HOME   PRIVILEGIA NE IRROGANTO   di  Mauro Novelli          www.mauronovelli.it


DOSSIER “SCUOLA”

Torna all’indice mensile 2008

 

ARCHIVIO GENERALE  DEL DOSSIER  

TUTTI I DOSSIER


toARTICOLI DEL  13-novembre 2008      #TOP



Report "Scuola"

·                     Indice delle sezioni

·                     Indice degli articoli

·                     Articoli

Indice delle sezioni

Scuola (265)


Indice degli articoli

Sezione principale: Scuola

Gelmini, quel poco da salvare ( da "EUROPA ON-LINE" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini, quel poco da salvare GILIBERTO CAPANO Le linee-guida che il ministro Gelmini presenta oggi ai rettori sono un canovaccio in cerca di grandi interpreti. Un canovaccio in cui sono elencati tutti i problemi, oramai da troppo tempo noti, del sistema universitario e abbozzate, in modo spesso generico,

Non è colpa della Carfagna ma di chi la strumentalizza ( da "EUROPA ON-LINE" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: aiuto della Gelmini e di altre/i di destra e di sinistra, il mito giovanilistico di moda. La seconda: la vera responsabilità politica nell?episodio Lula e in mille altri casi, sta a palazzo Chigi. Milioni di allucinati credono alle virtù taumaturgiche del premier, anche in mancanza di Obama nostrani.

Quelle maestre già dimenticate ( da "EUROPA ON-LINE" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: effetto continuerà a ricadere sulle madri meridionali che, tanto, per il 62 per cento sono fuori del mercato del lavoro». Così Mario Pirani su Repubblica (10 novembre) in una pagina che racconta «la verità sulla riforma Gelmini». Ma, tranne queste e poche altre eccezioni, sui giornali si parla solo di università. Le maestre? Già dimenticate.

Provincia di Catanzaro: i lavori del Consiglio ( da "Giornale di Calabria, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Istruzione Mariastella Gelmini, a nomea suo e del presidente del consiglio provinciale, Peppino Ruberto, con la quale chiede ?una applicazione? della riforma, ?meno impersonale e che tenga in conto le peculiarità del territorio?. ?Onorevole Ministro, questa - scrive la Ferro - non è la prima, né l?

I giovani Cisl spiegano quali risposte si aspettano ora dalla Gelmini ( da "Foglio, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: quali risposte si aspettano ora dalla Gelmini Il sindacato di Bonanni e la spaccatura con la Cgil Università/ La Cisl disdice partecipazione a sciopero venerdì Il dietro-front dopo l'incontro di ieri con il ministro Gelmini Roma, 12 nov. (Apcom) - La Federazione Cisl Università non parteciperà più allo sciopero generale del settore università e ricerca previsto per venerdì prossimo.

13 novembre 2008 ( da "Foglio, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: a Grillo era arrivata dagli studenti bolognesi che lo hanno espulso (e poi preso a male parole) da uno dei cortei anti Gelmini: “Buffone, non vogliamo primedonne”. Assistiamo al declino del tribuno? “A me pare declinante tutta la satira manettara”, dice Peppino Caldarola, che sul Riformista semisatireggia la politica italiana “ma con rispetto”

Tagli, fronte docenti-studenti ( da "Denaro, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: assemblea pubblica ha aperto il dibattito sul decreto Gelmini Un governo che decide di investire in ricerca candida il paese ad essere competitivo a all'avanguardia. Il monito emerge nel corso dell'assemblea pubblica convocata presso la Facoltà di scienze economiche ed aziendali dell'Università degli studi del Sannio per discutere dei tagli previsti dal decreto Gelmini.

Epifani contro tutti La Cisl:... ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Istruzione Mariastella Gelmini la Cisl Università ha deciso di compiere il dietro-front. Dal tavolo si èa alzata prima del tempo la Cgil, mentre sia Cisl sia Uil hanno firmato il documento presentato da Brunetta, Gelmini e Tremonti © SOCIETà EUROPEA DI EDIZIONI SPA - Via G.

sindacati ai ferri corti, è rottura cgil: 12 dicembre sciopero generale - luisa grion ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Domani nella protesta contro la riforma Gelmini sull´Università avrà al suo fianco («al momento» specifica il segretario generale del comparto Alberto Civica) la Uil. Su quel fronte, infatti, la Csil - assieme alla Ugl di Renata Polverini e allo Snals - si è tirata indietro. La manifestazione era stata lanciata dal palco, allora unitario, del mega-corteo di Piazza del Popolo dove -

Concerto per orchestra e coro contro i nuovi tagli alla cultura ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: contro le forbici della Gelmini» e ieri sera un quintetto del Regio itinerante è andato in soccorso degli universitari a Palazzo Nuovo esibendosi in brani degli Anni 40 e 50. Specialisti della protesta? «Fuori orario, stiamo cercando di contribuire alla comprensione del grave problema - dice Giulio Arpinati, sindacalista dell'orchestra -.

"mi hanno visto da berlusconi? si sbagliano, ero a porta a porta" ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Perché, si è tirato indietro sullo sciopero per l´Università confermato da Cgil e Uil ? «Perché le condizioni sono cambiate, la Gelmini ha aperto al dialogo, ha fatto capire che la riforma si farà, ma che sarà una riforma condivisa e che si potrà ridiscutere sui fondi». (l.gr)

"ero pronto a fare il passo indietro ma tonino mi ha chiesto di restare" - giovanna casadio ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Di Pietro mi aveva detto di intervenire in tv sul referendum anti-Gelmini, ad esempio. Ho detto di lasciar perdere. Meglio mantenere un profilo defilato». Però ha fatto quell´intervista in cui ha paragonato il governo italiano al regime argentino. Non è proprio una cosa rassicurante per Berlusconi, ammetterà.

I luoghi, ora e allora. Cancellata la scritta, non lavate questo sangue ( da "Unita, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: nel cortile della Facoltà di Lettere e ha la faccia della ministra Gelmini. Se la pioggia che ci martella da ore farà la grazia di fermarsi, la "pupazza" verrà bruciata. «Diamo fuoco all'ignoranza, quella che sette anni fa ha fatto da sfondo alla brutalità delle giornate del G8». Ci parla Marco, studente poco piu' che ventenne.

contro l'università truccata verifiche reali sulla ricerca - pier giorgio pinna ( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini. Mostra però di non considerare soddisfacenti neanche alcuni recenti provvedimenti governativi, soprattutto quelli basati unicamente sui tagli. Dopo aver operato per dieci anni alla Columbia University di New York, dove ha ottenuto la cattedra a vita, oggi questo docente diventato celebre nel giro di breve tempo per un saggio sugli scandali del malcostume accademico insegna

Tre pullman per la capitale ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: alla manifestazione nazionale a Roma contro la legge Gelmini sull'Università (adesioni si raccolgono ai numeri 334 8694211 e 347 5245710). Intanto alle 17 in piazzetta della Lega ad Alessandria la ricercatrice Cinzia Di Novi, di Scienze politiche, terrà una lezione «aperta». A Scienze politiche e Scienze Mfn, pur non bloccando le lezioni, continuano le riunioni tra gli studenti.

Il Conservatorio "Anche per noi rischio chiusura" ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: della Gelmini [FIRMA]ALICE PEDRAZZI ALESSANDRIA Tutti fuori. La nuova strategia di contestazione «anti decreto Gelmini», con le lezioni all'aperto per respirare aria di libertà e mettere in piazza i problemi, coinvolge anche il Conservatorio. Per la prima volta, abbandonati i toni suadenti della musica, il Vivaldi alza il registro e accende gli altoparlanti:

se prevale l'ideologia - (segue dalla prima pagina) ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: a quella dell´Onda studentesca che domani torna in piazza contro la riforma Gelmini e i tagli alle università (dalla quale, per riflesso pavloviano uguale e contrario, si è ora dissociata la Cisl). Da questo scenario di conflittualità endemica l´opinione pubblica può ricavare solo un´inquietante sensazione di inadeguatezza.

L'AMMINISTRAZIONE comunale di Castelnuovo ha deciso di convocare per domani ... ( da "Nazione, La (Lucca)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: la cosiddetta Legge Gelmini. «Con la partecipazione allo sciopero nazionale del 30 ottobre ? si legge nella nota inviata alla stampa dal sindaco Sauro Bonaldi a nome dell?Amministrazione comunale ? si sono praticamente concluse le agitazioni studentesche che, pur sotto varie forme, hanno coinvolto gli Istituti superiori di Castelnuovo.

"Come la riforma Gelmini muta il futuro dei vostri figli" ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: INCONTRO PER SPIEGARE ALLE FAMIGLIE LE NOVITA' "Come la riforma Gelmini muta il futuro dei vostri figli" Le conseguenze sociali ed educative illustrate stasera da un pedagogista [FIRMA]RODOLFO CASTELLARO VALENZA Anche a Valenza levata di scudi contro la riforma Gelmini. Se ne parla in un incontro dal titolo «La scuola è solo un costo in più?

"No" all'autogestione dai liceali del Pascal ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: CONTRO LA GELMINI "No" all'autogestione dai liceali del Pascal Gli studenti delle superiori di Ovada hanno bocciato l'autogestione. La protesta contro la riforma del ministro Gelmini è saltata perché non c'erano sufficienti adesioni. La scorsa settimana i ragazzi del liceo Pascal, coordinati dal rappresentante di istituto,

"Noi, i dimenticati dell'istituto Agrario" ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: contro la riforma Gelmini. «La riforma prevede tagli pesanti per la nostra scuola - spiega una delle insegnanti, Roberta Cantatore - Oltre alla perdita di autonomia, ci sarà una riduzione nel monte ore, da 39 a 32, che toccherà soprattutto sulle attività pratiche e di laboratorio, essenziali nella formazione dei nostri ragazzi».

E i giovani di An vanno a difendere il ministero ( da "Unita, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: E che domani pomeriggio ha convocato davanti al ministero di viale Trastevere una contro-manifestazione in difesa della Gelmini. Slogan: «Saliamo in cattedra» e «Liberiamo la scuola dalla dittatura del '68». O anche: «Sosteniamo il cambiamento contro la reazione progressista». Oggi la rivoluzione - spiega l'ex testa rasata Castellino - passa per l'azione di governo.

Tagli, l'Università in piazza Ma la Cisl fa la fronda ( da "Unita, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: i sindacati di Università e Ricerca per Pantaleo conferma che «il verbale fatto ieri all'incontro con Gelmini è pura finzione: si confermano le nostre ragioni dello sciopero». Idem dalla Uil: sul merito dalla Gelmini «nessuna garanzia sufficiente»». E mentre a stoppare arrivano anche Ugl, Confsal Snals Università Cisapuni e Snlas-Confsal Ricerca, il movimento intanto si prepara.

Piano Confindustria mani (e interessi) sugli istituti tecnici Presentato alla Gelmini nei giorni scorsi durante un incontro da cui sono stati allontanati i giornalisti: nelle scuol ( da "Unita, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: sugli istituti tecnici Presentato alla Gelmini nei giorni scorsi durante un incontro da cui sono stati allontanati i giornalisti: nelle scuole un Cda che abbia strada libera nelle nomine dei docenti Le mani di Confindustria su un pezzo della scuola pubblica: gli istituti tecnici. Gli industriali vogliono «comandare» sui percorsi d'istruzione per il settore tecnologico (

porte aperte da stamattina verdi e puccini sono gratis - vera schiavazzi ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: entusiasmo degli studenti che, scesi in piazza contro il ministro Gelmini, avevano ascoltato il concerto gratuito dei musicisti del teatro - durerà dalle 10 alle 22.30 e avrà il suo momento più solenne alle 21, con un concerto diretto da Gianandrea Noseda, in programma Verdi e Puccini e un trascinante Va´ pensiero finale.

treno speciale per i ragazzi dell'onda - ottavia giustetti ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Lo ha annunciato ieri Trenitalia dopo che un gruppo dell´assemblea No Gelmini era andata in corteo martedì a Porta Nuova a chiedere condizioni speciali per raggiungere la capitale in occasione della manifestazione di domani. Il convoglio parte questa sera con undici carrozze e sarà disponibile anche per il ritorno a 45 euro a testa.

Legge Gelmini: corteo e sit-in domani in Comune ( da "Giorno, Il (Lodi)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: 7 Legge Gelmini: corteo e sit-in domani in Comune CODOGNO ? CODOGNO ? CORTEO per il centro storico e sit in davanti al municipio. Si terrà nel tardo pomeriggio di domani la manifestazione contro la legge Gelmini sulla scuola promossa dal Comitato difesa scuola pubblica.

e sul web trionfa anna nuova eroina della protesta - laura mari ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: La paladina delle lotte anti-Gelmini non esiste nella realtà, ma solo sul web, in particolare nel blog annaadamolo.noblogs.org, ideato dai collettivi studenteschi in lotta da ormai un mese contro i decreti Gelmini e Tremonti. SEGUE A PAGINA XII

SARÀ IL PRESIDENTE della Provincia, Giorgio Kutufà, ad aprire la seduta... ( da "Nazione, La (Livorno)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: istituzioni livornesi parleranno della riforma Gelmini e delle sue ricadute sul territorio labronico. Le forze di centrodestra hanno invitato a parlare l?onorevole Fustagni, vicepresidente della commissione regionale sulla scuola. DOPO il saluto del presidente Kutufà, la seduta sarà sospesa, così come vuole il regolamento del consiglio comunale, per consentire gli interventi degli esterni:

l'onda spinge in piazza 100mila studenti - laura mari ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Onda e per approvare il documento della "controriforma Gelmini". E oggi gli studenti dell´Onda tenteranno un attacco hacker al sito del ministero dell´Istruzione (www.miur.it): alle ore 14 migliaia di cybernauti si collegheranno al portale del ministro Gelmini e cercheranno di intasarlo per impedirne la funzionalità e l´accesso.

è polemica sulle "classi-ghetto" "l'assessore marsilio si scusi" - anna maria liguori ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: martedì sera durante il dibattito con gli studenti alla domanda sul rischio di discriminazione contenuto nella proposta Gelmini di istituire classi differenziate, ha parlato della sua esperienza di studentessa e di come la didattica risultasse compromessa dalla massiccia presenza di extracomunitari, «fino all´80 per cento», in aule romane, definite «classi-ghetto».

Una serata eclettica fra Cesare Pavese e turbogas ( da "Cittadino, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Non mancheranno accenni al decreto Gelmini e a tutte quelle tematiche, come la centrale a turbogas di Bertonico - afferma l'ex sindaco Emilio Casali -, che in questo momento rivestono grande importanza nel nostro territorio». Pavese parla spesso di arte intesa come "mestiere" e la tecnica gli serve come autodisciplina per sfuggire alle tentazioni del romanticismo,

sul web anna e la protesta - laura mari ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: raccontano la loro storia e fanno proposte su come migliorare la scuola italiana. E l´invito a diventare tutti Anna Adamolo passa anche attraverso il social network Facebook: dal blog è possibile infatti scaricare il kit completo di foto, adesivi, timbro e occhiali simili a quelli indossati dal ministro Gelmini.

I confederali si spaccano Cgil resta sola ( da "Giornale di Brescia" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: incontro con il ministro Gelmini Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti hanno partecipato ad un incontro informale a Palazzo Grazioli senza Guglielmo Epifani. Si profila una frattura nella Triplice ROMAI sindacati si dividono sulla protesta sull'università e il ministro Gelmini ottiene un primo importante risultato nel confronto con i sindacati.

"porgiamo l'altra guancia in attesa delle leggi all'ars" - emanuele lauria ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: attribuzione delle accise sugli oli minerali alla Regione, contro la riforma Gelmini, contro lo svuotamento dei fondi Fas. Un semestre di governo che a Palermo, dopo la sbornia elettorale, ha visto Mpa e Pdl litigare in continuazione proprio sui due capisaldi dell´azione amministrativa indicati da Leanza: le nuove norme sulla sanità e sulla burocrazia.

domani l'onda ritorna in piazza nuovi cortei di liceali e universitari - claudia brunetto ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: università previsti dalla riforma Gelmini. Andranno a Roma trecento persone con il viaggio spesato grazie al ricavato delle iniziative di autofinanziamento che in questi giorni si sono svolte in tutte le facoltà: concerti, feste e cene sociali. è fallito, infatti, il tentativo di ottenere un accordo con Trenitalia per un´agevolazione sui costi del biglietto.

E' DI QUESTI giorni la notizia che molti esercizi commerciali della nostra p... ( da "Nazione, La (Pisa)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: avrebbero dovuto fare come i Cobas e scioperare il 17 ottobre quando la Gelmini era ancora in discussione al Parlamento. Non lesinano critiche al Governo. LA VOLONTA? del governo (malgrado la propaganda sulle sue false ?aperture?, tese a portare confusione nel movimento di lotta) è di tenere ferma la sostanza delle sue decisioni: taglio dei fondi destinati all?

Università, niente stop ( da "Resto del Carlino, Il (Rovigo)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: o vogliono crearsi una loro credibilità prendendo le distanze dal Ministro Gelmini? La presenza di attività universitaria nella nostra città data ormai da oltre un decennio, dato che la prima Convenzione tra l?Università di Padova e il Cur è stata firmata nell?estate del 1996. Allora furono istituiti i Diplomi Universitari, ma con la riforma dell?

E' IN PROGRAMMA per oggi alle ore 17, presso la scuola media Don Milani di v... ( da "Nazione, La (Massa - Carrara)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: cosa comporta per la scuola massese la cosiddetta riforma Gelmini. Interverranno il professor Adriano Godano (dirigente scolastico), la prof.ssa Daniela Bernasconi, uno studente e un genitore del ?Coordinamento studenti, genitori e insegnanti di Massa Carrara?. Gli organizzatori dell?assemblea rilevano che la mobilitazione prosegue dopo le molte iniziative in tutta la provincia:

Blitz degli studenti anti Gelmini alla Fiera di Genova ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini alla Fiera di Genova [FIRMA]MIRIANA REBAUDO GENOVA Slogan anti ministro, alternati a «Se non cambierà, lotta dura sarà». E, ancora, la scritta con spray rosso «No 133» sullo stand del ministero dell'Istruzione. È iniziato nel segno della protesta «Abcd», il Salone italiano dell'Educazione, la tre giorni sul mondo della scuola a 360 gradi organizzato dalla Fiera di Genova.

le scuole hanno rischiato di chiudere ulivieri: non si è fatto allarmismo ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: proposito del decreto Gelmini. "Spariranno almeno 4 scuole dall'Amiata Grossetana", era stato, infatti, il leit motiv dei vari interventi che nei giorni caldi delle proteste studentesche si era ripetuto anche da parte dei politici di centrosinistra. Un allarme rosso, tanto che una conferenza permanente era stata creata proprio in Comunità Montana con la partecipazione e il supporto dell'

la parentopoli delle riforme - nino blando ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: ipotizzati dal ministro Gelmini? Dove i problemi autentici, come sempre capita, si sono mescolati all´arte della citazione di un copione che, esattamente da un quarantennio, celebra i suoi tic sempre uguali a se stessi, ma svolgendo nello stesso tempo la funzione importantissima di rito di passaggio nella soggettività delle nuove generazioni alla loro fase adulta e di cittadinanza.

Un pezzo di Campus a Roma ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: protestare contro i tagli e altri provvedimenti della riforma Gelmini gli studenti si stanno coordinando con alcuni rappresentanti dell'Università di Genova e con i sindacati, per avere informazioni dettagliate su treni speciali e pullman in partenza per la capitale. Prendere parte al grande corteo nazionale è la forma di protesta che gli universitari savonesi considerano più efficace,

"Fermiamo la riduzione delle scuole in attesa della nuova legge Gelmini" ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Fermiamo la riduzione delle scuole in attesa della nuova legge Gelmini" Il piano di dimensionamento scolastico 2009-2012, approvato martedì in Regione prevede la soppressione dell'Istituto secondario di primo grado «Fabrizio De Andrè» e della Direzione scolastica che ha sede nel polo della Massa di Albisola Superiore, che ingloba le due Albisole e Stella.

APPROVATO all'unanimità dal consiglio comunale di Monterotondo Marittim... ( da "Nazione, La (Grosseto)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: riunitosi in seduta straordinaria per discutere assieme ai cittadini la situazione della scuola pubblica a seguito della legge Gelmini, un documento in cui «esprime la propria volontà di adoperarsi per il mantenimento delle scuole, richiedendo che vengano introdotte norme a salvaguardia delle aree montane e dei piccoli comuni nel rispetto della costituzione che sancisce il diritto all?

Spaccare il sindacato accelera la riforme? ( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: avendo sottoscritto un documento di intenti con il ministro Gelmini che invece la Cgil non ha firmato. Se si aggiunge che la Cgil rifiuta l'accordo sul nuovo contratto con Confindustria che Cisl e Uil sono pronti a firmare, si capisce che ieri è andata definitivamente in frantumi anche quella parvenza di unità sindacale che era sopravvissuta all'avvento del centrodestra al governo.

Quel referendum è senza speranza ( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: approvazione del decreto Gelmini al Senato, il referendum proposto dal Pd s'è subito ritrovato avvolto in una coltre di freddezza o di critiche, a cominciare da quella uscita dal congresso radicale. Il partito dei referendum contro un nuovo referendum: perché? Innanzitutto perché i radicali sanno che una consultazione come questa è impossibile,

Addio Triplice Guerra totale tra Cgil e Cisl ( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Bonanni si sfila pure dalla mobilitazione anti-Gelmini di domani. Polverini (Ugl): «Momento drammatico per il sindacato italiano». di Tonia Mastrobuoni Persino Lula ha fatto appello all'unità sindacale italiana. Martedì, ospite dell'assemblea della Cisl, il presidente brasiliano, tradizionalmente in ottimi rapporti con il il sindacato di Raffaele Bonanni,

La "133" non piace agli studenti, tantomeno a quelli di Ascoli. Lezione in piazza del Pop... ( da "Messaggero, Il (Marche)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Annunziata per protestare contro la riforma del ministro Gelmini piazzando banchi, lavagne e computer portatili nel salotto cittadino. A favorirli ci si è messo anche il bel tempo con una temperatura piuttosto mite in osservanza della cosiddetta "estate di san Martino". I ragazzi hanno appeso anche eloquenti manifesti di protesta sulla facciata di palazzo dei Capitani: "No alla legge 133"

Quanto costa il caos al Cav. e a Veltroni ( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Se Walter non ha bruciato in piazza la strega Gelmini è soltanto perché i roghi inquinano l'ambiente. Passando a questioni minori, tutto congiura contro il ritorno a casa degli elettori che hanno lasciato il centrosinistra. Ne incontro di continuo: gente che, senza batter ciglio, ha mollato il bordello dell'Unione per votare la Casa delle libertà.

di Fabrizio d'Esposito Da Craxi a Berlusconi passando per la sacra unzione dell'attalismo ( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: a meritarsi le sue lodi sono stati Brunetta per la lotta ai fannulloni e la Gelmini per la riforma della scuola. Senza contare che il leghista Calderoli lo aveva già incluso nel pensatoio bipartisan per la semplificazione legislativa «perché tagliare le leggi non è una questione di destra o sinistra». Bassanini dialoga sempre, anche sotto le bombe.

Il vanity book di Ascheri mette in piazza i potenti ( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: che la storia si insegna con le date, che la Gelmini fa benissimo a riportare i voti nelle pagelle e il grembiule è ottimo, «rende i bambini tutti uguali e aiuta le famiglie più povere». Ascheri dice che non vorrebbe più vedere il «potere incontrollato e arrogante del Pd opprimere questa cittadella».

studenti, docenti e genitori in assemblea ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini. E l'incontro sarà un'importante occasione per informare sulle leggi "Gelmini - Tremonti" e sulle ricadute che queste avranno su tutti gli ordini di scuola, dalla materna all'università, passando per elementari, medie e superiori; per aprire il dibattito confrontando le posizioni e le esperienze vissute in queste settimane di mobilitazione e per socializzare le iniziative

CON TANTI SALUTI AI LAVORATORI ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: sul decreto Gelmini delle scorse settimane. Vi è poi infine la questione più importante, quella legata al nuovo modello contrattuale. Le parti sociali si erano impegnate a dare al Paese un nuovo modello contrattuale entro fine settembre. L'obiettivo, da tutti condiviso, era quello di rafforzare il legame tra salario e produttività e aumentare il peso della contrattazione aziendale.

Sindacati spaccati, Cgil va sola ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Il 12 dicembre sciopero generale senza le altre due sigle. E domani la Cisl diserta il corteo contro la Gelmini Sindacati spaccati, Cgil va sola Parla Epifani: il governo vuole isolarci, Bonanni e Angeletti lo aiutano

le pene severe - raffaele bifulco ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Perché non chiedere al ministro Gelmini di inserire una previsione che impedisca ai parenti dei professori già incardinati in un ateneo di poter prendere parte ai concorsi da questo banditi, nonché di non poter entrare in servizio nello stesso ateneo. è poco, ma da qualche parte bisogna pure iniziare).

netstrike sulla rete della gelmini - bianca de fazio ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Pagina XI - Napoli Netstrike sulla rete della Gelmini Dopo la notte bianca fra concerti e spettacoli, gli studenti si preparano alla manifestazione di domani a Roma ingolfando il sito del ministero su Internet BIANCA DE FAZIO Hanno fatto le ore piccole con la "Notte bianca in difesa della scuola e dell´università pubblica".

la protesta viaggia sul web con migliaia di slogan e foto - lucilla fuiano ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: contatti unici al giorno e una newsletter inviata a oltre 500 indirizzi LUCILLA FUIANO La protesta anti-Gelmini viaggia in rete. Numerosi sono infatti gli slogan creativi e le foto amatoriali che si diffondono via web generando un circuito virtuoso che da Internet procede verso la "real life", la vita reale. "Noi la crisi non la paghiamo" cantano i ragazzi in un video su Youtube.

lezione all'aperto per gli studenti del tecnico othoca ( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: della scuola targata Gelmini Berlusconi prosegue con un ciclo di lezioni all'aperto che vedono impegnati a turno gli istituti superiori cittadini. Ieri è toccato a una classe del Tecnico industriale Othoca, che si è trasferita al gran completo (studenti, professori, lavagne, bidelli e lavagne) all'ombra dei palazzi finanziari di vie Pietri per una interessante lezione di storia.

Addio a gite scolastiche, progetti extra-didattici, attività teatrali o musicali. Il liceo scie... ( da "Messaggero, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: offerta formativa per protesta contro la riforma Gelmini. «La decisione, votata a maggioranza dal collegio dei docenti - si legge nel comunicato della scuola - è stata presa come forma di protesta contro gli ultimi provvedimenti normativi in materia scolastica». Quest'anno, studenti e docenti rinunceranno a tutti i progetti che ampliano il Pof, all'adozione di nuovi libri di testo,

Si <sveglia> il Suor Orsola, prima assemblea ( da "Corriere del Mezzogiorno" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Università si è svolta la prima assemblea studentesca per discutere l'approvazione del decreto Gelmini. «La nostra non è una forma di polemica — chiarisce il rappresentante della facoltà di Scienze della formazione Paolo Mercadante — ma un modo per informare gli studenti sulle specificità della legge approvata in Parlamento ».

fratelli contro allo scientifico ( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: studentessa che è entrata allo Scientifico durante la settimana di contestazione alla Gelmini. Lui allo Scientifico è entrato, ma solo per dormirci durante l'occupazione, e della protesta era uno degli organizzatori. Sono fratello e sorella, figli di una coppia giovane: lui bancario e lei casalinga. E in famiglia parlano di tutto e rispettano una regola: ognuno porta avanti le sue idee,

l'autonomia scolastica va salvaguardata - angelo fontanesi ( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: interessato gli effetti che il decreto Gelmini (ora legge) procurerà a Galtellì e in tanti altri piccoli paesi dell'Isola. Una norma impone infatti la soppressione degli istituti comprensivi con meno di 500 studenti. E' il caso di Galtellì (298 studenti tra scuola dell'infanzia, elementari e medie) e della vicina Irgoli (306) che a questo punto dovrebbero accorparsi con la perdita,

Gli studenti: assedieremo la Centrale se non ribassano i biglietti per Roma ( da "Corriere della Sera" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: 6 categoria: REDAZIONALE Protesta Domani il corteo anti-Gelmini. Oggi presidio in Prefettura Gli studenti: assedieremo la Centrale se non ribassano i biglietti per Roma «Vogliamo solo andare a Roma ». Gli universitari di Milano e la manifestazione di domani, nella capitale. «Da raggiungere in treno, possibilmente a 15 euro ».

Legge 133/2008 assemblea aperta a Medicina ( da "Giornale di Brescia" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: All'appuntamento, che si terrà nell'aula A della facoltà di Medicina dell'Università degli Studi, parteciperà anche il preside di facoltà, il professor Alessio. L'obiettivo è quello di continuare nell'attività di informazione e confronto sulla legge di riforma universitaria del ministro Gelmini.

<TEMPO PIENO, OCCASIONE DI CRESCITA> AUMENTANO GLI APPELLI ALLA GELMINI ( da "Corriere della Sera" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: AUMENTANO GLI APPELLI ALLA GELMINI non sono utilizzate per giocare o per fare i compiti. Temo che con la riforma proposta dal governo si ritornerà al «parcheggio». Per questo condivido l'appello lanciato da questa rubrica. Stefano Giulini Agosteo Grazie dell'opportunità offerta a noi mamme lavoratrici di dare voce alla protesta.

Si è conclusa ieri la prima fase delle lotte degli studenti contro la Gelmini. Un fronte compat... ( da "Messaggero, Il (Abruzzo)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: degli studenti contro la Gelmini. Un fronte compatto mai visto prima e che ha visto in campo tutti gli istituti superiori. A cominciare dal Masci che ieri ha interrotto l'occupazione. «Al di là di ciò che riusciremo ad ottenere con la protesta ha detto Marta Giuliani, docente di italiano e latino - l'occupazione è stata un'esperienza positiva sia dal punto di vista organizzativo,

Formazione, la Marcegaglia premia la Lovato Electric di Gorle ( da "Eco di Bergamo, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Ricerca e Università Mariastella Gelmini. La Lovato a inizio 2008 ha deciso di accettare l'invito di Junior Achievement Italia a supportare l'Istituto Pesenti di Bergamo nel progetto «Impresa in Azione», che ha visto anche il contributo dei Maestri del lavoro di Bergamo. Lovato Electric ha di fatto contribuito allo sviluppo dell'iniziativa di integrazione «

Genitori in piazza contro la preside ( da "Corriere del Mezzogiorno" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: provvedimento non confermato dalla ministra Mariastella Gelmini, malgrado l'esito di una ispezione a carico della stessa Conserva. Il 3 novembre i genitori non hanno inviato i bambini a scuola per protesta, azione poi rientrata il giorno successivo dopo un incontro con il provveditore Giovanni Capobianco, che aveva invitato tutti ad attendere nuove determinazioni ministeriali.

il comune non paga le bollette e acque spa interrompe le forniture ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: RIFORMA GELMINI Incontro a Uzzano PESCIA. Dibattito sulla riforma Gelmini e sugli effetti che la legge sarebbe destinata ad avere sulle scuole. è quello organizzato per questo pomeriggio dall'unione comunale del Pd di Uzzano. Alle 18, in sala consiliare a Santa Lucia, ci sarà l'incontro aperto a tutti gli interessati (studenti,

Sindacati, il giorno della rottura Epifani accusa gli altri due leader ( da "Corriere della Sera" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: dopo l'incontro con il ministro del-l'Istruzione, Mariastella Gelmini, hanno revocato lo sciopero e la manifestazione nazionale di domani del personale dell'Università e della ricerca, perché il governo si sarebbe impegnato a reperire nuove risorse per i contratti. La Cgil e la Uil hanno invece confermato la protesta.

e i ragazzi di balbi fanno lezioni ai bambini ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: E´ da un mese che Onda e i comitati anti-Gelmini di "Sos scuola" lavorano insieme, condividono le manifestazioni, sabato scorso a Balbiquattro occupata hanno organizzato anche una "merenda" per i piccoli, con genitori e docenti della scuola primaria. (m. b.)

l'onda all'assalto della fiera ma la gelmini non si fa vedere ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: assalto della Fiera ma la Gelmini non si fa vedere L´Onda in corteo improvvisato, ieri mattina, per le principali vie del centro di Genova, che, complice la pioggia, è stata strozzata dal traffico. Sono partiti in oltre duemila, dalla Fiera di Genova, dove si è aperto ieri "Abcd, il salone italiano della Formazione": dalle 10.

Sciopero dello spritz anti-Gelmini ( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: REDAZIONALE Gli studenti padovani Sciopero dello spritz anti-Gelmini PADOVA — Sessantamila studenti chiudono i rubinetti dello spritz. La movida universitaria ha disertato tutte le piazze della città del Santo nella giornata clou dell'aperitivo serale. Il mercoledì universitario ieri è rimasto a secco di clienti.

Catullo, autogestione per 600 studenti ( da "Corriere delle Alpi" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: autogestione a rotazione organizzata per protestare contro la riforma Gelmini. Formula, quella della rotazione, che consente di «mantenere sempre alta l'attenzione su un tema attuale e scottante», come confermano gli organizzatori. Da ieri dunque niente lezioni per i ragazzi del Catullo, che hanno partecipato in massa all'iniziativa.

Un bavaglio antiprotesta a prof e presidi ( da "Corriere delle Alpi" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: liberamente i contenuti della Riforma Gelmini, già diventata legge. Niente più striscioni davanti agli istituti della regione, dove docenti e non docenti potevano scrivere anche «Gelmini Somara». Bavaglio anche ai presidi che sino a oggi hanno potuto partecipare anche alle manifestazioni contro il ministro dell'Istruzione o avevano la possibilità di rilasciare interviste ai mass media,

Un incontro sulla riforma Gelmini ( da "Corriere delle Alpi" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: SALCE Un incontro sulla riforma Gelmini BELLUNO. Questa sera, alle 20,30, nella scuola materna di Salce, il Circolo di Belluno-Mussoi del Partito Democratico propone un incontro su un tema molto sentito, come quello della scuola e intitolato: "Scuola di ieri, scuola di domani.

Apre i battenti la fiera Orienta dedicata al futuro degli studenti ( da "Corriere delle Alpi" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: mentre sabato (alle 10) spazio alla tavola rotonda su: "Formazione, lavoro, università: come fare una scelta? Rigidità dei sistemi attuali e prospettive future", alla quale è stato invitato anche il ministro dell'istruzione, Mariastella Gelmini. Tra gli altri appuntamenti, domani alle 8.45 e alle 10.30 verrà proposto OrientaTeatro.

Studenti, la strana protesta <Via dai bar, spritz in aula> ( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: estate 133 Gelmini. «Se il Bo colerà a picco - spiegano gli studenti di Lettere il commercio ci seguirà nel fondo». Un segnale lanciato dall'assemblea di facoltà di Lettere e Filosofia per portare fuori dagli androni accademici la protesta e contaminare con la mobilitazione anche gli affari degli esercenti padovani che tra apertivi,

Scuola, pronto il piano accorpati 34 istituti ( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Slitta invece al 2010 l'altra novità del decreto Gelmini: la chiusura dei plessi scolastici con meno di 50 alunni. Quelle di ieri sono ipotesi di accorpamento (gli enti locali, ciascuno per la propria competenza, avranno modo di apportare modifiche), ma le indicazioni non potranno essere stravolte o disattese.

A Roma con i soldi dei sindaci ( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini-Tremonti. Quasi in mille, tra studenti, professori e ricercatori, saliranno stanotte sul treno speciale in partenza da Venezia. Ieri, grazie ad una colletta improvvisata (tra gli altri, il deputato Alessandro Naccarato e il capogruppo del Pd in Regione Giovanni Gallo), sono stati raccolti in favore dell'Onda quasi 3 mila euro per pagare ai manifestanti una parte del biglietto

piano regionale per la scuola ( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Le contestazioni sollevate dai provvedimenti contenuti nel decreto Gelmini, ora legge 133, riguardante la modifica e trasformazione dell'attuale assetto scolastico, ha stimolato il giusto intervento, oltre che degli operatori, anche delle amministrazioni comunali. Sul problema, nel consiglio comunale di lunedì, l'assessore ai servizi sociali, pubblica istruzione e cultura,

La Gelmini incontra i rettori <Ora il clima è migliorato> ( da "Corriere della Sera" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: si segue lo spirito di Napolitano La Gelmini incontra i rettori «Ora il clima è migliorato» Domani a Roma manifestazione nazionale di Cgil e studenti Il ministero parla di un vertice «andato bene» La mediazione a tre fra il ministro, Gianni Letta e Renato Brunetta ROMA — «Un buon clima, e anche a rischio di apparire troppo ottimista,

ROMA - La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani ( da "Adige, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: ROMA - La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani ROMA - La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani.

Concorsi bendati ( da "Sole 24 Ore, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Ora il decreto Gelmini ne cambia in parte il meccanismo. Verrà eletto il triplo dei commissari, tra i quali saranno tirati a sorte i membri della commissione. è un miglioramento, ancorché modesto. Il tarlo resta, ed è la mancanza d'incentivi e punizioni adeguati e carriere determinate dall'anzianità e non dal merito.

lezione del prof. ciliberto sotto le logge dei banchi ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: I filosofi della Scuola Normale da stamani fanno lezione sotto le Logge dei Banchi per protestare contro la legge Gelmini. «In questi ultimi mesi si tende a far passare la linea - dice Michele Ciliberto, docente di Storia della filosofia alla Normale - che tutti i mali dell'università siano da imputarsi in qualche modo alle colpe dei baroni o dei docenti».

Università e ricerca, i sindacati preparano lo sciopero ( da "Tempo, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Il decreto Gelmini, la norma che in queste settimane ha portato nelle piazze migliaia di cittadini, studenti, insegnanti e genitori insieme, è diventata legge per queste ragioni è confermata la mobilitazione di domani. La FLC Cgil del Molise ha organizzato due autobus che porteranno a Roma la protesta degli studenti dell'Università,

Cari professori, bene il merito ma serve autocritica sull'etica ( da "Sole 24 Ore, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Istruzione Mariastella Gelmini è scesa a più miti consigli ed ha presentato un decreto legge sull'università assai diverso dal preannunciato decreto taglia-tutto. Rimangono vari problemi irrisolti o mal congegnati, come la falla che consente di continuare a facilitare le carriere interne più che la creazione di nuovi posti (si veda Il Sole 24 Ore dell'

Sull'università la Cisl non sciopera Sindacati divisi ( da "Sole 24 Ore, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Rottura dopo le aperture di Gelmini: Cgil avanti, Uil incerta Sull'università la Cisl non sciopera Sindacati divisi Anche Ugl si sfila Oggi Brunetta vede i ricercatori sul tema precari Eugenio Bruno ROMA E alla fine rottura è stata. La Cisl ha sciolto ieri la riserva: non parteciperà allo sciopero generale di domani a Roma su università e ricerca così come l'

La Cisl cede, la Uil vacilla ( da "Tempo, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: di Mariastella Gelmini. Il ministro dell'istruzione martedì sera ha infatti incontrato — insieme a Berlusconi e alla presidente di Confindustria Emma Marcegaglia — i leader di Cisl e Uil sulla riforma dell'università. E ieri pomeriggio, dopo aver valutato le proposte della Gelmini, Raffaele Bonanni ha deciso di revocare lo sciopero generale di domani.

università riforma baroni e baronetti - franco carinci ( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Pensavo che fossero state esaurite tutte le possibili varianti ma sottovalutavo la provvida fantasia di una bella ragazzotta, dal cognome vellutato ? Gelmini - la quale ha stoppato le votazioni in programma per la tornata concorsuale prevista dalla legge e ha dato vita ad una soluzione ibrida fra due formule entrambe sperimentate e condannate. SEGUE A PAGINA IV

il ministro ci sta abbandonando ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: LAVORATORI Il ministro ci sta abbandonando Con preoccupazione leggo l'articolo in cui la Ministra Gelmini vuole ridurre i fuoricorso (eliminarli? e come?) poi mi sollevo: non parla degli studenti-lavoratori! Poi mi preoccupo di nuovo: trasversalmente molti docenti concordano anche se non integralmente nelle modalità (ancora ignote). Io sono uno studente lavoratore.

Epifani (Cgil) a Stampa: governo vuole isolarci ( da "Reuters Italia" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: si sottraggono sulla base di impegni con (il ministro Maria Stella) Gelmini totalmente campati per aria. "E' una bruttissima pagina, una cosa da basso impero...", ha detto Epifani in un intervista al quotidiano "La Stampa". "... un governo democratico ha il dovere istituzionale di confrontarsi con tutti, e di rispettare tutti.

università in piazza, ma senza la cisl ( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini incontra la sigla di Bonanni che si ritira dalla protesta di domani Ministeriali, raggiunto l'accordo sul contratto per 190 mila: il no di Epifani ROMA. L'incontro "ad eslcudendum" tra governo-Cisl-Uil-Confindustria senza la Cgil scatena un putiferio nel sindacato e accorcia i tempi per la proclamazione dello sciopero generale da parte della confederazione diretta da Guglielmo

vivere la scuola in famiglia: un progetto originale a palau ( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: le modifiche legate alla riforma Gelmini. Il laboratorio è articolato in incontri settimanali e si concluderà a metà dicembre. Ma il tecnico "Falcone e Borsellino" ha avviato anche un altro interessante progetto, destinato agli studenti del biennio. La professoressa Daniela Satta guida gli alunni alla scoperta dei processi di estrazione degli oli essenziali dalle erbe officinali.

L'unica cura possibile è la libertà di educare e di essere educati ( da "Giorno, Il (Milano)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: come sta rischiando Mariastella Gelmini, e non certo perchè fa un decreto di razionalizzazione, ma perchè non ha ancora capito che la strada per guarire dalle malattie indicate da Giovanni Sartori è l?autonomia e la parità, ossia detto in termini semplici, la libertà! Del resto le malattie diagnosticate da Sartori hanno una causa unica,

<Riaprite la nostra scuola media> ( da "Giorno, Il (Milano)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: facendo da cassa di risonanza alle richieste del quartiere al Ministero della Gelmini. «Riteniamo che un quartiere popoloso come il nostro - aggiunge Vasori - necessiti di una struttura che permetta a tutti i ragazzi tra i 10 e i 14 anni di frequentare la media nella zona di residenza, senza dover sottostare a inutili spostamenti».

PRIMO pomeriggio, ha smesso di piovere, così decido di fare una girata in bicicletta, f... ( da "Nazione, La (Firenze)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: dei componenti di ciascuna squadra, compresi quindi allenatore, riserve e accompagnatori, parla bestemmiando. Se quelli sono i maestri di vita dei nostri ragazzi, se quello è il nostro linguaggio, se quelli sono i nostri giochi, se quelle sono le nostre regole, ben venga la signora Gelmini a mettere ordine. R.E. Granchi

Scuole a rischio, un'assemblea ( da "Resto del Carlino, Il (Bologna)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: per discutere e contestare il decreto varato dal ministro Mariastella Gelmini. Allievi, genitori, insegnanti e personale non docente degli istituti di istruzione superiore Luigi Fantini di Vergato, Montessori-Da Vinci di Porretta e Caduti della Direttissima Castiglione dei Pepoli tengono oggi pomeriggio, alle 17,30, una prima assemblea nella sala consiliare del municipio vergatese,

ROMA PERDE PEZZI la manifestazione nazionale per l'universi... ( da "Nazione, La (Firenze)" del 13-11-2008) + 1 altra fonte
Argomenti: Scuola

Abstract: incontro con il ministro Gelmini alcune delle sigle sindacali si sono «sfilate». La Cisl, Ugl e lo Snals hanno deciso di revocare la partecipazione all?agitazione confidando nelle aperture del ministro. La Uil mantiene in piedi l?adesione, anche se condizionata a risposte dell?

Disordini nei cortei studenteschi Inchiesta affidata al pm Orsi ( da "Giorno, Il (Milano)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: stato affidato al pm Luigi Orsi il fascicolo sui disordini verificatisi durante le ultime manifestazioni studentesche contro la riforma Gelmini. Il fascicolo nasce dalle denunce, contenute in una relazione della Digos, in cui sono ipotizzati, tra gli altri, i reati di manifestazione non autorizzata e occupazione di suolo pubblico in relazione all?occupazione di alcuni istituti.

Statali, salta l'aumento diversificato ( da "Italia Oggi" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: quello che ha mobilitato le piazze in questi giorni contro la riforma Gelmini. Si tratta del mondo dell'università e la ricerca, che domani incrocerà le braccia, con una manifestazione nazionale a Roma. Uno sciopero inizialmente unitario, che vedeva insieme Cgil, Cisl e Uil. Ma dopo l'incontro di martedì dei segretari di settore con il ministro dell'istruzione università,

tribunale e scuola, in consiglio si discute dei guai della città ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: L'altro grande tema è la scuola: all'interno del consiglio è previsto un incontro tra gli amministratori e i consiglieri comunali con i rappresentanti degli studenti e dei genitori delle scuole di Pontedera. Con loro si discuterà dei problemi che sono conseguenti alla riforma voluta dal ministro Gelmini.

Per il servizio "Seguimi" ( da "Alto Adige" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: decreto Gelmini) di tagliare dove invece non si dovrebbe risparmiare, di favorire i benestanti a discapito dei meno abbienti (vedasi investimenti a scuole e istituti privati). Non ultimo è da tener conto che gli studenti di terza superiore che hanno ricevuto quest'anno i libri in comodato (tanti dei quali valgono anche per i successivi due anni)

Gelmini, ritorna la protesta studentesca ( da "Alto Adige" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: di Luca Sgambelluri Gelmini, ritorna la protesta studentesca Domani corteo da piazza Matteotti Stasera c'è un dibattito al Torricelli I ragazzi in coro: non vogliamo abbassare la guardia BOLZANO. Decreto Gelmini, torna la protesta. Domani gli studenti delle superiori saranno ancora in piazza, con un corteo che da piazza Matteotti,

fiaccolata in difesa della scuola pubblica ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: in occasione dello sciopero dell'università, Flc-Cgil, Cisl scuola, Gilda, hanno organizzato una fiaccolatain difea della scuola pubblica e per dire no alla riforma Gelmini. Partenza da piazza delle Carcere e conclusione in piazza Duomo dove parleranno un genitore, uno studente ed un insegnante. A seguire musica.

Riuniti nelle facoltà occupate, impegnati giorno e notte in gruppi di lavoro sulla legg... ( da "Messaggero, Il (Latina)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: impegnati giorno e notte in gruppi di lavoro sulla legge 133 e la riforma Gelmini, assorbiti in assemblee e riunioni infuocate, l'Onda anomala degli studenti prepara la grande mareggiata. Domani circa 100 mila universitari e studenti delle superiori arrivati da tutta Italia sfileranno per le vie della Capitale fin sotto il Senato.

Scuola, studenti delle superiori in lotta ( da "Messaggero, Il (Rieti)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi Ieri il corteo al quale hanno aderito gran parte degli istituti reatini, per contestare la Gelmini e le carenze degli edifici Scuola, studenti delle superiori in lotta Seconda giornata di presidio allo "Jucci": «Andremo avanti ad oltranza»

Non è solo una questione di termosifoni. O perlomeno non più. Nata come protesta per il ma... ( da "Messaggero, Il (Rieti)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: si è abbattuta ben presto contro i tentativi di riforma del ministro Gelmini, trascinandosi dietro anche tutte le quotidiane magagne che investono principalmente l'edilizia scolastica: dall'Ipc senza allacci per i termosifoni e senza palestra fino all'Alberghiero spezzettato su quattro sedi didattiche. La cronaca della seconda giornata di mobilitazione studentesca inizia presto,

scienze rende pubblica la ricerca lettere invita i politici a palazzo ( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: ultimo decreto Gelmini anche se «la situazione - ha aggiunto - resta paradossale: quando si tagliano le risorse non si può chiedere agli atenei atteggiamenti virtuosi». Studenti e docenti, infatti, si sono detti preoccupati soprattutto per la chiusura delle Scuole di specializzazione per la formazione degli insegnanti (Siss) e la prospettiva dell'

I tagli alla ricerca fanno paura a tutti e il Consorzio universitario ternano è già corso ... ( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: la facoltà nomina un docente interno e tutti i docenti della materia a livello nazionale votano per scegliere gli altri quattro commissari. La Gelmini introdurrà invece il sorteggio. Verranno cioè eletti in numero doppio i commissari e poi, tra questi, si procederà all'estrazione. L'obiettivo è quello di evitare "cordate" a favore di alcuni candidati. C.Pr.

Anche a Cassino il sindacato si divide sulla riforma dell'università. Ieri mattina l'... ( da "Messaggero, Il (Frosinone)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: per aver firmato insieme alla Uil un documento per le richieste del settore presentato alla Gelmini. La Uil, invece, attraverso il segretario generale Civica, presente nell'Aula Pacis, ha confermato l'agitazione "perché le garanzie del Ministro non sono sufficienti. Al momento - ha sottolineato - non ci sono ragioni per revocare lo sciopero che si prevede con adesioni molto forti".

Lezione sul decreto Gelmini durante l'occupazione del Liceo Classico... ( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi Lezione sul decreto Gelmini durante l'occupazione del Liceo Classico

Convegno sulla scuola con l'ex ministro Fioroni Il Pd scende i... ( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini. Confindustria, incontro su lavoro e sicurezza Parteciperà anche Raffaele Guariniello, procuratore della Repubblica aggiunto di Torino, al seminario dedicato alla sicurezza nei luoghi di lavoro organizzato da Confindustria Perugia e Federmanager, l'Associazione nazionale dei dirigenti d'azienda per domani nella sede di Confindustria a partire dalle 15.

In un colpo solo è riuscito a far trovare un fronte comune fra studenti, genitori e molti dei d... ( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: effettivamente il decreto del ministro dell'Istruzione Gelmini. E l'amarezza per come questa decisione è stata imposta attraversa tutti. Anche perchè la "punizione" appare comunque diseducativa. «Se è vero che le gite fanno parte del programma didattico, perchè ci viene tolta la possibilità di apprendere in maniera diversa rispetto allo studio sui libri?

FANO - Volantini e messaggi elettronici passano di mano in mano, di computer in computer, per chiama... ( da "Messaggero, Il (Pesaro)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Jurassic School - Benvenuti nella scuola del passato" e poi la sfilza di motivi contro la riforma Gelmini. In serata, sempre dopodomani, concerto rock nella sala "Il Cubo", a San Lazzaro, organizzato dal circolo "Allende". Suonano i gruppi: "Nudi sotto la pioggia", "Not so expensive", "The loffers" e "The Barbacans". O.S.

Ci sarà anche l'onorevole Giuseppe Fioroni, ex ministro della pubblica istruzione, nell'incontr... ( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: ci saranno le novità introdotte dalla Riforma Gelmini, che anche a Spoleto ha determinato la protesta di studenti e insegnanti. La scuola spoletina in generale vive lo stesso stato di malessere di altri istituti italiani. Docenti e discenti si trovano tutti nello stesso calderone di una didattica che deve fare i conti con il "risparmio".

A Roma con i soldi dei sindaci Lezioni in piazza sotto i tendoni ( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini-Tremonti. Quasi in mille, tra studenti, professori e ricercatori, saliranno stanotte sul treno speciale in partenza da Venezia. Ieri, grazie ad una colletta improvvisata (tra gli altri, il deputato Alessandro Naccarato e il capogruppo del Pd in Regione Giovanni Gallo), sono stati raccolti in favore dell'Onda quasi 3 mila euro per pagare ai manifestanti una parte del biglietto

Riforma Gelmini: un'assemblea ( da "Libertà" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Riforma Gelmini: un'assemblea GOSSOLENGO - Domani, venerdì, alle 21 nella biblioteca comunale di Gossolengo si parla della Riforma Gelmini. All'incontro, promosso da Sinistra Unita per Gossolengo, interverrano vari rappresentanti del mondo scolastico: Raffaella Morsia, sindacalista di Cgil Scuola, gli insegnanti Andrea Vantadori e Antonella Codazzi e la studentessa Jessica Valisa.

<Occupazione al termine> ( da "Adige, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: l'assenza di risorse per il rinnovo dei contratti di lavoro. In Trentino il «Comitato No Gelmini» aveva mobilitato duemila studenti nel corteo del 28 ottobre. Poi sono state promosse varie iniziative, fra cui l'occupazione di Sociologia e la didattica alternativa. 13/11/2008

a proposito di brunetta e gelmini ( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: 2 A proposito di Brunetta e Gelmini Con la presente vorrei rispondere al signor Luca Zaninotti e alla sua lettera pubblicata sul giornale sabato 8 novembre dove elogiava l'operato dei signori ministri Brunetta e Gelmini e invitava gli studenti (solo loro,visto che i docenti non vengono menzionati) a passare più tempo sui libri che a manifestare.

scuola FI: <Gazebo a Piangipane contro le bugie sulla riforma Gelmini> ( da "Resto del Carlino, Il (Ravenna)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gazebo a Piangipane contro le bugie sulla riforma Gelmini» UN GAZEBO di Forza Italia - Popolo della Libertà sarà presente oggi, giovedì 13 novembre, presso il mercato di Piangipane «Per illustrare ai cittadini ? scrive il coordinatore comunale Alberto Ancarani ? la riforma della Scuola e per smascherare le bugie della sinistra».

L'ombra dello sciopero sulla prima sciata Scuola e fisco, Tonella lancia l'offensiva ( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: data: 2008-11-13 num: - pag: 4 categoria: REDAZIONALE A Treviso Irpef e riforma Gelmini nel mirino del centrosinistra in provincia Il 7 dicembre Gli operatori delle funivie vogliono l'aumento. Le imprese: «Siamo in passivo» L'ombra dello sciopero sulla prima sciata Scuola e fisco, Tonella lancia l'offensiva BELLUNO —

La protesta viaggia in Retee invade la Fiera del mare ( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Doveva essere solo un presidio (simbolico, considerato che il ministro Gelmini non si è visto), poi però spontaneo è nato il corteo, che ha marciato chiassoso e colorato lungo via Brigate Partigiane, via Venti Settembre, piazza De Ferrari, piazza Fontane Marose e via Garibaldi, piazza della Nunziata fino in via Balbi.

<eliminiamo le gite scolastichecosì colpiremo l'indotto degli istituti> ( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Abrogare la legge 137, meglio nota come legge Gelmini, e abrogare l'articolo 64 della legge Finanziaria che, "ai fini di una migliore qualificazione dei servizi scolastici e di una piena valorizzazione professionale del personale docente" riduce il numero di insegnanti e personale Ata. 13/11/2008

L'unità degli studenti, il fronte sindacale diviso ( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: incontro di due sere fa tra i sindacati e il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini. Cisl e Uil hanno firmato un documento che contiene le loro principali richieste, la Cgil ha abbandonato il tavolo. «Aspettiamo di vedere cosa accadrà nelle prossime ore - dice Marco Striseo, coordinatore ligure della Uil-Università e Ricerca -.

protesta, luci accese nelle aule ( da "Centro, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: diritto allo studio assemblee di genitori e docenti Nasce il comitato per la scuola E mail ai candidati alla Regione per dire no alla legge Gelmini CHIETI. Scuole con le luci accese, per significare una presenza ineludibile. Lunedì pomeriggio, in occasione della giornata mondiale del diritto allo studio, sono previste assemblee dei genitori nei diversi edifici scolastici della città.

università, i sindacati si dividono ( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: senza precedenti Sacconi replica: ormai sono isolati Università, i sindacati si dividono La Gelmini incontra Bonanni e la Cisl si sfila dalla protesta di domani. Cgil e Uil invece manifesteranno La Cgil esclusa dal vertice con il governo: sciopero generale il 12 dicembre ROMA. Sciopero generale il 12 dicembre. Lo proclama la sola Cgil;

Riforma della scuola: la protesta arriva a Codogno ( da "Libertà" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Comitato difesa scuola pubblica" che si oppongono al decreto Gelmini da poco diventato legge. Dopo l'iniziativa di Casale, nell'ottobre scorso, e a Lodi l'8 novembre, ora è la volta di Codogno: il ritrovo dei partecipanti è alle ore 17 in piazza Cairoli, dove partirà il corteo che attraverso via Roma raggiungerà il municipio.

<Diamo la pagella alla Margonara> ( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: per protestare contro la legge 133 del ministro Gelmini. A fianco degli incontri sulla Margonara - a cui hanno partecipato anche l'assessore comunale all'Ambiente Jorg Costantino, Livio Giraudo del PD e Patrizia Turchi di "A sinistra per Savona"? e Maersk - ci sono stati l'approfondimento sulla Costituzione tenuto dalla professoressa Rosanna Lavagna,

scuola, firme per la riforma ( da "Centro, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: «La riforma Gelmini è al centro, già da diversi giorni del dibattito politico che riguarda soprattutto gli studenti che si trovano in posizione contrapposta circa la bontà o meno del tanto discusso provvedimento» commenta in una nota il coordinamento dei giovani "azzurri".

gigi zoppello L'ennesima <riforma> della scuola, i giovani d'oggi, la nostalgia di un passato più disciplinato e formativo ( da "Adige, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: penso ad esempio alla storia ed alla geografia: ci aspettavamo molto dai Soloni di Roma, ma non ho mai visto codificare un modo intelligente di insegnarle». Come giudica la scuola di oggi, con i «debiti formativi» ad esempio... «L'idea in sé non sarebbe neanche male, se il recupero fosse fatto davvero, non con una spruzzatina veloce in due settimane.

lunedì il consiglio-tandem sulla scuola ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: tandem Comune e Provincia sulla situazione della scuola nell'era Gelmini è stato trovato. Sarà una seduta aperta, cioè con la partecipazione attiva delle «parti civili e sociali interessate» e si terrà lunedì prossimo, 17 novembre, a partire dalle 10 presso il salone-teatro del chiostro della Madonna in via delle Galere.

studenti: noi ci saremo ( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: dicono i promotori della contestazione studentesca anti-Gelmini, che spiegano di essersi «sempre proclamati, e lo facciamo tuttora, apartitici ma non apolitici». E aggiungono: «Abbiamo una nostra idea ben precisa di come vogliamo la scuola pubblica e non potrebbe essere altrimenti, visto che il nostro futuro dipende da essa.

Scuole, nessuna chiusura Verona la più virtuosa ( da "Arena, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Novembre 2008 PROVINCIA Pagina 31 IL DECRETO GELMINI. L'assessore è soddisfatta dopo il vertice in Regione: c'è un'ipotesi solo per gli istituti comprensivi Scuole, nessuna chiusura «Verona la più virtuosa» Possibile l'accorpamento Badia-Tregnago Tezza: «Non è un obbligo, ascolterò i sindaci e valuteremo insieme cosa sia meglio fare» MARIA LUISA TEZZA È tornata dal vertice in Regione,

Convoglio a prezzo speciale "Gli studenti pagheranno 45 euro" ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: No Gelmini» un convoglio per raggiungere la manifestazione nazionale in calendario domani a Roma. Dopo le richieste a raffica e un'assemblea svoltasi l'altro ieri nell'atrio della stazione di Porta Nuova, i ragazzi dell'Università di Torino hanno ottenuto un treno straordinario di 11 carrozze, disponibile per andata e ritorno,

Anche politici in cattedra al liceo Grassi ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: protesta responsabile contro la riforma Gelmini», andrà avanti sino a sabato. Domani, in aula magna, è in programma anche un interessante faccia a faccia tra i senatori Franco Orsi (FI) e Roberta Pinotti (Pd) sul piano dei tagli a scuola e università. Il primo giorno di cogestione si è svolto nella massima tranquillità, senza il minimo incidente e nel rispetto della sicurezza:

Lezioni all'aperto e pullman per Roma ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini. A Scienze Mfn gli studenti hanno rilevato che i ritocchi alla legge, non riducono i tagli del 10 per cento ai finanziamenti, «che - ribadisce anche il preside Aldo Viarengo - bloccherebbero di fatto l'attività degli atenei». Intanto per la giornata di sciopero e protesta organizzata a livello nazionale a Roma gli studenti hanno organizzato pullman con ritrovo in piazza Garibaldi

Tre scuole si "auto accorpano" ( da "Stampa, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Tricerro e Costanzana giocano d'anticipo sul decreto Gelmini Giocano d'anticipo i sindaci di Ronsecco, Tricerro e Costanzana sul decreto Gelmini. Prima che qualcuno decida a casa loro, Gilardino, Borgogna e Guasco hanno preparato un progetto di riorganizzazione delle scuole che permette di raggiungere gli standard minimi richiesti.

allo slataper occupazione finita ma è cominciata al d'annunzio ( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: La protesta contro la riforma Gelmini. Al liceo psico-pedagogico confronto tra gli studenti e la preside Allo Slataper occupazione finita Ma è cominciata al D'Annunzio Continua lo stato di agitazione della scuola goriziana nell'ambito della protesta anti-Gelmini. Da ieri mattina anche l'Istituto tecnico per le attività sociali "D'Annunzio" è - seppur parzialmente -

<ScongiuRataun'altra "gelmini"> ( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: gelmini"» vincenzi n «L'INCONTRO è stato positivo, almeno si è evitata una Gelmini due». Il sindaco di Genova Marta Vincen­zi ha appena lasciato il ministero dei Beni culturali dove si è svolto l'incontro con il ministro Sandro Bondi in cui sono stati discussi i problemi della lirica italiana e dichiara un ottimismo assai moderato.

Il Salone degli studentiè già sulla cresta dell'Onda ( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Aspettando il ministro Gelmini, che non si è presentata, Abcd e Orienta-menti, salone dell'educazione e della formazione dai 3 ai 25 anni, dalle materne all'Università, si è aperto ieri in Fiera con una scritta con bomboletta rossa in campo blu: "No 133". Discretamente campeggia sulle pareti dello stand del ministero dell'Istruzione,

Ci mancava pure lo Stato bidello ( da "Opinione, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: cultura potrebbe far funzionare il sistema Ci mancava pure lo Stato bidello La Gelmini ha fatto una legge che finisce per rafforzare il centralismo in materia di istruzione, e quindi contro il federalismo di Gilberto Oneto Da tempo Pagliarini ripete sornione che Berlusconi è comunista, certo non nel senso del pugno chiuso o del terzo buco nel naso, ma in quello di statalista oggettivo.

Le sigle si spaccano sull'università ( da "Opinione, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Vogliamo proseguire il confronto che si è aperto con il ministro Gelmini per arrivare ad una riforma condivisa? spiega Antonio Marsilia, segretario generale del settore università della Cisl. Nel corso dell?incontro, infatti, il Ministro Gelmini ?ha dimostrato ampia disponibilità ad affrontare positivamente le richieste sindacali e a trovare soluzioni concrete in tempi certi?

Minimo sindacale ( da "Opinione, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: E qualcosa sta già cambiando, visto che la Cisl ha deciso di revocare lo sciopero di domani sull?Università dopo un incontro con il Ministro Gelmini. Paura di rimanere in un angolo, mera opportunità politica o nuova strategia? Sarà il tempo a dirlo, di certo però ? almeno questo ? non è un suicidio.

di Giorgio Ursicino Divisi allo sciopero. La riforma della scu... ( da "Leggo" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: incontro con ministro Gelmini e le novità contenute nel decreto firmato dal Presidente della Repubblica. La Uil sta ancora riflettendo sul da farsi, mentre la Cgil resta irremovibile. La confederazione guidata da Epifani non solo ha confermato lo sciopero e la manifestazione di domani, ma ha indetto una giornata di sciopero generale il 12 dicembre.

Il "No-Gelmini Day" ha fatto flop ( da "Opinione, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: No-Gelmini Day? ha fatto flop di Gennaro Esposito Mentre a Roma Guglielmo Epifani inneggiava alla democrazia parlando con soddisfazione alla gente radunata in Piazza del Popolo, a Rimini andava in scena il fallimento della manifestazione contro il decreto Gelmini.

Palazzo Nuovo per una notte tempio della musica classica: ieri sera nell'atrio di via Sant’... ( da "Leggo" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini" torinesi si uniranno alla grande manifestazione del mondo della scuola. E stasera gli studenti torinesi sbarcano sulla tv pubblica: le telecamere di Annozero saranno alle ex-Ogr, ora sede del Politecnico, dove, per la puntata dal titolo "La crisi e i fannulloni", il giornalista Sandro Ruotolo intervisterà in diretta studenti e operai che da un mese protestano insieme contro

Sindacati spaccatila Cgil va in piazza ( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Sindacati spaccatila Cgil va in piazza Cisl e Uil a cena da Berlusconi, Epifani rompe l'unità: fatto grave ' 13/11/2008 bonanni mollasulla scuolaLa Cisl non sciopera venerdì: vogliamo proseguire il dialogo avviato con la Gelmini raffaele bonannisegretario Cisl 13/11/2008

Cgil di fronte a un bivio:o si spacca o resta isolata ( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Illustre ministro Gelmini - ha ammonito quest'ultimo - non si renda complice di una truffa», le elezioni, infatti, sono «pilotate dai gruppi di potere accademico» e i «vincitori già stabiliti prima ancora delle nomine delle commissioni». «Concorsi truccati», denuncia l'impavido professore che non si è risparmiato il coup de théâtre: «A riprova di ciò,

IL MONDO sindacale è diviso sul fronte della protesta per la riforma dell ... ( da "Resto del Carlino, Il (Pesaro)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini rispetto a questi comparti e non è casuale che l?approfondimento ?tecnico? che si terrà giovedì (oggi, ndr) col ministro Brunetta, dovrà affrontare i temi legati alla stabilizzazione dei precari e ai rinnovi contrattuali. La Flc Cgil ha apprezzato le dichiarazioni di buona volontà del ministro Gelmini di affrontare le criticità relative al problema del precariato e dei contratti

Il nuovo piano al ministero. Chiesti i fondi che mancano ( da "Nazione, La (Siena)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: non con il titolare del dicastero Mariastella Gelmini (cui è stata recapitata un?informativa della prefettura) ma con le direzioni generali. Il motivo? Portare al governo centrale il piano di risanamento condiviso con le istituzioni locali. UNA PROMESSA di aggiornamento «in progress» già fatta al momento in cui il ministro Gelmini annunciò l?

di DAVIDE MISERENDINO DALL'ELEZIONE all'insediamento ne sono cambiat... ( da "Resto del Carlino, Il (Modena)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: chiedono chiarimenti sulla riforma Gelmini, è difficile prendere fiato». L?ultimo confronto risale a pochi giorni fa, alla facoltà di medicina? «Sì, c?è stato un incontro per chiarire alcuni punti della legge sull?università. Gli studenti sono molto preoccupati per il loro futuro, ed è innegabile che si troveranno davanti una situazione difficile nei prossimi anni»

VERRA' o non verrà? La partecipazione di Silvio Berlusconi al meeting... ( da "Nazione, La (Pistoia)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: del ministro Mariastella Gelmini ha consigliato le forze dell?ordine a blindare l?area dell?evento per evitare o contenere possibili manifestazioni di protesta. Dall?ultimo programma reso noto sono anche state cancellate le due serate alle Panteraie, appuntamenti invece fissi delle edizioni 2006 e 2007.

È NATO il coordinamento dei comitati cittadini che in questi due mesi si son... ( da "Resto del Carlino, Il (Cesena)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: coordinamento dei comitati cittadini che in questi due mesi si sono costituiti per contrastare il pacchetto di leggi Tremonti-Gelmini e ? si legge in una nota ? «la diffusione di una idea di scuola classista, che schiaccia i bambini e ragazzi svantaggiati e li esclude progressivamente dal percorso formativo». Il coordinamento comprende docenti di Cesena, Gambettola, Cesenatico e Cervia.

STASERA alle 21.30 all'elementare Giovanni Dei di Lamporecchio è in pro... ( da "Nazione, La (Pistoia)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: approvazione della legge Gelmini: quale scuola, quale futuro per i nostri figli». Interverranno gli assessori alla pubblica istruzione provinciale, Giovanna Roccella, e comunaleCarla Bollettini, il professore Carlo Dami, in rappresentanza dei Cobas scuola e il dirigente scolastico Ivo Torrigiani.

Sì al sostegno ( da "Resto del Carlino, Il (Ascoli)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: se ne infischiano delle norme dettate dal ministro Gelmini. L?esempio lampante è quanto è stato stipulato con la cooperativa sociale ?Il mondo?. Garantirà, anche per l?anno scolastico 2008 / 2009, il sostegno linguistico nelle scuole dell?obbligo. L?insegnamento della lingua italiana, riservato agli alunni stranieri, per consentire loro di seguire meglio le attività didattiche,

Campus universitario, domani la nuova protesta anti-Gelmini ( da "Gazzetta di Modena,La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: domani la nuova protesta anti-Gelmini Continuano le proteste a Modena contro i provvedimenti del governo Berlusconi sull'istruzione. Domani Casa dei giovani della sinistra e Sinistra studentesca si riuniranno alle ore 10 e 30 presso il Cus di via Campi per poi spostarsi sino al cuore del Campus universitario.

Domani corteo per le vie della cittàcontro la Gelmini ( da "Sicilia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Università Domani corteo per le vie della città contro la Gelmini Alla vigilia della manifestazione nazionale contro i tagli a scuola e università, prevista per domani a Roma, si mobilita anche l'onda palermitana. La maggior parte degli studenti rimarrà in città, «a causa ? dicono i rappresentanti del movimento studentesco ?

IERI mattina nell'unico istituto superiore faentino occupato dagli studenti,... ( da "Resto del Carlino, Il (Imola)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: dalla bocca di alcuni sindacalisti ed esperti del settore quali potranno essere gli effetti della riforma della scuola varata dal ministro Gelmini, una riforma che comporterà un significativo taglio di posti di lavoro e minori risorse per il settore scolastico. Così, mentre poche decine di studenti seguivano le lezioni regolari nelle aule lasciate libere dagli studenti ?occupanti?

L'OCCUPAZIONE dell'Oriani non è andata giù ad alcuni studenti che han... ( da "Resto del Carlino, Il (Imola)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Non condividiamo il decreto Gelmini, ma crediamo in forme di protesta costruttive, non finalizzate solo alla perdita di tempo. Qualsiasi iniziativa dovrebbe proporsi un intento formativo, grazie al contributo di esperti in grado di offrire la loro testimonianza su questioni attuali.

<No alla riforma Gelmini> Gli studenti di Architettura a lezione in Piazza ( da "Resto del Carlino, Il (Ascoli)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: No alla riforma Gelmini» Gli studenti di Architettura a lezione in Piazza LA PROTESTA DUE GIORNI di lezione davvero particolari per gli studenti della facoltà di Architettura di Ascoli. Il collettivo studentesco dell?università ha infatti organizzato una manifestazione di protesta contro la riforma Gelmini e, nelle giornate di ieri e oggi,

LA RIFORMA scolastica messa in atto dal ministro Mariastella Gelmini sarà al... ( da "Nazione, La (Pistoia)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: 18 LA RIFORMA scolastica messa in atto dal ministro Mariastella Gelmini sarà al... LA RIFORMA scolastica messa in atto dal ministro Mariastella Gelmini sarà al centro di un dibattito che questa sera (ore 18) il Partito Democratico di Uzzano organizza nella sala consiliare del comune in Piazza Unità d?Italia, 1 a Santa Lucia.

notte al maldura no allo spritz del centro casale, concerto in aula ( da "Mattino di Padova, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: sostenuto dai docenti per ribadire il dissenso del Bo al decreto Gelmini. Ma in un modo equilibrato e pacifico. Aule, corridoi, cortili gremiti di gente: a migliaia fra studenti e ricercatori, precari e docenti hanno seguito dalle 17 alla mezzanotte dibattiti, mostre, proiezioni, spettacoli. Alle 23, quando ha avuto inizio la performance del cantante-attore Giulio Casale sul Sessantotto,

Ateneo, la mobilitazione non si ferma ( da "Nuova Ferrara, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: incontro di ieri col ministro Gelmini) la partecipazione si preannuncia «altissima - spiega Fausto Chiarioni (Flc-Cgil) - ed è importante che partecipino tutte le componenti dell'università, come sta accadendo qui a Ferrara. E la manifestazione di martedì in città ha dato chiaramente la percezione che tutta la scuola e l'università sono impegnate per la salvaguardia dell'

gelmini imbavaglia i presidi ( da "Mattino di Padova, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: disposizioni della dirigente scolastica regionale proibiscono a dirigenti e docenti di concedere spazi fuori orario Gelmini imbavaglia i presidi Diktat della Palumbo: stop a sit-in, striscioni e interviste VENEZIA. Stop alle proteste dell'Onda in tutte le scuole del Veneto, vietato criticare la riforma Gelmini sia con le «notti bianche» sia con più normali dichiarazioni ai giornalisti.

Non è un paese per giovani ( da "Gazzetta di Mantova, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: da quando siamo stati informati del decreto Gelmini e Tremonti, ho escluso ogni investimento di formazione. Il futuro che mi stavo costruendo si è congelato di colpo: la nuova scuola non mi vuole più. Sarà una scuola solo per gli insegnanti anziani che, già affaticati da una lunga carriera lavorativa, vedono il traguardo della pensione e del riposo solo col binocolo!

Presidi, basta criticare la Gelmini ( da "Tribuna di Treviso, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: orario consentito: l'Onda nel mirino «Presidi, basta criticare la Gelmini» Il diktat della Palumbo: stop a sit-in, striscioni e interviste anti-ministro TREVISO. Stop alle proteste dell'Onda in tutte le scuole del Veneto, vietato criticare la riforma Gelmini sia con le «notti bianche» sia con più normali dichiarazioni ai giornalisti.

La testimonianza di un maestro unico ( da "Nuova Ferrara, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Il ministro Gelmini dovrebbe sapere che nell'Italia degli anni '70 e '80 si affermò il tempo pieno; sperimentale, all'inizio, in alcune zone del paese; ma - con la legge di riforma n.148 del 1990 - la scuola a tempo pieno ebbe un effetto di traino, e su quell'onda si estesero i moduli didattici (tre docenti ogni due classi).

UNIVERSITA', LINEE GUIDA OK ( da "Tribuna di Treviso, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Il suggerimento al ministro Gelmini, vista l'elevata diffidenza del mondo universitario nei confronti suoi e di un governo che ama il decisionismo e detesta i confronti, è quindi di autolimitarsi nella discrezionalità e usare il più possibile i dati dei Comitati: dati da migliorare rapidamente, s'intende, ma non da sostituire con insindacabili giudizi soggettivi.

universita', linee guida ok ( da "Nuova Venezia, La" del 13-11-2008) + 1 altra fonte
Argomenti: Scuola

Abstract: Il suggerimento al ministro Gelmini, vista l'elevata diffidenza del mondo universitario nei confronti suoi e di un governo che ama il decisionismo e detesta i confronti, è quindi di autolimitarsi nella discrezionalità e usare il più possibile i dati dei Comitati: dati da migliorare rapidamente, s'intende, ma non da sostituire con insindacabili giudizi soggettivi.

di Giancarlo Leone Anche quest'anno Lando Fiorini dal suo mitico Puff, ne... ( da "Leggo" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Si parlerà della Gelmini, così giovane da dover entrare al ministero accompagnata dai genitori. Poi passerò dalla legge sulle prostitute al caro benzina, con una parodia su Dracula che diventa Drankula di origine rumena, che assumerà gli italiani a lavorare nel suo castello».

In corteo portando la crocecontro Tremonti e Gelmini ( da "Sicilia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: studenti di architettura In corteo portando la croce contro Tremonti e Gelmini Chiesa gremita, ieri mattina, per l'ultimo saluto a Agatino Pellizzeri, il trentasettenne ucciso domenica mattina durante un diverbio con i componenti di una famiglia vicina di casa. I funerali sono stati officiati nella chiesa di Santa Maria della Roccia, la parrocchia fra contrada Isola e Plemmirio,

Dopo la richiesta del quartiereecco subito i lavori comunali ( da "Sicilia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini per la trasformazione delle università in fondazioni. Pronta anche un'azione di volantinaggio per rendere partecipe chiunque passi dal centro storico. Nessuna autorizzazione è stata richiesta per portare avanti lo sciopero a Siracusa, quindi il condizionale è d'obbligo, ma le croci saranno comunque utilizzate anche domani durante la manifestazione generale che si svolgerà

Santoro-Violanti: quando la satira non fa comodo ( da "Gazzetta di Parma (abbonati)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: la puntata in cui il suo sosia radiofonico ha catturato al telefono la Gelmini invitandola negli studi di «Annozero ». Ed allora, come si sarebbe dovuta comportare la candidata repubblicana alla vicepresidenza Usa, Sarah Palin, con il falso Sarkozy (un noto umorista canadese) che l'ha chiamata alla vigilia del voto presidenziale per dirle che l'aspettava quanto prima all'Eliseo?

ELENA ROMANAZZI ROMA. LA CISL SI SFILA VIA DALLO SCIOPERO DELL'UNIVERSITà. E A RUOTA SEGUONO... ( da "Mattino, Il (Nazionale)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Mariastella Gelmini, dopo giorni e giorni passati sulla graticola inizia a vedere uno spiraglio nella difficile trattativa intrapresa con i sindacati di categoria. E tenta il tutto per tutto (incontrando in gran segreto il ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta) per convincere anche la Uil a tornare sui propri passi.

Valmozzola difende la propria scuola ( da "Gazzetta di Parma (abbonati)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: è scivolato su precise posizioni tecniche in merito ai contenuti della legge Gelmini: rassicuranti e tese ad un potenziamento dei servizi scolastici in montagna per Pedroni, Conti e Marchini, prudenti e preoccupanti al tempo stesso per gli scenari che si prospettano a partire già dal prossimo anno scolastico, come hanno espresso Ferrari, Setti e Cantoni.

Il dietro-front dopo l'incontro con il ministro dell'Istruzione. Ma Cgil e Uil vanno avanti ( da "Sicilia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: blogger anti-Gelmini Per i precari c'è San Precario, per studenti, docenti e genitori in lotta contro la legge 133 è arrivata Anna Adamolo, eroina virtuale nata sulla rete e passata ai cortei e alle lezioni autogestite, nome collettivo che altro non è se non l'anagramma dell'onda anomala che in queste settimane attraversa le città.

<Le scuole di montagna non le salva la sinistra> ( da "Gazzetta di Parma (abbonati)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: era già assolutamente garantito dai decreti del Ministro Gelmini e del Governo. Le scuole di montagna erano già salve». Anche Beppe Conti, dopo aver ricordato alcuni passaggi dello schema programmatico del Decreto Gelmini, ha spiegato i motivi di questa loro puntualizzazione: «Ci è sembrato giusto intervenire, in quanto, da oltre un mese, abbiamo assistito ad allarmismi,

non è così la lotta ( da "Nuova Venezia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini evidentemente non si ricorda di aver frequentato le scuole pubbliche. Con l'istruzione fa tornare indietro di ottant'anni l'istruzione dei bambini e dei giovani che saranno gli adulti di domani, quindi avere una cultura scolastica per poi essere avviati al lavoro sarà cosa per pochi, che avendo una famiglia agiata economicamente si potranno permettere di far frequentare le

Università, la Cisl revoca lo sciopero ( da "Gazzetta di Parma (abbonati)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Il ministro Gelmini ha modificato la manovra» II La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani. Ma gli altri Cgil, Uil e, soprattutto, gli studenti scenderanno in piazza per protestare contro la legge 133 e anche perché poco convinti delle novità introdotte con il decreto legge «

La guerra fredda e solitaria di Epifani ( da "Foglio, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: La crisi economica dovrebbe consigliare, al contrario, una difesa articolata e unitaria degli interessi dei lavoratori, ma la Cgil ha scelto la via solitaria. Allora non si lamenti se viene lasciata sola. Leggi I giovani Cisl spiegano quali risposte si aspettano ora dalla Gelmini

tre cittadelle scolastiche sotto assalto ( da "Nuova Venezia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Actv e le previsioni del Piano urbano del traffico di Gelmini Sono tre i poli scolastici su cui ruota la maggior parte degli studenti pendolari che per i viaggi utilizzano i mezzi Actv: Mestre Nord (Stefanini, Gritti, Massari), Gazzera (liceo Morin, Istituto Salesiano San Marco, Gramsci-Luzzati), Mirano (il liceo classico-scientifico-linguistico Majorana-Corner,

ASSEMBLEE, SABOTAGGI VIA WEB E SPETTACOLI DI AUTOFINANZIAMENTO. QUESTE LE PROVE GENERALI DELL'O... ( da "Mattino, Il (Nazionale)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: attesissimo corteo nazionale anti Gelmini, di domani. Il fiato rimane in sospeso per la risposta del prefetto Pansa in merito alla predisposizione di treni speciali da destinare agli studenti per la trasferta romana. La richiesta, avanzata ufficialmente per «motivi di ordine pubblico», da una delegazione del movimento studentesco napoletano,

LOREDANA GUIDA ANCHE I PROFESSORI DI VETERINARIA PARTECIPANO AL PRESIDIO PERMANENTE MESSO IN ATTO... ( da "Mattino, Il (Nazionale)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: per discutere e divulgare le attività messe in atto giorno per giorno contro il decreto Gelmini. Tra le proposte, una lunga serie di assemblee, con la massiccia presenza dei professori della facoltà, e soprattutto la creazione di un blog (http:// disinformazioneveterinarianapoli.blogspot.com/), giornalmente aggiornato con comunicati, news e commenti.

Si rompe il fronte sindacale Banche, altolà di Tremonti ( da "Giornale di Vicenza.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Università e apre al confronto con la Gelmini, mentre la Uil prende tempo. Secondo il ministro Sacconi «i veti della Cgil sono sempre più strumentali e la posizione di Epifani è isolata» Intanto il ministro Tremonti avverte il mondo della finanza: «se gli istituti di credito falliscono, banchieri a casa o.

I No Dal Molin con gli anti Gelmini ( da "Giornale di Vicenza.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Movimenti insieme I No Dal Molin con gli anti Gelmini   Il movimento No Tav della Val di Susa e No Dal Molin di Vicenza sono solidali con i No Gelmini. «Le nostre onde seguono la stessa rotta - si legge in una nota inviata dal Presidio permanente No Dal Molin di Ponte del Marchese - quella che ha come meta la difesa dei beni comuni, della partecipazione e della democrazia»

Unità sindacale addio: ... ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Istruzione Mariastella Gelmini la Cisl Università ha deciso di compiere il dietro-front. Dal tavolo si èa alzata prima del tempo la Cgil, mentre sia Cisl sia Uil hanno firmato il documento presentato da Brunetta, Gelmini e Tremonti © SOCIETà EUROPEA DI EDIZIONI SPA - Via G.

Alle elementari tema in classe contro... ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: 1) ci hanno fatto fare uno striscione con scritto «Gelmini vattene»; 2) ci fanno scrivere sulla lavagna «Gelmini vattene»; 3) oggi gli insegnanti avevano una maglietta con la scritta «Gelmini vattene». Con mio figlio cerco sempre di non parlare di politica, ma a questo punto, mi sono preoccupato di spiegargli tante cose.

Redazione ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: elementari tema in classe contro la Gelmini 13-11-2008 - Ecco i piani per dare soldi alle famiglie 13-11-2008 - ALL?INTERNO 13-11-2008 - Quando la Svizzera voleva invadere l'Italia settentrionale 13-11-2008 - Camera di commercio: la Bracco nel cda Soge 13-11-2008 - Sentenza Moglie risarcita per il marito impotente 13-11-2008 - Immunità La Cassazione: per il caso Broglia non vale 13-

Guglielmo furioso crea solo tensione ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Prima ha rotto il dialogo con Mariastella Gelmini, che aveva messo sul piatto alcuni provvedimenti per i ricercatori, qualche rientro dei tagli all?università e la disponibilità a discutere. Cisl e Uil, sindacati che ritengono di essere pagati dagli iscritti per trattare non per crociate politiche, hanno accettato di incontrarsi e di riflettere sull?

NON MALTRATTATE LA LINGUA ITALIANA RENATO LIVIO - NAPOLI SI DIFFONDE PERICOLOSAMENTE, A... ( da "Mattino, Il (Nazionale)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: ultima insulsaggine televisiva) vengono proiettati bambini a cui vengono rubate contemporaneamente fantasia e realtà. Bambini asserviti totalmente alla televisione e alla pubblicità,anche se indosseranno il famoso grembiulino voluto dalla Gelmini come panacea di tutti i guasti che li circondano. Basta con la tv immondizia.

Palazzo Marino: <Gli studenti non occupino i treni per Roma> ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: collettivi universitari in protesta contro il decreto Gelmini si sono dati appuntamento alle 15 di oggi davanti al piazzale dello scalo. La loro intenzione, in assenza di un accordo con Trenitalia sul prezzo del biglietto, è di occupare treni e binari. La società ha già fatto sapere di non aver avviato trattative e che il costo del tagliando è stabilito dai regolamenti del Gruppo.

Scuola Il Municipio sponsor dei contestatori ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: a chiunque lotti contro la legge Gelmini I consiglieri di opposizione non parteciperanno più alle riunioni: «Non abbiamo neppure diritto di parola» Chi vuole contestare le leggi dello stato trova uno sponsor nel Municipio Bassa Valbisagno. Chi vuole protestare può chiedere i mezzi necessari al Municipio Bassa Valbisagno.

Il Municipio patrocina chi si ribella alla legge ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: contro la riforma Gelmini, «perché bisogna mettere in moto nella società e nel territorio un movimento che porti a una sostanziale modifica delle politiche annunciate e praticate». Ora, siccome con il mezzo democratico per eccellenza, cioè il voto, i cittadini hanno detto al Pd e al centrosinistra di volere queste «politiche annunciate e praticate»

Gli studenti anti-Gelmini terrorizzano i bambini ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: 13 pagina 4 Gli studenti anti-Gelmini terrorizzano i bambini di Redazione Alcune classi di piccoli che volevano visitare il Salone sono state portate via dalle insegnanti Un corteo di studenti non autorizzato ha fatto da sfondo ieri all'inaugurazione, alla Fiera di genova, di «Abcd», il Salone nazionale dell'educazione.

Stefano Zecchi ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: MINISTRO GELMINI FERMI I CONCORSI (IO SO GIà CHI VINCE) 25-10-2008 - Al Cnr si spreca meno, ma i sindacati «pesano» 23-10-2008 - E io accuso i rettori: sono i veri colpevoli dello sfascio 22-10-2008 - Giorgio Amendola il ribelle Un comunista eretico che la sinistra ha rimosso 11-10-2008 - Vivere da secondi ma non da sconfitti 05-

Governo e Berlusconi in calo di fiducia - Ipr per Repubblica ( da "Reuters Italia" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: mentre il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta, reso popolare dalla sua campagna anti-fannulloni nella pubblica amministrazione, perde 3 punti percentuali, come dice oggi Repubblica.it. Peggio va per la titolare dell'Istruzione, Maria Stella Gelmini, al centro delle contestazioni nel mondo della scuola, che perde cinque punti.

Cgil contro tutti, sempre più sola ( da "Tempo, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: incontro con il Ministro Gelmini. Questa linea però non è stata seguita dalla Uil che ha confermato lo sciopero di venerdì. Ma la giornata ieri si è aperta con la polemica del segretario della Cgil Epifani sull'esclusione dall'incontro a Palazzo Grazioli. «è un fatto gravissimo, una cosa senza precedenti» ha arringato Epifani aprendo il direttivo del sindacato.

Università, la Cisl si sfila: revocato lo sciopero ( da "Gazzettino, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: incontro di martedì con Maria Stella Gelmini, boccia come «del tutto insufficienti» le proposte del governo, la Cisl revoca lo sciopero di venerdì dopo aver firmato insieme alla Uil (che invece conferma l'agitazione) un documento con le richieste per il settore che la Gelmini sottoporrà al vaglio dei colleghi Tremonti e Brunetta.

Il rito dello spritz si sposta dai bar alle facoltà <Così vedete il peso economico degli studenti a Padova> ( da "Gazzettino, Il (Padova)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: del ministro Gelmini finirebbero per ricadere anche sull'economia padovana.«Abbiamo creato due poli d'attrazione e di aggregazione per bere lo spritz: uno all'interno della facoltà di Scienze Politiche, l'altro alla Facoltà di Psicologia ha detto Chiara Melloni, dottorando al primo anno di Lettere e Filosofia Il nostro obiettivo è stato quello di dimostrare ai baristi del centro,

Firmate il referendum sulla scuola La mia ... ( da "Gazzettino, Il (Pordenone)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: valida a queste domande si deduce che la scelta del maestro unico è frutto di una ignoranza del ministro Gelmini. Se qualcuno pensasse che le discipline insegnate sono troppe, si potrebbe sempre procedere ad un taglio numerico ma il taglio della Gelmini non elimina materie di studio ma insegnanti, personale che non può essere sostituito, com'è avvenuto nella banche, da computer.

Dal blocco di gite e progetti di integrazione per stranieri ... ( da "Gazzettino, Il (Vicenza)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Ma non mancheranno gli affondi alla riforma Gelmini, il vero motivo dell'evento a cielo aperto, con la distribuzione di materiale informativo. Perché l'obiettivo è «informare la gente, visto che molti ancora non conoscono gli effetti del decreto Gelmini e dei tagli previsti dal prossimo anno», spiega la studentessa Nicole Ziliotto del Coordinamento studentesco,

Scuola, controffensive al decreto ( da "Gazzettino, Il (Pordenone)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Le norme volute dal ministro Gelmini mettono a rischio l?autonomia delle medie "Centro Studi" e Lozer Scuola, controffensive al decreto Il Comune studia un piano per limitare i problemi. Si parte dal recupero del tempo pieno Non sarà facile, ma il Comune sta cercando di mettere insieme un piano per limitare i problemi che nel capoluogo potrebbero emergere in seguito all'

Tre giorni di visite e manifestazioni, forze dell'ordine in allarme ( da "Gazzettino, Il (Treviso)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Motivo della protesta: la riforma Gelmini. Chiudono i giochi i tre appuntamenti di sabato pomeriggio: il corteo dei dissidenti che partirà dalla stazione e si unirà al reading organizzato alla Loggia dei Cavalieri da Comunisti e associazioni gay. Il tutto, durante la partita di calcio allo stadio Tenni.

Scuola, via all'accorpamento A Chioggia fusione difficile ( da "Gazzettino, Il (Venezia)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Istruzione Andrea Ferrazzi, all'inizio la Gelmini voleva chiudere le scuole sotto i 50 alunni - la decisione adesso è slittata al prossimo anno - e accorpare di brutto tutte le altre, senza limiti massimi. Adesso invece per quest'anno si accorpano solo le Elementari, le Medie e le Superiori che hanno meno di 500 studenti.

Al Politecnico di Como lezioni soltanto in lingua inglese ( da "Corriere Di Como, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: ultimo decreto Gelmini approvato giovedì scorso. «Il governo ha finalmente imboccato la giusta direzione: salvaguardare e premiare le università virtuose, pur nelle ristrettezze di bilancio». Secondo il prorettore, la politica vuole che le spese universitarie siano «sostenibili e giustificate», e aggiunge di non aver timori per il Politecnico di Como.

Sciopero festoso, gli studenti scendono in strada ( da "Corriere Adriatico" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: tante parole contro la riforma Gelmini e il taglio dei fondi alla scuola pubblica. Tutti i ragazzi degli istituti superiori di Fano (Apolloni, Battisti, Carducci, Don Orione - Don Gentili, Nolfi, Olivetti, Torelli, Volta) si danno appuntamento sabato alle 8 al Pincio per un grande sciopero, al termine della settimana di mobilitazione nazionale della rete degli studenti medi.

L'istituto Alighieri rischia l'autonomia ( da "Corriere Adriatico" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: è forte preoccupazione a San Lorenzo in Campo e nella vicina Fratte Rosa per la riforma Gelmini. Entrambe le Amministrazioni legate sotto lo stesso Istituto comprensivo "D. Alighieri" negli ultimi giorni hanno convocato consigli comunali d'urgenza, molto partecipati da cittadini ed insegnanti, per approvare ordini del giorno contro le nuove norme sulla scuola.

c'e' anche l'autofinanziamento ( da "Corriere Adriatico" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Legge Gelmini", e ad oggi sono già più di 250 le prenotazioni per il viaggio in pullman organizzato dall'Assemblea permanente No 133 dell'UniMc, con il contributo di Cgil e Cisl. La partenza è prevista per le 2.30 di questa notte presso lo Stadio Helvia Recina in via dei Velini, da dove muoveranno i pullman alla volta di Roma.

Due mondi contrapposti sotto il tetto dell'ateneo ( da "Corriere Adriatico" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: quando molti giovani andranno a Roma per la manifestazione nazionale contro la legge Gelmini Gli studenti continuano l'occupazione dell'Aula 8 di Scienze della comunicazione, ma c'è chi storce il naso Due mondi contrapposti sotto il tetto dell'ateneo MACERATA Una giornata di ordinaria occupazione, tra assemblee da intavolare, blog da aggiornare e spazi da riordinare.

Il consiglio comunale si schiera contro i tagli ( da "Corriere Adriatico" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Legge Gelmini". Con questo voto, si legge nella nota, "il consiglio comunale esprime la propria solidarietà impegnando il Comune a rappresentare nelle sedi istituzionali locali e nazionali la propria preoccupazione per interventi legislativi che minacciano il loro ruolo pubblico dell'università, tagliando risorse in maniera indifferenziata"

Natali: "Assecondate le richieste degli Ersu" ( da "Corriere Adriatico" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: il provvedimento del ministro Gelmini è particolarmente apprezzabile se si tiene conto che la Finanziaria 2009 prevedeva il taglio di oltre 40 milioni piuttosto che un incremento di 135 milioni. A tale conclusione si è giunti anche grazie alle manifestazioni del movimento studentesco e alla capacità di ascolto del ministro.

Gian Maria De Francesco ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: elementari tema in classe contro la Gelmini 13-11-2008 - Ecco i piani per dare soldi alle famiglie 13-11-2008 - ALL?INTERNO 13-11-2008 - Quando la Svizzera voleva invadere l'Italia settentrionale 13-11-2008 - Camera di commercio: la Bracco nel cda Soge 13-11-2008 - Sentenza Moglie risarcita per il marito impotente 13-11-2008 - Immunità La Cassazione: per il caso Broglia non vale 13-

Università, Bonanni ci ripensa ( da "Corriere Adriatico" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani. Ma gli altri - Cgil, Uil e, soprattutto, gli studenti - scenderanno in piazza per protestare contro la legge 133 e anche perchè poco convinti delle novità introdotte con il decreto legge "tecnico"

TRE NETWORK UNIVERSITARI TANTO PER RAZIONALIZZARE ( da "Corriere Adriatico" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: ha sottolineato che il meccanismo concorsuale stile Gelmini fu già da noi sperimentato in passato e sostituito con l'ignominia di essere un metodo fatto su misura per il potere baronale. Insomma, tra ministero, docenti, sindacato e studenti non circolano nuove idee per quel cambiamento dell'organizzazione universitaria di cui si sente il bisogno.

RICERCA: GARACI (ISS), SODDISFAZIONE PER INCONTRO CON ( da "Virgilio Notizie" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini''. Nell'incontro, si legge in una nota, ''sono stati affrontati proficuamente diversi punti. Nel corso della riunione e' stato innanzitutto espresso da parte dei Presidenti l'apprezzamento per l'intervento realizzato dal ministro Gelmini circa l'esclusione degli Enti di Ricerca dal taglio del 10% della pianta organica che ha rappresentato una prima importante risposta positiva

Alitalia, blocchi selvaggi: "Responsabili risarciscano i danni ai viaggiatori" ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Domani arriveranno a Roma universitari da tutta Italia per sfilare contro il ministro Gelmini. «Ferma restando la libertà al dissenso, chi sta organizzando una protesta al giorno sappia che quel giorno toglie un numero consistente di forze di polizia da compiti forse più propri come la prevenzione del crimine: quel giorno crea le condizioni perché in Italia si commettano più reati.

Scuola, Cisl e autonomi revocano lo sciopero Epifani è rimasto solo ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Bonanni e Luigi Angeletti sono state le aperture del ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini sulla riforma dell'Università, accolte con favore più o meno da tutti, fatta eccezione per Corso d'Italia. Ma la frattura è ormai a 360 gradi e investe tutti i settori. La fase più acuta sarà il 12 dicembre, data che ieri è stata scelta per lo sciopero generale che la Cgil farà da sola.

<La Gelmini ci è venuta incontro Il muro contro muro ormai è inutile> ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: La Gelmini ci è venuta incontro Il muro contro muro ormai è inutile» di Francesca Angeli Roma«In questo momento e soprattutto dopo la disponibilità dimostrata dal governo lo sciopero è diventato inutile». Antonio Marsilia, segretario generale della Federazione Cisl università, è stato il primo, in accordo con Francesco Scrima responsabile del settore scuola Cisl,

<Inutile cercare lo scontro Ora dobbiamo solo trattare> ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Ha ancora senso la manifestazione anti-Gelmini di domani dopo l'apertura del decreto 180? «Siamo di fronte a una trattativa. E in effetti quando da una delle parti arriva qualche concessione, si dovrebbe entrare in una fase di riflessione. Alla prima mossa positiva di una parte dovrebbe seguire una mossa positiva dell'altra.

<Pronti a fermare tutto il nord Italia> ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: per partecipare alla manifestazione contro la riforma Gelmini. I secondi hanno risposto che l'unico sconto ipotizzabile è quello standard per le comitive: 60 euro a testa andata e ritorno. Gli universitari hanno rifiutato e sottolineato che «il rischio che venga bloccato il principale scalo del nord Italia è concreto se non ci lasceranno partire.

Aspettando la riforma dell'università ( da "Unione Sarda, L' (Nazionale)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini si sono intrecciati col riaprirsi dell'annosa vicenda Alitalia sulla quale anche l'accorto Letta sembra impantanarsi. Si tratta ovviamente di vicende diverse - quella dell'Alitalia ormai insostenibile perché l'obiettivo di alcune di quelle sigle sindacali sembra essere solo quello di far fallire l'azienda - ma la cui evoluzione ha messo in luce come il decisionismo governativo

Università/ Bologna raccoglie 17mila euro per andare domani... ( da "Virgilio Notizie" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: parteciperanno a Roma alla manifestazione degli universitari contro la riforma Gelmini. Per saldare il conto richiesto da Trenitalia per il treno speciale che partirà questa notte mancano ancora seimila euro. Per questo motivo oggi pomeriggio una delegazione del movimento "no-Gelimini" di Bologna incontrerà i rappresentanti di Fs per trattare ancora una volta sul prezzo del biglietto.

Scuola/ Roma, Udu: Da AS occupazione neo-fascista ( da "Virgilio Notizie" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini ha dimostrato in ogni iniziativa l'unità tra studenti e lavoratori". "Non solo esprimiamo la nostra solidarietà alla Cgil, in un momento cui si cerca di isolare l'unica vera forza di contrasto alla distruzione della scuola, ma intendiamo rilanciare con forza un appello alla partecipazione degli studenti allo sciopero di domani.

PIETRADEFUSI COSTITUENTE DI CENTRO DOMANI L'INCONTRO CON DE MITA VERSO L'ASS... ( da "Mattino, Il (Avellino)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: sul decreto scuola della Gelmini, ha previsto per domani un confronto ad Avellino tra dirigenti scolastici, studenti, genitori, amministratori locali, esperti ed esponenti politici. «Quale futuro per la scuola irpina» è, infatti, la tematica che sarà affrontata al meeting promosso dal dipartimento cultura che si terrà domani alle 16,

Più scuola, più famiglia: così ci salveremo ( da "Tribuna di Treviso, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: il secondo ciclo di lezioni Attenti alla riforma Gelmini: il tempo pieno è fondamentale. Perchè i ragazzi devono stare con altri ragazzi, non soli con internet CASTELFRANCO. «Il tempo pieno è fondamentale, perché la scuola deve essere un luogo educativo». A gettare un sasso nelle acque già agitate del mondo della scuola è Paolo Crepet, psicoterapeuta,

Gli studenti facinorosi ( da "Tribuna di Treviso, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: devoti» della Gelmini o fustigatori dei prof sobillatori. Per contro, l'ultimo Espresso e la Repubblica risultano censurati. Sul primo, si confutavano le tesi del governo sulla scuola. Sul secondo, una testimone diretta sosteneva che i servizi dei tg avevano raccontato un'altra verità, travisando i fatti di Piazza Navona.

ANNUNCIATO PER OGGI POMERIGGIO, L'ATTACCO INFORMATICO AL SITO DEL MINISTERO DELL'ISTRUZION... ( da "Mattino, Il (Circondario Nord)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Annunciato per oggi pomeriggio, l'attacco informatico al sito del ministero dell'istruzione dovrebbe bloccare le pagine web del dicastero della Gelmini «intasandolo» di contatti. Le istruzioni sono on line

DIAMANTE MAROTTA È L'ULTIMA POSSIBILITà PER AVERE UNA NOMINA ANNUALE. IN PALIO UNA... ( da "Mattino, Il (Caserta)" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini. In questi giorni, infatti, sta circolando nelle scuole casertane l'ultima iniziativa proposta dai precari. Una petizione con raccolta di firme da inviare proprio al ministro Gelmini con la richiesta di riapertura, in tempi brevi, delle graduatorie provinciali ad esaurimento ai fini dell'aggiornamento e dell'istituzione di una graduatoria nazionale dalla quale attingere in

università ritirare i tagli - gilberto muraro ( da "Mattino di Padova, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: università appena diffuse dal ministro Gelmini sono davvero apprezzabili. Tutti i principali nodi sono toccati, lo stile è chiaro, le ricette sono sufficientemente indicative, i punti residui da esplorare sono segnalati con trasparenza, l'intero disegno si muove su una prospettiva riformista che appare incisiva ma non velleitaria.

linee guida ok ritirare i tagli - gilberto muraro ( da "Nuova Venezia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: università appena diffuse dal ministro Gelmini sono davvero apprezzabili. Tutti i principali nodi sono toccati, lo stile è chiaro, le ricette sono sufficientemente indicative, i punti residui da esplorare sono segnalati con trasparenza, l'intero disegno si muove su una prospettiva riformista che appare incisiva ma non velleitaria.

Disposizioni urgenti in materia di università ( da "AltaLex" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Dato a Roma, addi' 10 novembre 2008 NAPOLITANO Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri Gelmini, Ministro dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca Tremonti, Ministro dell'economia e delle finanze Visto, il Guardasigilli: Alfano Elenco 1 ...omissis...

Polanski: che brutto film vedete in Italia... ( da "Repubblica.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: perché con la Gelmini rischiamo di giocarci le eccellenze Viaggio nella facoltà di Fisica della Sapienza, a Roma, uno dei dipartimenti che finirà per subire i tagli del governo. Nonostante l'alto livello della ricerca di Paolo Casicci Obama prima di Obama Come i media raccontavano il futuro presidente degli Stati Uniti prima della sua elezione di Riccardo Staglianò (

Quanti ministri senza portafoglio ( da "Milano Finanza" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Università del ministro Mariastella Gelmini. Seppure Tremonti non fosse presente perché impegnato con l'Ecofin, il suo nome è risuonato più volte. In quell'occasione il premier per la prima volta ha dovuto prendere atto che l'insofferenza nei confronti del ministro per i tagli di bilancio è ormai arrivata a livelli di guardia.

È guerra tra i sindacati ( da "Arena, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: persuasa dalle aperture del ministro Gelmini, la Cisl si sfila dallo sciopero già proclamato per domani contro i provvedimenti governativi in materia di istruzione. Gli studenti, però, non cedono, e a Roma manifesteranno domani in centomila, dicono. Ed è stato firmato nel pomeriggio da Cisl, Uil e Confsal il contratto nazionale di lavoro dei ministeriali,

Bonanni si sfila dalla protesta universitaria ( da "Arena, L'" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: universitaria ROMA La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha revocato lo sciopero proclamato per domani. Ma gli altri - Cgil, Uil e, soprattutto, gli studenti - scenderanno in piazza per protestare contro la legge 133 e anche perché poco convinti delle novità introdotte con il decreto legge «tecnico» (su concorsi e alleggerimento del blocco del turn over)

Milano: studenti in stazione per protesta, momenti di tensione ( da "Reuters Italia" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Istruzione Mariastella Gelmini, sono stati bloccati dalle forze dell'ordine. Ci sono stati momenti di tensione e alcuni contatti tra i manifestanti e agenti, hanno riferito le stesse forze dell'ordine, ma non ci sono stati veri scontri nè cariche. Attualmente sono in corso trattative in stazione e come riferito da un portavoce degli studenti,

Scuola/ Formigoni: Andare avanti verso una riforma completa ( da "Virgilio Notizie" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini vada avanti con una riforma completa del sistema dell'istruzione nazionale. A margine dell'incontro con i 12 rettori delle università lombarde, Formigoni ha detto: "Sosteniamo le ultime decisioni del ministro Gelmini e quindi il decreto del Governo firmato la scorsa settimana, ma suggeriamo di andare avanti verso una riforma completa del sistema che tenga conto di merito

Università/ Decleva: Mi auguro gestione prudente ordine ( da "Virgilio Notizie" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: manifestando in Stazione Centrale a Milano per ottenere il prezzo politico del biglietto per Roma in vista della manifestazione di domani contro i tagli previsti dal ministro Gelmini. "Finora le esperienze di gestione dell'ordine pubblico sono state molto prudenti da parte delle Autorità milanesi - ha detto Decleva -, mi auguro che questa linea continui ad essere dominante e centrale".

Denuncia dei precari Ispra: Il Governo preferisce spendere per lo Stretto ( da "Villaggio Globale.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: articolo 1 comma 9 del decreto Gelmini, che invece non contiene l'annunciata possibilità, per gli enti di ricerca, di tenere in servizio fino al 2011 i precari con diritto alla stabilizzazione secondo le Finanziarie 2007 e 2008. E pensare che perfino il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel rispondere a un gruppo di precari Ispra che gli hanno indirizzato una lettera,

Uncem: la montagna chiede interventi immediati ( da "gomarche.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini, nel caso non trovassero copertura finanziaria da parte dello Stato o della Regione Marche, porteranno le Comunità Montane a non poter approvare il bilancio 2009 e dover dichiarare il dissesto finanziario. Di fronte a questa grave situazione, più di 50 sindaci da tutto l'entroterra e i presidenti delle comunità montane si sono riuniti oggi nella sede della Regione per lanciare

Cerignola, riordino scolastico, la Giunta accoglie i rilievi di genitori e docenti ( da "Grecale, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: riforma Gelmini?. La decisione è stata assunta all?esito del confronto con i genitori degli alunni che frequentano le medie Don Bosco e Paolillo e delle scuole interessate allo scorporo delle aule che avrebbero garantito il raggiungimento del numero minimo necessario di alunni (500).

Milano, studenti assediano la stazione Roma, blitz dei giovani di An alla Cgil ( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Studenti di sinistra attaccano la stazione di Milano Al grido di "Questo viaggio lo paga la Gelmini" prosegue l?attesa - davanti ai varchi che conducono ai binari della stazione Centrale, presidiati da un ingente schieramento delle forze dell?Ordine - degli studenti milanesi decisi a partecipare, domani, alla manifestazione contro la riforma dell?

Foggia, convocato il Consiglio provinciale monotematico sul riordino scolastico ( da "Grecale, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: riforma Gelmini? e per “concertare le proposte da portare all?attenzione nel corso dell?Assise”. “Il quadro è critico – commenta Antonio Prencipe, capogruppo Pd – perché il taglio dei posti di lavoro sarà consistente in tutti i settori della scuola”

Forlì: i Giovani Democratici in piazza per parlare di scuola ( da "RomagnaOggi.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: fuori dalla Biblioteca Ruffilli e sottolineiamo che i ministri Gelmini e Tremonti, non hanno seguito l'onda lunga del libro bianco del 2007, nel quale era richiesta un'assoluta concertazione prima della riforma, un ringiovanimento del personale scolastico e non certo una diminuzione dei docenti". "Vorrei specificare - continua Gessica Allegni, rappresentante dei Gd - come noi non c'

Governo, si spaccano i sindacati. Cgil proclama lo sciopero generale ( da "RomagnaOggi.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: incontro di ieri con il Ministro Mariastella Gelmini e, di conseguenza, revocano l'adesione allo sciopero di venerdi'. L'inconro e' stato un "passo in avanti che potrebbe aprire una nuova fase nel confronto con il Governo. Abbiamo deciso la revoca dello sciopero indetto per il 14 novembre - afferma Antonio Marsilia, Segretario Generale della Federazione Cisl Universita'

Governo in calo di popolarità, finita la luna di miele ( da "RomagnaOggi.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: che mostra un crollo di popolarità dell'Esecutivo, trascinato nel baratro dal calo di consenso di alcuni ministri, in particolare quello della Pubblica Istruzione, Mariastella Gelmini, che ha perso un significativo 5%. L'opposizione cerca di approfittarne, ma non riesce a colmare quel vuoto di popolarità lasciato dal governo.

La riforma Casati ( da "Voce d'Italia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini, è l?accusa di riportare il sistema scolastico italiano indietro di parecchi decenni, ignorando le reali necessità della scuola, quale principio fondamentale del progresso tecnico-scientifico e culturale dell?uomo. E? invece storicamente accettato come positivo, l?

Tremonti, fallimento banche: 'Banchieri in galera' ( da "Voce d'Italia, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Economia Articoli correlati: *Tremonti: sostegno a famiglie e imprese, ma i conti non cambieranno *Scuola, Veltroni scrive a Tremonti e Gelmini: stop al decreto e tavolo di confronto *Tremonti: "Entro Natale l'Ue avra' piani anticrisi" Guarda tutti i correlati

La scuola del popolo ( da "Napoli.com" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: La critica al Decrreto di Legge Gelmini non riguarda la ripresa della disciplina, ché , anzi, in una condizione in cui la scuola è il primo agente per la rifondazione di una società civile, il danno provocato dall?alunno che diserta la scuola, anche se non immediatamente valutabile in moneta, è decisamente superiore a quello provocato dalla crisi della finanza creativa.

La lezione si fa in stazione. O in metrò ( da "Vivimilano.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: contro il decreto Gelmini sbarca anche nella metropolitana di Milano: dopo le lezioni in Piazza Duomo e in stazione, da giovedì 13 arrivano anche le lezioni alle fermate della metropolitana. L'iniziativa è una delle azioni messe in campo dai «Diversamentestrutturati», un coordinamento di assegnisti, borsisti, professori a contratto e altri precari della ricerca degli atenei milanesi (

Università, lezioni in metropolitana ( da "Vivimilano.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: universitaria contro il decreto Gelmini sbarca anche nella metropolitana di Milano: dopo le lezioni in Piazza Duomo, ora arrivano infatti anche le lezioni nei vagoni. L'iniziativa, annunciata per giovedì, è una delle azioni messe in campo dai «diversamentestrutturati», un coordinamento di assegnisti, borsisti, professori a contratto e altri precari della ricerca degli atenei milanesi (

Scuola, 15 mila stranieri in più ( da "Vivimilano.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: vedrete che il ministro non lo toccherà, Mariastella Gelmini apprezza molto il modello lombardo». Quanto alle classi ponte, «meglio qualche ora in più di italiano». Un sistema già ben collaudato al Bertarelli, il 75 per cento di stranieri al serale. «In realtà - spiega la preside, Teresa Capra - noi abbiamo una "classe di transito"».

IL MINISTRO GELMINI INCONTRA LA CRUI ( da "WindPress.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: 2008 Il ministro Gelmini ha oggi incontrato la CRUI. Il ministro ha esposto le linee guida approvate dal Consiglio dei Ministri che saranno alla base del confronto per riformare l?università. La CRUI ha ribadito il proprio apprezzamento sul Decreto Legge appena firmato dal Presidente della Repubblica che contiene provvedimenti a favore delle università più virtuose e dell?

La riscossa del Pdl arriva col panettone: "Milioni ai gazebo" ( da "Stampaweb, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Italia doveva essere tappezzata di manifesti pro-Gelmini (erano stati prenotati gli spazi) con un migliaio di comizi in difesa della ministra. All?ultimo istante, il Cavaliere ha intimato lo stop. «Evitiamo, altrimenti si getta benzina sul fuoco, meglio lasciarli sfogare in pace». Un fair-play che non ti saresti aspettato.

"Ormai siamo al basso impero" ( da "Stampaweb, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: A un certo punto, la Gelmini ha fatto proprio lo schema di Brunetta: facciamo un accordo, ci ha detto, e così con quello forse da Tremonti otteniamo qualcosa. Ma i rapporti tra Gelmini, Tremonti e Berlusconi sono affar loro. Io non faccio un accordo per mettere un ministro contro un altro».

Sindacati spaccati sull'Università La Cisl si sfila: "Sciopero revocato" ( da "Stampaweb, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Per la Cisl, quindi, è bastata la «ampia disponibilità» di Gelmini «ad affrontare positivamente le richieste sindacali e a trovare soluzioni concrete in tempi certi». Anche la decisione di Snasl Confsal è giunta dopo «gli impegni assunti dal ministro Gelmini nell?incontro di ieri sulle tematiche relative all?

aqmazz ha detto: Santoro ha ragione,perchè non hanno fatto satira su di lui,ma si sono spacciati per lui nel dire cazzate alla troia Gelmini,e fino li andava bene per la troietta,m ( da "KataWeb News" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract:

Blitz dei giovani di An contro la Cgil Epifani: "Basta coi metodi squadristi" ( da "Stampaweb, La" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini ha dimostrato in ogni iniziativa l?unità tra studenti e lavoratori. Non solo esprimiamo la nostra solidarietà alla Cgil, in un momento cui si cerca di isolare l?unica vera forza di contrasto alla distruzione della scuola, ma intendiamo rilanciare con forza un appello alla partecipazione degli studenti allo sciopero di domani.

L'Onda dei 100.000 si prepara alla mareggiata ( da "Articolo21.com" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: della Ministra Gelmini, non si ferma di fronte alle minacce di denuncia, né tanto meno di fronte ai deliri di un ex presidente della Repubblica, senatore a vita, che invoca addirittura il morto... La direzione è ormai definita e non si cambia. E' quella che è stata discussa e messa nero su bianco dopo interminabili assemblee,

Università, Cisl: "Sciopero revocato: adesso il Governo cambi rotta" ( da "Sestopotere.com" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: Gelmini. Un "passo in avanti" che potrebbe aprire una nuova fase nel confronto con il Governo. "Abbiamo deciso la revoca dello sciopero indetto per il 14 novembre - afferma Antonio Marsilia, Segretario Generale della Federazione CISL Università - perché il Ministro con il documento sottoscritto ieri si è impegnato a modificare alcuni passaggi importanti della manovra governativa

Lavoro: anche sindacati base verso sciopero generale 12/12 ( da "Trend-online" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: La piattaforma dell'agitazione e' diversa da quella della Cgil: Cub, Cobas e Sdl chiedono l'abolizione del precariato, l'adeguamento dei salari all'aumento dei prezzi, retribuzioni europee con un aumento immediato di salari e pensioni di almeno 3.000 euro, l'abolizione della riforma Gelmini e dei provvedimenti dell'ex ministro Fioroni.

Unions divided over university, CISL calls strike off ( da "Velino.it, Il" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: and UIL presented their own proposals to Education Minister Maria Stella Gelmini and she said that she would forward them to Economy Minister Giulio Tremonti and Public Function Minister Renato Brunetta. This was considered a good step ahead by the two unions, but CGIL did not, and once again representatives of the other two distanced themselves from the left oriented third one.

13/11/2008 21:54 UNIVERSITA': DOMANI SIT-IN IN PIAZZA DUOMO A MILANO ( da "ITnews.it" del 13-11-2008)
Argomenti: Scuola

Abstract: In concomitanza con la manifestazione nazionale di Roma il mondo dell'universita' milanese organizza per domani un presidio in piazza Duomo. Dalle 10 alle 14 i lavoratori dell'Universita', i ricercatori e gli studenti parteciperanno al sit-in organizzato da Cgil e Uil per dire no alla riforma del ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini.


Articoli

Gelmini, quel poco da salvare (sezione: Scuola)

( da "EUROPA ON-LINE" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Gelmini, quel poco da salvare GILIBERTO CAPANO Le linee-guida che il ministro Gelmini presenta oggi ai rettori sono un canovaccio in cerca di grandi interpreti. Un canovaccio in cui sono elencati tutti i problemi, oramai da troppo tempo noti, del sistema universitario e abbozzate, in modo spesso generico, alcune soluzioni. Per arrivare ad un sistema basato su «autonomia, responsabilità e merito» il documento ministeriale elenca cinquanta obiettivi-azioni da perseguire sui quali il ministro intende aprire il dibattito pubblico e politico. Nulla da dire sul metodo. Dopo le forzature e i conflitti suscitati dagli interventi sulla scuola e quelli, finanziari, sull?università, questo nuovo modo di procedere deve essere valutato in modo estremamente positivo. Per quanto riguarda il contenuto del documento, come sempre in questi casi, vi sono luci ed ombre. Non vi è dubbio che l?intento profondo che muove le linee guida sia quello di modernizzare, finalmente, il nostro sistema universitario, attraverso azioni di razionalizzazione organizzativa e procedurale al fine di renderlo più efficiente ed efficace. Vi è però una asimmetria tra le parti in cui si elencano solo obiettivi da raggiungere e quelle in cui si abbozzano le soluzioni. Un esempio per tutti del primo caso: la prima sezione, dedicata all?offerta formativa, individua con chiarezza ?che cosa? fare, ma non ?come?. Meno corsi di laurea, meno dispersione, più insegnamenti in lingua straniera, ecc. Assolutamente condivisibile. Ma nessuna proposta sugli strumenti e le strategie con le quali perseguire questi obiettivi. Per contro, vi sono alcune tematiche per le quali non solo vengono enunciati gli obiettivi, ma vengono anche avanzati principi costitutivi per le strategie di intervento. È il caso, ad esempio, della questione del reclutamento e carriera dei docenti e della governance. E qui stanno le proposte che suscitano perplessità e qualche preoccupazione. Sulla questione dei docenti, pur distinguendo finalmente le procedure di promozione degli interni da quelle di reclutamento dall?esterno, vengono enunciati principi generalissimi, come aumenti stipendiali legati al merito scientifico e all?impegno didattico, che fanno intravedere il rischio di una ingessatura, a fin di bene, del sistema. Su questo punto bisognerebbe avere il coraggio di superare una visione ottocentesca della professione docente e lasciare agli atenei la possibilità di gestire realmente il proprio personale docente. Che siano le università a decidere, all?interno di alcune regole precise sull?uso delle risorse, come e chi promuovere e come e chi reclutare dall?esterno. Ecco, qui forse le linee-guida dovrebbero essere più coraggiose e guardare non dico all?Inghilterra, ma all?Olanda, alla Svezia, ad alcuni Länder tedeschi (invece che continuare a guardare alla Francia e alla Spagna). Sulla governance la necessità di «autonomia, democrazia e bilanciamento dei poteri, responsabilità chiare, valutazione dei risultati ed efficacia gestionale» viene declinata proponendo alla discussione principi deboli oppure discutibili. È debole, ad esempio, il principio che si debbano distinguere le competenze del senato accademico da quelle del consiglio di amministrazione perché esse sono già distinte in tutti gli statuti. Il problema, nella realtà, sono le prassi consociative che caratterizzano gli atenei e che dipendono, fra l?altro, dalla composizione autoreferenziale e corporativa degli organi collegiali. Qui forse si doveva, e si dovrebbe, andare oltre l?esistente e proporre una composizione innovativa del cda (non più elettivo ma di nomina per esempio, con componenti scelti sulla base del criterio della competenza e non della rappresentanza). È discutibile, invece, la proposta di «ridefinire il ruolo del rettore, creando le condizioni affinché questi possa realmente assumere la piena responsabilità delle sue decisioni (chiaramente delineate nel programma elettorale)». Siamo ancora a questo punto, ancora all?elezione diretta del rettore. Eppure tutti sanno che l?elezione diretta della massima carica di governo degli atenei sta alla base dei meccanismi distributivi che caratterizzano il governo degli atenei. Difficilmente un rettore può essere eletto sulla base di un programma elettorale serio; di solito l?elezione si basa su un programma generico che deve accontentare i più. E non può essere che così. Tra i principali paesi del mondo occidentale solo in Spagna e in Germania (dove però in alcuni Länder le cose stanno cambiando) il rettore è eletto direttamente. In Olanda, Svezia, Inghilterra, Danimarca, Austria, Australia, Canada, Giappone, Francia, per non parlare poi degli Stati Uniti, il rettore è selezionato o sulla base di una elezione indiretta o, nella maggior parte dei casi, mediante un processo di nomina. Vorrà pur dire qualcosa se gli altri, quasi tutti gli altri, procedono in un altro modo? Le linee guida, insomma, sono un dignitoso punto di partenza di una discussione. Se, però, si vuole davvero fare qualcosa di serio per cambiare la nostra università si deve avere la lungimiranza di andare oltre il nostro passato. Possiamo solo sperare che gli attori coinvolti ? ministri, parlamentari, esperti, giornalisti rettori, studenti ? siano capaci di interpretare in modo responsabile e coraggioso questo canovaccio. Speriamo che siano interpreti da Oscar.

Torna all'inizio


Non è colpa della Carfagna ma di chi la strumentalizza (sezione: Scuola)

( da "EUROPA ON-LINE" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Non è colpa della Carfagna ma di chi la strumentalizza FEDERICO ORLANDO Cara Europa, nei giorni scorsi all?aeroporto di Fiumicino è capitato di peggio e di più (forse superato da Ciampino, dove aerei più grossi della pista rischiano un po? spesso di uscire fuori strada). Ma non è sfuggito a una parte dei politici e dei giornali l?episodio della ministra Carfagna, come sempre bella ed elegante, che ha accolto a nome del governo italiano il presidente del Brasile, lo stato più grande del sud America, Luiz Inácio Lula, in visita di stato al presidente della repubblica italiana. Confesso d?aver fatto caso anch?io alla siderale disparità dei ruoli, che in diplomazia conta tanto. A ricevere un capo di stato c?è almeno il ministro degli esteri dello stato che accoglie. Il nostro Frattini era in Italia ma non a Fiumicino. È una gaffe, una provocazione, una strafottenza? ERNESTO DE VINCENTI, ROMA Non saprei, caro De Vincenti, forse tutto questo e qualche altra cosa, forse la voglia di Berlusconi di dimostrare a tutti, compresi i suoi ministri, che la prediletta ragazza, prossima portavoce (si dice) del governo, è sotto la sua ala protettrice e tutti gli altri debbono abbozzare: si chiamino Frattini o Tremonti, Bossi o Fini. La questione, sollevata dal deputato Gozi del Pd e dall?agenzia di stampa dalemiana Velina Rossa, è stata risolta infatti dalla senatrice Bonfrisco, di Forza Italia, con le storiche parole: «Berlusconi ha individuato in Mara Carfagna un?ottima padrona di casa». Se ci sia anche del sarcasmo in quest?affermazione non saprei, perché l?Italia non è la casa di Berlusconi, e quindi non escluderei che la senatrice, sottilmente, abbia voluto sottolineare una confusione di ruoli fra pubblico e privato, che del resto è la natura stessa del berlusconismo. E magari si limitasse alla padrona di casa. Peraltro è stato improprio anche il linguaggio di Lula, che s?è rivolto al nostro capo dello stato con un «caro compañero Giorgio Napolitano», dimenticando che nelle democrazie adulte i capi dello stato non hanno colore politico. Ma sul caso Carfagna vorrei aggiungere due cose. La prima: ci sono troppi richiami, non so se maschilisti o semplicemente ipocriti, a calendari di foto nude e altri casi personali della signorina Mara quando era una velina nel paese delle veline. Se oggi dimostra insufficienze nel ruolo di ministra non è perché sia stata velina più o meno denuda, ma perché l?età giovane non fa migliore, da sola, il politico, l?imprenditore, il ricercatore, il docente, ecc. Dovremmo esser grati alla Carfagna almeno per aver fatto cadere, anche con l?aiuto della Gelmini e di altre/i di destra e di sinistra, il mito giovanilistico di moda. La seconda: la vera responsabilità politica nell?episodio Lula e in mille altri casi, sta a palazzo Chigi. Milioni di allucinati credono alle virtù taumaturgiche del premier, anche in mancanza di Obama nostrani. In Trentino, Bossi ha spiegato la disfatta Lega-Pdl con l?assenza di Berlusconi nella campagna elettorale: i manifesti col nome scritto grosso non bastano. Se le cose stanno così, e cioè che la destra non riesce a far niente senza Berlusconi, allora è giusto che il premier scelga «la più bella ministra» per ricevere Lula e poi la nomini portavoce del governo. Perché no, se gli italiani da lui accettano tutto? Per vent?anni gli italiani accettarono le gesta del Duce, per secoli i francesi quelle dei Re Sole e delle loro Pompadour. Viviamo in un regime non di eletti ma di nominati. E anche le nominate, come le favorite del Re Sole, fanno politica, diciamo. È la differenza fra una monarchia (o repubblica) assoluta e una democrazia. Forse un giorno ci piacerà scoprire la democrazia.

Torna all'inizio


Quelle maestre già dimenticate (sezione: Scuola)

( da "EUROPA ON-LINE" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

SHE Quelle maestre già dimenticate FRANCA FOSSATI «I bambini di adesso sono più ?grandi? di quanto fossimo noi alla loro età: in quinta sono già adolescenti, per i gusti musicali, per l?abbigliamento, per il modo di stare insieme». E i ?piccolini?, quelli di prima e seconda? «Sono più infantilizzati, come se non ci fosse separazione con la scuola materna». E quelli stranieri? «Sono molto più autonomi, a 10 anni si fanno da mangiare, attraversano la città con l?autobus, vanno a casa da soli». A parlare è Anna Lona, maestra elementare di Verona, 53 anni. È intervistata su Una Città, mensile di interviste e foto, indipendente, autofinanziato, che si riceve solo per abbonamento (ma è consultabile on line: unacittà.it). Anna spiega, finalmente, la differenza tra il tempo pieno e il modulo; spiega che nessun maestro unico può reggere una classe con un disabile e magari 7 o 8 ragazzi stranieri e che bisognerebbe dirlo chiaro che la scuola a cui si pensa è quella dove non ci sono disabili né immigrati. Ma aggiunge che neanche il modulo va tanto bene, che servirebbe, soprattutto nei primi due anni, una figura di riferimento, che risponda ai genitori, che tratti con la circoscrizione, che garantisca l?unitarietà del percorso educativo. Anna parla degli errori del sindacato (di cui è stata attivista), di come si costruisce la disciplina anche senza i voti, di come si inventano soluzioni per insegnare ai bambini di adesso «che sanno un sacco di cose in più». E dice della delusione della politica di sinistra che sa dire solo no e non sa fare proposte. Un bel racconto, senza slogan. Anche Maria Cristina Mecenero è maestra, a Milano, da 25 anni. Così descrive su il manifesto (1 novembre) il suo lavoro: «Tutti i giorni ascolto, ricompongo conflitti, metto in ordine l?aula, assegno i compiti, preparo avvisi, invento proposte, le sperimento, capisco che qualcosa non va e allora aggiusto il tiro, a volte non lo capisco e faccio dei disastri non gravi, ma gravi per me che mi sento così responsabile». Sono donne al 96 per cento a insegnare nelle elementari. Sono donne, soprattutto del Sud (dove il tempo pieno non raggiunge il 9 per cento delle scuole), quelle che patiranno la nuova legge. È là che i bambini usciranno da scuola alle 12,30 già dall?anno prossimo «e l?effetto continuerà a ricadere sulle madri meridionali che, tanto, per il 62 per cento sono fuori del mercato del lavoro». Così Mario Pirani su Repubblica (10 novembre) in una pagina che racconta «la verità sulla riforma Gelmini». Ma, tranne queste e poche altre eccezioni, sui giornali si parla solo di università. Le maestre? Già dimenticate.

Torna all'inizio


Provincia di Catanzaro: i lavori del Consiglio (sezione: Scuola)

( da "Giornale di Calabria, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Provincia di Catanzaro: i lavori del Consiglio CATANZARO. Sono stati tutti approvati gli argomenti posti all?ordine del giorno dei lavori del consiglio provinciale di Catanzaro. Come primo atto dei lavori l?assemblea provinciale, dopo l?approvazione del verbale della seduta precedente, ha esaminato e discusso un documento che è stato approvato ad unanimità in relazione agli intimidatori nei confronti del consigliere provinciale Franco Talarico. Documento che è stato predisposto dal presidente del consiglio Peppino Ruberto, e fatto proprio dalla conferenza dei capi gruppo consiliari. Il Consiglio esprime la più totale solidarietà al consigliere Franco Talarico ed alla sua famiglia ed inoltre condanna ?con fermezza e determinazione gli attacchi gravi ed inaccettabili che offendono non solo un uomo delle istituzioni come 1?Onorevole Talarico e la sua famiglia, ma anche la libertà e l?intera democrazia. Questi vili attentati - si legge nel documento - devono essere contrastati con durezza da tutti gli organi Istituzionali e non, ognuno con i propri ruoli e le proprie competenze?. Il consiglio provinciale invita ?Talarico ad andare avanti con coraggio con il suo impegno politico e civile per l?interesse della sua città, della Provincia e dell?intera Regione?. Anche perché sottolinea il consiglio provinciale ?tali episodi non devono essere sottovalutati: è necessario - si legge ancora nel documento - che tutte le Istituzioni promuovano una riflessione per individuare risposte forti sul piano culturale e sociale per dire no ad ogni forma di intimidazione. Piena fiducia è rivolta all?attività delle Autorità competenti affinchè si individuino al più presto i responsabili dell?accaduto?. Alla seduta del consiglio non era presente Talarico, perché come ha fatto sapere con una lettera inviata al presidente del consiglio impegnato a Roma per ?concomitanti impegni istituzionali non rinviabili?. Talarico comunque ha inteso ?ringraziare tutti per la vicinanza e la solidarietà espressa, in questi momenti difficili, a me e alla mia famiglia?. Sull?argomento sono interventi i consiglieri provinciali, Pasqualino Ruberto, che ha invocato sostegno anche per i vari imprenditori presi di mira dalla criminalità, Enzo Bruno, che sottolineato la necessità di una maggiore attenzione su Lamezia Terme, il presidente della Provincia, Wanda Ferro che ha rinnovato la solidarietà a Talarico, Pietro Putame, il quale ha esortato tutti a non fermarsi alle sole parole, ed il consigliere Emilio Verrengia. Subito dopo il presidente Ferro ha dato lettura di una lettera inviata al ministro dell?Istruzione Mariastella Gelmini, a nomea suo e del presidente del consiglio provinciale, Peppino Ruberto, con la quale chiede ?una applicazione? della riforma, ?meno impersonale e che tenga in conto le peculiarità del territorio?. ?Onorevole Ministro, questa - scrive la Ferro - non è la prima, né l?ultima, lettera che le perviene in merito alla Riforma da lei avviata, ma pure ritengo dovuto, nella mia veste di Amministratore, farmi portavoce delle problematiche della scuola e degli insegnanti, anche connesse alle particolari difficoltà del nostro territorio ed alle conseguenze negative che una rigida applicazione della riforma potrebbe produrre. Le evidenzio, innanzitutto - prosegue la Ferro - che, anche per via della peculiare conformazione morfologica del territorio, la Calabria è tra le regioni italiane con il maggior numero di comuni caratterizzati da disagio abitativo e, conseguentemente, con plessi, per le scuole di ogni ordine e grado, in prevalenza inferiori a cinquanta, cento alunni?. Alla luce di tale situazione di disagio, ?è evidente - scrive la Ferro al Ministro - che i tagli di personale, ma soprattutto l?accorpamento delle scuole e dei plessi sottodimensionati, non farebbero che aggravare il già complesso contesto sociale, sia in termini di dispersione scolastica che di disagio per le famiglie?. ?Particolare difficoltà, per come rivelatomi dai cittadini, scaturirà - sottolinea al Ministro la Ferro - anche dalla prevista contrazione degli insegnanti di sostegno, che potrebbe rendere vani gli sforzi, sin qui prodotti, per perseguire un inserimento sociale di tanti disabili?. Il presidente della Provincia di Catanzaro fa rilevare al ministro che ?a tali conseguenze connesse all?istruzione, si vanno ad aggiungere le ripercussioni sul lavoro precario di tanti insegnanti che, ormai, lavorano da parecchi anni in tale condizione e che, su tali presupposti, hanno comunque avuto il coraggio di crearsi una famiglia?. La Ferro ricorda al Ministro che ?il Consiglio provinciale dell?Ente da me amministrato, ha espresso nella seduta del 5 settembre scorso la propria solidarietà a questi insegnanti, pur esprimendo apprezzamenti per gli sforzi operati dall?Ufficio scolastico regionale che sta cercando di venire incontro alle esigenze dei docenti?. Quindi la Ferro chiede al Ministro della Istruzione ?un riesame di quanto determinato, nell?ambito della nostra Regione, prevedendo una applicazione meno impersonale e che tenga in conto le peculiarità del territorio?. La lettera è stata condivida dall?intera assemblea provinciale che ha approvato, poi, ad unanimità un ordine del giorno presentato dal Ferro in relazione al fondo aree sottoutilizzate. Un ordine del giorno con il quale il consiglio provinciale di Catanzaro chiede al Governo centrale che ?nella ripartizione dei fondi Aree sottosviluppate di complessive euro 63 miliardi di cui 12 miliardi di euro sul programma 2007/2013 ed euro 2.4 miliardi, in via assolutamente prioritaria, 1?85 % venga impegnato per interventi infrastrutturali del Mezzogiorno, come previsto dalla legge istitutiva del fondo medesimo?. Inoltre chiede al governo che ?all?interno di questo programma vengano reintegrati i fondi per gli interventi di ammodernamento e potenziamento della viabilità secondaria nelle Regioni Sicilia e Calabria - Legge 27/12/2006 n. 296, art. 1 comma 1152 (finanziaria 2007) e Legge 24/12/2007, n.244 art. 2 comma 538 (finanziaria 2008)?. Ordine del giorno che è stato deciso di inviarlo ?ai Parlamentari Nazionali Calabresi, per attivarsi ed adoperarsi con proposte ed iniziative del caso per attuare e realizzare gli obiettivi di cui alle richiamate premesse?. Il consiglio inoltre chiede ?al Presidente della Regione Calabria, di sostenere le suesposte richieste al Governo, nell?ambito dei rapporti Stato-Regioni?. A maggioranza, poi, con il voto contrario del centrosinistra il consiglio ha approvato le variazioni di bilancio. Mentre ad unanimità con l?astensione dei consiglieri di minoranza il consiglio ha approvato nove debiti fuori bilancio. Ad unanimità l?assemblea provinciale ha approvato il piano provinciale di riparto finanziario per il diritto alla studio, il regolamento della commissione provinciale pari opportunità tra uomo e donna, le norme per la costituzione ed il funzionamento della stessa commissione. E sempre ad unanimità il consiglio ha approvato i criteri generali per l?affidamento di incarichi esterni. Al centro della discussione anche due ordini del giorno quello presentato dal consigliere dell?Mpa, Pasqualino Ruberto, in merito alla realizzazione dell?aeroporto di Sibari e dal consigliere Emilio Verrengia, in relazione alla problematiche relative all?Istituto Superiore di Polizia Penitenziaria. (12-11-08)

Torna all'inizio


I giovani Cisl spiegano quali risposte si aspettano ora dalla Gelmini (sezione: Scuola)

( da "Foglio, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

12 novembre 2008 I giovani Cisl spiegano quali risposte si aspettano ora dalla Gelmini Il sindacato di Bonanni e la spaccatura con la Cgil Università/ La Cisl disdice partecipazione a sciopero venerdì Il dietro-front dopo l'incontro di ieri con il ministro Gelmini Roma, 12 nov. (Apcom) - La Federazione Cisl Università non parteciperà più allo sciopero generale del settore università e ricerca previsto per venerdì prossimo. Lo si apprende da fonti sindacali. Lo sciopero era stato inizialmente indetto dai sindacati confederali contro i provvedimenti del governo in materia, ma dopo l'incontro di ieri con il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini la Cisl Università ha deciso di compiere il dietro-front. Così il 2 novembre il presidente nazionale dei giovani Cisl parlava al Foglio della riforma Gelmini: Dopo la trattativa Alitalia i sindacati non erano certo in cima classifica alle classifiche dei più amati del paese, ma il successo dello sciopero di giovedì, oltre ad avere aiutato la resurrezione di Veltroni, sembra aver ridato slancio anche alle tre sigle sindacali, tutte in piazza a braccetto per protestare contro il decreto sulla scuola voluto dal ministro Gelmini. A giorni il ministro dell?Istruzione renderà note le linee guida che daranno un quadro più completo dell?idea che in viale Trastevere si ha sul futuro degli atenei italiani. Di questo, delle proteste in piazza, dei blocchi della didattica e di quello che occorre fare per riformare il mondo universitario, parla al Foglio Mattia Pirulli, presidente nazionale dell?Associazione giovani della Cisl (che si occupa, tra l?altro, di accompagnare giovani che hanno terminato gli studi nella ricerca del lavoro). Ventiseienne laureando in Economia alla Sapienza di Roma e studente lavoratore da tre anni, Pirulli dice che “il punto di partenza per giudicare le manifestazioni di questi giorni sono le parole del presidente Napolitano, che ha invitato al dialogo le parti per trovare una soluzione”. Lo sciopero però non sembrava un invito al dialogo. “Non è vero – prosegue Pirulli – lo sciopero è un modo per richiamare alla contrattazione, ha come obiettivo proprio il dialogo”. Secondo Pirulli serve che ci si sieda attorno a un tavolo e si rivedano i punti critici dei tagli all?università: “Sono stati fatti tagli generalizzati a cui siamo assolutamente contrari”. Che soluzione ci sarebbe? “Intanto quella di andare a vedere quali sono gli atenei più virtuosi e premiarli, non togliere loro la stessa quantità di fondi che si tolgono a chi ha una gestione di bilancio dissennata”. C?è anche la previsione della trasformazione in fondazioni private da parte di alcune università. “Il problema non è se un università è pubblica o privata, ma se offre un servizio buono ed è accessibile a tutti. Non sono contrario a questa trasformazione, anche se diversi punti non sono chiari e non si capisce la ricaduta che avrà ad esempio sulla ricerca di base”. Alzare di molto le tasse a chi se lo può permettere e creare più borse di studio per i capaci e meritevoli non sarebbe una soluzione? “Certo, potrebbe essere una soluzione, a patto che l?accesso sia davvero garantito a tutti e la qualità sia alta”, risponde Pirulli. Così come molti rettori “virtuosi” in tutta Italia, anche il presidente dei giovani della Cisl aspetta le linee guida della Gelmini con grande attenzione. Perché finora i tagli previsti in Finanziaria non lo convincono. Anche se, non per questo, è d?accordo con certe forme di protesta e con il blocco della didattica attuato in alcuni atenei della penisola, spesso per volontà di professori e rettori: “E? assurdo che si arrivi alla sospensione delle lezioni – dice Pirulli, e parla soprattutto da universitario – Questo non è uno strumento che va a vantaggio degli studenti, soprattutto quando è imposto, come nei giorni scorsi. La libertà di scelta deve essere lasciata sempre: chi vuole aderire a una protesta lo faccia, ma per questo non penalizzi chi a lezione ci vuole andare”. Continua Pirulli: “Che molte università italiane siano in crisi è sotto gli occhi di tutti, e non solo dal punto di vista dei bilanci. Un cambiamento serve, ma è ovvio che se imposto dall?alto sarà difficilmente digerito; per questo dico che serve il dialogo, altrimenti non se ne esce”. La Gelmini avrà ben parlato con qualcuno delle linee guida, no? “Che io sappia non ha parlato con nessuno, questo è il problema”. Secondo Pirulli “è ottuso pensare che non serva una riforma, ma lo è altrettanto farla in modo unilaterale”. E? vero, conclude Pirulli, “che la situazione attuale è anche eredità delle vecchie riforme, ma a maggior ragione bisogna parlare del ruolo che l?università oggi deve avere. Per questo dico: calma tutti, capiamo insieme come deve cambiare, avendo la preoccupazione che il livello della didattica sia elevato e l?università sia sempre accessibile a tutti”. E se bisogna fare dei tagli? “Si facciano pure, purché sensati e non generalizzati”. di Piero Vietti

Torna all'inizio


13 novembre 2008 (sezione: Scuola)

( da "Foglio, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

13 novembre 2008 La Cassazione ha respinto le sue firme (pochine) raccolte per abrogare via referendum l?Ordine dei giornalisti e il finanziamento pubblico ai quotidiani. Così Libero, il giornale di Vittorio Feltri, annota con garbo: “Grillo si becca un altro vaffa”. Un altro. Perché la prima pernacchia sonora, come ha raccontato il Foglio qualche giorno fa, a Grillo era arrivata dagli studenti bolognesi che lo hanno espulso (e poi preso a male parole) da uno dei cortei anti Gelmini: “Buffone, non vogliamo primedonne”. Assistiamo al declino del tribuno? “A me pare declinante tutta la satira manettara”, dice Peppino Caldarola, che sul Riformista semisatireggia la politica italiana “ma con rispetto”. Caldarola sostiene che la gente “ne ha le palle piene di questa comicità maniacale che prende di mira sempre le stesse figure finendo per consumare sia l?oggetto dell?invettiva sia sé stessa”. “Non si può mandare tutto e tutti a quel paese per sempre – commenta un utente sul blog di Grillo – Dopo un po? non fa più effetto”.

Torna all'inizio


Tagli, fronte docenti-studenti (sezione: Scuola)

( da "Denaro, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

News università Tagli, fronte docenti-studenti Filippo Panza Un'assemblea pubblica ha aperto il dibattito sul decreto Gelmini Un governo che decide di investire in ricerca candida il paese ad essere competitivo a all'avanguardia. Il monito emerge nel corso dell'assemblea pubblica convocata presso la Facoltà di scienze economiche ed aziendali dell'Università degli studi del Sannio per discutere dei tagli previsti dal decreto Gelmini. Studenti e docenti si interrogano sul futuro dell'ateneo annita che, nonostante il bilancio più esiguo d'Italia, punta sulle novità delle discipline proposte e la qualità degli insegnamenti. La giornata di mobilitazione vede la partecipazione del rettore dell'ateneo sannita, Filippo Bencardino e del direttore del Dipartimento di Analisi dei sistemi economici e sociali, Riccardo Realfonzo.= del 12-11-2008 num.

Torna all'inizio


Epifani contro tutti La Cisl:... (sezione: Scuola)

( da "Giornale.it, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

n. 271 del 2008-11-12 pagina 0 Epifani contro tutti La Cisl: niente sciopero sull'università di Redazione Il segretario della Cgil furioso per il vertice di ieri sera a Palazzo Grazioli tra il premier, la presidente di Confindustria Marcegaglia e gli altri due leader della Triplice. Sacconi: "E' lui che si è isolato". Rottura anche sull'università: la Cisl disdice il blocco previsto per venerdì. Ed Epifani annuncia lo sciopero generale per il 12 dicembre Roma - Proclama scioperi generali in solitudine. Poi si infuria se gli altri partecipano ai vertici. Guglielmo Epifani è fuori di sé al direttivo della Cgil. La notizia dell'incontro di ieri sera a palazzo Grazioli, fra il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, alcuni ministri, la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia e i segretari di Cisl e Uil, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, lo ha sconvolto. "Quello che è accaduto ieri sera, se confermato, è gravissimo, una cosa senza precedenti". Il segretario generale della Cgil chiede "un immediato incontro con il governo" e annuncia anche una lettera ai leader di Cisl e Uil e al presidente di Confindustria con la quale chiederà conferma dell?incontro di ieri sera, che, "apre un problema formale nei rapporti con le altre organizzazioni sindacali e con la Confindustria". E dopo la frattura sancita con le altre organizzazioni confederali il leader della Cgil lancia (in solitaria) lo sciopero generale per il 12 dicembre. Lo ha deciso il direttivo dell?organizzazione sindacale che ha votato un dispositivo finale. Contro tutti "Il presidente Berlusconi dimostra così - si legge in una nota di Epifani - di non avere alcun rispetto nei confronti dei suoi interlocutori, quando esprimono opinioni diverse dalle sue". Sul tema della crisi "il governo non prevede momenti formali di confronto con tutte le parti sociali, mentre quelli riservati li tiene solo con alcuni soggetti, escludendo la Cgil, l?Ugl e tutte le altre rappresentanze di impresa" prosegue il leader Cgil. "Nei confronti della Cgil è un comportamento particolarmente grave perché abbiamo inviato al governo e alle altre parti sociali una piattaforma con le proprie proposte per affrontare la crisi - ha aggiunto Epifani -. Con questo atteggiamento il governo esprime, così, la volontà di non aprire un confronto con la Cgil". Sacconi: "E' lui che si è isolato" "C?è un problema sostanziale, altro che incontri informali. Il problema è che la Cgil si è isolata dalla altre organizzazioni, non ha sottoscritto il primo documento sulla modifica del modello contrattuale, che invece è stato condiviso da Cisl, Uil e Confindustria". Questa la replica del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, intervenendo a Radio 24, a proposito dell?incontro che c?è stato tra governo, Confindustria, Cisl e Uil, senza la Cgil. La Cgil, secondo Sacconi, "si è sottratta alla responsabilità di firmare l?accordo quadro per l?impiego pubblico come si è sottratta all?accordo sul commercio, come purtroppo sta facendo in molte circostanze. Spero che intervenga una riflessione all?interno di quella organizzazione - sostiene il ministro - perché il fatto di isolarsi da tutti gli altri attori sociali non può non generare riflessioni sulla linea seguita fin qui. Rifletta la Cgil sul fatto di mettere veti su tutto. Gli incontri informali - conclude - avvengono continuamente, sono nella prassi delle relazioni industriali". La Finocchiaro: "Atto grave" "In un momento di crisi economica e di difficoltà del Paese un governo responsabile dovrebbe lavorare per unire e costruire percorsi condivisi e, ove ve ne fossero, per ricomporre tensioni e divisioni, esattamente il contrario di quanto sta facendo il governo Berlusconi" questo il commento di Anna Finocchiaro, presidente del gruppo Pd a Palazzo Madama. "Ci sarebbe invece bisogno - continua Anna Finocchiaro - di un confronto con tutte le realtà sindacali mentre il governo Berlusconi gioca sulle divisioni e le alimenta. Ciò che è avvenuto ieri sera è un fatto gravissimo e sicuramente - conclude - non è la strada giusta per risolvere i gravi problemi che affliggono il Paese". Rottura sull'università La federazione Cisl università non parteciperà più allo sciopero generale del settore università e ricerca previsto per venerdì prossimo. Lo si apprende da fonti sindacali. Lo sciopero era stato inizialmente indetto dai sindacati confederali contro i provvedimenti del governo in materia, ma dopo l?incontro di ieri con il ministro dell?Istruzione Mariastella Gelmini la Cisl Università ha deciso di compiere il dietro-front. Dal tavolo si èa alzata prima del tempo la Cgil, mentre sia Cisl sia Uil hanno firmato il documento presentato da Brunetta, Gelmini e Tremonti © SOCIETà EUROPEA DI EDIZIONI SPA - Via G. Negri 4 - 20123 Milano

Torna all'inizio


sindacati ai ferri corti, è rottura cgil: 12 dicembre sciopero generale - luisa grion (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 2 - Economia Sindacati ai ferri corti, è rottura Cgil: 12 dicembre sciopero generale Vertice senza Epifani. Università, la Cisl revoca la protesta Martedì sera Berlusconi aveva convocato i due confederali e Confindustria LUISA GRION ROMA - Una cena al vertice dalla quale la Cgil è stata esclusa, un ennesimo colpo di grazia all´unità sindacale. Più grave che mai, questa volta, visto che il sindacato guidato da Guglielmo Epifani si avvia da solo, il 12 dicembre, verso lo sciopero generale contro la politica economica del governo. Teatro della questione palazzo Grazioli, abitazione privata del premier, dove l´altra sera Berlusconi e alcuni ministri hanno ricevuto la visita di Emma Marcegaglia e dei due leader sindacali Luigi Angeletti (Uil) e Raffaele Bonanni: entrambi smentiscono sia la chiamata che la cena. Ma Epifani non ci crede: «Quello che è accaduto, se confermato, è gravissimo, senza precedenti e apre un problema formale nei rapporti con le altre organizzazioni sindacali e con la Confindustria». Parole che aprono il fuoco di fila delle polemiche, determinano la presa d´atto di un´unità ormai lontana e spingono la Cgil ad anticipare la data dello sciopero generale già annunciato: si farà il 12 dicembre. Da soli, chiaramente, senza Cisl e Uil. Fatto non raro di questi tempi: ieri il sindacato di Epifani non ha firmato l´intesa sul rinnovo del contratto dei ministeriali siglato invece dalle altre due confederazioni. «E´ un accordo che non si può condividere nemmeno da destra - dice Carlo Podda della Funzione Pubblica Cgil - non introduce alcun rigore e novità sulla produttività e distribuisce aumenti a pioggia, tutti sul tabellare, come non mai negli ultimi dieci anni». Sabato il sindacato di Epifani sarà in piazza da solo contro il rinnovo del contratto del commercio approvato da Cisl e Uil. Domani nella protesta contro la riforma Gelmini sull´Università avrà al suo fianco («al momento» specifica il segretario generale del comparto Alberto Civica) la Uil. Su quel fronte, infatti, la Csil - assieme alla Ugl di Renata Polverini e allo Snals - si è tirata indietro. La manifestazione era stata lanciata dal palco, allora unitario, del mega-corteo di Piazza del Popolo dove - solo poche settimane fa - le tre sigle (assieme a tutte le altre del settore) avevano protestato contro la riforma prevista per la scuola elementare. Ora la Cisl, sugli atenei non ci sta più: «Abbiamo deciso la revoca dello sciopero- afferma Antonio Marsilia, segretario generale per il settore - perché il ministro Gelmini si è impegnato a modificare passaggi importanti e a rispondere alle richieste contenute nella piattaforma». Certo è che nel sindacato ormai la guerra è totale: la Uil, che «per il momento» conferma la protesta per l´Università, smentisce a sua volta il vertice «ad esclusione» in casa Berlusconi. «Non c´è stato - precisa il leader Luigi Angeletti - se c´è, da molti mesi a questa parte, un piano preordinato di divisione del sindacato, è quello posto in essere dalla sola Cgil». Anche alla Polverini quella cena è rimasta sullo stomaco: «L´assenza di sedi istituzionali di confronto incrina l´autorevolezza degli interlocutori e la credibilità delle decisioni prese» ha detto. A tagliare la testa al toro e ai dubbi ci pensa il ministro del Welfare Maurizio Sacconi che così commenta il vertice dell´altra sera: «Gli incontri informali ci sono e ci saranno sempre, ciò che conta è il dato politico».

Torna all'inizio


Concerto per orchestra e coro contro i nuovi tagli alla cultura (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Porte aperte al Regio Concerto per orchestra e coro contro i nuovi tagli alla cultura Il Regio, oggi, è di tutti: apre i saloni in velluto rosso dalle ore 10 alle 22,30, e mette in mostra il lavoro di ogni giorno, al mattino le prove degli allestimenti scenici, quelle dell'orchestra, al pomeriggio le intonazioni del coro, alla sera il concerto. Tutto gratis. Protestano così i dipendenti del teatro contro i tagli al Fondo Unico per lo Spettacolo. Il Regio avrà 24 milioni di euro in meno nel triennio 2009-2011. E complessivamente con questa impostazione del governo, spiega Pietro Gabriele, segretario provinciale dell'Slc-Cgil, Torino rischia di perdere metà dei diecimila occupati nel settore della produzione culturale. C'è particolare sensibilità tra i cento professori d'orchestra: il 30 ottobre hanno suonato in piazza Castello durante la manifestazione studentesca «contro le forbici della Gelmini» e ieri sera un quintetto del Regio itinerante è andato in soccorso degli universitari a Palazzo Nuovo esibendosi in brani degli Anni 40 e 50. Specialisti della protesta? «Fuori orario, stiamo cercando di contribuire alla comprensione del grave problema - dice Giulio Arpinati, sindacalista dell'orchestra -. Ma non siamo specialisti, diciamo che cerchiamo di rendere musicalmente accettabile una protesta che non vorremmo ci fosse motivo di fare». In orario di lavoro (regolarmente retribuito), mettono in scena quello che avviene dietro le quinte. Come i musicisti, altrettanto fanno gli ottanta coristi, e tutti i dipendenti del teatro. Oggi si può assistere al montaggio di allestimenti, alle preparazioni tecniche. Tutti i sindacati sono d'accordo: «La musica, in particolare - dicono -, viene considerata dal governo un bene superfluo, dimenticando quanto l'opera sia elemento fondante della cultura italiana oltre che un valore produttivo di prestigio. Se l'italiano non è una lingua morta al di fuori dei confini nazionali è perché in tutti i teatri del mondo rimane la lingua imprescindibile e principale, se le istituzioni musicali italiane vengono acclamate nelle tournée all'estero è perché la nostra cifra artistica rimane un punto di riferimento riconosciuto da tutti, mentre chi dovrebbe difendere e diffondere il made in Italy sembra disprezzarlo, riducendolo a un capriccio per pochi. Dalle 19 alle 20.30 gruppi da camera accoglieranno i visitatori facendo ascoltare alcuni brani musicali. La manifestazione culminerà con il concerto, alle 21, diretto dal maestro Gianandrea Noseda. In programma: Stabat Mater, la sinfonia del Nabucco di Giuseppe Verdi, di Manon Lescaut di Giacomo Puccini, gran finale con Va' Pensiero.\

Torna all'inizio


"mi hanno visto da berlusconi? si sbagliano, ero a porta a porta" (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 3 - Economia Bonanni nega il summit con Berlusconi e Angeletti "Mi hanno visto da Berlusconi? Si sbagliano, ero a Porta a Porta" ROMA - Al vertice di Palazzo Grazioli lui non c´era, anzi «quell´incontro è un´invenzione bella e buona creata da Epifani per preparare il terreno allo sciopero generale della Cgil». La versione di Raffale Bonanni sul dibattuto vertice è questa. Nega di aver partecipato alla cena con Berlusconi, la Confindustria e la Uil? «Per quanto mi riguarda non c´è stata nessuna cena, se c´è stata non mi hanno chiamato, se mi avessero chiamato ci sarei andato». Alcuni cronisti l´hanno vista lasciare Palazzo Grazioli da un´uscita secondaria. «Si saranno sbagliati, non ero io, a quell´ora ero a Porta a Porta». Secondo lei perché Epifani si sarebbe inventato un vertice dal quale la Cgil era esculsa? «Perché aveva bisogno di giustificare un evento così deflagrante come lo sciopero generale. La Cgil ha voluto costruire un fatto che non c´è per spiegare una posizione radicale, presa da sola senza alcun consulto. D´altra parte sono tre mesi che ci troviamo davanti alle sue iniziative unilaterali e tre mesi che, comunque vada, Epifani si arrabbia». Anche la Cisl ha preso posizioni unilaterali: il giorno dello sciopero unitario sulla scuola, sempre con Angeletti, non è andato a cena con Tremonti, anche se Epifani non era stato invitato? «Quell´incontro mi è servito per chiedere al governo più soldi per la cassa integrazione». Cosa ne pensa di uno sciopero generale della sola Cgil? «Penso che sia un clamoroso errore: non riconosce il lavoro fatto fino ad oggi per trovare vie d´uscita alla grave crisi economica che stiamo attraversando. Non è questo il modo di procedere, non s´inseguono piste illusorie, non si chiudono tutti i tavoli. Tutto volge al velleitarismo quando invece ci sarebbe bisogno di una coesione che eviti il peggio». Perché, si è tirato indietro sullo sciopero per l´Università confermato da Cgil e Uil ? «Perché le condizioni sono cambiate, la Gelmini ha aperto al dialogo, ha fatto capire che la riforma si farà, ma che sarà una riforma condivisa e che si potrà ridiscutere sui fondi». (l.gr)

Torna all'inizio


"ero pronto a fare il passo indietro ma tonino mi ha chiesto di restare" - giovanna casadio (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 14 - Interni Testimonial di un principio Orlando: "Resto il candidato, fino a quando le opposizioni non mi sciolgono da questo mandato" "Ero pronto a fare il passo indietro ma Tonino mi ha chiesto di restare" Sono il testimonial di un principio di democrazia. Sono un uomo dell´opposizione, se non lo fossi non avrei titolo per presiedere la Vigilanza GIOVANNA CASADIO ROMA - Amarezza? «Mah, per fortuna ci sono altre soddisfazioni». Leoluca Orlando ha appena parlato con il vicesegretario del Pd Dario Franceschini. C´era anche Antonio Di Pietro nel capannello, in un corridoio di Montecitorio. E subito dopo, Orlando si sfoga: «Sono e resto il candidato dell´opposizione, di tutta l´opposizione, alla presidenza della commissione di Vigilanza Rai. Fino a prova contraria. Solo le opposizioni possono sciogliermi da questo mandato». Non pensa di fare un passo indietro, onorevole Orlando? «L´ho detto a Di Pietro: "Antonio, guarda, mi tiro fuori dalla partita...". Mi ha risposto: "No, tu devi restare". Sono il testimonial di un principio di democrazia, il simbolo di una cosa che non è più mia. Mi hanno fatto prigioniero di una battaglia. Varrebbe come precedente se facessi un passo indietro, un bruttissimo precedente. Sono diventato un candidato "scolorito", mi guardi, sono l´espressione di un principio». La vedo così determinato da avere annunciato le dimissioni da portavoce di Italia dei valori: un modo per convincere il centrodestra che svolgerebbe un ruolo di garanzia e non di parte? «Ritengo inopportuno da parte di chi ha un ruolo di garanzia avere incarichi di partito. Devo dire che sono mesi ormai, da quando è cominciata questa storia della Vigilanza, che non faccio più il portavoce. Per evitare polemiche, pretesti. Di Pietro mi aveva detto di intervenire in tv sul referendum anti-Gelmini, ad esempio. Ho detto di lasciar perdere. Meglio mantenere un profilo defilato». Però ha fatto quell´intervista in cui ha paragonato il governo italiano al regime argentino. Non è proprio una cosa rassicurante per Berlusconi, ammetterà. «Manuale di diritto internazionale alla mano, in Argentina c´è la ricerca di un rapporto diretto con le masse, una deriva carismatica, si è indebolito il ruolo del Parlamento. E che questo stia accadendo anche in Italia, l´hanno sostenuto non solo Walter Veltroni ma pure esponenti della maggioranza». Non teme di entrare papa e uscire cardinale dalla prossima riunione della Vigilanza? Il veto nei suoi confronti da parte del Pdl sembra senza spiragli. «Non penso che in questo vicenda ci sia qualcosa di personale. Quando il centrodestra ha riparlato della mia intervista sull´Argentina, Di Pietro ha fatto osservare che si trattava di un pretesto. Di interviste ne ho fatte altre, ho detto che vorrei modificare la Gasparri ma finché quella legge sulle tv c´è, va rispettata, Dopodiché, vedremo quel che accadrà in Vigilanza. Non ho timori personali». Certamente lei non è tenero con Berlusconi. «Io sono un uomo dell´opposizione, se non lo fossi non avrei titolo a presiedere la Vigilanza. Come non l´avrebbero avuto Francesco Storace o Mario Landolfi, che la maggioranza di centrosinistra a suo tempo votò, perché questo è il patto, il galateo istituzionale. Non sono certo un black bloc, ho relazioni internazionali. Elettra Marconi mi ha chiesto di farle da mediatore con il presidente Lula per la cerimonia in Brasile nel centenario del Nobel per la Fisica al padre, l´anno prossimo. In Germania gioco in casa, ho ricevuto il premio Adenauer, del mio passato si sa cosa ho fatto come sindaco di Palermo, nella lotta alla mafia...». Appunto. Perché resistere agli schiaffi di Berlusconi? «Non può passare la violazione di una regola di democrazia. Sono il candidato delle opposizioni, finché le opposizioni non mi sciolgono da questo mandato».

Torna all'inizio


I luoghi, ora e allora. Cancellata la scritta, non lavate questo sangue (sezione: Scuola)

( da "Unita, L'" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

I luoghi, ora e allora. Cancellata la scritta, «non lavate questo sangue» E adesso che forse si saprà la verità su quelle terribili giornate di sette anni fa, Genova come reagisce? Come la città medaglia d'oro della Resistenza, la Genova del luglio Sessanta che cacciò i fascisti dalle sue strade, si prepara alla fase finale del processo sul massacro della Diaz? Sono passati 2555 giorni, i ricordi sbiadiscono, l'indignazione si attenua e lascia spazio alla riflessione. Siamo alla ricerca di un filo rosso che ricongiunga l'oggi al passato. Lo ritroviamo davanti a una "pupazza". Una gigantesca, grassa statua di quattro metri monumento all'ignoranza. Lo hanno creato la scultrice Lu e il fabbro Erica. E' nel cortile della Facoltà di Lettere e ha la faccia della ministra Gelmini. Se la pioggia che ci martella da ore farà la grazia di fermarsi, la "pupazza" verrà bruciata. «Diamo fuoco all'ignoranza, quella che sette anni fa ha fatto da sfondo alla brutalità delle giornate del G8». Ci parla Marco, studente poco piu' che ventenne. «Nel luglio 2001 ero sequestrato in casa a causa dei miei tredici anni. Ma quelle immagini le ho viste mille volte in tv. Mi rimane impressa la ferita inferta a Genova e la violenza animalesca su quelle persone che in migliaia erano venute a manifestare per l'idea semplice che un altro mondo è possibile». No, a dimenticare Marco non ci pensa affatto. Lunedì sera in facoltà hanno avuto un incontro con gli avvocati delle parti civili. Titolo «Processo alla polizia». «Ma non spaventi il titolo», ci tiene a chiarire Luisa, un'altra studentessa. «Abbiamo voluto capire attraverso gli atti del processo, leggendo delle omissioni, delle prove truccate, ascoltando le violenze subite da chi quella notte era nella Diaz, come sia stata possibile tanta brutalità. E ora vogliamo giustizia, quella scritta nelle leggi e nella Costituzione della Repubblica italiana». Il movimento del 2008 è così. Semplicemente responsabile. La facoltà è occupata. «Ma si fanno gli esami regolarmente». Giustizia, verità. I sentimenti che l'anarchico della musica Fabrizio De André ha coltivato nelle sue poesie che chiamavano canzoni. Faber è morto, ma vive nel negozio di musica di via Del Campo che l'amico Gianni Tassio volle dedicargli. Nella vetrina c'è la sua "Esteve", più che una chitarra un mito, e sul bancone una enorme damigiana piena di sigarette. «I clienti le offrono a Fabrizio», dice sorridendo Daniela, «la compagna del Tassio che ci ha lasciati un anno fa». Il sottofondo musicale rimanda le parole dolci ma forti de «La canzone del maggio». «Ricordo la città blindata. Che umiliazione per Genova! C'è una foto di Gianni che passa i soldi ad un poliziotto attraverso una grata per farsi comprare le sigarette». Nel negozio c'è il professor Lorenzo Coveri, insegna alla facoltà di lingue, è intento a preparare la grande mostra che da dicembre a maggio ricorderà De André. «Ricordo i ragazzi sanguinanti che uscivano dalla Diaz: in quei giorni la democrazia venne ferita a morte. Speriamo che il processo farà almeno un po' di giustizia». Chi sette anni fa c'era a dare anima e corpo al movimento è don Andrea Gallo, animatore della Comunità di San Bendetto al Porto. «Genova è indifferente, a luglio, in piazza Alimonda, eravamo in pochi a ricordare Carlo Giuliani. I sindacati non si muovono, il Pd è assente, siamo rimasti noi chiamati estremisti a difendere i pm. Quei giudici sono stati coraggiosi, attaccati da tutti. Ero tra i garanti del processo, dopo le prime udienze ho mollato. Mi infastidivano i non ricordo, i mi avvalgo della facoltà di non rispondere detti anche da alti funzionari di polizia». Don Gallo, ultraottantenne compiaciuto, ha la forza di mille ventenni. «Con i manganelli soffocarono il grido di dolore dei giovani, ma è stato inutile. Perché oggi li vedi questi ragazzi, è un'altra generazione, ma chiede le stesse cose». Indifferenza? Walter Fabiocchi è segretario della Cgil. «Certo non è come nei primi anni, l'attenzione si è affievolita. Ma c'è voglia di giustizia. Chi ha sbagliato paghi». Piove sulla città, oggi Palazzo di giustizia sarà blindato. Difficile capire Genova. Perché la città, scrive Maurizio Maggiani, «non è mai una cosa sola, ma sempre due cose assieme, o tre, o quattro. Sempre, in ogni suo luogo, circostanza e anima».

Torna all'inizio


contro l'università truccata verifiche reali sulla ricerca - pier giorgio pinna (sezione: Scuola)

( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 7 - Sardegna Contro l'università truccata verifiche reali sulla ricerca Il colossale problema resta la mancanza di incentivi e disincentivi Nessuno viene premiato quando ha successo o paga se opera male PIER GIORGIO PINNA SASSARI. «Sicuro: l'università italiana è truccata. Ma ci sono almeno due rimedi. Primo: valutare i risultati delle indagini scientifiche dando più soldi a chi fa buona ricerca e meno soldi a chi la fa cattiva. Secondo: garantire agli studenti la possibilità di cambiare sede, con contributi per vitto e alloggio altrove, nel caso il loro ateneo non si riveli adeguato». Roberto Perotti non crede molto alle proteste anti-Gelmini. Mostra però di non considerare soddisfacenti neanche alcuni recenti provvedimenti governativi, soprattutto quelli basati unicamente sui tagli. Dopo aver operato per dieci anni alla Columbia University di New York, dove ha ottenuto la cattedra a vita, oggi questo docente diventato celebre nel giro di breve tempo per un saggio sugli scandali del malcostume accademico insegna macroeconomia alla Bocconi di Milano. - Il suo libro «Università truccata», edito da Einaudi, è già un best seller: riscuote interesse perché centra l'obiettivo di denunciare la corruzione e propone contromisure per risanare l'accademia italiana malata? «Non spetta a me dirlo. Credo sia un giudizio che compete ai lettori. Ma in ogni caso ritengo che sia proprio così: penso che ad attirare l'attenzione contribuiscano questi due elementi combinati fra di loro». - Un intero capitolo è riservato alla parentopoli di Bari: com'è stato possibile che il sistema abbia consentito tanti intrecci nell'attribuzione delle cattedre? «In realtà le vicende di Bari sono sì sviscerate a fondo, ma in Italia non sono le uniche a pesare in negativo. Il malcostume è diffuso. Mi riferisco, fra l'altro, a recenti inchieste giornalistiche che hanno riguardato gli atenei di Messina e Palermo. Ma si potrebbero citare numerosi fatti analoghi». - «Taroccamenti» a go go. «Sicuramente. Il guaio è che i concorsi si presentano tutti regolari sotto il profilo formale. Per un figlio o per un altro familiare presentarsi a sostenere una prova per diventare docente o ricercatore nell'ateneo dove insegna il padre o un parente non è illegale. Le stranezze cominciano quando gli altri, più o meno con le buone, vengono convinti a ritirarsi». - Come si potrebbero combattere questi processi nell'accademia nostrana. «è semplice. Oggi il merito all'università non è riconosciuto. Così come il demerito. Quel padre o quello zio che ha fatto andare in cattedra il figlio o il nipote oggi non risponde di alcunché. La sua carriera continuerà indisturbata persino se il docente in questione si rivelerà un incapace assoluto. Se al contrario dall'aver fatto un passo del genere derivassero gravi conseguenze a chi si è reso protagonista dell'episodio di nepotismo, allora ci sarebbe un deterrente: molti ci penserebbero su prima di avallare certe situazioni». - Durante la sua indagine le è capitato di ricevere segnalazioni su casi di malcostume dello stesso segno nelle due università sarde? «No, ma non ho potuto approfondire. Sa... gli atenei sono talmente tanti». - Da una elaborazione del «Sole 24 ore» l'università di Sassari è in testa nella fabbrica delle cattedre: per quale motivo si è creato un fenomeno del genere? «Non conosco la situazione sassarese e quindi non sono in grado di fare commenti. Posso fare un ragionamento di tipo complessivo». - Quale? «In questi ultimi tempi, con i concorsi nazionali banditi ogni biennio, parecchi pensavano alla fine di essere tagliati fuori dagli avanzamenti di carriera. C'è stata così un aumento territoriale dei concorsi che hanno creato tanti professori ordinari e associati». - Un discorso a sé riguarda le sedi gemmate: lei nel libro cita un corso di laurea che a Tempio nell'anno accademico 2007-2008 aveva 5 iscritti. A che si deve la proliferazione di corsi così scarsamente frequentati? «Le ragioni sono tante. La principale è che le sedi staccate degli atenei sono considerati piccoli centri di potere, spesso favoriti da clientele locali. Un altro motivo che ha influito su questa proliferazione eccessiva è rappresentato dall'erronea convinzione da parte di numerosi ragazzi di frequentare un'università sotto casa. Invece la mobilità è fondamentale». - Quali sono i falsi miti dell'accademia a cui lei fa riferimento nel suo saggio? «Li posso elencare in breve? Sì? Eccoli. All'università mancano le risorse. Siamo poveri ma bravi. Il clientelismo è circoscritto. L'alta formazione gratuita è egualitaria». - Ma non è forse vero che mancano fondi certi e che con gli ultimi provvedimenti governativi i soldi diminuiranno ancora? «Quest'aspetto è stato tra i più dibattuti del mio libro. Ho ricevuto parecchie critiche per aver sostenuto questa posizione. Eppure, i dati risultano dalle comparazioni internazionali. Un caso per tutti. La Gran Bretagna: ha un'università pubblica come da noi ed è un paragone calzante. Ebbene, le spese per studente a tempo pieno britannico e italiano sono equivalenti». - «Poveri ma bravi», si continua a dire: l'università nostrana sarebbe all'avanguardia «nonostante tutto»? «Se si guardano le citazioni e le pubblicazioni sulle riviste internazionali dei professori italiani, si scopre che siamo nella media europea. Più o meno come la Spagna. Certo: esistono punte di eccellenza e parecchi ricercatori bravissimi. Ma numerose classifiche internazionali indicano che il nostro Paese non è all'avanguardia. E del resto perché tanto stupore?». - Già, perché? «Qualora fosse vera la convinzione che siamo effettivamente "poveri ma belli", da questa realtà sarebbero derivati alcuni effetti. Il primo è che in tutto il mondo gli altri si sarebbero affannati a copiare il nostro modello. Il fatto che ciò non avvenga dovrebbe invitarci a maggiore prudenza». - E il clientelismo come «fenomeno circoscritto?». «A lungo molti hanno coperto occhi e orecchie. Ma qualsiasi docente conosce centinaia di episodi di malcostume. La verità, al di là delle apparenze, è diversa». - Ovvero? «Tutti noi sappiamo quali sono i sistemi per truccare i concorsi. Per le prime dieci maggiori facoltà di medicina (non ci sono le due sarde, ndr) nel mio libro quantifico la frequenza dei casi di omonimia tra professori: c'è una media tra l'11 e il 33% d'individui in qualche modo collegati dallo stesso cognome». - Lei sfata un'altra certezza diffusa: e cioè la non correttezza dell'equivalenza università-gratuita = università-egualitaria. «Gli atenei sono pagati con i soldi di tutti. A frequentarla sono in prevalenza i più abbienti. In questo modo le tasse dei poveri finiscono per pagare gli studi dei ricchi». - Per voltare pagina rispetto al passato e al presente, lei, professor Perotti, fa alcune proposte. Può illustrarle, in estrema sintesi? «Le ricette sono di due tipi. Dare più risorse agli atenei migliori. E aumentare la mobilità degli studenti». - Dalle nostre parti invece si parla d'altro... «è straordinario come il dibattito in Italia si perda nei mille rivoli delle minuzie normative, degli inutili appelli al civismo e alla magistratura, mentre si ostina pervicacemente a negare il colossale problema di fondo: la mancanza di incentivi e disincentivi appropriati. Da noi nessuno viene premiato quando ha successo nella ricerca e nell'insegnamento, e nessuno paga se opera male». - Lei scrive di soluzioni nuove a problemi vecchi: quali sono esattamente? «Faccio un solo esempio. Applicando il ragionamento che seguivo poc'anzi, le risorse affluiscono esclusivamente a chi fa bene la ricerca e produce risultati apprezzabili. A questo punto chi finanzierebbe più sedi staccate che non siano in grado di ottenere questi livelli di successo?». - Che cosa pensa dell'Onda e delle proteste contro il governo? «Ritengo che gli studenti siano in gran parte male informati o vittime di slogan fini a loro stessi. In questo modo rischiano di fare il gioco dei baroni e comunque dei docenti più corrotti. Più che alla politica di contrazione delle spese dovrebbero ribellarsi all'assenza della possibilità di valutare correttamente l'operato dei dipartimenti. E, naturalmente, opporsi al malcostume». - E qual è invece la sua opinione sulle riforme appena varate e sulle proposte in divenire elaborate dal ministro Gelmini? «I primi provvedimenti mi hanno trovato contrario. L'ipotesi di trasformazione delle università in fondazioni è destinata a non funzionare: in questo modo gli atenei rischiano di diventare ancora di più centri di potere controllati da poche élites. I tagli indiscrimati, da soli, sono discutibili». - Adesso ha invece cambiato opinione? «Dalle linee guida presentate l'altro ieri e dall'ultima misura normativa che le ha precedute emergono buone intenzioni teoriche. Trovo positivo che il 5-7% delle risorse sia legato al giudizio sulla ricerca nei dipartimenti e che questo rapporto sia estensibile in futuro sino al 30. Ma il nodo sarà come applicare queste riforme». - In che senso? «Non vorrei che le valutazioni fossero fatte sulla base dei soliti criteri fumosi. Occorre una cesura netta rispetto ai metodi del passato. In definitiva, lo dico in maniera estremamente chiara: l'unico parametro di riferimento sicuro è la qualità della ricerca».

Torna all'inizio


Tre pullman per la capitale (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Università Tre pullman per la capitale Oggi alle 23,30 in piazza Garibaldi (con partenza a mezzanotte) ci saranno tre pullman organizzati dagli studenti per partecipare alla manifestazione nazionale a Roma contro la legge Gelmini sull'Università (adesioni si raccolgono ai numeri 334 8694211 e 347 5245710). Intanto alle 17 in piazzetta della Lega ad Alessandria la ricercatrice Cinzia Di Novi, di Scienze politiche, terrà una lezione «aperta». A Scienze politiche e Scienze Mfn, pur non bloccando le lezioni, continuano le riunioni tra gli studenti. Da lunedì questi incontri diventeranno settimanali per approfondire i contenuti della legge Gelmini.

Torna all'inizio


Il Conservatorio "Anche per noi rischio chiusura" (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

SCUOLE. CONTINUA IL MALCONTENTO Il Conservatorio "Anche per noi rischio chiusura" Domani lezione ai giardini per protesta contro i paventati "tagli" della Gelmini [FIRMA]ALICE PEDRAZZI ALESSANDRIA Tutti fuori. La nuova strategia di contestazione «anti decreto Gelmini», con le lezioni all'aperto per respirare aria di libertà e mettere in piazza i problemi, coinvolge anche il Conservatorio. Per la prima volta, abbandonati i toni suadenti della musica, il Vivaldi alza il registro e accende gli altoparlanti: domani, dalle 10 alle 12, allievi e docenti faranno lezione ai giardini, davanti alla stazione. Sulle strade si riverseranno le classi di violino, flauto, tromba e trombone e tra le vie cittadine salirà alto l'eco della protesta: «Per suonare, far lezione, farci sentire» dicono i ragazzi del Conservatorio. Solo una situazione sentita come allarmante poteva creare subbuglio anche in un'istituzione tradizionalmente luogo di studio e cultura, votata al sobrio e intimo rapimento della musica. La preoccupazione, in effetti, corre sui fili dell'alta tensione. A generarla le dichiarazioni del ministro dell'Istruzione: «Settanta conservatori in Italia sono troppi - sostiene Mariastella Gelmini -. Dobbiamo selezionarne solo alcuni». Degli altri, semmai, si occuperanno gli enti locali. E il Vivaldi trema: «La preoccupazione è forte - ammette Fausto Galli, docente di trombone che, con i colleghi, ha sottoscritto un appello -: è in corso un durissimo attacco al sistema di istruzione pubblico. Con scuola e università, anche i conservatori sono vittime della riforma Gelmini». Dall'assemblea dei docenti si è così levato un grido di dolore. Preoccupa non solo il rischio di scomparire, ma anche e concretamente la riduzione del 45% dei finanziamenti previsti per l'anno in corso, oltre all'annullamento dei fondi per il prossimo biennio e il mancato rinnovo del contratto, scaduto 34 mesi fa. «Tutti provvedimenti - conclude Galli - che dimostrano come il mondo dei conservatori sia uno dei più colpiti dalla recente riforma del governo, che si accanisce contro il sapere e la cultura perché non sa immaginare il futuro».

Torna all'inizio


se prevale l'ideologia - (segue dalla prima pagina) (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 35 - Commenti SE PREVALE L´IDEOLOGIA (SEGUE DALLA PRIMA PAGINA) Di fronte alla tempesta perfetta dei mercati finanziari e dell´economia reale, una classe dirigente degna di questo nome, in una democrazia seria e responsabile, si darebbe un´unica missione: unire gli sforzi collettivi in una sorta di «comitato di salute pubblica» e concordare, nei limiti del possibile e nel rispetto dei rispettivi ruoli, le misure necessarie a fronteggiare la crisi. Ma in questa Italia arrabbiata e irresponsabile succede l´esatto contrario. Tutto va in frantumi. La maggioranza rompe con l´opposizione, la Cgil rompe con il governo, i sindacati confederali rompono tra di loro, gli irriducibili rompono con gli autonomi. In questo quadro in rapida decomposizione l´unica cosa che resiste sono gli scioperi, che sono un costo per gli imprenditori, un sacrificio per i lavoratori e un danno per i consumatori. Stiamo assistendo a una stupefacente moltiplicazione di errori tattici, di rigurgiti ideologici, di riflessi condizionati. Il primo errore lo commette Berlusconi, che in un momento di forte tensione sociale non trova di meglio da fare che tagliar fuori la Cgil da un vertice segreto a Palazzo Grazioli in cui riunisce ministri economici, Confindustria, Cisl e Uil. Il secondo errore lo commettono la Marcegaglia, Bonanni e Angeletti, che non avvertono l´urgenza morale e l´esigenza politica di chiedere l´allargamento del tavolo o di rifiutare l´invito del premier. Sono errori dettati non da dilettantismo, ma da un ideologismo: questo governo di destra sempre più marcata, soprattutto attraverso la filiera dei ministri ex-socialisti memori delle feroci battaglie sulla scala mobile, non rinuncia all´obiettivo di regolare una volta per tutte i conti con la Cgil: l´ultimo avamposto del dissenso sociale contro un esecutivo che, ormai, tollera solo il consenso universale. A questo ideologismo (che trova una sponda gregaria nei segretari di Cisl e Uil, colpevolmente disposti a riesumare il fantasma degli accordi separati e lo spettro dei Patti della lavanderia) Epifani risponde con un riflesso pavloviano. Un altro sciopero il 12 dicembre, stavolta solitario, che si somma all´impressionante sequenza «cilena» delle agitazioni in corso: da quella dei cobas Alitalia che da tre giorni tengono sotto ricatto il Paese (dalla quale si sono dissociate le sigle del cosiddetto Fronte del no) a quella dell´Onda studentesca che domani torna in piazza contro la riforma Gelmini e i tagli alle università (dalla quale, per riflesso pavloviano uguale e contrario, si è ora dissociata la Cisl). Da questo scenario di conflittualità endemica l´opinione pubblica può ricavare solo un´inquietante sensazione di inadeguatezza. è inadeguato il governo, cui sta palesemente sfuggendo il controllo della situazione. Siamo in pieno ciclo recessivo, e non si vede ancora una «exit strategy». Si rincorrono voci, si alternano ipotesi, ma per ora si sa solo che «anche il Tesoro ha problemi di liquidità», come avverte Tremonti. In questo clima, il premier dovrebbe avere tutto l´interesse a svelenire il clima: costruire un pacchetto anti-crisi, coinvolgere l´opposizione sindacale in un confronto leale e trasparente di fronte al Paese, chiamare l´opposizione politica a un dibattito serrato ma rispettoso di fronte al Parlamento. Sta facendo l´opposto. Delegittima il centrosinistra e insulta il Pd. Spacca la Triplice e attacca la Cgil. è una scelta insensata e potenzialmente suicida. Un vero uomo di Stato come Nicolas Sarkozy non la compirebbe mai. Ma è inadeguato anche il sindacato. La drammaticità del momento richiederebbe quello che un tempo si sarebbe definito un «equilibrio più avanzato». Uno sforzo unitario, piuttosto che la ricerca di una distinzione. Il terreno è infido, ma ci sarebbe. La crisi morde più duramente i ceti meno abbienti, che vanno difesi con tutti gli strumenti possibili. Ma è ormai chiaro che molti (tra gli ultimi, i penultimi e comunque i più deboli) sono fuori e lontani dal perimetro della rappresentanza confederale. E dunque le piattaforme rivendicative e le «azioni di lotta» di Cgil, Cisl e Uil, tanto più se frammentate e contraddittorie tra loro, finiscono per assumere una fisionomia fatalmente corporativa, che spesso tutela chi è già tutelato e magari lascia scoperto chi non gode di alcuna protezione sociale. E per quanto possano essere legittime le proteste e le agitazioni messe in campo dai confederali in questi e nei prossimi giorni (al contrario di quelle realizzate da Aquila Selvaggia, in palese violazione delle norme di legge) non si può non tenere conto del devastante effetto-domino che producono nei cittadini, sempre più esasperati dai disservizi pubblici e dai disagi privati. Sono scelte scontate e probabilmente autolesioniste. Un grande leader sindacale come Luciano Lama non le avrebbe mai compiute. m.gianninirepubblica.it

Torna all'inizio


L'AMMINISTRAZIONE comunale di Castelnuovo ha deciso di convocare per domani ... (sezione: Scuola)

( da "Nazione, La (Lucca)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

MEDIAVALLE GARFAGNANA pag. 14 L?AMMINISTRAZIONE comunale di Castelnuovo ha deciso di convocare per domani ... L?AMMINISTRAZIONE comunale di Castelnuovo ha deciso di convocare per domani venerdì 14 novembre un consiglio straordinario per discutere ed affrontare le tematiche relative alla riforma scolastica, la cosiddetta Legge Gelmini. «Con la partecipazione allo sciopero nazionale del 30 ottobre ? si legge nella nota inviata alla stampa dal sindaco Sauro Bonaldi a nome dell?Amministrazione comunale ? si sono praticamente concluse le agitazioni studentesche che, pur sotto varie forme, hanno coinvolto gli Istituti superiori di Castelnuovo. Mercoledì 29 ottobre si è tenuta presso i locali del Liceo Scientifico Galilei un?assemblea indetta dagli studenti dell? Isi Simoni, a cui gli stessi avevano invitato anche rappresentazioni delle istituzioni. All?incontro con i giovani erano presenti, infatti, l?assessore del comune Gianluigi Pierotti e l?assessore Gabriella Pedreschi per l?amministrazione provinciale.

Torna all'inizio


"Come la riforma Gelmini muta il futuro dei vostri figli" (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

VALENZA.INCONTRO PER SPIEGARE ALLE FAMIGLIE LE NOVITA' "Come la riforma Gelmini muta il futuro dei vostri figli" Le conseguenze sociali ed educative illustrate stasera da un pedagogista [FIRMA]RODOLFO CASTELLARO VALENZA Anche a Valenza levata di scudi contro la riforma Gelmini. Se ne parla in un incontro dal titolo «La scuola è solo un costo in più?», organizzato dal Comune, per questa sera alle 21,15 al Centro comunale di cultura. «L'Italia, tra le prime nazioni al mondo, costruì negli anni '70 e '80, grazie a una sapiente collaborazione fra politica e pedagogia, un quadro invidiabile e avanzato di servizi scolastici - spiega il vice sindaco Maria Maddalena Griva - Mario Lodi, Gianni Rodari, Don Milani, Loris Malaguzzi e tanti altri nomi restano scolpiti per sempre in questa avventura che appartiene a insegnanti, genitori, allievi, amministratori, tecnici e cittadini, consapevoli di aver contribuito a tenere vivo il valore e i contenuti di una scuola pubblica viva e protagonista delle trasformazioni del nostro Paese. Ora riteniamo di dover prendere posizione sul rischio che queste realizzazioni positive e innovative vengano disperse ed annullate per scelte assai poco condivisibili». L'iniziativa di stasera rientra in questo contesto e si propone come un'analisi di carattere socio-pedagogica sui recenti provvedimenti in materia scolastica. A parlarne sarà Daniele Novara, pedagogista e direttore del Centro psico-pedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti di Piacenza, l'Associazione con cui il Comune di Valenza collabora da sette anni sui temi del supporto alle famiglie e sulle attività rivolte alla infanzia, in particolare il progetto sullo sviluppo della Creatività infantile. «Appare pertanto fondata la preoccupazione di tanti genitori, insegnanti e studenti che si interrogano sulla riforma e chiedono che non vengano tagliate risorse - prosegue Griva -. Daniele Novara chiarirà le ricadute e i problemi da un punto di vista prettamente "educativo" e "pedagogico", per offrire una chiave d'interpretazione utile alle famiglie. Non intendiamo dare vita ad un confronto politico - assicura Griva -, ma consentire a tutti di usufruire di una occasione di informazione e confronto con un esperto sugli aspetti di carattere sociale e pedagogico di una serie di provvedimenti che toccano da vicino la vita e il futuro dei cittadini».

Torna all'inizio


"No" all'autogestione dai liceali del Pascal (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

SCUOLA.CONTRO LA GELMINI "No" all'autogestione dai liceali del Pascal Gli studenti delle superiori di Ovada hanno bocciato l'autogestione. La protesta contro la riforma del ministro Gelmini è saltata perché non c'erano sufficienti adesioni. La scorsa settimana i ragazzi del liceo Pascal, coordinati dal rappresentante di istituto, Luca Mazzarello, avevano organizzato una raccolta firme per verificare quanti erano davvero convinti che l'autogestione fosse la forma corretta per esprimere il dissenso: «Se riusciremo a superare il quorum dell'80% di adesioni potremmo concretizzarla, altrimenti nulla di fatto». Il primo giorno di raccolta sembrava ci fosse un ampio consenso: solo a Ragioneria in meno di 12 ore erano state raccolte 80 firme (su 175 studenti) e in pochi giorni il quorum è stato raggiunto, così come all'Itis Barletti (dove gli studenti sono 220). Al liceo Pascal (345 studenti) invece le firme sono state poche: da qui la decisione di cambiare strumento di protesta. Le lezioni, dunque, si continueranno a svolgere regolarmente, nel frattempo i ragazzi si incontreranno per organizzare un'assemblea pubblica, in programma sabato, come gesto di sostegno e appoggio ai compagni dell'Università.

Torna all'inizio


"Noi, i dimenticati dell'istituto Agrario" (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

ASTI.LEZIONE IN PIAZZA ALFIERI FRA LIBRI E PROVETTE Altre proteste "Noi, i dimenticati dell'istituto Agrario" Il Pellati di Nizza in assemblea Preoccupazione all'istituto d'Arte "La riforma penalizza la scuola più legata al territorio" «Abbiamo i camici, ma non i laboratori». Con questo messaggio, scritto su un cartellone, un gruppo di docenti e studenti dell'istituto Agrario «Penna» ieri ha cercato di attirare l'attenzione dei passanti sotto i portici di piazza Alfieri, nell'orario di punta del mercoledì di mercato. Molti i soppraccigli alzati e gli sguardi perplessi, ma non è mancato chi ha chiesto spiegazione o ha solidarizzato con ragazzi e insegnanti. Un piccolo laboratorio con strumenti di calcolo, provette e alambicchi è stato infatti allestito per la «lezione in piazza», insolita iniziativa che si inserisce nei tanti cori che da settimane si levano in tutti gli ordini di scuole, contro la riforma Gelmini. «La riforma prevede tagli pesanti per la nostra scuola - spiega una delle insegnanti, Roberta Cantatore - Oltre alla perdita di autonomia, ci sarà una riduzione nel monte ore, da 39 a 32, che toccherà soprattutto sulle attività pratiche e di laboratorio, essenziali nella formazione dei nostri ragazzi». Il messaggio lanciato da studenti e insegnanti del «Penna» punta anche a risvegliare l'attenzione degli astigiani sull'importanza dell'indirizzo agrario, in una provincia a forte vocazione agricola, come l'Astigiano. «Colpisce che questa scuola sia così poco conosciuta - sottolinea Cristina Piccarolo, insegnante di Chimica - Si parla tanto di corsi legati al territorio, ma poi ci si dimentica che l'Agrario è l'indirizzo più adatto per chi dovrà occuparsi di produzioni agricole e vitivinicole». La protesta contro tagli e riforme è condivisa da studenti e docenti, uniti sotto gli stessi slogan. «Molta gente non si rende conto delle conseguenze di questa riforma - commenta Riccardo Adurno - Siamo venuti in piazza sperando che qualcuno si chieda cosa sta succedendo nelle nostre scuole». \I tagli previsti dalla riforma Gelmini colpiranno soprattutto l'istituto Agrario «Penna» e l'Artistico «Benedetto Alfieri», che dovrebbero perdere l'autonomia (presidenza e segreteria) e subiranno una pesante riduzione nel monte ore. Nelle scorse settimane 300 studenti dell'Artistico hanno protestato occupando la scuola. Oggi la protesta si sposta a Nizza: alle 15, assemblea degli studenti all'Istituto Pellati. Il «Penna» tornerà in piazza mercoledì prossimo, sempre durante l'ora di punta del mercato. Venerdì, intanto, un incontro al Centro Culturale San Secondo, aperto a tutte le scuole e alla cittadinanza, cercherà di approfondire aspetti e conseguenze della riforma in atto. \

Torna all'inizio


E i giovani di An vanno a difendere il ministero (sezione: Scuola)

( da "Unita, L'" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

E i giovani di An vanno a difendere il ministero «L'altra gioventù», la chiama il leader Giuliano Castellino, alter ego di Gianluca Iannone. Un pezzo dell'ultradestra romana che si è staccato da Casa Pound per confluire in An. E che domani pomeriggio ha convocato davanti al ministero di viale Trastevere una contro-manifestazione in difesa della Gelmini. Slogan: «Saliamo in cattedra» e «Liberiamo la scuola dalla dittatura del '68». O anche: «Sosteniamo il cambiamento contro la reazione progressista». Oggi la rivoluzione - spiega l'ex testa rasata Castellino - passa per l'azione di governo. Look e stile dell'«altra gioventù» sono quelli di Casa Pound, saranno uguali anche i mezzi? MA.GE.

Torna all'inizio


Tagli, l'Università in piazza Ma la Cisl fa la fronda (sezione: Scuola)

( da "Unita, L'" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Tagli, l'Università in piazza Ma la Cisl fa la fronda La sigla di Bonanni in meno di un giorno fa la piroetta e si dice «convinta» dalla Gelmini. A Roma la manifestazione nazionale, una costola di studenti pronta a sganciarsi dal corteo per «assediare» Montecitorio. 24 ore per cambiare idea e per «strappare» con Cgil e Uil. Tanto c'ha messo la Cisl per sfilarsi dallo sciopero di domani contro i tagli all'istruzione. Una conversione a «U» dopo che martedì alla fine del vertice fiume dell'Eur tra sindacati e Gelmini le tre sigle erano uscite con la conferma della mobilitazione. «Il ministro si è impegnato a modificare alcuni passaggi importanti della manovra sull'università e a dare risposte concrete alle richieste contenute nella piattaforma per lo sciopero» spiegava ieri Antonio Marsilia, segretario generale della Federazione Università della sigla di Bonanni. «Non comprendiamo la ragione della Cisl: noi siamo coerenti e fedeli alla piattaforma unitaria, così funziona un sindacato. Non bastano dichiarazioni di buona volontà» la risposta di Mimmo Pantaleo della Cgil. Ed il fatto che il Ministero della Funzione Pubblica ieri abbia fatto sapere che non intende incontrare i sindacati di Università e Ricerca per Pantaleo conferma che «il verbale fatto ieri all'incontro con Gelmini è pura finzione: si confermano le nostre ragioni dello sciopero». Idem dalla Uil: sul merito dalla Gelmini «nessuna garanzia sufficiente»». E mentre a stoppare arrivano anche Ugl, Confsal Snals Università Cisapuni e Snlas-Confsal Ricerca, il movimento intanto si prepara. A Roma concentramento a piazzale Aldo Moro, di fronte alla Sapienza, alle 8,30: gli studenti arriveranno da tutta Italia con pullman e treni. A Padova Trenitalia ha fissato a 15 euro il prezzo del biglietto per la Capitale, da Torino invece sono stati messi a disposizione del comitato torinese «No Gelmini» un convoglio per raggiungere la manifestazione nazionale, disponibile per andata e ritorno, a 45 euro a testa. Rischia di trasformarsi invece in un non facile problema di ordine pubblico il concentramento indetto per le 15.30 di oggi in Stazione Centrale a Milano dagli universitari che intendono recarsi a Roma domani: Trenitalia infatti non avrebbe previsto treni speciali o in affitto per gli studenti, che tra l'altro avevano rischiesto tariffe calmierate. Nella Capitale altri due cortei prenderanno il via da Piramide (universitari di Roma Tre) e da piazza della Repubblica (studenti medi). Il corteo dei sindacati partirà invece dalla Bocca della Verità per dirigersi a P.zza Navona, alle spalle del Senato, passando per via delle Botteghe oscure e corso Vittorio Emanuele II. Una «costola» di studenti però si staccherà per dirigersi e cingere d'«assedio» Montecitorio. Ma la protesta continuerà anche sabato e domenica con le assemblee generali che si terranno all'interno delle diverse facoltà occupate: scienze politiche, lettere, fisica e chimica. GIUSEPPE VITTORI ROMA politica@unita.it

Torna all'inizio


Piano Confindustria mani (e interessi) sugli istituti tecnici Presentato alla Gelmini nei giorni scorsi durante un incontro da cui sono stati allontanati i giornalisti: nelle scuol (sezione: Scuola)

( da "Unita, L'" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Piano Confindustria mani (e interessi) sugli istituti tecnici Presentato alla Gelmini nei giorni scorsi durante un incontro da cui sono stati allontanati i giornalisti: nelle scuole un Cda che abbia strada libera nelle nomine dei docenti Le mani di Confindustria su un pezzo della scuola pubblica: gli istituti tecnici. Gli industriali vogliono «comandare» sui percorsi d'istruzione per il settore tecnologico (meccanica, trasporti, elettronica ed elettrotecnica, informatica, comunicazione, chimica, tessile, agricoltura, costruzioni). E dettano la loro «action plain» alla Gelmini. Probabilmente di questo hanno parlato a Sanremo, l'8 novembre scorso, nel seminario a porte chiuse dei direttori di Confindustria dove la ministra ospite ha preteso che venisse allontanato dalla sala anche il giornalista del Sole 24 Ore. Ed eccolo il piano «segreto» di Confindustria: istituire «solo» negli istituti tecnici un Cda «in cui vi sia una presenza significativa di soggetti esterni dalla scuola: espressione del mondo della produzione e/o servizi, in relazione agli indirizzi di studio». Un Cda con poteri effettivi di governance con i presidi, per avere mano libera sulla nomina dei docenti tecnici di loro fiducia. Come si evince nel capitolo "risorse umane": «Gli istituti tecnici devo poter scegliere in autonomia gli insegnanti di materie tecniche, tecnici di laboratorio, ufficio tecnico. Questo personale deve essere svincolato dalle classi di concorso e dall'assegnazione centralizzata». Vale a dire, le graduatorie ministeriali. Confindustria vuole avere voce in capitolo anche sui diplomati, quindi propone una presenza delle realtà economiche nelle commissioni d'esame. Scarta invece come «non realistico» l'insegnamento di una seconda lingua straniera per gli istituti tecnologici. Ecco l'idea di scuola degli industriali che fanno capo alla Marcegaglia. Un'istruzione pubblica in cui lo Stato mette le risorse ma sono gli industriali che scelgono una parte degli insegnanti e organizzano il lavoro. Non è un caso che l'opzione delle Fondazioni degli istituti tecnologici - che richiederebbe anche un contributo finanziario - nell'action plain elaborato da Confindustria viene indicata come ultima chance. Scienze integrate È la nuova materia proposta dagli industriali nel primo biennio e riunisce tutti gli insegnanti a carattere scientifico: chimica, fisica, biologia e scienze della terra. Il Cda Tale organo affiancherà il dirigente e deve avere «la responsabilità» complessiva per l'indirizzo generale, il piano di sviluppo pluriennale della scuola, il programma annuale ed i «rapporti con le imprese e le aziende che costituiscono i naturali interlocutori di ciascun istituto». Gli attuali Consigli d'istututo avranno un ruolo solo consultivo. «La partecipazione democratica - si legge nel documento - deve essere tenuta distinta dalla gestione, dall'indirizzo tecnico e dal governo. Se il termine Cda "distrurba" - si sottolinea - se ne può trovare un altro. Ma non si può prescindere da uno specifico modello di governo degli istituti tecnici, data la loro precisa missione: formare i quadri intermedi che devono contribuire allo sviluppo delle aziende di produzione e servizi». Docenti e laboratori Materie di studio ridotte di numero e orario a 32 ore settimanale. «Va eliminato il doppione costituito dall'insegnante tecnico-pratico, che è quasi sempre un generico diplomato privo di esperienze concrete». Esperti esterni Individuati da un comitato tecnico-scientifico. «Non possono essere in numero minoritario. I docenti interni non possono essere nè in maggioranza numerica nè designati dal collegio docenti. La scelta va affidata al dirigente su criteri indicati dal Cda».

Torna all'inizio


porte aperte da stamattina verdi e puccini sono gratis - vera schiavazzi (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina IX - Torino Open day al teatro: dopo le prove il concerto diretto da Noseda Porte aperte da stamattina Verdi e Puccini sono gratis La protesta VERA SCHIAVAZZI (dalla prima di cronaca) Il professor Marco Tempesta ha 45 anni, un figlio di 5, una moglie pianista e disoccupata. Il suo lavoro/passione è suonare il trombone nell´orchestra del Teatro Regio e oggi, da mattina a sera, lo farà gratis per tutti i torinesi che vorranno attraversare il cancello sulla piazza e mettere il naso dove forse non sono mai entrati, conoscere quel piccolo mondo antico e sempre nuovo, fervido e creativo che consente a un´opera lirica di andare in scena, emozionare e ricevere applausi. L´open day - nato sulla spinta dell´entusiasmo degli studenti che, scesi in piazza contro il ministro Gelmini, avevano ascoltato il concerto gratuito dei musicisti del teatro - durerà dalle 10 alle 22.30 e avrà il suo momento più solenne alle 21, con un concerto diretto da Gianandrea Noseda, in programma Verdi e Puccini e un trascinante Va´ pensiero finale. Ma chi sono, perché si lamentano e quanto guadagnano i «lavoratori del Regio»? E qual è il senso, per una città in piena crisi, di conservare un teatro d´opera che per molti rischia di apparire lontano, anacronistico, un lusso riservato a pochi e non più sostenibile? Trecentocinquantasette uomini e donne lavorano ogni giorno in teatro, 163 di loro sono artisti - dai musicisti al coro ai direttori - il resto si divide tra tecnici e amministrativi. Ieri in piazza Castello il clima era quello della vigilia di una nuova opera: prove, riunioni improvvisate per organizzare l´accoglienza al pubblico, impiegati, funzionari e tecnici impegnati fino a tarda sera per quella che - a tutti gli effetti - è un´operazione di comunicazione ai torinesi, ragazzi e pensionati in prima fila, attesi durante il giorno, che normalmente non si siedono sulle poltroncine rosse del teatro. «Ho studiato sei anni al Conservatorio, poi come privatista a Ginevra, altri diplomi, il servizio militare che mi è servito a prendere la patente C perché se non andava bene con la musica potevo almeno guidare un camion? sono entrato qui 22 anni fa, guadagno 2000 euro al mese ma i colleghi arrivati da poco non superano i 1500. Che cosa faccio? Studio, per essere pronto quando proveremo col direttore: in questo lavoro bisogna dare il meglio, e noi ci proviamo, un po´ come fa un atleta», racconta Tempesta. Che aggiunge: «In passato ho votato per Berlusconi, questa volta no perché sapevo che il suo governo ci avrebbe danneggiati. E sono contento di non averlo fatto». Mauro Barra, 49 anni, artista di coro, è al Regio dal 1983: «Ho studiato privatamente perché nei Conservatori ti insegnano a fare il solista, una cosa diversa da quella che serve a noi. Il mio strumento è la voce, se la perdo sono guai, me ne devo ricordare anche quando vorrei sgridare i figli? Credo che se un paese pensa di tagliare i suoi teatri è il primo passo verso l´imbarbarimento. Si può stare senza? Certo, si possono cancellare anche i musei e le scuole. E dopo?». Interviene Mauro Ponzio, 35 anni, che del coro è l´ispettore (ancora precario): «Controllo presenze e assenze, gestisco le trasferte, mi occupo che si siano tutti quelli che servono - spiega - Sono entrato qui dentro come comparsa, ho fatto un po´ di tutto, compreso il macchinista, e questa è la mia casa, la mia città, un posto speciale. Torino ama questo teatro in un modo straordinario, è una follia pensare di tagliarlo». Franco Inz, 57 anni, viceresponsabile tecnico, è l´uomo che fa funzionare la macchina: «Quando la gente torna a casa dopo teatro dice ?belle luci, bei costumi, bravi i cantanti´, ma non pensa che le scene non si muovono da sole? Credono che qui sia un´isola felice, noi invece sappiamo che se i tagli saranno davvero quelli annunciati forse non avremo la prossima stagione. Per questo domani sera sarò qui, fuori dal turno: mi sono offerto volontario per salvare il mio teatro».

Torna all'inizio


treno speciale per i ragazzi dell'onda - ottavia giustetti (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina XI - Torino Treno speciale per i ragazzi dell´Onda Domani in piazza anche gli studenti delle scuole superiori I soldi per i biglietti raccolti con un concerto dell´orchestra del Regio OTTAVIA GIUSTETTI Il treno speciale per gli studenti ci sarà. Lo ha annunciato ieri Trenitalia dopo che un gruppo dell´assemblea No Gelmini era andata in corteo martedì a Porta Nuova a chiedere condizioni speciali per raggiungere la capitale in occasione della manifestazione di domani. Il convoglio parte questa sera con undici carrozze e sarà disponibile anche per il ritorno a 45 euro a testa. Ma saranno molti anche quelli che partiranno con i pullman, in diretta video con la trasmissione "Anno Zero" che questa sera sarà in collegamento con Torino, con le officine grandi riparazioni, dove saranno riuniti studenti del Politecnico, dell´Università e delle scuole medie superiori e operai di diversi stabilimenti cittadini per parlare di come il movimento di protesta dei ragazzi stia dialogando con la componente operaia in questa città molto più che altrove. Anche gli studenti delle scuole superiori saranno in piazza domani a Roma per protestare contro i tagli dell´università. Come lo scorso 30 ottobre per lo sciopero della scuola si erano uniti al corteo anche ragazzi e professori dell´università. «Si avvicina il prossimo grande appuntamento di mobilitazione nazionale contro la strategia dei tagli del governo su scuola e università - scrive in un comunicato la Rete degli studenti medi - venerdì la manifestazione nazionale indetta dai sindacati della scuola sarà grande e partecipata, con uno corteo studentesco al quale arriveranno studenti da tutte le città italiane. Gli studenti delle scuole superiori saranno presenti al corteo con uno spezzone. L´appuntamento è in piazza della Repubblica alle 9.30». Intanto ieri sera l´Assemblea No Gelmini di Palazzo Nuovo per autofinanziare la trasferta ha organizzato un concerto nell´atrio della sede delle facoltà umanistiche. Nonostante l´esibizione in strada del 30 ottobre avesse scatenato accese polemiche politiche (Alleanza Nazionale chiedeva la decurtazione di un giorno di stipendio ai musicisti), l´orchestra del Teatro Regio torna a esibirsi a sostegno della protesta degli studenti proprio nell´ambito di questo concerto, seguirà l´esibizione del cantante reggae Zuli e una dj set per tutta la notte. Sempre nell´ambito della mobilitazione contro la riforma, inoltre, alle 19.30 c´è stato un incontro con i lavoratori e le lavoratrici delle biblioteche dell´Università di Torino che occuperanno simbolicamente la biblioteca «Gioele Solari». Alla diretta radio a reti unificate organizzata dalle emittenti universitarie italiane per il corteo di Roma parteciperà anche la radio dell´Università di Torino, Centodieciweradio. L´iniziativa è promossa da «Raduni», associazione degli operatori radiofonici e televisivi universitari di tutta Italia. Durante la diretta, che dalle 9.30 si protrarrà sino alle 12.30, sarà lanciato il concorso «Un Assegno per la ricerca», che premierà con 500 euro il miglior video dedicato allo stato attuale della ricerca negli atenei italiani, tema caldissimo. Tra i nomi illustri che commenteranno la manifestazione e discuteranno l´evoluzione della protesta e dei provvedimenti governativi, ci saranno Daniele Luttazzi, Paola Cortellesi, Marco Travaglio, Massimo Gramellini, Alessandro Bergonzoni, Margherita Oggero, Davide Ferrario. Per ascoltare la diretta basterà collegarsi al sito www.110.unito.it.

Torna all'inizio


Legge Gelmini: corteo e sit-in domani in Comune (sezione: Scuola)

( da "Giorno, Il (Lodi)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

LODIGIANO pag. 7 Legge Gelmini: corteo e sit-in domani in Comune CODOGNO ? CODOGNO ? CORTEO per il centro storico e sit in davanti al municipio. Si terrà nel tardo pomeriggio di domani la manifestazione contro la legge Gelmini sulla scuola promossa dal Comitato difesa scuola pubblica. Dopo l?iniziativa a Casale, il 30 ottobre scorso, e a Lodi l?8 novembre, ora tocca a Codogno: alle 17,30 di domani chi vorrà aderire alla protesta potrà farsi trovare in piazza Cairoli da dove partirà il serpentone che attraverso via Roma raggiungerà il municipio di via Vittorio Emanuele. Qui i manifestanti sono intenzionati a presentare un proprio documento al sindaco Emanuele Dossena. POI SONO previsti anche momenti di festa e di aggregazione in piazza per sensibilizzare la popolazione sui contenuti della legge che, secondo gli attivisti del comitato, mette a rischio chiusura almeno quindici materne e sei tra elementari e medie del Lodigiano. La riduzione dell?orario scolastico a 24 ore settimanali, il ritorno al maestro unico, il taglio dei posti di lavoro, fine del tempo pieno sono i principali nodi che il fronte della protesta mette in luce. M.B.

Torna all'inizio


e sul web trionfa anna nuova eroina della protesta - laura mari (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina V - Roma La storia E sul Web trionfa Anna nuova eroina della protesta LAURA MARI L´Onda ha la sua eroina virtuale. Si chiama "Anna Adamolo" e il suo nome è stato creato anagrammando le lettere di "Onda anomala". La paladina delle lotte anti-Gelmini non esiste nella realtà, ma solo sul web, in particolare nel blog annaadamolo.noblogs.org, ideato dai collettivi studenteschi in lotta da ormai un mese contro i decreti Gelmini e Tremonti. SEGUE A PAGINA XII

Torna all'inizio


SARÀ IL PRESIDENTE della Provincia, Giorgio Kutufà, ad aprire la seduta... (sezione: Scuola)

( da "Nazione, La (Livorno)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

CRONACA LIVORNO pag. 4 SARÀ IL PRESIDENTE della Provincia, Giorgio Kutufà, ad aprire la seduta... SARÀ IL PRESIDENTE della Provincia, Giorgio Kutufà, ad aprire la seduta congiunta dei consigli comunale e provinciale sulla scuola. Il 17 novembre nella sala convegni del Chiostro della Madonna le istituzioni livornesi parleranno della riforma Gelmini e delle sue ricadute sul territorio labronico. Le forze di centrodestra hanno invitato a parlare l?onorevole Fustagni, vicepresidente della commissione regionale sulla scuola. DOPO il saluto del presidente Kutufà, la seduta sarà sospesa, così come vuole il regolamento del consiglio comunale, per consentire gli interventi degli esterni: sindacalisti, studenti e rappresentati del mondo scolastico livornese. Dopo l?intervento dell?onorevole Fustagni e dell?assessore regionale Gianfranco Simoncini, si aprirà il dibattito politico. CINQUE minuti a disposizione per ogni rappresentante dei gruppi consiliari mentre le conclusioni sono affidate al sindaco Alessandro Cosimi. «Non si può parlare di scuola solo durante le proteste degli studenti ? dice il presidente del consiglio provinciale, Mario Giannullo che, insieme ad Enrico Bianchi presidente del consiglio comunale, condurrà la seduta congiunta ?. Questa è l?occasione di aprire un confronto per un rapporto diverso con il mondo scolastico». ANCHE le opposizioni di centrodestra e di sinistra hanno condiviso l?impostazione della seduta: «L?importante ? dice Maristella Bottino vicepresidente ? è dare dignità istituzionale al consiglio, evitando le strumentalizzazioni». SODDISFATTO il vicepresidente del consiglio provinciale Luciano Giannoni e comunale Marco Cannito: «Era una richiesta pervenuta dalla base, quella di una seduta consiliare aperta sulla riforma Gelmini. E? un modo per dare la parola a chi vuol parlare di scuola, evitando, però, inutili passerelle». m.b.

Torna all'inizio


l'onda spinge in piazza 100mila studenti - laura mari (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina XI - Roma L´Onda spinge in piazza 100mila studenti Domani tre cortei. "Mani alzate e volto scoperto: assedieremo Montecitorio" I manifestanti dormiranno nelle facoltà occupate della Sapienza LAURA MARI L´esercito dell´Onda si prepara alla lunga marcia. «Sarà un evento storico» annunciano da giorni i leader della protesta. Mentre infatti i sindacati si spaccano sulla manifestazione di domani (Cisl, Ugl e Snals hanno ritirato la loro adesione allo sciopero generale dell´università e al corteo dei sindacati che sfilerà dalla Bocca della Verità a piazza Navona), il movimento studentesco si dimostra sempre più compatto e la città universitaria della Sapienza già da stasera sarà pronta ad ospitare, nelle facoltà occupate, gli studenti italiani in arrivo con pullman e treni speciali. «Attendiamo l´arrivo di almeno 100mila studenti - annuncia Francesca Brancaccio, della facoltà di Scienze Politiche - la nostra sarà una protesta pacifica, a mani alzate e volto scoperto, ma alla Questura chiediamo di autorizzare l´arrivo del corteo fino a Montecitorio». Oltre al corteo che partirà alle 9.30 da piazzale Aldo Moro (dopo aver sigillato con lucchetti e catene il cancello d´ingresso della Sapienza), un altro corteo alla stessa ora sfilerà da piazzale dei Partigiani e sarà composto dagli studenti medi e di Roma Tre. «All´altezza di piazza dei Cinquecento si uniranno alla manifestazione anche gli studenti degli altri atenei italiani - fa sapere Giorgio Sestili della Sapienza - e a piazza Venezia i cortei si ricongiungeranno per dirigersi a Montecitorio». Proseguono, intanto, gli happening creativi. A Roma Tre oggi si terrà la "contro-inaugurazione dell´anno accademico", organizzata dagli studenti dopo che il rettore Guido Fabiani ha deciso di annullare, in segno di protesta contro i tagli del decreto 133, l´inaugurazione ufficiale. «Stasera nella facoltà occupata di Lettere ci sarà la festa dell´Onda» annunciano gli studenti di Roma Tre. E alle 15, sempre a Lettere, ci sarà un incontro con Marco Travaglio. Sabato e domenica, invece, la protesta tornerà nel quartier generale della Sapienza (completamente occupata nel weekend) dove circa 4mila rappresentanti degli atenei in mobilitazione si raduneranno per l´assemblea nazionale dell´Onda e per approvare il documento della "controriforma Gelmini". E oggi gli studenti dell´Onda tenteranno un attacco hacker al sito del ministero dell´Istruzione (www.miur.it): alle ore 14 migliaia di cybernauti si collegheranno al portale del ministro Gelmini e cercheranno di intasarlo per impedirne la funzionalità e l´accesso.

Torna all'inizio


è polemica sulle "classi-ghetto" "l'assessore marsilio si scusi" - anna maria liguori (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina XI - Roma Contestata dagli studenti durante il viaggio della Memoria: ieri è scoppiata la querelle è polemica sulle "classi-ghetto" "L´assessore Marsilio si scusi" ANNA MARIA LIGUORI è bufera sull´assessore capitolino alle Politiche educative Laura Marsilio dopo le affermazioni fatte ad Auchwitz, durante il viaggio della Memoria organizzato dal Comune e fatto con 250 studenti: martedì sera durante il dibattito con gli studenti alla domanda sul rischio di discriminazione contenuto nella proposta Gelmini di istituire classi differenziate, ha parlato della sua esperienza di studentessa e di come la didattica risultasse compromessa dalla massiccia presenza di extracomunitari, «fino all´80 per cento», in aule romane, definite «classi-ghetto». Anche se la Marsilio ha poi dichiarato che «il confronto con gli studenti a Cracovia è stato sollecitato dai ragazzi, è avvenuto in un contesto informale, dunque a celebrazioni ultimate, è stato animato ma civile», non si placano le polemiche suscitate dalle sue dichiarazioni. Il vicecapogruppo capitolino del Pd Mario Mei ha sottolineato come «per la responsabile delle Politiche educative del comune di Roma in visita ad Auschwitz la didattica scolastica è a rischio perché compromessa dalla massiccia presenza di extracomunitari nelle classi elementari romane, da lei definite classi ghetto per la presenza fino all?80% dei bambini immigrati. Evidentemente preferisce leggi specifiche di educazione scolastica e basate sulla razza». Mentre il consigliere capitolino del Pd Gianfranco Zambelli ribadisce che «non era necessario il viaggio ad Auschwitz per ricordare ai cittadini romani le vere idee dell´assessore alla scuola. Sostenere che le classi con preponderanza di alunni immigrati sono dei ghetti, vuol dire avere un concetto di integrazione e di dialogo multiculturale del tutto anomalo. Ci consola che l´Assessore Marsilio ha finalmente gettato la maschera e ha mostrato il suo autentico volto politico alla città. Una città che, per sua vocazione e quale centro della cristianità, è stata sempre aperta». E ancora. «Parlare di classi ghetto ad Auschwitz - dichiara Paolo Masini consigliere comunale Pd, vicepresidente commissione scuola - significa non capire dove si è e che ruolo si ricopre. Già nel passato l´assessore Marsilio aveva proposto per le classi percentuali di bambini stranieri più vicine alle leggi razziali del ?38 che ad un mondo che vede, negli Stati Uniti, per la prima volta eletto un presidente afroamericano». Intanto il Pdl fa quadrato. Il vicepresidente della commissione Scuola del Campidoglio, Ludovico Todini non ha dubbi: «A sinistra si coltivano sistematicamente retropensieri, strumentalizzazioni e una scarsa serenità d´animo. In un momento caldo per la scuola, come quello attuale, il confronto con gli studenti, ad Auschwitz come luogo della memoria come in qualsiasi altro posto in Italia, non può non cadere sulla riforma Gelmini. Nessuna voglia di segregazione, nessun atteggiamento di esclusione si ravvisano nelle parole e nelle analisi dell´assessore Marsilio, ma semmai la descrizione dell´oggettiva difficoltà didattica dalla quale invece si deve partire per mettere effettivamente tutti gli studenti nelle migliori condizioni di apprendimento».

Torna all'inizio


Una serata eclettica fra Cesare Pavese e turbogas (sezione: Scuola)

( da "Cittadino, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Una serata eclettica fra Cesare Pavese e turbogas n Sabato 15 novembre la sala parrocchiale di Turano ospiterà "Una serata dedicata a Cesare Pavese" nel centenario dalla sua nascita. L'incontro, fissato alle 21 ed organizzato dal parroco don Luigi Gatti - in collaborazione con l'associazione culturale turanese "La locomotiva" - prevede letture e brani musicali a cura del gruppo lodigiano Fabularia e discussioni a livello locale su tematiche quali la scuola e l'ambiente. Per "La locomotiva" questo sarà l'ultimo appuntamento dell'anno in attesa degli incontri previsti nel 2009. Dopo le feste natalizie si ricomincerà infatti con il cineforum e con iniziative a tema: «Non mancheranno accenni al decreto Gelmini e a tutte quelle tematiche, come la centrale a turbogas di Bertonico - afferma l'ex sindaco Emilio Casali -, che in questo momento rivestono grande importanza nel nostro territorio». Pavese parla spesso di arte intesa come "mestiere" e la tecnica gli serve come autodisciplina per sfuggire alle tentazioni del romanticismo, con una scelta che non intende solamente rispondere a canoni estetici ma soprattutto a quelli etici: «Questo autore evita nelle sue opere tutte le forme romanzesche che si basano su costruzioni tradizionali e costruisce storie con trama narrativa quasi inesistente ma capaci di evidenziare profondi valori esistenziali e religiosi», prosegue Casali. E parlando della giornata di sabato anticipa: «Analizzando i suoi testi vogliamo tentare di rispondere con l'aiuto della cittadinanza ad una precisa domanda: è possibile nel nostro paese ripetere l'esperienza del 1998 quando sfruttando le forze di tutti in un momento di crisi è stato possibile salvare le scuole elementari ad un passo dalla chiusura?». Non mancheranno approfondimenti sulla centrale a turbogas che Sorgenia ha iniziato a costruire nell'area ex Gulf, sul territorio dei comuni di Turano e Bertonico: «I benefit promessi non risolveranno i problemi in arrivo - conclude l'interessato. Ci dicono che ora bisogna guardare avanti ma non aggiungono come riuscirci. Conoscere fin da ora la qualità dell'aria penso sia un diritto di tutti i cittadini e un dovere per tutti gli addetti ai lavori».

Torna all'inizio


sul web anna e la protesta - laura mari (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina XVII - Roma SUL WEB ANNA E LA PROTESTA LAURA MARI (segue dalla prima di cronaca) «Ho partecipato sin dall´inizio a tutte le mobilitazioni contro la 133 che taglia i fondi alle università pubbliche- si legge sul blog dell´eroina dell´Onda- una parte di me è in ogni studente, in ogni precario, in ogni ricercatore, in ogni stagista, bambino e genitore in lotta contro la riforma dell´istruzione». Sul blog di Anna Adamolo da giorni si danno appuntamento liceali, universitari e insegnanti che, attraverso la voce dell´eroina virtuale, raccontano la loro storia e fanno proposte su come migliorare la scuola italiana. E l´invito a diventare tutti Anna Adamolo passa anche attraverso il social network Facebook: dal blog è possibile infatti scaricare il kit completo di foto, adesivi, timbro e occhiali simili a quelli indossati dal ministro Gelmini.

Torna all'inizio


I confederali si spaccano Cgil resta sola (sezione: Scuola)

( da "Giornale di Brescia" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Edizione: 13/11/2008 testata: Giornale di Brescia sezione:in primo piano Sindacati Triplice in rotta I confederali si spaccano Cgil resta sola Università, la Cisl si sfila dalla mobilitazione dopo l'incontro con il ministro Gelmini Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti hanno partecipato ad un incontro informale a Palazzo Grazioli senza Guglielmo Epifani. Si profila una frattura nella Triplice ROMAI sindacati si dividono sulla protesta sull'università e il ministro Gelmini ottiene un primo importante risultato nel confronto con i sindacati. La Cisl, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani. Ma gli altri - Cgil, Uil e, soprattutto, gli studenti - scenderanno in piazza per protestare contro la legge 133 e anche perché poco convinti delle novità introdotte con il decreto legge «tecnico» su concorsi e alleggerimento del blocco del turn over. Ma la frattura tra i sindacati è resa più profonda dall'esclusione della Cgil, da parte dell'Esecutivo, all'incontro di Palazzo Grazioli di martedì sera tra il premier, il ministro Sacconi, il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, il leader della Cisl Raffaele Bonanni e il segretario della Uil Luigi Angeletti. Così mentre la Cisl usciva di scena dalla mobilitazione di domani, la Cgil ha annunciato uno sciopero generale per nuove misure anti-crisi per il 12 dicembre. Si spezza il fronte sull'università Il ministro Gelmini martedì ha avuto una riunione-fiume con i sindacati e ieri ha incontrato la Conferenza dei rettori la quale ha ribadito il proprio apprezzamento sul decreto legge appena firmato dal presidente della Repubblica, che contiene provvedimenti a favore delle università più virtuose e prevede, tra l'altro, l'assunzione di nuovi ricercatori. Ai rettori il ministro ha anche esposto le linee guida per l'università sottolineando la necessità di ridurre i corsi di laurea non indispensabili e le sedi distaccate. Oltre che dalla rappresentanza istituzionale dei rettori, un'apertura di credito al Governo è arrivata dunque anche dalla Cisl. «Abbiamo deciso la revoca dello sciopero - ha spiegato Antonio Marsilia, segretario generale Cisl Università - perché il ministro con il documento sottoscritto ieri si è impegnato a modificare alcuni passaggi importanti della manovra governativa sull'università e a dare risposte concrete alle richieste contenute nella piattaforma per lo sciopero del 14 novembre». Ma la Cgil («complessivamente - aveva detto il segretario generale della Flc, Mimmo Pantaleo - vengono riconfermati i tagli previsti dalla legge 133 e l'impianto del decreto Brunetta») e la Uil («al momento - ha spiegato Alberto Civica, segretario generale della Uil università - non ci sono ragioni per una revoca») non si sono fatte convincere dalle rassicurazioni del ministro. E neanche gli studenti. Domani saranno in piazza massicciamente: centomila ne sono attesi nella capitale, dal Nord e dal Sud del Paese, e tra questi, circa 4.000 dormiranno nelle facoltà occupate de «La Sapienza», in vista dell'assemblea nazionale degli Atenei che si terrà sabato e domenica nella città universitaria. L'incontro di Palazzo Grazioli L'incontro «ad eslcudendum» di martedì sera a Palazzo Grazioli tra governo-Cisl-Uil-Confindustria senza la Cgil ha scatenato un putiferio nel sindacato e ha accorciato i tempi per la proclamazione dello sciopero generale da parte della confederazione diretta da Guglielmo Epifani. Il direttivo dell'organizzazione sindacale ha infatti dato mandato alla segreteria di proclamare la mobilitazione nazionale a sostegno della piattaforma «anti-crisi» indicando già ieri la data: il 12 dicembre, giornata in cui si sarebbe dovuto svolgere lo sciopero dei metalmeccanici della Fiom. Lunedì la segreteria deciderà i dettagli della protesta, che sarà di almeno 4 ore. L'indicazione è quella di organizzare la mobilitazione a livello provinciale o regionale. È quindi escluso che ci sia una manifestazione nazionale a Roma. Restano intanto confermate le altre iniziative di lotta, a partire da quella «unitaria» di domani l'università e quella di sabato 15 novembre dei lavoratori del commercio, settore in cui Cisl e Uil sono andati alla firma «separata» sul contratto. La proclamazione dello sciopero del 12 dicembre pone l'accento sulla spaccatura tra Cgil da un lato e Cisl e Uil dall'altro, aggravata dall'incontro che martedì si è tenuto a Palazzo Grazioli tra esponenti del Governo, i segretari di Cisl e Uil e Confindustria. L'incontro «segreto» a Palazzo Grazioli, che la Uil continua a negare, ha suscitato però anche l'irritazione dell'Ugl, il sindacato più vicino politicamente alla maggioranza di Governo. «Pensavamo che la stagione degli incontri riservati fosse terminata con la scorsa legislatura. Nel rapporto tra Governo e parti sociali c'è ormai un problema di metodo che, se possibile, viene prima ancora di quello di merito», ha detto il segretario, Renata Polverini.

Torna all'inizio


"porgiamo l'altra guancia in attesa delle leggi all'ars" - emanuele lauria (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina III - Palermo Il vertice "Porgiamo l´altra guancia in attesa delle leggi all´Ars" Il presidente della regione convoca una riunione dei partiti che lo sostengono EMANUELE LAURIA (segue dalla prima di cronaca) Quagliarello è intervenuto in aula per sottolineare la necessità di «un chiarimento all´interno della maggioranza» dopo il licenziamento in tronco dei due assessori dell´Mpa da parte del sindaco Cammarata. In quel preciso momento è sembrata tremare come non mai la litigiosa alleanza che sostiene il governo nazionale, quello siciliano e qualche centinaia di giunte locali in giro per il Mezzogiorno. I lavori di Palazzo Madama sono stati interrotti dal presidente Renato Schifani, che ha convocato una conferenza dei capigruppo. Anche perché, la questione posta da Quagliariello, senatore campano, andava risolta immediatamente. Nel giro di qualche ora, infatti, la maggioranza al Senato avrebbe dovuto votare per due segretari d´aula e fra i nomi indicati c´era quello di Carmelo Oliva. Un esponente, appunto, dell´Mpa. Giovanni Pistorio, braccio destro di Lombardo e presidente del gruppo misto, si è dovuto affrettare a chiarire che «il problema di Palermo è solo locale e che l´Mpa è parte della maggioranza». Salvando, così, l´incarico in arrivo per il collega, eletto in serata. Ma non diradando le nubi all´orizzonte di questo centrodestra allargato agli autonomisti siciliani. Che da ieri si sono fatte più scure. Cammarata asserisce di aver preso la sua decisione senza essersi consultato con i big che hanno dimora fissa a Roma (Schifani, Alfano) e Lombardo, dal canto suo, non ha reagito violentemente. Non una ripicca nei confronti degli alleati, non una minaccia di usare la stessa arma nella giunta da lui presieduta. Anzi, un distinguo stilistico l´ha fatto Nicola Vernuccio, commissario palermitano dell´Mpa: «Non mi sembra che il governatore abbia licenziato i due assessori regionali dell´Udc, quando non votarono la riforma della sanità». E allora, per dirla con il segretario regionale Lino Leanza, la strategia per ora è quella «di porgere l´altra guancia». Fino a quando? Almeno fino a quando il governo regionale non incasserà le due leggi che ritiene fondamentali per il prosieguo della sua azione: la riforma della sanità, appunto, e il riordino di assessorati e dipartimenti. «Sono due passaggi epocali, dobbiamo assumerci la responsabilità di tenere il quadro politico complessivo compatto», afferma ancora Leanza assicurando che il caso Palermo «non avrà ripercussioni sul governo regionale e sulle giunte locali». Ma l´Mpa ora si sente vittima. E il pericolo avvertito sta tutto in una parola pronunciata sia da Leanza che da Vernuccio: pretesto. I dirigenti della Colomba temono che le motivazioni addotte da Cammarata nel determinare la frattura a Palermo possano essere solo il pretesto del Pdl per scatenare un´offensiva a tutto campo. Dietro la mossa del sindaco potrebbero esserci ragioni locali: «Abbiamo chiesto chiarimenti sulle municipalizzate che non abbiamo mai ricevuto: e ora siamo fuori dall´amministrazione», dice Vernuccio. Ma c´è chi intravede una strategia più ampia dei berlusconiani: fare pressing su Lombardo e sull´assessore Russo per modificare la legge che ridisegna la mappa di Ausl e ospedali. A questo proposito, Lombardo ha già convocato un vertice di maggioranza che dovrebbe svolgersi in questi giorni. Forse proprio oggi. «All´ordine del giorno ci sono i problemi della sanità ma a questo punto si discuterà anche della tenuta dell´alleanza», diceva ieri un autorevole esponente forzista. E l´obiettivo non sarà, per l´Mpa, riconquistare le poltrone perdute a Palermo. Ma ottenere rassicurazioni più convincenti, al termine di sei mesi da capogiro che a Roma hanno visto gli autonomisti urlare, nell´ordine, contro lo scippo dei fondi per le infrastrutture in Sicilia, contro il no all´attribuzione delle accise sugli oli minerali alla Regione, contro la riforma Gelmini, contro lo svuotamento dei fondi Fas. Un semestre di governo che a Palermo, dopo la sbornia elettorale, ha visto Mpa e Pdl litigare in continuazione proprio sui due capisaldi dell´azione amministrativa indicati da Leanza: le nuove norme sulla sanità e sulla burocrazia. Il momento è delicato, malgrado i tentativi di ridurre il caso Palermo a un fatto locale. Lombardo e parte del Pdl (per non parlare dell´Udc che ieri è tornata a sparare ad alzo zero su Russo) sono separati in casa. A confortare il governatore, fra i berlusconiani, sono rimasti Gianfranco Micciché e i suoi uomini in giunta, da Bufardeci e Cimino. Specie dopo il passaggio di Musotto all´Mpa che ha raffreddato i rapporti con Schifani e Alfano. Lombardo va avanti sorretto da questa coalizione sfilacciata, con una data già cerchiata sul calendario: dal 12 al 14 dicembre ci sarà il congresso nazionale dell´Mpa. «Il clima nazionale nei confronti del Sud è cambiato, è più ostile - dice Leanza - Ma noi al congresso riaffermeremo con forza la nostra identità di partito del Mezzogiorno. E, sia chiaro, non siamo più disponibili ai compromessi. Sbaglia di grosso chi pensa che l´Mpa possa fare da stampella a maggioranze in cui non si riconosce».

Torna all'inizio


domani l'onda ritorna in piazza nuovi cortei di liceali e universitari - claudia brunetto (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina V - Palermo In contemporanea la manifestazione nazionale a Roma. Da Palermo partono in trecento Domani l´Onda ritorna in piazza nuovi cortei di liceali e universitari CLAUDIA BRUNETTO Una delegazione partirà oggi pomeriggio per Roma con il treno delle 18,40. E chi è rimasto in città, domani mattina sfilerà in corteo per le strade del centro. Così gli studenti universitari e quelli delle scuole superiori si preparano alla manifestazione nazionale di domani contro i tagli nella scuola e nell´università previsti dalla riforma Gelmini. Andranno a Roma trecento persone con il viaggio spesato grazie al ricavato delle iniziative di autofinanziamento che in questi giorni si sono svolte in tutte le facoltà: concerti, feste e cene sociali. è fallito, infatti, il tentativo di ottenere un accordo con Trenitalia per un´agevolazione sui costi del biglietto. «Come assemblea "No Gelmini" - dice Giorgio Martinico di Lettere - l´altro ieri abbiamo organizzato un presidio alla stazione, ma non siamo riusciti nel nostro intento. Siamo comunque pronti a partire per Roma. è un appuntamento importante a cui non possiamo mancare». La decisione di organizzare un corteo parallelo a quello della capitale, è stata presa durante l´assemblea di ateneo che si è svolta ieri mattina nell´aula magna della facoltà di Ingegneria. Gli universitari si muoveranno alle 9,30 da viale delle Scienze fino a piazza Bologni e quelli medi alle 9 partiranno da piazza Croci per la stessa destinazione. In piazza, poi, si svolgerà un´assemblea cittadina. «Abbiamo già iniziato il volantinaggio - dice Sofia Sabatino del liceo classico Meli - E come giorno 7 tutte le scuole superiori scenderanno in piazza. Siamo pronti per la mobilitazione di domani. La protesta della rete degli studenti medi continua ancora anche se con forme diverse. Speriamo di essere in tanti». Il tavolo di coordinamento di ateneo sta ancora mettendo a punto il documento da presentare sabato all´assemblea nazionale organizzata a La Sapienza di Roma. «Abbiamo discusso a lungo in assemblea di ateneo su questo documento - dice Pasquale Di Pollina, rappresentante dell´Unione degli universitari - stiamo cercando di buttare giù delle proposte utili per l´università che noi studenti vorremmo. Sarà importante anche pianificare dopo la manifestazione di domani le altre iniziative di protesta. Il movimento degli studenti deve rimanere unito». Un´assemblea poco partecipata quella di ieri mattina - circa cento persone - che ha rinvigorito le posizioni di Azione universitaria: «è ormai evidente - dice Giammaria Saitta, presidente provinciale di Azione universitaria - che l´onda della protesta anti-Gelmini si è infranta. La folla oceanica della prima assemblea è ormai un ricordo sbiadito per gli organizzatori». E sulla mobilitazione di domani interviene anche Carolina Varchi di Azione universitaria e rappresentante del consiglio degli studenti: «Dopo la scarsa partecipazione dell´assemblea di ateneo - dice la ragazza - non ha senso una ulteriore sospensione delle attività didattiche. Fermo restando il legittimo diritto di sciopero dei docenti da non confondere con l´arbitraria sospensione delle lezioni». E in attesa della manifestazione di domani, oggi continuano le lezioni en plein air partecipate da professori e studenti. Dalle 12 alle 18 la facoltà di Lettere e filosofia organizza in piazza Indipendenza tre incontri curriculari con Francesco La Mantia, Marco Carapezza e Francesca Barone. Il coordinamento "Giurisprudenza in protesta", invece, alle 11 nel Giardino dei Giusti in via Alloro, propone la lezione di Vincenzo Militello, ordinario di diritto penale sul tema delle leggi razziali con gli interventi di Giorgia Spinnato e Chiara Mancuso. Intanto, continua la protesta dei professori precari davanti a Palazzo d´Orleans. Ai manifestanti è arrivata la solidarietà di un gruppo di parlamentari argentini in visita in Sicilia. Gli uomini politici hanno deciso di pranzare assieme ai prof accampati in piazza Indipendenza.

Torna all'inizio


E' DI QUESTI giorni la notizia che molti esercizi commerciali della nostra p... (sezione: Scuola)

( da "Nazione, La (Pisa)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

AGENDA PISA pag. 10 E? DI QUESTI giorni la notizia che molti esercizi commerciali della nostra p... E? DI QUESTI giorni la notizia che molti esercizi commerciali della nostra provincia hanno chiuso a dimostrazione che la crisi economica non si combatte riducendo il potere di acquisto dei salari o sottoscrivendo contratti nazionali al ribasso come hanno fatto Cisl e Uil nel commercio. L?ultimo contratto del commercio ha avuto aumenti lordi per due anni di 74 euro rateizzati e ?un suo arbitrario del lavoro festivo? con l?obbligo di lavorare 13 domeniche all?anno in cambio di una indennità di pochi euro. NEL commercio ci sono tanti negozi nei quali esercitare il diritto di sciopero è praticamente impossibile, ma sono proprio questi ambienti di lavoro dove i diritti individuali e collettivi vengono calpestati. Per questo i Cobas mettono a disposizione dei commessi il loro sportello legale\vertenze (per informazioni recarsi alla sede provinciale di via San Lorenzo 38 ogni mattina o telefonare allo 050 8312172). Per la manifestazione del 14 novembre a Roma (sciopero nazionale dell?università) saranno centinaia gli studenti che partiranno da Pisa. A loro si uniranno i lavoratori dei Cobas università. I Cobas ritengono troppo debole la linea della Cgil e di Uil e Cisl (avrebbero dovuto fare come i Cobas e scioperare il 17 ottobre quando la Gelmini era ancora in discussione al Parlamento. Non lesinano critiche al Governo. LA VOLONTA? del governo (malgrado la propaganda sulle sue false ?aperture?, tese a portare confusione nel movimento di lotta) è di tenere ferma la sostanza delle sue decisioni: taglio dei fondi destinati all?università, alla ricerca e al lavoro nel settore pubblico (cancellazione di posti, cacciata di precari, negazione di ogni loro stabilizzazione, attacco al salario e ai diritti), privatizzazione sfrenata del sapere. E TUTTO questo, che rappresenta un impoverimento sociale e culturale di dimensioni disastrose, viene spacciato per risanamento economico il che vuol dire: fare ?risparmi? sui settori sociali a reddito basso e medio-basso, per regalare a quelli con reddito alto e medio-alto, in particolare alle imprese, prime fra tutte le banche. Cobas Confederazione Pisa

Torna all'inizio


Università, niente stop (sezione: Scuola)

( da "Resto del Carlino, Il (Rovigo)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

ROVIGO AGENDA pag. 22 Università, niente stop I socialisti: «Non costa nulla, inutile chiuderla» «CHE L?UNIVERSITÀ a Rovigo debba chiudere appare la cosa più paradossale. Con la scusa di mettere mano agli sprechi, si eliminerebbe una cosa che davvero funziona e che al bilancio dello Stato non costa nemmeno un euro. Questo Governo non potrebbe dare alla nostra provincia una prova più eloquente della sua contraddittorietà tra il dire e il fare. Avezzù e Bellotti si stanno sganciando dai loro compagni di viaggio, o vogliono crearsi una loro credibilità prendendo le distanze dal Ministro Gelmini? La presenza di attività universitaria nella nostra città data ormai da oltre un decennio, dato che la prima Convenzione tra l?Università di Padova e il Cur è stata firmata nell?estate del 1996. Allora furono istituiti i Diplomi Universitari, ma con la riforma dell?ordinamento delle Lauree nel 2002 fu firmata una nuova Convenzione, e a questa si aggiunse quella con l?Università di Ferrara. Entrambe le Convenzioni si reggono sul principio che gli oneri finanziari sono garantiti dal territorio polesano. Le Lauree che si tengono a Rovigo e la Ricerca Scientifica che viene svolta a Rovigo non costano nulla allo Stato, ma sono finanziate dal Cur (cioè i suoi soci: Provincia, Comune e Camera di Commercio) e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, la quale successivamente ha assunto su di sé tutte le spese per l?attività accademica (docenti e ricercatori) con Convenzioni con ciascuna delle due Università. Rovigo svolge una funzione di formazione primaria per conto di tutta l?area veneta, e non solo, come dimostrano gli studenti che provengono da tutte le province del Veneto e da molte altre, poiché i nostri corsi sono esclusivi e non sono presenti in altri Atenei. Anche la Ricerca Scientifica è esclusiva, come si evince dal Centro Interdipartimentale di Studi Etico-giuridici, che affianca il Centro di Certificazione delle Nanotecnologie, che è un settore del Consorzio Veneto per le Nanotecnologie, emanazione fifty-fifty nazionale e regionale. Se chiude Rovigo, viene detto in ambiente universitario, dovrebbe chiudere anche Vicenza, che è sede decentrata di Padova per Ingegneria Gestionale. Assurdo. L?Ateneo patavino ha attrezzato il centro di Rovigo con apparecchiature tecnologiche le più avanzate, giusto perché vede in Rovigo non tanto una sede remota, ma una dilatazione funzionale della sua attività sul territorio. Per quanto riguarda l?autonomia del nostro polo, come dichiarano Avezzù e Bellotti, il discorso sembra peregrino perché creare una nuova Università ? che non potrebbe che essere privata, visto che si intende chiudere una parte delle pubbliche ? significherebbe triplicare almeno il budget attuale, e avventurarsi in uno sforzo annuo di qualche decina di milioni di euro». Riccardo Mantovani Federazione Giovanile Socialista - Rovigo

Torna all'inizio


E' IN PROGRAMMA per oggi alle ore 17, presso la scuola media Don Milani di v... (sezione: Scuola)

( da "Nazione, La (Massa - Carrara)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

CRONACA MASSA pag. 5 E? IN PROGRAMMA per oggi alle ore 17, presso la scuola media Don Milani di v... E? IN PROGRAMMA per oggi alle ore 17, presso la scuola media Don Milani di via Pisa a Marina, un?assemblea cittadina per conoscere cosa comporta per la scuola massese la cosiddetta riforma Gelmini. Interverranno il professor Adriano Godano (dirigente scolastico), la prof.ssa Daniela Bernasconi, uno studente e un genitore del ?Coordinamento studenti, genitori e insegnanti di Massa Carrara?. Gli organizzatori dell?assemblea rilevano che la mobilitazione prosegue dopo le molte iniziative in tutta la provincia: «Salviamo l?istruzione pubblica, patrimonio di tutti».

Torna all'inizio


Blitz degli studenti anti Gelmini alla Fiera di Genova (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

«ABCD»LA PROTESTA ARRIVA AL SALONE DELL'EDUCAZIONE Blitz degli studenti anti Gelmini alla Fiera di Genova [FIRMA]MIRIANA REBAUDO GENOVA Slogan anti ministro, alternati a «Se non cambierà, lotta dura sarà». E, ancora, la scritta con spray rosso «No 133» sullo stand del ministero dell'Istruzione. È iniziato nel segno della protesta «Abcd», il Salone italiano dell'Educazione, la tre giorni sul mondo della scuola a 360 gradi organizzato dalla Fiera di Genova. I manifestanti, universitari dell'Onda, studenti medi e anche qualche esponente dei centri sociali, si sono radunati davanti al padiglione B, che ospita la manifestazione, già intorno alle 9 quindi hanno compiuto un rapido blitz tra gli stand e poi, una volta tornati sul piazzale, hanno dato vita ad un corteo non autorizzato e, incolonnatisi dietro allo striscione «Gelmini dove sei?» hanno raggiunto piazza De Ferrari (causando non pochi disagi al traffico, già «impazzito» a causa della pioggia) dove gli studenti si sono fermati, mentre i ragazzi dell'Onda hanno proseguito per via Balbi. L'Onda ha trovato casa anche ad «Abcd» grazie agli allievi del liceo artistico Klee-Barabino che hanno dipinto una grande onda con vari toni di azzurro e blu. Protesta studentesca a parte, la giornata inaugurale del Salone ha visto già grande affluenza, comprese alcune scolaresche delle materne. Ad intrattenere i più piccini le insegnanti di tecniche espressive del Gruppo Scienza. «La scuola è un tema strategico e l'effervescenza che si vede conferma che si tratta di un argomento caldissimo» ha commentato subito dopo l'inaugurazione il presidente della Fiera Paolo Lombardi ricordando che questa è ormai «la manifestazione di riferimento per tutt'Italia: gli Stati generali della scuola si fanno a Genova».

Torna all'inizio


le scuole hanno rischiato di chiudere ulivieri: non si è fatto allarmismo (sezione: Scuola)

( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 13 - Grosseto Le scuole hanno rischiato di chiudere Ulivieri: «Non si è fatto allarmismo» CASTEL DEL PIANO. «Non abbiamo strumentalizzato un bel niente». Franco Ulivieri, sindaco di Casteldelpiano e presidente della Conferenza dei sindaci, risponde per le rime a Luciano Giglioni, di Fi che aveva attaccato l'atteggiamento dei politici di centro-sinistra e della Comunità Montana, di fare del terrorismo politico a proposito del decreto Gelmini. "Spariranno almeno 4 scuole dall'Amiata Grossetana", era stato, infatti, il leit motiv dei vari interventi che nei giorni caldi delle proteste studentesche si era ripetuto anche da parte dei politici di centrosinistra. Un allarme rosso, tanto che una conferenza permanente era stata creata proprio in Comunità Montana con la partecipazione e il supporto dell'assessore all'istruzione Alessandra Marini. Poi l'intervento dello stesso presidente Giovanni Alessandri che paventava la chiusura di 4 scuole e la presenza all'assemblea generale studentesca di alcuni sindaci del comprensorio che avevano condiviso con gli studenti l'aria della protesta. Ma Giglioni non ci era stato e aveva sostenuto da subito che si dimenticava un passaggio e che quelle scuole che non raggiungevano i numeri imposti dal decreto si potevano salvare semplicemente chiedendo una deroga, prevista per le zone montane. Così sembrava al consigliere azzurro che vi fosse stata e vi fosse strumentalizzazione del caso scuola da parte del centro-sinistra. Adesso Ulivieri replica al consigliere di Forza italia, dicendo che strumentalizzazione non vi è stata: «E ben lo sa Giglioni - afferma Ulivieri - dato che fu proprio lui stesso a contattarmi per affrontare il problema scuola, confezionando una bozza di documento in cui si faceva presente che il problema c'era e come. Per ciò che riguarda, poi, l'invito di Giglioni, di chiedere la deroga prevista per le zone montane, lo informo che noi l'abbiamo già chiesta senza aspettare i suoi suggerimenti, conoscendo bene le possibilità aperte dalla legge a cui Giglioni fa riferimento. Non abbiamo avuto alcuna difficoltà a fare la domanda di deroga e siamo ben contenti se, come sembra, è stato ritirato l'art. 6 che penalizzava i plessi sotto le 50 unità». F.B.

Torna all'inizio


la parentopoli delle riforme - nino blando (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina XV - Palermo LA PARENTOPOLI DELLE RIFORME NINO BLANDO osa rimane, nella sostanza, del sommovimento che ha investito - e per la verità tuttora investe - il mondo dell´istruzione e della scuola anche siciliano, dopo i provvedimenti presi, annunciati e ipotizzati dal ministro Gelmini? Dove i problemi autentici, come sempre capita, si sono mescolati all´arte della citazione di un copione che, esattamente da un quarantennio, celebra i suoi tic sempre uguali a se stessi, ma svolgendo nello stesso tempo la funzione importantissima di rito di passaggio nella soggettività delle nuove generazioni alla loro fase adulta e di cittadinanza. Così che al modernariato del corteo, dell´assemblea, del leaderino innamorato del microfono e un tempo intento a immaginare il mondo «nella misura in cui» mentre oggi nemmeno se stesso data l´avarizia di futuro, sempre coesiste comunque l´unica dimensione oggi possibile, in tempo di pace, di esperienza collettiva pregna di un qualche senso. Discoteca esclusa. Sono state settimane in cui il tema pedagogico, all´improvviso, è diventato oggetto di conversazione nelle famiglie, tra gli amici al bar, alla fermata dell´autobus. Insomma, tutti professori e bidello neanche uno. L´altro giorno i maestri precari hanno protestato di fronte alla sede della Regione. Persone che fino all´anno scorso erano comunque riuscite a spuntare una cattedra, ma che da settembre al suono della campanella sono rimaste a casa. In mancanza peraltro di alternative credibili offerte dall´economia siciliana. E le esigenze della lesina sistemica di Tremonti e gli stipendi reali che non entrano più nelle tasche di migliaia di famiglie come succederà sempre più nei prossimi anni, non fanno esattamente un gioco a somma zero. Mentre nel profluvio di interventi, molti sprechi da tagliare sono stati individuati nella organizzazione del sistema scolastico, prima che nella esorbitanza del personale. Resta il fatto che il tema sia stato sviscerato in tutte le sue molteplici pieghe. E tuttavia come sottrarsi all´impressione e al rischio che una sorta di sindrome come quella relativa alle riforme costituzionali da fare nel nostro Paese, alla fine non possa interessare anche le riforme scolastiche? Ricordate? Da oltre un trentennio, anche con apposite commissioni e bicamerali, si discute a ondate successive che bisogna cambiare la seconda parte della nostra Costituzione, quella in cui si assegnano i poteri al governo, al parlamento e alla magistratura. Bene. Con il risultato concreto però di vagonate di parole e zero fatti. Tanto che possiamo onestamente dire, pure a sinistra, che l´unica riforma costituzionale di fatto si chiama purtroppo Silvio Berlusconi. Che una maledizione del genere incomba ora anche sulla scuola, ecco io non lo escluderei. è perfettamente possibile che il punto di contatto tra una operazione squisitamente contabile come quella del governo, e le innegabili resistenze conservatrici del nostro mondo scolastico non sia, oltre le apparenze, una contraddizione ma una saldatura che chiuderà definitivamente la stagione delle riforme davvero necessarie. La parentopoli nell´Università di Palermo non scomparirà per il solo fatto che se ne sia parlato tanto in questi giorni. Purtroppo. Esiste un più generale problema di ingessatura della nostra società che nessun codice etico potrà modificare senza prima un mutamento radicale nei comportamenti e nel costume. L´Università potrà migliorare solo se accanto alla sua dimensione pubblica nascerà un sistema privato che, solo, può infonderle le necessarie virtù, diminuendo i suoi tanti vizi attuali. La concorrenza, anche nell´ambito formativo, aguzza l´ingegno, mentre il regime di monopolio lo ammoscia. Dunque non l´autonomia né tanto meno la disseminazione di facoltà e corsi, o peggio ancora di intere università, per ciascuna provincia, può essere mai la soluzione, ma bensì un sistema misto pubblico - privato. Le corporazioni parentali e la riproduzione delle professioni si possono tentare di rompere semplicemente in questa maniera e non con l´etica delle buone intenzioni. Quella che mantiene i privilegi e alla fine non muta un bel nulla. La verità è che in questo modo la scuola e l´Università non cambieranno mai. Se si incontrano - altro che scontro! - la brutalità ragionieristica del governo con le tante ipocrisie e i non detti conservatori di chi in fondo, al di là delle apparenze, vuole che le cose restino così come sono.

Torna all'inizio


Un pezzo di Campus a Roma (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

UNIVERSITA' DAL PRESIDENTE DELLA SPES GARANZIE SUL FUTURO DILEGINO Un pezzo di Campus a Roma [FIRMA]CRISTINA BENENATI SAVONA Anche il Campus universitario di Legino si sta organizzando per partecipare allo sciopero nazionale degli atenei indetto per domani a Roma dai sindacati. Per protestare contro i tagli e altri provvedimenti della riforma Gelmini gli studenti si stanno coordinando con alcuni rappresentanti dell'Università di Genova e con i sindacati, per avere informazioni dettagliate su treni speciali e pullman in partenza per la capitale. Prendere parte al grande corteo nazionale è la forma di protesta che gli universitari savonesi considerano più efficace, sia per «fare numero» che per segnalare la presenza di una sede universitaria attiva e impegnata. Qualora non si arrivasse a concordare una tariffa agevolata con Trenitalia e non si trovassero posti nei pullman noleggiati dai sindacati locali, per gli universitari savonesi si presenterebbe la scelta tra un viaggio «fai da te» verso Roma e la partecipazione alla manifestazione di Genova. Nelle prossime ore la situazione dovrebbe essere più chiara anche per i rappresentanti degli studenti e per i docenti, alle prese con un giro di telefonate al fine di individuare il numero esatto di partecipanti alla protesta. Non si esclude la presenza di alcuni studenti delle scuole superiori, che con tutta probabilità si uniranno a un gruppo di liceali genovesi. Per domani si prevede un Campus silenzioso. A Legino intanto, martedì si è svolto un importante incontro sui possibili tagli e il futuro della sede di via via Magliotto. Gli studenti di Scienze della comunicazione hanno cercato e in parte ottenuto rassicurazioni da Alessandro Schiesaro, presidente della Spes e capo dell'Ufficio tecnico per l'università e la ricerca al ministero dell'Istruzione. A quanto pare, Savona conta su risorse finanziarie e su una funzione didattica che la renderebbe «intoccabile», per lo meno rispetto alle numerose sedi universitarie italiane con pochi locali, numeri esigui di iscritti e dove esistono solo «doppioni» di corsi presenti nelle sedi principali. Ma prevedere il futuro, come ha aggiunto Schiesaro, è tutt'altro che facile. Resta una grande preoccupazione per i cinquanta studenti del corso di Scienze della comunicazione che in queste settimane hanno presenziato allo sciopero, alle lezioni in piazza e al «funerale della scuola»: se il Campus continuerà ad esistere, come incideranno i tagli? In poche parole, che Campus sarà rispetto alle prospettive di espansione spesso ribadite tanto dagli amministratori locali quanto dai vertici dei docenti? Un interrogativo che al momento rimane senza risposta, visto che i risultati dei tagli nelle università si vedranno concretamente solo nel 2010. Per il popolo del «No Gelmini» del polo savonese, per ora, non resta che aspettare e continuare a organizzare iniziative di protesta. Oltre allo sciopero nazionale, per studenti e docenti della facoltà di Scienze della comunicazione (che intendono coinvolgere le altre facoltà presenti a Savona, finora poco presenti alle manifestazioni di piazza) prosegue un fitto calendario, che prevede una seconda giornata di «didattica all'aperto» e la probabile partecipazione allo giornata di «mobilitazione internazionale degli studenti» di lunedì 17 novembre.

Torna all'inizio


"Fermiamo la riduzione delle scuole in attesa della nuova legge Gelmini" (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

ALBISSOLA M.IL SINDACO PARODI SCRIVE ALLA REGIONE "Fermiamo la riduzione delle scuole in attesa della nuova legge Gelmini" Il piano di dimensionamento scolastico 2009-2012, approvato martedì in Regione prevede la soppressione dell'Istituto secondario di primo grado «Fabrizio De Andrè» e della Direzione scolastica che ha sede nel polo della Massa di Albisola Superiore, che ingloba le due Albisole e Stella. «In effetti, mentre si cerca di unificare le due Albisole, il nuovo dispositivo tende a separarle, indebolendole», spiegano dalla Direzione didattica. Oggi gli iscritti alla scuola media a Superiore sono 210, a Marina 170, a Stella 50. Alle materne ed elementari ci sono 600 bambini a Superiore e 250 a Marina. Sommando queste cifre, se la soglia minima che evita i tagli si assesta sulle 500 unità, Superiore è a quota 810, mentre Marina arriva a 430 elementi. Insomma, un sottodimensionamento che preoccupa il direttivo, i docenti e i genitori degli alunni delle due Albisole. Stefano Parodi, sindaco di Albissola Marina, ha scritto una lettera al presidente Burlando e al suo vice con delega all'Istruzione Massimiliano Costa, e all'assessore della Provincia Carla Siri «affinché sia mantenuta l'attuale situazione nell'attesa dei regolamenti conseguenti alla legge Gelmini e per non interrompere l'esperienza positiva di questi anni evitando prevedibili disagi che un cambiamento comporterebbe nelle attività formative in corso. Il nuovo edificio scolastico che sarà realizzato nei prossimi anni, consentirà di avere una struttura efficiente, atta eventualmente ad accogliere l'Istituto comprensivo di Albissola». \

Torna all'inizio


APPROVATO all'unanimità dal consiglio comunale di Monterotondo Marittim... (sezione: Scuola)

( da "Nazione, La (Grosseto)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

AMIATA / COLLINE pag. 10 APPROVATO all?unanimità dal consiglio comunale di Monterotondo Marittim... APPROVATO all?unanimità dal consiglio comunale di Monterotondo Marittimo, riunitosi in seduta straordinaria per discutere assieme ai cittadini la situazione della scuola pubblica a seguito della legge Gelmini, un documento in cui «esprime la propria volontà di adoperarsi per il mantenimento delle scuole, richiedendo che vengano introdotte norme a salvaguardia delle aree montane e dei piccoli comuni nel rispetto della costituzione che sancisce il diritto all?istruzione». A dare maggior forza al documento, la frase con cui si «da atto che in questo momento è necessaria la mobilitazione di tutti coloro che ritengono che l?istruzione debba occupare un posto di rilievo». NEL CORSO della seduta aperta sono stati altresì illustrati i vari passaggi della legge Gelmini, rilevando che la chiusura di numerosi plessi scolastici numericamente al di sotto dei parametri ministeriali avrà ricadute pesantissime per quei comuni, quale appunto Monterotondo, che già vivono insormontabili problemi legati alla sopravvivenza di servizi di primaria importanza come quello della scuola. Dal canto suo il sindaco di Monterotondo Giorgio Frequenti, a nome di tutta l?amministrazione, ha ricordato l?impegno anche finanziario profuso per tanti anni allo scopo di sostenere il diritto all?istruzione nel proprio territorio.

Torna all'inizio


Spaccare il sindacato accelera la riforme? (sezione: Scuola)

( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Spaccare il sindacato accelera la riforme? Sembra un destino ineluttabile, quello dei rapporti tra governo e sindacati. Quando il governo è di centrosinistra, non riesce a fare le riforme per tenersi buoni i sindacati (vedi assenteismo nella pubblica amministrazione). Quando il governo è di centrodestra, non riesce a fare le riforme perché spacca i sindacati. Accadde nella precedente legislatura berlusconiana quando, dopo aver firmato con Cisl e Uil il Patto per l'Italia, il centrodestra non tenne gli impegni assunti e rese dunque vana, oltre che traumatica, la spaccatura sindacale e l'isolamento della Cgil. Sta accadendo di nuovo in queste ore. La Cgil ha dunque indetto lo sciopero generale, che covava da tempo ma che è stato annunciato al colmo di una furiosa arrabbiatura di Epifani per essere stato escluso dall'ennesima cena tra governo, Bonanni e Angeletti (è stata esclusa anche l'Ugl della Polverini, altrettanto infuriata). Dal canto loro Cisl e Uil hanno invece revocato lo sciopero sull'università, previsto per venerdì, avendo sottoscritto un documento di intenti con il ministro Gelmini che invece la Cgil non ha firmato. Se si aggiunge che la Cgil rifiuta l'accordo sul nuovo contratto con Confindustria che Cisl e Uil sono pronti a firmare, si capisce che ieri è andata definitivamente in frantumi anche quella parvenza di unità sindacale che era sopravvissuta all'avvento del centrodestra al governo. Nel merito, la Cgil ha i suoi torti. Sia sulla contrattazione, sia sull'università, sia sul pubblico impiego, il più grande sindacato italiano resta su posizioni più conservatrici e arretrate degli altri due partner. Né si può pretendere che Cisl e Uil accettino costantemente la logica del veto Cgil. Ma nel metodo il governo ha i suoi torti. Le cene separate sono schiaffi inutili e dannosi alla dignità di quello che resta pur sempre il più grande sindacato italiano. La rottura dell'unità di azione sindacale non necessariamente accelera le riforme. Nel quinquennio berlusconiano tra il 2001 e il 2006 certamente non le accelerò. E se non le accelera, è inutile. Abbiamo l'impressione che si stia commettendo lo stesso errore anche in questa legislatura. 13/11/2008

Torna all'inizio


Quel referendum è senza speranza (sezione: Scuola)

( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Quel referendum è senza speranza di Anna Chimenti Annunciato solennemente il giorno dell'approvazione del decreto Gelmini al Senato, il referendum proposto dal Pd s'è subito ritrovato avvolto in una coltre di freddezza o di critiche, a cominciare da quella uscita dal congresso radicale. Il partito dei referendum contro un nuovo referendum: perché? Innanzitutto perché i radicali sanno che una consultazione come questa è impossibile, non verrebbe ammessa dalla Corte costituzionale. È la Costituzione a escludere le materie tributarie e di bilancio dal referendum. E la Consulta, con una serie di importanti sentenze pronunciate nel '78, '94, '95, ?97 e 2000, ha ribadito ed esteso questo limite anche alla legge finanziaria, sulla cui compatibilità il ministro dell'istruzione ha formulato i tagli contenuti nel decreto che porta il suo nome. I radicali, inoltre, proprio sulla materia del numero dei maestri avevano già promosso, nel 1996, un referendum con obiettivi opposti a quello del Pd (ridurre a uno il numero degli insegnanti, che era stato aumentato a tre dal governo): l'esito era stato negativo, la Corte lo aveva dichiarato inammissibile. In realtà la crisi dei referendum si trascina da più di dieci anni e ha riguardato purtroppo anche le consultazioni che sono riuscite ad arrivare al voto. Dal 1997 a oggi, per ben 21 volte l'astensionismo elettorale ha impedito che fosse raggiunta la soglia del cinquanta più uno per cento degli elettori, prevista per far sì che un referendum possa ritenersi valido. E poco importa che gli elettori che si sono recati ai seggi abbiano sempre manifestato una chiara volontà politica (il caso più clamoroso, nel 1999, fu quello del grande consenso all'abolizione della quota proporzionale e all'introduzione di un maggioritario puro, rimasto inefficace per mancato raggiungimento del quorum): la grande stagione dei referendum sembra essersi fermata così all'inizio degli anni 90. In qualche modo, infatti, è stato il passaggio dall'era del proporzionale e della partitocrazia, a quella del maggioritario e del bipolarismo, a determinare la fine delle maggioranze trasversali che era tipica dell'epoca precedente. Gli elettori si dividono in due schieramenti già ad ogni elezione, scegliendo il centrodestra o il centrosinistra; non sentono quindi la necessità di farlo in altre occasioni, come quelle referendarie. 13/11/2008

Torna all'inizio


Addio Triplice Guerra totale tra Cgil e Cisl (sezione: Scuola)

( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Sindacato diviso Addio Triplice Guerra totale tra Cgil e Cisl DIVISIONI. Epifani tuona contro l'incontro riservato a palazzo Grazioli tra Berlusconi, Marcegaglia e le altre due sigle confederali: «Fatto gravissimo, senza precedenti». Poi annuncia lo sciopero generale per il 12 dicembre e coi suoi commenta: «Una spaccatura storica, peggio del Patto per l'Italia». Bonanni si sfila pure dalla mobilitazione anti-Gelmini di domani. Polverini (Ugl): «Momento drammatico per il sindacato italiano». di Tonia Mastrobuoni Persino Lula ha fatto appello all'unità sindacale italiana. Martedì, ospite dell'assemblea della Cisl, il presidente brasiliano, tradizionalmente in ottimi rapporti con il il sindacato di Raffaele Bonanni, ha fatto un commento preoccupato sulle divisioni della Triplice. Ignaro che Bonanni sarebbe stato invitato la sera stessa da Silvio Berlusconi a casa propria, a Palazzo Grazioli, assieme ad alcuni ministri, alla Uil e a Confindustria, senza la Cgil, ma neanche l'Ugl. Per affrontare dossier importanti come il presunto pacchetto per le famiglie o la riforma dei contratti. Alle undici e un quarto, il premier deve essersi accorto di qualche assenza di troppo, così ha telefonato alla leader dell'Ugl, Renata Polverini, un'esclusa meno giustificata vista la vicinanza del sindacato ad An, un partito al governo, come dire, alleato di Berlusconi. Per placare l'irritazione di Polverini, il premier avrebbe fornito una bizzarra spiegazione: c'era l'esigenza di parlare prima con Bonanni e Angeletti, perché loro dovevano poi andare in tivvù, rispettivamente e Porta a Porta e Ballarò. Il che, a rigor di logica, non giustifica un bel niente. Ma almeno alla leader Ugl una telefonata del Cavaliere è arrivata. Interpellata sull'incidente diplomatico di martedì sera, ma già nel mezzo della bufera di ieri, delle divisioni a geometrie variabili tra i confederali che si sono consumate nel pomeriggio, Polverini allarga il campo. «E' un momento drammatico per il sindacalismo italiano», dice al Riformista. «Io non trovo così tragico l'episodio di ieri. Trovo preoccupante invece che mentre infuria ancora il caos Alitalia, che è un caos sindacale, e mentre siamo nel mezzo di una crisi paurosa, i sindacati vadano in ordine sparso. Rischiamo di perdere ogni credibilità». Intanto, nella mattinata, non appena Guglielmo Epifani ha appreso dai giornali dell'incontro riservato (per quanto può essere riservato un incontro nella residenza romana del presidente del Consiglio, presidiato notte e giorno dai cronisti), è esploso. «Quello che è accaduto ieri sera», ha tuonato nel corso del direttivo della sua organizzazione, «se confermato, è gravissimo, una cosa senza precedenti». Il numero uno della Cgil ha poi chiesto un incontro con il governo ed ha annunciato una lettera ai numeri uno di Cisl, Uil e Confindustria per avere conferma della riunione, perché aprirebbe «un problema formale» nei rapporti con le altre organizzazioni sindacali e con la Confindustria. Immediato il commento di Umberto Bossi: «Io sono dalla parte di Rosi Mauro. Sai quante volte il Sindacato padano è rimasto fuori?». Per il leader lumbard a stretto rigore gli esclusi erano tre ma non c'è nulla di strano. Nessun problema neanche per uno dei presenti alle cena semi-segreta, il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi: «Incontri informali ci sono e ci saranno sempre. Quello che conta sono i dati politici». E secondo il ministro, è ormai palese che il sindacato di Epifani si è isolato dalle altre organizzazioni, a partire dalla deriva sulla riforma dei contratti. Nel pomeriggio, le divisioni tra i quattro sindacati confederali sono esplose poi quasi in contemporanea. D'un lato, il direttivo della Cgil si è concluso con la notizia della data dello sciopero generale in solitaria, il 12 dicembre, contro la politica economica del governo. La decisione è stata votata all'unanimità e prevede quattro ore di sciopero con possibilità di otto ore con manifestazioni territoriali e una nazionale a Roma. La data coincide con lo sciopero generale della Fiom. Durante la riunione, Epifani ha bollato l'attuale spaccatura con Cisl e Uil come peggiore di quella che si consumò sul Patto per l'Italia, nel 2002, durante il precedente governo Berlusconi. Ai suoi più stretti collaboratori il leader della Cgil ha espresso anche profonda irritazione per la presenza a Palazzo Grazioli di Emma Marcegaglia. Comprensibile che il capo degli industriali si rechi ad un incontro con il governo, se lo chiede Berlusconi, è stato il ragionamento di Epifani. Molto meno comprensibile è che non abbia interrogato Berlusconi sull'assenza del maggiore sindacato italiano a una riunione a quei livelli. E che il giorno dopo non abbia sentito l'esigenza di alzare il telefono per chiarirsi con il leader di quel sindacato. Negli stessi minuti in cui il direttivo della Cgil decideva la data dello sciopero, la Cisl annunciava la revoca dello sciopero sulla scuola e sull'università, sin qui unitario, previsto per venerdì 14. Anche qui, una corsa solitaria: il sindacato di Bonanni si è detto soddisfatto dell'incontro avuto martedì con il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini. «Ho rispetto delle decisioni prese dalla Cisl, ma francamente non le comprendo», ha commentato Mimmo Pantaleo, segretario generale della Flc-Cgil. Affiancato, su questa vertenza, dalla Uil. Alberto Cirica, segretario generale Uil-università, ha spiegato che «per noi lo sciopero resta confermato, perchè gli scioperi si fanno sulle questioni di merito, e non pro o contro il governo di turno». Cirica ha poi sbottato «mi sembra che tutti cerchino di buttarla in politica, ma è solo un modo per coprire i veri problemi». Che a questo punto rischiano davvero di finire in fondo alla lista. 13/11/2008

Torna all'inizio


La "133" non piace agli studenti, tantomeno a quelli di Ascoli. Lezione in piazza del Pop... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Marche)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi La "133" non piace agli studenti, tantomeno a quelli di Ascoli. Lezione in piazza del Popolo ieri ed oggi per i ragazzi della Facoltà di Architettura. Gli studenti e i docenti sono scesi dal colle dell'Annunziata per protestare contro la riforma del ministro Gelmini piazzando banchi, lavagne e computer portatili nel salotto cittadino. A favorirli ci si è messo anche il bel tempo con una temperatura piuttosto mite in osservanza della cosiddetta "estate di san Martino". I ragazzi hanno appeso anche eloquenti manifesti di protesta sulla facciata di palazzo dei Capitani: "No alla legge 133", "Non pagheremo la vostra crisi". Inoltre sono state raccolte le adesioni per la manifestazione nazionale di Roma dei prossimi giorni a cui prenderanno parte anche gli universitari ascolani. Con gli studenti si sono schierati anche i professori che hanno tenuto la loro lezione "en plein air" sotto la loggia del palazzo dei Capitani a fianco della biglietteria del teatro. Ad esempio, alle 12,30 di ieri mattina era in pieno svolgimento la lezione di storia dell'architettura. Oggi si replica per dare seguito alla protesta iniziata ieri. Massiccia anche la presenza dei ragazzi che hanno assistito all'insolita lezione. Ieri ne erano presenti oltre un centinaio. Nei giorni scorsi, inoltre, era stato esposto uno striscione di protesta davanti ad una sede universitaria ascolana. Puntuale anche l'organizzazione: in piazza del Popolo erano stati portati alcuni banchi, una telecamera per riprendere, un paio di computer portatili, mentre i ragazzi hanno seguito il docente seduti per terra sopra a dei cartoni bianchi.

Torna all'inizio


Quanto costa il caos al Cav. e a Veltroni (sezione: Scuola)

( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Italia bloccata Quanto costa il caos al Cav. e a Veltroni (segue dalla prima pagina) A questo punto, la domanda è: che cosa stanno facendo Veltroni & C. per riconquistare i voti fluttuanti? La mia risposta è: niente. Prendiamo in esame qualche caso. Nella crisi dell'Alitalia, hanno fatto il viso dell'armi alla nuova Cai soltanto perché era nata sotto la spinta di Berlusconi. Il loro scomodo alleato, Tonino Di Pietro, è sempre stato dalla parte dei rivoltosi, giungendo ad arringarli a Fiumicino. Sull'"Unità" di ieri, il caos Alitalia compariva appena a pagina 26. E il sommario iniziava con uno scioglilingua: «La protesta presa a pretesto dal governo per proporre una stretta sul diritto di sciopero». Nel pieno della crisi finanziaria, Veltroni ha rimproverato Berlusconi e Tremonti di aver pensato ad aiutare le banche. Quasi che la sicurezza dei maledetti banchieri non fosse la premessa per salvare i depositi anche di quanti possiedono poco. Durante la bufera dell'Onda studentesca, il Pd è sempre stato con chi occupava le scuole. E mai dalla parte di chi vedeva stracciato il proprio diritto di studiare. Se Walter non ha bruciato in piazza la strega Gelmini è soltanto perché i roghi inquinano l'ambiente. Passando a questioni minori, tutto congiura contro il ritorno a casa degli elettori che hanno lasciato il centrosinistra. Ne incontro di continuo: gente che, senza batter ciglio, ha mollato il bordello dell'Unione per votare la Casa delle libertà. I fluttuanti non vedono motivi per rimangiarsi il voto. Quando accendono la tivù e capitano sulla Rete Tre, pensano di essere tornati a prima della caduta dell'Unione Sovietica. Assistono al braccio di ferro nella Vigilanza Rai a favore di Leoluca Orlando, vale a dire del ringhioso Di Pietro, e si domandano perché il Pd abbia ingaggiato questo match suicida. Poi constatano gli sprechi dei comuni, in primis quelli rossi. Guardano i muri imbrattati delle loro case e si chiedono perché il Pd difenda i writers. Assistono allibiti alle scarcerazioni facili. Vedono i pirati della strada uscire subito dopo aver accoppato dei cristiani. Hanno sotto gli occhi il dilagare degli spacciatori di droga. Di riflesso maledicono l'inefficienza della magistratura. Possibile che il cancro si annidi nel lodo Alfano? E non nelle centomila denunce ferme alla Procura di Milano? Ancora: i fannulloni nel pubblico impiego esistono o no? Perché il ministro Brunetta deve essere considerato «un energumeno tascabile» e non un coraggioso al servizio dei cittadini? Ma il fluttuante è esigente. Ecco una verità che Berlusconi deve tenere presente. Molti fluttuanti cominciano a pensare che abbia ragione la prima pagina che Vittorio Feltri ha preparato per "Libero" di ieri. Diceva: «Spadroneggiano gli scioperanti. Il governo ha paura. Dopo un avvio brillante l'esecutivo ha ceduto alle proteste di insegnanti e studenti. Ora il personale Alitalia blocca gli aeroporti. Chi commette reati non viene punito». Sono posizioni che pesano. Ben più di quelle espresse da giornali dimezzati a favore del Pd che sparano a palle incatenate soltanto su Berlusconi. Con l'unico risultato di perdere copie, come Veltroni ha perso voti. Per ora questi voti stanno nella cassaforte del Cavaliere. Però anche lui non deve illudersi. Conquistare elettori è difficile. Ma conservarli lo è molto di più. Non basta consolarsi pensando che si andrà a votare soltanto nel 2013. Esistono sempre le elezioni anticipate. Immagino che a Palazzo Chigi se ne rammentino. E abbiano già cominciato a fare un po' di conti. di Giampaolo Pansa 13/11/2008

Torna all'inizio


di Fabrizio d'Esposito Da Craxi a Berlusconi passando per la sacra unzione dell'attalismo (sezione: Scuola)

( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

di Fabrizio d'Esposito Da Craxi a Berlusconi passando per la sacra unzione dell'attalismo SUPERNOMINE. Alla CDP da ieri c'è un amministratore delegato. Mentre alla presidenza arriva un uomo considerato il punto di mediazione tra Giulio Tremonti, Giuseppe Guzzetti, il capo delle fondazioni bancarie, e Giovanni Bazoli, storica guida di banca Intesa Sanpaolo. di Fabrizio d'Esposito Da Craxi a Berlusconi passando per la sacra unzione dell'attalismo. L'antico cerchio di matrice socialista ieri si è stretto intorno a Franco Bassanini con la pesante nomina a presidente della Cassa depositi e prestiti. A dire il vero, l'ex indipendente di sinistra un tempo eletto nel Pci poi ministro ulivista era già nel consiglio di amministrazione della Cdp con la casacca di vice del dimissionario Alfonso Iozzo, seppure in rappresentanza degli azionisti di minoranza. Ieri, invece, il grande balzo con la benedizione di un ex compagno d'armi del Psi, l'attuale ministro dell'Economia Giulio Tremonti, che controlla il 70 per cento della Cdp (il restante 30 è delle fondazioni bancarie). Tremonti e Bassanini, dunque. Ma anche Brunetta e Bassanini e finanche Cicchitto e Bassanini. Dice un ex compagno socialista oggi parlamentare del Pdl, dietro la garanzia dell'anonimato: «Oggi nel Pd c'è una grande confusione dopo una serie di guerre feroci che hanno fatto un bel po' di vittime. Fra quest'ultime c'è anche Franco (Bassanini, of course, ndr) che però non si è acconciato a subire e ha fatto valere i suoi contatti a tutto campo. Lui vuole rendersi utile per fare cose riformiste. E siccome i riformisti oggi stanno solo da questa parte, la nostra, Franco vuole continuare a dialogare. Perché, sia chiaro, lui non passa col centrodestra anche se ha ottimi rapporti con Brunetta e buoni con Tremonti. Cicchitto, invece, è stato l'unico oratore del Pdl a un convegno di Astrid sulle riforme istituzionali». Astrid è la fondazione di Bassanini e in questi anni di alti e bassi nel centrosinistra ha rappresentato un po' la tenda nel deserto di un nomade bipartisan con fama di tecnico. Una tenda dove farsi trovare al momento e al posto giusti. È stato infatti attorno ad Astrid che l'asse Bassanini-Tremonti ha costruito la nuova presidenza della Cdp. Una decisione che sa tanto di garanzia perché stavolta il ministro dell'Economia non vuole affatto scornarsi con le fondazioni, come fece invece nella penultima legislatura, quella del 2001. Anzi, in una fase di crisi profonda come questa, in cui le risorse scarseggiano, Tremonti ha tutto l'interesse di coccolarsi le fondazioni. Di qui la scelta di puntare su Bassanini, lungo un binario che porta a Giuseppe Guzzetti, dominus della Cariplo, e al banchiere Giovanni Bazoli. Messa così, non sarebbe Bassanini a muoversi verso il centrodestra. Ma l'esatto contrario, con la montagna Tremonti che fa il percorso inverso. La sensazione generale, però, è che sia tutto un movimento. Del resto, la biografia politica di Bassanini è sempre in costante evoluzione. Socialista lombardiano di sinistra, accettò comunque di lavorare con Craxi quando il leader del Psi ebbe nel 1979 da Pertini il mandato poi fallito di formare il governo. Su questo, Bassanini proprio nell'agosto scorso ha duramente litigato con un altro socialista di rango, Rino Formica, il quale chiosò: «Perché non ha detto prima che scrisse il programma per Craxi nel 1979?». Espulso dal Psi nel 1981, sedette in Parlamento come indipendente del Pci. Ancora: autorevole costituzionalista è stato al governo in quota ds con Prodi, Amato e D'Alema nel quinquennio 1996-2001. Da ministro della Funzione pubblica ha legato il suo nome alla riforma del sistema amministrativo. Con il Prodi unionista, però, nell'esecutivo è entrata la moglie Linda Lanzillotta, in quota Rutelli, non lui. Nell'estate dei furbetti, poi, Bassanini si schierò sotto le insegne senesi di Mps contro la scalata di Unipol a Bnl e questo forse deve essergli costato un po', come malignano dalle parti del centrodestra. Esiliato in patria, si è preso una soddisfazione enorme quando il presidente francese Sarkozy lo ha chiamato, insieme con Monti, nella commissione Attali. In fondo, Bassanini ha l'ossessione bipartisan. Nel maggio scorso elogiò Tremonti per «il vivace dibattito suscitato» dal suo libro sulla paura e la speranza. Un mese fa, invece, a meritarsi le sue lodi sono stati Brunetta per la lotta ai fannulloni e la Gelmini per la riforma della scuola. Senza contare che il leghista Calderoli lo aveva già incluso nel pensatoio bipartisan per la semplificazione legislativa «perché tagliare le leggi non è una questione di destra o sinistra». Bassanini dialoga sempre, anche sotto le bombe. 13/11/2008

Torna all'inizio


Il vanity book di Ascheri mette in piazza i potenti (sezione: Scuola)

( da "Riformista, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Il vanity book di Ascheri mette in piazza i potenti APS. Cioè, autore a proprie spese. Un professore di scuola media, figlio di un gran notabile della città ha scritto un libro semiclandestino. Dice Giovanni Buccianti, docente di storia delle relazioni internazionali all'università di Siena, membro della deputazione del Monte dei Paschi e vicepresidente della controllata Banca Toscana che è una città malata di potere e che «l'aspetto più evidente della malattia è il gioco dell'oca tra dipendenti di Mps e cariche pubbliche, il cumulo delle cariche elettive, l'affermarsi nel Pd dello stesso blocco dirigente dei Ds e della Margherita, la costituzione di un partito di oligarchi in una città oligarchica». Risultato: una diarchia che vede sindaco, presidente della provincia e segretario comunale e provinciale del partito in dote agli ex ds e i vice agli ex dl. Le critiche al sistema senese non vengono tanto dagli oppositori naturali del potere democratico, cioè il Pdl, ma dall'area, sparuta e battagliera, che viene detta anche a Siena «società civile»: spezzoni del mondo accademico, giovani, qualche orfano della sinistra radicale, ulivisti doc insoddisfatti del corso veltroniano del Pd. Mettendo per ora tra parentesi la vicenda di Pierluigi Piccini e della lista civica "la Mongolfiera" che nel 2006 per poco non costrinse il centrosinistra ufficiale al ballottaggio, riducendo però il centrodestra a percentuali minime, uno scossone alla vita politica cittadina è giunto lo scorso anno da un professore di scuola media, Raffaele Ascheri, che ha pubblicato a sue spese, dopo aver inutilmente cercato un editore, un libretto che nelle sue intenzioni prende a schiaffi la classe dirigente senese. Titolo: La casta di Siena. Ignorato dalla stampa e dalle tv locali, il libro, un po' come i Tre metri sopra il cielo di Federico Moccia, è girato tra case e uffici fotocopiato e passato di mano, fino alle successive ristampe, accolte con freddezza dalle istituzioni senesi. Abbigliamento sportivo, negligente ma non alternativo, Ascheri è diventato l'idolo dei blogger e dei fan di Beppe Grillo, che più volte lo hanno ospitato nei meetup locali e hanno contribuito alla diffusione del libro oltre la cinta senese, per spiegare la sua storia e l'emarginazione civile del suo libro come paradigma di egemonia culturale subita. Perché, la polemica di Ascheri è tutta interna alla sinistra. Considerando se stesso un novello Ernesto Rossi, al quale «immodestamente» (come da lui stesso precisato) ha dedicato La casta di Siena, Ascheri cerca di sferzare la sinistra senese. Spiega che la sua unica tessera fu quella del Pds nel 1992, infiammato da Achille Occhetto e da Mani Pulite. Secondo i critici, cerca di instillare in salsa moderna il giacobinismo nel pragmatismo della sinistra senese, così come cercò di fare suo padre, il celebre medievista Mario, sempre critico con il Pd, ma assessore comunista all'epoca degli indipendenti di sinistra e tuttora a capo in Comune di una lista civica, "Libera Siena", che ha affiancato Piccini nel 2006. Dicono che Ascheri padre scuota il capo dinanzi alla birichinata del figlio, che deve aver appreso bene l'insegnamento di colui al quale è intitolata la scuola media in cui lavora, il Cecco Angiolieri di «s'i' fosse foco, arderei ?l mondo». Lui s'è accontentato di usare il suo libro come una tanica di benzina, per ardere la Siena del Pd: si leggono come in un romanzo a chiave le biografie dei potenti, a partire da quella di Giuseppe Mussari, il capo del Monte. Camminando lungo Banchi di sopra tra sciami di turisti e qualche commerciante che lo saluta, spiega che ogni anno porta i suoi ragazzi in visita alla piccola sinagoga per conoscere la sparuta comunità ebraica senese, che la storia si insegna con le date, che la Gelmini fa benissimo a riportare i voti nelle pagelle e il grembiule è ottimo, «rende i bambini tutti uguali e aiuta le famiglie più povere». Ascheri dice che non vorrebbe più vedere il «potere incontrollato e arrogante del Pd opprimere questa cittadella». Nel libro vengono radiografati tutti i momenti di frizione tra cittadinanza e classe politica degli ultimi anni, dall'allargamento dell'aeroporto di Ampugnano alla costruzione delle villette di Monticchiello che suscitò la reazione di Alberto Asor Rosa, alle operazioni finanziarie del Monte. Ma sono soprattutto i rapporti tra i capi del Pd e del Monte a finire sotto la lente di Ascheri, con un'approfondita galleria di ritratti dei leader della sinistra e degli amministratori di banca e fondazione. E poi nel libro incombe, con toni anche violenti, il processo al cerimoniere della curia, monsignor Giuseppe Acampa, rinviato a giudizio per incendio doloso dell'archivio vescovile, per truffa e calunnia. Per le pagine dedicate alla Curia Ascheri ha ricevuto da Acampa e dal vescovo Buoncristiani una richiesta di risarcimento danni per circa 600mila euro. Il processo del secolo, per il tranquillo tribunale senese, suscita chiacchiere e pettegolezzi, e molti commenti tra le persone che si affollano per parlare di vita cittadina all'Angolo dell'Unto, una cantonata che si trova sul corso principale della città, di fronte alla redazione del Corriere di Siena e accanto allo storico bar Nannini, quello di proprietà della famiglia della cantante Gianna. (2.Continua) 13/11/2008

Torna all'inizio


studenti, docenti e genitori in assemblea (sezione: Scuola)

( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Incontro alla Pia Casa, alla protesta si unisce il Boccherini che ha perso 120mila euro Studenti, docenti e genitori in assemblea LUCCA. Attesa per l'assemblea pubblica sulla scuola di stasera (ore 21, alla Pia Casa) organizzata e promossa dal Coordinamento scuole lucchesi per la difesa della scuola pubblica, nato con l'obiettivo di creare una realtà apartitica formata principalmente da studenti, genitori e insegnanti e aperta a tutti quelli che protestano contro la riforma Gelmini. E l'incontro sarà un'importante occasione per informare sulle leggi "Gelmini - Tremonti" e sulle ricadute che queste avranno su tutti gli ordini di scuola, dalla materna all'università, passando per elementari, medie e superiori; per aprire il dibattito confrontando le posizioni e le esperienze vissute in queste settimane di mobilitazione e per socializzare le iniziative in atto nelle scuole e promuoverne altre. Alla protesta degli studenti si unisce anche il personale dell'Istituto Boccherini, che quest'anno perderà 120mila euro di contributi dallo Stato. Domani alle 18,30 gli studenti terrano un concerto in appoggio all'iniziativa dei docenti. N.D.

Torna all'inizio


CON TANTI SALUTI AI LAVORATORI (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pietro Garibaldi CON TANTI SALUTI AI LAVORATORI La crisi economica e la recessione in arrivo colpiranno inevitabilmente i lavoratori italiani. La recessione dovrebbe essere un momento in cui chi rappresenta milioni e milioni di lavoratori mette da parte le proprie divisioni e cerca in ogni modo di rimanere unito. Non è esattamente quello che sta succedendo nel movimento sindacale italiano, che appare invece in questi giorni totalmente diviso, con tanto di accuse reciproche e attacchi frontali. Parlare di rottura appare quasi un eufemismo. Ieri la Cisl ha ufficialmente dichiarato di non aderire allo sciopero generale della scuola previsto per venerdì prossimo. Quasi per rilanciare, quasi fosse una vera e propria partita a scacchi, la Cgil ha annunciato uno sciopero generale unilaterale, senza accordo con gli altri sindacati confederali. Un fatto davvero inconsueto. Infine, sempre la Cgil e sempre ieri ha dichiarato grande irritazione nei confronti del governo per aver convocato una riunione informale con Cisl, Uil e Confindustria, escludendo così la Cgil stessa. Anche questo è indubbiamente un fatto inconsueto. Ma che origine hanno tensioni e divisioni così profonde? Innanzitutto vi sono le tensioni legate al rapporto tra sindacati e governo. Da un lato Cisl e Uil vorrebbero che la concertazione con il governo andasse avanti anche con la Cgil, ma con la chiara possibilità e libertà di firmare accordi separati. Da un altro lato vi è una Cgil che non può permettersi di stare fuori dalla concertazione e dalle grandi decisioni in materia di Welfare, ma che al tempo stesso non vuole essere percepita come troppo vicino a un governo che, inevitabilmente, non trova l'appoggio della sua base. L'equilibrio tra queste due forze opposte è quasi impossibile. Vi sono poi le tensioni legate al rapporto dei sindacati con l'opposizione. Queste tensioni sono quasi tutte interne alla Cgil, di gran lunga il più grande e rappresentativo dei sindacati confederali, ma anche il più lacerato al suo interno. L'ala riformista della Cgil guarda con responsabilità a ogni proposta che arriva dal governo, mentre l'ala più radicale sarebbe pronta anche a cavalcare le onde più estreme del sindacalismo italiano, non lontane dagli inaccettabili episodi di questi giorni a Fiumicino. Il governo, dal canto suo, non aiuta certamente l'unità sindacale. Un invito limitato ad alcuni dei sindacati, come quello effettuato l'altra sera, non può che alimentare le stesse divisioni. Tuttavia, lo stesso governo ha il terrore di una dura e forte opposizione sindacale, come dimostrano le tensioni dopo la manifestazioni sul decreto Gelmini delle scorse settimane. Vi è poi infine la questione più importante, quella legata al nuovo modello contrattuale. Le parti sociali si erano impegnate a dare al Paese un nuovo modello contrattuale entro fine settembre. L'obiettivo, da tutti condiviso, era quello di rafforzare il legame tra salario e produttività e aumentare il peso della contrattazione aziendale. Siamo ormai verso metà novembre e non è affatto chiaro se e quando un nuovo modello contrattuale verrà firmato. Le responsabilità di questo ritardo, che speriamo non si trasformi in un vero e proprio fallimento, non sono solo dei sindacati, ma anche dei rappresentanti dei datori di lavoro. Mentre su singoli temi non vi è nulla di strano se il governo conclude accordi con una parte sola dei sindacati, quando si deve cambiare il modello contrattuale un accordo separato è impensabile e sbagliato. Nonostante le tensioni siano davvero molte, di fondo rimane lo spettacolo poco edificante di una classe dirigente sindacale totalmente disunita nel mezzo di una profonda crisi economica. Invece di fughe in avanti, incontri separati, e annunci di sciopero unilaterali, ai lavoratori italiani interesserebbe semplicemente sapere come i sindacati intenderanno difenderli, sia in sede di concertazione con il governo che in sede di negoziazione salariale.

Torna all'inizio


Sindacati spaccati, Cgil va sola (sezione: Scuola)

( da "Stampa, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Il 12 dicembre sciopero generale senza le altre due sigle. E domani la Cisl diserta il corteo contro la Gelmini Sindacati spaccati, Cgil va sola Parla Epifani: il governo vuole isolarci, Bonanni e Angeletti lo aiutano

Torna all'inizio


le pene severe - raffaele bifulco (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina X - Napoli LE PENE SEVERE RAFFAELE BIFULCO N ei mesi appena trascorsi quel breve percorso è risultato ancor più doloroso al pensiero dell´inazione delle istituzioni territoriali rispetto alla catastrofe ambientale che dovranno sopportare gli abitanti della Campania di oggi e soprattutto di domani. Perché, senza catastrofismi, è di questo che si tratta. In Campania più che altrove, la politica, avvinta nei propri giochi di potere, ha dimenticato i cittadini di oggi, ma soprattutto ha bruciato le possibilità di una vita dignitosa per le generazioni future. Di fronte a questo stato di cose le polemiche intorno al decreto legge che prevede una pena differenziata, fino a tre anni e sei mesi, per chi abbandona, scarica, deposita sul suolo o immette nelle acque rifiuti pericolosi, speciali o ingombranti appaiono francamente astratte, slegate dalla realtà. Anzi, a dirla tutta, mi paiono controproducenti, perché contribuiscono a sdrammatizzare una questione che tocca la pelle di ciascuno di noi. So bene che con il diritto penale non si governa e non si educa. So anche che il senso di marcia non si inverte con provvedimenti normativi così puntuali. E tuttavia chiudere gli occhi di fronte alla catastrofe che ci circonda, provocata anche dalle scarse politiche di sensibilizzazione dirette alla cittadinanza sui temi ambientali e quindi dalla poca sensibilità per l´ambiente, appare suicida. La gravità e l´emergenza della situazione campana giustificano quindi non solo il ricorso allo strumento del decreto legge, ma anche la differenziazione territoriale nella previsione della pena. L´ordinamento giuridico italiano ha conosciuto e conosce altre ipotesi simili, come nel caso del reato d´abigeato, e i supremi giudici della legittimità (Corte di cassazione e Corte costituzionale) non hanno esitato a rigettare le questioni di legittimità a suo tempo sollevate in relazione al principio di eguaglianza. Quanto al principio di proporzionalità, insisto con il sostenere che quella che vivono i campani è una situazione non di degrado, ma di catastrofe ambientale, che permette di giustificare l´aggravamento della pena. Tra l´altro, da tempo gli studiosi del diritto dell´ambiente (internazionale e interno) avvertono forte l´esigenza di proteggere determinati beni, indispensabili per assicurare una vita degna di questo nome, non solo attraverso gli strumenti del diritto amministrativo ma anche attraverso una più incisiva tutela penale. (Esistono beni comuni sui quali è interesse di tutti che i partiti trovino punti incontro. Tra questi l´ambiente, appunto; e l´università. Perché non chiedere al ministro Gelmini di inserire una previsione che impedisca ai parenti dei professori già incardinati in un ateneo di poter prendere parte ai concorsi da questo banditi, nonché di non poter entrare in servizio nello stesso ateneo. è poco, ma da qualche parte bisogna pure iniziare).

Torna all'inizio


netstrike sulla rete della gelmini - bianca de fazio (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina XI - Napoli Netstrike sulla rete della Gelmini Dopo la notte bianca fra concerti e spettacoli, gli studenti si preparano alla manifestazione di domani a Roma ingolfando il sito del ministero su Internet BIANCA DE FAZIO Hanno fatto le ore piccole con la "Notte bianca in difesa della scuola e dell´università pubblica". E stamattina potranno svegliarsi con comodo, visto che il prossimo appuntamento della protesta anti Gelmini è in programma per le 14. Gli studenti si sono passati la voce: «Blocchiamo il sito del Ministero dell´università». E l´invito all´attacco informatico è stato girato anche, ovviamente, on line. «Loro fermano il nostro futuro? Noi fermiamo i loro siti». Ecco allora il "netstrike" di oggi. è, in pratica, la versione on line di un pacifico sit in: un attacco informatico che consiste nel moltiplicare le connessioni contemporanee ad un sito (tra l´altro si ripete in maniera coatta il refresh della pagina in questione), in modo da rallentarne o impedirne il funzionamento. Ci sono almeno tre livelli di partecipazione al netstrike, calibrate in base alle difficoltà tecniche ed al tempo richiesto. Gli studenti dell´Onda sanno come fare ed alle 14 di oggi chiunque fra loro ha un accesso ad Internet sarà su www.miur.it. Intanto l´intera giornata di ieri, con Rosalia Porcaro a Porta di Massa nel pomeriggio, Valeria Parrella e Maurizio Braucci a piazza San Domenico in serata, il gruppo ?E Zezi a palazzo Gravina dopo mezzanotte, è servita non solo a portare ancora una volta la protesta in piazza, ma a raccogliere sottoscrizioni per la trasferta di domani a Roma, per la manifestazione nazionale contro la 133. Da Napoli partiranno migliaia di studenti. E di professori. E se questi ultimi viaggeranno soprattutto in pullman o con mezzi propri, i primi puntano ai treni. Ieri rappresentanze degli studenti sono state anche in Prefettura per chiedere che vengano loro messi a disposizione i treni necessari, ed a prezzi ragionevoli. Che per le tasche dei ragazzi significa 5 euro, mentre Trenitalia ha messo sul tavolo solo uno sconto del 30 per cento sul biglietto intercity. «Vorrebbero che partissimo in mille, su tre treni diversi. Ma noi saremo almeno 3 mila - affermano i ragazzi dell´Orientale occupata - E se non riusciremo a partire bloccheremo la città». Tanto "cchiu black ra midnight nun pò venì" recitava ieri lo slogan della Notte bianca. Una lunga serie di eventi, iniziata nel primissimo pomeriggio, a largo San Marcellino, con un pranzo sociale. Ed incrociatasi anche con la manifestazione organizzata in piazza San Domenico dal coordinamento ricercatori precari, dalla Cgil e dalla Uil: «Una iniziativa - hanno spiegato i precari - per portare l´attenzione dell´opinione pubblica sulla qualità della ricerca nel nostro territorio, sul fatto che molta parte della ricerca nei nostri enti viene svolta con la partecipazione essenziale di lavoratori precari (tempo determinato e atipici) e che le politiche del governo in questo settore puntano alla demolizione del sistema di ricerca pubblica». Ed ecco, allora, una serie di gigantografie di ricercatori al lavoro, stese a terra a formare un grande gioco dell´oca. Nel quale si torna indietro ogni volta che si incappa in un rappresentante del governo. Gigantografie da calpestare, «per simboleggiare il trattamento riservato alla ricerca nel nostro Paese».

Torna all'inizio


la protesta viaggia sul web con migliaia di slogan e foto - lucilla fuiano (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina XI - Napoli Video, blog e forum contro la riforma invadono Youtube e facebook La protesta viaggia sul web con migliaia di slogan e foto Duemila contatti unici al giorno e una newsletter inviata a oltre 500 indirizzi LUCILLA FUIANO La protesta anti-Gelmini viaggia in rete. Numerosi sono infatti gli slogan creativi e le foto amatoriali che si diffondono via web generando un circuito virtuoso che da Internet procede verso la "real life", la vita reale. "Noi la crisi non la paghiamo" cantano i ragazzi in un video su Youtube. "Se la riforma non sarà ritirata questa scuola sarà una barricata" fanno eco gli studenti del Vico in un video amatoriale. "La scuola non si tocca" si legge nelle schermate di "simoromano" sempre su youtube, cui si accompagnano le urla concitate. In altri video festosi ci sono giovani che ballano e fanno il trenino in una piazza Plebiscito gremita, con le canzoni di Rino Gaetano di sottofondo. Ma è sui blog e su facebook che la protesta si organizza con fotografie e parole. è il caso ad esempio del portale "on naples" (www.on-naples.com/) che ha dedicato un´intera pagina alla manifestazione del 7 novembre, immortalandone alcuni momenti. Un foto-racconto ne esalta i personaggi estrosi, i carri carnevaleschi e gli aspetti fantasiosi. Si va dal "Berlusgatto" al "Bianconiglio", in questa "Italia delle meraviglie" e "de-generazionale". Senza escludere un Cossiga di cartone e alcuni slogan come "Siamo il presente siamo il futuro se ci tocchi la scuola vi rompiamo?". Un altro blog, Politicaonline (www.politicaonline.it) recita: "La Federico II è in vendita su ebay. Fate offerte magari copriamo i tagli del governo". Ma se si clicca sulla inserzione essa appare rimossa, dopo aver raggiunto quote non male da come suggeriscono i partecipanti al dibattito nei commenti all´articolo. Più complessa la situazione su facebook. Sono infatti numerosissimi i gruppi che affrontano e discutono della legge. Il "Gruppo a favore dell´istruzione e della ricerca" si prefigge come obiettivi quelli di garantire un´università pubblica e libertà di espressione e conta 169.416 membri, tra cui molti napoletani. Più legati alla città il Gruppo "La Federico II contro la legge 133 e la legge Gelmini" che conta 1873 membri e il gruppo "Rete dottorandi contro la legge 133" (234 membri). Queste due reti sono entrambe coordinate da Tommaso Ederoclite e divengono punti di riferimento fondamentali non solo per la discussione, ma anche per l´organizzazione logistica delle manifestazioni e dei cortei. Dopo queste agorà pubbliche si termina con spazi personali dedicati alla protesta. è il caso dell´antropologa visuale Flaviana Frascogna, napoletana, che ha immortalato alcuni momenti chiave delle manifestazioni di ottobre e novembre e di Ilaria Poerio che ci offre uno sguardo sui cortei romani. Si va dall´esilarante slogan "Gelmini. Nuoce gravemente all´istruzione" disegnato su un pacchetto di sigarette ad alcuni cartelli gialli "Attenzione generatore di crisi". Senza escludere numerosi cartelli "vendesi", "ho fame" al collo degli studenti e "rianimiamo l´istruzione" con alcuni artisti di strada che si dilettano in movimentate acrobazie immortalate da rapidissime istantanee.

Torna all'inizio


lezione all'aperto per gli studenti del tecnico othoca (sezione: Scuola)

( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 3 - Oristano Lezione all'aperto per gli studenti del Tecnico «Othoca» Lezione all'aperto per gli studenti del Tecnico «Othoca» Dopo le occupazioni dell'altra settimana, la protesta degli studenti oristanesi contro la "riforma"della scuola targata Gelmini Berlusconi prosegue con un ciclo di lezioni all'aperto che vedono impegnati a turno gli istituti superiori cittadini. Ieri è toccato a una classe del Tecnico industriale Othoca, che si è trasferita al gran completo (studenti, professori, lavagne, bidelli e lavagne) all'ombra dei palazzi finanziari di vie Pietri per una interessante lezione di storia.

Torna all'inizio


Addio a gite scolastiche, progetti extra-didattici, attività teatrali o musicali. Il liceo scie... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi Addio a gite scolastiche, progetti extra-didattici, attività teatrali o musicali. Il liceo scientifico Keplero ha sospeso per quest'anno tutte le attività che ampliano e potenziano il piano dell'offerta formativa per protesta contro la riforma Gelmini. «La decisione, votata a maggioranza dal collegio dei docenti - si legge nel comunicato della scuola - è stata presa come forma di protesta contro gli ultimi provvedimenti normativi in materia scolastica». Quest'anno, studenti e docenti rinunceranno a tutti i progetti che ampliano il Pof, all'adozione di nuovi libri di testo, ma anche alle uscite didattiche in orario scolastico, come visite culturali e spettacoli teatrali. «Questa proposta (che ha visto quattro sole astensioni) - spiegano i docenti - nasce dal disagio degli insegnanti del Keplero, da sempre sensibili al ruolo educativo e civile della scuola, di trovarsi di fronte all'attacco che si sta perpetrando alla scuola pubblica italiana e allo spirito stesso della Costituzione. La riforma del sistema educativo dovrebbe essere il frutto di un complesso e approfondito lavoro condotto da esperti, docenti e famiglie e non un semplice diktat imposto dall'alto». Oltre alla sospensione delle attività extra-curriculari, il collegio docenti del Keplero ha proposto la costituzione di un «comitato unitario di docenti, Ata, genitori e studenti con il compito di organizzare iniziative di informazione e coordinamento con le altre scuole». Ve.Cur.

Torna all'inizio


Si <sveglia> il Suor Orsola, prima assemblea (sezione: Scuola)

( da "Corriere del Mezzogiorno" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere del Mezzogiorno - NAPOLI - sezione: NAPOLI - data: 2008-11-13 num: - pag: 9 categoria: REDAZIONALE Università Domani tremila studenti al corteo di Roma. Ieri gioco dell'oca in piazza del Gesù Si «sveglia» il Suor Orsola, prima assemblea NAPOLI - «Oggi è una giornata storica per il Suor Orsola»: è questa la definizione che molti studenti dell'ateneo del rettore De Sanctis hanno attribuito alla mattinata di ieri. Dalle 10,30 alle 13 nell'aula A dell'Università si è svolta la prima assemblea studentesca per discutere l'approvazione del decreto Gelmini. «La nostra non è una forma di polemica — chiarisce il rappresentante della facoltà di Scienze della formazione Paolo Mercadante — ma un modo per informare gli studenti sulle specificità della legge approvata in Parlamento ». Finora il Suor Orsola Benincasa è rimasto estraneo alla protesta studentesca. Ma ieri c'è stata la svolta. Ad offrire un completo panorama sulla spesa pubblica riservata alla Scuola e alle Università italiane, è stato il professor Alfredo Carannante docente presso la facoltà di Lettere e Beni Culturali del Suor Orsola Benincasa. «Emerge — commenta — che l'istruzione italiana avrebbe bisogno di finanziamenti e non di tagli». Alla fine dell'inconttro è stato sottolineato che a breve sarà organizzata un'assemblea d'ateneo alla quale aderiranno anche i ragazzi delle altre facoltà del Suor Orsola, con la finalità di creare un vero «movimento studentesco». Nel frattempo però l'obiettivo è quello di fornire ai ragazzi nozioni importanti sulla riforma tanto dibattuta. Infatti presso le singole facoltà saranno attivi dei punti informativi sulla «pacifica protesta» contro la legge Gelmini e a prendere parte alla manifestazione che si terrà a Roma domani. Manifestazione alla quale dovrebbero partecipare circa tremila studenti napoletani che hanno chiesto un treno speciale al prefetto di Napoli. Ieri, intanto, nuova protesta in piazza: stavolta studenti e ricercatori hanno inscenato un gioco dell'oca in piazza del Gesù. Fiorella Di Napoli

Torna all'inizio


fratelli contro allo scientifico (sezione: Scuola)

( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 4 - Nuoro Fratelli contro allo Scientifico «Entro perché decido da sola», «Sciopero per crescere» Daniela, 16 anni Tifa Daniela Santanchè e guarda Porta a Porta NUORO. Daniela ha 16 anni, tifa Santanchè, guarda Porta a Porta, vuole laurearsi, fuggire da Nuoro il prima possibile e fare la parlamentare. Francesco di anni ne ha 19, ascolta Ligabue e tifa Ferrari, non è sicuro di fare l'università, vuole trovare un lavoro e rimanere a Nuoro, dove tutto sommato non si sta per niente male. Lei è stata l'unica studentessa che è entrata allo Scientifico durante la settimana di contestazione alla Gelmini. Lui allo Scientifico è entrato, ma solo per dormirci durante l'occupazione, e della protesta era uno degli organizzatori. Sono fratello e sorella, figli di una coppia giovane: lui bancario e lei casalinga. E in famiglia parlano di tutto e rispettano una regola: ognuno porta avanti le sue idee, senza nessuna costrizione. - Come ti chiami? «Daniela» - Quanti anni hai? «16» - Classe? «Terza liceo Scientifico» - Trasmissione preferita? «Quelle di approfondimento politico. Porta a porta, Anno Zero. Per il resto non mi piace molto guardare la Tv» - Ultimo libro letto? «Il banditismo in Sardegna». - Musica? «Quello che passa la radio». - Cosa hai fatto durante la settimana di proteste contro la Gelmini? «Sono entrata a scuola per tutta la settimana. L'unica, penso, in tutto l'istituto». - Perchè? «Perchè penso che pochi di quelli che sono rimasti fuori sapessero davvero perchè stavano protestando». - Cosa pensi di chi ha scioperato? «Che si sono fatti strumentalizzare da una certa parte politica senza nemmeno saperlo». - Ti piace la scuola? «Sarebbe meglio se ci fossero più attività serali. E più attività di formazione. Ma non è certo evitando di andarci che si migliorano le cose». - Sei brava? «Sì, soprattutto nelle materie umanistiche». - Segui la politica? «Soprattutto tramite internet. Comunque sì, la seguo molto e mi appassiona». - Ne parlate a casa? «Soprattutto quando succede qualcosa di importante». - Mamma e papà la pensano allo stesso modo? «Nessuno di noi la pensa allo stesso modo in famiglia». - Cosa ti hanno detto quando sei entrata a scuola? «Che se ne ero convinta avevo fatto bene». - Il politico preferito? «Daniela Santanchè». - Hai paura del futuro? «No, ma sono sicura che non sarà facile». - Andrai all'università? «Sì, sicuramente. A studiare giurisprudenza». - Cosa vuoi fare quando sarai grande? «La parlamentare» - Pensi che in Italia vadano avanti solo i raccomandati? «Nel sistema italiano è difficile che un ragazzo bravo venga premiato. E conta molto ancora di chi sei figlio più che quanto vali». - Ti piace Nuoro? «No. Penso che non offra niente, sia nella formazione che nel divertimento». - Esci la sera? «Non è che sia tanto da fare qui in città». - Te ne andrai? «Il prima possibile». - Ti sposerai»? «Sì, e avrò dei figli». - Hai qualcosa da dire a tuo fratello? «Di informarsi di più prima di fare le cose». (g.bua)

Torna all'inizio


l'autonomia scolastica va salvaguardata - angelo fontanesi (sezione: Scuola)

( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 12 - Nuoro «L'autonomia scolastica va salvaguardata» Consiglio comunale contro l'accorpamento dell'istituto a Irgoli ANGELO FONTANESI GALTELLì. Sono stati aperti dalla relazione sui danni procurati dal nubifragio del 4 novembre scorso i lavori del consiglio comunale svoltosi avantieri sera. In agenda anche l'approvazione del progetto integrato del bando Biddas e le determinazioni sugli effetti che l'entrata in vigore della nuova legge sul riassetto scolastico potrebbe provocare a Galtellì. Le conseguenze più gravi causate dalle piogge sono state la distruzione di alcune strade di penetrazione agraria, l'allagamento di qualche cantina nella parte bassa di via Nazionale e una pericolosa frana a ridosso della via grazia Deledda nei pressi del rio Taddore. Quest'ultima in particolare crea un certo allarme tanto che precauzionalmente la strada è stata parzialmente chiusa al traffico. Hanno retto bene invece tutti gli interventi di messa in sicurezza dell'abitato adottati dopo l'alluvione del 2004. Approvato all'unanimità il bando regionale Biddas che a Galtellì consentirà a 14 privati di accedere ad un contributo di 10 mila euro per il rifacimento delle facciate delle loro abitazioni e al comune di ripristinare l'acciottolato in altre due vie del centro storico. Decisamente più dibattuto, anche politicamente, il punto che ha interessato gli effetti che il decreto Gelmini (ora legge) procurerà a Galtellì e in tanti altri piccoli paesi dell'Isola. Una norma impone infatti la soppressione degli istituti comprensivi con meno di 500 studenti. E' il caso di Galtellì (298 studenti tra scuola dell'infanzia, elementari e medie) e della vicina Irgoli (306) che a questo punto dovrebbero accorparsi con la perdita, per uno dei due paesi, degli uffici di dirigenza e di segreteria. «Non vogliamo innescare una antipatica guerra di campanile sulla scuola con un paese amico e vicino - ha detto il sindaco - è un problema di autonomia scolastica che deve essere salvaguardata per entrambi». La maggioranza ha dunque proposto di chiedere alla Regione di farsi tramite con il Governo affinchè le deroghe previste in alcuni casi siano allargate anche a paesi come Galtellì e Irgoli. Una mozione che alla fine è stata approvata anche dalla minoranza di centro destra che ha però voluto sottolineare come il riassetto scolastico sia, comunque, un passaggio obbligatorio nel contesto nazionale e regionale auspicando che sul caso specifico non si inneschino, a prescindere, inutili e dannose campagne politiche.

Torna all'inizio


Gli studenti: assedieremo la Centrale se non ribassano i biglietti per Roma (sezione: Scuola)

( da "Corriere della Sera" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere della Sera - MILANO - sezione: Cronaca di Milano - data: 2008-11-13 num: - pag: 6 categoria: REDAZIONALE Protesta Domani il corteo anti-Gelmini. Oggi presidio in Prefettura Gli studenti: assedieremo la Centrale se non ribassano i biglietti per Roma «Vogliamo solo andare a Roma ». Gli universitari di Milano e la manifestazione di domani, nella capitale. «Da raggiungere in treno, possibilmente a 15 euro ». Lo hanno ribadito anche ieri, quando in cinquanta, poco dopo le 17.30, sono entrati nella biglietteria della stazione Centrale. E oggi si replica. Con un presidio in Prefettura, l'«assedio » in stazione dalle 15 e una certezza: «Arriveremo a Roma in qualunque modo». Mobilitazione in mezzo ai passeggeri. Ieri pomeriggio, con i megafoni per spiegare che se oggi «ci saranno disagi per i viaggiatori, frutto di possibili blocchi, saranno esclusiva responsabilità di Trenitalia ». Qualche momento di subbuglio fino all'arrivo di un responsabile di Fs, cui i manifestanti hanno letto le loro richieste: biglietto a 15 euro o, in caso contrario, una «controproposta ragionevole» e la possibilità di raggiungere Roma «dignitosamente ». La trattativa per lo sconto sul biglietto «resterà aperta fino all'ultimo» assicurano i ragazzi, che (a fronte di una controproposta di 57 euro da parte di Trenitalia) non escludono l'eventualità di «bloccare» oggi la stazione Centrale. Commento del vicesindaco, Riccardo De Corato: «Ci auguriamo di non dover assistere a occupazioni di treni e binari. Siamo sicuri che il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, avrà già dato precise disposizioni a prefetto e questore su come fronteggiare la situazione ed evitare caos e disagi per cittadini e viaggiatori, costretti da un mese a un vero calvario». Sarà una giornata di tensione. E di mobilitazioni, di nuove iniziative di piazza. Si parte alle 10.30 con un presidio davanti alla Prefettura. «Vogliamo spiegare — dicono i manifestanti — che la proposta di Trenitalia presentata a noi non è di 20 euro, come alcune voci continuano a ripetere». Anche i ricercatori (ieri in piazza Insubria, per tre incontri da «offrire alla cittadinanza») preparano nuove forme di protesta. Con lezioni «in pillole» sui treni della metropolitana: ogni due fermate si terranno micro- corsi di lettere, filosofia, psicologia con tanto di attestato di frequenza. «Libera università », il movimento non si ferma. Anche ieri a Scienze Politiche dalle 17 alle 24 sono proseguite lezioni aperte, mostre, musica e spettacoli teatrali. Alla Bicocca, dopo i corsi in stazione Garibaldi, «notte bianca» contro la legge 133. Poi c'è l'appuntamento di oggi in stazione Centrale e la lezione, alle 16 in piazza Duca d'Aosta, di Moni Ovadia. E ancora, per chi resta domani a Milano, i presidi davanti a tutte le università milanesi, l'appuntamento alle 10.30 in piazza Duomo. Studenti in rivolta contro i tagli (il fascicolo relativo ai disordini delle ultime manifestazioni è stato affidato al pm Luigi Orsi). Ma anche le mamme. Questa mattina protesta delle mamme di via Bezzecca: «Alla materna è stata chiusa una classe senza preavviso». Oggi pomeriggio, invece, riunione al Bertarelli di insegnanti e tecnici «contro i licenziamenti previsti nella scuola pubblica ». Annachiara Sacchi

Torna all'inizio


Legge 133/2008 assemblea aperta a Medicina (sezione: Scuola)

( da "Giornale di Brescia" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Edizione: 13/11/2008 testata: Giornale di Brescia sezione:la città Legge 133/2008 assemblea aperta a Medicina Il comitato «Universitaglia: 133 passi indietro nessuno avanti» ha organizzato per oggi pomeriggio alle 17.30 un'assemblea aperta a docenti, ricercatori, personale e studenti. Tema dell'incontro sarà la Legge 133/2008. All'appuntamento, che si terrà nell'aula A della facoltà di Medicina dell'Università degli Studi, parteciperà anche il preside di facoltà, il professor Alessio. L'obiettivo è quello di continuare nell'attività di informazione e confronto sulla legge di riforma universitaria del ministro Gelmini.

Torna all'inizio


<TEMPO PIENO, OCCASIONE DI CRESCITA> AUMENTANO GLI APPELLI ALLA GELMINI (sezione: Scuola)

( da "Corriere della Sera" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere della Sera - MILANO - sezione: Cronaca di Milano - data: 2008-11-13 num: - pag: 9 categoria: BREVI «TEMPO PIENO, OCCASIONE DI CRESCITA» AUMENTANO GLI APPELLI ALLA GELMINI non sono utilizzate per giocare o per fare i compiti. Temo che con la riforma proposta dal governo si ritornerà al «parcheggio». Per questo condivido l'appello lanciato da questa rubrica. Stefano Giulini Agosteo Grazie dell'opportunità offerta a noi mamme lavoratrici di dare voce alla protesta. Sottoscrivo l'appello al ministro Gelmini per salvare il tempo pieno, non per le mie figlie che fortunatamente ne hanno beneficiato, ma per tutti i bambini. Anna Lorenzetti Vorrei aderire all'appello «salviamo il tempo pieno» perché i bambini sono il futuro della società. Ridisegnare la scuola primaria per motivi esclusivamente economici è offensivo per educatori, genitori e bambini ma soprattutto togliere risorse nella formazione dei giovani non è e non può essere un processo «di sviluppo». Viene da chiedersi: ignoranza o dolo? Licia Casaretto Salviamo il tempo pieno. Mi unisco all'appello. Marina Verbeni Il tempo pieno non è un privilegio dei genitori, ma un diritto dei nostri bambini. Salviamolo. Daniela Rezza Aderisco con convinzione all'appello per la difesa del tempo pieno. Stefano Simonetta Sottoscrivo l'appello per il tempo pieno. Cristina Del Curto Ho letto la bella lettera della signora Cinzia Micoli e, in quanto nonna di Leonardo e Margherita che frequentano il tempo pieno, desidero sottoscrivere interamente l'appello. Renata Milano Grazie dell'appello per salvare l'attuale offerta formativa della scuola primaria sia nella sua forma del tempo pieno sia in quella del modulo di 30 ore. Alessandra Luksch I bambini sono il futuro. Difendiamo il tempo pieno Maria Cristina Cavecchi Desidero unirmi all'appello della signora Miccoli. Cristiana Zuanazzi I bambini sono il futuro: chiedo al ministro Gelmini che protegga il tempo pieno, un'offerta di altissima qualità. I tagli delle spese inutili vanno fatti dove servono, non a tappeto e tanto meno sulla scuola pubblica. Sottoscrivo l'appello. Stefano Clerici Ci siamo riconosciuti in tanti nella lettera di Cinzia Micoli che riassume il pensiero di tante mamme milanesi: anche noi crediamo nella necessità di un investimento sul futuro dei bambini e mettere in crisi il tempo pieno ci sembra un grosso errore. Se qualcosa si può ancora fare oggi dipende dai genitori, dalla passione e dalla sensibilità di chi crede in un modello educativo che funziona e va difeso. Noi continueremo a raccogliere le mail, sul Corriere e nel forum di Vivimilano online (www.corriere.it/milano). gschiavi@rcs.it

Torna all'inizio


Si è conclusa ieri la prima fase delle lotte degli studenti contro la Gelmini. Un fronte compat... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Abruzzo)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi di ANGELA MALANDRA Si è conclusa ieri la prima fase delle lotte degli studenti contro la Gelmini. Un fronte compatto mai visto prima e che ha visto in campo tutti gli istituti superiori. A cominciare dal Masci che ieri ha interrotto l'occupazione. «Al di là di ciò che riusciremo ad ottenere con la protesta ha detto Marta Giuliani, docente di italiano e latino - l'occupazione è stata un'esperienza positiva sia dal punto di vista organizzativo, sia per le numerose attività svolte». I ragazzi dello scientifico, infatti, hanno organizzato corsi di teatro, fumetto, educazione sessuale, educazione alimentare, disegno, ricamo e creatività. Molto apprezzati i "giochi psicologici". Luca D'Alessandro, rappresentante d'istituto: «E' andato tutto bene. Dopo quest'esperienza pubblicheremo un giornalino su ciò che è avvenuto, pubblicazione che sarà in parte finanziata da noi e in parte dalla scuola stessa». Andrea, studente del primo anno commenta: «C'è chi pensa che occupare una scuola sia solo un pretesto per non studiare, invece nel nostro caso tutto è stato ben pianificato ed abbiamo avuto la possibilità concreta di scegliere tra più di venti attività». Anche al liceo classico la protesta ha dato i suoi frutti: entro un mese sarà diffuso un giornalino, il "G.B.Voice", con articoli e commenti sulla legge Gelmini. Il collettivo studentesco del Vico, durante l'occupazione, ha attivato un sito internet, continuamente visitato da studenti e professori. Francesco Di Prinzio e Serena Stoico, rappresentanti degli studenti del classico, hanno sottolineato: «Nella nostra protesta non siamo stati soli, ma si è creato uno splendido rapporto di collaborazione con i professori». Gianni Scarsi, professore di filosofia, ha dichiarato: «In questa scuola c'è stato un movimento studentesco esemplare, ricco di contenuti emotivazioni». Ma non tutti gli istituti sono stati occupati. Andrea Sansonetti del Galiani ricorda le due ore di occupazione naufragate per l'intervento della digos. Anche alle industriali i ragazzi sono stati "ostacolati" dalla digos che ha preso i nomi e i numeri dei cellulari dei rappresentanti. Assemblea e alcune ore di autogestione, invece, all'istituto magistrale pedagogico: «E' una scuola abbastanza passiva - dice un ragazzo - la nostra protesta ha avuto un tono minore». Al linguistico, dopo quattro giorni di autogestione, gli studenti hanno ripreso a seguire regolarmente le lezioni. Per tutti. ora, l'appuntamento è il 17 novembre, giornata mondiale del diritto allo studio, in cui fuori dei vari istituti appariranno striscioni con la scritta"Scuola pre-okkupata" e si darà vita ad una sorta di occupazione simbolica sincronizzata dalle 17 alle 19.

Torna all'inizio


Formazione, la Marcegaglia premia la Lovato Electric di Gorle (sezione: Scuola)

( da "Eco di Bergamo, L'" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Formazione, la Marcegaglia premia la Lovato Electric di Gorle È stato assegnato alla Lovato Electric di Gorle il premio nazionale «Orientagiovani 2008» che la Confindustria attribuisce alle imprese che hanno investito maggiormente nel formare i giovani e i propri dipendenti. Alla Lovato la Confindustria ha riconosciuto l'importante investimento rivolto a progetti finalizzati alla crescita formativa, culturale e tecnica di studenti e giovani. In effetti, la Lovato Electric - azienda elettromeccanica con 260 dipendenti guidata dal presidente Pietro Cacciavillani - ha intrapreso nel 2008 diverse iniziative a favore di studenti: ha ospitato ragazzi per periodi di stage, ha realizzato progetti di alternanza scuola-lavoro e ha collaborato attivamente con l'Istituto «C. Pesenti» di Bergamo nel progetto «Impresa in Azione». La premiazione si terrà a conclusione del convegno «Il vento della scienza: giovani, scienza e tecnologia» che si terrà a Genova domani. Il riconoscimento, rappresentato da una targa, verrà consegnato dalla presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, alla presenza del ministro per l'Istruzione, Ricerca e Università Mariastella Gelmini. La Lovato a inizio 2008 ha deciso di accettare l'invito di Junior Achievement Italia a supportare l'Istituto Pesenti di Bergamo nel progetto «Impresa in Azione», che ha visto anche il contributo dei Maestri del lavoro di Bergamo. Lovato Electric ha di fatto contribuito allo sviluppo dell'iniziativa di integrazione «Impresa-Scuola», già molto diffusa nel Nord Europa (60% di scuole coinvolte) ma ancora poco presente in Italia. Gli studenti sviluppano un'idea imprenditoriale e creano una vera e propria impresa, realizzano e vendono un prodotto o servizio, approfondiscono e sperimentano in prima persona i contenuti di alcuni profili manageriali presenti nelle imprese moderne. È proprio in questo contesto che Lovato Electric riconoscendo i valori formativi di «Impresa in Azione», ha collaborato con i ragazzi dell'Istituto «C. Pesenti» mettendo a disposizione competenze e risorse.

Torna all'inizio


Genitori in piazza contro la preside (sezione: Scuola)

( da "Corriere del Mezzogiorno" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere del Mezzogiorno - LECCE - sezione: BRINDISI - data: 2008-11-13 num: - pag: 14 categoria: REDAZIONALE Villa Castelli Genitori in piazza contro la preside Riprenderà da oggi la protesta dei genitori della scuola primaria «Don Milani» di Villa Castelli, in lotta contro la dirigente scolastica Maria Conserva. Le famiglie della maggioranza degli alunni ritengono che i propri figli siano danneggiati dalla conflittualità esistente tra la responsabile del circolo didattico e il corpo docenti, avviata nel settembre del 2007 con la mancata corresponsione di riconoscimenti economici legati alle attività integrative svolte. Una situazione poi sfociata anche in esposti ai carabinieri ed alla sospensione della dirigente da parte dell'Ufficio scolastico regionale, provvedimento non confermato dalla ministra Mariastella Gelmini, malgrado l'esito di una ispezione a carico della stessa Conserva. Il 3 novembre i genitori non hanno inviato i bambini a scuola per protesta, azione poi rientrata il giorno successivo dopo un incontro con il provveditore Giovanni Capobianco, che aveva invitato tutti ad attendere nuove determinazioni ministeriali. Che non sono però ancora arrivate. Intanto, l'assessore comunale (all'Ambiente) Nino Giovane afferma di non avere nulla a che fare con la vicenda e con eventuali retroscena politici della stessa. (m.o.)

Torna all'inizio


il comune non paga le bollette e acque spa interrompe le forniture (sezione: Scuola)

( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 5 - Montecatini Il Comune non paga le bollette e Acque Spa interrompe le forniture Dopo il braccio di ferro sui consumi effettivi è ripresa l'erogazione PESCIA. Bollette non pagate e rubinetti chiusi. è successo martedì pomeriggio a Pescia, e protagonista della vicenda non è stato un cittadino moroso alle prese con il caro vita, ma lo stesso Comune. All'origine dell'interruzione (che avrebbe interessato tutti o gran parte degli edifici comunali, dalle scuole al municipio, dal cimitero agli impianti sportivi) un braccio di ferro sulla lettura dei contatori tra la stessa amministrazione comunale e la società Acque Spa (che gestisce il servizio idrico a Pescia) con il Comune che si è rifiutato di pagare le bollette. A segnalare la chiusura dei rifornimenti il capogruppo di Forza Italia Oliviero Franceschi: «Cosa pensate che succeda in una famiglia se, per anni, le bollette dell'acqua vengono messe in un angolo senza essere pagate? Viene un incaricato che sigilla il contatore. Questo è quello che è successo in alcuni uffici del nostro Comune che, ormai moroso da anni, si è visto sigillare i contatori di alcune utenze. Poco male se in alcuni uffici comunali non è possibile lavarsi le mani, o che nei cimiteri o negli stadi manchi l'acqua potabile. Sarebbe gravissimo se questo fosse successo anche nelle scuole e negli asili. Non sono perfettamente a conoscenza del fatto se anche a questi edifici è toccata la stessa sorte del municipio, ma nel lungo elenco dei contatori morosi vi potrebbero essere anche i plessi scolastici. Quando io o i miei colleghi tentiamo di denunciare le poche gravi mancanze di cui riusciamo a venire a conoscenza i nostri solerti amministratori ci tacciano di disfattismo. E no cari miei, disfattisti sono coloro che devono garantire una macchina comunale efficiente ed economica, e che hanno promesso questo ai cittadini di Pescia che li hanno votati. E qui, caro sindaco, hai "toppato". La cosa finirà sicuramente in burletta e la colpa morirà fanciulla, le bollette verranno pagate e tutto continuerà ad andare come sempre, cioè male». Fin qui la denuncia dell'opposizione, che trova un riscontro nella realtà: effettivamente Acque Spa avrebbe interrotto il servizio. Lo conferma anche il sindaco, che spiega però come il problema si sia risolto in brevissimo tempo. L'interruzione del servizio, sostiene l'amministrazione, si sarebbe verificata martedì pomeriggio e non ieri mattina, come denunciato dall'opposizione (ma questo poco cambia). La causa sarebbero state, in effetti, delle bollette non pagate ma, aggiunge il primo cittadino, non si sarebbe trattato di una dimenticanza, bensì di una precisa scelta dell'amministrazione. All'origine una querelle che va avanti da anni, e che è arrivata (martedì o ieri mattina) al punto di rottura: «Da tempo - sostiene il sindaco Antonio Abenante - chiediamo ad Acque Spa di fare la lettura dei contatori, in modo da conteggiare e far pagare al Comune i consumi reali, e non quelli presunti. Invece le fatture sono continuate ad arrivare con calcoli fatti sulla base dei consumi presunti (che erano maggiori di quelli effettivi). Le nostre richieste di una lettura dei contatori sono rimaste sempre inevase, ma non c'è stato niente da fare, ci veniva risposto che non c'era personale a sufficienza». Così, dal Comune, è scattato l'aut aut: «Abbiamo avvertito Acque Spa - prosegue Abenante - che se non ci veniva fatta la fattura con i consumi reali noi non avremmo pagato. La differenza non era grande, ma abbiamo deciso di applicare il principio del "buon padre di famiglia", e ci siamo rifiutati di pagare». Così, come avviene effettivamente nelle famiglie che non pagano, la fornitura idrica è stata interrotta: «Ma è durato tutto pochissimi momenti, adesso è tutto riaperto - sostiene il sindaco Abenante - quando c'è stata l'interruzione ho subito chiamato la società, minacciando una denuncia per interruzione di pubblico servizio. Alla fine tutto è stato risolto, e anche la nostra richiesta (quella della lettura dei consumi reali ndr) è stata soddisfatta». Luigi Spinosi MINORE ARRESTATO Tenta furto in auto BUGGIANO. Un albanese di 16 anni, E.F., è stato arrestato dai carabinieri dopo aver rotto il vetro del finestrino di un'auto tentando di asportare alcuni oggetti contenuti all'interno dell'abitacolo. L'arrestato è stato poi affidato ai genitori con l'obbligo di rimanere in casa. RIFORMA GELMINI Incontro a Uzzano PESCIA. Dibattito sulla riforma Gelmini e sugli effetti che la legge sarebbe destinata ad avere sulle scuole. è quello organizzato per questo pomeriggio dall'unione comunale del Pd di Uzzano. Alle 18, in sala consiliare a Santa Lucia, ci sarà l'incontro aperto a tutti gli interessati (studenti, insegnanti, genitori) al quale prenderanno parte Giorgio Ercolini, nella doppia veste di insegnante e di vicesindaco di Uzzano, e il senatore Andrea Marcucci. ALL'AGRARIO Funghi in mostra PESCIA. Si inaugurerà sabato alle 16,30, all'istituto agrario Anzilotti, la decima mostra dei funghi. La mostra resterà aperta anche domenica 16, dalle 9 alle 19,30, e - su prenotazione - anche lunedì 17 per le visite delle altre scuole del territorio. IN PIAZZA DEL GRANO Festa delle castagne PESCIA. Appuntamento con i sapori dell'autunno in piazza del Grano. Domenica 16 novembre, infatti, ritorna la rassegna organizzata dal Rione San Michele: dalle 15,30 alle 19,30 sarà possibile gustare le gustose frugiate e anche i necci. Buon appetito. CONFCOMMERCIO Al via un corso PESCIA. La Confcommercio di Pescia organizza per il mese di novembre il corso di prima formazione obbligatoria per addetto ad attività alimentari complesse, che si svolgerà nei giorni 24, 26 e 27 novembre. Il corso si svolgerà negli uffici di Confcommercio, in piazza Gramsci. Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a Sonia Santini (0572 478594, pescia@confcommercio.pistoia.it).

Torna all'inizio


Sindacati, il giorno della rottura Epifani accusa gli altri due leader (sezione: Scuola)

( da "Corriere della Sera" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere della Sera - NAZIONALE - sezione: Primo Piano - data: 2008-11-13 num: - pag: 2 categoria: REDAZIONALE Sindacati, il giorno della rottura Epifani accusa gli altri due leader «Vertice con il premier e Confindustria? Grave. Sciopero generale il 12 dicembre» Università, la Cisl revoca la mobilitazione. Ministeriali, firmato accordo separato La Cgil: il governo vuole dividerci. Il ministro Sacconi: gli incontri non collegiali ci sono sempre stati ROMA — Guglielmo Epifani è andato su tutte le furie. A indispettire il segretario generale della Cgil non è stata tanto la notizia del vertice riservato, martedì sera, tra il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, un po' di ministri, il presidente della Confindustria, Emma Marcegaglia, e i leader di Cisl e Uil, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti. Ma ancora di più i tentativi degli stessi Bonanni e Angeletti di smentire l'incontro e il silenzio di Marcegaglia. Dopo averne parlato in direttivo, il parlamentino della Cgil riunito ieri per proclamare lo sciopero generale, Epifani ha quindi annunciato che manderà una lettera a Cisl, Uil e Confindustria, per chiedere loro se il vertice c'è stato. «Se confermato — conclude il leader della Cgil — si aprirebbe un problema formale nei rapporti con le altre organizzazioni sindacali e con la Confindustria». Ma, formalità a parte, il problema c'è già ed è grosso. La prima conferma è arrivata ieri sera con il primo contratto del pubblico impiego rinnovato, senza la firma della Cgil. Si tratta dell'accordo per i circa 190 mila dipendenti dei ministeri, che arriva in seguito all'intesa quadro raggiunta di recente tra il governo e i principali sindacati, tranne la Cgil. I lavoratori riceveranno un aumento medio di 70 euro lordi per il biennio 2008-2009. Il ministro della Pubblica ammini-strazione, Renato Brunetta, parla di «evento importante». Il segretario nazionale della Funzione pubblica-Cgil, Alfredo Garzi, replica: «Poco più di 40 euro netti non garantiranno il potere d'acquisto delle retribuzioni ». E il leader Carlo Podda aggiunge: «è la prima volta che non c'è niente per la produttività, ma va tutto sui minimi. E meno male che il governo non voleva dare soldi a pioggia!». Sempre ieri è caduto un altro fronte dell'unità sindacale che sembrava destinato a resistere. La Cisl e l'Ugl, dopo l'incontro con il ministro del-l'Istruzione, Mariastella Gelmini, hanno revocato lo sciopero e la manifestazione nazionale di domani del personale dell'Università e della ricerca, perché il governo si sarebbe impegnato a reperire nuove risorse per i contratti. La Cgil e la Uil hanno invece confermato la protesta. Il direttivo della Cgil ha intanto approvato ieri all'unanimità la proclamazione dello sciopero generale per venerdì 12 dicembre. Lunedì la segreteria stabilirà le modalità. Le principali categorie, metalmeccanici e pubblico impiego, dovrebbero astenersi dal lavoro per 8 ore. Si svolgeranno manifestazioni territoriali. Sabato intanto si svolgerà lo sciopero generale del commercio, proclamato anche qui dalla sola Cgil, che non ha firmato il rinnovo del contratto. Il tono della polemica sale. Epifani dice che quello che è accaduto con il vertice segreto di Palazzo Grazioli, martedì sera, «è un fatto gravissimo, senza precedenti: Berlusconi dimostra di non avere alcun rispetto nei confronti dei suoi interlocutori quando esprimono opinioni diverse dalla sue». La Cgil, aggiunge il segretario generale, «chiede dunque un immediato incontro con il governo». Irritata anche Renata Polverini, leader dell'Ugl, anche lei esclusa dal vertice nel quale il premier e i ministri economici hanno discusso degli interventi in cantiere a sostegno di imprese e famiglie: «Pensavo che la stagione degli incontri riservati fosse terminata ». Polverini, che però ha avuto almeno un colloquio telefonico con Berlusconi, critica il governo perché «fino a ora non ha aperto un confronto trasparente con le parti sociali». Il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, replica che «incontri informali ci sono e ci saranno sempre, quel che contano sono i dati politici». E secondo Sacconi la Cgil, decidendo lo sciopero generale da sola, è mossa appunto da motivazioni più politiche che sindacali». Sulla stessa linea Angeletti: «Dentro la Cgil è prevalsa la linea antagonista». Sembra ormai rassegnato allo scontro anche Bonanni: «Oramai sono tre mesi che siamo in questa situazione. Epifani, comunque vada, si arrabbia sempre». Ma da ieri il fatto nuovo è lo stato di forte tensione tra il leader della Cgil e il presidente della Confindustria. Epifani ha interpretato il coinvolgimento di Emma Marcegaglia nel vertice di Palazzo Grazioli con Bonanni e Angeletti come il chiaro segnale della «volontà del governo di dividere le organizzazioni sindacali e di premere in direzione di un accordo separato » sulla riforma del modello contrattuale. Un passo che Epifani ha sempre sperato la Confindustria non compia. Enrico Marro

Torna all'inizio


e i ragazzi di balbi fanno lezioni ai bambini (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina IV - Genova L´iniziativa E i ragazzi di Balbi fanno lezioni ai bambini «Da fine mese, le attività alle elementari le faremo noi»: gli universitari dell´Onda diventeranno protagonisti nelle scuole primarie della città, «per garantire quelle opportunità che i bimbi hanno già perso, perché le insegnanti non vengono pagate», spiegano i ragazzi. Quelli di Lettere schierano gli storici dell´arte. «Accompagneremo i bimbi in visite guidate in via Garibaldi, ad esempio, e nei suoi musei - spiegano - oppure nelle chiese più belle della città. Non costerà nulla e i piccoli non saranno privati delle opportunità di cui hanno bisogno». Così gli studenti di Medicina, che hanno già organizzato le loro lezioni. «Andremo nelle scuole, nelle classi, oppure faremo lezioni in piazza: ci occuperemo di una serie di favole che insegnino la corretta alimentazione». Anche Scienze politiche sta lavorando al proprio progetto nelle scuole. Ovviamente tutte le iniziative sono concordate e discusse, prima, con gli insegnanti. E´ da un mese che Onda e i comitati anti-Gelmini di "Sos scuola" lavorano insieme, condividono le manifestazioni, sabato scorso a Balbiquattro occupata hanno organizzato anche una "merenda" per i piccoli, con genitori e docenti della scuola primaria. (m. b.)

Torna all'inizio


l'onda all'assalto della fiera ma la gelmini non si fa vedere (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina V - Genova Nuovo corteo in occasione dell´inaugurazione di Abcd. Con pentole, coperchi e mestoli L´Onda all´assalto della Fiera ma la Gelmini non si fa vedere L´Onda in corteo improvvisato, ieri mattina, per le principali vie del centro di Genova, che, complice la pioggia, è stata strozzata dal traffico. Sono partiti in oltre duemila, dalla Fiera di Genova, dove si è aperto ieri "Abcd, il salone italiano della Formazione": dalle 10.30 e per un´ora hanno invaso viale Brigate Partigiane, piazza Verdi, via Venti Settembre, piazza De Ferrari, via XXV aprile, via Garibaldi, fino alla Facoltà di Lettere, occupata, in via Balbi. Temevano un blitz dell´ultimo minuto di Mariastella Gelmini, gli universitari e gli studenti medi, e così, nonostante le notizie ufficiali dell´assenza del ministro, si sono presentati alle nove davanti al padiglione B della Fiera, all´inaugurazione di "Abcd, il salone italiano della Formazione". Con pentole, coperchi, schiumarole, mestoli e cucchiai. "Mariastella dove sei?" hanno scandito in un centinaio tra gli stand della manifestazione. L´Onda ha occupato lo spazio del ministero della Pubblica istruzione, qualcuno ha scritto "no 133" con lo spray sul fondale - ovviamente, azzurro - del padiglione. Sono comparse due pecore di peluche: «Non vogliamo diventare come loro», sulle spalle di due studenti. E gli universitari hanno letto il loro volantino, al megafono: «Attenti. Chi orienta, devia: venite al salone per scegliere il vostro percorso formativo e invece state comprando un biglietto di sola andata per la precarietà. Questo è il salone dell´ipocrisia, la vera informazione è la nostra: i tagli e la legge 133», invocando l´"autoriforma" che tutta l´Onda, a livello nazionale, sta preparando. Ricomincia il carosello tra gli stand, il clangore di coperchi sfila sotto il naso di Massimiliano Costa, vicepresidente della Regione («La libertà di dimostrare non deve soverchiare quella altrui di lavorare») e il presidente della Provincia, Alessandro Repetto. Poi, universitari e studenti medi si sono riversati in piazzale Kennedy: un fiume, ancora una volta, di duemila anime. Apre il corteo lo striscione "Mariastella, dove sei?", con gli universitari e i ragazzi di Fermi, Pertini, Giorgi, Barabino, Klee, Firpo, Buonarroti, Cassini, Vittorio Emanuele, Leonardo da Vinci, Majorana. Alle 11 e 40 imboccano via Venti, bloccando la carreggiata in salita. E questa sera, l´Onda partirà a mezzanotte, con quattro pullman, per la manifestazione nazionale di domani, a Roma. Oltre duecento ragazzi. Una parte di essi si fermerà tre giorni, per partecipare agli stati generali del movimento, alla Sapienza, sabato e domenica. Due pullman invece hanno organizzato Cgil e Uil, per partecipare all´appuntamento, con ricercatori e precari. Mentre la Cisl è uscita dalla mobilitazione. Domani, invece l´Unione degli studenti medi ha annunciato un corteo che partirà da Caricamento alle 9. (m. b.)

Torna all'inizio


Sciopero dello spritz anti-Gelmini (sezione: Scuola)

( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere del Veneto - PADOVA - sezione: PRIMAPAGINA - data: 2008-11-13 num: - pag: 1 categoria: REDAZIONALE Gli studenti padovani Sciopero dello spritz anti-Gelmini PADOVA — Sessantamila studenti chiudono i rubinetti dello spritz. La movida universitaria ha disertato tutte le piazze della città del Santo nella giornata clou dell'aperitivo serale. Il mercoledì universitario ieri è rimasto a secco di clienti. Tutti i bar hanno incassato solo pochi spiccioli per la decisione dell'onda studentesca di astenersi dai consumi per 24ore come contromossa ai tagli della Gelmini. A PAGINA 2 Galliolo

Torna all'inizio


Catullo, autogestione per 600 studenti (sezione: Scuola)

( da "Corriere delle Alpi" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

di Alessia Forzin Catullo, autogestione per 600 studenti Domani tocca al Galilei, la prossima settimana al Tiziano e al Calvi Laboratori di musica giocoleria, informatica e dibattito sulla riforma BELLUNO. Autogestione secondo round. E' stato l'istituto professionale Catullo a raccogliere il testimone lasciato dagli studenti del Renier, e proseguire l'autogestione a rotazione organizzata per protestare contro la riforma Gelmini. Formula, quella della rotazione, che consente di «mantenere sempre alta l'attenzione su un tema attuale e scottante», come confermano gli organizzatori. Da ieri dunque niente lezioni per i ragazzi del Catullo, che hanno partecipato in massa all'iniziativa. Uno degli organizzatori, Patrick Bravo, stima che «almeno 600 persone, su un totale di 750 alunni, abbia aderito alla protesta». Nel corso della giornata i ragazzi hanno frequentato laboratori di giocoleria, musica, dove hanno imparato a suonare i bonghi, arte, lettura, psicologia, informatica e teatro, e hanno potuto partecipare a un dibattito sulla riforma con l'ex maestro di scuola elementare Dall'Agnol. Nel frattempo in palestra si svolgevano i tornei di pallavolo e calcetto, oltre ad alcune lezioni di ballo. Immancabile anche il cineforum. Bravo sottolinea che «è stato garantito a tutti quelli che non volevano aderire all'autogestione il diritto a frequentare il normale corso delle lezioni», e che sono state organizzate anche due squadre di studenti per mantenere l'ordine e la pulizia nei locali della scuola. L'autogestione terminerà oggi, ma la protesta non ha nessuna intenzione di fermarsi e passerà al liceo scientifico Galilei e, la prossima settimana, al Tiziano e al Calvi. Domani tocca al Galilei. L'autogestione proseguirà toccando le aule e i corridoi del liceo scientifico, dove i ragazzi hanno organizzato cineforum, un laboratorio di giornalismo e molti incontri con apporti di personale esterno al mondo della scuola. I dibattiti saranno di due tipi: alcuni vedranno protagonisti solo i ragazzi, impegnati a discutere sull'importanza del volontariato, il mondo della fotografia, sulla partecipazione dei cittadini ai processi decisionali (laboratorio "Cittadinanza attiva") e sulla riforma della scuola. Altri saranno invece tenuti da esterni: sono previsti interventi dei rappresentanti di Samarcanda, per parlare di commercio equo e solidale, di alcuni esponenti dei gruppi "Insieme si può", per affrontare un discorso sul volontariato, e di uno studente universitario della facoltà di economia, che analizzerà criticamente la difficile situazione mondiale dopo i recenti fatti di attualità. Ci saranno inoltre delle lezioni di approfondimento di storia e arte contemporanea, e lezioni alternative (sulla musica russa e la cosmologia ad esempio) tenute dagli stessi insegnanti dell'istituto. Anche qui la partecipazione sarà buona, ma Lucio Santin, responsabile organizzativo, confessa che «molti non parteciperanno perché hanno paura che gli venga abbassato il voto in condotta. Cosa che non accadrà». I ragazzi comunque garantiranno a quanti lo desiderano di frequentare il normale corso delle lezioni. La prossima settimana si continua al Tiziano e al Calvi. Il liceo classico inizierà l'autogestione lunedì, la ragioneria mercoledì o giovedì, «a seconda del giorno libero degli insegnanti», spiega lo studente Luca Trivellato. «Vogliamo coinvolgere anche loro nei dibattiti sui temi di attualità, come la guerra, la mafia e la crisi economica. La nostra autogestione vedrà molti incontri su tematiche importanti, e a parlare della riforma Gelmini verrà un ex sindacalista e ora professore, per dimostrare come la protesta sia assolutamente apolitica». Anche al Calvi ci sarà spazio per il cineforum e il laboratorio di musica, e Trivellato stima una partecipazione sul 70% del numero complessivo degli studenti.

Torna all'inizio


Un bavaglio antiprotesta a prof e presidi (sezione: Scuola)

( da "Corriere delle Alpi" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Un bavaglio antiprotesta a prof e presidi Il divieto della dirigente dell'Ufficio scolastico regionale Carmela Palumbo BELLUNO. Addio alle riunioni all'interno delle singole scuole del Veneto, dove sia i docenti che i genitori possono criticare liberamente i contenuti della Riforma Gelmini, già diventata legge. Niente più striscioni davanti agli istituti della regione, dove docenti e non docenti potevano scrivere anche «Gelmini Somara». Bavaglio anche ai presidi che sino a oggi hanno potuto partecipare anche alle manifestazioni contro il ministro dell'Istruzione o avevano la possibilità di rilasciare interviste ai mass media, spesso al peperoncino, contro il ritorno alla «maestra unica». Su disposizione del ministero di viale Trastevere, la circolare emanata, il 6 novembre, dalla responsabile dell'Ufficio scolastico regionale, Carmela Palumbo, ha cambiato le carte in tavola perché ricorda ai presidi tutte le norme alle quali si devono attenere i dirigenti in qualità di pubblici dipendenti. Non a caso la circolare, scaricabile da Internet, s'intitola «Ruolo e competenze degli organi collegiali. Utilizzo delle sedi delle istituzioni scolastiche». I passi più significativi del documento, firmato dalla dottoressa Palumbo, sono quelli in cui, in base all'articolo 98 della Costituzione, si dice «i pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione» oppure «i dipendenti devono rispettare le prescrizioni di legge ai fini della cura dell'interesse pubblico loro rimesso». E la circolare diventa ancora più esplicita nella seconda pagina, nel momento in cui fa notare «il dipendente s'impegna ad evitare situazioni e comportamenti che possano nuocere agli interessi o all'immagine della pubblica amministrazione». E la botta finale della circolare è del tutto lampante, quando si afferma «il dipendente tiene informato il dirigente dell'ufficio dei propri rapporti con la stampa». Immediata la reazione sia dei sindacati confederali che di quelli di base. «Sul piano formale la circolare della Palumbo è ineccepibile», sottolinea il segretario regionale della Cgil-scuola, Salvatore Totò Mazza. «Il messaggio politico, però, che invia al mondo della scuola è ambiguo e criticabile sotto tutti i punti di vista. Come mai, infatti, la circolare, imposta dal ministro, è stata emanata in queste settimane, periodo in cui la protesta contro la Gelmini ha raggiunto livelli molto popolari, coinvolgendo anche numerosi presidi?».

Torna all'inizio


Un incontro sulla riforma Gelmini (sezione: Scuola)

( da "Corriere delle Alpi" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

SALCE Un incontro sulla riforma Gelmini BELLUNO. Questa sera, alle 20,30, nella scuola materna di Salce, il Circolo di Belluno-Mussoi del Partito Democratico propone un incontro su un tema molto sentito, come quello della scuola e intitolato: "Scuola di ieri, scuola di domani. Considerazioni sul decreto legge Gelmini". Una serata di approfondimento per meglio capire i contenuti.

Torna all'inizio


Apre i battenti la fiera Orienta dedicata al futuro degli studenti (sezione: Scuola)

( da "Corriere delle Alpi" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

LONGARONE Apre i battenti la fiera Orienta dedicata al futuro degli studenti LONGARONE. Si apre oggi a Longarone Fiere la sesta edizione di Orient@, il Salone dell'orientamento scolastico e professionale, che proseguirà sino a domenica con orario d'apertura, ad ingresso libero, dalle 8.30 alle 13 e domenica dalle 10 alle 17.30. La manifestazione si rivolge sia ai ragazzi che terminano il primo ciclo di istruzione secondaria, sia ai ragazzi che concludono il secondo e si approcciano al mondo universitario o del lavoro. Quest'anno la manifestazione sarà aperta anche la domenica, ampliando l'orario non solo al pomeriggio, ma anche al mattino, in modo da permettere, soprattutto a genitori e figli, di visitare insieme la fiera. Sarà dunque la giornata dedicata alle famiglie, che potranno partecipare (alle 14.45), in particolare, all'incontro sul tema: "Né sopra né sotto, ma accanto. Come stare vicini ai propri figli nel momento della scelta dopo la terza media", al quale interverrà Katia Provantini, psicologa esperta di orientamento e apprendimento dell'equipe del professor Gustavo Pietropolli Charmet. Ma sono molti gli appuntamenti in programma alla rassegna. Oggi, dalle 10, la sala A ospiterà l squadra di soccorso alpino dei carabinieri e la sala B i sommozzatori della polizia di Stato. Dopo la cerimonia inaugurale alle 11, la Provincia presenta il servizio informativo e bibliotecario mobile «Vieni "a bordo" con noi». Domani dalle 9.45, nell'ambito della 15ª giornata nazionale Orientagiovani, si terrà l'incontro sul tema: "Giovani, scienza, tecnologia", promosso dai giovani imprenditori di Assindustria, mentre sabato (alle 10) spazio alla tavola rotonda su: "Formazione, lavoro, università: come fare una scelta? Rigidità dei sistemi attuali e prospettive future", alla quale è stato invitato anche il ministro dell'istruzione, Mariastella Gelmini. Tra gli altri appuntamenti, domani alle 8.45 e alle 10.30 verrà proposto OrientaTeatro.

Torna all'inizio


Studenti, la strana protesta <Via dai bar, spritz in aula> (sezione: Scuola)

( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere del Veneto - PADOVA - sezione: PRIMOPIANO - data: 2008-11-13 num: - pag: 2 categoria: REDAZIONALE A Padova piazza vuota Studenti, la strana protesta «Via dai bar, spritz in aula» PADOVA — Sessantamila studenti chiudono i rubinetti dello spritz. La movida universitaria ha disertato tutte le piazze della città del Santo nella giornata clou dell'aperitivo serale. Il mercoledì universitario ieri è rimasto a secco di clienti. Tutti i bar più in voga da piazza delle Erbe a piazza dei Signori, hanno incassato solo pochi spiccioli per la decisione dell'onda studentesca di astenersi dai consumi per 24ore come contromossa ai tagli della manovra d'estate 133 Gelmini. «Se il Bo colerà a picco - spiegano gli studenti di Lettere il commercio ci seguirà nel fondo». Un segnale lanciato dall'assemblea di facoltà di Lettere e Filosofia per portare fuori dagli androni accademici la protesta e contaminare con la mobilitazione anche gli affari degli esercenti padovani che tra apertivi, tramezzini e brioche fanno quadrare non poco i bilanci a fine mese. Ma non è finita qui. L'aperitivo diventa «Psyco-spritz». Un lounge bar organizzato dagli studenti di Psicologia nell'atrio di facoltà ieri dalle 17, per dirottare gli irriducibili del campari-aperol e vino bianco verso l'autofinanziamento del treno fino a Roma e per informarli sulle iniziative di protesta. Un modo inedito per sottrarre clienti agli esercenti, far pesare l'astensione e raccogliere i fondi per raggiungere la capitale. Stessa formula per la notte bianca di ieri alla facoltà di Scienze politiche, la seconda del Bo, per far clienti al bar di facoltà e rimpinzare le casse del movimento a caccia di fondi per i ticket. Ma allo sciopero di ieri non erano invitati solo gli studenti, ma pure tutto il personale universitario. Anche il papà dell'algoritmo che fa funzionare Google Massimo Marchiori ha fatto lo sciopero del panino per la ricerca, e oggi terrà una conferenza sulla storia di internet proprio per la mobilitazione contro la 133. C'è da dire che chi era a pranzo ieri dopo lezione non ha evitato lo spuntino ma alla sera le piazze erano svuotate complici, oltre la pioggia, i due eventi di Psicologia e Scienze politiche e la voglia di andare a Roma e lasciare a secco i commercianti. Martino Galliolo Svuotata Piazza delle Erbe vuota ieri sera per l'astensione dall'aperitivo, indetta dagli universitari

Torna all'inizio


Scuola, pronto il piano accorpati 34 istituti (sezione: Scuola)

( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere del Veneto - PADOVA - sezione: PRIMOPIANO - data: 2008-11-13 num: - pag: 2 categoria: REDAZIONALE Scuola, pronto il piano accorpati 34 istituti La Regione decide i «tagli»: salva la montagna e le città eccetto Mestre. I risparmi nei plessi di provincia VENEZIA — Per ora sono 34 scuole: dovranno diventare 17. La Regione ha presentato ieri un primo piano per accorpare istituti comprensivi e scuole superiori sparsi per la regione per poter «tagliare » almeno un posto da dirigente scolastico per istituto e un paio di rappresentanti del personale tecnico- amministrativo. L'assessore Donazzan e la dirigente dell'ufficio scolastico regionale, Carmela Palumbo, hanno illustrato i primi passi della «razionalizzazione» agli assessori all'istruzione delle sette province, che ora dovranno discuterli sul territorio. Ma i tempi sono stretti, perché entro il 31 dicembre la Giunta regionale dovrà approvare (e quindi licenziare) il piano definitivo. Slitta invece al 2010 l'altra novità del decreto Gelmini: la chiusura dei plessi scolastici con meno di 50 alunni. Quelle di ieri sono ipotesi di accorpamento (gli enti locali, ciascuno per la propria competenza, avranno modo di apportare modifiche), ma le indicazioni non potranno essere stravolte o disattese. Ciascuna provincia, quindi, dovrà fare i propri conti e cominciare a lavorare al piano già dalla prossima settimana per poi approvarlo in sede di Consiglio (l'Ente provinciale per quanto riguarda gli istituti superiori, quello comunale per le scuole di primo e secondo grado). «In Veneto le scuole sottodimensionate sono appena l'8% del totale — spiega Elena Donazzan — ma questo non deve sottrarci al senso di responsabilità che ci vede in prima linea e più virtuosi di altre regioni; ho già chiesto agli assessori provinciali che si inizi subito a lavorare anche al piano che riguarderà la chiusura dei plessi sotto i 50 alunni. Ho inoltre intenzione di chiedere che tutti i tagli apportati vengano restituiti alle scuole sottoforma di investimenti, perché è giusto che chi è stato virtuoso venga premiato». Il piano, intanto, parte già con la prima deroga, quella cioè relativa alle aree di montagna che per la loro particolare conformazione non verranno toccate dalla nuova norma; nella deroga rientra quindi l'intera Provincia di Belluno e alcune zone di qualche altra provincia, ma in misura minore. Cancellata la sanzione del commissariamento degli enti locali che non riusciranno a consegnare il piano entro i tempi stabiliti, c'è dunque un mese e mezzo di tempo a disposizione di tutti per mettere mano alla novità: «Non era possibile — spiega l'assessore all'Istruzione della Provincia di Venezia Andrea Ferrazzi — che il governo costringesse Regioni, Province e Comuni a tagliare indiscriminatamente i plessi passando sopra la testa delle comunità e mettendo in estrema difficoltà le famiglie. Ora, nella logica della condivisione delle scelte per il bene del nostro territorio è mia intenzione convocare presidi e sindaci che saranno chiamati a decidere. Il piano di dimensionamento votato dalla Conferenza dei sindaci è un piano che ha retto molto bene i cambiamenti degli anni successivi. Alcune proposte di quelle di oggi sono dettate dal buonsenso e le offriamo alla discussione dei sindaci e delle comunità locali». Fra le province meno toccate dal provvedimento ministeriale c'è Verona (dove è previsto l'accorpamento di due istituti comprensivi in area montana, con buone possibilità di usufruire della deroga) che si dice infatti soddisfatta del piano presentato ieri. «Abbiamo lavorato molto in questi anni — spiega l'assessore provinciale all'Istruzione Maria Luisa Tezza — e oggi siamo una delle situazioni più virtuose». Soddisfazione esprime anche l'assessore all'Istruzione della Provincia di Treviso Carla Puppinato che giudica fattibile il piano pur precisando però che «Belluno, che gode della deroga per la zone di montagna, non è poi così diversa da Vittorio Veneto». Paola Vescovi

Torna all'inizio


A Roma con i soldi dei sindaci (sezione: Scuola)

( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere del Veneto - PADOVA - sezione: PRIMOPIANO - data: 2008-11-13 num: - pag: 2 categoria: REDAZIONALE Lo sciopero A Roma con i soldi dei sindaci PADOVA – Studenti a Roma. Grazie anche ai soldi del sindaco di Padova Flavio Zanonato e di quello di Venezia Massimo Cacciari. Ieri mattina i due sindaci hanno devoluto alcune centinaia di euro alla causa degli studenti che stanotte partiranno per Roma per la grande manifestazione contro la riforma Gelmini-Tremonti. Quasi in mille, tra studenti, professori e ricercatori, saliranno stanotte sul treno speciale in partenza da Venezia. Ieri, grazie ad una colletta improvvisata (tra gli altri, il deputato Alessandro Naccarato e il capogruppo del Pd in Regione Giovanni Gallo), sono stati raccolti in favore dell'Onda quasi 3 mila euro per pagare ai manifestanti una parte del biglietto del treno. Soldi anche dal consigliere regionale dei Verdi Gianfranco Bettin, dal rettore di Ca' Foscari Pier Francesco Ghetti, da molti docenti universitari e dalla Cgil del Veneto. Davide D'Attino

Torna all'inizio


piano regionale per la scuola (sezione: Scuola)

( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

L'assessore Pinna di Pozzomaggiore «Piano regionale per la scuola» POZZOMAGGIORE. Le contestazioni sollevate dai provvedimenti contenuti nel decreto Gelmini, ora legge 133, riguardante la modifica e trasformazione dell'attuale assetto scolastico, ha stimolato il giusto intervento, oltre che degli operatori, anche delle amministrazioni comunali. Sul problema, nel consiglio comunale di lunedì, l'assessore ai servizi sociali, pubblica istruzione e cultura, Giorgia Pinna, ha presentato un documento. "La scuola, l'istruzione e la formazione dei ragazzi sono sempre stati al centro dell'attenzione dell'amministrazione, ha scritto l'assessore, ed i progetti realizzati sono stati concordati con la scuola stessa, tenendo conto degli studenti e con l'obiettivo di mantenere, stimolare e far nascere interventi volti a promuovere il capitale intellettuale e, nel contempo, evitare l'abbandono e la dispersione scolastica». Al fine di garantire momenti creativi e ricreativi per gli alunni, oltre che per prevenire situazioni di emarginazione e solitudine, si è cercato di rispondere ai loro bisogni con una serie d'interventi, come per esempio l'attivazione del progetto del Servizio Civile a favore dei ragazzi in difficoltà, la promozione di progetti di Educazione Ambientale come "Adotta un albero", di progetti di assistenza educativa, etc. Tutto questo perché, per l'amministrazione comunale - precisa l'assessore -, la scuola rappresenta una primaria agenzia formativa e culturale. "Una comunità senza scuola è, infatti, un'entità astratta, poiché non risponde alla richiesta sociale di creare nuovi cittadini, e poco vitale, perché destinata a spegnersi con il conseguente spopolamento". La legge 133/2008 contiene una serie di provvedimenti che intendono modificare l'attuale assetto scolastico e, nel caso specifico della Sardegna, "lo stesso sarebbe indebolito notevolmente, poiché non si tiene conto della realtà particolare dei nostri piccoli comuni, difficilmente raggiungibili tra loro". In queste realtà la razionalizzazione attraverso l'accorpamento d'intere classi e la riconversione di edifici scolastici viene giustificata con il fenomeno della denatalità. "Guardare al calo demografico senza interrogarsi sulle motivazioni profonde che lo determinano, non solo significa assumerlo come processo ineluttabile, ma usarlo come fattore emarginante per vaste aree territoriali. E' necessario predisporre, con una legge regionale - si legge nel documento dell'assessore -, un piano per l'intero sistema formativo dell'isola che tenga conto dei nuovi processi in atto e di un diffuso ed effettivo diritto allo studio, di un rapporto allievo-insegnante più efficace a livello psico-pedagogico e più aderente alle specificità socio-ereditarie-ambientali dei comuni sardi". L'istruzione è un bene di tutti, perciò è compito di tutti, a partire dalle amministrazioni comunali, affrontarli con impegno, per qualificarli ed investire di più. Emidio Muroni

Torna all'inizio


La Gelmini incontra i rettori <Ora il clima è migliorato> (sezione: Scuola)

( da "Corriere della Sera" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere della Sera - NAZIONALE - sezione: Politica - data: 2008-11-13 num: - pag: 17 categoria: REDAZIONALE Università e riforme I vertici degli atenei: passi avanti, si segue lo spirito di Napolitano La Gelmini incontra i rettori «Ora il clima è migliorato» Domani a Roma manifestazione nazionale di Cgil e studenti Il ministero parla di un vertice «andato bene» La mediazione a tre fra il ministro, Gianni Letta e Renato Brunetta ROMA — «Un buon clima, e anche a rischio di apparire troppo ottimista, devo dire che da qualche settimana la situazione è davvero migliorata, abbiamo fatto dei passi avanti, secondo lo spirito che aveva indicato il presidente della Repubblica, Napolitano ». Questo il commento del Rettore della Statale di Milano, Enrico Decleva, presidente della Conferenza di tutti i rettori italiani delle Università statali e non statali. Decleva è appena uscito da due ore di incontro con il ministro Mariastella Gelmini, che ha illustrato all'intera giunta della Crui il decreto legge sull'Università. Un provvedimento che permetterà tra l'altro l'assunzione di quattromila ricercatori e che destina fondi pari a 500 milioni di euro agli atenei migliori nella didattica e virtuosi nei conti (ieri si è dimesso il direttore ammini-strativo dell'Università più indebitata d'Italia, quella di Siena). Presenti a viale Trastevere tra gli altri il segretario della Crui Mancini (rettore dell'Università di Viterbo), i due vicepresidenti Pasquino(Salerno) e Puglisi (Libera università comunicazione), Pasquali (Pisa), Petrocelli (Bari) Stella (Pavia), Martineo (Verona) e, unica donna, Stefania Giannini, rettore dell'Università per stranieri di Perugia. Di un incontro «andato bene » parla anche il Ministero. Con i suoi collaboratori la Gelmini non ha mancato di sottolineare che il successo con i vertici delle Università è arrivato nel pomeriggio di una giornata che ha visto decisamente assottigliarsi il fronte dello sciopero di domani, dopo la defezione del potente sindacato Cisl-scuola (il cui segretario generale Francesco Scrima all'inizio della protesta aveva usato delle parole molto dure), dell'Ugl e dello Snals. La Gelmini, insomma, ieri ha raccolto i frutti di una importante opera di mediazione, giocata a tre punte, con il sottosegretario alla Presidenza Gianni Letta, e con il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta, dopo settimane passate sugli scudi. Tra «i quattro o cinque punti positivi» del decreto, Decleva rimarca in particolare, «quanto previsto per il diritto allo studio e quanto riguarda il blocco del turn-over» e la complessiva «coerenza di questo passaggio» che dovrà trovare futuri interventi maggiormente sistematici soprattutto in vista del fatidico appuntamento con il 2010 «che a nostro avviso resta un problema ». Giovedì della settimana prossima quanto scaturito dal confronto con la Gelmini sarà sottoposto alla valutazione dell'assemblea di tutti i rettori. Nel frattempo però la Cgil e gli studenti hanno confermato che saranno in piazza per la manifestazione nazionale che si svolgerà domani nella Capitale. A Torino gli studenti hanno ottenuto da Trenitalia un convoglio speciale di undici vagoni al «prezzo politico» di 45 euro andata e ritorno. Richiesta che è stata avanzata alle Ferrovie in altre città: Milano, Palermo e Napoli. Oggi alle 15,30 gli studenti minacciano il blocco della stazione Centrale del capoluogo lombardo. M. Antonietta Calabrò

Torna all'inizio


ROMA - La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani (sezione: Scuola)

( da "Adige, L'" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

ROMA - La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani ROMA - La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani. Ma gli altri - Cgil, Uil e, soprattutto, gli studenti - scenderanno in piazza per protestare contro la legge 133 e anche perchè poco convinti delle novità introdotte con il decreto legge «tecnico» varato la scorsa settimana dal Consiglio dei ministri e pubblicato ieri sulla Gazzetta ufficiale (quello su concorsi e alleggerimento del blocco del turn over). Il ministro, che martedì aveva avuto una riunione-fiume con i sindacati, ieri ha incontrato la Conferenza dei rettori la quale ha ribadito il proprio apprezzamento sul decreto legge appena firmato dal Presidente della Repubblica, che contiene provvedimenti a favore delle università più virtuose e prevede, tra l'altro, l'assunzione di nuovi ricercatori. Ai rettori il ministro ha anche esposto le linee guida per l'università sottolineando la necessità di ridurre i corsi di laurea non indispensabili e le sedi distaccate. Oltre che dalla rappresentanza istituzionale dei rettori, un'apertura di credito al Governo è arrivata, dunque, anche dalla Cisl. «Abbiamo deciso la revoca dello sciopero - ha spiegato Antonio Marsilia, segretario generale Cisl Università - perchè il ministro con il documento sottoscritto martedì si è impegnato a modificare alcuni passaggi importanti della manovra governativa sull'università e a dare risposte concrete alle richieste contenute nella piattaforma per lo sciopero del 14 novembre». Risposte che sono bastate anche all'Ugl e allo Snals Confsal: entrambe le sigle hanno fatto retromarcia sullo sciopero revocandolo. Oggi è in calendario anche un incontro del ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, con i presidenti degli enti di ricerca. Insomma, Mariastella Gelmini si è data da fare, in questi ultimi giorni, per scongiurare un «bis» del 30 ottobre (sciopero e manifestazione della scuola dimostratisi, a guardare le adesioni, un successo). Ma Cgil e Uil rispondono picche. «Complessivamente - ha detto il segretario generale della Flc, Mimmo Pantaleo al termine dell'incontro con il ministro - vengono riconfermati i tagli previsti dalla legge 133 e l'impianto del decreto Brunetta». Alberto Civica, segretario generale della Uil università, a sua volta, ha spiegato che «al momento non ci sono ragioni per una revoca». Non si sono fatti convincere dalle rassicurazioni del ministro nemmeno gli studenti. Vanno avanti con le loro iniziative di protesta: anche ieri sera la facoltà di agraria di Firenze ha organizzato lezioni alla Loggia del Porcellino; alcune centinaia di studenti della superiori e delle università hanno «invaso» pacificamente stamani il Salone Italiano dell'Educazione a Genova intonando canti, cori e slogan contro il ministro Gelmini; e ancora domani lezioni in piazza a Pisa con docenti della Normale e Notte bianca della ricerca a Roma. Domani saranno in piazza massicciamente: centomila ne sono attesi nella Capitale, dal Nord e dal Sud del Paese, e tra questi, circa 4 mila dormiranno nelle facoltà occupate de «La Sapienza», in vista dell'assemblea nazionale degli atenei che si terrà sabato e domenica nella città universitaria. Oltre a diversi treni speciali, domani a Roma è previsto anche l'arrivo di circa quaranta autobus privati. In corteo anche i ragazzi delle scuole superiori. Non ci sono grandi preoccupazioni in materia di ordine pubblico, ma si teme che nei cortei possano infiltrarsi esponenti dei centri sociali o del movimento antagonista e, per questo, nei giorni scorsi sono state inviate alle questure direttive affinchè si monitorino partenze e stazioni. 13/11/2008

Torna all'inizio


Concorsi bendati (sezione: Scuola)

( da "Sole 24 Ore, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Il Sole-24 Ore sezione: COMMENTI E INCHIESTE data: 2008-11-13 - pag: 16 autore: Concorsi bendati Non capisco perché il Governo non abbia proposto il "sorteggio integrale" (come si vociferava in un primo momento) per tutti i membri delle commissioni d'esame dei concorsi per professore universitario, atteso che si tratta di un sistema che, molto probabilmente, ridurrebbe il potere delle clientele e dei baronati. Penso che non si vada fuori campo ricordando che, quando questo criterio venne utilizzato con riferimento alle designazioni degli arbitri di serie A, lo scudetto (correva il campionato 1984-85) andò inaspettatamente al Verona. Alessandro Spanu e-mail I l male che rode l'università italiana è che non c'è premio per chi insegna bene e non c'è punizione per chi lo fa male. Nella zona grigia che ne deriva si trova il brodo di coltura per clientele, raccomandazioni, favori. I concorsi sono l'anima di questo commercio. Ora il decreto Gelmini ne cambia in parte il meccanismo. Verrà eletto il triplo dei commissari, tra i quali saranno tirati a sorte i membri della commissione. è un miglioramento, ancorché modesto. Il tarlo resta, ed è la mancanza d'incentivi e punizioni adeguati e carriere determinate dall'anzianità e non dal merito. Perciò dubito che il caso sia la cura. Un commissario in più o meno penso cambi poco. Del resto, il modo dei concorsi è molto trafficato, sono pochi i Governi che non ci abbiano messo le mani. I risultati restano scadenti. A volte, scandalosi. Roberto Perotti ne ha fatto un inventario – esilarante, se non fosse che il retrogusto rattrista – nel libro L'università truccata appena pubblicato da Einaudi. è un libro bello e coraggioso. Se le interessano queste cose, glielo consiglio.Davvero. • L'esempio Usa Mi hanno colpito queste parole di Obama: «Abbiamo davanti scelte difficili, non sarà né veloce né facile, ma l'America è una forte nazione e ce la farà». Ne sono fermamente convinto perché in queste parole è racchiusa la coesione di tutto il popolo americano, ricchi e poveri, vincenti e perdenti ma soprattutto e principalmente il patriottismo e la democrazia (quella vera) degli Stati Uniti d'America che rappresenta il vero cemento. Le difficoltà di saltare il "fosso" non sono solo americane, ma anche italiane e di tutti gli altri popoli del pianeta colpiti dalla crisi della recessione. Ma mentre Obama ha chiamato a raccolta anche gli uomini del partito perdente per formare una squadra di esperti e consiglieri per studiare le "terapie" per superare la crisi, noi in Italia ci perdiamo in liti e pettegolezzi fra il partito di Veltroni e quello del Cavaliere, con la conclusione che la nostra crisi non vede una via di uscita. Bruno Moltedo Milano Punizioni territoriali Da cittadino mi sento particolarmente offeso per la strana delimitazione territoriale del provvedimento che punisce con l'arresto chi abbandona rifiuti ingombranti. Al di là di ogni questione costituzionale, perché dare uno strumento così privilegiato a un solo ambito territoriale? Sono veneto. Al Governo pensano forse che materassi o frigoriferi non esistano a margine dei nostri cassonetti, o nei canali d'irrigazione delle nostre campagne? Sicuramente da noi il problema ha dimensioni di gran lunga inferiore, ma vista l'occasione si poteva forse usare un metodo meno discriminatorio. Pietro Fortuna Villafranca di Verona

Torna all'inizio


lezione del prof. ciliberto sotto le logge dei banchi (sezione: Scuola)

( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

SCUOLA NORMALE Lezione del prof. Ciliberto sotto le Logge dei Banchi PISA. E' caccia aperta al "barone". I filosofi della Scuola Normale da stamani fanno lezione sotto le Logge dei Banchi per protestare contro la legge Gelmini. «In questi ultimi mesi si tende a far passare la linea - dice Michele Ciliberto, docente di Storia della filosofia alla Normale - che tutti i mali dell'università siano da imputarsi in qualche modo alle colpe dei baroni o dei docenti». Ciliberto è solo uno dei tre professori che da stamani terranno i corsi. Assieme a lui ci saranno il professore di Giuseppe Cambiano che insegna Filosofia Antica e Glenn Most, ordinario di Filologia Greca. Il prof. Ciliberto e gli altri filosofi della Normale hanno accolto un esplicito invito formulato loro dagli studenti che seguono i corsi di filosofia della Normale. «Ho accettato molto volentieri - spiega Ciliberto - questa loro iniziativa per due motivi. Il primo - è che l'Università è il centro della città e dunque in "centro" deve tornare per aprirsi e comunicare lo stato di crisi in cui versa. E smettiamola per favore di additare come demagogia questo fare lezione in piazza perché non è così». La dura critica a quanto sta succedendo in questi mesi e quindi, verso il ministero, Ciliberto la dà subito dopo. «Creare un cuneo divisorio tra docenti e studenti mi pare alquanto demagogico e populista, ecco dove sta la vera democrazia demagogica». Il secondo punto che ha fatto sposare l'iniziativa proposta dagli studenti ce la spiega sempre il filosofo quando dice: «Si deve creare un fronte comune tra studenti e docenti perché la battaglia è la stessa. Se si vuole parlare seriamente di riforma dell'università o di una sua riqualificazione si parta dal merito e non dai tagli». Si parla spesso della possibilità poi delle università di diventare fondazioni private, cosa questa che ha messo in allarme l'intero sistema universitario e forse proprio a questo si riferisce il filosofo quando sostiene un'altra questione. «L'università è uguaglianza dei cittadini, è democrazia», come dire che pari opportunità per la propria formazione devono essere garantite a tutti. Il calendario delle lezioni sotto le Logge de Banchi è il seguente anche se ci possono essere ovviamente delle variazioni. 9-11: Glenn Most. 10-12: Michele Ciliberto. 14-16: Giuseppe Cambiano. Carlo Venturini

Torna all'inizio


Università e ricerca, i sindacati preparano lo sciopero (sezione: Scuola)

( da "Tempo, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

stampa Università e ricerca, i sindacati preparano lo sciopero CAMPOBASSO Università, Ricerca e Conservatorio, i sindacati confermano le ragioni dello sciopero e si preparano dal Molise a partecipare allo sciopero nazionale di domani a Roma. La FLC Cgil ritiene del tutto insufficienti le proposte del Ministro rispetto ai comparti dell'Università, della Ricerca e dell'Afam. Pur apprezzando alcune dichiarazioni di buona volontà del Ministro ad affrontare alcune criticità relative al problema del precariato e dei contratti, complessivamente vengono riconfermati i tagli previsti dalla legge 133 e l'impianto del decreto Brunetta «Siamo disponibili a proseguire il confronto partendo da un radicale cambiamento delle scelte fatte finora dal Governo - ha sottolineato il segretario regionale della Cgil scuola Sergio Sorella - Il decreto Gelmini, la norma che in queste settimane ha portato nelle piazze migliaia di cittadini, studenti, insegnanti e genitori insieme, è diventata legge per queste ragioni è confermata la mobilitazione di domani. La FLC Cgil del Molise ha organizzato due autobus che porteranno a Roma la protesta degli studenti dell'Università, dei docenti e del personale tecnico - amministrativo». Il Partito Comunista dei Lavoratori del Molise rivolge un appello a tutti i lavoratori pubblici molisani, all'unità di tutte le forze sociali e politiche molisane che ne rappresentano le esigenze, per sostenere lo sciopero del 14 novembre dei lavoratori pubblici molisani. Al.Cia.

Torna all'inizio


Cari professori, bene il merito ma serve autocritica sull'etica (sezione: Scuola)

( da "Sole 24 Ore, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Il Sole-24 Ore sezione: POLITICA E SOCIETA data: 2008-11-13 - pag: 19 autore: ANALISI Cari professori, bene il merito ma serve autocritica sull'etica di Piero Ignazi D opo settimane di bellicosi propositi e di stizzite dichiarazioni il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini è scesa a più miti consigli ed ha presentato un decreto legge sull'università assai diverso dal preannunciato decreto taglia-tutto. Rimangono vari problemi irrisolti o mal congegnati, come la falla che consente di continuare a facilitare le carriere interne più che la creazione di nuovi posti (si veda Il Sole 24 Ore dell'11 novembre), ma va salutato con soddisfazione il cambio di tono modulato ora sul dialogo e l'ascolto delle parti coinvolte nel mondo dell'istruzione e della ricerca. Soprattutto benvenuta è l'inversione di tendenza rispetto al decreto Tremonti con il rifinanziamento di alcuni aspetti fin qui negletti quali l'edilizia residenziale per gli studenti e le borse di studio. La "riduzione del danno" della finanziaria si accompagna poi ad una distinzione tra università parsimoniose e università spendaccione per i reclutamenti penalizzando queste ultime, e tra università di punta e università meno attive sul piano didattico e della ricerca nell'attribuzione di una (benché piccola) quota di fondi. Buoni segnali, quindi, dal ministero. Ora spetta al corpo docente dare prova di "intelligenza", vale a dire di aver capito che spetta anche a loro - a noi, perché chi scrive è professore universitario - cambiare atteggiamenti e comportamenti. E, prima ancora, toglierci dalla testa alcune illusioni pericolose. Quando si parla dell'università tutti noi docenti ci trasformiamo in commissari tecnici della nazionale che sapevano benissimo quale formazione e quale tattica avrebbe fatto vincere a mani basse la nostra squadra. E il più delle volte invochiamo il modello americano, corrispettivo del mitico Brasile calcistico. Bene, per questa strada non si arriva a nulla perché l'università americana non è trasportabile laddove mancano le condizioni di contesto in cui essa vive: rispetto reverenziale per la cultura (umanistica e scientifica) e per chi vi opera da parte di tutti i settori della società; disponibilità al sostegno anche finanziario da parte del sistema delle imprese e della società civile; deontologia professionale rigidissima e sorvegliatissima; valorizzazione morale ed economica del merito e dell'impegno e, al contrario, discredito per l'incapacità o l'indolenza. Tutto ciò non è esportabile sic et simpliciter in quanto l'università americana riflette quella società e quel sistema di valori. Che in Italia sono molto diversi e non riformabili a colpi di decreto. In particolare la società italiana è lontana psicologicamente ed affettivamente dall'università tant'è che i finanziamenti che essa riceve dall'esterno sono quasi irrilevanti. Inoltre, il nostro è tuttora un paese di familismo amorale e i casi di nepotismo e favoritismo nell'accademia riflettono, in piccolo, un costume nazionale ben più diffuso. Da noi, servono le conoscenze, non la conoscenza, per far carriera. In fondo dove sono gli esempi virtuosi nella società italiana a cui potrebbe far riferimento l'università per riformarsi? Invece di sognare lo zio d'America che viene a salvarci una volta di più, i docenti dovrebbero incominciare a far piazza pulita di comportamenti endogamici e di padrinato. Anche il passaggio al sorteggio per la composizione delle commissioni per i concorsi non cambierà di molto la qualità della selezione, come ricordava recentemente Guido Martinotti, se non cambierà contestualmente l'"ethos" degli accademici. Certo, con il sorteggio almeno non si riceveranno più dai grandi burattinai della disciplina le telefonate e i bigliettini con la lista di chi votare per ogni concorso (e c'è chi vuol tornare al voto di preferenza...); però le pressioni sui sorteggiati non diminuiranno certo di intensità. Del resto, se uno si candidava ad una commissione dicendo che non avrebbe guardato in faccia a nessuno veniva subito tagliato fuori. E chi voleva proporre un concorso senza indicazione del vincitore era considerato uno stravagante acchiappanuvole. Allora, più di ogni altro aspetto, è l'ethos professionale dei docenti universitari che rende impraticabile un sistema di reclutamento (abbastanza) imparziale come quello americano. L'università riflette il contesto all'interno del quale si trova, ivi compresi i suoi difetti. Ma una classe intellettuale che abbia l'orgoglio di essere tale deve superare questo condizionamento "culturale" e imporre pratiche virtuose di selezione per merito e non per nascita o fedeltà. Dopo il gesto propositivo del ministro spetta ai professori rispondere: perché non pensare ad una dichiarazione solenne in cui ci impegniamo a valutare soltanto sul merito? CLIENTELE Anche il sorteggio per le commissioni non porterà risultati se non si abbandoneranno le pratiche di padrinato

Torna all'inizio


Sull'università la Cisl non sciopera Sindacati divisi (sezione: Scuola)

( da "Sole 24 Ore, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Il Sole-24 Ore sezione: POLITICA E SOCIETA data: 2008-11-13 - pag: 19 autore: Atenei. Rottura dopo le aperture di Gelmini: Cgil avanti, Uil incerta Sull'università la Cisl non sciopera Sindacati divisi Anche Ugl si sfila Oggi Brunetta vede i ricercatori sul tema precari Eugenio Bruno ROMA E alla fine rottura è stata. La Cisl ha sciolto ieri la riserva: non parteciperà allo sciopero generale di domani a Roma su università e ricerca così come l'Ugl e lo Snals. Laddove la Cgil ha ribadito che in piazza ci sarà. A metà del guado la Uil ma è presumibile che, salvo un'apertura a 360 gradi del Governo su precari e rinnovi contrattuali, anche l'organizzazione di Luigi Angeletti confermerà l'intenzione di manifestare. Il sentore di uno strappo era nell'aria già da martedì sera.Da quando la Cgil aveva scelto di abbandonare il vertice convocato dal ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini per avviare il dialogo sui provvedimenti passati, presenti e futuri riguardanti l'università, la ricerca e l'alta formazione artistica e musicale. In quella sede Cisl e Uil si erano dette possibiliste a recedere dal proposito di scioperare. Fino a ieri pomeriggio, quando un comunicato congiunto delle segreterie di Cisl università e Fir Cisl ha annunciato la «revoca dello sciopero» visto «il passo avanti del ministro che attenua il muro contro muro che aveva portato alla mobilitazione aprendo così una fase nuova di confronto». Una scelta che il responsabile università, Antonio Marsilia, ha motivato così al Sole-24Ore: «Il nostro primario interesse è partecipare ai tavoli tecnici che il ministro dell'Istruzione ha scelto di aprire per migliorare il decreto legge e partecipare alla stesura del disegno di legge che disegnerà il futuro dell'università e della ricerca». Sul Dl 180, che ha iniziato il suo iter al Senato e che il ministro Gelmini ha illustrato ieri alla Conferenza dei rettori italiani (Crui) insieme alle proprie linee guida, Marsilia ha già avanzato le prime richieste di modifica: rendere più flessibile la soglia del 90% oltre la quale scatta il blocco del reclutamento computando solo in minima parte (magari per 1/3 anziché 2/3) il personale delle facoltà di medicina; specificare, così come si è fatto per i ricercatori e gli ordinari (rispettivamente 60% e 10%), in che quota le nuove assunzioni riguarderanno gli associati e il personale tecnico-amministrativo. Con qualche ora di ritardo è giunto anche il passo indietro dell'Ugl, motivato così dal segretario nazionale università, Clara Valli: «Abbiamo riscontrato segnali di apertura, tra i quali l'impegno per il reperimento delle risorse per i rinnovi contrattuali 2008- 2009 e il recupero delle risorse derivanti dai tagli ai fondi per il trattamento accessorio del personale dei comparti». Poco dopo anche lo Snals è tornato sui propri passi. Ancora indecisa la Uil. Alberto Civica, responsabile università per il sindacato di Luigi Angeletti, ha fatto sapere che «al momento non ci sono ragioni per una revoca dello sciopero» poiché si attende una risposta «sul merito». E cioè, ha spiegato Civica: «Un atto con cui i ministri Gelmini, Brunetta, o chi per loro prendano l'impegno a trovare le risorse per i contratti e fornisca le adeguate garanzie sulla stabilizzazione dei precari». Anche perché, ha aggiunto, allo stato attuale i rettori sono «impossibilitati a fare l'atto di indirizzo per dire che ci sono i soldi e senza atto di indirizzo non ci sonoi contratti». Ma è difficile che una risposta così ampia possa giungere già oggi dal ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta che vedrà a Palazzo Vidoni i presidenti degli enti di ricerca (ma non i sindacati, ndr). è probabile dunque che la Uil domani sfilerà per il centro della capitale insieme alla Cgil. A spiegare il punto di vista dell'organizzazione guidata da Guglielmo Epifani è stato di nuovo Mimmo Pantaleo (FlcCgil): «è grave – ha detto – che la Cisl abbia revocato lo sciopero di venerdì nelle università sulla base della sola disponibilità del governo a trattare». Tanto più, ha fatto notare lo stesso Pantaleo, che «nella storia del sindacato non si sarebbe mai fatto uno sciopero basandosi sulle promesse, spesso finte, fatte il giorno prima dalla controparte ». Insieme ai confederali in piazza ci saranno anche studenti medi e universitari. Circa centomila stando alle ultime previsioni.

Torna all'inizio


La Cisl cede, la Uil vacilla (sezione: Scuola)

( da "Tempo, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

stampa La Cisl cede, la Uil vacilla Fabrizio dell'Orefice f.dellorefice@iltempo.it Forse è il primo successo «politico» di Mariastella Gelmini. Il ministro dell'istruzione martedì sera ha infatti incontrato — insieme a Berlusconi e alla presidente di Confindustria Emma Marcegaglia — i leader di Cisl e Uil sulla riforma dell'università. E ieri pomeriggio, dopo aver valutato le proposte della Gelmini, Raffaele Bonanni ha deciso di revocare lo sciopero generale di domani. Seguito anche da Confsal Snals e Ugl. Insomma esiste una parte del sindacato che, dopo essersi confrontato con il governo, è disposto ad usare l'arma della ragionevolezza. Al contrario della Cgil che invece vuole andare allo scontro a qualunque costo. E non è finita. Anche la Uil potrebbe cedere. Certo, dal sindacato di Luigi Angeletti per ora si risponde ancora sulla linea della fermezza, si fa sapere che non ci sono novità, lo sciopero resta. «non siamo stati ancora convocati e non ci sono state date risposte a nessuna delle nostre richieste». Ma da viale Trastevere arrivano segnali di pace: «Pronti a convocarli al più presto e a dare tutte le risposte che chiedono». Insomma, il fronte sindacale si va frantumando. Pezzo dopo pezzo e via via che si avvicina la manifestazione di domani. Ad aprire il fronte è stata la Cisl Università e la Fir Cisl che hanno spiegato come l'incontro di martedì sera è stato un «passo in avanti che potrebbe aprire una nuova fase nel confronto con il governo». «Abbiamo deciso la revoca dello sciopero indetto per il 14 novembre — afferma Antonio Marsilia, segretario Generale della federazione Cisl Università — perché il ministro con il documento sottoscritto si è impegnato a modificare alcuni passaggi importanti della Manovra governativa sull'università e a dare risposte concrete alle richieste contenute nella piattaforma per lo sciopero del 14 novembre». Nel corso dell'incontro, infatti, la Gelmini «ha dimostrato ampia disponibilità ad affrontare positivamente le richieste sindacali e a trovare soluzioni concrete in tempi certi». Così è stato firmato un documento di impegni circa l'individuazione delle risorse contrattuali per il biennio economico 2008/2009 (per tutti i settori); la restituzione dei tagli al fondo per il trattamento accessorio (Università/Ricerca); la stabilizzazione dei precari, l'utilizzo del turn over e l'ampliamento delle dotazioni organiche (Ricerca); il reperimento di risorse aggiuntive per il contratto Afam 2006/2009 e la stabilizzazione per docenti e tecnici amministrativi precari del comparto; infine l'apertura immediata di specifici tavoli di confronto per università Afam e ricerca per definire le linee di riforma dei comparti. è la svolta. Ma è solo l'inizio. Almeno ne sono convinti nell'entourage della Gelmini.

Torna all'inizio


università riforma baroni e baronetti - franco carinci (sezione: Scuola)

( da "Repubblica, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina III - Bologna L´intervento Università riforma baroni e baronetti FRANCO CARINCI UN COPIONE quello in scena già rappresentato più di una volta. Il Governo Berlusconi predispone un piano di tagli indifferenziati, senza alcuna idea di riforma o razionalizzazione; e, a qualche mese di distanza, sull´onda della protesta sul "maestro unico", il mondo universitario entra in agitazione, contestando quei tagli, che investono un´Università già depauperata e collassata. Sembrerebbe il momento di discutere seriamente di quel che non va. Ma per far questo ci vorrebbe tempo; e tempo non ce n´è, con questo vento impetuoso che cresce sempre più. Perché allora non ricorrere al solito intervento emblematico che colpisca gli "untori", gli stessi di sempre, accusati da destra e sinistra, infamati e scherniti dai mass media, messi sul banco degli imputati dagli studenti contestatori, afflitti da complessi di colpa che portano alcuni di loro ad auto-flaggellarsi sulle pubbliche piazze? Morte ai baroni, peccato che nessuno si sia accorto che i baroni, quelli autentici, hanno cominciato a morire dopo il ´68; e che quelli che la fanno da co-protagonisti, oggi, sono i "baronetti", ex studenti proprio di quel ´68, di cui non pochi sono stati partecipi, e i "nuovi nobili", titolati in base alla riforma del ?98, a firma Prodi e Berlinguer. Come sempre l´esecuzione della condanna a morte dei baroni è stata affidata ad una modifica delle regole dei concorsi: elezione pura, estrazione pura, elezione che precede l´estrazione, estrazione che precede l´elezione. Pensavo che fossero state esaurite tutte le possibili varianti ma sottovalutavo la provvida fantasia di una bella ragazzotta, dal cognome vellutato ? Gelmini - la quale ha stoppato le votazioni in programma per la tornata concorsuale prevista dalla legge e ha dato vita ad una soluzione ibrida fra due formule entrambe sperimentate e condannate. SEGUE A PAGINA IV

Torna all'inizio


il ministro ci sta abbandonando (sezione: Scuola)

( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

STUDENTI-LAVORATORI Il ministro ci sta abbandonando Con preoccupazione leggo l'articolo in cui la Ministra Gelmini vuole ridurre i fuoricorso (eliminarli? e come?) poi mi sollevo: non parla degli studenti-lavoratori! Poi mi preoccupo di nuovo: trasversalmente molti docenti concordano anche se non integralmente nelle modalità (ancora ignote). Io sono uno studente lavoratore. Iscritto tardi, a 25 anni, quando la maggior parte dei miei colleghi (studenti) europei ha già termianto il proprio ciclo formativo, ma appunto per questo mi sono iscritto, per avere una formazione, ed innorridisco sia per la proposta che per le motivazioni (ed il conseguente, parziale, plauso dei professori) e cioè non si deve trasformare l'università in un parcheggio, non si devono ingombrare le strutture ed affaticare i docenti. Io penso che questi signori sappiano, ma in caso contrario è bene ricordare loro, che la maggior parte dei lavoratori termina il proprio orario di lavoro alle 17 mentre le lezioni si svolgono la mattina. Non parlo a titolo personale visto che sono turnista e personalmente ingombro l' edificio della facoltà in occasione degli appelli! Quanto ad affaticare i docenti, beh, lo riconosco: io e molti miei colleghi (lavoratorie non) ingombriamo le loro ore di ricevimento ma a volte i professori non ci sono neppure quindi la mattina passa a cambiare tagliando al parcheggio e pensare alle prossime ore di permesso da prendere. E' bene ricordare che la maggior parte degli introiti vengono proprio dalle tasse versate da noi lavoratori, per i quali non c'è esenzione nè di merito nè di titolo, ma forse in questo caso va bene ingombrare. Ci avviciniamo, a mio avviso, ad una mentalità pericolosamente, ed ottusamente, aggiungo, bottegaia, nella gestione di ciò che dovrebbe essere la fucina della classe dirigente del paese: "Entra, paga e vai a consumare a casa tua". Ed è prorpio a casa che molti studenti fuori corso o lavoratori come me ingombrano il tavolo, perchè lì avviene la maggior parte della nostra università. Giorgio Malacarne

Torna all'inizio


Epifani (Cgil) a Stampa: governo vuole isolarci (sezione: Scuola)

( da "Reuters Italia" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

ROMA (Reuters) - Il segretario della Cgil Guglielmo Epifani ha detto, in un'intervista a un quotidiano pubblicata oggi, che il mancato invito della Cgil a un vertice riservato tra il premier, Confindustria, Cisl e Uil è una vicenda "da basso impero" e che il governo si comporta "come i ladri di polli". E sulla mancata partecipazione della Cisl allo sciopero di domani sull'Università, il numero uno del più grande sindacato italiano dice che "si sottraggono sulla base di impegni con (il ministro Maria Stella) Gelmini totalmente campati per aria. "E' una bruttissima pagina, una cosa da basso impero...", ha detto Epifani in un intervista al quotidiano "La Stampa". "... un governo democratico ha il dovere istituzionale di confrontarsi con tutti, e di rispettare tutti. Stavolta, hanno escluso anche l'Ugl". Per spiegare il mancato invito al sindacato guidata da Renata Spolverini, il leader della Cgil dice avere "un sospetto: c'entra qualcosa l'asse D'Alema-Fini sul federalismo?". Il riferimento è a un convegno organizzato dalle fondazioni che fanno riferimento all'ex ministro degli Esteri e all'attuale presidente della Camera, che si trovano d'accordo sulla necessità di una bicamerale che "sorvegli" l'attuazione del federalismo fiscale. Epifani accusa anche il governo di non aver invitato al vertice "i rappresentanti delle piccole imprese, degli artigiani, che (il premier Silvio) Berlusconi mette sempre in cima ai suoi pensieri". "...Sono legittimato a pensare che con quell'incontro si volesse spingere Confindustria (sui contratti, ndr) a fare l'accordo senza la Cgil". Il segretario del sindacato più vicino al Pd difende lo sciopero generale proclamato per il 12 dicembre, dicendo che le scelte del governo per affrontare la crisi "non sono adeguate". E a chi sostiene che lo sciopero sia uno strumento inadeguato, risponde: "Faccio presente che non è la modalità furba e inammissibile dello sciopero bianco, quello di una parte del personale di volo, che danneggia le aziende e i cittadini".

Torna all'inizio


università in piazza, ma senza la cisl (sezione: Scuola)

( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 2 - Attualità Università in piazza, ma senza la Cisl La Cgil assente al vertice governo-Confidustria: sciopero generale il 12 dicembre IL SINDACATO DIVISO La Gelmini incontra la sigla di Bonanni che si ritira dalla protesta di domani Ministeriali, raggiunto l'accordo sul contratto per 190 mila: il no di Epifani ROMA. L'incontro "ad eslcudendum" tra governo-Cisl-Uil-Confindustria senza la Cgil scatena un putiferio nel sindacato e accorcia i tempi per la proclamazione dello sciopero generale da parte della confederazione diretta da Guglielmo Epifani. Il direttivo dell'organizzazione sindacale ha infatti dato mandato alla segreteria di proclamare la mobilitazione nazionale a sostegno della piattaforma "anti-crisi" indicando già la data: il 12 dicembre, giornata in cui si sarebbe dovuto svolgere lo sciopero dei metalmeccanici della Fiom. Restano invece confermate le altre iniziative di lotta, a partire da quella «unitaria» di domani per l'università, da cui si è tuttavia sfilata la Cisl - dopo un incontro del sindacato di Bonanni con il ministro Gelmini -, e quella di sabato dei lavoratori del commercio, settore in cui Cisl e Uil sono andati alla firma «separata» sul contratto. Una divisione quella del sindacato che si è vista anche nell'accordo raggiunto per il rinnovo del contratto dei quasi 190 mila lavoratori dei ministeri. A firmare infatti Cisl, Uil, Confsal, ma non la Cgil, le Rdb e la Flp-Cse. L'accordo prevede un aumento di 70 euro per intero sullo stipendio tabellare più 8 euro che rappresentano una "coda" del precedente contratto. La proclamazione dello sciopero generale ha messo, dunque, l'accento sulla spaccatura tra Cgil da un lato e Cisl e Uil dall'altro, aggravata dall'incontro che martedì si è tenuto a palazzo Grazioli tra esponenti del governo, i segretari di Cisl e Uil e Confindustria. «Quello che è accaduto ieri sera, se confermato, è gravissimo, una cosa senza precedenti», dice avviando in mattinata i lavori del direttivo Cgil il segretario Guglielmo Epifani, convinto che ciò apra «un problema formale nei rapporti con le altre organizzazioni sindacali e con la Confindustria». Di più, sostiene l'organizzazione nel documento finale del direttivo, «questo fatto, insieme, racchiude l'esistenza di una conseguente relazione tra lo stato del confronto sulla riforma del modello contrattuale e la volontà del governo di dividere le organizzazioni sindacali e premere in direzione di un accordo separato». Un accordo senza la Cgil che arriverebbe quindi dopo quello sugli statali e dopo quello sul commercio di questa estate, mentre proprio ieri la Cisl e l'Ugl si sono sfilate dallo sciopero indetto per l'università a cui, per il momento, continua ad aderire invece la Uil. L'incontro "segreto" a palazzo Grazioli, che la Uil continua a negare, ha suscitato però anche l'irritazione dell'Ugl, il sindacato più vicino politicamente alla maggioranza di governo. «Pensavamo che la stagione degli incontri riservati fosse terminata con la scorsa legislatura. Nel rapporto tra governo e parti sociali c'è ormai un problema di metodo che, se possibile, viene prima ancora di quello di merito», afferma il segretario, Renata Polverini, che ieri mattina ha convocato d'urgenza la segreteria. Si difende invece il segretario della Uil, Luigi Angeletti: «se c'è, da molti mesi a questa parte, un piano preordinato di divisione del Sindacato, questo è quello posto in essere dalla sola Cgil», dice, definendo «sconsiderata» l'affermazione di Gianni Pagliarini, responsabile lavoro del Pdci, secondo il quale il mancato invito, ieri, della Cgil è «in linea col programma della P2». Il ministro del Lavoro, Sacconi, tenta in un primo momento di smorzare i toni: «Incontri informali ci sono e ci saranno sempre, quel che contano sono i dati politici», dice inizialmente ma poi, a fine giornata, attacca sullo sciopero. «Rispetto le libere decisioni della Cgil, tuttavia le considero mosse da valutazioni più politiche che sindacali». La Gelmini ha, dunque, spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani. Ma gli altri - Cgil, Uil e, soprattutto, gli studenti - scenderanno in piazza per protestare contro la legge 133 e anche perchè poco convinti delle novità introdotte con il decreto legge «tecnico» numero 1.180 varato la scorsa settimana dal consiglio dei ministri e pubblicato ieri in Gazzetta ufficiale (quello su concorsi e alleggerimento del blocco del "turn over"). Oltre che dalla rappresentanza istituzionale dei rettori, un'apertura di credito al governo è arrivata dunque anche dalla Cisl. «Abbiamo deciso la revoca dello sciopero - ha spiegato Antonio Marsilia, segretario generale Cisl Università - perchè il ministro con il documento sottoscritto ieri si è impegnato a modificare alcuni passaggi importanti della manovra governativa sull'università e a dare risposte concrete alle richieste contenute nella piattaforma per lo sciopero del 14 novembre». Infine, accordo separato sul rinnovo del contratto dei circa 190 mila lavoratori dei ministeri. A firmare la Cisl, la Uil, la Confsal, mentre hanno ribadito il loro «no» la Cgil di Guglielmo Epifani, le RdB-Cub e la Flp-Cse, che non avevano sottoscritto nei giorni scorsi neanche il protocollo-quadro a Palazzo Chigi. L'intesa prevede un aumento medio a regime di 70 euro, che andrà ad incrementare per intero lo stipendio tabellare, e in più otto euro sul salario accessorio, che rappresenta una coda del precedente contratto. È previsto anche il recupero, entro giugno 2009, dei tagli che erano stati stabiliti nella manovra economica ai fondi unici di amministrazione (circa 200 milioni).

Torna all'inizio


vivere la scuola in famiglia: un progetto originale a palau (sezione: Scuola)

( da "Nuova Sardegna, La" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 16 - Gallura Vivere la scuola in famiglia: un progetto originale a Palau PALAU. Genitori e figli insieme dietro i banchi di scuola. L'istituto tecnico "Falcone e Borsellino" ha creato il progetto "Vivere la scuola...in famiglia", destinato a genitori e alunni delle prime classi. L'obiettivo è ridurre il tasso di abbandono scolastico e di insuccesso. Dal momento che tra le cause di questo fenomeno c'è la scarsa partecipazione di mamma e papà alla vita scolastica dei figli è nato il laboratorio di formazione guidato da Lina Crobu, esperta di interventi contro la dispersione scolastica. Durante gli incontri la docente illustra funzioni e ruoli degli organi della scuola, il piano dell'offerta formativa, i criteri di valutazione, i regolamenti scolastici e le modifiche legate alla riforma Gelmini. Il laboratorio è articolato in incontri settimanali e si concluderà a metà dicembre. Ma il tecnico "Falcone e Borsellino" ha avviato anche un altro interessante progetto, destinato agli studenti del biennio. La professoressa Daniela Satta guida gli alunni alla scoperta dei processi di estrazione degli oli essenziali dalle erbe officinali. Le classi coinvolte visiteranno anche i laboratori di scienza farmaceutiche dell'università di Tempio. (se.lu.)

Torna all'inizio


L'unica cura possibile è la libertà di educare e di essere educati (sezione: Scuola)

( da "Giorno, Il (Milano)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

LETTERE & COMMENTI pag. 19 L?unica cura possibile è la libertà di educare e di essere educati SCUOLA UNA LUCIDA e intelligente analisi quella che Giovanni Sartori ha fatto delle ?malattie della scuola?, la condivido totalmente, la scuola italiana si è impantanata a causa del sessantottismo, del progressismo pedagogico, dell?ugualitarismo che vuole tutti diplomati e laureati, come se ciò rendesse l?uomo felice. Siamo oggi al disastro perchè di fatto la scuola non è più scuola, ma uno spazio di assistenza sociale, tra l?altro anche questo di basso livello, perchè incapace di dare protezione a chi lo frequenta. Un ministro che pensi di cambiare la scuola, non tenendo conto di questi fattori, è destinato a fallire, e pesantemente, come sta rischiando Mariastella Gelmini, e non certo perchè fa un decreto di razionalizzazione, ma perchè non ha ancora capito che la strada per guarire dalle malattie indicate da Giovanni Sartori è l?autonomia e la parità, ossia detto in termini semplici, la libertà! Del resto le malattie diagnosticate da Sartori hanno una causa unica, l?ideologia, che guaio se il ministro Gelmini le volesse curare con un?altra ideologia! L?unica cura è la libertà, quella di educare e di essere educati! Gianni Mereghetti

Torna all'inizio


<Riaprite la nostra scuola media> (sezione: Scuola)

( da "Giorno, Il (Milano)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

SAN DONATO SEGRATE CASSANO pag. 25 «Riaprite la nostra scuola media» Alla raccolta di firme hanno già aderito duecento persone SAN DONATO, L?APPELLO DELLE MAMME I ragazzi protestano contro la chiusura della loro scuola (Newpress) di PATRIZIA TOSSI ? SAN DONATO ? DUECENTO FIRME per portare la scuola media nel quartiere, rendendo la vita più semplice a centinaia di bambini. Per raggiungere l?istituto più vicino, gli studenti del quartiere Di Vittorio e Parri sono infatti costretti a lunghi tragitti a piedi, attraversando ogni giorno strade pericolose e trafficate come la via Emilia, oltre ad impegnare sottopassi fatiscenti per uscire dal quartiere. Così le mamme si sono mobilitate, organizzando una raccolta di firme tra le famiglie per chiedere la riapertura della vecchia scuola media, chiusa ormai da cinque anni. SONO PIÙ DI 200 i cittadini che hanno aderito all?appello delle mamme di via Di Vittorio ma il numero delle firme è destinato a crescere ogni giorno. «Sappiamo che non sarà facile ottenere la riapertura della scuola, ma da mamme ci proviamo», dice Antonella Vasori, una delle organizzatrici della raccolta. «Sono almeno un?ottantina i bambini che ogni anno escono dalle elementari - continua Vasori- e non avendo una scuola nel quartiere, sono costretti a rivolgersi altrove». Due le medie locali, una, la più vicina, in via Gramsci e l?altra in via Agadir, dall?altra parte della città. «I bambini che non possono essere accompagnati in auto dai genitori vanno a scuola a piedi - dice Antonella Vasori- anche perché l?autobus di linea è disagevole e sempre pieno. Per uscire dal quartiere, i bambini devono percorrere il famigerato sottopasso pedonale, sulla cui messa in sicurezza ci battiamo da anni. È pericoloso, per un bambino di appena undici anni, attraversare la via Emilia a piedi, dove al mattino il traffico è molto intenso». LE MAMME DEL quartiere hanno già incontrato l?assessore comunale alla Pubblica istruzione Rosa Carriero, che si è detta disponibile a trovare una soluzione, facendo da cassa di risonanza alle richieste del quartiere al Ministero della Gelmini. «Riteniamo che un quartiere popoloso come il nostro - aggiunge Vasori - necessiti di una struttura che permetta a tutti i ragazzi tra i 10 e i 14 anni di frequentare la media nella zona di residenza, senza dover sottostare a inutili spostamenti». Ma non solo. «La nuova scuola potrebbe risultare più comoda anche per gli studenti di Poasco, che oggi devono scegliere tra le scuole milanesi e gli istituti che si trovano nel centro di San Donato». Entro una decina di giorni il comitato delle mamme chiuderà la raccolta firme, poi invierà una lettera al Comune per chiedere al sindaco di farsi portavoce del problema presso le autorità competenti, così da verificare la fattibilità della riapertura della scuola all?interno del quartiere.

Torna all'inizio


PRIMO pomeriggio, ha smesso di piovere, così decido di fare una girata in bicicletta, f... (sezione: Scuola)

( da "Nazione, La (Firenze)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

LA PAGINA DEI LETTORI pag. 35 PRIMO pomeriggio, ha smesso di piovere, così decido di fare una girata in bicicletta, f... PRIMO pomeriggio, ha smesso di piovere, così decido di fare una girata in bicicletta, fiancheggiando il capo sportivo. Mi soffermo vicino alla rete per dare un?occhiata: circa il 90% dei componenti di ciascuna squadra, compresi quindi allenatore, riserve e accompagnatori, parla bestemmiando. Se quelli sono i maestri di vita dei nostri ragazzi, se quello è il nostro linguaggio, se quelli sono i nostri giochi, se quelle sono le nostre regole, ben venga la signora Gelmini a mettere ordine. R.E. Granchi

Torna all'inizio


Scuole a rischio, un'assemblea (sezione: Scuola)

( da "Resto del Carlino, Il (Bologna)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

MONTAGNA pag. 22 Scuole a rischio, un?assemblea VERGATO ? VERGATO ? SI COALIZZANO le scuole a vario livello del Medio ed Alto Reno, insieme a quelle della vallata del Setta, per discutere e contestare il decreto varato dal ministro Mariastella Gelmini. Allievi, genitori, insegnanti e personale non docente degli istituti di istruzione superiore Luigi Fantini di Vergato, Montessori-Da Vinci di Porretta e Caduti della Direttissima Castiglione dei Pepoli tengono oggi pomeriggio, alle 17,30, una prima assemblea nella sala consiliare del municipio vergatese, in piazza dei Capitani della Montagna. Saranno presenti anche rappresentanti di tutte le medie inferiori e delle elementari. Nei giorni successivi sarà la volta degli altri due capoluoghi. NEL MIRINO I TAGLI che dovrebbe subire il mondo della scuola, le difficoltà nel formare le classi secondo i nuovi parametri ed i rischi di accorpamento dei vari istituti. Su tali prospettive si pronuncia Paolo Marcheselli, dirigente del personale dell?ufficio scolastico dell?Emilia Romagna. Dalle sue parole, sostanzialmente, traspare un messaggio di tranquillità. «SULLA BASE di una deroga del decreto Gelmini ? spiega ? non si accorpano e non si sopprimono più i plessi delle piccole scuole sotto i cinquanta alunni, a meno che non siano gli enti locali ad accordarsi per le chiusure». Marcheselli prosegue poi prendendo in esame gli istituti di altro tipo. «Per quanto riguarda la formazione delle classi in questo secondo ambito ? precisa ? pur tenendo presente le normative in vigore prevalentemente riferite alla città, le tematiche verranno affrontate come sempre con quella tolleranza e flessibilità che le zone di montagna richiedono». g. cal.

Torna all'inizio


ROMA PERDE PEZZI la manifestazione nazionale per l'universi... (sezione: Scuola)

( da "Nazione, La (Firenze)" del 13-11-2008)
Pubblicato anche in:
(Resto del Carlino, Il (Bologna))

Argomenti: Scuola

PRIMO PIANO pag. 7 ? ROMA ? PERDE PEZZI la manifestazione nazionale per l?universi... ? ROMA ? PERDE PEZZI la manifestazione nazionale per l?università prevista per domani, mentre si ufficializza lo strappo della Cgil anche sul fronte degli statali con la sigla ufficiale dell?accordo da parte di Cisl e Uil. Dopo l?incontro con il ministro Gelmini alcune delle sigle sindacali si sono «sfilate». La Cisl, Ugl e lo Snals hanno deciso di revocare la partecipazione all?agitazione confidando nelle aperture del ministro. La Uil mantiene in piedi l?adesione, anche se condizionata a risposte dell?ultimo minuto che potrebbero giungere questa mattina entro le 12, termine ultimo fissato per un cambio di rotta. Questioni di sindacato che sembrano non toccare l?Onda anomala degli studenti che si sta mobilitando per portare nella capitale centomila giovani. Ci saranno gli universitari (ben decisi a scegliere anche gli itinerari per giungere a Montecitorio) e gli studenti medi che hanno già annunciato il loro appoggio. I cortei saranno tre. Trattative con Trenitalia per ottenere convogli e prezzi di favore. Oggi questi confronti potrebbero determinare disagi in alcuni nodi ferroviari. Annunciato un attacco informatico al ministero per bloccarne il sito. Alla manifestazione mancheranno, dunque, le insegne di alcune sigle sindacali che hanno deciso di dare fiducia al governo. Si lavora su un elenco di priorità firmato l?altra sera con la Gelmini e sul quale non ha apposto alcuna sigla il rappresentante della Cgil. «Ho sempre rispetto delle posizioni degli altri ? ha commentato Domenico Pantaleo, segretario Flc-Cgil ? ma non capisco la Cisl. Siamo stati insieme all?incontro con il ministro e in quella sede non sono arrivate risposte sufficienti per giustificare la revoca». Molto cauta la Uil con il segretario Alberto Civica: «Per noi lo sciopero resta. Abbiamo chiesto alcune precise garanzie che rappresentano la condizione minima per cambiare idea sull?agitazione». Per certo si sa che la Gelmini si è molto adoperata, in queste ore, per recuperare consensi da parte sindacale e ridurre l?impatto dell?appuntamento del 14. In particolare il ministro avrebbe qualche carta in mano da giocare sul fronte stabilizzazione dei precari. Proprio ieri Cisl, Uil e Confsal (ma non la Cgil) hanno siglato all?Aran l?accordo per il rinnovo del contratto dei circa 190 mila lavoratori dei ministeri. L?intesa prevede un aumento medio di 78 euro, di cui 70 sul tabellare e altri 8 sul fondo di produttività. s. m.

Torna all'inizio


Disordini nei cortei studenteschi Inchiesta affidata al pm Orsi (sezione: Scuola)

( da "Giorno, Il (Milano)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

MILANO ATTUALITA' pag. 5 Disordini nei cortei studenteschi Inchiesta affidata al pm Orsi E? stato affidato al pm Luigi Orsi il fascicolo sui disordini verificatisi durante le ultime manifestazioni studentesche contro la riforma Gelmini. Il fascicolo nasce dalle denunce, contenute in una relazione della Digos, in cui sono ipotizzati, tra gli altri, i reati di manifestazione non autorizzata e occupazione di suolo pubblico in relazione all?occupazione di alcuni istituti. Nei giorni scorsi, tra le altre cose, gli studenti, durante una manifestazione, avevano srotolato uno striscione di solidarieta? con i compagni denunciati Image: 20081113/foto/457.jpg

Torna all'inizio


Statali, salta l'aumento diversificato (sezione: Scuola)

( da "Italia Oggi" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

ItaliaOggi     ItaliaOggi  - Primo Piano Numero 270, pag. 5 del 13/11/2008 Autore: di Alessandra Ricciardi Visualizza la pagina in PDF       Sindacati nello scompiglio, la Cgil non firma sui travet. E sull'università la Uil rompe con la Cisl Statali, salta l'aumento diversificato Rinnovato il contratto, i 70 euro in più al mese vanno a tutti Sono 70 euro di aumento mensile. E sono per tutti. L'aumento di salario del 3,2%, a copertura dell'inflazione 2008/2009, non sconterà il pedaggio a favore della produttività -come invece il governo aveva preventivato nel protocollo d'intesa firmato il 30 ottobre scorso con Cisl, Uil, Confsal e Ugl-che prevedeva 60 euro sul tabellare e 10 euro solo per i più bravi, da valutare in ogni ufficio. Il merito sarà spostato tutto sul salario accessorio, quello che sarà ripristinato nelle singole amministrazioni con la riattivazione dei fondi integrativi. Una riattivazione che costerà alle case dello stato circa 750 milioni di euro, secondo stime ufficiose, quelli che la manovra estiva, targata Giulio Tremonti, aveva tagliato. E che «specifiche disposizione di legge», precisa il contratto, dovranno ridare. A decorrere da gennaio 2009. Sono le novità più importanti del contratto dei dipendenti statali, il primo del pubblico impiego rinnovato dal governo Berlusconi IV. L'intesa ora inizia la trafila dei controlli, a partire da quello della Corte dei conti che dovrà certificarne la copertura finanziaria. «Mi auguro che entro dicembre si chiudano le restanti trattative», ha commentato il ministro della funzione pubblica, Renato Brunetta, «e che si possa lavorare proficuamente con le parti sociali per avviare nel 2010 il nuovo modello contrattuale». A firmare Cisl, Uil, Confsal e Ugl. Non ha sottoscritto l'intesa la Cgil e neanche Rdb, che ha abbandonato la trattativa. La Cgil di Gugliemo Epifani dopo aver partecipato in queste settimane ai tavoli dell'Aran, l'agenzia governativa per la contrattazione guidata da Massimo Ducci Teri, ieri ha annunciato che non ci sono le condizioni per dire sì al contratto: pochi i 70 euro medi di aumento al mese, poco anche la promessa del governo di rimettere sul piatto della bilancia i soldi degli integrativi nelle singole amministrazioni. Ma questa spaccatura del fronte sindacale era tutto sommato nell'aria, visto che la Cgil non aveva firmato neanche il protocollo d'intesa di Palazzo Chigi. E invece ieri, a sorpresa, si è registrata un nuova rottura, che fa saltare gli schemi che in queste settimana, a partire dal caso Alitalia, erano stati costruiti. La Uil di Luigi Angeletti ha interrotto infatti il sodalizio con la Cisl Raffaele Bonanni. E lo ha fatto su un terreno scottante, quello che ha mobilitato le piazze in questi giorni contro la riforma Gelmini. Si tratta del mondo dell'università e la ricerca, che domani incrocerà le braccia, con una manifestazione nazionale a Roma. Uno sciopero inizialmente unitario, che vedeva insieme Cgil, Cisl e Uil. Ma dopo l'incontro di martedì dei segretari di settore con il ministro dell'istruzione università, Mariastella Gelmini, e gli impegni ratificati nel verbale dell'incontro (che la Cgil non aveva sottoscritto), la Cisl ieri si è sfilata, revocando lo sciopero. La Uil, invece, lo ha confermato. A spiegarne le ragioni, Alberto Civica, segretario della Uil università. «Nel verbale la Gelmini si è impegnata a darci una serie di risposte, dal rispristino dei fondi delle università alla garanzia che tutti i 2 mila precari della ricerca, che hanno i requisiti per essere stabilizzati, lo saranno. Servono risposte concrete, altrimenti la protesta resta», dice Civica, che repinge le accuse di portare avanti uno sciopero politico, antigovernativo:«Per motivi analoghi abbiamo scioperato contro il governo presieduto da Romano Prodi».

Torna all'inizio


tribunale e scuola, in consiglio si discute dei guai della città (sezione: Scuola)

( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Martedì pomeriggio l'incontro a Palazzo Stefanelli Tribunale e scuola, in consiglio si discute dei guai della città PONTEDERA. Un consiglio comunale per parlare dei problemi della città, quelli più impellenti. Una seduta aperta, nella quale dibattere, per cercare una soluzione, certi disagi che gravano sulle spalle dei pontederesi. Il tribunale, prima di tutto: c'è poco personale, mancano i giudici, non ci sono strumenti e strutture adeguate. Il risultato più evidente è che le sentenze slittano: quelle civili, di recente, sono state spostate in avanti nel tempo, addirittura di due anni e mezzo. Ma, non solo: c'è il problema che manca un giudice; questo ritarda le cause; che non si possono fare alcuni processi (come le direttissime), in città; che non ci sono neppure gli armadi per poter archiviare le centinaia di pratiche, ricoverare sui pavimenti delle stanze della cancelleria. Al consiglio comunale che il sindaco Paolo Marconcini ha convocato per martedì pomeriggio prossimo, sono invitati gli operatori di giustizia: i rappresentanti degli avvocati della città; i giudici; gli impiegati della struttura. E non sarà l'unico argomento messo in discussione. L'altro grande tema è la scuola: all'interno del consiglio è previsto un incontro tra gli amministratori e i consiglieri comunali con i rappresentanti degli studenti e dei genitori delle scuole di Pontedera. Con loro si discuterà dei problemi che sono conseguenti alla riforma voluta dal ministro Gelmini.

Torna all'inizio


Per il servizio "Seguimi" (sezione: Scuola)

( da "Alto Adige" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Per il servizio "Seguimi" Per il servizio "Seguimi" Poste pronte a risarcire Rispondo alla lettera nella quale il signor Marco Puccinelli di Bolzano segnala il mancato funzionamento del servizio "Seguimi" ("Le poste, bella trovata il servizio Seguimi", 29 ottobre, pag. 22). Desidero scusarmi con il lettore per gli inconvenienti del "Seguimi", che consente l'inoltro della corrispondenza ad un nuovo indirizzo. A causa di un errore, il servizio non ha potuto essere svolto. Invito il signor Puccinelli a presentare reclamo in ufficio postale. Nel caso di disservizi per cause imputabili direttamente a Poste Italiane, il Cliente ha diritto ad un risarcimento fino a cinque volte il prezzo pagato. In alternativa al risarcimento, il Cliente ha la facoltà di rinnovare, gratuitamente, il servizio. Agostino Mazzurco Ufficio Comunicazione di Poste Italiane spa "Buoni-libri" contro il carovita o spreco? Sicuramente in molti si ricorderanno degli interventi studiati la scorsa estate dalla nostra Giunta provinciale per far fronte al caro vita. In un batter d'occhio e con pochi dubbi sono state realizzate una serie di misure: come l'aumento di una serie di prestazioni sociali, il trasporto pubblico gratuito per studenti e anziani (completamente gratis indipendentemente da reddito e patrimonio) ecc... Non ultimo vi era anche il regalo a tutti gli studenti e le studentesse altoatesine di un buono per l'acquisto di libri, ammontante ad Euro 150,00 per gli studenti del triennio delle superiori. Quasi tutte le famiglie - tranne naturalmente quelle che a causa del loro basso reddito usufruivano dello storico istituto dei libri in comodato gratuito, acquistati dalla scuola e prestati agli studenti meno abbienti - riceveranno quest'anno scolastico il suddetto buono previa la sola promessa forse sottoscritta di acquistare con detta cifra "libri"... A molti sarà invece scappata - perché passata più o meno in sordina - la decisione di 10 giorni fa della Giunta Provinciale (decisione di lunedì 3 novembre) con cui si rende noto che dal prossimo anno scolastico 2009/2010 nessuno/a studente/essa avrà più diritto ai libri in comodato "dato che tutti/e riceveranno il buono libri". A parte il fatto che con detta cifra credo si possano acquistare 3 o 4 libri di testo al massimo, mi piacerebbe conoscere l'importo complessivo investito dalle scuole provinciali per l'acquisto dei libri dati in prestito gratuito, come anche l'ammontare esatto del totale dei buoni libri che quest'anno graverà sul bilancio provinciale. Tanto per paragonare queste due cifre e poter capire se la nostra Giunta con questa ultima decisione sta almeno risparmiando rispetto al sistema precedente... L'eliminazione dell'istituto dei libri in comodato che in Alto Adige vige da almeno 30/40 anni, oltre che aggravare sugli esigui redditi di certe famiglie, mi fa tanto pensare alla tendenza nazionale (leggasi: decreto Gelmini) di tagliare dove invece non si dovrebbe risparmiare, di favorire i benestanti a discapito dei meno abbienti (vedasi investimenti a scuole e istituti privati). Non ultimo è da tener conto che gli studenti di terza superiore che hanno ricevuto quest'anno i libri in comodato (tanti dei quali valgono anche per i successivi due anni) dovranno restituire a fine anno scolastico i libri alla scuola, la quale non potendoli in futuro più dare in prestito gratuito si vedrà costretta a gettarli al macero o a lasciarli depositati in qualche scantinato inutilizzati... Ringrazio quindi l'esecutivo per questa misura, nata per combattere il caro vita, ma che strada facendo si sta rivelando un ulteriore carico a danno o beffa delle famiglie a basso reddito, se non addirittura un inutile spreco di denaro e di beni. Sonia Simonitto BOLZANO Fate il Polo bibliotecario e non ci dite dove finiremo A quanto pare s'intende partire quanto prima con i lavori per il nuovo polo bibliotecario di cui si sta terminando la progettazione preliminare. Vorrei però sapere se qualcuno in Provincia e, soprattutto, in Comune si è mai posto il problema di dove sistemare le associazioni che si trovano nel seminterrato della scuola. Come presidente dell'Orchestra Mandolinistica "Euterpe", che ha sede proprio sotto la scalinata del "Pascoli" da più di trent'anni, ho più volte chiesto spiegazioni con alcune lettere che, però, non hanno mai avuto risposta né scritta, né verbale, salvo qualche rassicurazione del tipo "tanto i lavori inizieranno fra 4/5 anni, state tranquilli". Ma tranquilli non lo siamo più, e da tempo. Paradossalmente dovrei firmare il rinnovo della concessione riguardante la sala per i prossimi sei anni, ma a questo punto chiedo pubblicamente di avere informazioni in merito, perché abbiamo impegni programmati per il 2009 e stiamo già pensando anche ad alcune attività nel 2010. S'intende prevedere nel megaprogetto che potremo avere in futuro una sede sempre lì o dovremo definitivamente sloggiare? Nel secondo caso dove, visto che nel quartiere di Gries e in generale in città non c'è uno spazio libero considerato poi che è praticamente impossibile rivolgersi al mercato privato. Se la risposta fosse negativa, posso fin da ora affermare a chiare lettere che l'unica orchestra a plettro della città e della regione, attiva ininterrottamente dal 1947, è destinata giocoforza a chiudere i battenti con l'apertura del cantiere per il nuovo polo bibliotecario. E' questo che si vuole? Almeno si abbia il coraggio di dircelo chiaramente. E' gradita una risposta che, a questo punto delle cose, dovrebbe essere assai sollecita. Michele De Luca presidente Orchestra mandolinistica Euterpe La "tonnara" mattutina: in piscina non c'è spazio Spettabile direttore, pur apprezzando la scelta del sindaco Spagnolli di prolungare finalmente al pubblico l'orario mattutino della piscina coperta di viale Trieste, ci sentiamo comunque costretti a lamentare l'esiguo spazio messoci a disposizione. Costringere infatti tutti i nuotatori (paganti) a nuotare in una sola corsia è una forzatura. A noi risulta infatti impossibile muoverci in uno spazio così ristretto visto che ognuno di noi ha capacità e velocità diverse. Chiediamo quindi, come avviene normalmente in altri impianti dell'Alto Adige, di poter usufruire di almeno tre corsie e lasciare comunque 2/3 della vasca libera per le altre associazioni. Seguono 41 firme Pdl, che ne é della promessa del taglio delle tasse? Caro signor Lillo, un anno fa lei aveva scritto una lettera sull'Alto Adige in cui criticava aspramente il fatto che il governo Prodi aveva introdotto tante tasse che comprendevano fra l'altro la falcidia della tredicesima dei pensionati. Io ho votato per il Pdl sperando che alle parole seguissero i fatti, ma finora niente lascia presagire né che le tasse di lavoratori dipendenti e pensionati calino né che le tredicesime vengano detassate. Quindi bisogna dedurre che non era vero che Prodi aveva messo tante tasse, altrimenti un governo serio le avrebbe alleggerite. Pertanto devo concludere che avete imbrogliato per prender voti e quindi io non vi voterò più. Renzo Bissaro BOLZANO

Torna all'inizio


Gelmini, ritorna la protesta studentesca (sezione: Scuola)

( da "Alto Adige" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

di Luca Sgambelluri Gelmini, ritorna la protesta studentesca Domani corteo da piazza Matteotti Stasera c'è un dibattito al Torricelli I ragazzi in coro: non vogliamo abbassare la guardia BOLZANO. Decreto Gelmini, torna la protesta. Domani gli studenti delle superiori saranno ancora in piazza, con un corteo che da piazza Matteotti, ore 9.30, si concluderà in piazza Domenicani. Intanto il gruppo "Studenti consapevoli", in rappresentanza degli studenti superiori, organizza un dibattito che avrà luogo questa sera alle ore 20.30 presso l'aula magna del Liceo scientifico "Torricelli". Il tema dell'incontro riguarda proprio la riforma dell'istruzione pubblica. "Abbiamo fortemente voluto questo incontro con la cittadinanza" - spiega Marco Concer del Torricelli - per rendere chiare, una volta di più, le nostre ragioni in merito al provvedimento che questo governo ha assunto nelle scorse settimane". "Il desiderio è quello di aprire un confronto coi cittadini - gli fa eco Martina, anche lei studentessa dello scientifico - con l'obiettivo di diffondere i contenuti del decreto legge anche a coloro che non si sentono direttamente chiamati in causa e poter aprire, in questo modo, un confronto pubblico". I rappresentanti degli studenti e gli esponenti del gruppo saranno affiancati da insegnanti e professori che spiegheranno anche il loro punto di vista sulla riforma. "E' un'ulteriore conferma di come il provvedimento non riguardi solamente noi studenti, ma l'universo-scuola in generale", sottolinea Jacopo Schiesaro del liceo classico, che aggiunge: "Anche coloro che non hanno a che fare direttamente con la scuola non possono ignorare il fatto che l'istruzione sia uno degli aspetti più qualificanti della società. Che incide direttamente sulla formazione dei giovani e che questi rappresentano il futuro di una collettività". Nella giornata di ieri è ripreso il volantinaggio. Quello che chiedono a gran voce è soprattutto un'attenzione nei confronti delle loro rivendicazioni. I ragazzi hanno raccolto consenso in queste ultime settimane tanto da ottenere la vicinanza e il sostegno di importanti associazioni culturali giovanili. La serata farà da apripista alla manifestazione di domani che, partendo da piazza Matteotti, raggiungerà piazza Domenicani. Il corteo aderisce totalmente alla piattaforma stilata dagli organizzatori della manifestazione nazionale. "Non abbiamo nessuna intenzione di abbassare la guardia - dice Elena Beccaro, studentessa del classico - e non possiamo accettare generiche promesse di rinvio o di confronto. Assomiglia molto ad un tentativo di calmare le acque riponendo momentaneamente il provvedimento in un cassetto. Per poi ritirarlo fuori tale e quale una volta che l'attenzione dell'opinione pubblica sarà rivolta altrove". Gli "Studenti consapevoli" hanno cercato di coinvolgere in questi giorni anche altri soggetti interessati. Da una parte c'è da registrare l'adesione di alcuni istituti superiori tedeschi, delle scuole di Bressanone, Merano e Vadena; dall'altra la posizione dell'università bolzanina lontana dalla protesta. Almeno in veste ufficiale. "Tuttavia non molliamo", conclude Marco: «Qualche singolo studente universitario parteciperà già alla manifestazione di domani e ci auguriamo che altri si aggiungano in futuro».

Torna all'inizio


fiaccolata in difesa della scuola pubblica (sezione: Scuola)

( da "Tirreno, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 2 - Prato Fiaccolata in difesa della scuola pubblica PRATO. Continuano le proteste contro i tagli all'università. Ieri mattina si è tenuta una lezione sotto le logge in piazza del Comune per un gruppo di studenti della facoltà di Lettere e filosofia. Domani sera, in occasione dello sciopero dell'università, Flc-Cgil, Cisl scuola, Gilda, hanno organizzato una fiaccolatain difea della scuola pubblica e per dire no alla riforma Gelmini. Partenza da piazza delle Carcere e conclusione in piazza Duomo dove parleranno un genitore, uno studente ed un insegnante. A seguire musica.

Torna all'inizio


Riuniti nelle facoltà occupate, impegnati giorno e notte in gruppi di lavoro sulla legg... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Latina)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi di VERONICA CURSI Riuniti nelle facoltà occupate, impegnati giorno e notte in gruppi di lavoro sulla legge 133 e la riforma Gelmini, assorbiti in assemblee e riunioni infuocate, l'Onda anomala degli studenti prepara la grande mareggiata. Domani circa 100 mila universitari e studenti delle superiori arrivati da tutta Italia sfileranno per le vie della Capitale fin sotto il Senato. Poi, la notte, 4 mila delegati dagli Atenei del Paese, dormiranno nella aule occupate della Sapienza per prendere parte all´assemblea plenaria di sabato e domenica dove per la prima volta verrà redatto il "Manifesto per l'autoriforma dell'università". L'Onda prepara la mareggiata. Da Tor Vergata alla Sapienza, a Roma Tre, gli studenti di tutti gli Atenei capitolini sono in gran fermento in vista dello sciopero generale dell'università e della ricerca di domani. Tavole rotonde, cene sociali, assemblee e lezioni all'aperto riempiono in queste ore le facoltà occupate. Oggi saranno gli universitari di Roma Tre a organizzare una grande giornata di mobilitazione. In quasi tutte le facoltà ci saranno iniziative che si concluderanno con una grande festa alla facoltà di Lettere e Filosofia. Anche a Tor Vergata si passerà la notte nella facoltà di Lettere e dopo un'assemblea a Medicina, partirà un corteo interno. Il "Manifesto per l'autoriforma". Tra gruppi di studio e assemblee i più impegnati in questi giorni sono però gli studenti della Sapienza (dove ieri le otto liste candidate al rinnovo delle rappresentanze studentesche negli organi accademici, tra cui l'apartitica "Vento di Cambiamento", hanno chiesto e ottenuto il rinvio delle elezioni al 25 e 26). Fervono i preparativi per lo sciopero di domani, ma soprattutto per l'assemblea che sabato e domenica porterà nell'Ateneo più grande d'Europa circa 4 mila studenti che con tende e sacchi a pelo dormiranno nella facoltà occupate (Lettere, Scienze Politiche, Fisica e Chimica). Dopo due giorni di dibattito gli universitari approveranno «un progetto sistematico in cui verrà definita una proposta di riforma per l'università». Una bozza di programma è definita nell'appello della Sapienza occupata, dove si chiede «l'abrogazione delle leggi 133 e 137». Tre i punti in discussione: didattica, welfare e diritto allo studio, formazione e lavoro. «Prima questione, la didattica: va ripensato quel modello del 3+2 clamorosamente fallito - spiega Giorgio Sestili, rappresentante dei collettivi - E' necessario avviare un ragionamento che riguardi l'accorpamento degli esami, l'abolizione del sistema di credito, della frequenza obbligatoria e dei numeri chiusi». Ma il progetto dell'autoriforma mette al centro anche la connessione tra welfare e diritto allo studio: «Vogliamo usufruire di servizi fondamentali come la casa, le borse di studio, le mense, l'accesso alla cultura e ai trasporti». Terzo punto: «l'abolizione delle classi di docenza per favorire, anche tramite concorso nazionale, differenti sistemi di reclutamento e finanziamento per dottorandi e ricercatori. E inoltre è necessario ripensare i meccanismi di funzionamente del mercato del lavoro che ruota attorno agli Atenei, con un'analisi critica del modello di università-impresa proposto attualmente dal governo» «E se proveranno a fermarci saranno travolti». Intanto ci si prepara per domani. Alle 9.30 da piazzale Aldo Moro partirà il primo spezzone della Sapienza, mentre altri due cortei prenderanno il via da Piramide (dove sfileranno gli studenti di Roma Tre) e da piazza della Repubblica (dove si raduneranno gli studenti medi). I tre cortei, a cui a piazza dei Cinquecento si uniranno anche i ragazzi di Tor Vergata, sfileranno fino a piazza Navona. Attacco informatico. Ma la protesta degli studenti si muoverà anche su Internet. In rete si annuncia per oggi, alle 14, un netstrike contro il sito del Ministero dell'università e della ricerca: un attacco informatico che consiste nel moltiplicare talmente tanto i contatti alle pagine del Miur da mandarlo in tilt. La Notte Bianca della ricerca. Dalle 19 alle due del mattino, oggi anche i ricercatori faranno sentire la loro voce. Con una Notte Bianca nell'aula Pocchiari dell'Istituto superiori di Sanità. In programma dibattiti sul precariato e contro i decreti che colpiscono la ricerca.

Torna all'inizio


Scuola, studenti delle superiori in lotta (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Rieti)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi Ieri il corteo al quale hanno aderito gran parte degli istituti reatini, per contestare la Gelmini e le carenze degli edifici Scuola, studenti delle superiori in lotta Seconda giornata di presidio allo "Jucci": «Andremo avanti ad oltranza»

Torna all'inizio


Non è solo una questione di termosifoni. O perlomeno non più. Nata come protesta per il ma... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Rieti)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi di ILARIA STRINATI Non è solo una questione di termosifoni. O perlomeno non più. Nata come protesta per il mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento nelle scuole superiori di Rieti, l'Onda partita dal liceo scientifico "Jucci" - da martedì in presidio autogestito - si è abbattuta ben presto contro i tentativi di riforma del ministro Gelmini, trascinandosi dietro anche tutte le quotidiane magagne che investono principalmente l'edilizia scolastica: dall'Ipc senza allacci per i termosifoni e senza palestra fino all'Alberghiero spezzettato su quattro sedi didattiche. La cronaca della seconda giornata di mobilitazione studentesca inizia presto, quando all'apertura dei cancelli gran parte degli studenti delle superiori, anziché imboccare il portone d'ingresso degli istituti, si riunisce in corteo paralizzando la città. Un serpentone di ragazze e ragazzi che confluisce nella palestra dello scientifico dove si discute dei decreti Gelmini su scuola e università. «Molti studenti non conoscono neanche i contenuti della legge - dice Anna Colarieti (rappresentante "Jucci")- ecco perché crediamo che uno dei primi passi debba essere quello di informare». Dibattiti, cinematografo, attività didattiche e non, avanti così ad oltranza. «In questo momento - spiega Raffaele Pitoni, anche lui rappresentante dello "Jucci" - siamo convinti che il nostro liceo rappresenti un simbolo della protesta di tutti gli studenti, uniti e senza distinzioni politiche, e continueremo finché non partirà l'autogestione anche negli altri istituti». Protesta aperta, da allargare anche alla provincia e semmai alle organizzazioni giovanili del territorio e che vede al primo punto la contestazione di una politica scolastica che taglia fondi a scuole ed università ed ipotizza, tra l'altro, la trasformazione degli istituti superiori in fondazioni private. Ma dal confronto che ieri pomeriggio ha visto riunirsi il comitato di rappresentanti degli istituti superiori di Rieti, è emerso un più profondo e generale malcontento che investe le nuove generazioni. Una sensazione di abbandono mista alla voglia di riscatto e di far sentire la propria voce. Così, alla fine, alle carenze croniche degli edifici, finisce per sommarsi la delusione nei confronti di un'università locale che stenta a decollare in un territorio che non promette futuro: «Vogliamo far capire che noi giovani ci siamo - sottolinea Pietro Santicchi (presidente della consulta studentesca) - e meritiamo attenzione». Gli fa eco Andrea Palmieri (Itc): «Siamo qui per combattere per un obiettivo comune, che è innanzi tutto quello di avere una scuola migliore». Uniti, appunto. Evitando che strumentalizzazioni di sorta possano rovinare quel che oggi è la migliore risposta dei giovani al torpore di un territorio.

Torna all'inizio


scienze rende pubblica la ricerca lettere invita i politici a palazzo (sezione: Scuola)

( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 8 - Udine Scienze rende pubblica la ricerca Lettere invita i politici a palazzo Se i sindacati sullo sciopero si sono spaccati, la comunità accademica resta compatta e continua a protestare contro i tagli del governo al sistema universitario nazionale. La facoltà di Scienze dell'ateneo friulano lo farà illustrando, in un incontro pubblico, a palazzo Antonini, le posizioni di eccellenza conseguite nella ricerca. Il consiglio di facoltà di Lettere, invece, discuterà la proposta avanzata, ieri, in assemblea, dal professor Paolo Coppola, secondo il quale sugli effetti dei tagli vanno sensibilizzati i parlamentari friulani. Come? Invitandoli a palazzo Florio. Entrambe le assemblee, ieri, sono state molto affollate. Ai Rizzi, il preside di Scienze, Carlo Tasso, dopo aver ricordato che secondo il Comitato di indirizzo per la valutazione della ricerca (Civr) la facoltà di Scienze di Udine è al secondo posto in Italia, ha tranquillizzato gli studenti sul futuro della laurea magistrale in Fisica computazionale e su quella in Biotecnologie. «Stiamo lavorando con l'università di Trieste e la Sissa per trasformare il corso di Fisica in un corso interateneo, mentre la laurea in biotecnologie resterà un corso interfacoltà gestito da Scienze, Medicina, Veterinaria e Agraria» ha puntualizzato il preside, nell'annunciare che i risultati della ricerca a breve saranno illustrati, in un incontro pubblico al quale potranno partecipare anche i genitori degli studenti, molto probabilmente a palazzo Antonini. L'iniziativa sostituirà le lezioni in piazza che per le materie scientifiche risultano meno comprensibili al grande pubblico. Altrettanto animata l'assemblea della facoltà di Lettere. Qui il preside, Andrea Tabarroni, si è soffermato sugli elementi di apertura introdotti dall'ultimo decreto Gelmini anche se «la situazione - ha aggiunto - resta paradossale: quando si tagliano le risorse non si può chiedere agli atenei atteggiamenti virtuosi». Studenti e docenti, infatti, si sono detti preoccupati soprattutto per la chiusura delle Scuole di specializzazione per la formazione degli insegnanti (Siss) e la prospettiva dell'ingresso dei privati. «La cultura umanistica e scientifica di base - ha sottolineato Tabarroni - hanno bisogno di tutela prima di essere affidate ai privati». Nel condividere la protesta degli studenti, diversi docenti di Lettere si sono resi disponibile a fare lezione in piazza. Tra questi anche il preside. L'insolita protesta attuata ormai in tutta Italia è prevista per martedì e giovedì prossimi davanti a palazzo D'Aronco. E per analizzare i problemi dell'università non è esclusa l'organizzazione di gruppi di lavoro tra tutte le facoltà. (g.p.)

Torna all'inizio


I tagli alla ricerca fanno paura a tutti e il Consorzio universitario ternano è già corso ... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi I tagli alla ricerca fanno paura a tutti e il Consorzio universitario ternano è già corso ai ripari. I primi effetti del nuovo decreto si sono registrati durante l'ultima riunione del consiglio di amministrazione. Ieri l'assemblea che riunisce i soci ha infatti deciso di ridurre da 24 a 18 il numero dei ricercatori da selezionare per alcuni progetti di ricerca. I 150 mila euro risparmiati verranno spostati in un fondo di riserva dal quale attingere in caso di necessità. «Inoltre - spiega Raffaelli - si è deciso di procedere al consolidamento del corso di laurea per traduttori ed interpreti con una base di 30 mila euro». Buone notizie arrivano invece dai dati sulle immatricolazioni: «Siamo arrivati ormai ai mille iscritti. C'è stato un incremento del 7 per cento delle immatricolazioni, a fronte di una riduzione del 5 per cento nei corsi perugini». All'ordine del giorno c'era anche un punto relativo alle nuove modalità di nomina delle commissioni concorsuali. Dai membri del cda è stata condivisa la preoccupazione per una «burocratizzazione eccessiva del meccanismo di nomina, che finirebbe per bloccare per mesi le procedure di assegnazione dell'incarico». Oggi, se un ateneo bandisce un concorso a cattedra, la facoltà nomina un docente interno e tutti i docenti della materia a livello nazionale votano per scegliere gli altri quattro commissari. La Gelmini introdurrà invece il sorteggio. Verranno cioè eletti in numero doppio i commissari e poi, tra questi, si procederà all'estrazione. L'obiettivo è quello di evitare "cordate" a favore di alcuni candidati. C.Pr.

Torna all'inizio


Anche a Cassino il sindacato si divide sulla riforma dell'università. Ieri mattina l'... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Frosinone)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi di ELENA PITTIGLIO Anche a Cassino il sindacato si divide sulla riforma dell'università. Ieri mattina l' assemblea del personale tecnico-amministrativo di Ateneo, convocata da Cgil, Cisl e Uil all'interno dell'Aula Pacis, avrebbe dovuto concordare le linee di partecipazione alla mobilitazione generale in programma domani a Roma. Un incontro di preparazione e di dibattito sulla Legge 133 del 6 agosto 2008, al quale hanno partecipato il segretario regionale della Flc Cgil Eugenio Ghignoni e il segretario nazionale della Uil-PA Alberto Civica. Unico assente il segretario nazionale della Fed. Cisl-Università Domenico di Simone. Al termine dell'assemblea, da Roma è stata comunicata la notizia che la Cisl aveva revocato lo sciopero di venerdì, per aver firmato insieme alla Uil un documento per le richieste del settore presentato alla Gelmini. La Uil, invece, attraverso il segretario generale Civica, presente nell'Aula Pacis, ha confermato l'agitazione "perché le garanzie del Ministro non sono sufficienti. Al momento - ha sottolineato - non ci sono ragioni per revocare lo sciopero che si prevede con adesioni molto forti". "Se gli Atenei si trasformassero in Fondazioni sparirebbe il sistema universitario pubblico" - ha continuato Civita. E, intanto, nel pomeriggio di ieri a Lettere l'ex ministro alla Pubblica Istruzione Luigi Berlinguer ha parlato ai partecipanti al master "La professionalità del docente e dirigente scolastico". "Si deve puntare alla ricerca che deve fare il docente - ha detto Berlinguer - e non il ministro. Il problema centrale della scuola è una grande riforma dei metodi».

Torna all'inizio


Lezione sul decreto Gelmini durante l'occupazione del Liceo Classico... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi Lezione sul decreto Gelmini durante l'occupazione del Liceo Classico

Torna all'inizio


Convegno sulla scuola con l'ex ministro Fioroni Il Pd scende i... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi Convegno sulla scuola con l'ex ministro Fioroni Il Pd scende in campo per dire la sua sulla questione scuola. Stasera, alle 18,30, convegno con l'ex ministro del Governo Prodi, Giuseppe Fioroni, e l'onorevole Gianpiero Bocci, all'Hotel Plaza. Sono previsti anche interventi di esperti dei problemi della scuola sulle proteste di questi giorni e sulle ultime decisioni prese dall'attuale ministro di centrodestra, Gelmini. Confindustria, incontro su lavoro e sicurezza Parteciperà anche Raffaele Guariniello, procuratore della Repubblica aggiunto di Torino, al seminario dedicato alla sicurezza nei luoghi di lavoro organizzato da Confindustria Perugia e Federmanager, l'Associazione nazionale dei dirigenti d'azienda per domani nella sede di Confindustria a partire dalle 15.

Torna all'inizio


In un colpo solo è riuscito a far trovare un fronte comune fra studenti, genitori e molti dei d... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi In un colpo solo è riuscito a far trovare un fronte comune fra studenti, genitori e molti dei docenti. Il preside del liceo Classico "Mariotti" Filippo Vincenzo Maiolo ha deciso unilaterlamente, senza nemmeno confrontarsi con i docenti: «Avete occupato, niente gite scolastiche». Un diktat imposto che non piaciuto agli oltre mille studenti del liceo ma nemmeno alle famiglie. E molto malumore si è registrato anche fra i docenti. Perchè non c'è stato confronto, perchè «non è questo l'esempio che si deve dare ai ragazzi», perchè «l'occupazione è stata fatta in maniera più che democratica, da una minoranza di studenti che ha comunque permesso a chi voleva andare a scuola di seguire le lezioni». In effetti il liceo Classico di Perugia è stata una di quelle scuola nelle quali durante le lezioni i duecenti studenti che occupavano "studiavano" effettivamente il decreto del ministro dell'Istruzione Gelmini. E l'amarezza per come questa decisione è stata imposta attraversa tutti. Anche perchè la "punizione" appare comunque diseducativa. «Se è vero che le gite fanno parte del programma didattico, perchè ci viene tolta la possibilità di apprendere in maniera diversa rispetto allo studio sui libri? E' come se per "punirci" ci venissero tolte delle ore di lezione. E poi, perchè fare questa prova di forza? La scuola non dovrebbe servire a un confronto, a una crescita di noi ragazzi?», sostengono gli studenti all'uscita da scuola. Fra l'altro la decisione di sospendere le gite scolastiche riguarda anche gli scambi con i ragazzi di altre scuole all'estero, con un danno ancora maggiore, dato che lo scambio, in questo modo, è stato unilaterale. La speranza, per tutti, è che ci sia ancora un margine per discutere e trovare una soluzione condivisa. In maniera educativa e senza prove di forza. Pa. Ri.

Torna all'inizio


FANO - Volantini e messaggi elettronici passano di mano in mano, di computer in computer, per chiama... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Pesaro)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi FANO - Volantini e messaggi elettronici passano di mano in mano, di computer in computer, per chiamare a raccolta i giovani fanesi contro la riforma scolastica. Confermato lo sciopero di dopodomani, la Rete degli studenti medi ha completato il programma della giornata, definendo le iniziative collaterali. Prima, però, una raccomandazione degli organizzatori: «La nostra mobilitazione ha un forte contenuto anti-razzista, criticando con forza il ghetto educativo delle classi separate, quindi non è gradita la presenza dell'estrema destra». Raduno alle 8 al Pincio, dove si susseguiranno spettacoli teatrali, trampolieri, artisti di strada, letture di poesia, lezioni all'aperto di storia e filosofia. Sindacalisti e insegnanti apriranno il dibattito, poi il microfono rimarrà aperto per tutta la durata della manifestazione: chiunque potrà prendere la parola ed esprimere la propria opinione. «Si tratta di un'iniziativa pacifica, preceduta proprio in queste ore dalle ultime assemblee negli istituti superiori fanesi», afferma Jacopo Cesari, portavoce locale della Rete studenti medi. Sul volantino dello sciopero le scritte "Jurassic School - Benvenuti nella scuola del passato" e poi la sfilza di motivi contro la riforma Gelmini. In serata, sempre dopodomani, concerto rock nella sala "Il Cubo", a San Lazzaro, organizzato dal circolo "Allende". Suonano i gruppi: "Nudi sotto la pioggia", "Not so expensive", "The loffers" e "The Barbacans". O.S.

Torna all'inizio


Ci sarà anche l'onorevole Giuseppe Fioroni, ex ministro della pubblica istruzione, nell'incontr... (sezione: Scuola)

( da "Messaggero, Il (Umbria)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Giovedì 13 Novembre 2008 Chiudi Ci sarà anche l'onorevole Giuseppe Fioroni, ex ministro della pubblica istruzione, nell'incontro che si svolgerà oggi a Villa Redenta (Sala Monterosso, ore 16), su iniziativa del partito democratico. Al centro del dibattito, denominato "Salva la scuola", ci saranno le novità introdotte dalla Riforma Gelmini, che anche a Spoleto ha determinato la protesta di studenti e insegnanti. La scuola spoletina in generale vive lo stesso stato di malessere di altri istituti italiani. Docenti e discenti si trovano tutti nello stesso calderone di una didattica che deve fare i conti con il "risparmio". Soprattutto per quanto concerne la categoria degli insegnanti. Con buona pace dei cosiddetti precari, che nello spoletino sono tanti, a cominciare dalle elementari per arrivare alle superiori. A coordinare gli interventi sarà il parlamentare umbro Giampiero Bocci: all'incontro pubblico parteciperanno anche l'onorevole Rosa Di Pasquale, il professor Fabrizio Bracco, il sindaco Massimo Brunini e l'esponente del Pd Margherita Lezi. Si parlerà anche dei riflessi che la riforma avrà sul territorio di Spoleto e Valnerina e delle ripercussioni sull'università pubblica.

Torna all'inizio


A Roma con i soldi dei sindaci Lezioni in piazza sotto i tendoni (sezione: Scuola)

( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere del Veneto - VERONA - sezione: PRIMOPIANO - data: 2008-11-13 num: - pag: 5 categoria: REDAZIONALE A Verona Lo sciopero A Roma con i soldi dei sindaci Lezioni in piazza sotto i tendoni PADOVA – Studenti a Roma. Grazie anche ai soldi del sindaco di Padova Flavio Zanonato e di quello di Venezia Massimo Cacciari. Ieri mattina i due sindaci hanno devoluto alcune centinaia di euro alla causa degli studenti che stanotte partiranno per Roma per la grande manifestazione contro la riforma Gelmini-Tremonti. Quasi in mille, tra studenti, professori e ricercatori, saliranno stanotte sul treno speciale in partenza da Venezia. Ieri, grazie ad una colletta improvvisata (tra gli altri, il deputato Alessandro Naccarato e il capogruppo del Pd in Regione Giovanni Gallo), sono stati raccolti in favore dell'Onda quasi 3 mila euro per pagare ai manifestanti una parte del biglietto del treno. Soldi anche dal consigliere regionale dei Verdi Gianfranco Bettin, dal rettore di Ca' Foscari Pier Francesco Ghetti, da molti docenti universitari e dalla Cgil del Veneto. VERONA - A dispetto del freddo e della pioggia le lezioni in piazza sono continuate anche questa settimana. Ieri il turno della facoltà di Scienze della Formazione i cui professori, oltre a spiegare hanno anche tenuto il ricevimento. Location, come la settimana scorsa, piazza dei Signori, e quando la pioggerellina nel primo pomeriggio ha cominciato a infastidire gli studenti si sono riparati sotto gli ombrelloni messi a disposizione da un bar della piazza. Oltre agli studenti di Formazione, le lezioni all'aperto hanno coinvolto anche il dottorato di ricerca in Filosofia. Davide D'Attino D.O. Sui libri Piazza dei Signori

Torna all'inizio


Riforma Gelmini: un'assemblea (sezione: Scuola)

( da "Libertà" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Riforma Gelmini: un'assemblea GOSSOLENGO - Domani, venerdì, alle 21 nella biblioteca comunale di Gossolengo si parla della Riforma Gelmini. All'incontro, promosso da Sinistra Unita per Gossolengo, interverrano vari rappresentanti del mondo scolastico: Raffaella Morsia, sindacalista di Cgil Scuola, gli insegnanti Andrea Vantadori e Antonella Codazzi e la studentessa Jessica Valisa. Coordinerà l'incontro Fabrizio Samuelli. 13/11/2008

Torna all'inizio


<Occupazione al termine> (sezione: Scuola)

( da "Adige, L'" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Sociologia Studenti in piazza: «Inizia la seconda fase» «Occupazione al termine» Dopo due settimane di lezioni alternative, di serate dedicate a seminari e dibattiti, gli studenti universitari si preparano ad una seconda fase delle protesta contro i provvedimenti del Governo su istruzione, università e ricerca. Domani in molti parteciperanno alla manifestazione nazionale. E dal giorno dopo potrebbe chiudersi l'esperienza dell'occupazione soft: morbida, nel senso che non sono state ostacolate le lezioni e non sono stati bloccati gli esami. Ieri se ne è discusso in Consiglio di facoltà. In accordo con il corpo docente, i rappresentanti degli studenti si dicono orientati a fermare, almeno temporaneamente, l'autogestione. Finora si è protestato contro: il taglio dei fondi per università, enti di ricerca; il blocco del reclutamento; il taglio delle retribuzioni del personale; le misure indiscriminate sulle assenze per malattia; il silenzio sui concorsi straordinari per i ricercatori; lo stop ai processi di stabilizzazione dei precari; la possibilità di trasformare gli atenei in fondazioni private; l'assenza di risorse per il rinnovo dei contratti di lavoro. In Trentino il «Comitato No Gelmini» aveva mobilitato duemila studenti nel corteo del 28 ottobre. Poi sono state promosse varie iniziative, fra cui l'occupazione di Sociologia e la didattica alternativa. 13/11/2008

Torna all'inizio


a proposito di brunetta e gelmini (sezione: Scuola)

( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

SCUOLA/2 A proposito di Brunetta e Gelmini Con la presente vorrei rispondere al signor Luca Zaninotti e alla sua lettera pubblicata sul giornale sabato 8 novembre dove elogiava l'operato dei signori ministri Brunetta e Gelmini e invitava gli studenti (solo loro,visto che i docenti non vengono menzionati) a passare più tempo sui libri che a manifestare. Vorrei ricordare al signor Luca che concordo con lui e con il ministro Brunetta sul punire gli assenteisti(ingiustificati)nel pubblico impiego, ma gli porgo un quesito: perché non punire prima gli assenteisti più costosi di Italia, deputati e senatori, che riempiono le rispettive aule esclusivamente solo quando si tratta di aumentarsi l'indennizzo? Che vada in conflitto di interessi anche il signor ministro? Per quanto riguarda la signora Gelmini, mi sa spiegare il signor Luca come mai più di metà della riforma interessa le riforme fatte da un ex ministro della Pubblica istruzione che portava il nome di Letizia Moratti che mi pare ricordare della stessa corrente politica dell'attuale ministro? Paolo Santo

Torna all'inizio


scuola FI: <Gazebo a Piangipane contro le bugie sulla riforma Gelmini> (sezione: Scuola)

( da "Resto del Carlino, Il (Ravenna)" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

RAVENNA CRONACA pag. 8 scuola FI: «Gazebo a Piangipane contro le bugie sulla riforma Gelmini» UN GAZEBO di Forza Italia - Popolo della Libertà sarà presente oggi, giovedì 13 novembre, presso il mercato di Piangipane «Per illustrare ai cittadini ? scrive il coordinatore comunale Alberto Ancarani ? la riforma della Scuola e per smascherare le bugie della sinistra». Durante il gazebo verrà tra l?altro promosso l?incontro pubblico che FI-Pdl terrà giovedì 20 novembre alle 20.30 presso la sala Forum della Seconda circoscrizione proprio sul tema ?Operazione verità? che prosegue nei mercati del comune.

Torna all'inizio


L'ombra dello sciopero sulla prima sciata Scuola e fisco, Tonella lancia l'offensiva (sezione: Scuola)

( da "Corriere del Veneto" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Corriere del Veneto - TREVISO - sezione: PRIMOPIANO - data: 2008-11-13 num: - pag: 4 categoria: REDAZIONALE A Treviso Irpef e riforma Gelmini nel mirino del centrosinistra in provincia Il 7 dicembre Gli operatori delle funivie vogliono l'aumento. Le imprese: «Siamo in passivo» L'ombra dello sciopero sulla prima sciata Scuola e fisco, Tonella lancia l'offensiva BELLUNO — La prima sciata della stagione, prevista per il 7 dicembre, è a rischio: gli operatori delle funivie minacciano lo sciopero nazionale. Se il 20 novembre sindacati e rappresentanti delle imprese di settore non troveranno un accordo sull'adeguamento degli stipendi, il 7 dicembre scatterà la chiusura di piste e impianti. «L'Anef (Associazione nazionale esercenti funiviari) non vuole recepire le nostre richieste — dice Mauro Dal Prà della Cgil di Belluno —. Se scioperiamo è perché siamo costretti dall'atteggiamento di chiusura delle aziende». Ferma la replica di Giovanni Valle, presidente di Anef Veneto: «Le imprese sono in rosso da anni, anche pochi spicci contano». La questione non riguarda il contratto nazionale di categoria, rinnovato recentemente, ma l'aggiornamento del «salario». TREVISO — Il Pd lancia la campagna invernale. Due i temi chiave: il federalismo, con la richiesta che il 20% dell'Irpef sia destinato ai comuni, e la lotta alla riforma della scuola pensata dal ministro Gelmini. La linea politica è dettata da Giovanni Tonella, portavoce del coordinamento provinciale Pd di Treviso, dal canale Youtube del Partito, tramite una video-dichiarazione. Si è attivata anche Maristella Caldato, consigliere comunale del Pd a Treviso, che vuole informare i cittadini sulla possibilità di ottenere delle agevolazioni economiche per mutuo prima casa e ristrutturazioni. L'assalto del centrosinistra al governo cittadino in questa fase pre-natalizia si muoverà su due assi che stanno trovando un grande consenso popolare. La strategia è quella di proporre in tutti i consigli comunali della provincia «I sindacati — dichiara Dal Prà — chiedono un aumento mensile di 160 euro, la controparte ne offre 60. Noi abbiamo già abbandonato il tavolo di lavoro una volta e siamo pronti a rifarlo il 20 novembre. Quella del 7 dicembre sarà la prima di una serie di azioni di lotta. Negli ultimi anni è raddoppiato l'uso di funivie e impianti di risalita, comportando notevoli guadagni per gli esercenti, ma i lavoratori non hanno visto un euro in più. Anzi, il costo di alcune protezioni, come gli scarponi termici, è generalmente a loro carico». Le imprese, invece, piangono miseria. «Non è una questione di 10 euro in più — dichiara Valle — è che i soldi sono finiti per tutti. Si tende a risparmiare anche sulle piccole spese, perché siamo in passivo, altro che "ingenti introiti". La Regione non ci considera, eppure, considerato degli ordini del giorno sull'Irpef ai comuni e sull'opposizione alla riforma Gelmini. Incaricati dell'operazione tutti i membri del Pd di Marca, che si troveranno poi a distribuire locandine e volantini. «è necessario che gli enti abbiamo le risorse per dare servizi ai cittadini », dice Tonella. «E dobbiamo bloccare una riforma che danneggia anche gli istituti tecnici e professionali». Il Pd sabato scorso ha portato a Treviso il ministro ombra all'istruzione. Domani a Montebelluna relazionerà invece l'ex viceministro Mariangela Bastico. E mentre a livello provinciale il Pd mette in campo questa duplice azione informativa, a Treviso la consigliere comunale Caldato dona ai cittadini il proprio numero di telefonino. «I cittadini mi chiamino al 340-3704079», dice. «è il numero che mi ha dato il Comune, sono pari a 100 il fatturato complessivo della montagna, senza di noi si ridurrebbe a 29. Spero che questa vicenda possa accendere i riflettori sui nostri problemi». D'accordo Enrico Ghezze, presidente della società di impianti di risalita «Faloria Spa» di Cortina: «Alla fine si arriverà ad un accordo, ogni due anni la questione ritorna. Il problema è che le imprese del settore spendono il 20% del fatturato per l'innevamento e il 35% in stipendi e oneri sociali. Se le cose vanno bene si può raggiungere il pareggio di bilancio. Ma è chiaro che siamo al limite, non c'è più margine. Mi è stato riferito che sarebbe stato proposto agli operatori di settore un aumento di 100 euro mensili: non sono certo basti a scongiurare lo sciopero, ma è quanto possiamo offrire». al loro servizio per spiegare le opportunità della Regione in merito al pagamento del mutuo prima casa, oppure per la costruzione, acquisto o recupero dell'abitazione principale». I contributi sono stati stanziati a fine del mese di ottobre dalla Regione, a favore di coloro che non riescono a pagare il mutuo contratto per l'acquisto della casa di abitazione, a causa della crisi economica imperante. Ogni venerdì pomeriggio, presso la stanza del Pd nella sede del Comune, dalle ore 15 alle ore 18 Caldato riceverà i trevigiani interessati fornendo anche copia dei bandi di concorso e stampati di domanda. Il termine ultimo per la presentazione delle domande di contributo alla Regione Veneto è stato fissato per il giorno sabato 20 dicembre 2008. Marco de' Francesco Ma. Pi. In protesta I sindacati chiedono 160 euro in più Pd Il portavoce trevigiano Giovanni Tonella

Torna all'inizio


La protesta viaggia in Retee invade la Fiera del mare (sezione: Scuola)

( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

La protesta viaggia in Retee invade la Fiera del mare scuola Doveva essere solo un presidio ad Abcd, ne è nato un corteo per Balbi DIVERSE CENTINAIA di universitari e liceali (tremila secondo l'Unione degli studenti, trecento secondo la polizia) in piazza, presidio e corteo: viabilità in tilt, cori e slogan a scandire l'ennesima mattinata di lotta di licei e atenei contro la riforma della scuola. Il tam tam di Internet ha portato alla Fiera del mare, davanti al salone dell'orientamento "Abcd", i ragazzi degli istituti superiori e dell'università. Appuntamento lanciato appena la sera prima: le e-mail raggiungono chi in queste settimane occupa o autogestisce gli spazi, le aule dei licei, quelle delle facoltà di lettere e giurisprudenza, di architettura, del polo scientifico. Alle 9 e mezzo alla Foce c'è già una folla. Doveva essere solo un presidio (simbolico, considerato che il ministro Gelmini non si è visto), poi però spontaneo è nato il corteo, che ha marciato chiassoso e colorato lungo via Brigate Partigiane, via Venti Settembre, piazza De Ferrari, piazza Fontane Marose e via Garibaldi, piazza della Nunziata fino in via Balbi. «Manifestazione estemporanea, organizzata dall'oggi al domani: sinceramente non ci saremmo mai aspettati una partecipazione del genere» spiega Matteo Fioravanti, studente di Lettere, impegnato per larga parte della mattinata nella gestione dell'occupazione in facoltà. «Abbiamo dimostrato grande capacità di mobilitazione - fa eco il collega Luca Daminelli -. La Gelmini? Le voci si sono rincorse per giorni: viene o non viene? Doveva esserci il 12, poi il 14. La veritàè che la faccia, su questa riforma, non ce la vuole mettere». Protesta a oltranza? «Finché la 133 non verrà ritirata - chiude Daminelli -. Non si può intavolare nessun genere di trattativa sulla base dei tagli alla cultura e all'istruzione». «Probabilmente l'idea del ministro era di venire il 14, in occasione della manifestazione nazionale: approfittando magari del fatto che un'alta percentuale di noi sarebbe stata impegnata nei cortei di Roma - dice Irene Bardi di Scienze politiche -. Purtroppo per lei, dovesse venire troverebbe un caldo benvenuto». «Contestiamo il fatto che sia stata invitata - chiude la giovane - perché non la riconosciamo come nostro ministro dell'Istruzione». «Non ci rappresenta - si accoda Fioravanti -. Continueremo a manifestare, a far sentire sempre più forte la nostra voce». Tra le università anche i licei: al corteo di ieri hanno preso parte, fra gli altri, il Gastaldi, Buonarroti e Firpo, Klee Barabino, Giorgi, Pertini e Cassini. «Stiamo facendo autogestione - spiega Pietro Ruggiero del Gastaldi - con cineforum e dibattiti, lezioni alternative e attività organizzative.La partecipazione di oggi era doverosa: fosse venuto in ministro, in strada sarebbero scese altro che 2 mila persone. Sarebbe stato il blocco completo della città». I ragazzi del Cassini progettano cortei col lutto al braccio «per simboleggiare la morte della cultura», quelli del Klee, alla terza settimana di autogestione, stanno costruendo una bara, cucendo tonache e cappucci. C'è anche la proposta, da valutare istituto per istituto, di organizzare una giornata di occupazione che coinvolga tutte le scuole della città. Intanto domani sera, alle otto, un nuovo corteo studentesco, organizzato dal D'Oria, si muoverà da piazza della Vittoria fino a piazza De Ferrari. «Una fiaccolata tranquilla - dice Giorgio Righetti, rappresentante d'istituto al D'Oria - con i licei ma anche gli studenti dell'Università. Abbiamo comprato centinaia di candele, ci aspettiamo una partecipazione numerosa».Federico Amodeo 13/11/2008 [+] www.ilsecoloxix.it 13/11/2008 Guarda le altre foto delle manifestazioni di ieri cliccando sul sito del Secolo XIX 13/11/2008

Torna all'inizio


<eliminiamo le gite scolastichecosì colpiremo l'indotto degli istituti> (sezione: Scuola)

( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

«eliminiamo le gite scolastichecosì colpiremo l'indotto degli istituti» i licei ELIMINARE, in segno di protesta, le gite scolastiche. Ne stanno parlando, in questi giorni, alcuni licei cittadini come il classico Colombo, che ne discuterà la settimana prossima. «Sarà uno degli argomenti di discussione del prossimo collegio dei docenti - conferma Nunzio Cotena, preside del liceo - ma non abbiamo ancora preso una decisione». «Sappiamo - spiegano alcuni insegnanti di D'Oria, Cassini, Pertini e altri licei - che intorno alla scuola girano interessi miliardari. Forse è giunto il momento di colpire questi interessi». Un'altra proposta, frutto della stessa assemblea, è quella di bloccare le nuove adozioni dei libri di testo. Nate alcune settimane fa da un'assemblea di insegnanti e personale Ata - cioè segretari e bidelli - le proposte hanno un chiaro obiettivo. Abrogare la legge 137, meglio nota come legge Gelmini, e abrogare l'articolo 64 della legge Finanziaria che, "ai fini di una migliore qualificazione dei servizi scolastici e di una piena valorizzazione professionale del personale docente" riduce il numero di insegnanti e personale Ata. 13/11/2008

Torna all'inizio


L'unità degli studenti, il fronte sindacale diviso (sezione: Scuola)

( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

L'unità degli studenti, il fronte sindacale diviso verso lo sciopero generale Saranno alcune centinaia gli universitari genovesi alla manifestazione di domani. Non ci sarà invece la Cisl. La Uil deciderà oggi 13/11/2008 È PARTITO il conto alla rovescia per la manifestazione romana di domani, giorno di sciopero generale di università, ricerca e alta formazione musicale e artistica. Tra gli entusiasmi del giorno prima e qualche nervosismo. Matteo, iscritto a Giurisprudenza, parla a nome di tutti gli studenti dell'Università di Genova: «Ho prenotato quattro pullman e nelle prossime ore forse ne prenoterò degli altri. Tra pullman, auto, e treni saremo alcune centinaia». Anche i sindacati di categoria hanno organizzato una piccola flotta di pullman, per duecento posti circa, che all'alba di domani partirà per la capitale. Ma il fronte sindacale si è spaccato. La Cisl ha detto ieri che non parteciperà allo sciopero, la Uil deciderà oggi. Il motivo è l'incontro di due sere fa tra i sindacati e il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini. Cisl e Uil hanno firmato un documento che contiene le loro principali richieste, la Cgil ha abbandonato il tavolo. «Aspettiamo di vedere cosa accadrà nelle prossime ore - dice Marco Striseo, coordinatore ligure della Uil-Università e Ricerca -. Se il governo accoglierà i punti di quel documento, impegnandosi a realizzarli in tempi brevi, ritireremo la nostra partecipazione allo sciopero». Gli studenti confermano invece la loro partecipazione. «Per i fatti nostri, però. A Roma - dice Matteo, iscritto a Lettere - i cortei saranno due: quello sindacale e il nostro». «I motivi di questa divisione non sono drammatici - assicura Stefano, uno dei leader del "movimento studentesco" -. Semplicemente, vorremmo rimanere il più possibile distanti dai partiti e dai sindacati». Sullo sfondo c'è il nuovo decreto "tecnico", in vigore da due giorni, con cui il governo ha dato una parziale risposta alle richieste degli atenei. I tagli ai finanziamenti per le università, il blocco al turnover, la possibilità di privatizzare gli atenei restano. Rispetto alla legge finanziaria, però, il decreto introduce qualche correttivo. Distingue nei tagli di bilancio le università virtuose da quelle in rosso, accresce i fondi per il diritto allo studio, allenta il freno alle assunzioni. Per il rettore dell'Università di Genova, Giacomo Deferrari, «è un buon segnale». Per gli studenti, e per una parte del sindacato, no. Stefano, iscritto a Giurisprudenza: «a che serve stanziare 135 milioni per il diritto allo studio se poi la Finanziaria ci toglie un miliardo e mezzo di finanziamenti?». Giuliana Parodi, Flc-Cgil: «La Finanziaria resta quella di prima: uno strangolamento».F. Mar. 13/11/2008

Torna all'inizio


protesta, luci accese nelle aule (sezione: Scuola)

( da "Centro, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Pagina 36 - Cronaca Protesta, luci accese nelle aule Giornata del diritto allo studio assemblee di genitori e docenti Nasce il comitato per la scuola E mail ai candidati alla Regione per dire no alla legge Gelmini CHIETI. Scuole con le luci accese, per significare una presenza ineludibile. Lunedì pomeriggio, in occasione della giornata mondiale del diritto allo studio, sono previste assemblee dei genitori nei diversi edifici scolastici della città. Riunioni per discutere sulla legge Gelmini e gli altri provvedimenti legislativi, che preannunciano un futuro più povero per la scuola italiana. Progetti che allarmano le famiglie. L'altra sera nel mercato coperto di via Ortona un centinaio, tra insegnanti, genitori, studenti e personale Ata, si sono incontrati per dar vita a un comitato per la scuola. Tra le iniziative decise c'è «luci accese nella scuola pre-okkupata». Nasce anche un blog, diario di bordo su Internet, consultabile all'indirizzo «http://ioscuola.wordpress.com», con articoli sulle declinazioni locali dell'onda lunga di protesta contro le ultime leggi sulla scuola e forum. Presto, poi, partiranno e-mail ai candidati alle elezioni regionali, perché si facciano portavoce del dissenso. Un "no" trasversale, che accomuna professori e alunni, genitori e bidelli, al di là dei credo politici. Verrà scritta, anche, una lettera aperta alle coalizioni, sempre in lizza per le regionali, affinché assumano un impegno formale a contrastare con ogni mezzo la riforma Gelmini e a destinare una quota non inferiore al 10% del budget regionale, per un fondo di sostegno alle attività educative. Spaventa l'orario ridotto alle elementari. L'uscita alle 12.30 mette in ginocchio tante mamme lavoratrici. Già girano volantini di associazioni private che, a pagamento, organizzeranno post-scuola per i piccoli. «Guadagno meno di 500 euro al mese», dice una mamma, «pochi ma indispensabili. Quest'altra spesa sarà difficile da sostenere. Mi sà che devo lasciare il lavoro». «Questo vogliono, far fuori le donne dal mercato occupazionale», aggiunge un'altra mamma, che ascolta i diversi interventi dell'assemblea con la bambina in braccio. «Parteciperemo con striscioni di protesta a comizi elettorali tenuti da uomini di governo», afferma Carmela Caiani, insegnante di lungo corso e esponente del neonato "Comitato teatino per la scuola". In via Ortona hanno partecipato tante famiglie dello scalo. Qui il timore più grande è la scure sulle scuole a tempo pieno, le prime a saltare con la manovra in atto. «Nelle famiglie c'è allarme», conferma Roberta Elia, presidente dell'associazione di genitori "Da Grande Voglio Crescere", «per questo abbiamo organizzato un'assemblea e intendiamo seguire il dibattito dei prossimi giorni. E' giusto che ognuno abbia tutte le informazioni sul futuro della scuola, che investe anche l'organizzazione familiare». All'assemblea hanno parlato, tra gli altri, Mariella D'Orsogna, Cgil-scuola, e il professor Rossetti del classico Vico. Che ha ricordato come ci saranno quasi 132mila posti di lavoro in meno nei prossimi tre anni e meno risorse per quasi 8 miliardi di euro. Sipo Beverelli

Torna all'inizio


università, i sindacati si dividono (sezione: Scuola)

( da "Messaggero Veneto, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Organizzazioni dei lavoratori sempre più spaccate. Gli studenti non cedono e preparano i cortei: siamo pronti a sfilare anche senza sigle Epifani infuriato con Berlusconi: fatto gravissimo, senza precedenti Sacconi replica: ormai sono isolati Università, i sindacati si dividono La Gelmini incontra Bonanni e la Cisl si sfila dalla protesta di domani. Cgil e Uil invece manifesteranno La Cgil esclusa dal vertice con il governo: sciopero generale il 12 dicembre ROMA. Sciopero generale il 12 dicembre. Lo proclama la sola Cgil; Cisl e Uil contestano la scelta. La Cisl si sfila dallo sciopero di domani nell'università; la Uil, invece, per ora resta. L'unità sindacale sembra un pallido ricordo, colpa del vertice convocato da Silvio Berlusconi a palazzo Grazioli martedì sera. Attorno al tavolo c'erano la Confindustria, i ministri Tremonti, Sacconi e Scajola, la Cisl e la Uil. «Non c'è stato nessun incontro - prova a smentire Raffaele Bonanni, segretario della Cisl -, sono tre mesi che siamo in tensione con la Cgil e comunque vada Epifani si arrabbia sempre». «Invece di fantasticare su inviti che non ci sono stati - dice Luigi Angeletti, segretario della Uil -, perché Epifani non si interroga sul comportamento che la Cgil ha messo in atto già da molto tempo? Di tanto in tanto diserta i tavoli anche con le controparti naturali. Ha rotto con Cisl e Uil in occasione di tutti gli accordi». I SERVIZI A PAGINA 2

Torna all'inizio


Riforma della scuola: la protesta arriva a Codogno (sezione: Scuola)

( da "Libertà" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

Riforma della scuola: la protesta arriva a Codogno Domani corteo e musica nel centro storico Codogno - Corteo nel centro storico con fermata davanti al municipio. Domani scenderanno in strada gli attivisti del "Comitato difesa scuola pubblica" che si oppongono al decreto Gelmini da poco diventato legge. Dopo l'iniziativa di Casale, nell'ottobre scorso, e a Lodi l'8 novembre, ora è la volta di Codogno: il ritrovo dei partecipanti è alle ore 17 in piazza Cairoli, dove partirà il corteo che attraverso via Roma raggiungerà il municipio. I manifestanti consegneranno al sindaco Emanuele Dossena un documento in cui si ribadiscono le ragioni della protesta. Previsti poi momenti di festa e di musica in piazza «per sensibilizzare la popolazione» sui contenuti della legge che, secondo il comitato, mette a rischio di chiusura almeno 15 materne e 6 tra elementari e medie del Lodigiano. La riduzione dell'orario scolastico a 24 ore settimanali, il ritorno al maestro unico, «il taglio dei posti di lavoro e la fine del tempo pieno» sono le questioni principali che i detrattori della riforma Gelmini mettono in evidenza. Domenica mattina il centrosinistra distribuirà un volantino «per sensibilizzare sui problemi della scuola a livello locale». 13/11/2008

Torna all'inizio


<Diamo la pagella alla Margonara> (sezione: Scuola)

( da "Secolo XIX, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

«Diamo la pagella alla Margonara» il secolo xix al grassi nel primo giorno di cogestione Assemblea allo Scientifico con ospiti assessore e Comitato, chiarimenti e qualche scintilla savona. Alla fine nella prima giornata di cogestione del liceo scientifico "Grassi" l'unica scintilla si è avuta nel corso del dibattito sulla Margonara. L'assessore all'Urbanistica del Comune Livio Di Tullio ha avuto uno scambio di battute accese con i rappresentanti del comitato di "Margonara Viva". Per il resto la giornata è scorsa via nel migliore dei modi. «Quella tra Di Tullio e il Comitato non è stata però una vera e propria polemica ma uno scambio di battute leggermente più acceso - racconta Gabriele Lugaro, studente - anzi, bisogna dire che è stato un momento di discussione davvero proficuo. Siamo stati informati sugli effetti che avrà un simile intervento urbanistico sul nostro territorio. E' stato bello l'intervento dei rappresentanti di Margonara Viva. Chiaro, preciso e lontano dal linguaggio oscuro dei politici. Peccato soltanto che al dibattito sulla piattaforma Maersk non si siano presentati i rappresentanti di chi è favorevole alla piattaforma ma soltanto la signora Guelfi di "Vado Viva». I ragazzi si aspettavano il sindaco Carlo Giacobbe che, interpellato, ha detto di non essere stato invitato. «E' stato solo uno scambio di battute - stempera i toni Livio Di Tullio - un confronto di due posizioni diverse. Nessun battibecco». E' stata comunque fitta la giornata inaugurale dell'iniziativa indetta dagli studenti del "Grassi" per protestare contro la legge 133 del ministro Gelmini. A fianco degli incontri sulla Margonara - a cui hanno partecipato anche l'assessore comunale all'Ambiente Jorg Costantino, Livio Giraudo del PD e Patrizia Turchi di "A sinistra per Savona"? e Maersk - ci sono stati l'approfondimento sulla Costituzione tenuto dalla professoressa Rosanna Lavagna, proiezioni di film, lezioni di fisica, musica e cultura inglese e una lezione sulle dipendenze da droghe, alcool e fumo tenuto da un funzionario della Asl. «A noi interessa contestare una riforma che non è tale ma è costituita solo da tagli indiscriminati alla scuola - conferma Dennis Mantovani, uno dei rappresentanti di istituto - Vogliamo studiare e farlo nelle condizioni migliori. Non abbiamo connotazioni politiche. Abbiamo anche organizzato la sicurezza e smistato circa 1000 studenti pur di permettere il regolare svolgimento delle lezioni ». «L'adesione alla cogestione è stata grande - si compiace del risultato Davide Ferrini, altro rappresentante del "Grassi" - ci sono ragazzi di tutte le classi, dalla prima alla quinta. Per evitare che si perdano troppe ore di lezione molti di noi faranno del doposcuola a chi ne ha bisogno per permettere di recuperare le ore perse». Un atteggiamento di responsabilità confermato anche dai pareri espressi dagli altri compagni di istituto. "C'è chi è a lezione regolarmente e chi discute - commenta Roberto Russo - a noi interessano i problemi della scuola. Non vogliamo essere tacciati per quelli che vogliono perdere delle giornate di scuola. Anzi recupereremo tutte le ore perse». Un punto di vista condiviso anche da Annalisa Privitera. «Vogliamo tenere viva l'attenzione sul mondo della scuola - conclude ogni discorso sulla prima giornata di cogestione la studentessa - la protesta non si è esaurita soltanto con le manifestazione di piazza dei giorni scorsi . C'è in ballo il nostro futuro». Il calendario della cogestione vedrà alternarsi fino a sabato proiezioni di film e documentari, lezioni di storia contemporanea, poesia, laboratori teatrali, approfondimenti di fisica, dibattiti sulle problematiche giovanili, su mafia e infiltrazioni mafiose nel nostro territorio, legalità, immigrazione, e sulle recenti elezioni americane. raffaele di noia 13/11/2008

Torna all'inizio


scuola, firme per la riforma (sezione: Scuola)

( da "Centro, Il" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

I GIOVANI DI FI Scuola, firme per la riforma L'AQUILA. La riforma della scuola. Questo l'argomento dibattutto nell'assemblea convocata dal coordinamento provinciale giovani per la libertà- Forza Italia. «La riforma Gelmini è al centro, già da diversi giorni del dibattito politico che riguarda soprattutto gli studenti che si trovano in posizione contrapposta circa la bontà o meno del tanto discusso provvedimento» commenta in una nota il coordinamento dei giovani "azzurri". «Il nostro gruppo, con senso critico, disapprova l'ingiusta strumentalizzazione che non consente una più corretta soluzione del problema. Nel convincimento che ci sia una forte condivisione sulla riforma da parte di una grande frangia di giovani e della società civile, auspichiamo che il problema venga dibattuto con estremo senso di responsabilità da parte di tutti. E soprattutto da parte degli studenti che hanno necessità di una corretta soluzione al problema». Ragioni per le quali i giovani della libertà-Fi hanno promosso «una raccolta firme a sostegno del progetto di razionalizzazione del sistema scolastico, anche in relazione alle oggettive risorse delle strutture».

Torna all'inizio


gigi zoppello L'ennesima <riforma> della scuola, i giovani d'oggi, la nostalgia di un passato più disciplinato e formativo (sezione: Scuola)

( da "Adige, L'" del 13-11-2008)

Argomenti: Scuola

gigi zoppello L'ennesima «riforma» della scuola, i giovani d'oggi, la nostalgia di un passato più disciplinato e formativo gigi zoppello L'ennesima «riforma» della scuola, i giovani d'oggi, la nostalgia di un passato più disciplinato e formativo. Gustavo Tait, storico professore di Lettere roveretano, si tiene aggiornato ed è sempre una miniera di riflessioni. Con lui parliamo della scuola di oggi, delle mode, della passione dell'insegnamento. Professor Tait, ancor oggi i genitori degli alunni che hanno problemi con il latino si rivolgono a lei. Come mai? «Credo perché hanno bisogno di competenza. Ai miei tempi studiai dai Salesiani ed in Seminario, devo moltissimo all'insegnamento di queste due scuole che hanno fatto la "gettata di cemento armato" della mia preparazione con impegno, costanza e diligenza. Allora c'era un rigore assoluto, e devo dire che si vede che ha funzionato». E adesso, invece? «Il ritorno al passato è inconcepibile, ma certi valori vanno recuperati cum grano salis . Sono però diverse le condizioni: noi allora venivamo dai paesi, oggi i ragazzi sono diversi. Però allora c'era un maggior rispetto della scuola, oggi forse gli studenti sono distolti da tante altre attività, dallo sport alla musica. Per carità, tutte cose valide, ma forse bisognerebbe concentrarsi di più sullo studio. Io dico sempre: prima il diploma, o la laurea. Poi, se si può, tutto il resto. Altrimenti, tagliare». Lei si definirebbe «tradizionalista»? «Sono sempre stato legato alla tradizione, anche se nella mia carriera di insegnante sono stato aperto alle novità. Ad esempio provai per un certo periodo il "lavoro di gruppo" che allora andava di moda. Ma come professore ho sempre conservato le mie abitudini. Come quella di avere uno schedario, con un foglietto per ogni alunno: annotavo la provenienza, quanti erano in famiglia, cosa facevano i genitori: così sapevo già a priori quali sarebbero state le difficoltà, da superare con pazienza e con un lavoro di recupero». Quindi il docente dovrebbe conoscere la storia personale dell'alunno? «Conoscere l'ambiente e la storia dell'alunno è essenziale. Io usavo i temi d'italiano come esplorazione: si dava un compitino sulla pianta della propria casa, e in breve si capiva quali erano i rapporti in famiglia, o con il resto del paese, così sapevo tutto e subito». Verrebbe spontaneo di dire che i ragazzi benestanti erano quelli con meno problemi... «Non è così. Non c'è una regola fissa. Io osservavo molto i ragazzi nei banchi: un tic nervoso, un'irrequietezza, dicono molto di più di tanti discorsi. A udienza, poi, iniziavo a parlare in dialetto per mettere le mamme a loro agio. Se c'è qualcosa che non va in un ragazzo lo vedi subito. Anche se non tutti i professori se ne preoccupano». E la materia? «L'italiano va insegnato, cominciando dalla composizione e dalla grammatica. Il dettato va fatto, sempre... scegliendo un brano adatto che abbia caratteristiche di difficoltà, gli accenti, l'apostrofo... e poi bisogna che i ragazzi arricchiscano il loro lessico, componendo. Io li portavo al mercato e poi, tornati in classe, facevo descrivere in un tema una bancarella: costringendoli ad usare termini che magari non si usavano spesso nel parlato». E il latino, la «bestia nera» di tanti? «La prima parte della mia esperienza fu molto tradizionale, partendo dalle declinazioni e avanti, senza troppe corse. Ma le medie di una volta facevano molto bene le cose che oggi si fanno al liceo. Così alle superiori noi si partiva dalle letture, e con la metrica: Tibullo, Catullo... imparando il pentametro, il suono della lingua, il respiro. Mi ricordo le lezioni del professor Moggio allo Scientifico, straordinarie, delle vere drammatizzazioni di quello che si leggeva. Magari i miei studenti non capivano il greco, ma io facevo prima di tutto sentire il suono di quella lingua, con tutta la tensione». Venne però una ventata di modernità. «Sul piano didattico, sì. Ad esempio con il libro di Umberto Tomazzoni "In medias res", che partiva dal testo per spiegare la regola. Bello, ma un conto è dirlo e un conto è applicarlo in classe. Quando si iniziò ero alle Orsi, ed era una cosa simpatica: le mamme venivano contente e dicevano che il figlio a casa parlava in latino! Ma io sono tornato presto all'antico, alle regole». In che modo? «Con le traduzioni, e le prove. Al Liceo facevo fare dodici temi a quadrimestre, non tre o quattro come adesso. Le famiglie dovevano vedere il risultato del lavoro dei figli, e quindi facevo anche le annotazioni sul diario, anche in positivo. Scrivevo: vostro figlio ha preso 9 nel tema». Non mancavano però i problemi. «C'era anche chi non studiava, ma i fattori sono sempre tanti: tot capita, tot sententia , devo dire. Spesso dietro al rendimento c'erano problemi familiari: separazioni dei genitori o attriti in famiglia. I ragazzi ci soffrivano e io lo vedevo nei temi». Sempre colpa delle famiglie? «No, non solo. Anche per colpa della scuola: penso ad esempio alla storia ed alla geografia: ci aspettavamo molto dai Soloni di Roma, ma non ho mai visto codificare un modo intelligente di insegnarle». Come giudica la scuola di oggi, con i «debiti formativi» ad esempio... «L'idea in sé non sarebbe neanche male, se il recupero fosse fatto davvero, non con una spruzzatina veloce in due settimane... il programma di un anno non si può rifare in poche ore. E poi l'esame di riparazione ha anche un valore psicologico: se l'alunno sa che tanto passa comunque, non si impegna». Eppure in Trentino sosteniamo ancora i debiti... «Qui sono tutti sostenitori dei debiti formativi. Ma ho letto gli interessanti ed appassionati interventi sull'Adige di Molinari, Zanotti, Colangelo e Ricci Garotti che ci danno un quadro preciso di cosa sia la scuola trentina oggi: le cose non vanno come dovrebbero. Possibile che il 70 o 80 per cento degli studenti che arrivano all'università abbiano problemi con l'italiano? Allora sono preparati male». Colpa di internet? Del progresso? Si dice che i giovani non siano più abituati a scrivere in forma estesa. «Sì, usano le abbreviazioni degli sms nei temi. Questo è un altro aspetto, ma bisogna anche saper operare uno sdoppiamento. Oggi il lessico è terra-terra, le strutture più elementari sono stravolte. Ripeto: se tanti giovani si iscrivono all'università e lasciano dopo il primo anno, e se tantissimi non arrivano alla laurea, c'è un problema alla base». Cosa ne pensa di questi adolescenti con i pantaloni calati, o l'ombelico in mostra a scuola? «C'è un'esasperata tendenza a mettere in mo