnodo da ’na parte de ’sta treccia, e rifatelo da ll’antra; e mmentre lo sciojete, dite:

«Diavolo fatte capace:

Scioje l’odio e llega la pace».

E nun passerà er mese, che er vostro regazzo ve se vierà a ristrufinàvvese un’antra vorta intorno.

20. — Un antro incora.

Quanno se sta in collera co’ regazzo e cche cce se rivó ffa’ ppace, èccheve un antro arimedio.

Ammalappena sôna un’or de notte, affacciateve a la finestra, e mmentre annodate un fazzoletto, dite ’sta preghiera:

«Un’ora bbatte, un’ora sôna,

Io sto ddrento, lui stà ffôra.

Vadi a llevante, vadi a pponente,

Vadi (er nome de’ regazzo) co’ ttanta ggente:

Che ffai? che ppensi? Indove vai?

— Vado da quella fattucchiera (er nome de la regazza).

Che mme fa ’na fattura potente e fforte

Che nu’ la possi lasciare fino a la morte».

 

Qui ppoi se lega er fazzoletto e sse seguita a ddì’:

 

 «In questo modo té voglio legare;

Come un Cristo té voglio incrociare

Ché nun me possi mai lasciare!»

 

Detto questo, se pija una manciata de sale grosso, e sse bbutta pe’ le scale de casa; poi s’infila un cortello sotto ar tavolino da pranzo e cce se lassa infinenta a la sera appresso.

Bbisogna sta’ bbene attenta che ttutta ’sta robba se deve fa’ e sse deve dì’ in de lo spazzio d’un’ora sana.

Si nnó artrimenti nun vale gnente.

21. — Le streghe.

Quanno uno nun pô ffa’ condemeno de smentuvà’ la parola strega, pe’ ffa’ cche quella nun vienghi davero ner sentisse chiamà’, bbisogna (si ner mentre ne parlate ve trovate a ssede) tienè’ le gamme incrociate; perchè, ccome sapete, le streghe de la croce hanno pavura.

Si ppoi volete un antro rimedio ppiù sbrigativo, ner parlà’ dde le streghe dite: «Oggi è ssabbito a ccasa mia!» .

Perchè, ccome saperete bbene, er sabbito le streghe non ponno annà’ in giro, perchè stanno aridunate sotto a la Noce de Bbenevento; e ddunque dicenno accusì vve ne ridete de loro.

Pe’ ssolito le streghe s’ariduneno sotto a la Noce de Bbenevento, la viggija der mercordì e dder sabbito.

Apposta c’è er proverbio che ddice:

«Ni dde Venere, ni dde Marte,

Nun se sposa, e nun se parte, ecc.».

E pperchè?

Pe’ nun passà’ er pericolo in queli du’ ggiorni d’incontrasse pe’ strada co’ le streghe che sse ne vanno ar sabbito, e cche incontrannove pe’ strada ve potrebbeno stregà’ affatturà’, o ffavve quarch’antro bbrutto scherzo.

22. — Pe’ ssapé’ cchi vv’ha stregato.

Pe’ ssapè’ chi vv’ha ffatto la fattura, ossia pe’ cconosce chi vv’ha stregato, se metteno tutti l’abbiti de la persona stregata in d’un callaro pieno d’acqua che ppoi se mette sur fôco.

Quanno er callaro bbulle, la persona che vv’ha stregato, ve se presenta a ccasa.

23. — Le diavolerie de le streghe.

Ho conosciuto una strega che sse tieneva sempre un galletto vivo in saccoccia.

Quanno lo cacciava fora e je diceva: «Cresci», quello diventava debbotto granne e ggrosso; quanno je diceva: «Canta e mmagna» quello cantava e mmagnava.

Insomma: quer galletto era er diavolo (Gesummaria!) in persona.

24. — Agguantanno ’na strega sur fatto.

Si agguantate una strega cor sorcio in bocca o ppe’ ccapisse mejo, sur fatto, e l’agguantate pe’ li capelli, lei ve strillerà:

Che ttienghi in mano?

Voi j’avete da risponne:

Crini de cavallo.

Perchè si vvoi, nun sia mai detto, j’arisponnete:

Capélli.

Lei allora dice in sur subbito:

Diavolo, portetélli!

E ner dì’ accusì, li capelli de la strega v’arèsteno in mano, e llei pija l’erba fumaria1.

25. — Le fatture.

Pe’ vvede si ssete affatturato, fate accusì.

Pijate un piatto, bbuttatece drento un po’ dd’acqua, poi pijate er buzzico de ll’ojo, e sversàtecene drento tre o quattro góccie.

Si ll’ojo se spanne è ssegno de no; ma ssi ll’ojo nun se spanne, è ssegno, com’è vvero er sole, che la fattura ve l’hanno fatta.

26. — Precavuzzione contro le fatture.

Apposta quann’uno se pettina o sse taja li capelli, a ttutti li capelli che je cascheno per tera, bbisogna che cce sputi sopre tre vvorte oppuramente li riccoja, li bbutti ar gèsso e ppoi ce pisci sopre.

 

Pe’ ppreservasse da certe fatture, fa una mano santa, a ttienè’ ssott’a’ lletto er treppiède.

27. — Diverse specie de fatture.

Una vorta, presempio, trovai per tera un core tutt’infittucciato cor un sacco de spille appuntate sopre. Era ’na fattura

Intanto che lo riccojevo, Tota la lavannara me strillò, ddice:

— Lasselo; ché quello è ’na fattura!

Dice che infinenta che ttutte quelle spille nun se so’ cconsumate, hanno da durà’ le pene de l’affatturato.

28. — Un’antra fattura.

L’urtimo pezzetto de pane che llassa a ttavola la persona che vvolete affatturà’, pijatelo e infilatelo a un zeppo. Poi mettete u’ rospo a ppanza per aria, e appuntateje quer zeppo cor pane in cima, propio in der mezzo de la panza.

E’ rospo, se capisce, cercherà dd’arivortasse, e in der mòvese che ffa, er pane che stà sur zeppo se smollica, e llui co’ quele molliche ce campa.

Finito er pane, e’ rospo môre, e cco’ llui môre consunta la persona che è stata affatturata accusì.

S’intenne che ’ste fatture valeno sortanto quanno so’ ffatte da le streghe, li stregoni e li fattucchieri che ttiengheno er demonio pe’ lloro Ddio.

29. — Un’antra.

Se pija ’na carzetta o un pedalino, che l’abbi portato la persona che je se vó ffa’ la fattura, e sse mette in d’una cunculina piena d’acqua e sse lassa infracicà’.

Quanno quer pedalino o quela carzetta s’è infracicato ar punto che ccasca a ppezzi, allora la persona affatturata stira le cianche.

30. — Un’antra incora.

S’arza un mattone, ce se mette u’ rospo sotto, e je se dann’a mmagnà’ li capélli de la medema persona affatturata.

Quanno e’ rospo ha ffinito de magnasse li capélli, schiatta e assieme a llui se ne va a ll’antri carzoni l’affatturato.

31. — Pe’ cconosce u’ lladro che vv’ha rubbato.

Quanno v’hanno arubbato quarche oggetto, e vvolete conosce chi è stato e’ lladro o la ladra, ecco com’avete da fa’.

Annate in Ghetto, cercate de conosce quarche strega ggiudìa, perchè ssortanto le streghe ggiudìe so’ bbone a ffavve la ccusì ddetta Caraffa.

Consiste in d’una bbottija che la strega ggiudìa, facenno un sacco de scongiuri, ve la prepara, ve la mette su la tavola, e vvoi a quanto drento a ’sta Caraffa ce vedete comparì’ e’ llombetto o la ladra che vv’ha rubbato.

32. — Pe’ scongiurà’ le streghe.
Quanno e ccome er Papa le mmalediva.

Ortre a li rimedi che vv’ho ddetto prima, pe’ scongiurà’ le streghe, ce ne so’ ttanti antri che li leggerete in ’sto medemo libbero a la Notte de S. Giuvanni ar n° 170.

Si ppoi volete sapè’ quarch’antra cosa su le stregonerìe, leggete le mi’ sestine romanesche intitolate: Streghe, Stregoni e Ffaffucchieri, ossia la Notte de S. Giuvanni, indove la quale se vede che, gguasi sempre, la strega che strega le crature, è la sòcera.

 

A ppreposito de le streghe, anticamente, tutte le vorte ch’er Papa pontificava a Ssan Pietro o in quarch’un’antra de le sette bbasiliche, mannava una maledizzione speciale contro le streghe, li stregoni e li fattucchieri.

’Sta maledizzione er Papa la tieneva scritta sopra un fojo de carta; e quanno l’aveva letta, stracciava er fojo e lo bbuttava in chiesa in mezzo a la folla.

Che, pper impossessasse de queli pezzi de carta, manco si ffussi stata pe’ strada, faceva a spinte, a ppugni, a ttuzzi, e a sganassóni.

33. — Er Leofante1.

È un animalone tutto d’un pezzo e cche ccià infinènta le cianche senza ggiuntura. Tant’è vvero che si ccasca per tera o cce se bbutta, nu’ je la fa ppiù a riarzasse in piede.

Dice che la notte s’addrizza tutto addosso a un arbero, e llì llui ce s’addorme.

E quelli che ne vanno a ccaccia ségheno quell’arbero indove ce s’è appoggiato; accusì lui ccasca per tera assieme a ll’arbero segato, e non potènnose ppiù addrizzà’ in piede, li cacciatori je zzompeno addosso, lo légheno, e o l’ammazzeno o sse lo porteno via.

34. — Li lupi e li struzzi.

Li lupi o le lupe che siino, se ponno, in un giorno, divorà’, abbasta che lo vonno, puro un branco de pecore, in uno o in dua de loro.

’Sto gran da magnà’ che lloro ponno fa’, ddipenne da un budello unico e ssolo che ccianno in corpo, che je va ddar gargarozzo dritto dritto insino a ll’ano.

 

Lo struzzo, invece, sibbè’ che nun sii fatto in corpo come e’ llupo, cià l’abbilità dd’avecce uno stommico che sse divora infinenta er ferro.

 

35. — La scala de San Michele e Mmagno.

Come adesso se salisce in ginocchione la Scala Santa, anticamente ce se saliva puro la scala de la cchiesa de li santi Micchele e Mmagno, che sta in Borgo.

 

36. — Er santo battesimo e er Compare e la Commare2.

Quann’un ômo e ’na donna tiengheno a bbattesimo una cratura, facènnoje da compare e dda commare, nun se ponno sposà’ tra dde loro, si pprima nun so’ ppassati un anno e ttre ggiorni dar giorno der battesimo.

Armeno che nun ottienghino dar Papa la dispensa.

 

La cratura, appena è stata bbattezzata, bbisogna sta’ bbene attenti e nun bacialla in bocca, si nno’ artrimenti patisce subbito de vermini.

 

E mmentre er prete la bbattezza, er compare e la commare stiino bbene attenti a nun imbrojasse ner dì’ er Credo, si nnó quella pover’anima de Ddio, curre e’ rìsico d’esse tormentata da le streghe pe’ ttutta la vita3.

 

È mmejo a nun metteje mai er nome d’un antro fratelluccio che j’è mmorto, o anche de quarch’antro parente morto, si nnó la cratura nun campa.

 

 

 

37. — Affetti1 de ll’acqua santa fatta de fresco2.

Quanno una persona da granne cià er vizzio in atto de rabbia de strappà’ la prima cosa che je capita i’ mmano, è ssegno che quann’è nnata, è stata bbattezzata co’ ll’acqua santa fresca,

fatta, o mmejo, bbenedetta in de la ggiornata.

38. — Li bbagni de Donn’Olimpia.

Se chiamava accusì un ber palazzo cor un ber giardino, cor commido de potè’ ffa’ li bbagni a ffiume, che Donna Olimpia Panfili ciaveva in Trestevere, vicino a Ssanta Maria in Cappella, che adesso co’ la cosa che ccianno frabbicato li murajoni der Tevere, nun asiste ppiù.

Donna Olimpia ciannava guasi sempre a ddiverticcese e a ffa’ li bbagni.

Tant’è vvero che a mmezzanotte in punto, incora adesso, se sente la carozza de Donna Olimpia traversà’ pponte Sisto, per annassene ar su’ palazzo3.

39. — L’invotizzione a la Madonna.

Si una regazza o una donna qualunque, riceve una grazzia da la Madonna o dda Gesù Nnazzareno co’ la promessa d’invotijese per un anno, dua, tre, siconno er tempo che j’ha promesso, prima d’ottienè’ la grazzia, ecco che ccosa deve fa’.

Se deve vestì’ ccor un abbito de bbaraccano nero o vviola scuro, lucido, co’ ddu’ nastri de séta pennènti a li fianchi, der medemo colore de ll’abbito che pporta addosso la Madonna che j’ha fatta la grazzia.

’Sta cosa a Roma se chiama invotisse a la Madonna.

 

Si ppresempio la persona ch’ha ffatto er voto pe’ quarche raggione nun ce se pô vvestì’, fa la limosina a ’na poveretta che cce se veste pe’ llei pe’ tutt’er tempo der vóto, e l’invotizzione vale lo stesso perchè è vvarsa a ffa’ ffa’ un atto de carità4.

40. — San Marco e le Cerase.

A Roma se dice ch’er Papa er giorno de San Marco, che vviè’ a li 25 d’aprile, magna le cerase; perchè San Marco, pe’ quer giorno, le fa mmaturà’ ppe’ fforza.

Si vvolete sapé’ com’è stato er fatto, leggete la leggenna XXVIII ner volume: Novelle, favole e leggende romanesche.

41. — San Martino.

Prima der settanta, e ppuro quarch’anno doppo, la mmatina de la festa de San Martino, che vviè’ a li undici de novembre, guasi tutti li cornuti contenti de Roma, se trovàveno le porte de la casa de loro infiorate de mortella, de fiori, de nastri, de corna, de sonetti, e dde ’réna ggialla sparsa per tera.

’Sto regalo je lo faceva in de la nottata quarche amico affezzionato, che si ppoi er cornuto lo vieniva a scropì’, spesso spesso ce scappava l’ammazzato.

Come saperete tutti, San Martino è er protettore de li sordati e dde li cornuti.

De li sordati, perchè ppuro quer santo è stato sordato; de li cornuti poi nun ve lo so a ddì’: armeno che anche lui nun ciavessi avuto moje!

42. — La morte e li mortorii.

Si quanno una persona de casa in der mori’ cche ffa, aresta co’ ll’occhi uperti, è ssegno che quarch’un antro de la famija presto je va appresso.

Apposta è mmejo subbito a cchiudéjeli.

 

Si quarche vvorta ve sentite come un friccichìo de dietro a le spalle, a ll’improviso, che vve fa tutto scotolà’, nun è gnente: è la morte che vv’è ppassata pe’ la persona e vv’ha fatto provà’ quer senso.

 

Quanno uno s’insogna che je casca un dente, è ssegno de morte de quarche pparente.

Lo dice anche er proverbio.

 

Quanno uno stà a lletto ammalato e cche ssotto casa sente passà’ un morto, se deve mette a sséde’ su’ lletto, si nun vô ppassà’ e’ risico d’annaje appresso puro lui.

 

Appena è uscito er morto da casa, pijate la scopa e ddatejece una bbrava scopata appresso, da la porta infinenta ar primo ripiano de le scale, e mmagari puro pe’ ttutte le scale infinenta ar portone.

’Sta scopata serve a scongiurà’ er pericolo ch’er morto se porti appresso quarch’un antro de casa1.

 

Quanno l’ammalato nun se cura de scacciasse le mosche che lo vanno a infastidì’, è ssegno che nun c’è ppiù speranza de guarizzione.

 

Quanno piove, che ppassa un morto, seguita a ppiove per antri tre ggiorni sani.

 

Mette e’ llume a li piedi de quarcuno che stà a lletto, è un malagurio che je se fa.

 

Si un morto ner trasportano casca o dda le spalle der beccamorto o ddar cataletto, è ssegno che ll’anima der morto stà a l’inferno.

 

E ssiccome quanno uno è mmorto, come je bbutteno malamente er corpo in de la fossa, accusì mmalamente l’anima sua va a sprefonnasse in de l’inferno; bbisogna, quanno morimo, che sse famo ariccommannà’ ar beccamorto, che, in der seppellicce, ce cali sotto tera dorce dorce ppiù cche j’è ppossibbile.

 

Da noi, pochi anni fa, quann’un ammalato stava pe’ stirà le cianche, la famija guasi sempre se n’annava via da casa. C’era sempre quarche pparente o quarche amico pietoso, che ppe’ nun fa’ ssoffrì’ la famija der moribonno, cercava d’allontanalla da casa2.

Nun s’accompagnava, come ausa adesso, er morto ar Camposanto.

Ce pensaveno li preti, li frati e li fratelloni de quarche Cconfraternita. Ma li parenti nu’ l’accompagnaveno mai.

Si er morto era un prete, oppuramente quarche principe o quarche principessa o un’antra persona nobbile, lo vestiveno co’ ll’abbiti de gala, e lo portaveno sur cataletto a vviso scuperto.

Allora appresso je ciannaveno li servitori in gran riverea co’ le torcie accese, le carozze e li cavalli der morto, o dde la morta.

 

Si er morto era una craturella o un regazzino, se faceva accompagnà’ in chiesa da la Compagnia de’ ll’Orfenelli, che allora vestiveno da pretini, tutti de bbianco.

Er morticello se portava scuperto, tutto vestito puro de bbianco e cco’ ’na corona de fiori bbianchi a li piedi.

 

Appena era ito via da casa er morto se pensava a scaccià’ vvia la malinconia co’ quarche bbona cenetta o cco’ quarche antro divertimento.

E er giorno appresso, ognuno de la famija cercava de mettesse in regola lo stommico, scombussolato p’er dolore sofferto, cor pijasse un bravo purgante1.

43. — Pe’ suffregà’ li morti.

Quanno uno va ar Camposanto, si vvô suffregà’ ppe’ ddavero l’anime de li poveri morti, ortre a ddije li deprofúnnise e li requiameterni, ecco si cche ddeve fa’.

Deve ammucchià’ intorno e ssopra la croce ppiù bbrécciole e ppiù ssassetti che j’è possibbile: pe’ ’gni sasso e ’gni brécciola che uno je mette je se libbera un anno de purgatorio.

44. — Pericolo che sse passa ner camminà’
ssopre le sepporture.

Quanno state ar Camposanto, nun ve fermate e nun ve mettete mai a spasseggià’ sopre a le sepporture; perchè si in quer tramente che state llì, sotto a vvoi, schioppa er core o er fièle a quarche mmorto, in der medémo tempo, ve schioppa puro a vvoi.

45. — Er giorno de li morti.

Che vviè’ a li dua de novembre, a ttempo mio, s’annaveno a vvede le rippresentazzione sagre che ffaceveno guasi tutti li cimiteri de le Confraternite de Roma.

Le faceveno sopra ’na specie de parcoscèno, co’ ccerti pupazzi de céra arti ar naturale, che ppareveno ômmini come che nnoi.

Io, in quer giorno e in de ll’ottavario de li morti, de ’ste rippresentazzione, m’aricordo d’avenne visitate da dieci a ddodici.

A ll’Oratorio de la Confraternita de la Morte, una vorta ciò vvisto er Giudizio universale; a quello der Santa santòrumme, er collèra d’Arbano, quelle che ffece stragge in der 1867.

Però ppe’ ssolito s’arippresentaveno tutti fatti der vecchio e dder nôvo Testamento.

46. — La ciovetta e mmodo de falla fugge.

Nun c’è un antro animalaccio de malagurio come la ciovetta!

Infatti, fatece caso, quanno in d’una casa c’è quarche ppersona che sta ppe’ mmori’, llei che ssente la puzza de mortaccino, pe’ ttre ssere de seguito je va ssur tetto a ppiagne.

 

Dico a ppiagne, perchè la ciovétta cià un canto pe’ ppiagne, e uno pe’ ride.

Si ride nun è sségno cattivo; ma ssi ppiagne, Iddio ve ne scampi!

Apposta si a ccasa, a le vorte, ciavete quarche ccratura in fasciòla, bbisogna che cce state attenta.

Presempio, appena è ssonata l’Avemmaria, si ffôra de la finestra ce tienete le fasce stése, annatele in sur subbito a ritirà’.

Perchè?! Mme fate ride, me fate! Perchè, nun sii mai detto, la ciovetta ve ce fa er malocchio, quela pover’anima de Ddio ve pô mmorì’, vve pô!

Sibbè’ cche cc’è u’ rimedio, che, io che vve parlo, l’ho insegnato a ttante madre, e ttutte m’hanno aringrazziato in ginocchione, m’hanno.

E’ rimedio è questo.

Ammalappena voi vedete la ciovetta, metteteve a strillà’ cco’ ttutt’er fiato:

«Sóra Checca, portale la palétta, pe’ scottà’ er culo a la ciovetta!».

E nun fate a ttempo a ffinì’ che llei che ssente ’st’antifona se mette a vvolà’ ttarmente, ch’er fugge je serve pe’ ccompanatico, je serve!

47. — Er significato de certi insogni.

Insognasse pesce, mer..., fichi, acqua torbida, è ssegno de guadambio.

Insognasse le serpe, vôr dì’ mmardicenza o llingue cattive; frati, preti, mmaschere o ddonne, vôr dì’ facce finte.

Insognasse che ccascheno li denti, vôr di’ mmorte de parenti.

Insognasse l’oro, è ssegno d’angustie; l’argento invece è ssegno de piacere.

Acqua chiara e uva bbianca so’ ssegni de lagrime.

Polli, ucelli o ppénne, so’ ppene sicure.

Insognasse l’òva è ssegno de chiacchiere e dde pettegolezze.

Insognasse che vve càscheno li capelli, è ssegno che ddovete passà’ un gran dispiacere.

Donna strappata o ignuda, vôr dì’ scànnelo dato.

Una bbestia che cce mozzica, vôr dì’ ddispiacere che sse deve passà’ per un affare che uno cià ppe’ le mano.

Si vv’insognate li maccaroni, è ssegno che vv’ariva ggente a ccasa.

Insognasse Madonne o cchiese, è ssegno de mmalatia, ecc., ecc., ecc., ecc.

48. — Li sposalizzi in carcere.

Quanno in der tempo der Papa, a Roma un giovenotto faceva quarche bbuscarata co’ ’na regazza, e cche la cosa, o ppe’ vvia de li ggenitori de loro, o ppe’ pparte de quarche spia, armava a l’orecchia der Guverno, l’ômo veniva agguantato e cchiuso in de le Carcere Nôve. D’indove nun ce riusciva ppiù insinenta a ttanto che nun arimediava la bbuscarata che aveva fatta, cor un’antra bbuscarata ppiù grossa, ossia cor matrimogno.

Si acconsentiva a sposà’, allora er giorno distinato, er curato portava la spósa a le carcere, e stanno lo sposo de dietro a la ferrata e la spósa de fôra, se faceva er pangrattato.

Fatto questo, s’upriveno li cancelli, e lo sposo, rimesso in libbertà, cercava de svignàssela in sur subbito assieme a la spósina, pe’ llevasse da li stinchi tutta la folla che li stava a sficcanasà’, e cche ppe’ ffaje coraggio, daje che je tirava addosso manciate de confètti bbôni, a ppiù nun posso.

49. — La statuva der Mòro a ppiazza Navona.

La statua der Móro che stà in mezzo a quela funtana che stà dda la parte der palazzo Braschi a ppiazza Navona, dice che è ttanta bbella, tanta stimata, che ’na signora ingresa ce crepó dda la rabbia, perchè er Guverno nu’ je la vorse venne, co’ ttutto che llei je la voleva pagà’ tant’oro pe’ quanto pesava!

Su ’sto fatto er Belli cià ffatto un sonetto che vale un brillante per ogni lettera1.

50. — Segno che uno è ddesiderato.

Quanno da le mano ve cascheno li bbajocchi oppuramente quarch’antra cosa, è ssegno che ssete desiderato da quarche ppersona.

Accusì ppuro una persona che ccià er sangózzo, è ssegno ch’è ddesiderata.

Come so’ ddesiderate quele regazze o ddonne che sieno, che je se scioje o la vesta o er zinale.

51. — Quanno se desidera quarcuno.

Quanno desiderate una persona e vvolete sapé’ si vve sta llontana o vvicina, ecco come avete da fa’.

Se pija la lunghezza d’un télo de robba che sse porta addosso; p’er solito der zinale. Poi cor parmo de la mano, s’incomincia a mmisurà’ da un capo a ll’antro der télo, e a ’gni parmo se dice:

 

«Santa Maria,

Scurta la via,

Slonga li passi

Dimme si ccammina».

 

Siconno quanto der parmo de la mano v’aresta fôra der télo che mmisurate, la persona desiderata starà ppiù llontana o ppiù vvicina.

52. — Un antro modo pe’ ssapéllo.

Oppuramente se fa mmisuranno da li detini de le mano a la punta der naso, sempre cor parmo de la mano, una vorta a annà’ in su, e una vorta a vvienì’ in giù; e sse dice:

 

«Parmo de San Giulliano,

Passo de ...»

 

E qui sse smentùva la persona che sse desidera.

Si li du’ detini s’aricombìneno ggiusti ggiusti, allora è ssegno che la persona desiderata stà a mmomenti per arivà’.

53. — P’arìtrovà’ una persona o una cosa che vve séte persa.

Prima de tutto provate a ddì’ quer sarmo che ddice:

«Qui abbita in uditorio, eccetra».

e vvederete che l’aritroverete senza gnisun dubbito.

Ma si mmai la cosa che vve séte pèrsa è dde valore, come sarebbe a ddì’ un portafojo co’ li sordi, un anello d’oro, eccetra, allora bbisogna dì’ 400 requiameterne a li quattro cantoni de casa: ossia che bbisogna dinne cento pe’ ’gni cantone, spartite accusì: cento a ll’anime scordate; cento a ll’anime ggiustizziate; cento a ll’anime sacerdotale; e ccento a ll’anime der purgatorio.

Se dice puro ’sta preghiera a Ssant’Elena Imperatrice:

 

Preghiera a SSant’Elena Imperatrice p’aritrovà’ una cosa pérsa.

 

«Sant’Elena de Roma Imperatrice,

Madre de Costantino Imperatore.

Voi ch’andaste de llà del mare e ritornaste,

E la Croce de Cristo la trovaste;

Trentatré pparmi sotto terra la scavaste,

Nell’acqua del Giordano la bbagnaste,

A Ssan Pietro de Roma la portaste.

Pe’ quella Croce, per quelle piaghe,

Pe’ le pene da voi provate,

Ve prego, Sant’Elena mia,

De famme la grazzia che cchiedo io».

 

E ppoi se dice un patrennostro.

Io una vorta m’ero persa1 un orloggio d’oro, feci ’sta preghiera e l’aritrovai subbito.

54. — Amore: Pe’ ssapé’ cchi avete da sceje pe’ mmarito.

Pe’ ssapé’ vojantre regazze, su cchi avete da fa’ ccascà’ la scerta pe’ mmettevve a ffa’ l’amore sur serio, ecco si ccome avete da fa’.

Prima de tutto fate una novena a Ssan Pasquale Baylonne, protettore de le zitelle da marito; la sera che la novena è ffinita, quanno ve n’annate a lletto, metteteve a ddormì’ tenenno li piedi in modo che quanno San Pasquale, intanto che dormite, ve viè’ a ttrova (perchè er santo, a nnovena finita, ha dda vienivve a ttrova pe’ dde filo), ve possi pijà’ ppe’ li piedi e ttirà’ in su e in giù (sempre mentre dormite, s’intenne) pe’ ffavve sbatte er core.

Ito via San Pasquale, èccheve che vve vierà in insogno quer tale, fra ttutti li cascamorti che cciavete intorno, che vv’averete da sceje pe’ mmarito.

55. — Un antro modo pé’ ssapello.

Aspettate che arivi er giorno de la festa de San Giuvanni.

Arivato quer giorno, voi a mmezzoggiorno in punto, pijate un pezzo de piommo, squajatelo sur fôco, e ppoi quann’è squajato, buttatelo in d’una scudella piena d’acqua.

Allora vederete che quer piommo, in der gelasse che ffarà, fformerà un sacco de giôcarèlli de tutte le specie. Si ffra queli ggiôcarèlli ce ne vederete quarchiduno che rissomija a uno de li tanti ordegni, che uno de li vostri protennenti addopra in der su’ mestiere, allora, state certa che quer tale, propio lui, sarà quello destinato a sposavve.

Si ppe’ ccombinazzione però, er piombo sciorto, in der gelasse in de ll’acqua, nun facessi gnisun scherzo de quer genero, allora pijate quella stessa acqua, spalancate la finestra, e bbuttatela pe’ strada.

Er primo de li vostri caschènti2 che ppasserà ssopra a quell’acqua, sarà er fortunato o lo sfortunato che vve sposerà.

56. — Pé’ vvede si llui ve vô bbene.

Pijate uno de queli fiori bbianchi e ggialli che sse chiameno Margherite, e strappànnoje quela specie de frangia fatta a ffili, dite a ’gni filo che strappate:

«Me vô bbene — accusì accusì — poco — assai —me minchiona». L’urtima parola de una de queste che vve capita a ll’urtimo filo che strappate, quella ve dice er vero.

57. — Pé’ vvede si una ne ll’anno nôvo che vvié’, sposerà.

Regazze mie, er primo giorno de ll’anno nôvo, annate su la porta de casa, pijate una ciavatta, e bbuttàtela o su’ ripiano der primo capo de scale, oppuramente de fôra der portone.

Si la punta de la scarpa o dde la ciavatta, in der cascà’ cche ffa ppe’ ttèra, arimane arivortata verso la porta o er portone de casa che ssia, allora è ssegno che puro drento l’anno nôvo nu’ sposate; ma ssi la punta de la ciavatta arimane vortata verso l’uscita, allora è ssegno che ddrento l’anno ve maritate certamente.

58. — La prova de le tre ffava.

Er primo de ll’anno, pe’ vvede si ddrento l’anno nôvo le regazze se mariteno, hanno da fa’ ’st’antra prova.

Hanno da pijà’ ttre ffava secche: a una je deveno levà’ ttutta la còccia, a una mezza còccia, e a la terza gnente. ’Ste tre ffave poi l’incarteno in tre ppezzetti de carta, e sse le deveno mette’ sotto ar cuscino prima d’addormisse.

La mmatina, ammalappena sveje, ne deveno pijà’ una a l’inzecca.

Si la fava ch’hanno pijata cià ttutta la còccia, è ssegno che drento l’anno sposeranno un partito ricco: si pijeno quella co’ la mezza còccia un marito moscétto; e ssi je capita quella senza la còccia, uno spóso migragnóso migragnóso.

59. — La prova de li tre aghi infilati.

S’infileno tre aghi: uno cor filo rosso, uno cor filo nero, e un antro cor filo bbianco. Poi da una persona qualunque ve li fate appuntà’ tutti e ttre de dietro a le spalle, senza divve indove.

Voi allora, stiracchianno er braccio a la mejo, ne pijate uno a l’inzécca.

Si vve capita l’ago cor filo bbianco, arimanete zzitella; quello cor filo rosso che vve maritate; e quello cor filo nero che vve morite drento l’anno.

60. — E’ llibbro da messa.

Quanno se fa l’amore, si uno de l’innammorati fa ppe’ rigalo a quell’antro un libbro da messa, je succederanno guai seri o ddisgrazie; perchè nun c’è antra cosa, come in amore, porti sfurtuna un libbro da messa!

61 . — Pe’ ttrovà’ mmarito.

M’ariccontava mi’ nonna (bbenedetta sia!) che a ttempo suo, tanto le zitelle che vvoleveno trovà’ mmarito, tanto le donne maritate che vvoleveno fa’ ffamija, saliveno la scalinata de San Pietro in ginocchione, tienenno in de le mano una cannéla accesa.

62. — Per èsse felice in amore.

Acciocché quanno se fa l’amore vadi tutto bbene co’ l’innammorato, e nun succedino ni pettegolezze, ni ggelosie e ni bbaruffe, bbisogna annà’ dda quarche bbrava fattucchiera e ffasse preparà’ una certa calamìta, che nun sanno preparalla antro che lloro, e cche in amore porta tanta furtuna.

63. — Pe’ ffa’ ddiventà’ innamorata morta de voi una persona.

Precurateve un po’ de piscio de ’sta persona; poi mettetelo drent’una piluccia, con un sordo de chiodi e uno de spille.

Mettete ’sta piluccia sur fôco, e quanno piscio, spille e cchiodi hanno bbullito bbene bbene, annate a ccasa de quela persona che vvolete che s’innammori de voi, e ssenza favve accorge’ sversateje tutta quela pila o in cantina o in soffitta o in d’un antro sitô anniscosto de la casa.

Doppo pochi ggiorni, vederete che smagna d’amore che je pija

64. — Un antro rimedio.

Oppuramente fate accusì. Annate a ttrova ’na bbrava fattucchiera e ddìteje che vve facci co’ le tredici spille, quela croce che sse fa ssopre un pezzo de carta quadrata. E in der medemo tempo fateve puro imparà’ tutti li scongiuri che ddovete fa’ quanno pe’ ttredici sere in fila avete da bbuttà’ ’gni sera ’na spilla da la finestra, dicenno:

 

«Diavolo, te scongiura:

Pe’ . . . . . . ’sta fattura».

 

E accusì ddicenno, se deve smentuvà’ er nome de la persona che sse desidera.

65. — Un antro rimedio peggio1.

Si una donna vô ffa’ ddiventà’ innammorato morto de sé un ômo, je deve mette’, in quarche ccosa che mmagna, un po’ dde quer sangue de quanno lei cià le cose sue.

66. — Sposalizio: Quanno se spósa, ecc.

De Maggio e dde Settembre nun se sposa mai; perchè ’sti du’ mesi so’ cchiamati li mesi de le Croce.

Infatti in tutt’e ddua ce capita una festa a la Croce.

Medesimamente nun se spósa ni in tutta la Quaresima, ni er martedì ni er vennardì, come dice er proverbio:

 

« Ni dde Venere ni dde Marte,

Nun se sposa e nun se parte, ecc.».

 

Si mmentre li sposi stanno in chiesa davanti ar prete che li sta ppe’ sposà’, e cche ppe’ ccombinazione una cratura qualunque je se mette accanto, è ssegno che queli spósi nun passa l’anno che cciaveranno un fijo.

Un passo addietro.

A ttempo mio o pprima de sposasse o er giorno avanti, se costumava d’annà’ a San Sarvatorèllo in Tèrmise a ppregà’ davanti un Crocifisso, tanto miracolòso, che stava in quella chiesoletta a mman dritta de chi cc’entrava.

Lì li du’ sposi, davanti a quer Crocifisso, se ggiuraveno un antra vorta, de volesse bbene pe’ tutta la vita1.

67. — Li confetti de li sposalizzi.

Li confetti de li sposalizzi, l’hanno da magnà’ speciarmente le regazze da marito; perchè je porteno furtuna e bbôn agurio.

Anzi si la notte se li metteno sotto ar cuscino indove ce dormeno, è mmejo: la furtuna pe’ sposà’ je se farà ppiù ppropizzia.

6s. — Chi mmôre prima la spósa o lo spóso.

La prima notte de lo sposalizzio, quanno li spósi vanno a lletto, er primo de loro dua che smorza e’ llume, quello môre prima.

Se dice anche che mmorirà prima quello de li du’ sposi che ccià er casato co’ mmeno lettere de ll’antro.

69. — Quanno la donna nun fa ffiji.

Si la donna che vve sposate cià er vizzio de fumà’ ccome un ômo (e adesso ce ne so’ ttante!), state pur certo che nun ve farà ffiji.

70. — Pe’ ffa’ ddiventà bbôni li mariti.

Anticamente, le povere moje che ereno martrattate da li mariti, se strascinaveno in ginocchio o a ppecoróne da Santa Prudenziana a Ssanta Maria Maggiore, chiedenno a la Madonna la grazzia de fajeli addiventà’ ppiù bbôni e umani.

Adesso invece bbisogna che le donne usino le bbône magnere e cche sse mettino l’acqua in bocca.

71. — Pe’ ffa’ li fiij e ppe’ ttrovà’ mmarito.

Sii2 le regazze che vvoleveno trovà’ mmarito, sii le donne che nun faceveno fiji e cche desideraveno de falli, per ottienè’ la grazzia, er giorno 22 de giugno, saliveno in ginocchione la scalinata de San Pietro3.

Ma a li tempi nostri ’sti costumi nun s’auseno ppiù. Però, si a lletto, la moje nun se córca a mman dritta e er marito a mmancina, li fiji nu’ je viengheno bbene o je se mòreno presto.

72. — Pe’ ffà’ ffa’ ppace fra mmoje e mmarito.

Annate da una brava fattucchiera, fateve preparà’ la lima e la raspa tutte bbene infettucciate, come nu’ le sanno preparà’ antro che lloro.

Poi pijate ’sta lima e ’sta raspa accusì preparate e mmettetejele tra er pajaccio e er matarazzo de’ lletto matrimognale.

 

 

73. — Mentre se scopa pe’ ccasa.

Intratanto che scopate casa state bbene attenta a nu’ scopà’ ssu li piedi de le zzitelle e dde le vedove, artrimenti quelle poveraccie cureno e’ risico de nun pijà’ o dde nun trovà’ mmarito, e le vedovelle de nu’ rifacce cavallo1.

74. — Le scampanacciate.

S’usaveno la notte der giorno de lo sposalizio de du’ spósi vecchi o vvedovi.

Eccheve in che mmodo.

Je s’annava sotto casa in truppa co’ le lenterne, o cco’ le torcie a vvento, strillanno: Evviva li spósi!

E intratanto ognuno de la bballa2 sbatteva padelle, treppiedi, callari, casse de petrojo, oppuramente sônava trombe; tromboni, lumaconi de mare, o ccampanacci de pecore e dde bbôvi, che ppareva l’inferno scatenato!

Tutto ’sto diavolerio poi finiva co’ la ccusì ddetta rottura de la pila: tiraveno ciovè’ co’ ttutta la forza una pilaccia de coccio, che, sbattenno addosso ar portone de li sposétti freschi, se sfasciava in cento pezzi, e la scampanacciata finiva.

75. — Giôco de’ llotto: Pe’ vvince sicuramente.

Anticamente, p’indovinà’ un bon terno a’ llotto, se saliva in ginocchione (sempre de notte veh!) la scalinata de la cchiesa de la Ricéli, recitanno Deprofùnnise, Avemmarie, e co’ l’ariccommannasse a li tre Remmaggi Gaspero, Bardassare e Mmarchionne.

E dde tutto quello che sse vedeva e sse sentiva (come se faceva puro a San Giuvanni Decollato) ce se pijaveno li nummeri e sse vinceva.

76. — La novena a ll’anime ggiustiziate.

Sempre pe’ vvince a llotto, se faceva la novena a ll’anime ggiustizziate, in ’sto modo.

S’annava a ppiedi, recitanno sempre l’orazziòne, da le Carcere nôve, p’er vicolo der Marpasso, a ppiazza de li Cerchi3, indove se ggiustizziava. Facenno, insomma, la medema strada de quelli che annaveno a mmorte ar tempo der papa.

Da li Cerchi poi s’annava a San Giuvanni Decollato. Arivati davanti a ’sta cchiesola, indove ce se seppelliveno li ggiustizziati, uno se doveva mette in ginocchio a lo scalinetto che stava ssotto a le du’ ferate che staveno una de qua e una de llà, a la porta de la cchiesa.

E tramente uno stava llì, ssempre preganno, tutto quello che vvedeva e cche ssentiva se lo doveva tienè’ bbene a la mente pe’ ppìjacce li nummeri, ggiocalli, e er sabbito appresso vincécce.

A ppreposito de ’sta novena, o preghiera che sii, se ricconteno tante pavure che sse so’ avute pe’ vvia de ll’anime ggiustizziate che sso’ apparse in persona, e so’ ite appresso da piazza de Cerchi1, senza la testa o cco’ la testa in mano, a quelli che annaveno a ffa’ ’sta novena! Mamma mia!2

77. — Per avè’ ttre nnummeri sicuri.

Annate a San Lorenzo, pijate una bbôna fatta de quela tera che stà accanto a le cróce; empìtece un vaso granne o un cassettone.

Fatto questo, piantatece 90 vaghe de grano; sopre a ’gni vaga mettetece uno stecchino de canna co’ li nummeri dall’uno ar novanta.

Ggiocate li primi tre nnummeri indove ce spunteno le prime tre ppiantine, e ppoi sapéteme a ddì’ ssi nun vincete.

78. — La Novena a Ssant’Alesio.

Sempre pe’ vvince a llotto, se pô ffà ppuro la novena a Sant’Alesio, pe’ ttre ggiorni, oppuramente pe’ nnove, siconno come uno vô.

L’urtimo ggiorno de la novena, la notte, quello che la fa, se la deve passà’ ppe’ le scale de casa; poi quanno sôna mezzanotte, se deve affaccià’ ar portone, e su quello che vvede o cche ssente ce deve pijà’ li nummeri.

79. — La novena a San Pantaleone.

Je se fa la novena pe’ ttre nnotte stanno in cammera da letto solo solo, si nnó nun vale.

A la terza notte, a mmezzanotte in punto, ddice, che ècchete che vviè’ Ssan Pantaleone in persona, a ddavve li nummeri.

Anzi bbisogna aricordasse de faje trovà’ ssur commò o ssur tavolino, la carta, la penna e ’r callamaro.

San Pantaleone, dice, che è un santone, un pezzo d’accidentóne3 arto e ggrosso, che dda pe’ strada ariva a un siconno piano; sicché nun ha bbisogno d’entravve drento casa dar portone; perchè llui ve c’entra addrittura da la finestra.

Tutto stà a nun avé’ ppavura.

S’aricconta che ’na donna che ffece ’sta novena, ner vede San Pantaleone, je prese uno spavento tale che dda la pavura ce crepò.

Ma azzeccatece un po’? Doppo morta lei, er marito nun trovò de dietro a la tinozza de la liscìa, un pezzo de carta co’ ttre nnummeri lampanti, che er sabbito appresso uscirno tutt’e ttre ccom’un razzo?!

Perchè bbisogna che ssapete, che quer benedetto Santo cià er chiribbizzo che invece de lassà’ li nummeri scritti o ssur commò o ssur tavolino, prima d’annàssene, li nisconne senza fasse accorge, in quarche ssito.

O ssu li travi der solaro, o dde dietro a lletto, o ssotto ar commò o in quarche antro annisconnijo.

80. — Li frati zuccóni1 e li maghi.

Ortre a le novene che vv’ho ddette, pe’ rimedià’ ttre nnummeri bbôni, bbisogna conosce o quarche bbravo mago o quarche ffrate zuccóne de quelli che ddànno li nummeri in gèrgo.

Certe vorte ’sti bboja fanno vince un sacco de persone; ma li possino scansalli2 raramente ve danno li numineri bbôni; a mmeno che uno nu’ je vadi propio a ggenio, o nu’ je sii propio amico granne.

Bbisogna agguantalli, schiaffalli drento a la cantina e a nun falli ppiù uscì’ fino a ttanto che nun ve li danno bbôni.

81. — Come se pô ssapè’ si li nummeri ch’esciranno
saranno arti o bbassi.

Si in de la sittimana, le stelle su in cielo stanno accanto a la luna, li nummeri ch’er sabbito sortiranno a’ llotto saranno de certo nummeri bbassi; s’invece nun ce staranno, allora sarà a ll’incontrario.

Li giudii, presempio, a ttempo mio, ggiocaveno pe’ lo ppiù ssempre nummeri bbassi e ppe’ ddiecine. Tant’è vvero, che quanno er sabbito usciva una astrazzione tutta sotto a la trentina, pe’ Roma dicemio tutti che in Ghetto c’era festa granne3.

82. — Pe’ pprovà’ si li nummeri ch’avete da ggiocà’ sso’ bbôni.

Pe’ pprovalli, metteteveli la notte sotto ar cuscino; e ssi ne la notte v’insognate un sogno che vve corisponne esatto a quelli medemi nummeri che cciavete sotto ar cuscino, è ssegno che li nummeri so’ bbôni e ch’er sabbito appresso sortiranno de sicuro.

83. — Per avé’ ffortuna in der giôco de’ llotto.

Bbisogna portasse in saccoccia er trifojo, o du’ denti legati cor un filo de seta cruda zuppa de bbava de lumaca.

Oppuramente tienè’ a ccasa una lucertolina appena nata, o la lucertola a ddu’ code; o anche un corno de bbufolino ammazzato in Ghetto e ttienuto una nottata a la serena4. Oppuramente mettesse addosso una camiciola ch’ha pportato un giustizziato, ecc. ecc.


84. — Un zompo a la marana de San Giorgio.

Un antro modo sicuro per avè’ ttre nnummeri bbôni è questo.

Se va dde notte sóli soli, e ddicenno l’orazzione, insinenta a la Marana de San Giorgio.

Lì ssotto a quell’archi, appena sôna mezzanotte, de tutto quello che sse vede e cche sse sente, come presempio, un cane che abbaja, una ciovetta che ccanta, un somaro che raja, eccetra eccetra, ce se pijeno li nummeri, se ggiôcheno e er sabbito se vince guasi sempre de sicuro.

85. — Primo e urtimo ggiorno de ll’anno.

Er primo ggiorno de ll’anno, a Roma, se magna l’uva appassita, la lenticchia cor codichino o cco’ le bbraciole de majale; accusì, ddice, che sse conteno quatrini tutto l’anno.

Nun se pagheno li debbiti, si nnó ttutto e’ resto de ll’anno nun se farebbe antro che ppagà’; se fa in modo, in tutta la ggiornata, de sta’ alegramente, e dde smaneggià’ ppiù quatrini che uno pô.

Pe’ ll’antre usanze che cce so’ er primo de ll’anno, leggete in ’sto medemo libbro: Amore: La prova de le ttre ffave; La prova de li tre aghi, ecc.

 

La notte de ll’urtimo ggiorno de ll’anno, a mmezzanotte e un minuto, ossia quanno stà pper entrà’ ll’anno nôvo, ortre a ffà’ li bbrìnnisi e la bbardoria solita, s’hanno da bbuttà’ dda la finestra tre ppile de coccio piene d’acqua co’ ttutte le pile.

’Sto rimedio serve per allontanasse da casa la jettatura, la sfurtuna e ttutti l’antri sciangherangà der medemo ggenero.

A ttempo mio per agurasse fra pparenti e ffra amichi una bbôna salute e una vita lónga, er primo de ll’anno, usava de rigalasse una pigna1 indorata e inargentata, come quelle che incora adesso se metteno drento a le carzette che sse fanno pe’ Bbefana a li regazzini.

86. — Li temporali: segno che er tempo vô ffa’ bburiana.

Quanno vedete ch’er cèlo s’annuvola e Ssan Pietro mette er cappello, ossia che ssopre a Ssan Pietro er cèlo se fa nnero come ’na cappa de cammino, allora è ssegno sicuro de temporale.

Ma nun è gnente; a le vorte, er sôno solo de le campane de le cchiese, abbasta a scongiurallo.

87. — Antri segni de pioggia.

Quanno, presempio, la luna cià intorno come ttutti veli de nebbia, quell’è ssegno de tutt’acqua; e nu’ starà ttanto a ppiove.

Si la notte le stelle so’ state fitte fitte, si er sole scotta assai assai, so’ sségni de pioggia.

Quanno piove, si vvedete che le nuvole stanno bbasse, è ssegno che ll’acqua nu’ smette per un pezzo.

Ma si er cèlo è ttutto annuvolato, e le nuvole stanno ferme, è ssegno che ppe’ quer giorno tanto nun piove: e dda noi se chiama: tempo grasso.

Aricordateve poi che, cciavemo un proverbio che ddice:

 

«Callo che ddôle, pioggia vicina.

Quanno li gatti ruzzeno è un antro segno che vvô ppiove.

Quanno la luna è rossa, o ppiove o ssoffia.

Vento de levante, si nun piove è un gran brigante.

Quanno le mosche so’ pprofidiose er tempo mette a acqua.

Piogge d’estate, de corte durate».

88. — La campana de la cchiesa Nôva.

Però si er temporale minaccia de fa’ danni, allora da la Chiesa Nova sentirete una certa campana sônà’ a ttutta bbattuta.

Allora metteteve in ginocchio, a ddì’ er Trisaggio angelico che sse recita segnànnose la fronte, er naso, e la bbocca: Sanctus Deus, sanctus fortis... e questo pe’ ffa’ ch’er Signore ve guardi da le porcherie1.

Pe’ ritornà’ a la Cchiesa Nôva, avete da sapè’ che in quella cchiesa c’è una certa pietra che ssi quanno fa ttemporale pericoloso, la senteno che ss’innummidisce tutta, è ssegno ch’er tempo se mette a mmale sur serio.

Allora li frati, per avvertì’ la popolazione, ne danno er segnale sônanno, come v’ho ddetto, quela campana.

89. — Pe’ gguàrdasse da le porcherie2.

Abbasta a ccaccià’ ffôra de la finestra un braccio e ssonà’ er campanello de la Madonna de Loreto: quer campanello, strufinato drento la scudella che stà a la Santa Casa, nun solo è bbôno a ffa’ ffinì’ er temporale, ma vve guarda da le porcherie, e vve sarva anche da la grandine le campagne.

Oppuramente cacciate fôr de la finestra u’ rametto de quelle parme che ddanno pe’ le cchiese la domenica de le parme, che vve farà antro che dda parafurmine

90. — Li scherzi che ffanno li furmini e le saette.

Si, ssarvognóne, er furmine (ch’è ffatto come una colonnétta de pietra) passa vicino a ’na persona la incennerisce in sur subbito accusì ccome la trova: e la lassa talecquale talecquale, co’ ll’abbiti er cappèllo e le scarpe. Sortanto che ar minimo soffio d’aria, ar minimo urto, tutta la persona se ne va in porvere.

 

La saétta, invece, è una pietruccia fatta come una lancetta, che indove capita, sfónna, sbucia, ferisce e ammazza.

91. — Un giorno de ll’anno che ppiove sempre.

Er giorno de la festa de Sant’Andrea pescatore, che vviè’ a li 30 de novembre, ha dda piove pe’ fforza.

Fatece caso e vvederete che in quer giorno l’acqua nun zara mai.

92. — Le purce ar collo. Santa Bibbiana.
Li quattro Aprilanti.

Antri segni che ll’acqua stà vvicina so’ questi.

Le femmine nostre se n’accorgheno, quanno se senteno pizzicà’ er collo.

Infatti agguantanno la purcia che j’ha ppizzicato, dicheno:

 

«Le purrce ar collo:

L’acqua a Pponte Mollo».

 

Ossia che ll’acqua stà vvicina, perchè è ggià arivata a Pponte Mollo.

E a ppreposito d’acqua e dde proverbi ce n’avemo un antro antico che ddice:

 

«Si ppiove er giorno de Santa Bbibbiana1,

Piove quaranta ggiorni e ’na sittimana».

 

E ppuro questo nun zara mai.

 

«E ssi ppiove pe’ li quattro Aprilanti

Ppiove quaranta dì dduranti».

 

93. — La mano: Quanno la mano rode.

Quanno rode la parma de la mano dritta, è ssegno che uno deve pijà’ quatrini; allora è mmejo a cchiudella e a mmettessela in saccoccia.

Quanno invece rode la parma de la mano mancina, ce se soffia sopre; perchè allora è ssegno che sse deveno dà’ quatrini.

 

Si quell’emme (M) che cciavemo in mezzo a la pianta de la mano è assai marcato, è ssegno che mmorimo presto.

94. — Er sale.

P’er sale e cche affetto fa si vve se sverza, e cche arimedio ce vô ppe’ scongiurà’ la disgrazzia, leggete ar nummero 12: Cose che pporteno disgrazzia: ojo, sale, ssedie, ecc.

95. — Er naso.

Quanno er naso róde, è ssegno che uno cià d’abbuscà’ un sacco de papagni.

Mentre c’è invece chi ddice che ar contrario de li papagni, ponno èsse’ puro bbaci.

96. — La pèrsa.

Acciocché la pèrsa facci affetto, bbisogna che sii piantata in d’una pila de coccio.

Quann’è ppiantata accusì, appricata drento a l’orecchia ammalate, je fa ppassà’ er dolore.

97. — La ménta.

Su ’sta pianta che è bbona a insaporicce tante pietanze, ciavemo a Roma sto proverbio:

«Chi ppianta la menta, tutto l’anno se lamenta».

E nun ve dico antro.

98. — Li sèrpi.

Inciàrmeno l’ucelletti intanto che quelli vóleno; e sse li fanno cascà’ in bocca come pperacotte.

Li cacciatori stessi, si je vonno tirà’ cco’ lo schioppo, bbisogna che nun se ne faccino accorge; perchè si li serpi se ne incàjeno, j’inciàrmeno la porvere, ossia je l’incanteno, e la bbòtta je fa cécca.

Quanno uno sta in campagna che vvede un ragheno (ramarro) stii puro sicuro che appresso je viè er serpe.

99. — Quanno li serpi bbéveno modo de levaje er veleno.

Le vipere e le serpe velenose, quanno vanno a bbeve, prima de bbeve depositeno sopra un sasso er veleno che cciànno in bocca, per ringozzasselo doppo quanno hanno bbevuto.

I’mmodo che si uno è sverto, mentre stanno a bbeve, a sversaje per tera er veleno, quer serpe nun sarebbe ppiù vvelenoso.

Va bbene però che er più dde le vorte ce s’avvilischeno tanto che cce schiatteno de crepacore.

100. — L’orecchie.

Chi ccià l’orecchie piccole, cià vvita curta; chi cce l’ha llónghe vita lónga.

Apposta quann’è la festa de quarche pparente o dde quarche amico, je s’ausa a ttirà’ l’orecchie per allungajele e aguraje accusì una vita lónga.

Quanno ve fischieno l’orecchie:

 

«Orecchia dritta, lingua trista;

Orecchia manca, lingua santa».

101. — L’arberi de fichi. L’aleandre1.

Si mmettemo caso, in campagna, ve pija sonno, state bbene attenti a nu’ mmettevve a ddormì’ ssotto a ll’arberi de fichi; perchè ll’arbero de fichi ve farà vienì’ subbito un gran dolor de testa da ffavve ammattì’.

A mmeno che nu’ staccate dar medemo arbero quattro o ccinque fronne, e vvè le mettete sotto a la testa, prima de pijà’ sonno.

In ’sto modo er dolore nun ve pija ppiù.

 

Si uno poi s’addormisse sotto una pianta d’aleandre, quelle piante velenose che ffanno tutti quelli fiori rossi odorosi odorosi, che sse senteno odorà’ un mijo llontano, potrebbe esse che se facesse l’urtimo sonno; perchè quer gran odore l’imbriacherebbe e l’avvelenerebbe.

102. — L’occhi.

Quanno sentite che vve sbatte un occhio è ssegno che quarchiduno parla de voi.

P’er malocchio o occhiaticcio, leggete er nummero 1 de ’sto medemo libbro; e ppe’ la cura de ll’occhi, l’arimedio simpatico che sta ppuro in ’sto medemo libbro ar n. 45.

103. — La mmatina.

Si la mmatina appena arzato da letto ve viè’ a ttrova a ccasa un ômo è ssegno de bbon ugurio; si ar contrario ve viè’ a ttrova una donna è ssegno de cattivo ugurio (Vedi: Fortuna e Sfortuna).

104. — L’uva nera e le zzinne.

L’uva nera fa ddiventà’ le zzinne grosse.

Apposta si cciavete fije femmine, quand’è er tempo de ll’uva ch’è mmatura, fatejene fa’ pe’ ddiverse vorte de le bbône magnate, e vvederete che je cresceranno du’ bbelli zinnóni grossi e ppórpósi.

105. — Le domeniche.

La domenica nun se deve mai fa’ bbulle er callaro de la bbucata; perchè si nnó artrimenti, ne soffreno l’anime der purgatorio.

E aricordateve che la festa, giacchè semo a ’sto discorso, nun se deve nemmeno lavorà’; perchè la festa l’ha ffatta apposta er Signore pe’ ffacce ariposà’.

Tant’è vvero ch’er proverbio dice: «Che cco’ llavoro de la festa, ce se veste er diavolo».

106. — Come viengheno l’orzaròli1.

L’orzaroli viengheno co ’na facilità che nun ce se crede.

Presempio: abbasta, che, in der mentre che magnate quarche ccosa, una donna gravida ve guardi, perchè vve vienga subbito un orzarólo.

 

107. — Casa nôva.

Quanno se v’abbità’ in d’una casa nôva, le prime cose che bbisogna portacce so’: un fiasco d’ojo, er vino, er carbone e una pianta de ruta. Tutte cose che porteno abbonnanza e bbon ugurio.

Si la casa indove abbitate stà ssur cantone è bbon segno. Lo dice infinenta er proverbio:

 

«Casa accantonata, casa affortunata».

 

La prima notte che ddormite a ccasa nôva, si vve fate un insogno e ccé pijate li nummeri, vincerete a’ llotto de certo.

108. — Per avé’ la furtuna a ccasa.

Annate da ’na bbrava fattucchiera o ffattucchiere che sii, e ffateve preparà’ la calamita in d’una borzetta de pezza rossa; perchè er colore rosso è ccontrario a la jettatura.

Poi drento a ’sta bborzetta mettetece un faciòlo, un po dde limatura de ferro, un po’ dde riso, de grano, un pezzo de corallo, e un pezzo d’argento. Tutta ’sta robba se chiama la dota.

L’oro drento a la borzetta nun ce se deve mette, si nnó la calamita nun fa gnisun affetto2.

Fatto questo, ogni quinnici ggiorni, fate imbriacà’ ’sta bborzetta mettennola a mmollo in un bicchier de vino.

Quer vino poi se deve bbuttà’ ppe’ ccasa; e intanto che sse bbutta se deve dì’ accusì’:

 

«Come ’sto vino bbuttato pe’ ccasa mia,

Ccusì pporteme furtuna, calamita mia»

 

Siccome ’sta calamita deve servì’ ppe’ ttutta quanta la famija, a la fattucchiera che vve la prepara, bbisogna daje tanti papetti1 pe’ quante persone sete in famija.

109. — Er gatto e er cane.

So’ bbestie che nun vanno strapazzate.

Si uno nu’ le pô scèrne, le lassi perde’; ma nu’ je facci male.

Chi ammazza un gatto, je môre appresso, o je succède quarche disgrazzia.

Er proverbio dice:

 

«Chi ffa mmale a ccani e ggatti,

Fa mmale li su’ fatti».

 

Er gatto nero porta furtuna.

Quanno er gatto ruzza, è ssegno che stà ppe’ ppiove’.

Quanno er gatto gnávola è ssegno de bbon agurio.

Invece quanno er cane urla: caì, ccaì, è ssegno de malugurio.

110. — La maledizzione a le bbestie.

Anticamente pe’ llibberasse casa da li bbagarozzi, da li sorci, da le tarle, da le cimicie, ecc. ecc., se chiamava er prete che in cotta e in stôla se presentava a ccasa cor su’ bbravo laspersorio, le mmalediva, e vve le cacciava in sur subbito da casa.

Talecquale ccome se faceva2 pe’ llibberà’ le campagne da li grilli, da le ruche, e dda ll’antri animali che je fanno danno.

111. — Le spille.

Quanno, mettemo caso, avete bbisogno d’una spilla e la chiedete a un parente, a un’amica o a cchissesia, a la persona che vve la dà’ puncicàteje la mano co’ la su’ médéma spilla.

Si nun fate accusì, ddiventerete nemmico de quela persona, oppuramente ce litigherete o cce passerete guaji serî.

C’è un sonetto der Belli su ’sto preposito, che vvale un Perù.

112. — Er ballo de li guitti3.

M’ariccontava la bbon’anima de mi’ nonna che er ballo de li guitti era ’na festarella che sse faceva a Roma, in de li su’ tempi, er primo de maggio.

’Sta festa se faceva su la piazza de San Marco, davanti a Mmadama Lugrezzia, che in quer giorno compariva tutta impimpinata cor un gran toppè de cipolle, d’aji, de nastri de tutti li colori e dde carote.

Era un divertimento, dice, accusì bbello, che cce cureva a vvedello tutta Roma sana.

Prima de tutto li guitti che ppijaveno parte ar giôco, faceveno come se fa a quer giôco de pegni che sse chiama: «A fa’ li sposi».

Ogn’ômo se scejeva, pe’ quer giorno, una spósa qualunque.

Poi còppia pe’ ccòppia, prima de principià’ er ballo, se presentava davanti a Mmadama Lugrezzia, e ffaceva infinta dé fa’ lo sposalizzio, come si llei fussi stata er sinnico o er curato.

Poi se dava comincio ar ballo. Ce n’èreno de coppie sciarmante davero, speciarmente certe paciòccóne de li Monti, che ddice che vve facéveno annà’ in brodo de guazzetto; ma cc’ereno puro certe gamme a ìcchese, e ccerti gobbi e ggobbe, che a vvedeje bballà’ er sartarello, dice, ch’era un morì’ dda ride’!

E cche risate scrocchiarèlle, era a vvedé’, coppie de vecchi bbacucchi e dde sciancati, che, infocati in der ballo, facéveno tanti stravèri e ttante bboccaccie, da fa’ p’er gran morì’ dda ride’, schioppà’ er grecile infinenta a Mmadama Lugrezzia.

113. — La notte de Natale.
Er presèpio a la Ricèli e li sermoni.

Nun serve che vve dichi quello che la viggija de Natale s’ausa da noi a mmagnà’ ar Cenóne; e nnemmanco che ddoppo er cenòne se ggiôca a tommola, a ccarte, oppuramente a ssemmolèlla cor naso.

Doppo ggiôcato, s’esce tutti assieme, e sse va in chiesa a la messa de mezzanotte.

 

Fatece bbene caso. Si la viggija de Natale viè’ dde domenica, o a ccasa o strada facenno, ve vederete apparì’, a una una, tutte quell’anime sante che nun averete suffregato drento l’anno.

Tant’è vvero, che a ttempo mio, in quela notte (ssi la viggija capitava de domenica) ’gnisuno voleva arestà’ a ccasa, pe’ ppavura de trovasse a ssolo a ssolo co’ quarcuna de quell’anime bbenedette.

Dice pure che ll’anime sante, in de l’annà’ cche ffanno pe’ le case, si ttroveno la tavola apparecchiata e er da magnà’ pronto, ddice, che mmagneno e bbeveno alegramente.

 

Da la viggija de Natale insino ar giorno de la Bbefana, a la cchiesa de la Ricèli se fa er Présèpio.

Fin’a ppochi anni so’, era er più mmejo presepio che sse vedessi a Roma; e la ggente p’annallo a vvede’ ce faceva a ppugni.

Gguasi d’avanti ar presepio c’era, e cc’è ppuro adesso, come un parco, indove ce monteno tutti queli regazzini che hanno fantasia de recità’ er sermone ar santo Bbambino1.

 

L’urtimo ggiorno der presèpio, se faceva la precissione drento la chiesa, e ppoi li preti usciveno su la scalinata, e bbenediveno cor bambino er popolo che stava inginocchiato su li scalini de la medéma.

114 — Er Cottìo.

Nun serve che vve dichi che in der cottìo che sse fa l’antiviggija de Natale, se mette a l’incanto tutto er pesce che dda li porti de mare viè’ a Roma in quell’occassione.

Er cottìo, che pprima se faceva ar portico d’Ottavia, poi a le Cupèlle e adesso se fa a Ssan Teodoro, comincia da le dua doppo la mezzanotte in su.

Quann’è una bbella serata, se lo vanno a ggode bbarba de signore e dde signori nostrali e fforestieri co’ ttamante de carozze e dde lacchè.

115. — Er calor febbrile.

Si qua, in de li mesi de Lujo e dd’Agosto, che sso’ li mesi ppiù ccalli de l’istate, er callo, nun sia mai detto, arivasse ar punto che sse chiama calor febbrile, allora tutti, quanti ce ne semo a Roma, se metteressimo a’ lletto co’ la frebbe.

Un segno, qui da noi, che ne l’istate l’aria nun è bbôna, è quanno ce so’ in giro poche mosche.

116. — L’Ascensione (21 de maggio).

La sera de la viggija de l’Ascensione se pija un ôvo fresco de ggiornata, se mette in un canestrèllo, co’ ddrento u’ llumino acceso, e sse mette fôr de la finestra a la séréna1.

La Madonna, quanno passa davanti a ccasa vostra (perchè in quela sera la Madonna va in giro da per tutto); ve bbenedirà quell’ôvo.

Voi, l’anno appresso, in quer medemo ggiorno, pijate quell’ôvo, roppételo e lo troverete de céra vergine.

Quela cera conservatela come una relliquia; perchè ortre a ttienevve lontane da casa le porcherie2 e ll’antre disgrazzie, ve servirà ppuro pe’ guarivve da tante mmalatie che nun ve ne curate de sapéllo.

Ortre ar canestrello co’ ll’ôvo e e’ llume acceso, de fôr de la finestra ce s’ausa a mette puro un secchio d’acqua.

Co’ quell’acqua bbenedetta, uno, la mmatina appresso, ce se lava, e sse la beve; e quella che jé ciaresta se la mette da parte; perchè quell’acqua fa una mano santa p’er dolor de le ggengive e ppe’ mmill’antri malanni.

117. — La caccia a li bbagaròzzi.

Sempre la sera de la viggija de l’Ascensione, a Roma, li regazzini auseno d’annà’ ppe’ le cantine o ssu ppe’ le cappe de li cammini a ddà’ la caccia a li bbagarozzi.

Agguanteno quelli ppiù grossi, e ssopre a la groppa je ce metteno un pezzetto de cerino acceso; e mmentre er bagarozzo se mette a ffugge’ e ss’abbrucia, loro appresso je dicheno:

 

«Curri, curri bbagaróne; che ddomani è l’Ascensione:e si ttu nun curerai, tutt’er cul t’abbrucerai!»

118. — La bbenedizzione de Gesù-Cristo.

Ortre a la Madonna, la viggija de l’Ascensione, scegne da su in cèlo puro nostro Signore Gesucristo, per annà’ in giro a bbenedì’ tutte le campagne e li campi sementati a grano.

A quela su’ bbenedizzione, l’acqua de la spiga, un detto e un fatto, se tramuta in latte!

119. — Li bballi antichi.

Ortre ar Sartarello3, ’na specie de tarantella napoletana, che adesso nun se bballa ppiù; me ricordo li bballi la Giardignera, la Lavannarina, la Monferina, la Tarantella, er Fanango, er Sospiro, ecc.

120. — Le lumache.

Le lumache, quelle de vigna, se magneno la notte de San Giuvanni. So’ ttante bbône, che a Roma c’è cchi sse le magnerebbe in testa d’un tignóso. Ma pprima però bbisogna falle spurgà’ bbene in de la semmola, lavalle in de l’acéto, eccetra, eccetra. Si nnó a mmagnalle accusì, ccome se troveno, ponno fa’ ppijà’ quarche ccolica.

 

Li regazzini, tutte le vorte che ttroveno quarche llumaca, pe’ ffalla uscì ffôra de la còccia, je dicheno ’sta cantasilèna:

 

«Esci esci, còrna;

Fija de ’na donna,

Fija de Micchele,

Che tte do ppane e mmèle!».

121. — Er “Carro„ o er “Carraccio„.

Era una rippresentazzione che sse cantava in povesia, co’ l’accompagno der calascione, e un sacco de ggesti e dde bboccaccie, da facce abbortì’ ’na donna incinta.

Ce pijaveno parte una donna, un giudìo e un facchino cor un nasone finto1.

122. — La Crésima.

Si uno s’incontra pe’ strada cor una cratura che aritorna da èsse’ accresimata propio allora, è ssegno de bbôn ugurio; perchè le crature appena accresimate porteno furtuna.

A Roma, quanno una porta a ccresimà’ quarche fijo, doppo la funzione in chiesa, se monta in landòne2 a du’ cavalli, e ccor compare o la commare, se ’va a’ ppranzo fôr de porta, e ppoi se va a ffa’ una scarozzata.

In tutto er tempo che sse va in carozza, le crature accresimate hanno da stà a ssede’ ssur soffietto, co’ la loro bbrava fittuccia in fronte e la cannela in mano.

Passata la festa, quela fettuccia che pporta furtuna, s’aripone e sse conserva pe’ ttutta la vita.

123. — La scummunica der Papa.

Iddio ne guardi a èsse’ scummunicati dar Papa!

Se fa una vita tribbolata tribbolata, e ppiena de disgrazzie e dde malanni; e quanno se môre, se môre tutti inverminiti.

124. — Li scummunicati de Pasqua3.

Ereno, come saperete, quelli che nun se confessaveno e nun se communicaveno nemmanco pe’ Ppasqua.

E accusì nun poteveno ariportà’ ar curato de la parocchia de loro, er vijetto4 ch’er prete che li communica je rilassa pe’ ccertificà’ che hanno preso Pasqua; come se fa incora adesso.

Sortanto che adesso a cchi nun pija Pasqua nu’ je se fa gnente; ma ar tempo der papa, invece, tutti quelli che nun aveveno pijato Pasqua, er 27 d’agosto, se vedeveno er nome e er casato de loro scritto sopra un tabbellone o cartellone de fôra de la cchiesa de San Bartolomeo all’Isola.

Ma sse capisce che cciannàveno scritti tutti quelli che nun ciaveveno un scudo da rigalà’ nì ar sagrestano pe’ ffasse precurà’ un vijetto, nì a quelli bbizzochi farsi che ppijaveno Pasqua pe’ lloro e ppe’ le poste.

Tutti quelli che sse confessavene e ccommunicaveno sortanto in de l’occassione de Pasqua, ossia una vorta l’anno armeno, ereno chiamati li Pasqualini.

125. — L’ottobberate1 a Ttestaccio.

Siccome Testaccio stà vvicino a Roma, l’ottobbere ce s’annava volentieri, in carozza e a piedi.

Arivati llà sse magnava, se bbeveva quer vino che usciva da le grotte che zampillava, poi s’annava a bballà’ er sartarèllo o ssur prato, oppuramente su lo stazzo dell’osteria der Capannóne2, o sse cantava da povèti, o sse giôcava a mmòra.

La sera s’aritornava a Roma ar sóno de le tammurèlle, dde le gnàcchere e dde li canti:

 

«A la reale,

L’ottobbre è ffatto com’er carnovale!».

 

E ttanto se faceva a curre tra carozze e ccarettelle, che succedeveno sempre disgrazzie.

126. — Quanto regna un Papa.

Er papa ha dda regnà’ ppochi anni.

So’ stati pochi quelli che so’ arivati a ppassà’ la ventina; e gnisuno de loro è stato bbôno a ppassà’ li 25 anni che ha regnato San Pietro.

Perchè si un papa, nun sia mai detto, arivasse a ppassà’ ll’anni de San Pietro, Roma se subbisserebbe ar punto tale, da nu’ restacce in piede manco una colonna.

(Tutti s’erimio cresi accusì, insinenta a Pio IX e a Leone XIII che li 25 anni de San Pietro l’hanno passati e strapassati, senza che a Roma je sii volata ’na penna; va bbè’ cche ttutto questo è ssuccesso pe’ promissione der Cèlo!).

127. — Er giorno de santa Caterina.

Viè’ a li 25 de novembre. Quer giorno, come dice er proverbio: «Pe’ Ssanta Caterina, o nneve o bbrina, o la neve su’ la spina». Diffatti a Roma s’ausa, a ccasa de li Cardinali e dde li signori, come in de le sagristie, d’accenne li fôconi e dde mette li tappeti o le stôre incomincianno da quer giorno.

È un ber fatto che er medemo tempo preciso che ffa er giorno de Santa Caterina, lo fa er giorno de Natale.

Un antro proverbio dice: «Pe’ Ssanta Caterina un passo de gallina» .

Che vorebbe intenne che da Santa Caterina infinènta a Nnatale le nottate crescheno un cinichétto, ossia quant’un passo de gallina; e da Natale, in poi se scorteno: un passo de cane.


128. — Li Bbiferari.

A ttempo mio, quinici o ssedici ggiorni prima der Santo Natale, da la Ciociaria e dda l’Abbruzzi, scegneveno a Roma li Bbiferari, a ffa’ le novene a ttutte le Madonne che staveno pe’ le strade, pe’ le bbotteghe e ppe’ le case.

 

Mi’ padre, pe’ nun èsse’ preso de mira dar Guverno, per ogni artarino che cciavemio pe’ ll’osterie, je faceva fa’ co’ quattro pavoli du’ novene, una la mmatina e una la sera, che dduraveno dicidotto ggiorni. Li bbiferari ereno sempre in dua: quello ppiù vvecchio sonava la zampogna; e quello ppiù ggiovine la bbifera.

 

’Gni sonata poi l’intramezzaveno co’ ’na canzona religgiosa (diceveno loro) che mmai a gnisuno è riuscito de capilla1.

Noi romani dicemio che ccantaveno accusì:

 

«E quanto so’ mminchioni ’sti romani

Che ddanno da magnà’ a ’sti villani».

 

Li bbiferari se n’aritornaveno ar paese 15 ggiorni doppo de Natale2.

129. — Nôve bbone o cattive.

Si tte ggira intorno una lapa3 è ssegno de bbôna nóva; un moscone è ssegno de visita.

Una vespa: nôva lesta.

Un ragno: è ssegno de guadagno.

Apposta li ragni nun bisogna mai molestalli cor disfaje le téle de loro.

130. — La festa de San Giuseppe4.

Er giorno de San Giuseppe, a Roma, è ffesta granne.

Quer giorno, pe’ ttutte le case de li cristiani bbattezzati, a ppranzo c’è l’usanza de magnà’ le fritèlle5 o li bbignè.

 

Infatti da la viggija in poi tutti li friggitori de Roma metteno l’apparati, le frasche, le bbandiere, li lanternoni, e un sacco de sonetti stampati intorno ar banco, indove lodeno le fritelle de loro, insinenta a li sette cèli.

 

Ècchevene uno talecquale talecquale, aricopiato dar vero:


Agli amanti di mangiar frittelle.

SONETTO

Qua ’gni finale se guarisce tutto:

Speciarmente chi ttiè’ ’ntaccato er petto.

Bôna pasta, bbon ojo e mmejo strutto

Ve lo dice er seguente mio sonetto.

 

Bigna venì’, sì, bigna venì’ da me,

Chi se vò le budella imbarsimà.

Avete tempo pe’ Roma a scarpinà,

Ché a sto posto bigna fermà er pie’.

 

Bigna sapé, perbrio, bigna sapé

Delle frittelle mie la qualità:

Le venne un cèco subbito a comprà

A capo a tre minuti ce vedé.

 

Là da Borgo uno stroppio se partì

Un sórdo e muto ce si accompagnò

Pe’ magnà le frittelle insina qui.

 

Le prese er muto e subbito parlò,

Quello che era sordo ce sentì,

E quello ch’era stroppio camminò(!).

 

E si nun v’abbastasse, ècchev’un antro:

 

Agli amatori delle frittélle.

SONETTO1

Venite tutte qui ciumache belle

Veniteve a magnà’ le mi’ frittelle.

 

Vieni, ti avanza o Popolo Romano

In questo spaccio di frittelle ameno

Vieni a gustar ciò che sa far mia mano

Con il volto pacifico e sereno (sic).

 

Non senti bollir l’olio da lontano,

Olio che di bontà ristora il seno?

E chi vuol bene mantenersi sano

Di frittelle mantenga il ventre pieno.

 

Vengano pur scherzevoli persone;

Ché le frittelle mie di riso e pasta

Troncherebbero il meglio e bel sermone.

 

Il mio lavor qualunque dir sovrasta:

L’eloquenza per fin di Cicerone

Diventerebbe muta e ciò ti basta.

131. — Li piccióni.

Quanno a ccasa avete messa una o ppiù ccoppie de piccióni, nun bisogna che li levate ppiù; si nnó cco’ l’annà’ vvia de li piccióni, vve se ne va dda casa la providenza e la furtuna.

Senza mettecce che vve pô succede puro quarche ddisgrazzia de mortalità in famija.

132. — La Tarantèlla o Ttaràntola.

Bisogna sta’ bbene attenta quanno uno s’addorme in campagna, speciarmente in de le campagne nostre, de nun fosse mozzicà’ da la tarantèlla, perchè si nnó vve succède un ber fatto.

Infatti, si la tarantèlla che vve mózzica è mmaritata, allora ve pija u’ mmale che incominciate a bballà’ ccome un addannato: una specie der ballo de San Vito.

Si la tarantella è zzitella ve pija a ride’ a ride’ com’u’ mmatto; si ppoi la tarantèlla che vv’ha mmozzicato è vvedova, allora ve pija a ppiagne tarmente forte, che vve piagneressivo tutti li vostri in cariòla.

Se guarisce da ’sto male cor sentì’ la musica; infatti, quello ch’è stato mozzicato in der sentì’ li sôni, se mette a bballà’ a bballà’, ffinchè ccade per tera da la stracchezza, s’addorme e gguarisce.

133. — Er fôco.

Quanno a ccasa accennéte er fôco, state bbene attenti a un fatto che vve pô succede’.

Si ddoppo che l’avete bbene acceso, er fôco ve soffia forte forte e ffa rumore, allora j’avete da fa’ le corna e j’avete da dì’:

Si ssei providenza aréstece; si ssei lingua cattiva vàttene.

134. — Er Basilisco, ossia e’ re dde li serpenti.

È un animale che rinasce da un gallo che quann’ha ccampato cent’anni, se mette a ccovà’; e ddoppo un mese fa un ôvo.

’St’ôvo lui allora lo cóva antri du’ mesi, e quanno l’ha ccovato, c’esce fôra una bbestiaccia tanta bbrutta, mezza gallo e mmezza serpente, che, ammalappena affissa in faccia una persona, e sbatte l’ale, quela persona aresta come si, ssarvognuno, j’avesse pijato un accidente.

135. — L’anno bbisestile.

Quanno l’anno cià er bisesto, ciovè a ddì’, che ssarebbe quanno er mese de frebbaro, invece de 28 ggiorni, ne porta 29, pe’ lo ppiù in quell’anno succedeno sempre gran catacrìsimi e gran felomini de ’gni specie.

136. — Le galline.

La gallina nera tienetevela a ccara, perchè pporta furtuna.

Si pperò cciavete quarche gallina che vve canta come er gallo, tiràteje er collo; perchè vve porta jettatura.

E ttanto vero che lo dice infinenta er proverbio:

 

«Gallina che ccanta da gallo,

Innizio certo de quarche sballo».

137. — La bbenedizzione de le bbestie.

Se faceva, e sse fa incora pe’ li paesi, a li 17 de gennaro, festa de Sant’Antonio.

A Roma se fa a la cchiesa de Sant’Antonio a Ssanta Maria Maggiore.

Ar tempo der papa, tutti li padroni che cciaveveno carozze e ccavalli, muli e ssomari, li portaveno a ffa’ bbenedì’ tutti impimpinati attaccati a quattro, a ssei, e infino a dicidotto, parije, come l’attaccate de Piombini e dde Doria, ch’ereno un piacere a vvedelle.

La ppiù mmejo attaccata però era quella der principe Piombini.

Er su’ cocchiere, un certo Peppe Regazzini, portava dicidotto parije de cavalli, ossia trentasei cavalli, e li guidava come si fussi stata una parija sola.

Er papa ce mannava tutti li cavalli de Palazzo, e ttutta la cavalleria pontificia in arme e bbagajo.

Puro li pompieri quer giorno faceveno festa granne in der quartiere: e ppoi puro loro portaveno le machine a Sant’Antonio protettore de loro, a ffalle bbenedì’.

E mmentre er prete ’stava fôra de la cchiesa a bbenedì’ ccavalli, muli, somari, bbôvi, pecore, porchi, capre, eccetra, eccetra, er chìrico nun faceva a ttempo a riccoje e a mmette drento a la bbussola tutti li quadrini che li padroni de le bbestie j’offriveno pe’ Sant’Antonio che quer giorno arimediava bbene forte.

E giacchè pparlamo de bbestie e dde bbenedizzione, me so’ aricordato de divve che a Roma anche a le bbestie, come se fa ppe’ li regazzini, je se mette intorno a la testa er pelo der tasso pe’ ttieneje lontano er malocchio.

138. — L’Artarini pe’ l’Urioni.

Le domeniche de li mesi d’agosto e dde settembre e speciarmente li ggiorni de la festa de la Madonna (8 de settembre e 15 d’agosto) s’usava de fa’ la festa de quele Madonne che stanno pe’ le strade o ssu li cantoni de le medeme; oppuramente de fa’ l’artarini improvisati in tutti l’Urioni de Roma.

S’apparaveno, je se metteveno un sacco de lumini intorno, lampanari, fiori, eccetra.

Poi p’arimedià’ li sordi de la spesa che cc’era vorsuta, li regazzini che l’avéveno fatti, se metteveno a le tacche a le tacche de tutti quelli che ppassaveno e ccor una bbussola o ccor un piattino, je chiedeveno li sordi, dicènnoje ’sta cantasilèna:

 

«Su vvojantri, giuvinotti,

Che mmagnate li bbocconòtti,

Che bbevete der bon vino;

Datece un sordo pe’ ll’artarino!».

139. — Er Bambino de la Ricèli1
la bbaretta de San Filippo Neri e dde Pionono.

È ttanto miracoloso er Santo Bambino de la Ricèli, che sse porta pe’ le case de li moribbonni pe’ ffàje fa’ la grazzia.

S’intratanto ch’er Bambino sta dda un moribbonno, je se fanno li labbrucci rossi, è ssegno de guarizzione; si ar contrario je se fanno bbianche, è ssegno ch’er moribbonno môre.

Da l’ammalati gravi, ortre ar Santo Bambino; je se porta puro la bbaretta de San Filippo Neri che dda nojantri anticamente se chiamava Pippo Bbôno2.

Urtimamente poi ce portaveno puro la barettina, le carzette e ccerti antri stracci che so’ stati de Pionono; perchè ddiceveno che ereno miracolosi.

140. — Quanno se bbacia er Piede a Ssan Pietro.

Quanno se va a bbacià’ er piede a Ssan Pietro, bbisogna annacce co’ rispetto e ddivuzzione nun sortanto; ma adacio adacio; perchè si nnó, a le vorte, San Pietro ve pô ddà un carcio in bocca.

(Ma ’sta cosa se dice pe’ scherzo; perchè s’infatti quarchid’uno per annaje a bbacià’ er piede, ce va dde prescia, je fa l’affetto come si Ssan Pietro je dassi un carcio in de li denti).

141. — L’uguri pe’ ll’onimastichi.

State bbene attenta che l’uguri pe’ ll’onimastichi nun vanno fatti doppo la calata der sole, sì nnó nun vàleno.

È ssempre mejo a ffalli la mmatina.

Da noi s’ausa de tirà’ l’orecchie de quello che è la festa, per aguraje vita lónga; perchè a Roma credemo che cchi ccià l’orecchie lónghe campa assai.

142. — Un bôn ugurio.

Quanno s’ordina a un lavorante un lavoro d’un oggetto quarsiasi, e ’sto lavorante in de llavorà’ ’st’oggetto ce se fa mmale, è ssegno che quello che l’ha ordinato se lo goderà.

143. — Er ballo de li Zìngheri.

Lo faceveno propio pe’ ddavero li zìngheri veri che ’gni tanto passaveno pe’ Roma, se fermaveno su ppe’ li Monti e a chi vvoleva diceveno la ventura.

Tutta Roma spopolava per annalli a vvede bballà’.

Tanto vero che quella medema strada indove loro ce se fermaveno e cce bballaveno se chiama incora adesso Via de li Zìngheri.

144. — La Madonna der Carmine.

La Madonna der Carmine, quella che stava in de ll’Oratorio de faccia a Ssan Grisogheno in Trestevere è ttant’antica, che ss’aricconta che li francesi, la prima vorta che ppijorno Roma, se la voleveno appropià’.

Ma quanno stiedeno pe’ mmetteje le mano addosso, incomincionno a ttremà’ a ttremà’ e je convenne a llassalla perde’, je convénne.

Dice ch’er fusto de ’sta Madonna der Carmine è vvienuto pe’ mmare a ggalla a ggalla, e nun s’è mmai saputo chi cce l’ha bbuttato.

In der settanta, questi1, je se voleveno arubbà’ ttutte le gioje che ereno custodite da un certo Majocchetti2 de Trestevere.

Quanno dunque questi agnedeno da lui pe’ scirpàjele, lui sentite che ffece.

Agnede in de ll’Oratorio e rimesse tutte le ggioje addosso a la Madonna.

Ccusì gnisuno de questi s’azzardò a mmetteje le mane addosso e le ggioie j’arimaseno.

145. — L’abbitino1.

Chi pporta sempre ar collo l’abbitino de la Madonna der Carmine, nun passerà mmai gnisun pericolo, e nun farà mmai una mala morte.

Speciarmente poi si a ll’abbitino c’è ccucita l’orazzione latina che ffu ttrova in der Santo Sepporcro a Ggerusalemme2.

146. — Contro le cascate.

Pe’ nun fa’ mmai una mala cascata o dda un caretto o dda una scala o dda un ponte o da quarsiasi antro sito, abbasta a pportà’ ar collo la medaja de San Venanzio.

Dunque tutti li lavoranti come mmuratori, imbiancatoci, stagnari, pontaroli, eccetra, l’averebbeno da portalla.

147. — La visita a le sette Cchiese.

Se faceva anticamente, e sse fa ppuro adesso. Consiste in de l’annà’ a vvisità le sette Bbasiliche, per acquistà’ l’indurgenza. Se ne ponno visità’ ccinque in una giornata e ll’antre dua in un’antra.

Oppuramente un giorno visità’ la Bbasilica de San Pietro sortanto, e er giorno appresso l’antre sei.

S’intenne che ’ste visite annerebbeno fatte a ppiede, come ausava prima, e cciancicanno l’orazzione.

 

148. — L’ombrèlla.

L’ombrèlla che è una cosa3 tanta utile, perchè cce sarva dall’acqua e ddar sole, certe vorte, in certi casi, porta jettatura.

Abbasta uprilla drent’a ’na bbottega, e speciarmente drento a un’osteria, pe’ ffaje disvià’ tutti l’avventori.

Dunque state attenti, speciarmente in de ll’osterie de Trestevere, de nun opricce mai l’ombrella.

149. — Er primo dente che ccasca.

Er primo dente che sse leva o cche ccasca a una cratura, s’ausa a mmettello su la cappa der cammino: facenno crede a la cratura che la Bbefana ne la nottata se pijerà er dente e cce metterà in cammio o ddu’ sordi o un antro rigaletto, siconno la bborsa de li ggenitori o dde li compari e ccommare de le crature medeme.

Si li ggenitori so’ ggente ricca, invece de li sordi, ar posto der dente, ce fanno trovà’ un par d’orecchinetti o un anellino d’oro o un antro oggetto prezzioso, a ssiconna de l’età dde la cratura che ss’è ccacciato o j’è ccascato er dente.

150. — Li Ggiudìi.

A ttempo der Papa speciarmente, li giudìi ereno mar visti dapertutto.

Pe’ ffalli cresce in odio, se diceva che in tempo de la Péseca de loro (che ssarebbe la Pasqua), le zzimmèlle che mmagneno in de l’otto ggiorni prima de la Pasqua, ereno impastate cor sangue d’un regazzino cristiano che lloro rubbaveno e ppoi svenàveno.

A ttempo mio, una quarantina d’anni fa, ’gni tanto se spargeva la voce, nun se sa dda chi, che ’na cratura cristiana era stata rubbata da li ggiudìi.

Da li romani ereno puro accusati d’aricettà’ tutta la robba che ss’arubbava pe’ Roma; e dde fa’ li corvattari, che ssarebbe de prestà’ li sordi a strozzo.

Staveno, poveracci, confinati in Ghetto, in certe taverne tarmente sporche e puzzolente, che ffaceveno arivortà’ er budello; e ereno la calamita de tutti li scherzi li ppiù puzzoni, da parte de tutta la canaja e la canajola cristiana.

151. — Usanze de li Ggiudìi.

Li ggiudìi, allora, staveno tarmente attaccati a la religgione de loro, che nun magnavano mai carne de porco; e la festa, ossia lo sciabbà (er sabbito), nun annaveno in carettella, nun maneggiaveno li quatrini, e insomma nun faceveno gnente, tant’è vvero che nun accenneveno nemmanco er fôco pe’ mmagnà’.

I’mmodo che ttutti li vagabbónni cristiani, quanno era entrato lo sciabbà (ch’entrava er vennardì a ssera) ggiràveno pe’ Ghetto strillanno: «Chi appiccia?!».

Li ggiudìi li chiamaveno, e ccor un gròsso (cinque bbajocchi) er cristiano j’accenneva er fôco, j’annava a ffa la spesa e ccerte vorte je cucinava puro.

Anzi le famije ggiudie bbenestante, pe’ nun vvedesse pe’ ccasa sempre facce nôve (e cche ffacce!), ciaveveno la serva ch’era sempre una cristiana.

Er vennardì a ssera, m’aricordo come si ffussi adesso, a l’ora ch’entrava la festa de loro, er sagrestano de li scóli ggirava pe’ Ghetto strillanno: «È entrato lo sciabbà’!»

152. — Li Ggiudìi in der Carnovale.

Er primo ggiorno de Carnovale, ddice, ch’er Capo Rabbino de Ghetto annava a riverì er Senatore romano e a inchinajese d’avanti co’ la capoccia insino a ttera.

Allora er Senatore, bbôna grazzia sua, je metteva un piede su la capoccia, oppuramente lo mannava via cor un carcio indove se sentiva mejo, in nome de Baruccabbà.

Cor tempo poi levorno ’st’usanza bbuffa, e in cammio, obbrigorno li ggiudìi a ppagà’ ttutti li palii che vvinceveno li bbarberi a le corse che sse faceveno p’er Corso in de li otto ggiorni de Carnevale.

153. — Li Giudìi a pprèdica.

Cinque o ssei vorte a ll’anno (infinenta che ha regnato papa Gregorio), ermo obbrigati er doppo pranzo de ’gni sabbito, d’annà’ a ssentì’ la predica fatta da un missionario a Sant’Angelo in Pescheria o a la Madonna der Pianto: forse co’ la speranza che sse fusseno convertiti.

Ma ssai che ffantasia che cciaveveno! Dice, che ccerti ggiudìi s’atturaveno l’orecchie co’ la bbambacia.

Quelli che nun voleveno annà’ a ppredica pagavene un testone de murta peròmo1.

E ssi ner tempo che ddurava la predica s’addormiveno, uno sbirro o uno sguizzero der papa, che je stava a ffa’ la guardia, li svejava co’ ’na nerbata.

154. — Li dispetti a Ghetto.

Anticamente ogni bburiana che ssuccedeva drento Roma, annava a ffinì’ cor dà’ er saccheggio a Ghetto.

A ttempo mio, invece, tutt’er giorno nun se faceva antro che ffaje un sacco de dispetti, poveri disgrazziati, e dde chiamalli somari.

De Carnovale poi nun se faceveno antro che mmascherate che mmetteveno in caricatura le funzione de li scòli.

E sse rippresentaveno certe commediacce chiamate le Ggiudìate, indove li ggiudìi ereno messi in ridicolo e sbeffeggiati.

155. — Er candelabro d’oro de li Giudìi.

Er candelabbro che sse vede scorpito sotto a ll’arco de Tito, era tutto d’oro e lo portonno a Roma da Ggerusalemme l’antichi Romani, quanno saccheggionno e abbruciorno quela città.

Dice che ppoi in d’una rattatuja che cce fu, in de llitìcàsselo che ffeceno pe’ scirpallo, siccome se trovaveno sopra a pponte Quattrocapi, lo bbuttonno a ffiume, accusì non l’ebbe gnisuno e adesso se lo gode l’acqua.

156. — Le ggiudìe e la Madonna.

Quanno le ggiudìe stanno pe’ ppartorì’, ner momento propio de le doje forte, affinchè er parto j’arieschi bbene, chiameno in ajuto la Madonna nostra.

Quanno poi se ne so’ sservite, che cciovè, hanno partorito bbene, pijeno la scópa e sse metteno a scopà’ ccasa dicenno: «Fôra Maria de li cristiani!» .

157. — Pe’ cconvertì’ li Giudìi.

Pe’ ffa’ diventà’ cristiani li ggiudìi, o ppe’ ddì’ mmejo, pe’ ffaje vienì’ la fantasia de convertisse, abbasterebbe a bbuttaje addosso, senza che sse n’accorghino, quarche ggoccia d’acqua der fiume Ggiordano, ossia de quer santo fiume che stà in Terasanta.

È indificile a precurassela com’era prima che la venneveno li ciarlatani; ma anche adesso se pò avè’ dda quelli che vvanno in pellegrinaggio da quelle parte de llàggiù.

 

Sibbè’ cche non passava anno ch’er sabbito santo, a San Giovanni Latterano, de ggiudii se ne bbattezzaveno fra ommini e ddonne, sempre quattro o ccinque.

Era una bbella funzione.

Da commare e da compari, je ce faceveno li ppiù gran signori de Roma, e ddice che ogni ggiudìo che sse convertiva s’abbuscava ottanta scudi e dda magnà’ ppe’ ttutta la vita.

158. — La “Sperduta„.

Avete mai fatto caso che in de l’inverno, a ddu’ ora de notte in punto, la campana de Santa Maria Maggiore, sôna?

Volete sapé’ er perchè?

Sentiteme. Dice, che ttanti anni fa, una pellegrina tanta mai ricca, che vveniva a Roma in pelligrinaggio, a ppiedi, pe’ vvisità le Bbasiliche, quanno fu a un certo punto, verso li Spiriti[1], siccome era una notte scura scura e ppioveva, s’era persa la strada.

Se n’annava dunque a ttastoni i’ tramezzo a la campagna, sola com’un cane, senza la speranza de trovà’ una capanna pe’ riposasse, e ccor pericolo, a bbon bisogno, d’èsse’ sgrassata e assassinata.

E in der mentre tutt’impavurita, se stava a riccommannà’ a la Madonna che l’avessi ajutata, quanto sentì’ da lontano lontano venije a l’orecchie come un sôno de ’na campana.

Appizzò l’orecchie, se fece coraggio, e cco’ l’annà’ a le tacche a le tacche appresso ar sôno che ssentiva, arivò a pponte Lóngo1, poi da Bbardinótti1, poi da Faccia fresca1, passò pporta San Giuvanni, fece la piazza, prese pe’ vvia Merulana, che in quer tempo era tutt’a vvigne e a orti , e sseguitanno sempre quer sôno de la campana, a quanto se trovò su la piazza de Santa Maria Maggiore.

Infatti era la campana de quela cchiesa, che quela sera, a quell’ora (ermo du’ or de notte) nun m’aricordo pe’ quale funzione fusse, sonava a ccampane doppie.

Quela signora pellegrina n’arimase accusì ccontenta e obbrigata a la Madonna, che pper aringrazzialla de quella grazzia che aveva ricevuta, lassò una rènnita nun so dde quanti mila scudi, a li preti de Santa Maria Maggiore, cor patto che dda quer giorno in poi, tutte le sere, a ddu’ or de notte, la campana medema avessi sonato a ffesta in ricordanzia de quela grazzia ricevuta.

E mmó, quanno le sere d’inverno, se sente sonà’ la campana de Santa Maria Maggiore, tutti quelli che abbiteno da quelle parte dicheno: «Ecco la Sperduta!»

159. — Anticaje e Pietrelle2:
La stazione IV de li viggili.

In Trestevere, vicino a Mmonte Fiore, a la stazzione IV de li Viggili, dice che in de li tempi antichi ce stava er palazzo de la bbella Fròda3. E ddice che ttanti anni fa, cce feceno li scavi pe’ ritrovà’ er cavallo co’ la piga (biga) de lei; ma er fatto stà ch’er cavallo lo trovonno, ma era solo.

Tanto vero che mmó cc’è la chiacchiera che vvonno bbuttà’ ggiù ttutte le case de llà intorno pe’ vvedde de trovà’ ppuro la piga.

160. — Er cavallo de Campidojo.

La statuva de Costantino imperatore, che sta in mezzo a la piazza de Campidojo, e cche mmó, j’hanno mutato nome, e la chiàmeno de Marcurejo, è ttutta de bbronzo.

Mbè’, ddice, che quela statuva, bbella che statuva, anticamente, pe’ ttre ggiorni sani, ha ccommannato Roma e li Romani de tutto er monno sano.

Er cavallo, qua e llà, già incomincia a scropì’ in oro; e ddice che quanno cavallo e ppupazzo saranno diventati tutti d’oro, allora vienirà er giorno der giudizzio universale.

161. — L’arco de Tito.

Sotto a ll’arco de Tito, fatece caso, nun ce passa mai un giudìo. Volete sapé’ er perché?

Perchè quell’arco de trionfo fu ffatto a Ttito imperatore, quanno aritornò a Roma da l’avé’ distrutta tutta quanta Ggerusalemme.

Veramente adesso, doppo li scavi che hanno fatto a Ccampo Vaccino, nun è ppiù nnecessario de passà’ sotto a ll’Arco de Tito; ma ar tempo mio, che cc’era tutta un’arborata che dall’Arco de Settimio Severo annava diretta ar Culiseo, bbisognava passacce ppe’ dde filo.

Ma li ggiudìi, pe’ ffanne condemeno, arivati a ll’Arco de Tito, invece de passacce sotto, lo passaveno de fianco, per un passetto stretto che ss’ereno uperto fra ll’Arco e un muricciòlo vicino a la cchiesa de Santa Francesca Romana.

162. — Er pomo d’Adamo1.

Quell’ossetto che cciavemo in mezzo a la góla, se chiama er pómo d’Adamo.

C’è vvienuto a ognuno de noi ommini, pe’ ricordacce in sempiterno ch’er nostro primo padre Adamo, p’èssese fatto straportà’ dda la góla, fece quela gran buggiarata che nun abbastò cche la pagassi cara salata lui sortanto; ma cce tocca a scontalla puro a ttutti noi.

163. — Er trionfo de le fravole2.

Tutti li riccojitori e li vennitori e le vennitrice de fravole, er 13 de giugno (festa de Sant’Antonio) faceveno una festa ch’era chiamata er trionfo de le fravole.

Ecco come se faceva. Un fravolaro portava su la testa un gran canestro fatto come un trionfo tutto guarnito de fravole con intorno intorno un sacco de canestrini tutti inargentati de carta e ppieni de fravole. Poi su dda capo ar trionfo una statuvetta de Sant’Antonio de Padova er protettore de li fravolari.

Appresso a llui, tutti li fravolari, vestiti de festa, annàveno cantanno ar sôno de la tamburella, un sacco de ritornelli tutti in onore de Sant’Antonio e dde le fravole.

’Sta specie de precissione, che era tanta grazziosa, partiva da Campo de Fiori3 e ppassava pe’ ttutte le mejo strade e ppiazze de Roma.

164. — La bbenedizione der Papa e la maledizione
a Ccasa Colonna.

Quanno er Papa, la viggija de la festa de San Pietro, dava da su la loggia de San Pietro la bbenedizzione ar popolo, quela bbenedizzione de quer giorno passava ponte.

Dice che appena data la bbenedizzione, mannava la maledizzione ar palazzo der principe Colonna.

Intratanto ch’er Papa lo malediva er palazzo Colonna tremava. (L’ho inteso io in persona; perchè dda regazzino ciannavo co’ pparecchi antri regazzi a appoggià’ la mano sur palazzo, e lo sentimio tremà’ come si cce fussi stato er taramoto)4.

Furtuna ch’er Papa lo ribbinidiva in der medemo tempo de la maledizzione; si nnó artrimenti, quer palazzo sarebbe cascato da mó, sarebbe cascato!

E a ppreposito de maledizzione, c’è cchi ddice o mmejo lo diceveno tutti, ch’er Papa ortre ar palazzo Colonna, maledice puro quello der principe Massimi a le Colonnacce1.

Er perchè nu’ lo so; ma mmentre se dice quarche mmotivo ce sarà. Tanto vero che quer giorno annamio puro a mmette la mano sopra a le colonne, pe’ vvede si in der momento de la mmaledizzione tremaveno.

165. — La Bbocca de la verità.

Avete fatto mai caso, prima d’entrà’ in de la cchiesa de la Bbocca de la Verità, a quer faccione granne granne, tónno, tutto de pietra, co’ quela bboccaccia larga larga che sta a ddritta de chi entra, sotto ar portico de la cchiesa?

Mbè’, a quer mascherone, dice, che si uno prova a mmetteje la mano in bocca, quanno ha ddetto una bbucìa, nu’ la ricaccia ppiù nemmanco cor gammaùtte; mentre si uno nun è un buvattaro, come ce la ficca ce la ricaccia.

166. — Caìno.

Doppo che avebbe ammazzato su’ fratello Abbele, er Signore pe’ ggastigallo, lo condannò a ppartì’ in sur subbito p’er monno de la Luna, e a restacce in sempiterno a ppiagnécce er gran dilitto che aveva fatto.

E accusì, llui, da si cch’er monno è mmonno, stà llasssù addannato e mmaledetto.

E adesso sortanto li cani lo chiameno in ajuto, quanno ciabbuscheno: infatti urleno: caì ccaì!

Quanno la luna è ppiena, fatece caso, e vvederete com’un’ombra in atto de camminà’ cor un fascio de spine su le spalle.

Quell’ombra è Ccaìno in carne e in ossa.

167. — La “sassarolata„.

Se faceva tanti anni fa a Ccampovaccino, accanto ar tempio in Pace2, la dimenica e ll’antre feste commannate.

Là fra Tresteverini, Monticiani, Regolanti, Borghiciani e Popolanti, doppo èssese dati un sacco de soprannomi fra dde loro, come presempio: Tresteverini, der fosso de PanóntoMonticiani, arubba crocifissiRegolanti, magna codeBorghiciani, magna pulenta3, eccetra eccetra, vieniveno a le bbrutte e sse sfidàveno a ssassate co’ la fiónna.

Dice, che a vvede, ’gni bbôtta era ’na tacchia! E la folla che cciannava a vvede, levàteve de qui! Intanto che quelli se sfidàveno, la ggente se li godeva; e ffra un cécio spassatempo, e un bruscolino ’gni tantino vedeveno uno ch’era stato inficozzato, ch’annava a ricure a la Consolazzione4.

Ma nnoi ’sto bber divertimento nun se lo semo mai potuto gode’, perchè dar Guverno de la Ripubbrica der 1849 è stato provìbbito5.

 

’Ste sassarolate, nun ve credete mica che sse faceveno pe’ scherzo; se faceveno sur serio p’er gran odio che sse portava un Urione co’ ll’antro.

Presempio — e ’sta cosa succedeva fino a ppochi anni fa — nun c’era caso che una Tresteverina se fussi sposato un Monticiano, o una Monticiana un Tresteverino, ecc.

Sarebbe stato un disonore, uno smacco pe’ la famija!

Dio ne guardi — diceva pochi anni fa la lavannara de casa mia, a la fija — t’avessi da sposà’ un Tresteverino! Piuttosto te strozzo co’ ’ste mane!

168. — Li ròspi e le spìnóse.

Li ròspi so’ animalacci schifosi e vvelenosi che bbisogna lassalli pèrde’.

Si uno li tormenta, a quanto te schizzeno er piscio velenoso in d’un occhio o in faccia, e ddoppo tre o quattro ggiorni, te viè’ una frebbe e un gran dolor de testa, che si nun te fa mmorì’ tte fa stà mmale de certo.

L’unico modo per ammazzà’ u’ rospo, senza che tte possi fa’ mmale, è dde ficcaje in bocca una canna verde, e ffajela passà’ dda ll’antra parte, come si ffussi un tordo a lo spido.

 

Le spinóse (le istrici) poi, cianno tutta quanta la schina piena de quelle purghe puntute bbianche e nnere.

Dice che quanno quarcuno le va ppe’ ppijà’, loro se metteno a ffugge, e intanto tireno come frezze quele pughe che si ppijeno in faccia quello che je curre appresso, l’ammàzzeno.

169. — Li moccolétti.

L’urtimo ggiorno de Carnovale, ammalappena sonava l’Avemmaria (anticamente sparava puro er cannone), tutti quelli che sse trovaveno p’er Corso, sii a ppiede, sii in carozza, sii a ccavallo, sii a le finestre, accennéveno li moccoletti.

Poi co’ le svèntole, co’ li mazzettacci de fiori, o co’ le cappellate, ognuno cercava de smorzà’ er moccolo a ll’antro, dicènno:

Er móccolo e ssenza er móccolo!

Avevi voja, pe’ ssarvallo, de ficcallo in cima a una canna o a un bastone, o a fficcatte in un portone! Era inutile.

Tutti te daveno addosso; e o ccor un soffietto, o ccor una svèntola o cco’ ’na manata o ’na mazzettata te lo smorzaveno in ogni modo, urlanno:

Er móccolo e ssenza er móccolo; abbasso er móccolo!

Ma ssiccome ’sto divertimento se lo ricordeno incora guasi tutti, è inutile a stanne a pparlà’ ttanto.

170. — La notte e er giorno de San Giuvanni1.

La viggija de San Giuvanni, s’aùsa la notte d’annà’, ccome sapete, a San Giuvanni Latterano a ppregà’ er Santo e a mmagnà le lumache in de ll’osterie e in de le bbaracche che sse fanno appostatamente pe’ quela notte.

For de la Porta, verso la salita de li Spiriti, c’era parecchi anni fa, ll’osteria de le Streghe, indove quela notte ce s’annava a ccéna.

A ttempo mio, veramente, non se faceva tutta ’sta gran babbilogna che sse fa adesso.

Ce s’annava co’ le torcie accese o cco’ le lenterne, perchè era scuro scuro allora, ppe’ divuzzione davero, e ppe’ vvedè’ le streghe.

Come se faceva pe’ vvedelle?

Uno se portava un bastone fatto in cima a forcina, e quanno stava sur posto, metteva er barbozzo drento a la furcina, e in quer modo poteva vede’ bbenissimo tutte le streghe che ppassàveno llaggiù vverso Santa Croce in Gerusalemme, e vverso la salita de li Spiriti.

Pe’ scongiuralle, bbastava de tienè’ in mano uno scopijo, un capodajo e la spighetta cor garofoletto.

 

S’intenne che pprima d’uscì’ dda casa, de fôra de la porta, ce se metteva la scopa e er barattolo der sale. Accusì si una strega ce voleva entrà’ nu’ lo poteva, si pprima che sonassi mezzanotte nun contava tutti li zzeppi de la scopa e ttutte le vaghe der sale. Cosa che bbenanche strega, nu’ je poteva ariuscì’; perchè, si sse sbajava a ccontà’ aveva d’arincomincià’ dda capo.

Pe’ non faccele poi avvicinà’ ppe’ gnente, bbastava a mmette su la porta de casa du’ scope messe in croce.

Come la strega vedeva la croce, er fugge je serviva pe’ ccompanatico!

Presempio, chi aveva pavura che la strega j’entrassi a ccasa da la cappa der cammino, metteva le molle e la paletta in croce puro llà, oppuramente l’atturava cor setaccio.

 

Un passo addietro. Er giorno se mannava in parocchia a ppijà’ una bboccia d’acqua santa fatta da poco1; perchè l’acqua santa stantiva nun è ppiù bbôna; e pprima d’uscì’ dda casa o d’annassene a lletto, ce se bbenediveno li letti, la porta de casa e la casa.

Prima d’addormisse se diceva er doppio credo, ossia ’gni parola der credo s’aripricava du’ vorte: Io credo, io credo, in Dio padre, in Dio padre, ecc., e accusì ppuro se faceva de ll’antre orazzione.

Nun c’è antra cosa come er doppio credo pe’ ttienè’ llontane le streghe!

Si ne volete sapè’ dde ppiù ppoi, leggete: La notte de San Giuvanni, ossia Streghe, stregoni e ffattucchiere, scritturate dar medemo ’utore de ’sto libbro.

 

Ammalappena, poi se faceva ggiorno, er cannone de Castello, che aveva incominciato a sparà’ dda la viggija, sparava diversi antri córpi, e allora er Papa, in carozza de gala, accompagnato da li cardinali e ddar Senatore de Roma, annava a ppontificà’, ossia a ddì’ mmessa in de la cchiesa.

Detta messa, montava su la loggia che dà ssu la piazza de San Giuvanni Latterano, ddava la bbenedizzione, e ppoi bbuttava una manciata de monete d’oro e dd’argento.

 

Sappiate poi che la notte de San Giuvanni d’estate è la notte ppiù ccurta de la staggione; e quella de San Giuvanni d’inverno è la ppiù llónga.

E quanno er giorno de San Giuvanni sorge er sole, s’arza bballanno.

 

A ttempo mio, er giorno de San Giuvanni, usava de fa’ un pranzo2 fra li parenti, che cc’è er San Giuvanni ossia fra compari e commare pe’ ffa’ i’ mmodo che ssi cc’era un po’ dde ruzza fra de lloro s’arifacesse pace co’ ’na bbôna magnata de lumache. (Vedi: Streghe, stregoni e ffattucchieri).

Er giorno de San Giuvanni, le regazze da marito, pe’ vvede chi sse sposeranno, hanno da fa’ quello che ho ddetto in ’sto medemo libbro ar nummero 54: Amore.

171. — Li tesori.

Ce ne so’ ttanti de tesori, speciarmente drento Roma e in de la campagna romana, che a ppotelli scoprì’ ttutti, ce sarebbe da diventà’ mmijonari.

La maggior parte de ’sti tesori da scoprì’ stanno scritti in certi libbri antichi antichi.

Infatti, tanto tempo fa, un ingrese lesse in uno de ’sti libbri:

 

«Tra la vacca e ’r toro,

Troverai un gran tesoro».

 

Lui se messe a ccercà’ ppe’ ttutta Roma, e ddefatti, in d’una scurtura che stà ssotto a quel’archetto appoggiato a la cchiesa de San Giorgio in Velabbro, ce trovò scorpito, fra ll’antre cose, una vacca e un toro.

Fece fa un ber bucio tra quele du’ bbestie, e cce trovò una pila tutta piena de monete d’oro.

Difatti, si l’annate a vvede’ er bucio incora ce se trova.

 

Una vorta me ne insegnorno uno a mme che stava in d’una grotta fôr de Porta Portese. Sopre, pe’ ssegnale, ce stava una pietra bbianca. Dice, che pprima d’arzà’ quela pietra, bbisognava magnà’ li fegatèlli còtti co’ le fronne d’un lavuro che ll’arbero stava fôra de quela grotta, e ppoi bbisognava (gnentedemeno!) ammazzà’ su quela medema pietra u’ regazzino de cinque anni (!).

Fatta ’sta prodezza, s’aveva da scavà’, e ppoi a una certa profonnità, cce se trovava er tesoro.

 

Un’antra vorta un mago me disse, che cc’èra un tesoro da scoprì’.

Ècchete che sse n’annamo assieme a llui da ’na sonnambula, che cce disse infatti, ch’er tesoro stava pe’ la strada de Frascati sotto a un cavarcavìa.

Pe’ ttrovallo però ss’avemio da portà’ una regazza vergine e gnente antro. Ce disse puro che nun se fussimo intimoriti, si avessimo inteso urli de bbôvi e rumori de catene.

Abbasta: annassimo ar sito che cce fu insegnato, e ttrovassimo tutto come ciaveva detto er mago.

Incominciassimo a scavà’ ddiversi parmi sotto tera.

Quanto, tutto in d’un botto, ècchete che cce sartò dda la bbucia, un canone, nero, nero, da pecoraro, che un antro po’ cce se sbramava!

Abbasta: scavamo, scavamo, a’ llume de ’na lenterna, finchè ttrovamo una pietra bbianca.

Era er tesoro!

Uno de quelli che scavava, ar vedè’ la pietra, invece de dì’, ccome annava detto: Evviva Maria! nun disse: Porca M…?

Detta quela bbiastima, si nun facemio a ttempo a ffugge se sprofonnamio tutti sotto terra. E accusì addio, tesoro!

172. — L’ammazzati de la Domenica.

Era tanta e accusì intartarita, a Roma, l’usanza de scannasse come ccrapetti, che, speciarmente la festa, in ogni Urióne, ce scappàveno diversi ammazzati, sei, sette, otto, ecc.

Tant’è vvero che sse metteveno in un locale de la parocchia che sse chiamava lo sfréddo, e ttutti pe’ ccuriosità se l’annàveno a ggustà’.

M’aricordo che infinenta li regazzini diceveno ar padre: «A Tata1, me porti a vvede’ quanti so’ stati oggi l’ammazzati?».

 

Appena succedeva una lita, si llì accanto c’era un fornaro, annisconneva subbito li cortelli sotto ar bancone; perchè si uno de li litiganti nun se trovava er cortello in saccoccia, co’ la scusa de fasse dà’ un sórdo de pane, lo sfilava da le mano der fornaro, e scappava.

 

Quello che ammazzava aveva sempre raggione; er morto se l’era sempre meritato.

Un proverbio nostro, infatti, dice:

 

«Nun dite pover’ômo a cchi mmôre ammazzato;

Perchè si ha ffatto er danno l’ha ppagato».

 

Quanno arivava la ggiustizia sur posto, gnisuno sapeva gnente, gnisuno aveva visto gnente.

Nemmeno quelli che aveveno ajutato l’assassino a ffugge, e cche mmagari j’aveveno dato ricètto a ccasa.

Guasi sempre, er padre, er fratello, er fijo, o er zio der morto, se faceveno ggiustizzia da loro ammazzanno, lì ppe’ llì, quello che aveva ammazzato, e ttutto finiva pe’ la mejo.

Nun s’ammazzava mai antro che ppe’ ggelosia de donne, p’er giôco, per odio o ppe’ vvennetta, per una parola mar capita, per un gnente! Ma nun c’era caso che ss’ammazzava mai quarcuno pe’ rubballo.

Li ladri ereno perseguitati e mmar visti puro da li popolani.

De notte, a qualunque ora, potevio annà’ in giro pe’ li vicoli ppiù anniscosti de li Monti e dde Trestrevere, portanno addosso tutto l’oro der monno, che gnisuno ve diceva gnente.

173. — Li “Maritòzzi„1.

Una mucchia d’anni fa, dda noi, s’accostumava, in tempo de Quaresima, er primo vennardì de marzo, de portà’ a rigalà’ er maritózzo a l’innammorata.

’Sto maritózzo però era trenta o quaranta vorte ppiù ggranne de quelli che sse magneno adésso; e dde sopre era tutto guarnito de zucchero a ricami.

In der mezzo, presempio, c’ereno du’ cori intrecciati, o ddu’ mane che sse strignéveno; oppuramente un core trapassato da una frezza, eccetra, eccetra: come quelle che stanno su le lettere che sse scriveno l’innammorati.

Drento ar maritòzzo, quarche vvorta, ce se metteveno insinenta un anello, o quarch’antro oggetto d’oro.

Tra ll’antre cose che ricordeno ’sto custume, che oramai nun s’aùsa ppiù dda gnisun innammorato, ciavemo diversi ritornelli:

Uno, presempio, dice:

 

«Oggi ch’è ’r primo Vennardì dde Marzo2,

Se va a Ssan Pietro a ppija er maritòzzo;

Ché ccé lo pagherà ’r nostro regazzo».

 

E dde ’sti maritòzzi:

 

«Er primo è ppe’ li presciolósi;

Er sicónno pe’ li spósi;

Er terzo pe’ l’innamorati;

Er quarto pe’ li disperati».

 

«Stà zzitto, côre:

Stà zzitto; che tte vojo arigalàne3

Na ciamméllétta e un maritòzzo a ccôre».

 

E infatti certi maritòzzi ereno fatti a fforma d’un côre.

174. — La Bbefana.

Er giorno de Pasqua Bbefanìa, che vviè’ a li 6 de gennaro, da noi, s’aùsa a ffasse li rigali.

Se li fanno l’innammorati, li sposi, ecc. ecc.

Ma ppiù dde tutti s’ausa a ffalli a li regazzini. Ortre a li ggiocarèlli, a questi, s’ausa a ffaje trovà’ a ppennólóne a la cappa der cammino du’ carzette, una piena de pastarèlle, de ficchi secchi, mosciarèlle, e un portogallo e ’na pigna indorati e inargentati; e un’antra carzétta piena de cennere e ccarbóne pe’ tutte le vorte che sso’ stati cattivi.

 

La sera de la viggija de la Bbefana, a ttempo mio; li regazzini se mannaveno a ddormì’ presto, e sse ffaceveno magnà’ ppoco pe’ ffaje lassà’ una parte de la céna a la Bbefana.

 

La bbardoria che sse fa adesso a ppiazza Navona, tempo addietro, se faceva a Ssant’Ustacchio e ppe’ le strade de llì intorno.

In mezzo a ppiazza de li Caprettari ce se faceva un gran casotto co’ ttutte bbottegucce uperte intorno intorno, indove ce se vennéveno un sacco de ggiocarèlli, che era una bbellezza.

Certi pupazzari, metteveno fôra certe bbefane accusì vvere e bbrutte, che a mme, che ero allora regazzino, me faceveno ggelà’ er sangue da lo spavento!

175. — L’Anticristo e la fin der monno.

Quanno averà dda vieni’ la fin der monno, l’Anticristo nascerà da una monica e dda un frate che sse sposeranno.

Sarà un pezzo d’accidentóne arto e bbrutto, che sse metterà a ppredicà’ pe’ ttutte le piazze pe’ cconvertì’ li cristiani.

Ma ssur più bbello, da la Scala Santa, indove da secoli e ssècoli stanno anniscosti, usciranno li du’ profèti ’Nocche e ’Llia1 e sse metteranno puro loro a ppredicà’ ppe’ sbuciardà’ tutte le ’resìe che ddarà a dd’intenne l’Anticristo.

Allora vierà la fin der monno.

176. — Li profeti Nocche e ’Llìa.

 Pe’ ssapè’ cchi so’ ’sti profeti, indove stanno anniscosti drento a la Scala Santa, da quanto tempo, eccetra et eccetra, bbisogna legge le Novelle, favole e lleggende, a la leggenda II, indove ce sta scritta ogni cosa.

177. — Er carnovaletto de Cervara2.

’Sto carnovaletto se faceva a li 21 d’aprile, pe’ la festa de Roma, a la tenuta de Cervara, indove c’è una bbella grotta ar naturale o in quarch’antra tenuta de la Campagna romana.

Quer giorno tutti li pittori de Roma s’ammascheràveno, e ppoi se n’annàveno llaggiù a ppassà’ la ggiornata alegramente magnanno, bbevènno e ffacènno un sacco de mattità.

E ttanto la mmatina in de l’annà’ a Cervara (o, ccome v’ho detto, in quarche antro sito) e ttanto la sera in der ritornà’ cche ffaceveno, passaveno p’er Corso, tutti ammascherati, chi ssu quarche bber carro, chi a ccavallo e vvestito de lusso, e cchi ssur somaro ammascherato ar puzzóne, che a vvedélli, era un morì’ dda ride’.

178. — Li “trionfi„ a le partorente.

Adesso ’sta cosa nun aùsa ppiù; ma pprima ammalappena partoriva una donna, speciarmente si era signora, tutti quanti li conoscenti je mannaveno a ccasa un trionfino in rigalo.

’Sti trionfi consisteveno in certi canestri fatti a ttrionfi, una specie come li canestri de fiori, ma invece pieni d’ôva de galline, fettuccine de pasta all’ôva, eccetra et eccetra.

Certi pe’ quant’èreno grossi s’aveveno da portà’ in carozza.

A li gran signori de l’aristocrazzìa, je se portaveno in forma magna, accompagnati dar sôno de la tromba, da servitori in gran riverèa...

C’era una strada appositamente, via de li Pàstini, che cc’è incora, indove in quer tempo, c’ereno antro che bbotteghe de fedelinari che tutto l’anno nun faceveno che ppreparà’ ’sti trionfini de ’gni specie, sii pe’ le bborse grosse che ppe’ le moscétte1.

179. — Le precissione2.

Roma, a ttempo der papa, c’ereno ppiù pprecissione che ppreti. Nun c’era chiesa, cappella, oratorio o confraternita, che ddrento l’anno nun facesse una precissione.

Speciarmente in dell’ottavario der Corpus Dommine che era la prima precissione che ddava la smossa.

Otto ggiorni prima de la precissione, li Mannatari a ddua a ddua armati de mazze (bordoni) e cco’ ddavanti uno o ddu’ tamburi, ggiraveno pe’ ttutte le strade che otto giorni doppo aveveno da èsse ’bbattute da la precissione.

In queste se portava in giro er trónco, lo stennardo e ddiversi crocifissi.

Le gare pe’ pportà’ er trónco e lo stennardo fra fratelloni ereno cose serie!

Ce sgaggiàveno a ffasse vede’ da l’innammorate, si cco’ cche abbilità sapéveno maneggià’ er trónco!

C’ereno de quelli che pper avè’ ’st’onore pagàveno dieci, venti e insino a ttrenta piastre.

La sera poi doppo la precissione, s’annava a bbeve a’ ll’osteria, s’incominciava a quistionà’ su la faccenna der trónco, e ppe’ ggelosia, finiva che cce scappava sempre l’ammazzato.

Io de ’ste bbaruffe finite cor morto, me n’aricordo de parecchie.

180. — Li francesi a Roma.

A Roma li francesi ereno odiati a mmorte; e dda certi vecchi Regolanti, de vennétte contro li francesi de Napoleone I e de Napoleone III n’ho intese ariccontà’ ttante da fa’ orore.

Fra ll’antre, la notte, certi giuvinotti se vestiveno da donna, ciovettaveno co’ li sordati francesi, se li metteveno sotto er braccio, e ccor un sacco de smorfie, se lì portaveno sotto fiume.

Arivati lli’, je dàveno una cortellatona in de la panza, j’attaccaveno un sasso ar collo e l’affogaveno in der Tevere.

Cent’antre vorte li squartaveno e ppoi ccusì a quarti, ce metteveno sopra un cartello cor un 3 o un 4, e ppoi l’attaccaveno fôra de le porte de li macelli.

Li francesi, da parte loro, ereno prepotenti; infastidiveno tutte le donne, magara quelle che staveno sotto ar braccio de li mariti; quanno s’imbriacàveno, nun voleveno pagà’ er conto a ll’osti, e intimoriveno tutti cor fa’ li garganti e li ammazzasette.

Spesso veniveno a quistione co’ ll’antri sordati der papa, speciarmente co’ lì dragoni ch’ereno tutti romani, e cce pijaveno tante de quele méla, che nun ve ne dico.

Ogni tanto vedevio un sordato francese imbriaco, co’ la sciabbola, sfoderata, ggirà’ ppe’ le strade de Roma, bbaccajanno e insurtanno chiunque incontrava.

Io me l’aricordo che accusì ffaceveno l’urtimi francesi arimasti a Roma fino guasi ar 1870.

181. — Er gioco detto de lo “scalino„.

È un giôco che, come la Passatella, se fa ccor vino.

Èccheve in che mmodo.

Se paga tanto peròmo1 tutt’er vino che ss’ordina: e sse metteno sur tavolino tanti bbicchieri, pe’ quanti so’ li ggiocatori.

’Sti bbicchieri se metteno in fila. Ar primo ce se mette una góccia de vino, ar siconno un filo, ar quarto un déto, ar quinto un déto e mmezzo, e accusì vvia discurenno, infinènta ar bicchiere de mezzo che ss’empie tutto, e a quelli che vvièngheno appresso se cala er vino a mmano a mmano, in modo che fformino come ttante canne d’orgheno o scalini, apposta er giôco se chiama accusì.

Fatto questo, se fà la conta.

Ar giocatore che je va la conta, se bbeve er bicchiere de mezzo, e ll’antri, siconno l’ordine de la conta, bbeveno appresso a llui a mmano a mmano.

In modo che cc’è cchi bbeve tanto, chi ccusì ccusì, cchi guasi gnente, e cchi gnente der tutto.

182. — Er Feragosto2.

Mó nun aùsa guasi ppiù; ma ssótto ar papa, a li 15 d’agosto; incomincianno da l’impiegati ppiù ggrossi, infinenta a ll’urtimo luscière3 er più mmoscétto, a ttutti er Guverno je passava la paga doppia, pe’ ddaje la mancia der feragosto. J’annava guasi de jura.

E indove v’accostavio, nun se sentiva dì’ antro che: Bon feragosto, bon feragosto!

Le serve pijaveno la mancia da li bbottegari, li garzoni de le bbotteghe da l’avventori, eccetra et eccetra, lo stesso come s’aùsa p’er Natale e p’er Capodanno.

Ma da quarche ttempo a ’sta parte, piano piano, ’st’usanza che qui4 pare che sse ne voji annà’ ddar muto come ttante e ttant’antre.

183. — Er cortello.

Er cortello, pe’ li Romani der mi’ tempo, era tutto, era la vita!

Se lo tieneveno in saccoccia, magari assieme a la corona, e ogni tanto se l’attastaveno pe’ vvede si cc’era sempre, e sse l’accarezzaveno come si ffussi stato un tesoro.

Pe’ lloro er cortello era un amico che nu’ li lassava mai ni la notte, ni er giorno. La notte, sotto ar cuscino, er giorno in bèrta5. De quanno in quanno lo cacciàveno fôra, l’opriveno, l’allustràveno, l’allisciàveno, e mmagari se lo bbaciàveno.

E sse lo bbaciàveno davero, si ssu la lama sbrilluccicante, ce stava scorpito er nome de l’innamorata, come presempio: «Nina, ’Nunziata, Rosa, Crementina, oppuramente: Amore mio, core mio, stella mia, pensiere mio».

Perchè allora c’era l’ usanza che, ammalappena una regazza se metteva a ffa’ l’amore, la prima cosa che arigalava ar su’ regazzo era er cortello.

Anzi, a ’sto preposito, sempre a ttempo mio, veh?, una Tresteverina, una Monticiana, una Regolante, sposava controggenio un giovinotto che in tempo de vita sua nun avesse avuto che ffa’ cco’ la ggiustizzia, e nun avesse mai messo mano ar cortello. Era un vijacco, una carogna.

Era ’na cosa nun troppo pe’ la quale1, voi me direte: ma cche cce volete fa’? La mòda era accusì!

 

Adesso l’usanza de rigalasse li cortelli, quanno du’ ggiovinotti se metteno a ffa’ l’amore, a Roma è sparita der tutto. Ma nno pperò in de li Castelli romani, come Mmarino, Castello, Arbano, Ggenzano, indove, speciarmente a Mmarino, l’usanza de rigalasse er cortello ausa incora.

 

Quanno vinneno a Roma li francesi cor generale Paraguai2, cacciorno fôra un editto indove la quale ce diceva: che cchi era trovo cor cortello in saccoccia sarebbe stato schizzo fatto3 fucilato.

Fu ttrovo infatti a un certo Lorenzo o Paolo Cascapera, che, mmezzo imbriàco, arispose ar gendarme che je trovò er cortello: «Lo porto per ammazzà’ un francese».

Callo callo, fu pportato a ppiazza der Popolo, e ffucilato su ddu’ piedi, senza procèsso e gnente.

 

M’ariccontava la bbon’anima de mi’ padre, che quanno in d’un’osteria de Trestevere o dde li Monti, se presentava un gendarme francese a ffa’ er perquirato, a uno a uno, a ttutti l’avventori, questi, prima d’arzasse, piantaveno la punta der cortello sotto a la tavola indove staveno a ssede’, poi s’arzàveno e sse ffaceveno visità’, ssenza fa’ un fiato.

E ll’oste, la sera, prima da chiude, ce trovava sotto a le tavole trenta o quaranta cortelli, che ppoi, in de la ggiornata der giorno appresso, ogni avventore nun amancava mai d’annasse a ffa’ restituvì quello suo.

184. Li Spiriti.

Li spiriti ce so’ ddavero davero!

E mmi’ nonna, bbenedetta sia, m’ariccontava sempre che nun solo n’aveva visti tanti, ma cciaveva puro parlato.

Dice, che ffra ll’antri ce n’era uno, vistito d’abbate, ch’annava sempre a ttrova, quanno nun c’era a ccasa er marito, una commare sua. E je lassava sempre li sòrdi sur commò, e ’gni ggiorno je ce ne lassava de ppiù.

Infatti quela commare de mi’ nonna (bbon’anima!), co’ queli sòrdi, ciaveva fatte un sacco de spesette pe’ ccasa.

Ce s’era compra ssedie, commodini, un canterano... insomma un sacco d’impiccétti.

Ma llei, minchiona, nun aveva da parlà’ co’ ’n’anima viva de chi je mannava quela providenza! Lo spirito je s’era tanto ariccommannato.

Invece, un giorno, pe’ nun potè’ ttienè’ ccécio in corpo, che ffa? nu’ lo dice sotto siggir de confessione a ’na commare sua?!

Accusì, ssentite che je successe. Quanno la sera aritornò ssu a ccasa, tutta la robba crompa co’ li sòrdi de lo spirito, azzeccàtece un po’? Era addiventata uno sfasciume.

 

— Puro a mme nun m’è ssuccesso un fatto guasi uguale.

Sentite questa.

Un giorno, scégno ggiù in funtana, e tte trovo du’ bbajocchi su la pietra; er giorno appresso ce ne trovo quattro; er giorno doppo cinque; quell’antro appresso sei; un antro dieci, un antro du’ lire, un antro cinque... Abbasta fui ’na minchiona a uscimmene co’ le mi’ compagne. Si mme fussi tienuta quer segreto in panza, a ’st’ora sarebbe diventata mijonara, sarebbe!

Questo poi nun è gnente. Se n’aricconteno tanti de ’sti fatti de ’st’apparizzione de li spiriti, che ssi ss’avessino d’ariccontà’ ttutti, nun abbasterebbe un tomo sano.

185. — La “Nunziatella1„.

Se chiama accusì, perchè è una cchiesetta ciuca ciuca2, che stà ccirca tre mmije lontana da Roma, su la via Appia antica.

Li ’minenti e le ’minente de Roma aùseno d’annacce la prima domenica de maggio, in carozza o ssu li carretti, a facce una scampagnata.

Prima se va a vvisità’ la cchiesola, doppo se va a ffa’ ccolazzione sur prato, indove in certe bbaracche improvisate, cce se magna e cce se bbeve da signori.

A’ ritorno, ommini e ddonne, co’ li tremolanti e le rose in testa, in petto e ssur cappéllo, canteno li ritornèlli: mentre che li vetturini frusteno li cavalli, e ffanno a ffugge come spade3.

186. — La Quaresima.

Dar giorno de le Cénnere in poi la ggente divota, in de li quaranta ggiorni che ddura la Quaresima, osserva er diggiuno che cce commanna la cchiesa, e accusì ppuro le viggije commannate.

Quanno in quaresima, verso sera, sentimo un certo sôno d’una campana, dimo pe’ pproverbio: — La campana sôna a mmerluzzo: è ssegno che ddomaní è vviggija.

E infatti in queli quaranta ggiorni de bbaccalà se ne fa un gran consumo.

Però, ppe’ la ggente malannata de salute, cce so’ bbône ddispense p’er magnà’ dde grasso, che sse ponno co’ ppochi sòrdi ottiene’ ddar curato de la parocchia.

In quaresima pe’ ddivuzzione come ho detto se magneno li maritózzi, anzi c’è cchi è ttanto divoto pe’ mmagnalli, che a ccapo ar giorno se ne strozza nun se sa quanti.

Manco male che lo fa ppe’ divozzione!

A ttempo mio, tutte le paine e li paini4, come ppuro li minenti de Roma, annaveno a Ssan Pietro ogni vennardì dde marzo, e cco’ la scusa de sentì’ la predica, faceveno conversazione, sgrinfiàveno5 e ciancicàveno maritòzzi.

A cchi cciannava, acquistava l’indurgenza. Tant’è vvero che tutti li vennardì (sempre parlanno de quelli de marzo) annava a Ssan Pietro puro er Papa accompagnato da li cardinali, che j’annaveno appresso a dua pe’ ddua, da le guardie nobbile, da li svizzeri e anticamente da li capotori. Arrivato llì sse metteva in ginocchio e cce restava a ppregà’ quarche mmezz’ora bbôna.


187. — Le “scalette„ de mezza Quaresima.

A mmezza quaresima c’era ’st’usanza qua.

Se faceveno co’ la carta certe scalette, e ssenza fasse accorge, s’appuntaveno co’ le spille de dietro a l’abbiti de la ggente, che ppassaveno pe’ strada.

Poi je s’annava appresso strillanno:

Acqua! acqua!

E a ttempo mio a ssentì’ strillà’ «acqua» quarche d’uno s’affacciava e je bbuttava pe’ ddavero l’acqua addosso.

188. — La settimana santa1.

Da quanno se legheno le campane infinenta che nun se sciòjeno, ossia dar giovedì ar sabbito santo, er mezzogiorno, l’ore de la messa e dde ll’antre funzione de le cchiese, li chirichetti le sonàveno defôra de la cchiesa, co’ li tricche-tràcche.

A ttempo mio, li regazzini, in ’ste giornate; annaveno co’ le mazzole a sbatte a ttutte le porte, li portoncini e li portoni de le case e dde le bbotteghe per avvisà’ la ggente quann’era mezzogiorno e ll’avemmaria.

Un passo addietro. Er ggioveddì ssanto s’annava a vvisità li santi sepporcri, come adesso; perchè le visite vàlessino bbisognava falle dìspere.

Chi ne visitava sette a l’infila s’acquistava l’indurgenza prenaria.

 

Drento la cchiesa de San Pietro, la sera der gioveddì e dder vennardì ssanto, attaccata per aria, sopra l’artare maggiore, ce metteveno una gran croce de metallo lustro, arta un tre ccanne2 e llarga una e mezza, illuminata da guasi un mijaro de lumini, che sbrilluccicava come un sole.

Se chiamava la croce luminosa.

Quanno poi se sciojéveno le campane, allora se faceva un inferno.

Se sparàveno zaganelle, bbòtti, mortaletti e infinenta schioppettate.

Pe’ le case intanto, tutte le persone de la famija inginocchiate, odoraveno er Signore trionfante.

189. — Le “mostre„ de li pizzicaroli.

Ne le du’ sere der gioveddì e vennardì ssanto, li pizzicaroli romani aùseno a ffa’ in de le bbotteghe la mostra de li caci, de li preciutti, dell’ôva e dde li salami.

Certi ce metteno lo specchio pe’ ffa’ li sfónni, e ccert’antri cce fanno le grotte d’ôva o dde salami, co’ ddrento er sepporcro co’ li pupazzi fatti de bbutiro, che sso’ ’na bbellezza a vvedesse.

E la ggente, in quela sera, uscenno da la visita de li sepporcri, va in giro a rimirà’ le mostre de pizzícaroli de pórso3, che ffanno a ggara a cchi le pô ffa’ mmejo.

190. — Le “Missióne„.

L’urtimi ggiorni de quaresima, se faceva l’ottavario der catechisimo o le ccusì ddette Missione.

Er doppopranzo insinenta a ll’Avemmaria, tutti li negozzianti de Roma, compresi l’osti, li trattori, li tabbaccari, l’orzaroli, eccetra, chiudeveno le bbotteghe.

E ognuno se n’annava a ppredica, indove la quale er predicatore spiegava la dottrina pe’ ppreparà’ li cristiani a ppijà’ la santa Pasqua1.

In certe cchiese predicaveno bbene assai li Missionarii. Uno de questi, bbravo assai, tutti l’anni m’aricordo che ppredicava a la Consolazzione.

E mme s’aricorda puro che ll’urtimo ggiorno de quaresima, se faceva un focaraccio su la piazza de la cchiesa médéma; e er predicatore cor Cristo in mano piagnenno e urlanno come un ossessio, ciabbruciava libbri provìbbiti, cortelli, fatture e antre cose contrarie a la nostra santa fede.

191. — Er primo d’aprile.

Come in tant’antri paesi der monno, puro qua da noi, in de ’sto ggiorno, s’auseno li pesci d’aprile, pe’ ffasse du’ risate a le spalle de li micchi.

Pe’ lo ppiù se fa ddisperà’ quarcuno cor mannallo a ffa’ un’ imbasciata da un amico che è ggià d’accordo pe’ mmannallo da un antro, e questo da un antro, e ppoi da un antro, a pportaje una scatola magara co’ quattro o ccinque serci de quelli bbastardóni2 drento.

Pe’ ffurtuna che ar monno li micchi nun so’ mmai amancati.

192. — Er taramoto.

Ecco in che mmodo er Belli, in d’un su’ sonetto majuscolo spiega come ar monno succede er taramoto.

Dice che in fonno in fonno a la terra c’ è una gran bucia fónna fónna, indove ce scóla tutta l’acqua der monno sano, e cciarimane drento, come si ’sta gran bucia fusse una gran marmitta.

Quanno ar diavolo (Gesummaria!) jé sarta er grillo de facce fa’ er sartarello, pija una torcia de péce e ccaperchio l’acenne, va a ffa’ un giretto in de la bbucia, e in d’un momento fa bbulle tutta quela gran acqua.

Allora l’acqua arza er fume; e er fume che nun sa dda che pparte uscì’, fa ccome quanno la pila sta ssur ffôco che bbulle, che, si è cchiusa, fa smove o ffa sartà’ er cuperchio. Allora er monno bballa, e ’sto bballo se chiama er taramoto.

 

Quanno, sarvógnóne, viè’ er taramoto, e cche uno se trova drento casa, l’unico modo de sarvasse, è dde ficcasse sotto er vano de ’na porta o dde ’na finestra e intonà’ le littanie.

193. — Che ddicéveno e cche ddìcheno li sôni de certe campane.

Presempio, la campana de Santa Maria Maggiore, quanno sôna, dice:

Avemo fatto li faciòli, avemo fatto li faciòli!».

E quella de San Giuvanni Latterano je domanna co’ quer su’ vócióne:

Con ché? con ché? con ché?».

E la campanella de Santa Croce in Gerusalemme dice che j’arispónne:

Co’ le codichèlle, co’ le codichèlle, co’ le codichèlle!».

La campana de Santa Maria in Traspontina, quanno invece sôna pare che ddichi:

Andó’ se maggna la pulenta? Andó’ se maggna la pulenta?».

E allora er campanone de San Pietro pare che j’arispónni:

In Bórgo, in Bórgo, in Bórgo».

Nun senza un perchè li Bborghiciani cianno pe’ ssoprannome: magna pulenta.

 

E la campana de la Pulinara1, indove ce stanno le scóle, dice:

Regazzi a scôla e sservitori in sala; regazzi a scôla e sservitori in sala!».

194. — La Luna.

A la luna, massimamente quann’è lluna piena, je se vedeno l’occhi, er naso e la bbocca.

Drento, come ggià vve l’ho ddetto, ce sta quer boja de Caìno.

Ce lo mannò er Signore doppo l’amaro ammazzamento de su’ fratello Abbèle.

La luna ha infruenza su li parti, su li capélli, su le ógna e ssur tempo.

Su li parti, come v’ho spiegato in ’sto medemo libbro a li Rimedi simpatichi, perchè er parto se conta a llune; e ssu li capélli e ssu ll’ógna perchè ttanto li capéllì che ll’ógna, si sse tajeno a lluna calante, stanno assai tempo prima de ricresce; s’invece se tajeno a lluna crescente, tanto li capélli che ll’ógna, v’aricréscheno in sur subbito.

 

Quanno una persona, o speciarmente u’ regazzino, fa un versaccio cor grugno o cco’ la bbocca, je se dice pe’ metteje pavura: «Abbada che ssi ccé fa la luna, ciarimani!».

195. — Er tamburo der tempo de la Ripubbrica Romana.

Er tamburo der tempo de la Ripubbrica romana quanno sónava, li romani, pe’ mmettello in ridicolo, dicheno che ffaceva:

«Bburà-ccì-ccì,

Bburà-ccì-ccì,

La Ripubbrica

De li strá-cci-cci!

Bburà-ccì-ccì,

Bburà-ccì-ccì,

La Ripubbrica

De li strá-cci-cci!»

196. — Er lago a ppiazza Navona2.

Tutti li sabbiti e le domeniche d’agosto, s’atturava la chiavica de la funtana de mezzo de piazza Navona, e la piazza ch’era fatta a scesa, s’allagava tutta.

Che bber divertimento!

La mmatina ce s’annava in carozza, o in carettella. Io m’aricordo d’essece ito co’ mmì’ padre a sguazzà’ in de ll’acqua, pe’ ffa’ sciacquà’ le róte infangate de la carozza, quanno aritornamio da le grotte de Testaccio.

La domenica, doppo pranzo poi, in un gran parco piantato sotto ar palazzo Doria, fra er portone e Ssant’Agnesa, c’era la bbanda de li pompieri che ssônava ’na mucchia de sônate p’arillegrà’ la ggente.

Intorno a llago c’ereno ’na quantità dde cocommerari co’ le loro scalette piene de cocommeri che strillaveno: «Curete, pompieri, che vva a ffôco!»

E ppoi mosciarellari, brusculinari, mandolari; regazzini che se pijaveno a spinte e sse bbuttaveno in de ll’acqua; ggente che ppe’ scherzo se la schizzàveno in faccia: urli, strilli, risate da nun dì1, ecco ch’édera2 e’ llago de piazza Navona.

197. — Er pane.

Quanno casca un pezzo de pane per tera, bbisogna ariccojello, bbaciallo, e ssi ss’è sporcato, e nun se pô ppiù mmagnà’, se bbutta sur fôco.

Le pagnotte poi nun vanno mai messe su la tavola a ppanza pell’aria, perchè si nnó ppiagne la Madonna.

198. — Er giustizziato e lo schiaffo aricordativo.

Quanno sotto a li preti se faceva ggiustizzia a li Cérchi, c’era er costume che li padri ce portaveno puro li fiji, perché je servissi d’esempio.

E quanno Mastro Titta3 tirava ggiù la mannara, ar temp’istesso, er padre appoggiava ’no schiaffo4 ar fijo e je diceva:

Aricordete che ’sta fine la fanno certi che sso’ mmillanta vorte mejo de te.

De’ resto li romani, quanno c’era d’annà’ a vvede’ cascà’ quarche ttesta, ce godeveno assai, perchè cciavemo incora er detto, quanno fà bber tempo:

Bbella ggiornata, peccato che nun ce sii l’impiccato!

 

 

199. — La sepportura de Nerone.

È un gran masso de pietra bbianca, andove sotto c’è seppellito Nerone, e cche sse trova i’ mmezzo a la campagna romana un quattro mija e mmezzo distante da Porta der Popolo5 a mmanomanca de chi vva in su, versi Pontemollo.

200. — La ssedia der Diavolo.

Fôra de porta Pia, passata Sant’Agnesa, a la stessa mano de la cchiesa e gguasi de faccia a la trattoria de Màngheni, prima c’era come una scesa e ppoi un gran prato, che cce stà incora, indove ce so’ ccerti pezzi de muri vecchi, fatti come una ssedia, che se chiameno la ssedia der Diavolo.

Ma er perchè se chiami accusì, nun s’è ppotuto mai sapè’.

201. — La Sirena.

È un pescione grosso grosso, mezzo pesce e mmezza donna.

Dice, che ccià la faccia da donna, le zinne, le bbraccia, e insomma, infinenta a la panza è ttutto talecquale a ’na femmina; e dda la panza in giù è ppesce.

Dice, che la notte sortanto se fa vvede’ su le spiaggie der mare e ccanta e ssôna accusì ggraziosa che incanta chiunque capita a ppassà’ dde llì; e quanno ariva a incantà’ quarch’ômo, se l’abbràccica, e sse lo porta co’ llei a lo sprefonno der mare.

Da la sirena so’ vvenute le serenate che ffanno la notte li ggiuvinotti a ll’innammorate de loro.

202. — L’imperatore de la Dottrina cristiana.

Anticamente l’imperatore de la dottrinèlla cristiana se procramava a la cchiesa der Pianto che stà a ppiazza Ggiudìa.

Lì sse faceva la disputazzione de la dottrinella der Bellarmino. Ce pijaveno parte li regazzini de le diverse parocchie, scerti tra li ppiù bbravi che ssapeveno a la mmente tutta la dottrina.

Llì, nun m’aricordo bbene, ma mme pare che sse spartiveno in du’ partiti: er partito romano e er partito bbizzantinio; e ppoi se metteveno a quistionà’ tra dde loro come ttanti mozzorecchi.

Quello de ’sti regazzi che risponneva ppiù bbene a le domanne e je la sonava mejo de tutti, era da un cardinale fatto imperatore.

’St’imperatore, doppo quarche ggiorno, annava a ffa’ vvisita ar Papa; e je chiedeva, o ppe’ ddì’ mmejo, aveva de jura er dritto de chièdeje una grazzia.

Guasi sempre je chiedeva pane e vvino pe’ ttutta la vita; e er Papa, quann’era ppiù granne, je dava un’accupazione in quarche ufficio.

In de l’annà’ cche l’imperatore faceva dar Papa, strada facenno, era portato in trionfo, e tutta le ggente strillava

Evviva l’imperatore!

203. — La Madonna der Divin’amore1.

A la Madonna der Divin’Amore ce se va e’ llunedì dde Pasqua2. E dde solito ciannaveno sortanto che le femmine.

Ecco anticamente com’era l’uso.

La mmatina abbonóra se montava in carozza, s’annava a ppija er caffè ar Caffè dde piazza Morgana3, e ppoi se partiva p’er Divin’Amore che stà a ssette mija fôra de porta San Giuvanni a la tenuta de Caster de Leva.

Arivati llà, sse sentiva prima de tutto la messa; e ddoppo èssese goduti tutti li gran miracoli che allora faceva la Madonna, come stróppi che bbuttaveno le strampèlle, cèchi che cce vedeveno in sur subbito, regazze indemoniate che vvommitaveno er demonio, donne affatturate che vommitaveno trecce de capelli, et eccetra, s’annava in de le bbaracche a ffa’ ccolazzione, e ddoppo èssese infiorate bbene bbene la testa, er petto, li cappelli, le testiere de li cavalli, co’ li tremolanti4 e le rose, se partiva per Arbano.

Llì, sse pranzava, se bbeveva a ggarganella da pe’ ttutte le bbéttole indove c’era er vino bbôno, e ppoi cantanno li ritornelli, se faceva a cchi ppiù ccureva pe’ ritornà’ a Roma. S’intenne che strada facenno s’aribbeveva a le Frattocchie, a le Capanèlle, a Ttor de mèzza via; e dda Bardinótti o a Pporta San Giuvanni, se faceva la ccusì ddetta bbevuta de la staffa.

Pe’ strada siccome se faceva a ccurre co’ ttutte le carozze, succedeveno sempre guai: o ccarozze sfasciate, o ggente ferite o mmorte.

Arrivati a Roma, s’annava a ppija er gelato ar Caffè dde San Luviggi de’ Francesi1 o a quello de li Crapettari.

La dimenica appresso, poi, co’ la somma che cciarimaneva de li sordi che ogni festaróla2 aveva cacciati, s’annava a ffa’ un’antra scarozzata p’er Corso, e ssi cce scappava, un antra magnata fôr deporta.

Le lavannare, per annacce, metteno un grosso3 o un pavolo4 peromo5 a la sittimana.

Quella de loro che arègge er mammone6 la chiameno la cassaròla7.

E quann’è er Divin’Amore, lei, siconno quanto ce trova in cassa, pensa a ffà’ le cose co’ ppiù sfarzo o mmeno sfarzo8.

204. — La Passatèlla.

Pe’ ’sto ggiòco, vvedi in de ’sto medemo libbro le: Regole p’er giôco de la Passatella.

Prima che io le spubbricassi, a Roma, se diceva che ’ste regole staveno sotto ar cu... de Pasquino, talecquale ar libbro der Perchè.

206. — Quello che sse magna in certe aricorenzie.

A Roma, er primo de ll’anno se màgneno le lenticchie e ll’uva; perchè chi mmagna ’ste du’ cose, dice, che cconta quatrini tutto l’anno.

Er ggiovedì ggrasso se magneno le frappe, li bbocconotti e li raviòli.

In quaresima, ceci, bbaccalà e mmaritòzzi a ttutta battuta.

Er giorno de San Giuseppe, le frittèlle e li bbignè.

Er giorno de Pasqua, l’agnèllo, er brodetto, l’ôva, er salame e la pizza rincresciuta.

In aprile: caprétto ggentile.

Pe’ l’Ascensione (24 de maggio), la ggiuncata.

La notte de San Giuvanni (24 de giugno) se magneno le lumache.

Pe’ settembre: l’uva ch’è ffatta e ’r fico che pènne.

In ottobbere che sse fanno le vignate, gnòcchi e mmaccaroni a ttutto spiano.

Pe’ li Morti, se magneno le fava pe’ mminestra, e ppoi le fava da morto dórce e ll’ossa da morto.

Pe’ Ssan Martino (11 de novembre) s’opre la bbotte e ss’assaggia er vino nôvo.

Pe’ Nnatale se magneno li vermicelli co’ l’alice, l’inguilla, er salamone, li bbroccoli, er torone, er pangiallo, et eccetra et eccetra.

206. — Er vino.

Er vino nun è ccome ll’ojo che quanno se sverza o pper tera o ssu la tovaja porta disgrazzia.

Er vino invece porta furtuna, e cche straccio de furtuna!

Tant’è vvero, che quanno se sversa su la tavola da pranzo tutti ce vanno a intigne le déta, e ppoi ce se strufineno la faccia, la fronte, le labbra e lo bbaceno.

Infatti, quanno se va a bbeve a ll’osteria, quer goccétto, che cce se sciacqueno li bbicchieri, se bbutta su la tavola e mmai per tera.

Speciarmente da quanno er vino costa tanto caro! Indove so’ iti queli tempi bbeati che sse venneva pe’ Roma a un bajocco la fojetta e:

«Ppe’ ddispetto der diavolo, ddieci fojette a ppavolo?».

Prima (e ppuro adesso) quanno entravio in d’un osteria, e cce trovavio dieci, venti, trenta amichi che bbevéveno, ognun de loro v’offriva er su’ bbicchiere ppe’ bbeve.

Bbisognava pe’ fforza mettécce la bbocca, o intignécce magara le labbra a ttutti venti trenta e ppiù bbicchieri, senza scartanne uno. Si nnó quello che vve l’offriva, credènnose che l’avessivo co’ llui, se sarebbe potuto offènne, e ffavve, mai mai puro quarche àsola ar corpétto.

Ne so’ ssuccessi tanti de ’sti casi!

 

E giacchè ssemo sur discorso der vino, io dico che in gnisuna parte der monno se bbeve tanto vino come a Roma.

Io m’aricordo che la bbenedett’anima de mi’ padre che cce negozziava, carcolava uno sciupo de vino d’un quartarolo1 ar giorno, per ogni carettiere che cciaveva ar servizzio.

E bbisognava vede si cche ppezzi d’ômmini ribbusti che èreno, e ccampàveno quant’e Nnovè.

Dunque sii ogni sempre bbenedetto er vino e cchi l’ha inventato!2

207. — Li rifuggi3.

A ttempo mio c’era incora er dritto de rifuggio, in de le cchiese, in de li conventi, in de li palazzi de li Cardinali, de l’imbasciatori, in de lo Spedale de San Spirito e in antri lochi sagri; cusì in de le tenute der Capitolo de San Pietro, e in quelle de San Spirito come, presempio, Cónca e Ccampomorto.

Quann’un tale ammazzava o rubbava, abbastava che sse fussi aricoverato in uno de quelli siti, per esse lassato nun solo libbero, ma riverito e rispettato.

M’ariccontava la bbôn’anima de mi’ padre che a ttempo suo, abbastava d’attaccasse a la tonica d’un frate che ppassava pe’ strada, pe’ nun èsse arrestato.

Er frate, guasi sempre, lo lassava fa’ ssenza da’ retta a li ggendarmi che je diceveno de scacciallo; e sse lo portava ar convento.

Lì je dava rifuggio, insinenta a ttanto che nun se staccava la licenza per agguantallo; ma cc’era sempre quarche pprotettore che cce se metteva de mezzo pe’ smorzà’ la cosa, e ddoppo quarche mmese nun se ne parlava magara ppiù.

 

A ppreposito de ’sto rifuggio, una vorta n’assuccèsse una bbella!

A ppiazza der Monte de Pietà, una mmatina, un ladro, per avè’ rubbato un so cche ccosa, ciaveva a le tacche a le tacche4 un gendarme5 der papa che stava un pélo per agguantallo.

Ma e’ lladro je svicolò ppe’ li Chiavari arivò a Ssant’Andrea de la Valle, e mmontò ssu li scalini de la cchiesa.

Llì, ssicuro der fatto suo, se fermò. Sicchè ppuro ar gendarme je convinne de fermasse da piedi a la scalinata; ma je se vedeva da ll’occhi che la rabbia se lo divorava.

E’ lladro che sse n’incajò, ppe’ ffallo addannà’ dde ppiù, pprese e je fece una sòrba1 col la bbocca.

Nu’ l’avesse mai fatto! Er gendarme ch’era (come so’ ttutti) un romagnòlo, nun se poté’ ppiù contienè’. Ssalì li scalini de la cchiesa; e’ lladro entrò drento; er gendarme appresso: e’ lladro zzompa la bbalavustra de l’artar maggiore, e ssempre seguitato dar gendarme, s’attacca a la pianeta der prete che stava dicenno messa.

Succèsse un sagrilèggio, uno scànnelo, da nun potesse dì’!

Er gendarme fu mmesso in prefosso; la cchiesa fu serrata nun so ppe’ quanto tempo, finchè nun fu riconsacrata; e quanno lo fu, ce se lassò e’ lladro in libbertà che nun fu arestato che ddoppo un sacco de cerimogne.

 

Quanno quarcuno, pe’ quarche ddelitto, scappava perseguitato da la pulizzia e ffaceva infinta de bbuttasse a ffiume, li sbirri o li ggendarmi, ar vedello su la spiaggia, se fermaveno e lo lassàveno fa’; p’er motivo, che si quello pe’ sfuggilli s’affogava, era un’anima persa perchè mmoriva senza li sagramenti.

208. — L’opere.

La domenica a mmatina a ppiazza Montanara, e ppiù in là, a ppiazza Farnese e a Ccampo-de-Fiori, s’aridunaveno tutti li villani per èsse prési a ggiornata da li padroni de le vigne e dda li mercanti de campagna.

Cosa che sse chiamava fa’ ll’opere.

Li villani, doppo avè’ ccamminato tutta la notte, entraveno drento Roma a lo spuntà’ dde ll’arba, in arme e bbagaji. ’Gni famija se portava appresso er somaro, le zzappe, le vanghe, la canèstra che je faceva da cùnnola p’er pupo, er callaro pe’ ccòce la pulenta, e vvia discurènno.

Ammalappena arivati, stracchi morti com’ereno, se sdrajaveno tutti ammucchiati in de li cantoni de la piazza, che, a vvedelli, pareveno un mucchio de stracci de cento colori.

Combinato che aveveno l’affare co’ li padroni, annaveno a ffa’ spésa dar salumaro e ddar fornaro; se faceveno un’infirzata de pagnotte cor una cordicella, che ppoi se metteveno a tracollo, e ttòcca!

 

A ttempo de la mietitura era n’a bbellezza a vvede’ la partenza da Roma de li mietitori pe’ la campagna accompagnati da canti da sôni e dda bballi!

209. — La “Filarmonica„.

In de le piazze e in de ll’antri siti, indove ce capitàveno li bburini e li villani (ccome adesso a Ccampo-de-Fiori e a li Gipponari2) c’ereno un sacco de vennitori de robba usata speciarmente de abbiti vecchi, de cappelli, e dde scarpe.

Siccome le scarpe speciarmente stanno messe in fila, un paro appresso a ll’antro, pe’ strada, in modo che fformeno certe filare lónghe lónghe, noi pe’ scherzo, a quelli che sse l’annaveno o sse le vanno a ccomprà’ llà, je dimo che sso’ scarpe comprate a la Filarmonica o dda Filomèna.

210. — Li bbarbieri de la “méluccia„.

Sempre a ppiazza Montanara o a Ccampo de Fiori, o ssotto er Portico d’Ottavia, Campo Vaccino, la Consolazzione, eccetra, vedevio accanto a li muri de le case, tre, quattro, cinque ssedie, messe una de qua, una de llà, cche ffaceveno da bbottega a artrettanti bbarbieri, che a Roma ereno, pe’ scherzo, chiamati de la méluccia; perchè, ddice, che a cchi ffaceveno la bbarba, je metteveno una meluccia in bocca, per abbottaje le ganasse.

’Sta meluccia che aveva da servì’ ppe’ ttutti l’avventori, se la magnava l’urtimo che arivava.

Se pagava un baiocco pe’ llevasse una scaja1 d’otto, de quinnici e dde trenta ggiorni puro.

A vvedelli llì a ssede era un morì’ dda’ ride’.

Er barbiere, co’ ddu’ deta je strigneva la punta der naso e je lo tirava in su e ingiù seconno come je faceva commido pe’ sbarbificalli.

’Gni momento li lassava a nnaso per aria, mó pper affilà’ e’ rasore a la codétta, attaccata a la spallina de la ssedia, e mmó ppe’ rispónne a questo e a quello o ppe’ sdottrinà’ e ppe’ sputà’ ssentenze.

E quer povero villano che je stavo sótto, cor grugno tutt’impiastrato de sapone da un bajocco a la libbra2, stava llì tutt’arissegnato, co’ ll’occhi che je se sperdéveno per aria, senza nemmanco tirà’ er fiato, pe’ ppavura de quarche sgarro ar vicolo de li tozzi3.

Sbarbificato che l’aveveno, s’arzava, s’asciuttava er grugno a la manica de la camicia, e un antro bburino s’annava a mette ar posto suo, intanto ch’er barbiere strillava:

Sótto a cchi ttócca!

211. — Li fornari.

Anticamente, da noi, ppiù dde tanti forni nun cé poteveno stà’; ccusì ppuro tutti li fornari nun poteveno fa’ le pagnottelle; li semmolini e li panetti, senza godenne er privilèggio.

Ogni forno ciaveva un nummero; presempio uno, dua, tre, quattro, e accusì vvia discurrenno, insinenta ar nummero stabbilito dar prisidente de la grascia o dda quello de la farina.

Er nummero, in granne, lo doveveno tienè’ appiccicato ar muro, in modo che ttutti lo vedessino.

 

È ccuriosa che ccerti fornari antichi, antichi, a ttempo mio, in un cantone de la bbottega ce tieneveno un’alabbarda.

J’ho ddomannato er perchè; mm’hanno arisposto che anticamente, ’gni forno aveva dritto, quanno succédeveno li tumurti pe’ vvia de la caristia, de avecce un svizzero de guardia che cce piantava la ’labbarda4.

Nun abbasterebbe un tomo pe’ scrivecce drento tutti l’usi patriarcali de li fornari antichi de Roma, come ppuro de cert’antri bbottegari, che a lleggello, sarebbe propio ’na bbellezza.

212. — Li frati cercatori o “ttorzóni„.

Li frati cercatori, che a Roma li chiamamo frati torzóni, anticamente faceveno un po’ dde tutto.

Daveno li nummeri a’ llotto, spiegavene l’insogni; ereno mèdichi, caccia-denti, curaveno la guàllera, e ttutti l’antri malanni, pe’ ppochi bbajocchi. Accompagnaveno li morti, faceveno le corone, li modelli a li pittori, e ssi cce rugate puro la trombetta1.

In cammio der bajòcco che je davio, v’arigalàveno una manciatella d’insalatina, e una presa de tabbacco.

A pproposito der tabbacco de li frati, a Roma, se dice pe’ scherzo, che lloro ce ll’hanno de du’ qualità: tabbacco de ritorno e ttabbacco in corda.

Er tabbacco de ritorno sarebbe quello che li frati ràschieno da li fazzoletti da naso, doppo d’avelli messi ’asciuttà’ ar sole; e er tabbacco in corda sarebbe quello che... Avvicinàteve che vve la dico a l’orecchia, perchè è ttroppa zózzóna.

213. — Li scrivani pubbrichi.

L’urtimi che cce so’ avanzati, adesso l’hanno confinati su la piazzetta de Tor de Specchi. Prima invece staveno a ppiazza Montanara e a Ccampo de Fiori e in antri siti.

Ogni scrivano pe’ llegge una lettra e ppe’ ffaje la risposta pijava tre bbajocchi; adesso invece pijeno cinque o ssei sordi.

Eppuro io de ’sti scrivani n’ho cconosciuti certi che a fforza da scrive’ lettre, hanno fatto furtuna; sso’ aritornati ar paese2 co’ quarche mmijaro de scudi, e ffanno li signori.

214. — Er vennitore de mózze.

Co’ ’na mucchia de pezzi de sigheri, che nnojantri chiamamo: cîche, mózze, mózzóni e bberzajèri3, tutti ammucchiati in diversi foji de carta straccia, stesi per tera, er mozzarólo s’appostava, le domeniche a mmatina, pe’ le piazze e ppe’ le strade indove li villani e li bburini bbazzicàveno, pe’ vvennéjeli.

Nojantri queli poveri villani, pe’ scherzo, li chiamamio: Ingresi de piazza Montanara.

215. — Le sfide a ccantà’ dda poveti.

Se faceveno per lo ppiù tutte le domeniche a ssera, in de l’osterie, oppuramente in quarche ccaffè de li Monti e dde Trestevere, o anche in campagna.

S’aridunaveno una ventina o ’na trentina de conoscenti, ômmini e ddonne, e llì ssu ddu’ piedi; se sfidàveno tra dde loro, a cchi improvisava mejo ottave, sopre una cosa o ssopra un’antra.

Certe vorte ’ste sfide duraveno insinenta due o ttre ggiorni de seguito, senza mai ariposasse nemmanco la notte.

Bisognava vede’ come ce s’accaloraveno tanto li du’ poveti, quanto quelli che li staveno a ssentì’!

Ce pijaveno parte puro le donne; ho inteso improvisà’ certe lavannare, che ssi l’avéssivo intese, bbenché llavannare, ve faceveno arimane de stucco, ve faceveno!

Indove l’improvisatore l’attastava, loro arisponneveno. Su la storia Romana, su la Greca, su la guerra de Troja, su la mitologgìna, su la storia Sagra, su ttutto.

Un calascione o un mandolino pizzicato accompagnava li versi che ereno cantati dar poveta improvisatore.

Li du’ urtimi improvisatori ppiù bbravi che mme aricordo io, so’ stati un certo Papóne, cucchiere dei principe Bborghese, e un certo Salustri, un carzolaro Monticiano, che a ssentilli tutt’e ddua ve faceveno arimane a bbocca spalancata!

Er poveta vincitore riceveva evviva, sbattimenti de mane e bbicchieri de vino a ppiù nun posso; e quello che pperdeva, urli e ffischi a ttutto spiano.

216. — Tre ggenerali francesi.

’Na vorta Napoleone Primo mannò a Roma tre ggenerali francesi.

E ssentite, si vvolete ride, come (parlanno con poco rispetto) se chiamaveno: uno Cacò, uno Sammaló e uno Morì1.

Figurateve li romaneschi de quer tempo come se li ripassaveno!

217. — Perchè li Papi se cambieno er nome.

Perchè si er papa, ammalappena è ffatto papa nun se cambiasse er nome, camperebbe poco, si nu’ mmorirebbe subbito.

Infatti quarche ppapa che nun se l’è vvorsuto mutà’, de llì a ppochi ggiorni che l’hanno incoronato, è ito a ffa’ terra pe’ cceci2.

218. — Quanno môre un cardinale.

Fatece caso, quanno môre un cardinale, de llì a ppochi ggiorni, se n’ammàleno antri dua e je vanno appresso.

E pperchè? Perchè li cardinali da sì cch’er monno è mmonno, quanno se ne vanno a ll’antri carzoni, se n’hanno da partì’ a ttre ppe’ ttré.

219. — Su li muri dell’osterie.

Sempre a ttempo mio, su li muri o su le porte de tutte l’osterie de Roma, c’era incollato un avvisetto stampato, indove c’era scritto:

«Fratelli dilettissimi, astenetevi dalle bestemmie e pensate:

1° Che Dio vi vede;